UCCR riparte, ecco cosa è accaduto…

Piazza San PietroTemporeggiare qualche mese: questo avevamo scritto nel nostro ultimo articolo, quattro mesi fa. Quando il confronto dialettico -parliamo sopratutto della realtà cattolica mediatica- diventa odio reciproco allora preferiamo tirarci indietro piuttosto che buttarci nella mischia. Così infatti abbiamo fatto, approfittando dei mesi estivi.

Per capire le ragioni della nostra posizione offriamo una lettura di quanto è avvenuto in questi ultimi due anni: tutto nasce dalla grande incomprensione subita da Papa Francesco. Come abbiamo scritto nel marzo scorso, non finiremo mai di ringraziarlo per aver portato agli occhi delle coscienze un atteggiamento contrastante con l’essere cattolici. I due pontefici precedenti hanno avuto il grande merito di far capire a molti l’incompatibilità tra il professarsi cattolici e vivere contemporaneamente una fede-fai-da-te, preferendo la comodità delle correnti del tempo alla scomodità del Magistero della Chiesa. Essa accoglie tutti ma rimane stabile sulla verità, posizione blasfema per la modernità relativista che ha portato ad ondate di abbandoni da una parte e parecchie conversioni dall’altra. Altri ancora, invece, sono rimasti vivendo però una dicotomia tra fede cattolica ed adesione alla Chiesa, continuando a sperare di poter “adeguare” il Magistero della Chiesa alle mode del pensiero attuale. Sono stati definiti “progressisti” o “cattolici adulti”.

Lo scontro con la modernità ha portato però tanti altri credenti -anche in reazione al fenomeno del progressismo cattolico- ad irrigidirsi, a sospettare di tutto e di tutti, a specializzarsi nell’indicare con zelo ma senza misericordia il peccato altrui, condannando l’errore assieme all’errante. Hanno assunto una posizione difensiva, vissuta in reazione ostile e lamentosa rispetto alla modernità, guardano con disfattismo e pessimismo il mutare della società, citano a sproposito l’Apocalisse e i loro discorsi sono sempre catastrofici, si rifugiano nelle profezie dei mistici, prefigurano scismi e cataclismi ad ogni angolo. Sono stati definiti “tradizionalisti” (a nulla c’entra la difesa della Tradizione della Chiesa!)

Anche qui verranno chiamati così, consapevoli però che ogni etichetta è sempre limitativa. Per questo Francesco parla di tentazione progressista e tentazione tradizionalista, tentazioni in cui incappiamo tutti. E’ stato proprio lui a scoperchiare il vaso della tentazione tradizionalista, mostrandone l’incompatibilità con la positività e serenità dell’annuncio cristiano contenuto nel Vangelo, un’annuncio propositivo e non reattivo, di gioiosa speranza e non di lamentosa sconfitta. Incompatibilità con la Chiesa, la quale non ha solo il compito di indicare la Verità e condannare la Falsità, ma anche quello di curare le ferite, essere misericordiosa (che non significa accondiscente!) con chi non riesce o non vuole stare sulla strada del Vero, di guardare la realtà che la circonda e trattenere “ciò che vale” (1Ts 5,21), cioè valorizzare sempre -poco o tanto che sia- quel che di bello e di vero comunque c’è (nelle altre religioni, nelle coppie irregolari ecc.). Questo crea ponti che possono essere usati da chi è lontano per avvicinarsi, se vuole farlo. Il cristiano deve principalmente spendersi nell’annuncio cristiano: “il senso della tua vita si è fatto Uomo, è incontrabile anche da te, così come sei -peccatore, divorziato, omosessuale, carcerato, egoista, traditore, omicida, pedofilo, invidioso ecc.- vieni e sperimentalo, cambia la tua vita alla luce di questo incontro”. Questo è l’uso della ragione e della fede come apertura al mondo e alla realtà, tema centrale del pontificato di Benedetto XVI e tema centrale del pontificato di Francesco (la “Chiesa in uscita, ospedale da campo”).

