5×1000: flop dell’UAAR e dell’Arcigay

5X1000In base ai dati pubblicati dall’Agenzia delle Entrate sul 5×1000, con la dichiarazione dei redditi del 2011, l’associazione Emergency di Gino Strada ha ricevuto il maggior numero di firme (363.070), per un importo totale di 10,6 milioni di euro. Seconda e terza classificate sono Medici Senza Frontiere (264 mila firme per 8,7 milioni) e l’Associazione italiana per la Ricerca sul cancro (274 mila firme per 6,5 milioni).

Oltre alle meritorie attività di tante organizzazioni laiche, numerosissime ovviamente le scelte anche verso le associazioni cattoliche: si nota nei primi posti della classifica l’Associazione Worldfamily of Radio Maria (88mila firme per 2 milioni di euro), seguito dal Movimento Cristiano Lavoratori (98mila firme per 1,5 milioni). Nei primi venti anche l’Associazione Opera San Francesco per i poveri (35mila firme per 1,3 milioni), nonché l’Associazione Missioni Don Bosco (30mila firme per 916 mila euro). Più sotto la Caritas italiana e decine di altre, qui il rendiconto completo.

Peccato che il quotidiano “Repubblica”, oltre ad aver inventato i numeri (scrive che l’Associazione italiana per la Ricerca sul cancro si sarebbe aggiudicata 55 milioni!!), faccia una marchetta alla fantomatica UAAR – Unione Atei Agnostici Razionalisti, scrivendo: «La fede, anche nel paese del Vaticano, non sempre paga: l’Unione degli atei e agnostici razionalisti ha ricevuto 140mila euro».

Leggendo l’articolo sembra quasi che i simpatici uaarini siano riusciti a risalire dal fondo del barile nel quale sono precipitati dopo gli scandali degli anni scorsi, magari grazie all’aiuto dei curatori d’immagine a cui si sono dovuti rivolgere per risollevare le loro sorti, come fa chi ha un prodotto da vendere sul mercato (“il brand Uaar, per un ateo che non deve chiedere mai!”). Occorre però contestualizzare, come sempre: l’associazione di atei fondamentalisti, nonostante esista dal 1987, abbia visibilità nazionale e una forte presenza sul web grazie a persone che appositamente vi lavorano e vi investono denaro per pubblicità, ha convinto soltanto 3.400 persone a destinare a suo favore il 5×1000, per un totale 140mila euro. Meglio di loro, per dare un’idea, ha fatto con 8.900 firme un’associazione di carattere regionale come l’ISCOS Emilia Romagna Onlus, impegnata nella cooperazione.

Occorre anche dire che coloro che hanno scelto di destinare il 5×1000 all’UAAR sono in calo rispetto al 2010, i quali erano 3.635 per 156mila euro. Dunque ben 235 persone hanno deciso in un anno di interrompere il sostegno all’UAAR, anche perché tra i suoi obiettivi non ha certo la beneficenza e la solidarietà ma è esclusivamente concentrata nella difesa degli atei dai terribili credenti e nel proselitismo laicista e anticlericale. Il primo obiettivo appare totalmente inutile in una società  tollerante e rispettosa come quella cristiana, il secondo è caratterizzato da un “essere contro”, che inevitabilmente allontana le persone più moderate e civili. Per onestà intellettuale occorre dire che nel 2011 l’UAAR ha destinato ben 500 euro (sic!) ad una associazione che distribuisce preservativi in Africa (avendone però usate 700€ in vignette satiriche verso il Papa e la Chiesa, come si evince dal suo rendiconto online).

Il calo di sostenitori lo si nota, fortunatamente, anche per l’Associazione Luca Coscioni e dovrà rivedere i suoi piani di indottrinamento LGBT anche Franco Grillini, presidente dell’Arcigay. Soltanto 350 persone in Italia hanno creduto all’emergenza omofobia in Italia propagandata dai media gay friendly. Oltre il danno, le due beffe: l’Arcigay nel 2011 ha perso quasi la metà dei suoi sostenitori (nel 2010 erano 643) e la Guardia Nazionale Padana ha quasi il doppio di preferenze, avendo trovato 615 persone a suo sostegno.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

43 commenti a 5×1000: flop dell’UAAR e dell’Arcigay

« nascondi i commenti

  1. controinformato ha detto

    “nel paese del Vaticano”?

    ma questo c’è o ci fa?

