Una società ipocrita: contro discriminazione dei Down, però li abortisce

ipocrisia downOggi è la Giornata Mondiale della Sindrome di Down. Una riflessione sull'ipocrisia di chi lotta per l'inclusività dei disabili nella società ma si dichiara a favore dell'interruzione di gravidanza quando essi sono nel ventre materno.

 

Si è parlato alcuni mesi fa delle parole di Rocco Casalino, portavoce dell'attuale governo italiano, a proposito delle persone affette da sindrome di Down. «Mi danno fastidio», ha detto in un video. Si è scusato grossolanamente, dicendo che stava interpretando un personaggio e ha giurato che non si tratta del suo pensiero e che si immedesima nella discriminazione che subiscono queste persone. Peccato che sia completamente a favore della prima e principale discriminazione subìta dai disabili, ovvero la loro uccisione nel ventre materno a causa della loro disabilità.

 

L'ipocrisia del governo spagnolo di Sanchez.

E’ proprio vero che quando si lascia la Via tutti i burroni si fanno vicini. E spesso ci si finisce anche dentro. Succede anche in Spagna: il governo Sanchez, socialista, vuole dare un’immagine inclusiva delle persone disabili, ma i suoi intenti si scontrano con le realtà che esso stesso ha promosso precedentemente. Il Consiglio dei ministri spagnolo ha infatti approvato un progetto di legge che elimina l’incapacità giudiziaria delle persone sofferenti di handicap mentali, e fra questi ha incluso anche la sindrome di Down. Il fine è quello di eliminare le...

Continua a leggere...
Condividi su:

«L’ateismo? Incoerente con il metodo scientifico». Parla il fisico Marcelo Gleiser.

premio templeton 2019Lo scienziatofsaf omaggiato dal Premio Templeton 2019 è Marcelo Gleiser. Fisico e astrofisico brasiliano, si definisce "agnostico religioso" ed è un critico dell'ateismo scientista. La scienza lo ha portato ad ammirare il mistero dell'esistenza.  

Il 29 maggio prossimo l'eminente fisico Marcelo Gleiser riceverà il Premio Templeton 2019. Una prestigiosa premiazione che onora gli uomini di scienza che sanno andare oltre la propria materia di competenza e riescono a dare contribuiti alla dimensione spirituale dell'esistenza.

In passato è stato assegnato a studiosi del calibro di Charles Hard Townes (fisico e premio Nobel), John David Barrow (matematico), Francisco J. Ayala (biologo), George Ellis (fisico), Martin John Rees (astrofisico). Quest'anno è toccato a Gleiser, professore di Fisica e Astronomia al Dartmouth College di Hanover (Germania), di origine brasiliana, giudicato «una voce di spicco tra gli scienziati, passati e presenti, che rifiutano l'idea che la scienza da sola possa portare a verità definitive sulla natura della realtà».

 

"L'assenza di prove di Dio non è una prova di assenza".

Il fisico si è formato presso la Pontificia Università Cattolica di Rio de Janeiro ed è noto per la scoperta, nel 1994, delle cosiddette oscillazioni elettrostatiche. Si definisce un "agnostico religioso" e da anni è un critico dichiarato dell'ateismo scientista, ben rappresentato all'estero da personaggi come Richard Dawkins, Daniel Dennett e Lawrence Krauss. In Italia,...

Continua a leggere...
Condividi su:

I conquistadores e le conversioni forzate: ciò che non viene detto

Sacrifici umani e le civiltà precristiane. I colonizzatori si trovarono di fronte popolazioni totalmente sottomesse a divinità crudeli. I sacrifici umani terminarono con l'introduzione -spesso forzata- dei valori cristiani.  

Nel nostro dossier sul colonialismo abbiamo sottolineato come effettivamente i conquistadores spesso imposero, e non proposero, il messaggio cristiano. Un torto, certamente, ma in parte giustificato nel tentativo di inculcare dei valori morali e porre un freno alla crudele disumanità dei popoli che incontrarono.