L’incomprensione è iniziata in molti “progressisti”, convinti che con queste parole Francesco volesse adeguare la dottrina per rendere la Chiesa più appetibile e “misericordiosa” agli occhi del mondo. Un esempio è il famoso articolo di Vito Mancuso del marzo 2014, davvero convinto che fosse questo l’obiettivo del Papa. La loro speranza si è ben presto però trasformata in delusione e hanno iniziato a demonizzare la presunta forma di lobbysmo o ostracismo dei fantomatici cardinali “tradizionalisti” che impedirebbero a Francesco di raggiungere il suo scopo. Questa è la posizione assunta anche dai principali media. Negli ultimi tempi hanno comunque criticato lo stesso Francesco, forse iniziando finalmente a capire qualcosa. Alla posizione assunta da Papa Francesco si sono giustamente sentiti chiamati in causa i “tradizionalisti”, scocciati anche dall’entusiasmo iniziale dei “progressisti” verso il Papa (il “tradizionalismo” vive di reazione, come abbiamo già detto). Sono partiti cercando di delegittimarlo tramite la sciocchezza del Conclave invalido, arrivando ad una vera e propria ostilità, un’intolleranza endemica ad ogni parola e gesto del Pontefice, definendolo eretico, apostata, cattocomunista. Si definiscono “lottatori per la verità”, si sostengono tramite il citazionismo allegro di beati, santi e mistici (i quali si sarebbero fatti uccidere piuttosto che essere usati contro il Successore di Pietro) e giustificano la loro ribellione con il “fumo di Satana” (citazione a sproposito di Paolo VI) che avrebbe vinto sullo Spirito Santo portando e mantenendo sul trono di Pietro un distruttore della cattolicità.

Una reazione così immatura non ce la aspettavamo davvero, odio che ha colpito anche noi quando abbiamo iniziato a prendere posizione, mostrando la contraddizione e le bugie dei “tradizionalisti” con la stessa modalità e fermezza con la quale affrontiamo le argomentazioni dei “progressisti”. La temperatura si è alzata ancora di più all’approssimarsi del Sinodo, con querele e minacce tra cattolici “tradizionalisti” e “progressisti”, accuse e offese personali. Abbiamo atteso la fine del Sinodo, ora i “tradizionalisti” si sono un po’ calmati avendo constatato che le loro profezie catastrofiche sull’esito del Sinodo erano paure irrazionali. Sopratutto, siamo come stati “obbligati” a riprendere dai tantissimi messaggi ricevuti ogni giorno (ogni giorno!), di stima e solidarietà, ringraziamento di tanti che “hanno aperto gli occhi”. Molti, compresi sacerdoti e catechisti, ci hanno parlato di un vero e proprio “bisogno” dei nostri articoli, questo ci ha davvero colpito e onorato. Siamo mancati incredibilmente anche a qualche ateo e non credente.

Facciamo infine presente che il tempo che dedichiamo a UCCR lo sottraiamo necessariamente al lavoro, allo studio, agli affetti e agli hobby personali. E’ un servizio gratuito che diamo ma invitiamo comunque chi lo riceve e ne beneficia quotidianamente a contraccambiare con una libera donazione tramite questa pagina. Usiamo e useremo questi fondi per affittare lo spazio virtuale sul web, per promuovere ancora di più il sito nei motori di ricerca (dal 2016) e per difenderci in caso di controversie legale che potrebbero capitarci.

Ricordiamo che UCCR è presente su Facebook, tramite una pagina e un gruppo ufficiale (dove compaiono notizie che non trovano spazio sul sito web), su Twitter (dove spesso intratteniamo confronti con intellettuali e personaggi oggetto dei nostri articoli), una pagina su Google plus e anche su Youtube. E’ possibile iscriversi dalla home-page alla nostra Newsletter, cioè un’email settimanale di riepilogo degli articoli pubblicati sul sito, con i principali discorsi di Papa Francesco ed eventuali avvisi interessanti. Nei commenti sotto gli articoli è possibile confrontarsi sul tema proposto dall’articolista, in proposito invitiamo ad un confronto leale sugli argomenti e non contro le persone. La moderazione interverrà in caso di eccessive divagazioni dal tema principale, in caso di provocazioni offensive e il caso di diatribe sterili e concitate. Per ogni domanda o chiarimento ci si può rivolgere al nostro indirizzo email: redazione@uccronline.it 

Benritrovati a tutti e buona ripresa di cammino a noi e ai lettori!