    0
    • manuzzo ha detto in risposta a controinformato

      Infatti, i soliti laicisti sono convinti di “ospitare” il Vaticano in casa. Significa che oltre a non credere in fatti di storia ben noti, non credono nemmeno alla breccia di porta pia? non credono che i Savoia, dopo aver fatto il bello e il cattivo tempo nel Regno delle Due Sicilie, hanno conquistato e sottomesso lo Stato Pontificio? certo che il revisionismo storico ateo è una cosa che ti manda in tilt il cervello.

      0
      • geminitolk ha detto in risposta a manuzzo

        Ha ragione Cacciari l’Italia senza il Vaticano non conterebbe niente.

        0
      • Emanuele ha detto in risposta a manuzzo

        purtroppo non é revisionismo, é la verità trasmessa da tutte le scuole di ogni ordine e grado dello Stato italiano (paritarie comprese).

        La storia vera non viene insegnata, non certo a scuola… I padri del risorgimento sono tutti eroi integerrimi; Borboni, Papa, Lorena, etc. tutti sanguinari oppressori del popolo… Che stranamente come a Gaeta li ha difesi fino alla fine…

        E guai a riportare i veri fatti storici… Per chi ci prova il linciaggio é assicurato… Come per la Pellicciari, denunciata per antisemitismo, “rea” di aver letto in classe un passaggio di Hitler, mentre appunto spiegava la “soluzione finale”… Guai leggere i documenti originali! Qualcuno potrebbe aver vogli di leggere i carteggi di Cavour o Garibaldi, i giornali dell’epoca, i verbali delle sedute dei primi parlamenti italiani… Meglio i manuali, ripuliti da ogni nota di biasimo…

        0
  2. Cino ha detto

    Il prossimo anno speriamo che le scelte a favore degli “amici del canile-Carbonia” superi quelle dello UAAR 😀

    0
  3. geminitolk ha detto

    Ma andate a lavorare… invece che chiedere soldi allo Stato!

    0
    • manuzzo ha detto in risposta a geminitolk

      è proprio questo il punto: l’otto per mille non sono soldi dello stato, stando al testo unico delle imposte sui redditi, è solo una “beneficenza forzata”. E chiedere della beneficenza per deridere il papa (o chiunque altro) fa notare come siano “brave persone” questi atei militanti… stendiamo poi un velo pietoso sul mandare preservativi in Africa: se pensano di sconfiggere così malattie e povertà, facciano pure quei poveri illusi, se davvero ci credono, mi fanno tanta tenerezza….

      0
      • geminitolk ha detto in risposta a manuzzo

        L’otto per mille fa parte di un Concordato internazionale…
        Ma questi che fanno? Fanno propaganda antireligiosa, irridono i credenti e favoriscono l’agenda pro-death che ci danneggia in campo economico (meno figli.-meno crescita)…
        In tempi di crisi non sarebbe giusto rivedere il sistema ed evitare che i soldi vadino a quattro burloni (per non dire peggio) che sperperano i denari in false sindone etc?

        0
        • Emanuele ha detto in risposta a geminitolk

          …attenzione, perchè rivedere il sistema potrebbe essere l’occasione per abolirlo, ridimensionarlo o escludere la Chiesa, per un fantomatico senso della laicità…

          0
  4. Andrea. ha detto

    Non male, davvero non male. Sono ovunque ma non prendono quasi nulla.

    Spero almeno che sia un segnale che, a dispetto del sessantottinismo imperante nei media, il “lavaggio del cervello” non stia funzionando poi così bene…

    0
  5. Sophie ha detto

    L’avete sentito che la Idem vuole fare una legge per i matrimoni gay? (Non la chiamo ministro perchè non è il mio ministro nè tantomeno l’ho votata)

    0
    • geminitolk ha detto in risposta a Sophie

      Il bello è che certi tizi se ne escono con queste proposte credendosi dei politici. La politica non si improvvisa! Perché l’equazione: politica=bisogni dei cittadini non sempre è reale, perché non tutto quello che si vede è vero.

      0
      • Sophie ha detto in risposta a geminitolk

        Semplicemente penso che questo Governo sia un Governo imposto che nessuno ha votato quindi non mi puoi imporre una cosa che non voglio solo perchè adesso nel mondo è di moda!

        0
        • edoardo ha detto in risposta a Sophie

          Se ci pensi un po’, non è vero che nessuno lo ha votato.
          I partiti di questo governo sono stati votati dalla metà degli elettori, anche se oggi i rapporti interni alla maggioranza sarebbero diversi.
          E poi….o questo governo o un governo Grillo-Vendola con la sinistra PD.
          Quale preferiresti?