 

Atzechi e i sacrifici umani quotidiani.

La storica e antropologa australiana Inga Clendinnen è considerata un'autorità internazionale della civiltà azteca e nel suo famoso libro, Aztecs: An Interpretation (Cambridge University Press 1991) ha scritto: «Dispiacersi della scomparsa dell'impero azteco è come rammaricarsi della sconfitta dei nazisti nella seconda guerra mondiale». Il sistema di sterminio nazista, infatti, era decisamente più soft dei centinaia di sacrifici umani giornalieri che avvenivano a Tenochtitlán, capitale azteca. La Clendinnen fu tra le prime studiose del mondo Maya e Azteco e, diversi anni dopo, pubblicò anche un libro sull'olocausto nazista (considerato il libro migliore del 1999 dal New York Times). E' difficile quindi avere una prospettiva più ampia e accurata su tale panorama.

Il film Apocalypto di Mel Gibson è stato accurato...

Continua a leggere...
Condividi su:

Francia, i giornalisti della sinistra progressista umiliavano donne e neri

sinistra progressistaIl razzismo a sinistra. I caporedattori dei principali quotidiani della sinistra progressista francese, come "Liberation", "Vice France" e l'"Huffington Post", organizzavano campagne di cyberbullismo contro donne, omosessuali e persone di colore. Contemporaneamente si ergevano a paladini dei diritti delle minoranze. La maschera dei falsi moralisti.  

Quasi nessuno sta parlando dello scandalo in corso in Francia, dove si è scoperto che molte delle principali firme della sinistra progressista partecipavano attivamente ad un gruppo Facebook -chiamato "Ligue du LOL"- in cui si organizzavano attacchi di cyberbullismo ai danni di giornaliste, omosessuali e persone di colore.

Gli insulti e le molestie erano orchestrate in particolare dai giornalisti Vincent Glad e Alexandre Hervaud del quotidiano Liberation, il sosia francese del giornale italiano Repubblica. Non è certo un caso che il maggior azionista è stato fino al 2008 l'imprenditore italiano Carlo Caracciolo, fondatore proprio di Repubblica e de L'Espresso. Nei giorni scorsi è emerso che altre due redazioni sono coinvolte nel cyberbullismo: l'Huffington Post e Vice France.

 

Stagiste umiliate e "quota scimmie" nella redazione della rivista "Vice".

In particolare, all'interno di Vice...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 16 Commenti

California legalizza eutanasia e spende 200 milioni per prevenire il suicidio

diritto eutanasia In California l'eutanasia è stata legalizzata, ma nello stesso anno sono stati anche investiti $200 milioni per coprire ponti e monumenti con reti anti-suicidio. Una enorme contraddizione: se il suicidio è un diritto, perché bisogna prevenirlo? La schizofrenia di chi tenta di trasformare in diritto ciò che considera un illecito morale.  

Quanto è ironico che la California abbia deciso di spendere 200 milioni di dollari per la prevenzione del suicidio nello stesso anno in cui ha legalizzato il suicidio? E' semplicemente assurdo.

 

Ma il suicidio va prevenuto o liberalizzato?

Una contraddizione che pochi hanno notato e che svela la schizofrenia di chi tenta di trasformare in diritto umano ciò che contemporaneamente considera un delitto umano e un crimine morale, tanto da cercare di prevenirlo in qualunque modo. Ma il suicidio è cosa buona o cattiva? Una semplice domanda a cui i promotori della "dolce morte" non sanno rispondere.

Se Marco Cappato incontrasse in cima ad un ponte un uomo intenzionato a buttarsi di sotto, cercherebbe di farlo desistere o gli darebbe una spinta per aiutarlo? Nel primo caso, secondo le convinzioni espresse più volte dai Radicali, starebbe violando il diritto di autodeterminazione degli individui, influenzando una coscienza altrui con i propri personali convincimenti.

 

Molto meno costoso costruire una cultura della vita.