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

36 commenti a UCCR riparte, ecco cosa è accaduto…

« nascondi i commenti

  1. Mattia ha detto

    Bentornati!

  2. Marco EL ha detto

    Bentornati davvero, come sapete noi siamo laici e per lo più agnostici, ma riconosciamo nel vs sito un faro di razionalità come raramente abbiamo visto in persone religiose; pertanto vi riteniamo una delle migliori fonti di informazione esistenti in Italia. C’ davvero bisogno di voi.
    Marco, a nome dello staff di EteroLaico.

  3. Sophie ha detto

    Bentornati e grazie di tutto!

  4. Luciano ha detto

    Insieme alla NuovaBQ e a CriticaScientifica questo sito per me è stato come un faro luminoso in una notte tempestosa… Sono felicissimo che abbiate ripreso!!!

  5. DS25 ha detto

    Grazie per il bell’articolo.

  6. Enrico ha detto

    Stavo navigando su Internet, leggendo un po’ di giornali locali della mia provincia, quando ad un certo punto ho detto tra me e me: “Vediamo che fine ha fatto UCCR” (attenzione, senza nessun accento offensivo).
    Ho aperto il sito, ed è datato ad oggi il primo nuovissimo articolo da voi redatto. Mi è sembrato quasi che fosse stato il Signore stesso ad ispirarmi la curiosità, e questo, chiunque voglia crederci o meno, rafforza in me l’idea dell’importanza di un sito come il vostro, che forma un cristiano storico-culturale-politicamente consapevole in un Italia sempre più incosciente.
    BENTORNATI DI CUORE! (e di mente!)

  7. Tommasodaquino ha detto

    Vi aspettavo con ansia!

  8. Mercuriade ha detto

    Bentornati, e grazie di tutto il tempo che spendete per l’evangelizzazione della cultura.

  9. Davide ha detto

    Immaginavo che avreste aspettato la conclusione del Sinodo per riprendere l’attività e sfuggire alla baraonda mediatica che lo avrebbe accompagnato.

    Bentornati con noi!

  10. Ubi Deus ibi pax ha detto

    Bentornati! Era ora 🙂

    E l’augurio di vivere santamente l’odierna Commemorazione di tutti i fedeli defunti…

    Ad multos annos!

  11. Roberta ha detto

    Bravissimi.
    Non dimentichiamo che Gesù è stato condannato a morte dai farisei (i tradizionalisti della sua epoca) e tradito da un rivoluzionario (un “progressista”).
    Anche Gesù spesso non veniva compreso e veniva frainteso, come succede al Papa oggi. Alcuni arrivano a strumentalizzarlo.
    Non dobbiamo cadere nelle trappole tese dai nostri nemici (uno a capo di tutti), ed è assolutamente necessario per il bene di tuttala Chiesa seguire il Papa e il Magistero, luce ai nostri passi oggi.
    Quindi, avanti tutta, sempre a fianco del Papa, sostenendolo sempre!
    Non prevalebunt!

  12. Dario* ha detto

    Bentornati! In questi mesi mi siete proprio mancati!

  13. Gabriele ha detto

    Bentornati, sentivo la mancanza del vostro lavoro 😉 Anche il Mastino di PapalePapale è tornato. Bene così! 🙂

  14. Max ha detto

    Nel linguaggio degli indigeni, welcome back!

  15. Vincent Vega ha detto

    Bentornati amici!
    È ora di riprendere la battaglia! :;

  16. Daniele ha detto

    Grazie di essere tornati. Mi siete stati preziosi testimoni, c’è bisogno di voi!

  17. Sebastiano ha detto

    Grazie per il rientro.

