Portogallo: i comunisti si alleano ai cattolici e respingono l’eutanasia

Vittoria di misura in Portogallo, dove i comunisti si sono alleati al mondo cattolico per respingere le quattro proposte di depenalizzazione dell’eutanasia avanzate dai partiti della sinistra (che appoggiano il governo).

Il Partido Comunista Português (Pcp), infatti, secondo le parole del deputato Antonio Filipe ritiene che «non si possa affrontare la vita umana in funzione della sua utilità, degli interessi economici o di discutibili modelli di dignità sociale». Questa ferma posizione del mondo comunista, ha dichiarato mons. Duarte da Cunha, segretario generale del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, «mi ha lasciato a bocca aperta: dimostrazione che la prerogativa della difesa della vita non appartiene solo ad una parte politica o di fede».

In ogni caso, il presidente della Repubblica Marcelo Rebelo de Sousa, aveva annunciato, in caso di voto favorevole del Parlamento, il suo veto per fermare la cosiddetta morte dolce. L’arcivescovo di Lisbona, Manuel Clemente, durante una delle tante veglie e manifestazioni pacifiche organizzate dalle comunità delle differenti fedi cristiane, aveva invitato i deputati «a tener conto del fatto che la società si è espressa insistentemente per il no alla legalizzazione dell’eutanasia».

Quella portoghese è la giusta strada che i cattolici devono percorrere sui temi etici: la convergenza e l’alleanza con realtà a loro distanti, basandosi su ragioni ed argomenti laici. Lo abbiamo fatto nel nostro piccolo, pubblicando un elenco di 10 ragioni laiche, per l’appunto, contro l’eutanasia. Condivisibili da credenti e non. La bontà di questo approccio si è reso evidente anche in Italia quando gruppi importanti di femministe radicali ed attiviste lesbiche si sono unite al mondo cattolico per respingere l’accettazione sociale dell’utero in affitto.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

8 commenti a Portogallo: i comunisti si alleano ai cattolici e respingono l’eutanasia

« nascondi i commenti

  1. I'm back ha detto

    Non ho parole, l’eutanasia è un mio diritto!!

    • Aristarco De' Strigidi ha detto in risposta a I'm back

      Nessuna legge “impone” l’ eutanasia.
      Molto più semplicemente la consente a chi ne fa espressamente richiesta.
      In questa ottica sono totalmente d’ accordo, della mia vita e della mia morte in particolar modo.
      I problemi si complicano e non poco, quando il “soggetto” in questione non é in grato di dare il consenso, es. minori, soggetti in coma che non hanno precedentemente dato disposizioni, …

      • Enigma ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

        Questa risposta l’hai gia’ data su un altro sito…

        Credo che la legiferazione su tematiche etiche, e i furbacchioni questo lo sanno bene, plasmino le coscienze e modificano mentalità e percezione del giusto e sbagliato..

        Per le attuali e future generazioni, l’omicidio non sara’ poi cosi’ tanto grave, e il suicidio,beh pure consigliato…

        L’unica cosa che un po mi fa incaz….are e’ che i vecchietti di oggi all’apice della loro fine, dopo la “bella époque” dell’ “Italia del dopoguerra, dopo aver logorato e cambiato o imbruttito tutto cio’ che si poteva imbruttire, vissuti in una Italia dei valori rigenerati, delle arti e della cultura non manipolata dell’istruzione e del lavoro nobilitante …oggi ci lasciano non solo il vuoto, le briciole e le sottospecie di bruttecopie delle vecchie ideologie,ma non accontentandosi ancora i vecchietti di oggi vorrebbero pure prendersi la morte come desidererebbero loro, o meglio avere la possibilita’ di decidere male che vada come morire….

        Lasciando un altro segno importante a noi che ancora di vita ne abbiamo,che di fatica di vivere c’è ne e’ gia’ tanta ,che non sai piu’ nemmeno come convincere un figlio a vivere piuttosto che a morire.

  2. Max ha detto

    Ma guarda un po’, qualcuno capisce ancora che l’eutanasia e’ un’idea neo-liberal…

    • andrea g ha detto in risposta a Max

      Condivido; rientra un pò in quell’ottica liberal/laicista che non si cura
      di approfondire i grandi dilemmi che la questione pone (bene espressi da
      Aristarco De’ Strigid), ma che si limita a gridare “è mio diritto”
      nella dinamica del capriccio adolescenziale.

      • andrea g ha detto in risposta a andrea g

        In altre parole, l’intero castello ideologico liberal.laicista
        è un tentativo di razionalizzare un’immaturità.

  3. andrea g ha detto

    Chiedo scusa: naturalmente, ben tornato uccronline!

« nascondi i commenti