Chiesa e sessualità: il Papa smonta tutti i falsi miti in un solo discorso

La Chiesa sessuofoba? Un antico pregiudizio venutosi a creare perché nell’insegnamento cattolico il sesso non è libertino ma, essendo un dono di Dio, va custodito e non svenduto.

 

In un discorso “a braccio”, Papa Francesco ha smontato in un solo colpo due falsi miti e ha riproposto l’insegnamento cattolico sulla sessualità. Sintetizziamo e schematizziamo i punti toccati nel suo intervento:
1) E’ falsa l’equazione sesso = peccato.
2) E’ falsa idea che la Chiesa accetti il sesso solo per procreare.
3) La sessualità va custodita e vissuta all’interno del matrimonio.
4) La sessualità non va scissa dall’amore.
5) La sessualità di cui parlano la Chiesa e Dio è solamente tra uomo e donna.

Ecco un estratto delle parole del Papa:

«La sessualità, il sesso, è un dono di Dio. Niente tabù. È un dono di Dio, un dono che il Signore ci dà. Ha due scopi: amarsi e generare vita. Gesù dice: per questo l’uomo, e anche la donna, lascerà suo padre e sua madre e si uniranno e saranno… una sola persona?…, una sola identità?…, una sola fede di matrimonio?… Una sola carne: questa è la grandezza della sessualità. E si deve parlare della sessualità così. E si deve vivere la sessualità così, in questa dimensione: dell’amore tra uomo e donna per tutta la vita. È vero che le nostre debolezze, le nostre cadute spirituali, ci portano a usare la sessualità al di fuori di questa strada tanto bella, dell’amore tra l’uomo e la donna. Ma sono cadute, come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… Sono peccati: peccati capitali. Ma questa non è la sessualità dell’amore: è la sessualità “cosificata”, staccata dall’amore e usata per divertimento. un’industria della sessualità staccata dall’amore, l’hai vista? Sì! Tanti soldi si guadagnano con l’industria della pornografia, per esempio. E’ una degenerazione rispetto al livello dove Dio l’ha posta. Custodite la vostra dimensione sessuale, la vostra identità sessuale. Custoditela bene. E preparatela per l’amore, per inserirla in quell’amore che vi accompagnerà tutta la vita. In Piazza San Pietro una volta c’erano due persone anziane che celebravano il sessantesimo di matrimonio. Erano luminosi! E io ho chiesto: “Avete litigato tanto?” – “Mah, alle volte…” – “E vale la pena questo, il matrimonio?” – E questi due, che mi guardavano, si sono guardati tra loro e poi sono tornati a guardare me, e avevano gli occhi bagnati, e mi hanno detto: “Siamo innamorati”. Dopo 60 anni! E poi volevo dirvi: una volta un anziano – molto anziano, con la moglie anziana – mi ha detto: “Noi ci amiamo tanto, tanto e a volte ci abbracciamo. Noi non possiamo fare l’amore alla nostra età, ma ci abbracciamo, ci baciamo… Questa è la sessualità vera. Mai staccarla dal posto tanto bello dell’amore. Bisogna parlare così della sessualità.

 

Niente di nuovo, anche Benedetto XVI aveva ricordato che «la sessualità è un dono del Creatore, ma anche un compito che riguarda lo sviluppo del proprio essere umano. Quando non è integrata nella persona, la sessualità diventa banale e distruttiva allo stesso tempo». Ed in un altro discorso: «L’unione in una sola carne si fa allora unione di tutta la vita, finché uomo e donna diventano anche un solo spirito. Non è un “no” ai piaceri e alla gioia della vita, ma il grande “sí” all’amore come comunicazione profonda tra le persone, che richiede il tempo e il rispetto, come cammino insieme verso la pienezza e come amore che diventa capace di generare vita e di accogliere generosamente la vita nuova che nasce». E a chi crede che la dottrina cattolica accolga il sesso solo per fini procreativi, non si è accorto che la Chiesa insegna da decenni l’uso dei metodi naturali per la regolamentazione della fertilità. Su questo ben si espresse Giovanni Paolo II: «Il pensiero cattolico è sovente equivocato, come se la Chiesa sostenesse un’ideologia della fecondità ad oltranza, spingendo i coniugi a procreare senza alcun discernimento e alcuna progettualità. Ma basta un’attenta lettura dei pronunciamenti del Magistero per constatare che non è così. Nel prendere la decisione di generare o di non generare gli sposi devono lasciarsi ispirare non dall’egoismo né dalla leggerezza ma da una generosità prudente e consapevole, che valuta le possibilità e le circostanze, e soprattutto che sa porre al centro il bene stesso del nascituro. Quando dunque si ha motivo per non procreare questa scelta è lecita, e potrebbe persino essere doverosa. Resta però anche il dovere di realizzarla con criteri e metodi che rispettino la verità totale dell’incontro coniugale nella sua dimensione unitiva e procreativa, quale è sapientamente regolata dalla natura stessa nei suoi ritmi biologici».