          0
          • EquesFidus ha detto in risposta a edoardo

            Nessuno dei due, sarebbe stato meglio.
            Tralasciando il fatto che la destra italiana praticamente non esiste più (grazie a Berlusconi, che l’ha accorpata ed egemonizzata e che quindi, una volta in galera o morto, diventerà pressoché priva di peso politico per anni ed anni), la qual cosa mi fa imbestialire, l’unica alternativa ammissibile era un governo di centro alleato con fazioni moderate di sinistra e non-berlusconiane (le poche esistenti) di destra. Il centro ha preso però il 15% di voti, l’UDC per poco non è pervenuta in Parlamento (un crollo della metà rispetto al 2008, notare bene, indice anche di una campagna elettorale approssimativa e poco efficace) ed il grande trionfo è stato quella della trinità PDL-PD-M5S e loro alleati (incluso il SEL). In sostanza, lo scenario politico è frammentario in maniera devastante e, per giunta, dominato da forze laiciste (sì, anche nel PDL ce ne sono, e non meno che in altri partiti), con tutte le conseguenze del caso. Dato che Letta non ha la benché minima voglia di invitare Napolitano ad uno scioglimento delle Camere dopo la riforma elettorale (ci mancherebbe, il colpaccio di diventare presidente del Consiglio l’ha fatto ormai) questo è il governo che ci tocca sorbire. Fratelli, prepariamoci perché la battaglia in Italia non è mai stata così dura dal ’78!

            0
          • Sophie ha detto in risposta a edoardo

            Nessuno dei due

            0
    • EquesFidus ha detto in risposta a Sophie

      Non potevano lasciare costei (che di politica non sa niente) a fare il Ministro dello Sport (di cui perlomeno conosce diverse cose, sicuramente più del cittadino medio), anziché metterla laddove sta? Che sia una laicista , che una certa parte della Chiesa (incluso Bagnasco) sia in una fase di “compromissivismo” e che l’armata Brancaleone della lobby LGBT voglia al più presto (e possibilmente senza passare da un referendum, che avrebbe un esito incerto e, se ce la facessero, vincerebbe non in maniera schiacciante) il “matrimonio” gay ed il lavaggio del cervello all’ideologia gender (tramite corsi nelle scuole, discriminazione agli “omofobi” e privilegi per i gay) credo siano fatti. Ad ogni modo è interessante notare il dopppiopesismo ed il prostrarsi del governo (perfettamente ricattabile, vista la frammentarietà) dinanzi a qualunque capriccio di una certa parte del PD, SEL e delle associazioni gay.

      0
      • Sophie ha detto in risposta a StefanoPediatra

        Alè

        0
      • edoardo ha detto in risposta a StefanoPediatra

        Lo sai che è da un po’ di tempo che sta guadagnando spazio dentro di me l’idea che presto o tardi si arriverà ad una situazione di guerra aperta?
        Questo progetto di rivoluzione “fredda”, senza una guerra dichiarata, elaborato molto furbescamente ed altrettanto efficientemente messo in atto, arriverà a generare una catena di risentimenti, discriminazioni e odi che il rischio che si possa arrivare alle armi vere, di metallo ed esplosivo e non di carta stampata e computer, si concretizza sempre di più.
        Mentre questi costruivano il loro progetto di rivoluzione di velluto con la teoria del gender e le future discriminazioni ed indottrinamento obbligatorio delle nuove generazioni, chi li avrebbe dovuti contrastare che faceva? Si godeva i privilegi di una gestione disonesta di cariche pubbliche. Così sono diventati smidollati, drogati dei piaceri in cui affogavano ed hanno in tal modo seppellito il concetto stesso di democrazia.
        Gli articoli che hai postato della Bussola Quotidiana sono drammatici.
        Se non ti adeguerai a loro, sarai estromesso da ogni beneficio sociale.
        E la Chiesa che fa? Metà chiesa è smidollata come i politici, e l’altra metà combatte una guerra di forze impari.
        La Chiesa non sparirà: sarà schiavizzata e si adeguerà al nuovo ordine lbgt, e quella parte che combatterà sarà bersaglio di attacchi inauditi.
        In questa ottica è bene che l’europa sia invasa da milioni di extracomunitari, tanto, tolto il cristianesimo, cos’abbiamo di decente da opporre? Una chiesa smidollata e tenuta in vita perché funzionale ai potentati lbgt? Hai letto il comportamento tenuto dalla chiesa di Venezia nei confronti di quell’insegnante di religione che aveva parlato delle unioni omosessuali in classe? E’ chiesa quella lì? Tanto vale che vengano qua milioni di extracomunitari con le loro credenze e le loro usanze, tanto, cos’abbiamo da perdere?

