Proseguono le vittorie pro-life nel mondo

In Irlanda il mondo pro-life festeggia dopo la sconfitta del disegno di legge socialista della scorsa settimana che proponeva di legalizzare l’aborto e sanzionare penalmente la difesa della vita. Tale disegno di legge avrebbe legalizzato l’aborto nei casi in cui la vita della donna fosse in pericolo – anche per minacciato suicidio – e imposto un anno di prigione e 2000 euro di multa per chi offrisse alternative alle donne orientate ad abortire. Esso avrebbe inoltre permesso alle minorenni di abortire senza il permesso dei genitori.

La signora Niamh Ui Bhriain, capo di Life Institute, ha detto che nonostante sia solo il Partito Laburista a sostenere apertamente la legalizzazione dell’aborto, all’interno del governo vi è una silenziosa ma forte fazione che lavora per abolire le protezioni legali per il nascituro. Ha detto inoltre che la sconfitta del disegno di legge è stata dovuta più che altro ad ideologia, i politici infatti si sono accorti che l’opinione pubblica è fortemente contraria alla legalizzazione. Ha avvertito, tuttavia, che il partito laburista continuerà ad esercitare pressioni sul governo per la legalizzazione dell’aborto e che quindi le organizzazioni pro-life non possono abbassare la guardia.

In Galizia (Spagna), il segretario generale della Giunta, Susana López Abella, ha annunciato che il ‘nascituro’ dev’essere considerato alla pari dei figli già nati, dunque già membro della famiglia (utile ad esempio nella domanda di aiuti per l’abitazione). Il feto assume dei diritti ancora prima di nascere e la maternità diventa un valore (e non un peso).

Nel Regno Unito un’infermiera cattolica ha vinto una battaglia legale con il suo datore di lavoro, il quale le imponeva di prestare servizio in una clinica per aborti.

Negli USA, in Oklahoma,  il governatore Mary Fallin ha firmato il cosiddetto ddl “Fetal Heartbeat”. La normativa impone ora ai fornitori dell’aborto di informare le donne (ma occorre un legge ad imporlo??) su cosa sia l’embrione, e sul loro diritto ad ascoltare il battito del cuore del proprio figlio prima di, eventualmente, sopprimerlo. Una seconda firma ha trasformato il legge un disegno di legge (passato al Senato per 89-0) con il quale si permette alle donne di citare in giudizio un fornitore di aborto se il medico non abbia seguito le disposizioni di consenso informato.

Nel Mississippi  il governatore Phil Bryant ha firmato una legge che ha messo nuove norme sulle cliniche abortiste, imponendo a chi esegue l’aborto di essere un riconosciuto ostetrico-ginecologo, ammesso all’ospedale locale. Questo non è affatto facile da ottenere, in quanto i medici abortisti vivono in un altro stato o perché alcuni ospedali sono ufficialmente contrari all’aborto e potrebbero rifiutarsi di associarsi con gli abortisti. «Se le cliniche abortiste chiudono, allora così sia», ha commentato il governatore.

Nel Kansas il senato ha approvato un disegno di legge, se venisse firmato, porterebbe maggiore protezione legale agli operatori sanitari che rifiutano di partecipare ad un aborto (l’86% dei medici in totoale).

In Arizona il governatore Jan Brewer ha firmato un disegno di legge che vieta il finanziamento pubblico dell’ente abortista Planned Parenthood. I fondi saranno destinati alla pianificazione familiare e a soggetti che forniscono assistenza alle donne in gravidanza.

Nello Utah occorrerà ora rispettare un periodo di 72 ore di attesa per le donne in cerca di un aborto, perché esse possano avere tempo sufficiente per prendere una decisione davvero informata.

In Georgia il governatore Nathan Deal ha firmato una legge con la quale si vieta l’aborto dopo la 20 settimana di gravidanza, basandosi sul dolore fetale. Una seconda legge ha reso un crimine aiutare qualcuno a suicidarsi, dunque il divieto al suicidio assistito.  La Corte Suprema della Georgia, nel mese di febbraio, aveva già reso incostituzionale pubblicizzare il suicidio assistito.

In Ohio  i legislatori hanno introdotto un emendamento per limitare i finanziamenti statali a Planned Parenthood, il più grande ente abortista del mondo. Oggi riceve 1,7 milioni di dollari all’anno in fondi statali, da parte di cittadini favorevoli e contrari all’aborto. 

Il Guttmacher Institute, l’istituto di ricerca di Planned Parenthood -ente abortista fondato dall’eugenista Margaret Sanger- si è lamentato affermando che i legislatori statali negli USA hanno proposto ben oltre 400 leggi pro-life nel primo trimestre del 2012.

 

Ricordiamo che domenica 13 MAGGIO 2012 si svolgerà la seconda Marcia Per la Vita in Italia. Invitiamo tutti a partecipare, ulteriori informazioni qui: www.marciaperlavita.it.

