Il matrimonio meglio della convivenza e della coppia di fatto

SposiLa famiglia naturale, quella citata dalla nostra Costituzione, formata dall’unione di un uomo e una donna sposati attraverso il matrimonio è la cosiddetta “cellula fondamentale della società”, perché garantisce sostegno materiale e morale, educazione e stabilità fisica e affettiva ai figli che nascono dalla relazione.

Purtroppo da diversi anni a questa parte, questa struttura è ideologicamente messa a repentaglio dalla indifferenza dei nostri politici, che -salvo rari casi- non hanno mai inteso sostenerla tramite agevolazioni di vario genere. La sua stabilità è stata anche messa in crisi dalla teorizzazione di altre “identità familiari”, che -secondo i sostenitori- offrirebbero le stesse garanzie e dovrebbero ad essa essere equiparate. Eppure come si fa a paragonare le coppie di fatto all’unione di due persone che decidono di impegnarsi pubblicamente nella promessa dell’amore, della fedeltà, dell’onore e della durata della loro unione fino alla morte, orientandosi alla generazione ed educazione della persona umana? La disciplina legale del matrimonio è fondata su di una serie precisa di diritti e di doveri, che i liberi conviventi hanno abiurato proprio nel momento stesso in cui hanno voluto esprimere il diritto di libertà – costituzionalmente garantito – di affrancare la loro vita affettiva da qualsiasi schema giuridico.

Questo discorso è ovviamente rivolto al matrimonio civile, ma ancora di più vale per quanto riguarda quello religioso, dove la coppia si unisce e si promette fedeltà eterna davanti a Dio, e tale gesto e diventa dunque un sacramento, ovvero l’alleanza degli sposi è integrata nell’Alleanza di Dio con gli uomini.

La convivenza è una scelta a metà, temporanea, soggetta a revisioni e scadenze, e pone colui che vive una simile esperienza in un atteggiamento già di per sé fallimentare. Già il filosofo Friederich Nietzsche parlava del matrimonio come «la forma più menzognera dei rapporti sessuali, ed è per questo che gode dell’approvazione delle coscienze pure». Noi, coscienze pure, abbiamo voluto interrogare la scienza e la letteratura scientifica, cercando un’indicazione su da che parte stesse la ragione ed è emerso questo elenco di studi scientifici, che verrà continuamente aggiornato.

 

 

|ELENCO DI STUDI SOCIOLOGICI|

 

  • Nel marzo 2014 l’American College of Cardiology ha pubblicato uno studio in cui si rileva che le persone sposate hanno tassi più bassi di diverse malattie cardiovascolari rispetto a coloro che sono single, divorziati o vedovi. Il rapporto tra matrimonio e minori probabilità di malattie vascolari è particolarmente pronunciato prima dei 50 anni.

 

  • Nel marzo 2014 il rapporto del “Family Societies and Research Project” ha rilevato che i figli di divorziati abbandonano prima la casa dei genitori, ma preferiscono la convivenza, il loro rendimento a scuola cala, e quando questi scelgono una università, hanno minori aspettative. In più, risultano avere più facilmente problemi nutrizionali e di ansia, e c’è più possibilità che usino droghe e facciano pensieri di suicidio. Chi vive con la presenza di un patrigno o una matrigna è aiutato finanziariamente, ma non ci sono prove che questa presenza abbia un effetto positivo sul benessere psicologico e sui risultati scolastici.

 

  • Nel gennaio 2014 Nick Schulz dell’American Enterprise Institute ha pubblicato il volume “Home Economics: The Consequences of Changing Family Structure” nel quale ha confermato attraverso l’analisi della letteratura scientifica che i figli del divorzio e i bambini con genitori non sposati tendono a fare molto peggio nella vita rispetto ai bambini di coppie sposate. Un dato non trascurabile, ha osservato, è quello del reddito: crescere al di fuori di una famiglia con due genitori significa beneficiare di un reddito non solo più basso ma anche di meno mobilità sociale. A esempio tra i bambini che iniziano sotto al terzo grado della distribuzione del reddito, solo il 26% di quelli con genitori divorziati riesce a spostarsi verso l’alto rispetto al 42% dei nati da madri non sposate e il 50% di coloro che crescono con due genitori sposati.

 

  • Nel settembre 2013 uno studio della Fundaction ATYME ha rilevato che il divorzio è deleterio per l’87 percento dei casi nei bambini, generando sintomi di rabbia in quelli più grandi (, mentre nei bambini piccoli si rileva tristezza e paura.

 

  • Nel settembre 2013 sul “Journal of Clinical Oncology” uno studio su 734.889 persone ha rilevato che i malati di cancro sposati hanno più probabilità di vivere più a lungo rispetto a quelli che non sono sposati. Alcuni esperti hanno anche soprannominato l’effetto del matrimonio sul cancro come uguale o più potente alla chemioterapia.

 

  • Nel maggio 2013 uno studio realizzato da ricercatori della Rice University e della University of Houston, ha stabilito che i bambini (campione di 10.400 soggetti) che vivono in famiglie in cui i genitori sono sposati hanno meno probabilità di essere obesi.

 

  • Nel maggio 2013 una ricerca è realizzata dall’Instituto de Estudios del Capital Social (INCAS) della Universidad Abat Oliba CEU ha stabilito che «i figli minori che vivono con entrambi i genitori biologici in un matrimonio stabile hanno un welfare molto più elevato rispetto ad altri tipi di situazioni». Fra le altre conclusioni questa è particolarmente interessante: «si può dire con forza che la famiglia classica previene la violenza domestica contro le donne e verso i bambini, i quali hanno tutti gli indicatori di salute migliori, beneficiano di un reddito più alto e maggiori condizioni stabili e favorevoli».

 

  • Nel marzo 2013 uno studio pubblicato su Public Health da ricercatori canadesi, ha mostrato che sia le figlie che i figli di famiglie divorziate hanno significativamente più probabilità di iniziare a fumare rispetto ai loro coetanei provenienti da famiglie sposate. L’analisi si è basata su 19.000 americani e gli autori hanno anche confermato l’esistenza di bassi livelli di istruzione e di reddito, di problemi di salute mentale per adulti figli di genitori divorziati.