...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 25 Commenti

Illusione di essere liberi? Le neuroscienze dicono il contrario

neurocienze libero arbitrioNeuroscienze e libertà. Esce il libro del chimico spagnolo Javier Pérez Castells, intitolato "Neuroni e libero arbitrio". Una descrizione dell'attuale panorama scientifico sul tema del libero arbitrio e una conclusione: "Nessun esperimento ha mai fatto sparire la volontà e la paternità cosciente delle nostre decisioni".  

Insegna Chimica organica all'Università San Pablo di Madrid e il suo ultimo libro si intitola Neuroni e libero arbitrio (Digital Reasons 2019). Si chiama Javier Pérez Castells e attraverso il suo lavoro ha voluto spiegare anche alle persone meno competenti perché è falso affermare che le neuroscienze stiano minacciando il concetto popolare di libertà.

 

Decisioni semplici ed il "veto cosciente".

Nessun esperimento ha mai fatto sparire la volontà e la paternità cosciente delle nostre decisioni, soprattutto quelle più importanti ovvero quelle complesse, prese in anticipo e strutturate all'interno di una programmazione. Anche gli esperimenti di cui si sente parlare spesso, che indagano decisioni semplici ed istantanee (come quelli di Benjamin Libet), possono avere interpretazioni differenti da quelle abitualmente date, notoriamente limitanti all'esercizio del libero arbitrio.

Ad esempio uno studio pubblicato sugli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti d’America ha ampliato ancora di più poteri del cosiddetto “veto...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 14 Commenti

Il rabbino Kronish: «basta puntare il dito contro Pio XII, è un’ossessione»

shoah silenzioPio XII e il silenzio durante l'Olocausto. Oltre al giudizio di diversi storici, riprendiamo l'intervento recente del rabbino Ron Kronish che ha invitato ad ampliare lo sguardo, a superare i pregiudizi e a riconoscere che nessuno fece abbastanza, nemmeno la comunità ebraica americana.  

Saranno aperti l'anno prossimo gli Archivi vaticani per il pontificato di Pio XII, «la Chiesa non ha paura della storia». L'ha annunciato recentemente Papa Francesco e si è riaperta la discussione sulla prudenza o la complicità di Pacelli verso la persecuzione dei nazisti agli ebrei.

Nessun commentatore tra i tanti intervenuti ha fortunatamente ripresentato la leggenda nera e ha espressamente parlato di silenzio complice di Pio XII verso il nazismo. E' ormai piuttosto noto che tale leggenda nacque dopo il dramma teatrale del 1963 realizzato dallo scrittore socialista (ed ex nazista) Rolf Hochhuth, intitolato Il Vicario. Il generale Ion Mihai Paceba, responsabile dei servizi segreti della Romania comunista, ha testimoniato che fu il Kgb (in particolare il generale Ivan Ivanovich Agayants) ad aver commissionato e pagato l'opera di Hochhuth per screditare le prese di posizione anticomunista di Pio XII. La campagna contro Pacelli fu poi ripresa da ex preti ed ex seminaristi avvelenati, come John Cornwell, Garry Wills e James Carroll.

Tuttavia sono ormai pubblici i tanti documenti trovati negli archivi diocesani, di conventi e monasteri con gli ordini diretti di Papa Pacelli. Come quello risalente al 1943 e rinvenuto nell'archivio della...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 3 Commenti

Lo studio che una femminista non ti farebbe leggere mai

figli femminismoFemministe e figli. L'età giusta per avere un figlio è attorno ai 32 anni, ancora prima se se ne vogliono di più. Rimandare , per la carriera o per altri motivi significa perdere la possibilità di essere madre, troppe donne sono state ingannate dal femminismo. La testimonianza di Lea Melandri.  

La ricerca è di qualche anno fa ma è comunque utile come opportunità di riflessione per tutte le giovani femministe alle quali viene ancora oggi insegnato che il matrimonio andrebbe rimandato, che i figli bisogna averli dopo la carriera e in quel fantomatico momento in cui "ci si sente pronte" (ma quando ci si sente davvero pronte?), tanto si può rimanere incinte in qualunque momento.

 

Dopo i 32 anni si dimezzano le probabilità di avere figli.

Eppure New Scientist ha reso pubblico uno studio dell'Università di Rotterdam che ha calcolato che il momento migliore per iniziare ad avere un figlio è 32 anni, quando si ha il 90% di possibilità di rimanere incinte. Se si desidera più di un figlio, è meglio iniziare a 23 anni. A 35 anni, invece, le probabilità si saranno già ridotte al 50%. Si ritiene che la fertilità femminile inizi a diminuire a 30 anni, con una caduta più significativa dopo i 35 anni.

 

La diversità tra maschi e femmine, al contrario delle teorie gender.

In barba agli studi gender che sostengono l'uguaglianza e l'intercambiabilità tra maschi e femmine, anche dal punto di vista della fertilità vi sono enormi differenze tra uomini e donne. I primi, infatti, non hanno una crisi...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 11 Commenti

7 motivi per cui la risurrezione di Cristo non è un’invenzione

risurrezione falso L'eminente specialista N.T. Wright esprime ragioni ed argomenti a favore della storicità della risurrezione di Cristo, spiegando perché non può essere stata un'invenzione nata nella società ebraica, per la quale erano totalmente inconcepibili i fatti avvenuti. Non è così che si inventa.  

Gesù era interamente ebreo. Molti critici del cristianesimo storico sottolineano spesso questo dato, certamente corretto, pensando in qualche modo di smentire la "cristianità" di Gesù o la sua intenzione di creare altro al di fuori di un ebraismo rinnovato.

Eppure, è proprio amplificando la stretta appartenenza di Gesù e dei suoi discepoli all'ebraismo che diventa ancora più impossibile che un evento come la risurrezione possa essere stato inventato. E' questo il tema di una interessante conferenza tenuta nel 2007 da uno dei principali studiosi del Nuovo Testamento del mondo anglosassone: N.T. Wright. Vescovo anglicano, già docente all'Università di Cambridge e Oxford, è autore di oltre 40 testi specialistici.

 

La concezione dell'antico ebraismo su morte e risurrezione.

Il prof. Wright sostiene sinteticamente che la risurrezione non può essere stata un mito inventato dalla prima comunità cristiana perché l'idea del Messia che muore e risorge fisicamente alla vita eterna era completamente inaspettata nella teologia ebraica. E' un fatto accertato nella comunità scientifica, come attestato dall'eminente Joachim...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 87 Commenti

Monica Cirinnà, la paladina dei diritti usa i disabili come insulto

monica cirinnà"Dio, patria e famiglia: vita de merda". E' l'opinione della senatrice Monica Cirinnà, la stessa moderazione che usa sui social contro chi la critica. Non trattenendosi dall'usare offese pesanti e offensive, come "demente". La disabilità usata come insulto dalla paladina dei diritti civili.  

«Ora tiriamo lo sciaquone e la mandiamo dove si merita. Demente!». Ad esprimersi tramite questo barcollante italiano (sarà sciacquone, al massimo) ed usando il plurale maiestatico in preda a sogni di celebrità per i quattro arcobalenotti che la seguono su Facebook, è cosiddetta paladina dei diritti e delle minoranze: la senatrice Monica Cirinnà.

Divorziata, animalista-vegana, gattara, senza figli ed attuale compagna del cacciatore orgogliosamente carnivoro Esterino Montino, due ex vitalizi da 9000 euro complessivi al mese (cfr. M. Giordano, Molto più che sanguisughe, vampiri, Mondadori, p. 60) ed attualmente rinviato a giudizio con l'accusa di aver usato denaro pubblico (7500€) a scopo personale e familiare (una coppia di vampiri, insomma, se il reato venisse accertato), la Cirinnà è la più amata dal mondo Lgbt, autrice della legge sulle unioni civili che porta il suo nome.

 

"Dio, patria e famiglia: vita de merda!". La "civile" Cirinnà.

L'8 marzo scorso, in piazza Vittorio a Roma, la senatrice si è fatta immortalare con un cartello che ironizza,...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 15 Commenti

Boom di vocazioni, le domenicane aprono un nuovo convento

boom vocazioniAumento costante delle vocazioni, così le suore domenicane di An Arbor (Michigan) si trasferiscono in Texas. Anche in Inghilterra, secondo un'indagine, vi sono varie e fiorenti congregazioni di religiose. Una positiva eccezione rispetto ai dati emersi nel recente Annuario Pontificio.  

Secondo l'Annuario Pontificio 2019 appena pubblicato, continua la crescita dei cattolici nel mondo. Attualmente sono 1 miliardo e 313 milioni, pari al 17,7% della popolazione mondiale. Tuttavia, dal 2010 si è verificata per la prima volta una diminuzione del numero dei sacerdoti, passati da 414.969 nel 2016 a 414.582 nel 2017.

 

140 religiose, serve un nuovo convento.

Vi sono però alcune realtà che rappresentano una positiva eccezione. Ad esempio, le suore domenicane statunitensi, che in questi mesi stanno affrontando un problema. In seguito ad un boom di vocazioni giovanili la comunità è infatti arrivata a contare 140 religiose, così hanno dovuto lasciare il loro storico convento di Ann Arbor, nel Michigan, dove si erano stabilite nel 1997.

Dopo una ponderata scelta, avendo già due conventi in California e in Texas, le sorelle hanno scelto di aprire un nuovo convento a Georgetown, a venticinque miglia a nord di Austin (Texas)....

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 25 Commenti

Triptorelina: fake news de la NBQ, che tace su responsabilità del governo

la nbq cascioli"Il Vaticano apre a farmaco blocca-pubertà". E' l'ultima fake news de "La Nuova Bussola Quotidiana". Il tentativo del Comitato Nazionale di Bioetica di frenare l'uso del farmaco liberalizzato dall'Aifa è fatto passare in una sponsorizzazione della Triptorelina da parte della Santa Sede. Un'operazione che la bioeticista Laura Palazzani ha definito «strumentalizzazione e manipolazione indebita».  

Meglio colpire la Chiesa che criticare l'attuale governo a trazione leghista. Sembra questa la linea editoriale del sito web tradizionalista La Nuova Bussola Quotidiana. Tra antievoluzionismo e libertà vaccinale, il portale si è trasformato in una fonte controversa di notizie.

L'ultima è aver attribuito nientemeno che al Vaticano la volontà di introdurre in Italia la Triptorelina, un farmaco che blocca la pubertà ai minori affetti da distrofia di genere. Già il titolo dice tutto: "Vaticano apre a farmaco blocca-pubertà. Così tradisce la Chiesa". Al centro della questione è la strumentalizzazione di un'intervista apparsa su Vatican News alla bioeticista Laura Palazzani, vicepresidente del Comitato Nazionale per la Bioetica (CNB) e membro corrispondente della Pontificia Accademia per la Vita.

 

Il tentativo di...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 64 Commenti

Einstein e la lettera all’amico Besso: «difficile avvicinarsi a Dio»

michele besso einsteinAlbert Einstein e Dio. Cinque anni prima di morire la lettera al suo amico italiano Michele Besso, ebreo convertito al cristianesimo. Per la prima volta si riferì a Dio dandogli del "lui", un inedito nella sua vita.

 

Sono 110 le pagine manoscritte che sono state svelate per la prima volta dall'Università ebraica di Gerusalemme, in occasione del 140esimo anniversario della nascita di Albert Einstein, celebre fisico tedesco. Sono fogli, riflessioni sulla vita, la morte, la religione e studi scientifici rimasti finora inediti nei quali emergono riflessioni anche un po' ingenue sulla situazione politica della Germania.

Nel 1935 scrisse, ad esempio, al figlio Hans: «ritengo che anche in Germania, le cose stanno lentamente cominciando a cambiare. Speriamo solo che non ci sia una guerra in Europa prima». Non immaginava ancora cosa sarebbe accaduto. «Possiamo dire che Einstein prevedesse assai meglio la scienza della politica», ha commentato il direttore dell'Einstein Archive, Roni Grosz.

Tra le lettere ce n'è anche una indirizzata al suo caro amico Michele Besso, ebreo come Einstein ma convertito al cristianesimo. Nello scritto, il padre della relatività lo rassicura -con un filo di ironia- sostenendo che non sarebbe «andato all'inferno», anche se non era stato «battezzato».

 

L'ascesa del nazismo e l'avvicinamento di Einstein alla spiritualità ebraico-cristiana.

...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 93 Commenti

8 marzo, le donne celebrano la liberazione dal femminismo

festa della donna8 marzo 2019, festa della donna. Ma sempre meno si dichiarano femministe e incitano alla liberazione dal femminismo per riappropriarsi dei diritti delle donne, danneggiati dalle organizzazioni fondamentaliste che incitano alla guerra tra i sessi e combattono la famiglia naturale.

 

«Fiera di essere donna e non femminista». Lo scrive Laura Tecce, giornalista professionista ed esperta di tematiche femminili. Lo fa a conclusione di una critica serrata al manifesto della rete femminista Non Una di Meno che ha proposto uno «sciopero delle donne», a cui non ha aderito praticamente nessuno.

Lo sciopero era accompagnato da un comunicato delirante e sessantottino, nel quale si annunciava la guerra al «capitalismo, al sistema patriarcale, alla lotta contro la libertà di abortire», con la novità -rispetto a cinquant'anni fa- della coalizione tra femministe e «alle soggettività LGBPT*QIA+, per difendere le politiche contro donne, lesbiche, trans* e la difesa della famiglia patriarcale». Insomma, tutto in un unico calderone: «padri, padroni, governi e chiese».

Il commento della Tecce è duro:

«Isterismo, le nuove "streghe" sono gli uomini potenziali stupratori ed esaltazione delle "gender theories" secondo cui l'appartenenza sessuale è una sovrastruttura culturale: non esistono maschi...
Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 14 Commenti

Tutti e 6 gli sfidanti di Trump votano a favore dell’infanticidio

trump 2020I candidati democratici che correranno contro Donald Trump nel 2020, tra cui Bernie Sanders, hanno votato a favore dell'uccisione dei bambini nati vivi sopravvissuti ad un tentativo fallito di aborto. Uno shock in America.

 

La possibilità di praticare un aborto termina quando il bambino è completamente uscito dal canale uterino o continua anche al di fuori di esso? La legge sull'interruzione di gravidanza permette di uccidere ciò che è dentro al corpo di una donna o può permettere di sopprimere legalmente il bambino anche al di fuori? Queste domande sono state messe a tema durante la votazione di un disegno di legge nel senato americano.

I repubblicani del Senato statunitense hanno infatti presentato il cosiddetto Born-Alive Abortion Survivors Protection Act per richiedere che i medici siano tenuti a fornire assistenza medica ai bambini nati vivi in seguito ad un aborto fallito. Tutti e 50 i membri del Partito Repubblicano presenti hanno votato a favore, purtroppo lo stesso non hanno fatto 44 su 47 Democratici, che invece hanno optato per la morte dei bambini nati vivi. Chiamasi anche infanticidio. Hanno infatti deciso che se fallisce il tentativo di interrompere una gravidanza, permane comunque il diritto a lasciar morire il bambino sopravvissuto.

 

Tutti gli sfidanti di Trump a favore dell'infanticidio.

La cosa ancora più preoccupante è che a votare contro sono stati tutti e 6 coloro che correranno nel 2020 contro l'attuale presidente Donald Trump. Questi i nomi: Cory Booker, Kirsten Gillibrand, Kamala...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 67 Commenti
RSS | Feed dei commenti