        0
        • geminitolk ha detto in risposta a edoardo

          Vorrà dire che combatteremo anche noi… Vedremo se siamo veramente cristiani! Forse questa una prova… ?

          0
        • Kosmo ha detto in risposta a edoardo

          E che p**e ogni volta che fai con sti extracomunitari!
          Lo sai che sono musulmani?
          Lo sai che i primi che appenderanno per le pa**e quando prenderanno il potere saremo proprio noi?

          0
          • edoardo ha detto in risposta a Kosmo

            Sono musulmani…e allora?
            Gli atei sono meglio?
            I musulmani almeno ti attaccano frontalmente, gli atei alle spalle perché è nella loro natura viscida di debosciati.
            Se devo scegliere, piuttosto di diventare ateo, mi faccio musulmano, guarda!
            La tolleranza religiosa sventolata dagli atei è solo una facciata ingannevole per allentare la resistenza nei loro confronti.
            Quelli, se non sei inquadrato nella loro teoria del gender e ti dichiarerai gay-friendly (anche sessualmente, ci puoi contare), arriveranno a creare le condizioni per buttarti fuori dal lavoro e ti porteranno via anche i figli con l’accusa di inculcargli l’omofobia.
            Quelli sembrano meglio dei musulmani, ma non lo sono.
            Adottano solo strategie diverse, gli uni più dirette, gli altri più proditorie.
            Io preferisco affrontare un nemico frontalmente, piuttosto di dovermi difendere da un nemico diffuso ed invisibile che diffonde sul web veleno per gli adolescenti.
            E ti farò un bell’esempio chiaro e lampante:
            ho cancellato l’accesso ad una pagina Facebook che frequentava mia figlia tredicenne, in cui compariva questa frase: se i tuoi genitori ti seguono, vuol dire che non ti vogliono bene. Questa frase era su un sito di heavy metal di questi semisatanici in cui c’era anche l’immagine di Cristo in forma di cartone animato, sfumata con la scritta: io non esisto.
            E questo è solo uno degli INNUMEREVOLI esempi che potrei fare, di siti MERDOSI E DELINQUENTI a cui i nostri figli adolescenti hanno accesso con quei telefonini che vanno in internet.
            Negli anni 70 c’era l’eroina, oggi c’è il web.
            Riconfermo quello che ho detto: meglio un musulmano che un ateo.
            Meglio un guerriero combattente che un viscido che cerca di penetrare nella mente degli adolescenti confondendoli col FUMO DI SATANA.

            0
  6. MarcoF ha detto

    Poveracci…. sono la parodia di loro stessi!! 😉

    0
  7. Emanuele ha detto

    sì, comunque 140.000 € non sono pochi…

    0
  8. EquesFidus ha detto

    “Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.” (Mt 7,21)

    0
  9. controinformato ha detto

    certo che farsi battere dalla Guardia Nazionale Padana…

    0
  10. carlo ha detto

    Sono abastanza dispiaciuto di leggere questo articolo, ke oltre a nn condividere è stata una perdita di tempo, nel ocuparse di sciocheze, gia il Vaticano a una potente torre da propalare le loro stupidagine e a questo glie dovrei aggiungere altre. x piacere, basta no?

    0
  11. francesco nigiri ha detto

    chi ha peccato scagli la prima pietra … e noi di pietre riguardo gli scandali vaticani ne abbiamo davvero tanti quindi,…

    0
    • Redazione UCCR ha detto in risposta a francesco nigiri

      Ma noi chi? francesco nigiri, Giorgio Trabasso, Carla Comencini e tutti gli altri nomi con lo stesso indirizzo IP che cercano di pubblicare commenti fingendosi cristiani con obiettivi di pura provocazione?

      E’ lecito (anzi, è doveroso!) criticare l’articolo e le sue eventuali ipocrisie, ma almeno chiediamo di farlo senza fingere di essere quel che non si è. Un appello a voi uaarini: dimostrate di non vergognarvi della vostra appartenenza.

      0
« nascondi i commenti