UCCR: ecco i 20 articoli più letti del 2014

Logo UCCR + scrittaLa fine dell’anno 2014 è vicina ed è tempo di bilanci, è il momento in cui ognuno guarda alla sua vita contando i passi fatti in avanti durante l’anno. La vita per i cristiani è un cammino, anzi, un ritorno verso casa dove c’è chi ci aspetta e, perché non ci perdessimo troppo tra gli ingarbugliati viottoli dell’esistenza, ha deciso di rendersi compagno di viaggio per coloro che lo accettano al suo fianco. Questo è anche il senso del Natale che stiamo per celebrare.

La metafora della vita sono i discepoli di Emmaus ai quali si affianca Gesù ma -dice il Vangelo- «i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo». Eppure, quando lui si è rivelato hanno capito: «Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino?» (Lc 24,13-35). Cristo si è fatto compagno all’uomo perché gli ardesse il cuore nel petto, perché riconoscendolo potesse emergere da un’esistenza anonima, perché il suo camminare non fosse fine a se stesso, privo di meta come tanti invece sono convinti di fare. Camminare senza scopo è l’umiliazione della ragione, una vita senza fine ultimo è il decadimento della dignità umana.

Anche noi ci siamo fatti compagnia lungo quest’anno e aggiornare questo sito web significa per noi dare continuamente la ragione dell’ardore nel nostro cuore, della speranza che ci ha investiti attraverso l’incontro con il cristianesimo. Grazie ai vostri commenti, alle vostre e-mail, ai vostri suggerimenti sui social network ci aiutate ad indirizzare meglio la nostra iniziativa, la condividete e la rendete più accessibile a tutti. E’ importante questa collaborazione, viviamo in un periodo storico dove tutti si dicono cristiani, ma Cristo viene in parte ignorato e parte negato, un contesto geografico dove tutti si dicono cattolici, ma la Chiesa viene in parte osteggiata e umiliata e in parte apertamente combattuta. Sono però secoli affascinanti dove, ancor più che in passato, il ruolo della piccolissima comunità di cristiani (quelli che più che dirlo lo sono) è chiamata alla testimonianza di cosa voglia dire vivere e non sopravvivere. E’ un periodo di forte secolarizzazione, che però è anche un grande beneficio perché ci impedisce un’adesione sentimentale alla fede, ci obbliga a non essere dei creduloni mettendo da parte l’uso della ragione, costituisce un antidoto ad ogni tentazione di idolatria e di pigrizia dell’intelligenza, di tendenza a dare il nome di Dio alle proiezioni mentali. Come ha spiegato Benedetto XVI, il nostro convivere con chi non riconosce Dio «è anche un richiamo a noi credenti, a tutti i credenti a purificare la propria fede, affinché Dio – il vero Dio – diventi accessibile».

Prima di condividere con noi il nostro bilancio annuale, ricordiamo che UCCR è presente su Facebook con contenuti inediti (cioè con notizie che non trovate sul sito web) tramite la pagina ufficiale e il gruppo ufficiale. E’ presente su Twitter e su Youtube e, per chi lo volesse, si può sostenere economicamente il nostro lavoro tramite un’offerta libera (recandosi a questa pagina). Da qualche settimana abbiamo anche ripreso a costruire il nostro sito web in versione inglese per poter superare i confini nazionali, chiediamo una mano a tutti coloro che desiderano aiutarci traducendo dall’italiano all’inglese i nostri articoli: contattateci per favore a redazione@uccronline.it.

 

Qui sotto i venti articoli che avete letto di più durante il 2014, quelli più visitati e che statisticamente hanno interessato di più. A domani per gli auguri di Natale!

1) Giulia Innocenzi: «la libertà? Impedire a Papa Francesco di parlare» (novembre 2014)
L’articolo sulla contraddizione della conduttrice di “Announo” di voler difendere la libertà di parola delle Femen impegnate a negare il diritto di parola al Papa. Una perfetta metafora della schizofrenia dell’anticlericalismo.

2) «Sola ad abortire nel bagno dell’ospedale», ma è una bufala (marzo 2014)
Per qualche giorno è rimbalzata sulla cronaca questa notizia, divulgata dall’Associazione Luca Coscioni. La bolla è scoppiata, con la stessa velocità con cui è nata, quando l’Asl di Roma ne ha verificato la falsità.