 

  • Nel febbraio 2013 i ricercatori dell’Università di Missouri hanno scoperto, in una ricerca pubblicata sul Journal of Family Psychology, che le persone sposate hanno una migliore salute mentale e fisica dei loro coetanei non sposati e hanno meno probabilità di sviluppare malattie croniche rispetto alle persone vedove o divorziate.

 

  • Nel gennaio 2013 una pubblicazione del World Family Map Project ha mostrato che vivere con due diversi genitori permette ai bambini di avere punteggi migliori di alfabetizzazione, a prescindere dalla ricchezza e dall’istruzione. Questo è vero in Canada come lo è negli Stati Uniti, nel Regno Unito o in Australia: «I bambini che vivono con due genitori hanno punteggi più elevati nella capacità di lettura e meno probabilità di ripetere l’anno rispetto a quelli che vivono con uno solo dei due genitori o nessuno dei genitori», hanno detto i ricercatori. Inoltre, «le famiglie con un genitore acquisito forniscono risultati più deboli rispetto alle famiglie con i due genitori biologici».

 

  • Nel gennaio 2013 un grande studio pubblicato su European Journal of Preventive Cardiology basato sul registro dati sugli infarti al miocardico tra il 1993 e il 2002 basato su 15.330 soggetti, ha rilevato che il non essere sposati aumenta il rischio di infarto fatale e non fatale negli uomini e nelle donne, indipendentemente dalla loro età. Al contrario, dicono i ricercatori dello studio, soprattutto tra le coppie di mezza età, l’essere sposati e vivere assieme è associato a «prognosi decisamente migliori sugli eventi cardiaci acuti».

 

  • Nel gennaio 2013 una ricerca condotta presso il Duke University Medical Center a Durham, North Carolina, ha scoperto che le persone non sposate presentano un rischio più alto di morte prematura in particolare durante la middle age, ovvero tra i quaranta e i sessant’anni.

 

  • Nel gennaio 2013 una ricerca pubblicata sul Journal of Drug Issues raffrontando – sulla base di uno studio longitudinale con informazioni su oltre 10.000 studenti – il “capitale sociale familiare” , ossia come il legame tra genitori e figli (specie in termini di comunicazione e fiducia) col “capitale sociale scolastico”, ossia la capacità di una scuola di essere un ambiente positivo per crescita ed approfondimento, i ricercatori hanno rilevato come gli studenti con alti livelli di “capitale sociale familiare” e bassi livelli di “capitale sociale scolastico” abbiano meno probabilità di fumare o bere rispetto a quelli con alti livelli di “capitale sociale scolastico” ma bassi livelli di “capitale sociale familiare”. Secondo gli autori, nonostante l’elevato valore dei programmi scolastici contro l’uso di droghe, i genitori rivestono un ruolo decisivo nel plasmare le decisioni dei loro figli riguardanti il consumo di alcol e marijuana.

 

  • Nel dicembre 2012 uno studio sul matrimonio è stato pubblicato sul Journal of Public Health, ed è relativo a un confronto di donne sposate in gravidanza con donne conviventi o single. L’indagine ha mostrato che le donne sposate sono meno soggette all’abuso subito dai partner, all’abuso di sostanze stupefacenti e alla manifestazione di depressioni post-partum.

 

  • Nel dicembre 2012 lo studio “Violent Crime Against Youth, 1994-2010” ha mostrato che nel 2010, il 27,8% di 1000 giovani con un capofamiglia celibe, sono state vittime di un grave crimine violento. Allo stesso tempo, solo il 7,4% ogni 1000 giovani che vive con entrambi i genitori è stato una vittima.

 

  • Nel dicembre 2012 su Child Care Health Development una ricerca, basata sulla popolazione canadese ed effettuata confrontando dati raccolti nel 2005 con quelli rilevati dieci anni prima, nel 1995, ha mostrato che il divorzio comporta, per i figli di genitori decisi a lasciarsi, una percentuale di abusi pari al 10,7%.

 

  • Nel settembre 2012 uno studio realizzato dall’Heritage Foundation ha rivelato che crescere con genitori sposati aumenta notevolmente (82%) le prospettive di sfuggire alla povertà per i bambini. Gli autori hanno affermato: «Il matrimonio è di grande beneficio per i bambini, gli adulti e la società, ha bisogno di essere incoraggiato e rafforzato».

 

  • Nel settembre 2012 uno studio pubblicato sul Journal of Stroke ha dimostrato che gli uomini adulti che hanno sperimentato il divorzio dei genitori prima di aver compiuto 18 anni, presentano tre volte più probabilità di subire un ictus rispetto agli uomini i cui genitori sono rimasti assieme.

 

  • Nell’agosto 2012 uno studio condotto dall’Università di Cincinnati (UC), e presentato alla 107a riunione annuale della “American Sociological Association”, ha mostrato come gli uomini divorziati hanno segnalato un consumo di alcool significativamente maggiore rispetto agli uomini sposati. Per quanto riguarda le donne, il consumo di alcool era un problema con maggiore probabilità tra le donne divorziate rispetto a quelle sposate a lungo termine.

 

  • Nel maggio 2012 uno studio sull’European Journal of Population ha analizzato sistematicamente il benessere di uomini e donne sposati, divorziati, single e conviventi in 45 paesi europei e poi ha calibrato l’effetto della cultura normativa del paese nel determinare il benessere. E’ risultato che gli individui sposati hanno un più alto livello di benessere, seguiti (in ordine) da conviventi, dai single e dai divorziati/vedovi. Gli studiosi hanno smentito che la causa di tale malessere in chi non è sposato dipenda dall’influenza negativa della società su di loro (condizionamento sociale), tanto che gli autori hanno concluso: «il rifiuto sociale del proprio status di partenariato non rende le persone infelici [...]. La conclusione generale che si può formulare è il clima sociale normativo ha poco impatto su come le persone valutano i la loro vita nei diversi tipi di relazioni»

 

  • Nell’aprile 2012 un articolo apparso sul “New York Times” scritto dalla psicologa clinica Meg Jay dell’Università della Virginia, ha spiegato come gli studi mostrino in modo chiaro che la convivenza pre-matrimoniale aumenta notevolmente il tasso di divorzio.