 

Degna di nota un’altra notizia. Il segretario di Stato Vaticano, card. Pietro Parolin, è stato invitato e ha partecipato al World Congress of Families 2018, a cui partecipano ogni anno i principali esponenti dei partiti politici e delle organizzazioni non governative che si propongono di difendere la famiglia naturale (viene polemicamente chiamato “Il Congresso mondiale delle famiglie anti-LGBT”), intesa come l’unione fra un uomo e una donna, come l’organismo di base della società. Da qui l’opposizione alle leggi sul matrimonio dello stesso sesso, all’aborto e la difesa dei valori “tradizionali”.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

30 commenti a Chiesa e sessualità: il Papa smonta tutti i falsi miti in un solo discorso

« nascondi i commenti

  1. Antonio ha detto

    Buonasera! Chi potrebbe spiegarmi i primi cinque punti dal punto di vista Cristiano? Grazie in anticipo!

    • David ha detto in risposta a Antonio

      Volentieri, ma puoi riformulare meglio la domanda perché possa capirla? Chiedi di approfondire questi punti spiegandone le ragioni?

  2. Sebastiano ha detto

    Mandate l’articolo a Padre Martin sj…

  3. giuliano ha detto

    Cinque punti essenziali e riassuntivi. Da condividere. Del resto dai Vangeli emerge un Gesù “attento” al sesso in un ambiente incentrato sull’uomo e misogino. Il concetto di peccato è essenziale in qualsiasi religione ma nel cristianesimo i “peccati” correlati al sesso assumono altra valenza e derivano soprattutto dall’intimo spirituale. Se il sesso è dono del Creatore non può essere “sbagliato” in se ed è evidente che il problema nasce quando il libero arbitrio della persona opera per allontanarsi dal Creatore. Ad es. nell’abuso del sesso come idolo, o nello sfruttare il corpo dell’altro (commercializzazione, schiavitù, …) o nel privare l’altro corpo della sua dignità, o nell’usare il sesso come divertimento fuori controllo e fine a se stesso disconoscendo l’ineluttabilità della potenziale conclusione dell’attività stessa. Un Papa, secondo me, sempre più da apprezzare.

  4. Giorgio ha detto

    Queste posizioni della chiesa sul sesso già si sapevano, qual’è la novità?? Ahhh dirle in modo diverso con enfasi da farle SEMBRARE nuove…ho capito, sempre i soliti giochetti.

    Quando dite dio intendete Yahweh giusto? chissa perche non lo chiamate mai per nome, mah!

    Yahweh non parla di amore “solo” tra uomo e donna..! Siete voi che dite che dio lo dice!

    Se uno dei due scopi è amarsi allora perche due gay non possono farlo, tanto non potrebbero procreare in nessun caso, quindi sarebbe doveroso fare sesso per rispettare almeno uno dei due principi!
    Se facessero sesso con una donna non ci sarebbe amore visto che sono gay, quindi l’unico modo è comportarsi secondo “natura”.

    Il sesso orale è peccato per la chiesa.

    Inoltre se il preservativo è vietato non è possibile fare sesso senza procreare.

    Per quale motivo la sessualità va custodita e vissuta all’interno del matrimonio?

    Ma non è che tutto questo serve solo per fare piu figli possibili, che poi vanno educati cristianamente ovvero per fare proseliti?
    E per controllare società tramite le famiglie?

    Un ultima cosa: “spuzza”, “cosificata”, ecc. potete dire a Bergoglio di smettere di essere diversamente simpatico?

  5. giuliano ha detto

    Dire che il “preservativo vietato impedisce di far sesso senza procreare” non corrisponde a verità in quanto fuorvia da una indicazione della Chiesa a valenza morale e umana non riassumibile con tali termini (cosa che a lei non interessa… ma è per essere precisi) e soprattutto non corrisponde a verità per il fatto che l’uso del preservativo non assicura affatto che non si verifichi l’avvio della gravidanza (dato invece oggettivo e documentabile).
    Quanto agli omosessuali… nella relazione omosessuale non esistono i tanti percorsi di una relazione eterosessuale perché manca da subito la ricchezza correlata alla diversità fra maschio e femmina e, in particolare, manca la possibilità di procreazione (anche nel pieno rispetto dei nuovi esseri generati…).
    Secondo la Chiesa il sesso è “trasferire amore” con relativi significati (in particolare avviare nuova vita). Il Sacramento del Matrimonio è il contenitore dove l’incontro di fede (essendo sacramento) può essere compiuto. Ecco perchè la sessualità va custodita all’interno del matrimonio sponsale.
    Sul sesso orale in se non so… certamente “diventa” peccato solo all’interno di certe evenienze e situazioni.
    Il suo discorso sul proselitismo correlato alla figliolanza mi sembra una sciocchezza; comunque contento lei…
    Quanto a Bergoglio… è già tanto che lo scriva con la B maiuscola (un punto a suo favore).

  6. Giorgio ha detto

    Dire che il “preservativo vietato impedisce di far sesso senza procreare” non corrisponde a verità in quanto fuorvia da una indicazione della Chiesa a valenza morale e umana non riassumibile con tali termini (cosa che a lei non interessa… ma è per essere precisi)

    “preservativo vietato impedisce di far sesso senza procreare” non corrisponde a verità perchè fuorvia da un’indicazione morale.. “valenza umana”?

    Non l’ho capita.. veramente difficile capire dove volete andare a parare con simili giri di parole.

    e soprattutto non corrisponde a verità per il fatto che l’uso del preservativo non assicura affatto che non si verifichi l’avvio della gravidanza (dato invece oggettivo e documentabile).