3) Caro Benigni, solo la Chiesa difende la bellezza della sessualità (dicembre 2014)
Il monologo è stato giustamente l’evento televisivo dell’anno, abbiamo tuttavia sottolineato lo scivolone del comico toscano sul cliché della Chiesa sessuofoba mostrando che, in realtà, è l’unica a difendere la vera sessualità.

4) Il Fatto Quotidiano” chiede scusa a Papa Francesco (gennaio 2014)
Dopo le accuse di connivenza con la dittatura argentina gettate addosso al Pontefice appena eletto, il quotidiano di Padellaro ha fatto marcia indietro riconoscendone l’estraneità e, anzi, il suo impegno verso i perseguitati dal regime.

4) Un ringraziamento e un consiglio a suor Cristina (marzo 2014)
Sulla cantante religiosa i cattolici sono divisi, c’è chi la apprezza e chi è critico. Noi, per ora, ne abbiamo riconosciuto il valore, spiegandone i motivi.

5) Otto validi motivi contro la legge sull’omofobia (giugno 2014)
Il ddl Scalfarotto ha caratterizzato il 2014 come primo tentativo di introdurre il reato d’opinione. In questo articolo abbiamo raccolto le osservazioni critiche del prof. Ferrando Mantovani, professore emerito di Diritto Penale all’Università Firenze.

6) Sacra Sindone: Garlaschelli ci riprova… (maggio 2014)
L’immagine sindonica turba il sonno dello scientismo: pensavano che la scienza avesse eliminato Dio ed invece, è il caso della Sindone, è proprio la scienza a riportarLo al centro della scena. I tentativi fallimentari del Cicap sono la prova di questa inquietudine.

7) Caro Veronesi, il cancro dimostra che solo Cristo risponde all’uomo (novembre 2014)
L’esistenza del male e quella di Dio: l’oncologo mediatico ha sfruttato questa seria riflessione come spot del suo ultimo libro. Abbiamo comunque risposto mostrando che il male non scandalizza il cristiano ma, anzi, gli fa comprendere di più il senso profondo della Resurrezione.

8) Ecco cosa dice il vero Sinodo: nessuna “apertura” (ottobre 2014)
La strumentalizzazione dei vaLticanisti contro Papa Francesco ha raggiunto l’apice durante il Sinodo sulla Famiglia, evento che avrebbe “aperto la Chiesa alla modernità”, secondo la stampa. Non è stato così ovviamente, anche perché non è la Chiesa che deve inseguire la modernità ma sono gli uomini, semmai, a dover passare per la “porta stretta” della Chiesa.

9) Una scienziata atea certifica un miracolo (marzo 2014)
La dott.ssa Jacalyn Duffin, prestigiosa ematologa canadese e dichiaratamente atea, è risultata determinate nell’appurare un miracolo avvenuto ad una giovane donna canadese, affetta da leucemia mieloide acuta. Il Vaticano non aveva riconosciuto il prodigio ma la scienziata si è imposta dimostrando l’impossibilità scientifica della guarigione.

10) Le “Sentinelle” scendono in piazza, gli omofascisti impazziscono (ottobre 2014)
Il 2014 è stato caratterizzato anche per l’odio verso le “Sentinelle”, gruppi spontanei di persone che si riuniscono in piazza per manifestare una silenziosa protesta contro le pretese Lgbt. Omofascismo, per l’appunto.

11) Chi firmò contro Calabresi oggi dispensa consigli etici (gennaio 2014)
Curioso osservare come i pontificatori moralisti contro la Chiesa di oggi che tengono banco sui media, sono i mandanti morali dell’uccisione di Luigi Calabresi di ieri. Nessuno si è mai scusato con lui o la sua famiglia.

12) Le classiche obiezioni contro Dio? Ecco 10 risposte veloci (ottobre 2014)
Il matematico di Oxford, John Lennox, ha riassunto in pochi punti le risposte alle più comuni obiezioni contro l’esistenza di Dio. Un utile spunto per chi si trova a confrontarsi con i nostri amici antiteisti.

13) Ivan Scalfarotto: «la coppia omosessuale vuole farselo, il figlio» (novembre 2014)
La violenza dell’utero in affitto è l’imbarazzante tabù che va nascosto a tutti i costi quando si parla di adozioni gay. Ma a volte scappa fuori anche senza accorgersene…

14) Il Francesco d’Assisi che avete in mente non è mai esistito (ottobre 2014)
Il San Francesco ideologo della povertà e del buonismo non è mai esistito, come ha spiegato il Papa. Anzi, egli partecipò alle Crociate e chiese che le chiese fossero ricche per onorare meglio il Signore.