 

  • Nel gennaio 2012 in un editoriale sul “British Medical Journal” due ricercatori -David e John Gallacher dell’università di Cardiff- hanno spiegato che le persone sposate vivono più a lungo, le donne sperimentano una migliore salute mentale, mentre gli uomini in una relazione stabile e duratura, come quella prevista dall’unione coniugale, hanno una migliore salute fisica, concludono che «a conti fatti è vale probabilmente fare lo sforzo di sposarsi». Inoltre, lo studio ha evidenziato nelle donne sposate un abbassamento del 10-15 per cento del tasso di mortalità ed un calo dei rischi di andare incontro ad ictus, malattie cardiache e complicazioni dovute a stili di vita non salutari, nella porzione dei candidati maschili che erano impegnati in una relazione matrimoniale. I ricercatori hanno anche confermato che il divorzio può avere un impatto devastante sugli individui, mentre l’avere molti partner è collegato ad un aumento di rischio di morte.

 

  • Nel dicembre 2011 uno studio su “Archives of General Psychiatry” ha mostrato che gli uomini con bassi livelli di comportamento antisociale sono più propensi a sposarsi e che il matrimonio accentua la loro tendenza ad astenersi da comportamenti antisociali. E’ dunque evidenziato un effetto causale del matrimonio alla desistenza dal comportamento antisociale.

 

  • Nel settembre 2011 la Monash University di Melbourne (Australia) ha pubblicato i risultati di uno studio con il quale si dimostra come il matrimonio è uno dei fattori-chiave nella diminuzione della criminalità, riducendo drasticamente la percentuale di assassini, per una semplice ragione: l’autocontrollo.

 

  • Nell’agosto 2011 uno studio pubblicato sulla rivista “Health Psychology” ha stabilito che se qualcuno subisce un bypass coronarico, ha 3 volte più probabilità di essere vivo dopo 15 anni se è sposato rispetto a chi è single, divorziato o vedovo. Gli uomini sottoposti a intervento chirurgico di bypass hanno vissuto più a lungo in virtù del semplice fatto di essere sposati, indipendentemente da quanto fosse felice o infelice l’unione. Le donne felicemente sposate avevano invece quasi quattro volte più probabilità di essere vive dopo 15 anni dall’operazione rispetto alle donne single o divorziate.

 

  • Nel 2011 in un rapporto sul matrimonio e la famiglia, il professor Patrick Parkinson, della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Sydney, ha dichiarato: «Il governo australiano non può continuare a ignorare la realtà che due genitori tendono a fornire risultati migliori per i bambini di uno solo, e che l’ambiente più stabile e sicuro per i bambini è quando i genitori sono, e rimangono, sposati l’uno con l’altro». Ha inoltre aggiunto che: «se c’è un grande cambiamento demografici nelle società occidentali che può portare a una vasta gamma di conseguenze negative per molti bambini e giovani, è se essi crescono in una famiglia diversa da quella generata dai loro due genitori biologici»

 

  • Nel 2011 è stata pubblicata la terza edizione di Why Marriage Matters: Thirty Conclusions from the Social Sciences, opera di diciotto studiosi americani di problemi della famiglia che operano in istituzioni accademiche di diverso orientamento politico-culturale. La conclusione unanime del rapporto è che l’aumento del numero di coppie di conviventi con bambini è la maggiore e poco riconosciuta minaccia alla qualità di vita dei figli nelle famiglie americane di oggi. W. Bradford Wilcox, dell’University of Virginia e coordinatore dello studio, ha spiegato sul New York Times: «In uno straordinario ribaltamento di tendenze, il tasso di divorzio delle coppie sposate con figli è tornato quasi ai livelli che conoscevamo prima della rivoluzione del divorzio iniziata negli anni Settanta. Tuttavia l’instabilità familiare complessiva è in aumento negli Stati Uniti. Ciò sembra essere in parte dovuto al fatto che più coppie stanno avendo figli all’interno di unioni di fatto, che sono molto instabili. Il nostro rapporto mostra anche che i figli all’interno di unioni di fatto hanno maggiori probabilità di soffrire a causa di una serie di problemi sociali ed emotivi – uso di droghe, depressione, fallimento scolastico – in confronto ai figli di famiglie sposate e non separate». Inoltre, i bambini all’interno di coppie conviventi, secondo un recente rapporto, «hannno anche almeno tre volte più probabilità di essere fisicamente, sessualmente o emotivamente abusati». Infine, lo studioso ha concluso: «la convivenza implica meno impegno, meno stabilità, meno fedeltà sessuale, e meno sicurezza ai partner romantici e ai loro figli. Di conseguenza, le coppie conviventi hanno più del doppio delle probabilità di dividersi e quattro volte più probabilità di essere infedeli a l’uno all’altro, rispetto alle coppie sposate. Tutto questo ha implicain queste casecrescono in queste situazioni».Lo psicologo John Gottman, tra i massimi esperti statunitensi di relazioni matrimoniali, professore emerito di psicologia all’Università di Washington ha dichiarato che «tale instabilità ha un notevole impatto negativo sui bambini, il quale si nota nell’esternalizzazione dei disturbi, cioè più aggressività, che a livelo interno, cioè più in depressione. I figli delle coppie conviventi sono più a rischio rispetto a quelli delle coppie sposate».

 

  • Nell’ottobre 2011 uno studio norvegese ha rilevato un eccesso di mortalità delle persone non sposate rispetto ai coniugi, in costante aumento per gli uomini. Tra le donne anziane, l’eccesso di mortalità di chi non si è mai sposato rispetto a chi lo ha fatto, è aumentato. I norvegesi non sposati presentano dunque una minore sopravvivenza di fronte ad una diagnosi di cancro.

 

  • Nell’agosto 2011 un ampio studio apparso in un editoriale del “British Medical Journal” ha rivelato la presenza di benefici se si sceglie di sposarsi piuttosto che convivere. L’esperto dell’Università di Cardiff, John Gallacher, che ha preso in esame lo studio, ha sostenuto che un marito e una moglie felici mangiano in modo più sano, hanno più amici e si prendono maggiore cura l’uno dell’altro: «Il matrimonio e altre forme di relazione possono essere posti su una scala di impegni, maggiore è l’impegno e maggiore è il beneficio», spiega lo studioso. Il matrimonio visto come un impegno quindi e per questo associato a una migliore salute mentale in confronto alla convivenza, la quale solitamente è meno stabile.