    Ah.. un dato documentabile addirittura.. cioè che fanno gli spermatozoi , passano attraverso la plastica del preservativo (ovviamente integro e messo bene)?

    Ti sei pure incartato: se il preservativo non fosse un ostacolo alla riproduzione allora perche sarebbe vietato (dalla chiesa ovviamente)?

    Quanto agli omosessuali… nella relazione omosessuale non esistono i tanti percorsi di una relazione eterosessuale perché manca da subito la ricchezza correlata alla diversità fra maschio e femmina e, in particolare, manca la possibilità di procreazione (anche nel pieno rispetto dei nuovi esseri generati…).

    Ma questo è assolutamente falso: la diversità tra maschio e femmina è biologica, la ricchezza di una relazione non è certo a ricasco della sola biologia altrimenti addio alla persona umana (per non parlare dell’anima teologicamente parlando..).

    Per di più in una relazione omosessuale si instaurano altre dinamiche in funzione dell’identità sessuale che, in modo documentabile, nelle specie più evolute cerebralmente NON è determanta dalla sola fisicità.

    Per cui in una relazione lesbica è possibile che un partner assuma qualità maschili per via della sua identità di genere.

    Su questi temi la chiesa, e chiunque al di fuori della medicina, può solo fare una cosa: generare caos, disinformazione e odio sociale.

    Farebbe bene a fare un passo indietro se fosse onesta.

    Secondo la Chiesa il sesso è “trasferire amore” con relativi significati (in particolare avviare nuova vita).

    Appunto.. secondo la chiesa non ha senso: cosa è il sesso nella nostra specie lo studia e lo stabilisce la Scienza, che appunto, per l’ENNESIMA volta, smentisce la chiesa perchè afferma che il sesso non serve SOLO a procreare.

    Il Sacramento del Matrimonio è il contenitore dove l’incontro di fede (essendo sacramento) può essere compiuto. Ecco perchè la sessualità va custodita all’interno del matrimonio sponsale.

    La fede (chiamamola cosi) uno se la porta dentro, se due persone fanno l’amore sotto a una pianta l’incontro non è un’incontro di fede valido?

    Due persone si uniscono sessualmente e sentimentalmnente quando e come vogliono, dato che:

    – la fede ce l’hanno dentro
    – dio è ovunque e sa tutto

    L’unica ragione per cui questo non vale è che viene fatto senza un ministro della chiesa davanti che possa sancire la sua autorità e il suo controllo su quelle persone.

    Sul sesso orale in se non so… certamente “diventa” peccato solo all’interno di certe evenienze e situazioni.

    E quello anale? Esiste anche quello eh.. che vogliamo fare, decidere quello che dio pensa sul sesso orale e quello anale? Esistono anche altre pratiche, ti consiglio un antico testo indiano, si chiama Kamasutra.

    Il suo discorso sul proselitismo correlato alla figliolanza mi sembra una sciocchezza; comunque contento lei…

    contento lei, se per lei il battesimo è una sciocchezza.. perche se una coppia decide di fare quello che dice la chiesa deve:

    – non mettere il preservativo, e quindi fare sempre figli
    – ogni figlio deve essere battezzato (ovviamente PRIMA che possa esprimere il suo consenso) e obbligato al catechismo

    Quindi il pedo-proselitismo è proprio un dato di fatto, caro lei.

    Quanto a Bergoglio… è già tanto che lo scriva con la B maiuscola (un punto a suo favore).

    ok mi scuso, non lo farò piu!

  7. giuliano ha detto

    …passano attraverso la plastica del preservativo (ovviamente integro e messo bene)?
    Il preservativo maschile presenta l’indice di Pearl con uso tipico variabile fra 2 e 15. Si vada a informare cosa significa. Continuate a far girare informazioni fuorvianti…

    Su questi temi la chiesa, e chiunque al di fuori della medicina, può solo fare una cosa: generare caos, disinformazione e odio sociale.
    Ovviamente non condivido il pressapochismo con cui liquida il problema dell’importanza della diversità fra maschio e femmina (solo differenza biologica… da dove tira fuori ste pensate?). Il vero problema invece è la generazione dell’acredine verso chi non la pensa come lei… e infatti basta vedere il tenore delle sue risposte (qui si trova davvero l’odio…).

    Appunto.. secondo la chiesa non ha senso: cosa è il sesso nella nostra specie lo studia e lo stabilisce la Scienza, che appunto, per l’ENNESIMA volta, smentisce la chiesa perchè afferma che il sesso non serve SOLO a procreare.
    A dir la verità si parlava di “trasferire amore”. Ma vabbe’ …

    E quello anale? Esiste anche quello eh.. che vogliamo fare, decidere quello che dio pensa sul sesso orale e quello anale? Esistono anche altre pratiche, ti consiglio un antico testo indiano, si chiama Kamasutra.
    Se è per questo c’è anche il sesso con gli animali, tra le deiezioni umane, con i morti, e mille altre perversioni. Il problema è se esistono limiti o limitarsi all’assuefazione in mancanza di novità. Evidentemente la sua speudo morale ha già le idee chiare… buon per lei.

    contento lei, se per lei il battesimo è una sciocchezza.. perche se una coppia decide di fare quello che dice la chiesa deve:– non mettere il preservativo, e quindi fare sempre figli – ogni figlio deve essere battezzato (ovviamente PRIMA che possa esprimere il suo consenso) e obbligato al catechismo
    Mi sa che ha le idee un po’ confuse sul battesimo e soprattutto sull’obbligo del catechismo. Ha esperienze dirette in merito?.. Se vuole ne possiamo parlare…

    ok mi scuso, non lo farò piu!
    Non ci arriva neanche quando si scrive bene di lei… beata pazienza.