Linda Gridelli e Luca Pavani

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

11 commenti a Proseguono le vittorie pro-life nel mondo

« nascondi i commenti

  1. Una legge che avrebbe “imposto un anno di prigione e 2000 euro di multa per chi offrisse alternative alle donne orientate ad abortire”?

    MA STIAMO SCHERZANDO? Questa è roba da rivolta armata… Non se ne può più di sentire questi vermi starnazzare sempre di “democrazia e libertà” e poi proporre cose del genere. Ma cosa aspettano le organizzazioni pro-life ad impugnare proposte del genere, per portarle davanti a qualche tribunale internazionale e farle squalificare per sempre? Ma vi rendete conto? Se si lasciano passare cose del genere, prima o poi, e molto prima che poi, ci si arriverà tranquillamente. Perché, purtroppo, della sindrome del “piano inclinato” fanno parte anche le proposto di legge, siano o no immediatamente approvate. Intanto se ne parla e, poiché nessuno eccepisce all’assurdità di poter anche solo pensare a cose del genere, già negli animi delle masse si è insinuata la prima vittoria demoniaca…

    Thumb up 22

  2. Daniele ha detto

    Una sola vita umana salvata vale INFINITAMENTE di più di qualsiasi investimento economico fatto da Planned Parenthood…

    Thumb up 14

  3. Raggot ha detto

    Le 400 leggi del titolo sono solo proposte di legge, non sono ancora leggi.

    I titoli scelti per gli articoli ultimamente sono un po fuorvianti. Un titolo positivo molto piu legato ai contenuti veri dell’articolo si sarebbe potuto trovare facilmente… Perche’ questo atteggiamento da giornale di bassa qualita’?

    Thumb up 4

  4. Gennaro ha detto

    Ottimo!! Avanti così allora!!

    Thumb up 2

  5. Klaus ha detto

    Comunque sono 10 belle notizie, quale più, quale meno. D’accordo, non si può proprio dire “10 a 0″, in ogni caso per oggi possiamo essere contenti (solo per oggi, naturalmente).

    Thumb up 2

  6. Carlo ha detto

    Le 400 leggi del titolo sono solo proposte di legge, non sono ancora leggi.

    I titoli scelti per gli articoli ultimamente sono un po fuorvianti. Un titolo positivo molto piu legato ai contenuti veri dell’articolo si sarebbe potuto trovare facilmente… Perche’ questo atteggiamento da giornale di bassa qualita’?

    ############################
    Basta conoscere le basi del giornalismo per capire il perchè. Il titolo ha una grande influenza sul pubblico

    Thumb up 1

  7. Agnostico ha detto

    tale disegno di legge avrebbe legalizzato l’aborto nei casi in cui la vita della donna fosse in pericolo – anche per minacciato suicidio – e imposto un anno di prigione e 2000 euro di multa per chi offrisse alternative alle donne orientate ad abortire“.

    Prendo atto che la donna non avrebbe diritto ad abortire neanche nel caso in cui la sua vita fosse in pericolo. Ho solamente questo dubbio. Se gli anti-abortisti ritengono che la vita sia sacra sin dal concepimento, perché la vita della madre dovrebbe essere meno sacra? Per quale motivo è immorale abortire ma non è immorale costringere una donna a mettere a rischio la sua vita per portare a termine una gravidanza? Questa è la prova che questi antiabortisti non possono definirsi “pro-life” (come si può essere a favore della vita se si ammette che una donna debba essere costretta a morire per portare a termine una gravidanza?) ma più obiettivamente “no-choice“.

    Non è vero che sarebbero state sanzionate con un anno di prigione e 2000 euro di multa chi avesse offerto “alternative alle donne orientate ad abortire“.

    Il sito lifesitenews.com (famoso per le sue posizioni anti-abortiste) riporta che “the bill would make it an offense to talk to a woman going for an abortion with the intention of changing her mind“. Insomma ad essere sanzionate sarebbero state quelle persone che – stazionando davanti gli ospedali – avessero fermato le donne che si stavano recando alle strutture mediche per abortire: dove sarebbe l’alternativa offerta?

    La stessa Rebecca Roughneen della “Youth Defence” afferma che “the demonstration was an effort to bring before the parliamentarians the fact that the majority of Irish women were sick and tired of being misrepresented by small groupings of pro-abortion campaigners“. Insomma nessun proposito di offrire un’alternativa ma solo una manifestazione a disturbo di donne che si recavano ad abortire: violenza psicologica (se non fisica) a donne che erano in procinto di abortire…….

    Thumb up 3

  8. lina lucia ha detto

    tanti anni fà mi chiedevo che fine avessero fatto i nazisti al termine della guerra:era evidente che non erano stati eliminati,erano davvero tanti e non solo in Germania. La risposta poi è arrivata dalle leggi”civili” e dal “progresso scientifico”. Rivoglio l’età della pietra!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Thumb up 7

« nascondi i commenti