  18. MarcoF ha detto

    Bentornati!! 🙂

  19. Il cavaliere oscuro ha detto

    Bentornati anche da parte mia! 🙂

  20. Vahe Lazaryan ha detto

    Bentornati. E ancora buon lavoro nella vigna del Signore!

  21. Nikman ha detto

    Bentornati! Mi mancava la vostra voce, sopratutto in questi tempi così difficili e confusi! Mi é sempre piaciuto il vostro equilibrio nel leggere i fatti della Chiesa, in particolare la vostra difesa del Papa, il cui pensiero e spesso incompreso e criticato. Bravi! Siete un mio punto di riferimento insieme anche a “La Nuova Bussola Quotidiana” e alla rivista “Il Timone”.

  22. Renato ha detto

    Ben tornati, ci mancavano le vostre spiegazioni!!!

  23. Salvatore ha detto

    Anche se non nutro una viscerale simpatia per questo sito, confesso che cominciavo a sentirne la mancanza.
    Mi ha fatto piacere constatare che il mio timore che l’UCCR avesse deciso di chiudere bottega era infondato.
    Ben tornati, dunque, e buon lavoro.

  24. Antonio ha detto

    Ben tornati!!

  25. Come dicevamo su Facebook, la Redazione di pellegrininellaverita.com vi da il bentornato su web. E’ vero, mancavate a molti, noi compresi! 🙂

  26. GiuliaM ha detto

    In questa tempesta è bene avere sempre qualcosa a cui aggrapparsi saldamente… bentornati 🙂
    Ricordiamoci che Non prevalebunt!

    • Vincent Vega ha detto in risposta a GiuliaM

      Effettivamente e’ proprio in momenti come questi che bisogna ricordarsi le parole del Cristo a Pietro, Giulia.

  27. Pimax ha detto

    Bentornati !
    Grazie per il Vostro impegno
    E che Dio Vi benedica

  28. Luca ha detto

    Bentornati
    Bell’articolo
    La spaccatura tra tradizionalisti e progressisti non risale certo al pontificato di Francesco come tutti sappiamo. Come emerge dall’articolo risale – tanto da parte tradizionaliosta che da parte progressista – ad una lettura distorta e legalista dei ruoli nella Chiesa, dimentica delle indicazioni del Concilio (Lumen Gentium, sacerdozio profetico e regale dei laici) per cui Dai sacerdoti(…) i laici si aspettino luce e forza spirituale.
    Non pensino però che i loro pastori siano sempre esperti a tal punto che, ad ogni nuovo problema che sorge, anche a quelli gravi, essi possano avere pronta una soluzione concreta, o che proprio a questo li chiami la loro missione; assumano invece essi, piuttosto, la propria responsabilità, alla luce della sapienza cristiana e facendo attenzione rispettosa alla dottrina del Magistero
    (Gaudium et Spes 43)
    La vera novità di Francesco mi pare sia lo spostare l’accento della predicazione dalla regola di comportamento morale (che rischiava di essere scambiata per dogma) alla misericordia. In questo modo si pongono le basi perché finalmente tradizionalisti e progressisti riescano a riconoscersi reciprocamente parte di un’unico corpo.

  29. Dom ha detto

    Mi mancavate ragazzi sapete…:-)

  30. Romeo ha detto

    Bentornati!

  31. gladio ha detto

    oh finalmente! confesso di aver sospettato che la vostra assenza fosse stata il frutto di “pressioni” o ” consigli” di qualche potente mascalzone , sono cose che succedono…comunque sia, ben tornati! e avanti tutta!

  32. Fabrizio ha detto

    ((((((((((((((-:

  33. Giulio Quaresima ha detto

    Bentornati!
    Anche io come Enrico ho aperto dopo mesi per caso e noto con piacere che avete ripreso a pubblicare e, oltretutto, con un articolo davvero lodevole. Bravi! Spero che le riflessioni contenute nell’articolo spingano tutti ad essere più moderati e riflessivi nei propri giudizi sulle persone e sulle cose.

  34. L@ura ha detto

    Alleluia! la Luce dello Spirito di Verità vi guidi e sospinga sempre..

    🙂

« nascondi i commenti