 

  • Nell’agosto 2011 uno studio pubblicato negli Stati Uniti dall’ente di ricerca “Child Trends”, dal titolo “Parental Relationship Quality and Child Outcomes Across Subgroups”, ha concluso che i figliastri hanno una probabilità doppia, rispetto ai figli che vivono con i propri genitori sposati, di sviluppare problemi comportamentali. La problematicità è ancora superiore per i figli che vivono con una coppia di fatto, i quali presentano una probabilità tre volte superiore di avere problemi di comportamento.

 

  • Nel maggio 2011 su “The Journals of Gerontology” uno studio ha rilevato che i conviventi con disabilità hanno notevolmente meno probabilità di ricevere cure dal proprio partner rispetto a quanto avviene per le persone sposate. Questo risultato, si spiega, rispecchia l’evidenza di un minore impegno dei conviventi nella relazione e nell’assolvere gli obblighi inerenti l’istituzione del matrimonio.

 

  • Nel marzo 2011 uno studio pubblicato dall’Institute of Social and Economic Research dell’Università di Essexsu, sulla base di una serie di fattori indicativi, ha concluso che le persone conviventi sono significativamente meno felici nel loro rapporto rispetto alle persone sposate e i figli che vivono con un solo genitore sono meno propensi a dirsi del tutto felici della loro situazione.

 

  • Nel febbraio 2011 uno studio pubblicato su “BMC Public Health” ha rilevato che le donne conviventi con un partner senza essere formalmente sposate erano esposte ad maggiore rischio di violenza domestica rispetto a coloro che sono sposate.

 

  • Nel 2010 uno studio pubblicato sul “Bureau of Justice Statistics” ha mostrato che le donne sposate sono vittime di tutte le forme di violenza domestica in livelli drammaticamente inferiori rispetto alle donne conviventi. Per quanto riguarda gli uomini, quelli sposati hanno da 3 a 4 volte meno probabilità di commettere violenza contro i loro familiari e gli stranieri rispetto ai loro coetanei non sposati. Il matrimonio risulta dunque essere un meccanismo di sicurezza fondamentale

 

  • Nel 2010 una metanalisi complessiva ha concluso che la convivenza presenta una significativa associazione negativa con la stabilità coniugale e la qualità coniugale. Studiando tutti i principali studi sul tema si è anche scoperto che gli effetti negativi della convivenza sono rimasti costanti nel tempo, nonostante che essa sia diventata un comportamento più diffuso nella società.

 

  • Nell’agosto 2010 ricercatori della Northwestern University e dell’Università di Chicago hanno pubblicato uno studio sulla rivista “Stress”, rilevando una buona riduzione del livello di cortisolo, noto come l’ormone dello stress psicologico, sopratutto nei soggetti sposati o che hanno un partner stabile. Dario Maestripieri, professore di Sviluppo umano comparativo presso l’Università di Chicago, ha commentato: «anche se può sembrare che il matrimonio sia stressante, abbiamo un crescendo di prove che dimostrano come il matrimonio sia invece il tampone contro lo stress»

 

  • Nel 2010 Harry Benson, direttore del Bristol Community Family Trust, e Stephen McKay dell’università di Birmingham hanno ripartito 12.500 coppie con figli, sposate e non sposate, in cinque diverse categorie a seconda del reddito, scoprendo che anche paragonando coppie economicamente omogenee, quelle di fatto hanno da 2 a 2,5 volte più probabilità di rompersi di quelle sposate. Inoltre, il 97% delle coppie intatte in cui i figli abbiano oltre 15 anni, sono coppie sposate. La convivenza a lungo termine, spiegano, è molto rara.

     

    • Nel luglio 2009 i ricercatori dell’Università di Denver hanno rilevato che le coppie che convivono prima di sposarsi (o le coppie di fatto) hanno una maggiore probabilità di divorziare rispetto a coloro che scelgono di aspettare a vivere insieme fino a dopo il matrimonio. Inoltre, queste coppie hanno riferito una soddisfazione più bassa rispetto al loro matrimonio.

  •  

    • Nel 2008 i dati del “US Census” hanno mostrato che le donne (e i loro figli) hanno tre volte meno probabilità di vivere sempre in povertà, se sono sposate rispetto a quelle single o conviventi

     

    • Nel 2007 i ricercatori Paul Amato e Rebecca Maynard della Pennsylvania State University hanno argomentato attraverso uno studio che occorre prevenire le nascite al di fuori del matrimonio, propongono tassi di divorzio più bassi, offrendo programmi più educativi per le coppie prima e durante il matrimonio. Rivolgendosi ai sistemi scolastici offrono prove sul fatto che la salute e la corretta educazione sessuale sono molto problematiche per i genitori non sposati. Rafforzare il matrimonio, sostengono gli autori, è anche potenzialmente una strategia efficace per lottare contro la povertà.

     

    • Nel febbraio 2006 sul “Journal of Marriage and Family” uno studio si è concentrato sul ruolo del padre biologico, dimostrando che i figli che vivono lontano dal proprio padre naturale presentano un rischio maggiore di avere un’esperienza di crescita negativa.

     

    • Nel 2005 sul Journal of Human Sexuality i ricercatori evidenziato che il luogo migliore per la crescita di un bambino è all’interno di un matrimonio formato da un uomo e una donna. «Crescere un bambino in un ambiente in cui uno dei genitori è inevitabilmente assente», hanno inoltre spiegato, «è molto diverso dal pianificare una struttura familiare che elimina volutamente i ruoli di madre e/o padre». In questo caso si verificheranno «conseguenze negative per lo sviluppo del bambino e la sua probabilità di vivere una vita soddisfacente».