  8. Giorgio ha detto

    Mi sono informato sull’efficacia del preservativo (argomento che in questa discussione sta diventando OT):

    il metodo offre una protezione da gravidanze poco gradite e malattie veneree prossima al 99.9%

    ovviamente come avevo correttamente intuito gli spermatozoi non passano attraverso la plastica.

    L’efficacia del 99.9%.. quindi stai insinuando che non sia efficace facendo cosi “girare informazioni fuorvianti”, perchè il 99.9% può scendere solo in base alla disinformazione sul suo utilizzo nei modi e nei tempi, disinformazione che la chiesa ovviamente promuove in tutti i modi ostacolando l’informazione e l’educazione sessuale.

    qui si trova davvero l’odio

    chi semina vento raccoglie tempesta..

    da dove tira fuori ste pensate

    dalla realtà: le caratteristiche di genere non vengono negate, fanno parte di quell’identita di genere che è proprio la fonte dell’omosesualità che ad esempio in alcuni casi può portare alla trasnessualita, ovvero avere identità di genere di un sesso presenti nella biologia del sesso opposto.

    E’ poi sopratutto la nostra persona nella psiche ad essere coinvolta, indipendetemente dagli ormoni.

    Insomma spero avrai capito che l’omosesualità NON E’ un argomento che si affronta con i testi sacri, tantomeno quelli biblici, cristiani o islamici.. quindi NON è un ambito in cui la chiesa ha diritto di parlare perchè non ha nessuna competenza.

    Mi sa che ha le idee un po’ confuse sul battesimo e soprattutto sull’obbligo del catechismo. Ha esperienze dirette in merito?.. Se vuole ne possiamo parlare…

    Si ho esperienza diretta, su me stesso.

    Sono stato battezzato dopo pochi mesi quando era troppo presto per me per potermi esprimere e NEGARE il mio consenso, avrebbero dovuto chiedermelo DOPO che avessi studiato storia, filosofia, i rudimenti delle altre religioni, essermi formato una mia opinione ecc.

    Invece mi hanno battezzato subito a pochi mesi dalla nascita, e poi mi hanno mandato a fare catechismo senza avere possibilità di rifiutarmi.

    Non è stato onesto, decisamente NO.

    ti prego però: risparmiami la controbattuta sulle materie scolastiche tipo grammatica, geografia o sullo sport o che mi hanno obbligato a mangiare.. lo dico per te , per non renderti ancora più ridicolo.

    Se è per questo c’è anche il sesso con gli animali, tra le deiezioni umane, con i morti, e mille altre perversioni

    Infatti quei comportamenti sono definiti dalla Scienza, non dalla religione, perversioni e parafilie mentre l’omosesualità e il sesso anale tra gay non rientra in nessuna perversione nè parafilia.

    Anche questo è l’ennesimo ambito in cui la chiesa non deve parlare, perchè non ha nessuna competenza.

    Non ci arriva neanche quando si scrive bene di lei… beata pazienza.

    l’importante è arrivare a capire l’ironia..

    • giuliano ha detto in risposta a Giorgio

      argomento che in questa discussione sta diventando OT
      Concordo… visto che deriva da una delle sue tante affermazioni buttate alla pene di molosso cerchi comunque di informarsi meglio. Il 99,9% dove lo trova? Sulla bustina delle patatine?

      disinformazione che la chiesa ovviamente promuove in tutti i modi ostacolando l’informazione e l’educazione sessuale.
      Devo ancora capire cosa c’entra la Chiesa sull’indice di Pearl con uso pratico del profilattico. E’ un dato di letteratura, non deriva dal CCC.

      le caratteristiche di genere non vengono negate, fanno parte di quell’identita di genere che è proprio la fonte dell’omosesualità che ad esempio in alcuni casi può portare alla trasnessualita, ovvero avere identità di genere di un sesso presenti nella biologia del sesso opposto.
      Si parlava della ricchezza correlata alla diversità fra maschio e femmina. Da li era partito il discorso. Ciò che può dare il confronto fra la sensibilità femminile e maschile, anche in funzione di avere eventuali figli, è inarrivabile.

      Insomma spero avrai capito che l’omosesualità NON E’ un argomento che si affronta con i testi sacri, tantomeno quelli biblici, cristiani o islamici.. quindi NON è un ambito in cui la chiesa ha diritto di parlare perchè non ha nessuna competenza.
      La Chiesa se vuole esprimersi si esprimerà, se non vuole esprimersi non si esprimerà. Certamente non è lei che stabilisce le possibilità di espressione della Chiesa. Per quanto riguarda la “completezza” dell’unione uomo-donna direi che basta l’antropologia a dirimere la questione.