15) Vittoria del genere neutro: elogio del disordine (maggio 2014)
Con l’esaltazione di Conchita Wurst e della teoria del gender si chiarisce meglio la confusione dell’uomo moderno, che scambia per libertà il tentativo illusorio di autodeterminarsi anche dalla sua natura, dalla sua struttura oggettiva.

16) La leader antirazzista francece contro l’educazione Lgbt (giugno 2014)
Farida Belghoul, portavoce francese dell’uguaglianza e dell’antirazzismo, ha svegliato le coscienze sulla pericolosità dell’indottrinamento dei bambini al gender e all’utopia di poter decidere il proprio genere sessuale.

17) Papa Francesco ci sta riportando sui binari, ascoltiamolo (gennaio 2014)
Rispondendo ai cattolici confusi e critici verso il pontificato di Francesco abbiamo spiegato perché, invece, stia portando i cattolici su una strada più autentica di quella su cui eravamo, noi che avevamo trattenuto da Giovanni Paolo II e Benedetto XVI quasi soltanto la loro forte intransigenza sull’etica e sui principi morali inviolabili, che è sono gli stessi richiamati puntualmente anche da Papa Francesco.

18) Ecco i dati che smentiscono l’omofobia (aprile 2014)
Un dossier da noi creato, ed in costante aggiornamento, che smentisce il fenomeno omofobia: non solo i dati dimostrano che l’Italia è tra i paesi più accoglienti (che non significa accondiscendenti) verso le persone omosessuale, ma quest’ultime sono le prime a spiegare come non subiscano alcuna intimidazione o vessazione per la loro inclinazione.

19) L’archeologia conferma la Bibbia: risposta al prof. Herzog (maggio 2014)
Rispetto ai puntuali tentativi di “Repubblica” di screditare la storicità dell’Antico Testamento intervistando l’archeologo di turno, abbiamo sottolineato come le principali accuse avanzate siano in realtà i principali argomenti a favore della storicità del contesto storico in cui si svolge il racconto dell’Antico Testamento anche se, lo ricordiamo, non intende essere un’opera storica o scientifica ma esclusivamente morale.

20) Il protestantesimo si adegua al mondo ed entra in crisi (aprile 2014)
Di fronte alle pretese di Vito Mancuso e delle fantomatiche comunità di base di voler “adeguare” la Chiesa alla morale del mondo, il fenomeno del protestantesimo è più che mai chiarificatore: quanto più si annulla la propria identità (accettando sacerdozio femminile, matrimoni omosessuali, lassismo sulle tematiche morali, annullamento del celibato sacerdotale ecc.) più si perde autorità, più si cade nel relativismo etico, e più si allontanano i fedeli.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

9 commenti a UCCR: ecco i 20 articoli più letti del 2014

« nascondi i commenti

  1. danieleb ha detto

    VANGELO DI MARCO 1°SECOLO
    Finalmente dopo anni di attesa, nel corso del 2015 verranno finalmente resi noti i recenti frammenti ritrovati in Egitto datati intorno al II secolo. Tra questi frammenti vi è un brano del Vangelo di Marco( che io sappia ancora non specificato di quale parte) datato tra l’80 e il 100 d.C. Dovrebbe essere comunque una parte abbastanza consistente è non.un semplice frammento. Questo.testo ritrovato, faceva parte di una maschera funebre egizia: al tempo le classi meno agiate, utilizzavano i fogli di papiro riciclati per la costruzione delle loro maschere funebri; insieme a questo Vangelo ed altri testi NT datati intorno al II, sono quindi stati ritrovati altri testi di altra natura.
    Chi fosse interessato, ecco il link delle foto di alcuni di questi frammenti.
    https://www.dropbox.com/sh/t7rwsfy1t07kttt/dxZX9ETDC2

    Fonte: Cristianesimoprimitivo.forumfree.it

  2. Daphnos ha detto

    Ci sono due numeri 4? 🙁

  3. Emanuele ha detto

    Grazie a tutta la redazione e collaboratori per l’ottimo lavoro a servizio della Verità. Che Dio vi renda merito!

    Buon Natale del Signore a tutti.

« nascondi i commenti