     

    • Nel 2005 sulla rivista “The Future of Children” il sociologo Steven Nock dell’University of Virginia ha mostrato come l’indebolimento della genitorialità è causato dalla rivoluzione contraccettiva, dal declino del matrimonio come principio organizzatore della vita adulta, e la sempre più accettata visione che il matrimonio e la paternità debbano essere questioni private. Egli considera poi le abbondanti prove scientifiche sulle conseguenze positive del matrimonio sia per quanto riguarda il benessere economico che la salute degli adulti americani.

     

    • Nel 2005 su “Journal of Marriage and Family” uno studio ha confermato gli effetti deleteri del divorzio, mostrando che i figli mostrano livelli più elevati di ansia/depressione e comportamento antisociale rispetto ai bambini i cui genitori restano sposati.

     

    • Nel 2005 studiosi della Harvard University hanno rilevato notevoli prove del fatto che il matrimonio aiuta a mantenere in vita gli esseri umani. Le persone separate, divorziate, single o vedove, infatti, presentano un rischio particolarmente elevato di morire prematuramente. Al contrario, i coniugi hanno un rischio più basso rispetto a tutti gli altri gruppi, e questa è una prova ormai verificata in tutto il mondo.

     

    • Nel 2005 il prof. P.R. Amato della Pennsylvania State University, ha dimostrato che i bambini che crescono con i due genitori biologici sposati, hanno meno probabilità di sperimentare una vasta gamma di problemi cognitivi, emotivi e sociali, non solo durante l’infanzia, ma anche in età adulta. Hanno inoltre un tenore di vita più elevato e fanno maggiori esperienze di cooperazione familiare, sono emotivamente più vicini ad entrambi i genitori, e sono sottoposti a meno eventi stressanti.

     

    • Nel 2005 un rapporto di un team diversificato di studiosi americani della famiglia, ha spiegato che «le persone sposate sembrano gestire meglio la malattia, monitorandosi la salute l’un l’altro, hanno redditi più alti e adottano migliori stili di vita di quanto non facciano i single».

     

    • Nel 2004 i ricercatori Gregory Acs e Sandi Nelson hanno concluso la loro ricerca con queste parole: «studio dopo studio costantemente i documenti dicono che, in media, i bambini che vivono con i propri genitori sposati, biologici o anche adottivi, se la passano meglio su una serie di indicatori rispetto ai bambini in qualsiasi sistema vivente».

     

    • Nel 2004, uno studio realizzato da “Urban Institute” ha rilevato che «vivere con genitori conviventi non è così benefico per i bambini come vivere con genitori sposati». Valutando tutta una serie di studi precedenti, i ricercatori hanno tentato di spiegare il motivo per cui «i bambini vivono con conviventi non se la passano così come i bambini che vivono con genitori sposati».

     

    • Nel giugno 2004 ricercatori del dipartimento di Psicologia dell’Università di Denver hanno mostrato che coloro che hanno convissuto prima del matrimonio hanno avuto maggiori interazioni negative, minore impegno interpersonale, un inferiore qualità del rapporto, più bassi livelli di fiducia rispetto alle persone che non hanno convissuto prima del matrimonio (anche dopo aggiustamenti sulla durata della convivenza). I risultati suggeriscono dunque che coloro che convivono prima del matrimonio sono a maggior rischio per una povertà di risultati coniugali.

     

    • Nel maggio 2004 uno studio su “Journal of Marriage and Family” ha mostrato che i bambini che vivono in famiglie con genitori biologici conviventi sperimentano risultati peggiori, in media, rispetto a quelli che risiedono con due genitori biologici sposati. Tra gli adolescenti dai 12-17 anni, la convivenza dei genitori è associata negativamente al benessere, a prescindere dai livelli economici.

     

    • Nel febbraio 2004 sul Journal of Marriage and Family si è valutato il benessere dei figli cresciuti in famiglie ricostituite (campione 13 mila), arrivando alla conclusione che gli adolescenti che vivono con genitori acquisiti, spesso conviventi, hanno uno sviluppo peggiore rispetto ai loro coetanei che vivono con due genitori biologici sposati, e gli adolescenti che vivono in famiglie ricostituite conviventi vivono un’esperienza di maggiore svantaggio rispetto ai loro coetanei che vivono in famiglie ricostituite coniugate.

     

    • Nel novembre 2003 uno studio su “Journal of Marriage and Family” ha rilevato che gli adolescenti che vivono con genitori acquisiti o conviventi spesso vivono una situazione peggiore rispetto ai loro coetanei che vivono con i due genitori biologici sposati. I risultati, spiegano gli autori, contribuiscono alla comprensione del dibattito sulla convivenza circa l’importanza del matrimonio per i bambini.

     

    • Nell’agosto 2003 uno studio pubblicato su “Journal of Marriage and Family” ha rilevato che i coniugi che hanno convissuto prima del matrimonio hanno anche riferito una qualità inferiore del loro rapporto coniugale e una maggiore instabilità della relazione.

     

    • Nel maggio 2003 uno studio del “Center for Law and Social Policy” ha rilevato che in media i bambini che crescono in famiglie con entrambi i genitori biologici lo fanno in modo migliore rispetto a coloro che crescono con genitori single o conviventi. Rispetto ai bambini cresciuti da genitori sposati, i bambini in altri tipi di condizioni hanno più probabilità di raggiungere livelli più bassi di istruzione, diventare genitori adolescenti, maggiori problemi di salute mentale e maggiore povertà.

     

    • Nel 2003 uno studio sociologico ha rilevato che i bambini che vivono con genitori sposati (sia biologici che adottivi) provano meno esperienze di disagio materiale rispetto ai bambini che vivono con madri sole, con genitori conviventi o acquisiti

     

    • Nel 2002 una ricerca basata sui dati del National Longitudinal Study Educational (Nels), pubblicata su “Demography”, ha scoperto che gli adolescenti che vivono con genitori non sposati (conviventi) hanno meno probabilità di arrivare al diploma di scuola superiore o di frequentare il college, sono più propensi a fumare o bere, e più propensi ad avviare precocemente l’attività sessuale.