      Si ho esperienza diretta, su me stesso.Sono stato battezzato dopo pochi mesi quando era troppo presto per me per potermi esprimere e NEGARE il mio consenso, avrebbero dovuto chiedermelo DOPO che avessi studiato storia, filosofia, i rudimenti delle altre religioni, essermi formato una mia opinione ecc. Invece mi hanno battezzato subito a pochi mesi dalla nascita, e poi mi hanno mandato a fare catechismo senza avere possibilità di rifiutarmi. Non è stato onesto, decisamente NO.
      Poverino, l’hanno proprio distrutta. Una vergogna! Le consiglio subito di procedere con la procedura di sbattezzo (se non l’ha già fatto… basta andare in Parrocchia… forse si può fare anche attraverso e-mail). Per il resto vedo che il catechismo è servito a poco, tutto già dimenticato quindi, e anche l’aspetto culturale è salvo. Lei é pienamente libero di fare/pensare quel che vuole. Mi faccia sapere se ha ancora qualche incubo alla notte…

      ti prego però: risparmiami la controbattuta sulle materie scolastiche tipo grammatica, geografia o sullo sport o che mi hanno obbligato a mangiare.. lo dico per te , per non renderti ancora più ridicolo.
      Assolutamente, non aggiungo nulla a quello che ha scritto.

      Infatti quei comportamenti sono definiti dalla Scienza, non dalla religione, perversioni e parafilie mentre l’omosesualità e il sesso anale tra gay non rientra in nessuna perversione nè parafilia.
      Ma nessuno ha mai parlato di perversione né di parafilia; si parlava di giudizio morale. Al limite di potrebbe parlare di uso improprio di parti del corpo, ma questa è un’altra questione.

      l’importante è arrivare a capire l’ironia..
      E si, ce ne vuole molta con gente che pontifica come lei.

      • Gianluca C. ha detto in risposta a giuliano

        Devo ancora capire cosa c’entra la Chiesa sull’indice di Pearl con uso pratico del profilattico. E’ un dato di letteratura, non deriva dal CCC.

        Veramente su Wikipedia è riferito che il profilattico ha un indice di Pearl oscillante tra lo 0,2% e il 2%. Non so dove tu abbia preso l’indice da te riportato.
        In ogni caso, e a dirla tutta, non ho visto nessun cattolico opporsi ai computer contraccettivi, che di “naturale” hanno ben poco, molto meno di una pellicola di lattice

        • giuliano ha detto in risposta a Gianluca C.

          http://www.verhuetung.info/wirksamkeit/pearl-index/
          https://www.gynmed.at/it/file/189
          https://ptaforum.pharmazeutische-zeitung.de/index.php?id=6831
          Non ho tempo di tirarle fuori l’articolo originale… Il numeretto ovviamente va interpretato in “rapporto a cosa…” e può assumere valori diversi. Non c’è comunque certezza di annullare il rischio gravidanza e la “resa” del condom è molto simile alla resa (udite… udite…) di sistemi contraccettivi naturali come il metodo sintotermico di Roetzer.
          In ogni caso la morale cattolica sul condom ha poco a che fare con la capacità del profilatico di abbattere o meno il rischio gravidanza.
          Non ho capito bene il passaggio sul “computer contraccetivo”…

          • Gianluca C. ha detto in risposta a giuliano

            Non ho capito bene il passaggio sul “computer contraccetivo”

            Quegli apparecchi che aiutano ad individuare con una maggiore certezza il ciclo mestruale di una donna, come questo
            http://it.clearblue.com/test-di-ovulazione/monitor-di-fertilita
            Mi domandavo se sia fosse più naturale un “sistema contraccettivo naturale” basato su un computer o una pellicola di lattice

            • giuliano ha detto in risposta a Gianluca C.

              Adesso ho capito. Non so… bisognerebbe sentire qualche esperto di morale cattolica.
              Mi sento però di fare due osservazioni:
              1) una pellicola di lattice (presumo intenda il profilattico…) NON è un sistema contraccettivo naturale;
              2) bisogna vedere se la funzionalità della macchinetta da lei indicata (che mi pare più tarata sul “massimizzare” l’acquisizione della gravidanza piuttosto che fissare i periodi non fertili) e soprattutto la “resa” della stessa sono effettivamente “concorrenziali” col metodo sintotermico di Roetzer.
              I metodi naturali sono sponsorizzati dall’Enciclica Humanae Vitae e permettono la regolazione naturale della fertilità. Certamente può aiutare la coppia (se il punto 2 è risolto) qualora una “macchinetta” aiuti nella valutazioni dei periodi fertili (particolarmente in presenza di cicli irregolari). Del resto sarebbe un semplice indicatore, privo di rapporti diretti e di tipo “artificializzante” rispetto all’atto sessuale in se.