     

    • Nel 2002 sul “Journal of Marriage and Family” ricercatori della Pennsylvania State University hanno rilevato che le coppie che convivono prima del matrimonio hanno una maggiore instabilità coniugale rispetto alle coppie che non convivono. Inoltre, i coniugi che convivono prima del matrimonio presentano più alti tassi di separazione coniugale e di divorzio

     

    • Nel 2002 ricercatori della Pennsylvania State University hanno pubblicato sul “Journal of Marriage and Family” i risultati di uno studio secondo cui le coppie che convivono prima del matrimonio presentano una maggiore instabilità coniugale rispetto alle coppie che non convivono.

     

    • Nel 2002 uno studio realizzato dal Max-Planck-Institut, intitolato “Dissolution of unions in Europe: A comparative overview” e basato su 17 Paesi nord americani e europei ha mostrato che – senza eccezioni – le convivenze hanno una più bassa probabilità di sopravvivere, rispetto ad unioni iniziate direttamente con un matrimonio. Non solo, ma -scrivono i ricercatori- «alcuni paesi europei sono caratterizzati da particolarmente stabili modelli familiari. Questi paesi si trovano in diverse zone d’Europa, ma tutti hanno in comune la caratteristica di essere fortemente dominati dalla confessione cattolica», ed inoltre, «le coppie che iniziano la loro unione con la convivenza sono esposte a rischi di perturbazione notevolmente superiori rispetto alle coppie che iniziano a vivere insieme solo dopo il matrimonio». Paesi con una quota più alta di unioni di fatto sperimenteranno un’alta proporzione di unioni instabili.

     

    • Nel 2002 i ricercatori E. Dourleijn E e A. Liefbroer hanno confermato che le persone che convivono e non sono sposate e le persone che hanno convissuto prima del matrimonio (ex conviventi), presentano un più alto rischio di scioglimento dell’unione sentimentale rispetto a coloro che hanno iniziato la convivenza dopo il matrimonio. Gli ex conviventi hanno infatti un basso livello di impegno rispetto al matrimonio in generale, un atteggiamento negativo sulla vita familiare o presentano personalità o caratteristiche socio-economiche che li predispongono alla dissoluzione della relazione. I risultati rivelano anche che se la convivenza è praticata da circa la metà della popolazione, allora gli ex conviventi si trovano ad avere circa gli stessi rischi di dissoluzione delle persone sposate, «tuttavia, i loro rischi di scioglimento saranno sempre superiori a quelli delle persone che si sono sposate subito senza convivere prima».

     

    • Nel 2002 su “Journal of Marriage and Family” uno studio ha mostrato che vivere separati da entrambi i genitori biologici, indipendentemente dal motivo, è associato ad un aumentato rischio di divorzio in età adulta. In particolare, i bambini nati fuori dal matrimonio, anche se non hanno sperimentato il divorzio dei genitori o la loro morte, avvertono un rischio molto elevato di interruzioni coniugali quando saranno adulti.

     

    • Nel 2002 lo studio “The Kids Are Alright? Children’s Well-Being and the Rise in Cohabitation” ha rilevato che i bambini hanno molta meno probabilità di essere poveri, di soffrire di insicurezza alimentare, di leggere raramente, e avere problemi comportamentali, se essi vivono all’interno di una coppia sposata, piuttosto che con genitori conviventi. I figli di questi ultimi hanno comunque qualche beneficio in più rispetto ai bambini che vivono con madri single.

     

    • Nell’ottobre 2002 i ricercatori W. Sigle-Rushton e S. McLanahan hanno espresso preoccupazione per l’aumento delle convivenze piuttosto che il matrimonio, del sesso prematrimoniale, del tasso di divorzi poiché un grande corpo di ricerca indica in modo chiaro che tutto questo ha un impatto deleterio sui bambini, sulle famiglie e sula società nel suo complesso. In particolare lo studio ha dimostrato che i bambini cresciuti in con madri single sono svantaggiati rispetto ai loro coetanei e questo inconveniente persiste oltre l’infanzia. L’assenza del padre inoltre porta a risultati negativi nel rendimento scolastico, nella salute psicologica, maggiori comportamenti delinquenziali e minore benessere economico e delle relazioni in età adulta.

     

    • Nel giugno 2002 i sociologi Kristin Anderson Moore, Susan M. Jekielek e Carol Emig, attraverso il loro studio, hanno dimostrato che esiste un ampio corpus di ricerche che indicano come i bambini si sviluppano meglio quando crescono con entrambi i genitori biologici, all’interno di un matrimonio. Hanno affermato in particolare: «non è semplicemente la presenza di due genitori, ma è la presenza di due genitori biologici che sembra sostenere lo sviluppo dei bambini». Essi hanno concluso promuovendo strategie per la riduzione delle nascite fuori del matrimonio e invitando a sostenere i matrimoni stabili.

     

    • Nel 2001 uno studio realizzato dall’Urban Institute ha mostrato che gli adolescenti (sia bianchi che ispanici) che vivono in famiglie con genitori conviventi presenta una situazione peggiore, in media, rispetto a quelli che vivono con madri single: mostrano significativamente più probabilità di un minor impegno scolastico, hanno più probabilità di essere sospesi o espulsi dalla scuola (sempre rispetto a quelli che vivono con una madre single). «La nostra analisi», scrivono i ricercatori, «dimostra che vivere con una madre single e il suo fidanzato non è migliore di vivere con soltanto una madre single. In molti casi (in particolare per i bianchi e gli ispanici), è significativamente peggiore. I risultati più favorevoli che osserviamo, invece, sono per gli adolescenti che vivono con i loro genitori biologici, che sono sposati l’uno all’altro»

     

    • Nel novembre 2001 una ricerca su “Journal of Marriage and Family” ha mostrato che il divorzio dei genitori ha approssimativamente raddoppiato le probabilità che i figli avrebbero visto a loro volta la fine del proprio matrimonio con un divorzio. Invece, i figli che hanno visto i loro genitori rimanere sposati, anche se con difficoltà, non hanno rilevato un elevato rischio di divorzio.

     

    • Nell’agosto 2001 uno studio ha mostrato come gli adolescenti maschi e femmine provenienti da famiglie divorziate presentano maggiori problemi accademici, psicologici e comportamentali di coetanei i cui genitori restano sposati. Le analisi indicano che le adolescenti di sesso femminile hanno più probabilità di essere colpite dal processo di divorzio dei genitori, rispetto agli adolescenti di sesso maschile.

     

    • Nel 2001 uno studio della Florida Atlantic University basato su oltre 400.000 omicidi commessi tra il 1976 e il 1994, si è concentrato sul tasso di uxoricidio (l’omicidio di una donna dal suo partner). Si è riscontrato che l’incidenza di uxoricidio era nove volte superiore nelle donne che convivevano con gli uomini rispetto a quelle che erano invece sposate.

     

    • Nel maggio 2000 uno studio sul “Journal of Marriage and Family” ha mostrato che rispetto ai bambini cresciuti con madri vedove, i figli cresciuti con madri divorziate presentano livelli significativamente più bassi di istruzione, stato occupazionale e felicità in età adulta.

     

    • Nel 2000 uno studio pubblicato su “Journal of Health and Social Behavior” ha confrontato la convivenza con il matrimonio, rilevando che i conviventi maschi e femmine, in particolare, presentano livelli più elevati di depressione (2,8 volte in più) e maggiori livelli di consumo di alcol, rispetto ai loro coetanei sposati.

     

    • Nel 2000 una relazione dell’U.S. Department of Justice, intitolata “Intimate Partner Violence” ha rilevato che le donne sposate nelle famiglie tradizionali presentano un minor tasso di violenza, al contrario delle donne unite in altri tipi di relazioni. Le donne non sposate al loro “partner intimo” (cioè, erano conviventi), hanno infatti registrato un tasso di violenza quattro volte superiore a quello delle donne sposate (11,3 per mille rispetto a 2,6 per mille).

     

    • Nel 2000 la sociologa Linda Waite, esperta in famiglia e matrimonio, e il sociologo Maggie Gallagher, hanno spiegato nel loro libro The Case for Marriage: Why Married People are Happier, Healthier and Better Off Financially (Doubleday, 2000), che «le persone sposate sono più felici, più sane e hanno migliori condizioni economiche: infatti, praticamente tutti gli studi realizzati hanno scoperto che uomini e donne sposati sono più felici dei single. Il vantaggio della felicità per le persone sposate è molto grande e molto simile per uomini e donne, e appare in ogni paese su cui abbiamo informazioni» (pag. 168). Inoltre, dallo studio è emerso che le persone sposate sono molto più capaci di essere fedeli rispetto ai loro coetanei conviventi, in particolare gli uomini conviventi hanno presentato quasi quattro volte più probabilità, rispetto ai mariti, di aver tradito l’anno precedente, ma anche le donne conviventi -generalmente più fedeli degli uomini-, hanno presentato otto volte più probabilità, rispetto alle mogli, di tradire il partner

     

    • Nel 2000 il prof. il prof. David Popenoe, docente di sociologia e co-direttore del National Marriage Project presso la Rutgers University, ha scritto il libro “Life without Father” nel quale ha documentato come «il declino della paternità è uno dei problemi più inquietanti che affliggono la società americana: criminalità, sessualità prematura e fuori dal matrimonio, nascite da adolescenti, deterioramento rendimento scolastico, depressione, abuso di sostanze e di alienazione tra gli adolescenti, e la numero crescente di donne e bambini in condizioni di povertà derivano da essa».

     

    • Nel 1998 una ricerca su “Journal of Marriage and Family” ha rilevato che il rischio del consumo di droga è più alto tra gli adolescenti in custodia a padri non biologici (padre acquisito) e a padri single, anche dopo aver aggiustato gli effetti per sesso, età, razza-etnia e reddito familiare. Il rischio di uso di droga è più basso nei figli cresciuti in famiglie con madre e padre biologici.

     

    • Nel 1998, un importante studio sul “Journal of Marriage and the Family” ha esaminato il legame tra felicità personale e lo stato civile in 17 diverse nazioni industrializzate, trovando che le persone sposate hanno un livello significativamente più alto di felicità rispetto alle persone non sposate. Questo effetto era indipendente a protezioni finanziarie e alle variabili di controllo, comprese le condizioni socio-demografiche e di carattere nazionale.

     

    • Nel 1998 il docente di sociologia all’Università della Virginia, Steven L. Nock, ha pubblicato il libro “Marriage in Men’s Lives” (Oxford University Press 1998) nel quale spiega e dimostra come il matrimonio e la paternità promuovano un senso di scopo, un maggiore impegno e responsabilità che porta gli individui a proteggere la loro salute al fine di prendersi cura degli altri

     

    • Nel 1996 è stato pubblicato il volume “Life without father” (The Free Press 1996) di David Popenoe, professore emerito di Sociologia persso la Rutgers University, nel quale si dimostra come i bambini nati al di fuori matrimonio hanno cinque volte più probabilità di vivere in povertà, rispetto a chi cresce all’interno famiglie stabili e intatte. Inoltre questi bimbi presentano due o tre volte più probabilità di avere problemi psichiatrici da adolescenti. Il sociologo spiega che, anche se è evidente che vi siano casi in cui bambini allevati da genitori single non presentano questi problemi, sono però un’eccezione: «in tre decenni di attività come scienziato sociale, conosco pochi altri organismi di dati in cui il peso delle prove è così decisamente concorde sul fatto che i bambini nati in famiglie con due genitori sono preferibili a quelle con un solo genitore e a genitori non sposati», ha affermato Popenoe a pag. 176

     

    • Il 6 aprile 1995 con un articolo su “The New England Journal of Medicine” viene recensito uno studio realizzato da Sara McLanahan e Garry Sandefur. Si legge: «C’è bisogno di preoccuparsi per l’aumento delle famiglie monoparentali, o si tratta semplicemente di stili di vita alternativi, senza conseguenze per lo sviluppo del bambino? I dati raccolti da McLanahan e Sandefur dimostrano inequivocabilmente che i bambini hanno bisogno di due genitori. Non è che le madri single non possono crescere figli che diventeranno adulti con successo, la maggior parte lo fanno. Ma il rischio di un esito sfavorevole è molto più elevato per i bambini in famiglie monoparentali rispetto a quelli in famiglie con due genitori. I dati dimostrano che i bambini che crescono in famiglie monoparentali, se i genitori non sono sposati, o sono separati o divorziati, hanno il doppio del rischio di andare male a scuola, problemi comportamentali, abbandono della scuola superiore, essere senza lavoro, mentre per le ragazze c’è il doppio del rischio di diventare madri adolescenti». Questo perché «separazione e divorzio sono evidenti fattori di stress per i bambini», inoltre con «il nuovo matrimonio molti bambini devono adattarsi ai genitori acquisiti e fratellastri, un terzo di questi secondi matrimoni finisce in un altro divorzio, portando ad ulteriore stress».