    • Andrea2 ha detto in risposta a Giorgio

      Mi diverte la faccia tosta dei “critici seriali” che infestano questi commenti ed ai quali, per altro, dobbiamo essere grati perché ci permettono di esercitare una delle opere di misericordia spirituale: sopportare pazientemente le persone moleste.
      Accusi gli altri di essere OT (non è abbastanza chic dire “fuori tema”) quando tu per primo hai cianciato sul nome di Dio (per altro scrivendolo pervicacemente in minuscolo), cosa che qui non c’entra alcunché.
      Spari dei numeri a raffica per impressionare ma quello che dici tu è equivalente a dire che oltre un preservativo su mille fa cilecca. Visto che parli di omosessualità potevi invece far notare che l’omosessualità maschile dà la “certezza” di non avere gravidanze indesiderate (evito di citare il relativo proverbio perché molto volgare).
      Se non volevi essere battezzato DOVEVI DIRLO PRIMA! Lo stesso se non volevi nascere, quindi non lamentarti.
      Infine per quanto riguarda la tua ironia, ti dico che mi occupo di teatro ed il mio consiglio è: lascia perdere!

      • Giorgio ha detto in risposta a Andrea2

        @ giuliano

        disinformazione che la chiesa ovviamente promuove in tutti i modi ostacolando l’informazione e l’educazione sessuale.
        Devo ancora capire cosa c’entra la Chiesa sull’indice di Pearl con uso pratico del profilattico. E’ un dato di letteratura, non deriva dal CCC.

        Informati meglio TE, fare una ricerca da solo no eh? Troppa emanicpazione ..

        il dato della latteratura e l’indice di Pearl indica che il preservativo ha un’efficacia con precisione tra 99.8% e 98% dimostrando che è l’anticoncezionale più sicuro,
        la chiesa c’entra perche lo vieta ai suoi seguaci suggerendo, come dimostrerò più avanti, metodi sbagliati e insicuri.

        A questo punto dicci te cosa cosa l’hai nominato a fare l’indice di Pearl..

        Si parlava della ricchezza correlata alla diversità fra maschio e femmina. Da li era partito il discorso. Ciò che può dare il confronto fra la sensibilità femminile e maschile, anche in funzione di avere eventuali figli, è inarrivabile.

        E io di quello ho parlato e ti ho risposto in merito non ripetiamo i post sennò non finiamo più, rileggitelo.

        Fare figli è una decisione che si può prendere o meno, non c’entra con il resto della relazione interpersonale: lo sai che due gay possono adottare?

        Insomma spero avrai capito che l’omosesualità NON E’ un argomento che si affronta con i testi sacri, tantomeno quelli biblici, cristiani o islamici.. quindi NON è un ambito in cui la chiesa ha diritto di parlare perchè non ha nessuna competenza.
        La Chiesa se vuole esprimersi si esprimerà,

        E allora non solo sbaglierà come ha sempre fatto, ma continuerà ad essere fonte di falsità e disinformzione creando disordine sociale.

        Certamente non è lei che stabilisce le possibilità di espressione della Chiesa.

        Si lo stabilisco io.

        Per quanto riguarda la “completezza” dell’unione uomo-donna direi che basta l’antropologia a dirimere la questione.

        E infatti l’antropologia mi pare accetti benissimo le unioni sessuali e i matrimoni dei gay.

        Si ho esperienza diretta, su me stesso.Sono stato battezzato dopo pochi mesi […] Non è stato onesto, decisamente NO.

        Poverino, l’hanno proprio distrutta. Una vergogna!

        Si è una vergogna per tutte le persone, più deboli ed indifese e in particolare le donne, che sono state distrutte e soggiogate.

        Per il resto vedo che il catechismo è servito a poco, tutto già dimenticato quindi

        E’ servito a pochissimo da quando ho iniziato a indagare le menzogne di cui la tua religione mi ha fatto oggetto e da quando ho iniziato a far valere i miei diritti.

        Per tanta altra gente non è cosi, per i piu deboli e i piu esposti alla dominazione psicologica e indotte alla sottomissione verso il clero.

        ti prego però: risparmiami la controbattuta sulle materie scolastiche tipo grammatica, geografia o sullo sport o che mi hanno obbligato a mangiare.. lo dico per te , per non renderti ancora più ridicolo.
        Assolutamente, non aggiungo nulla a quello che ha scritto.

        Grazie, ogni tanto qualcuno se ne esce sostenendo che siccome uno è obbligato a fare colazione e a vestirsi allora deve pure essere obbligato ad essere cristiano e a sottometersi alla chiesa … ridicolo vero?

        Per fortuna queste cose te le sei risparmiate BRAVO!

        Ma nessuno ha mai parlato di perversione né di parafilia;

        Ne hai parlato TU :

        Se è per questo c’è anche il sesso con gli animali, tra le deiezioni umane, con i morti, e mille altre perversioni.

        E ti RIPETO: il sesso analae tra gay NON è una perversione.
        perchè se un atto non è una perversione nè una patologia allora è normale e se è normale non c’è alcun giudizio morale da esprimere OK?

        Al limite di potrebbe parlare di uso improprio di parti del corpo

        E invece non c’è alcun uso improprio perchè è l’atto di due persone che si stanno amando nel modo più naturale: con i loro corpi. Quell’uso risulta assultamente PROPRIO.

  9. Cesare ha detto

    Chiedo scusa ma sono cose note da sempre.

    Una cosa non mi é chiara:
    La sessualità è dono di Dio, e concordo pienamente.

    Ma perché va vissuta SOLO all’interno del matrimonio?

    SE UNO O UNA PER UN’INFINITÀ DI MOTIVI NON SI DOVESSE SPOSARE, non potrebbe vivere la propria sessualità allora?

    Anche perché la sessualità dono di Dio è anche un’esigenza fisica e fisiologica.

    Per cui un essere umano, non per il solo fatto che non si sposa, cessa di avere l’esigenza di far maturare ed anche sfogare la propria sessualità.

    Per cui per esempio, la masturbazione, fatta non per denigrare od offendere l’altro sesso ma proprio come un’esigenza fisica, NON DOVREBBE ESSERE PECCATO.

    Altrimenti sarebbe come dire: si può mangiare solo a tavola, per cui se io mangio un gelato al di fuori dei pasti canonici, commetterei peccato.

    Fatto sta che moltissimi confessori in confessione danno molto più peso ad un atto sessuale improprio (o cosiddetto impuro) che a una bestemmia o addirittura ad un omicidio!!!

    Secondo me, se la sessualità è un dono e lo é sotto forma di esigenza a dare sfogo alla propria sessualità, le varie manifestazioni della stessa, anche al di fuori del matrimonio, non dovrebbero essere peccato e addirittura peccato mortale.

    Diventano peccato quando sono denigranti per un’altra persona o distolgono il soggetto dall’amore verso Dio.

    È l’identica cosa del peccato di GOLA.
    NON ogni volta che si esagera con il cibo é peccato, non ogni volta che si mangia per puro piacere é peccato (altrimenti non si salverebbe nessuno) ma solo quando il fatto di mangiare diventa un’ossessione totalizzante.

    Grazie e datemi lumi.

  10. giorgio baldrati ha detto

    il problema è complesso . che ciascuno possa trovare la sua strada secondo la sua fede.

    Gen.1-[27] Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò

    Gen.2: [23]…essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa…
    [24] Per questo l’uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne.
    Gen. 1: [28] Dio li BENEDISSE e disse loro: riempite la terra;

    mi si consenta di ricordare qui , a beneficio e riflessione di coloro che amano definire ” conigli ” le famiglie che hanno molti figli , che santa Caterina da Siena nacque venticinquattresima di venticinque figli e che la madre sua fu al suo seguito.

    l’attrazione reciproca fra uomo e donna è pertanto dono di Dio al fine della moltiplicazione e perpetuazione della specie.
    la fede cristiana fa di questa finalità la sola ragione di unione fra uomo e donna.

    ma vi è ben di più :
    Luca:20;
    [34] Gesù rispose: “I figli di questo mondo prendono moglie e prendono
    marito;
    [35] ma quelli che sono giudicati degni dell’altro mondo e della
    risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito;
    [36] e nemmeno possono più morire, perché sono uguali agli angeli e,
    essendo figli della risurrezione, sono figli di Dio.

    che Dio vi illumini.

    • Cavalcante dei Cavalcanti ha detto in risposta a giorgio baldrati

      l’attrazione reciproca fra uomo e donna è pertanto dono di Dio al fine della moltiplicazione e perpetuazione della specie.
      la fede cristiana fa di questa finalità la sola ragione di unione fra uomo e donna.

      Non è così, altrimenti non esisterebbe il riconoscimento dell’importanza del fine unitivo del Matrimonio oltre a quello procreativo. Se fosse così inoltre agli sterili sarebbe proibito sposarsi.

      Perciò evitiamo corbellerie.

      • vediamo di rimediare :

        Matteo 19 ;
        [4] Ed egli rispose: “Non avete letto che il Creatore da principio li creò maschio e femmina e disse:

        [5] Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una carne sola?

        [6] Così che non sono più due, ma una carne sola. Quello dunque che Dio ha congiunto, l’uomo non lo separi”.

        se la sterilità è il solo ostacolo alla procreazione ,penso che il matrimonio sia valido e cristiano .
        se si è contrari alla procreazione , la unione non è cristiana.

        spero di essere stato ai punti sollevati .

        stia bene.

        • Cavalcante dei Cavalcanti ha detto in risposta a giorgio baldrati

          Si, se si è contrari alla procreazione in senso assoluto, nel senso di non voler proprio figli, il Matrimonio è invalido, non c’è dubbio.

  11. positrone76 ha detto

    Domanda leggermente OT. C’era un articolo stamattina che è sparito… Inoltre è stato rimesso un articolo datato. Sapete cosa è successo? Intimidazione? Ripensamento?

  12. Salvatore ha detto

    CONFUSIO MAGNA ET AMARA VALDE.
    La lettura di alcuni commenti ha prodotto in me una sensazione di schifo nei confronti di questo sito.
    Dimmi che cosa leggi e ti dirò chi sei.

  13. Giorgio ha detto

    @giuliano

    Non c’è comunque certezza di annullare il rischio gravidanza e la “resa” del condom è molto simile alla resa (udite… udite…) di sistemi contraccettivi naturali come il metodo sintotermico di Roetzer.

    2) I metodi naturali sono sponsorizzati dall’Enciclica Humanae Vitae e permettono la regolazione naturale della fertilità.

    ASSOLUTAMENTE NO: il tasso di fallimento puo arrivare al 22% , VENTIDUE punti di percentuale

    Il metodo anticoncezionale Billings non è infallibile perché numerosissimi fattori possono interferire con analisi e valutazione del muco cervicale. Tra questi, ricordiamo:

    Infezioni vaginali
    Lavande vaginali interne
    Somministrazione di alcuni farmaci
    Presenza dello sperma
    Utilizzo di ovuli vaginali
    Utilizzo di spermicidi
    Utilizzo di lubrificanti
    Alterazioni mestruali
    Stress

    inoltre sono molto difficili da implementare, basta il semplice stress per alterare i segnali del
    corpo utili a quei metodi che per di più non proteggono da malattie veneree.

    Si legge ancora:

    La stessa pratica contraccettiva Billings non è indicata per le giovani donne che hanno appena aperto le porte alla sessualità. In questo caso, il metodo Billings è sconsigliato perché le giovanissime non conoscono ancora perfettamente il proprio corpo.

    Quindi, sono del tutto sconsigliati per le donne più giovani.

    Ricordiamo infine che, per sfruttare il massimo dell’efficacia contraccettiva del metodo Billings, la coppia dovrebbe astenersi dai rapporti non protetti per 14-17 giorni ad ogni ciclo.

    Rapporti non protetti , in pratica, in quei giorni, tocca usare sempre il caro vecchio PROFILATTICO…

    1) una pellicola di lattice (presumo intenda il profilattico…) NON è un sistema contraccettivo naturale;

    Non ha importanza che siano “naturali”: è l’intenzione di usare un metodo contraccettivo che va contro il vostro stesso principio di non dover separare l’atto coniugale da quello riproduttivo.

    Se uno uccide una persona con una pistola o con un “metodo naturale” sempre assassino rimane!

    In presenza di uno o più di questi fattori, la donna può confondere i giorni meno fertili con quelli più fecondi.

    Ahhh capito?? la donne si confonde rimane gravida e il prete dice che è stato l’Onnipotens..

    In conclusione, più che uno strumento contraccettivo per prevenire gravidanze indesiderate, il metodo Billings dovrebbe esser interpretato dal punto di vista opposto. Difatti, il metodo Billings si rivela un ottimo strumento per comprendere quali sono i giorni fertili

    Cioe i metodi naturali sevono per FARE FIGLI e non per non farli!!

    Adesso ho capito! L'”Humane Vitae” è a ridosso del Concilio 2 e la chiesa non può più dire andate a letto solo per fare figli e allora escogita questo squallido compromesso.

    Non solo: nello stesso tempo consiglia metodi inefficaci cosi da ottenere lo stesso il risultato voluto: fabbricare proseliti.

    Accusi gli altri di essere OT (non è abbastanza chic dire “fuori tema”) quando tu per primo hai cianciato sul nome di Dio (per altro scrivendolo pervicacemente in minuscolo), cosa che qui non c’entra alcunché.

    Ohhh no, c’entra c’entra! dio in minuscolo è corretto perchè nome comune di divinità (non ha senso scrivere divinità in maiuscolo), Yahwhe è il nome proprio..

    Spari dei numeri a raffica per impressionare ma quello che dici tu è equivalente a dire che oltre un preservativo su mille fa cilecca.

    Chi si impressiona evidentemente era disinformato..

    Se non volevi essere battezzato DOVEVI DIRLO PRIMA!

    ehehe certo.. peccato che a 3 mesi le persone ancora non parlano! chiedo venia..

    Lo stesso se non volevi nascere, quindi non lamentarti.

    Eh no mi lamento.. nascere va bene, approfittarsi di me quando non posso esercitare la mia volontà invece no, è un abuso e pertanto mi lamento affinche un giorno questi abusi non accadano più ad altri neonati.

    Infine per quanto riguarda la tua ironia, ti dico che mi occupo di teatro ed il mio consiglio è: lascia perdere!

    Ah ti occupi di teatro, è per questo che ti piace il cristianesimo..

    Io personalmente le consiglierei di iniziare a leggere il Catechismo della Chiesa Cattolica partendo da questa pagina:

    http://www.vatican.va/archive/ITA0014/__P82.HTM

    e poi continuare a leggere schiacciando “Successivo” fino al numero 2400.

    L’adulterio e il divorzio, la poligamia e la libera unione costituiscono gravi offese alla dignità del matrimonio.

    e gli argomenti dove sono? la “libera unione” che sarebbe?
    Il divorzio è la fine di un matrimonio perche due persone non si amano piu , e bisogna accettare la fine di un matrimonio non come fanno tanti uomni che anche grazie a questo catechismo vedono la donna come oggetti da possedere e reagiscono uccidendo.

    Ora grazie a me, e sapete bene chi sono.., siete piu informati sull’ennesime BUFALE CRISTIANE.

    • lorenzo ha detto in risposta a Giorgio

      Ma è vero che il preservativo te lo metti in testa?

    • diacono ha detto in risposta a Giorgio

      Nessuno la obbliga a credere a quello che insegna la Chiesa, nessuno la obbliga a scegliere la vita eterna se lei preferisce invece scegliere la morte eterna.

    • Tiziana ha detto in risposta a Giorgio

      Piuttosto leggendo i suoi commenti (se si riesce ad arrivare alla fine) si ha la piena certezza che il principe delle tenebre sta giocando senza sosta con la sua anima.

      Per inciso si è scritto in vari commenti senza cognizione di causa perché uomini… e con tutto il rispetto solo una donna sa cosa vuol dire maternità e le sue accezioni

« nascondi i commenti