     

    • Nel gennaio 1995 Steven L. Incocco dell’University of Virginia ha pubblicato uno studio su “Journal of Family Issues” rilevando che le persone conviventi hanno maggiore probabilità di esprimere livelli più bassi di impegno nelle loro relazioni, di riferire livelli inferiori di felicità nelle loro relazioni e di avere rapporti con i genitori più poveri rispetto alle persone sposate.

     

    • Nel 1994 uno degli studi più grandi e sofisticati mai condotto sulla sessualità negli Stati Uniti ha rilevato che, condotto da Robert T. Michael, John H. Gagnon, Edward O. Laumann e Gina Kolata, ha rilevato che le persone che hanno riferito i massimi livelli di soddisfazione sessuale fisica ed emotiva sono coppie sposate, arrivate al matrimonio senza precedenti esperienze sessuali

     

    • Nel 1993 uno studio pubblicato su “American Sociological Review” ha mostrato come l’esperienza del divorzio e della disgregazione familiare durante l’infanzia aumenta notevolmente le probabilità di avere un basso stato occupazionale in età adulta. Al contrario, i soggetti che provengono da ambienti familiari composti dai due genitori biologici mostrano l’opposto.

     

    • Nel 1992 sulla rivista “Journal of Marriage and Family” uno studio ha rilevato che genitori single, matrigne e patrigni e partner conviventi offrono meno attenzioni positive ai bambini rispetto ai genitori originali. Secondo i ricercatori questo è dovuto al fatto che due adulti sono più efficaci di uno, e che i genitori adottivi o acquisiti sono maggiormente estranei riguardo ai bambini.

     

     

    • Nel 1992 ricercatori della Bowling Green State Univeristy hanno dimostrato che la convivenza è associata ad un rischio maggiore di scioglimento, tanto che la moltitudine di dati ha portato ad affermare che la probabilità maggiore di divorzio dopo la convivenza «sta iniziando ad assumere lo status di una generalizzazione empirica».

     

    • Nel 1992 una ricerca condotta congiuntamente da ricercatori dell’Università di Yale e dell’Università della California ha rilevato che uno dei risultati più consistenti in epidemiologia psichiatrica è che le persone sposate godono di una migliore salute rispetto a quelle non sposate. I ricercatori hanno riscontrato il maggior numero di disturbi mentali tra i divorziati e separati, mentre il tasso più basso era tra le persone sposate. Single e vedovi erano in una fascia intermedia.

     

    • Nel 1992 sociologi dell’Università del Wisconsin-Madison hanno pubblicato uno studio attraverso il quale si dimostrava che le coppie che avevano convissuto prima di sposarsi riferivano una peggiore qualità del loro matrimonio, un minore impegno, una visione più individualistica ed una maggiore probabilità di divorzio rispetto alle coppie che non avevano convissuto. Gli effetti negativi crescevano al crescere del periodo di convivenza.

     

    • Nel 1991 su “American Sociological Review” è stato rilevato che i bambini che vivono con i genitori single o genitori acquisiti in una convivenza (o secondo matrimonio) ricevono meno incoraggiamento e meno aiuto nell’attività scolastica rispetto ai bambini che vivono con entrambi i genitori naturali (biologici).

     

    • Nel 1991 una rassegna di oltre 130 studi pubblicati negli ultimi 100 anni, realizzata da ricercatori dell’University of California, ha mostrato un alto impatto sul benessere personale dovuto al matrimonio. Le persone sposate, infatti, hanno mostrato una miglior salute e benessere rispetto alle persone in qualsiasi altra categoria relazionale.

     

    • Nel 1990 lo studio intitolato “Mortality Differentials by Marital Status: An International Comparison” ha rilevato che uomini di mezza età non sposati, siano essi single, divorziati o vedovi, hanno in media due volte più probabilità dei loro coetanei sposati di morire prematuramente. Le donne non sposate, invece, presentano circa una volta e mezzo più probabilità di morte prematura rispetto alle donne sposate. Questi risultati sono coerenti a livello internazionale.

     

    • Nel 1989 i ricercatori Lois Verbrugge e Donald Balaban hanno rilevato che le donne e gli uomini non sposati generalmente trascorrono il doppio del tempo come pazienti negli ospedali rispetto ai loro coetanei sposati.

     

    • Nel 1988, una ricerca di ricercatori dell’Università del Wisconsis pubblicato sull’American Sociological Review ha esaminato gli effetti della disgregazione della famiglia nell’infanzia sull’esperienza familiare da adulti, rilevando una forte evidenza del fatto che le donne che trascorrono parte della loro infanzia in famiglie monoparentali sono più propense a sposarsi e avere figli precocemente, a partorire prima del matrimonio, e vedere rompere il loro matrimonio.

     

    • Nel 1988, l’American Sociological Review ha pubblicato una ricerca secondo cui il tasso di divorzio o scioglimento della coppia per coloro che avevano convissuto prima del matrimonio era superiore dell’80% rispetto a coloro che non avevano mai convissuto.

     

    • Nel giugno 1988 uno studio sul “Journal of Family Issues” ha completamente respinto l’idea che la convivenza prima del matrimonio migliori la scelta del partner. Essa è infatti risultata essere negativamente correlata all’interazione coniugale e positivamente correlata al disaccordo coniugale e alla propensione al divorzio.

     

    • Nel 1984 lo psicologo E. Greenberger si è concentrato sul confronto tra crescita dei bambini in famiglie monoparentali e con due genitori, rilevando che contributi essenziali per lo sviluppo ottimale dei bambini, come l’indipendenza e l’individualità, sono virtualmente impossibili da offrire per chi è single e che la famiglia è l’ambito primo e più importante per lo sviluppo di sentimenti sul sé.

     

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace