UCCR va in vacanza estiva: restate con gli amici…

Logo UCCR + scrittaAnche quest’anno è arrivato il momento delle meritate vacanze estive. La redazione UCCR augura a tutti i suoi lettori, agli amici e ai nemici, ai supporter di Facebook, di Youtube e di Twitter…una felice e riposante estate!

Il sito web riprenderà l’aggiornamento quotidiano lunedì 05 agosto 2013.

La secolarizzazione equivale non alla perdita di fede, ma alla perdita di interesse sociale nella fede come se essa non avesse più nulla da dire o da offrire al modo comune di vivere (C. Dawson, “The Historic Reality of Christian Culture”, Sheed & Ward, 1960, p 19). Lo scopo del nostro sito web è proprio quello di sfruttare la secolarizzazione per re-introdurre l’interesse culturale sulla fede cristiana, in modo nuovo.

A giudicare dalle e-mail che riceviamo, tuttavia, a volte risultiamo essere di aiuto anche per il personale cammino di fede. Per questo c’è la vita parrocchiale che ognuno può trovare nella sua città (o in quella a fianco), ci sono i movimenti ecclesiali e gruppi di preghiera, ma anche diversi realtà sul web che hanno questo come obiettivo principale. Tuttavia siamo contenti se anche noi riusciamo a dare questo contributo, per questo desideriamo condividere con voi uno dei tanti messaggi che abbiamo ricevuto: «Buon pomeriggio e che il Signore vi benedica copiosamente», ci ha scritto Paolo il 3/7/13. 

«Non posso non iniziare così questo scritto per il semplice motivo che la pubblicazione odierna sul miracolo Eucaristico di Buenos Aires, di cui ero totalmente all’oscuro, cade in un momento molto particolare per me. Voglio testimoniare con la massima umiltà e serietà – tengo a dire che non sono un credulone, un superstizioso, anzi -, che sono giorni che non ho pace, mi assillano domande e dubbi sulla presenza reale di Gesù nella Eucarestia. Da qui ricerche, letture e così via, trovando anche, purtroppo, protestanti e correnti correlate, che la negano. Uno stato d’animo insostenibile e tremendo, non volevo cedere, ma come potevo fare? Certo preghiera, partecipazione alle celebrazioni Eucaristiche non sono mai state messe in discussione, ma restava il conflitto. Ed ecco che oggi voi pubblicate, in concomitanza con un nuovo “attacco” molto forte, un documento che mette fine alle “ostilità”. E il nemico fugge sconfitto. Non riesco a esternare ciò che ho provato leggendo e che provo adesso, ma ringrazio il Signore in ginocchio per questo, che suona anche come dolce rimprovero per me. Chiedo perdono a Dio per il dubbio avuto -anche se corretto è dire “combattimento interiore”-, tra me e un qualcuno, qualcosa che avrebbe voluto recidermi con il più grande dono che Dio ci ha fatto. In conclusione testimonio che Gesù mi è venuto incontro, non è superbia ma solo desiderio di testimoniare che Dio è Immenso e che soccorre davvero i suoi. Che il Signore vi benedica immensamente, perché tramite voi ciò è accaduto, le mie preghiere sono arrivate in Cielo e Dio ha utilizzato voi come canale per dare a me – e non solo – quello di cui avevo bisogno. So che voi fate un altro tipo di “lavoro”, ma ci tenevo a parteciparvi quanto accaduto».

 

In questo periodo di pausa vi lasciamo assieme ad amici fidati, con i quali quest’anno abbiamo formato una rete virtuale, condividendo obiettivi e sforzi:

 

Buone vacanze, ci rivediamo il 5 agosto 2013!

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

26 commenti a UCCR va in vacanza estiva: restate con gli amici…

« nascondi i commenti

  1. Luca ha detto

    Ciao ragazzi!

    0
  2. Daphnos ha detto

    CampariedeMaistre è interessante, ma gli “amici” dovrebbero essere più ‘serpenti’ e meno ‘colombe’ nel moderare i commenti: concedere ai soliti troll sociopatici e frustrati così tanto spazio per defecare liberamente senza tirare lo sciacquone non è un atto di carità, ma di ingenuità 😉 . Da questo punto di vista, viva Uccr! E cmq, buone vacanze.

    0
  3. EquesFidus ha detto

    Buone vacanze a tutti, affinché possano essere riposo dagli affanni di tutti i giorni nello Spirito!

    0
  4. Emanuele ha detto

    buon vacanze a tutti…e anche io consiglio, se avete dubbi di questioni di fede o vi servono chiarimenti, di andare da un santo e saggio sacerdote, per non avere gravi ripercussioni (triste esperienza personale =) )

    0
  5. Penultimo ha detto

    Buone ferie!Comunque visto l’impegno qualche giorno di ferie in più potevate prenderlo.Non sono nemici suvvia,salvo, che di loro stessi.

    0
  6. Sophie ha detto

    Allora buone vacanze! 🙂

    0
  7. Vittorio russo ha detto

    CHe il Dio di ogni consolazione vi benedica per tutto il gande bene che fate per L’AMORE DELLA VERITà e per la VERITà ..Il vostro riposo è meritato ..Continuate e avrete lode da Dio stesso ..La Vergine Santa e il Suo castissimo sposo S. Giuseppe e con gli Arcangeli vi proteggano … Sempre sia LODATO IL DIO VIVENTE …

    0
  8. Chris ha detto

    Buone vacanze,Cristo sia con voi sempre!

    0
  9. Eigub Etted ha detto

    Andate assieme in vacanza, o da soli?

    0
  10. Emanuele ha detto

    Buone vacanze,

    un po’ di meritato riposo ci vuole, “il cuore vegli con Cristo e il corpo riposi nella pace”.

    0
    • Emanuele ha detto in risposta a Emanuele

      …dimenticavo…

      le ferie possono essere un buon momento per tutti noi, oltre che di riposo, per approfondire la nostra fede. Un buon libro, la rilettura di un Vangelo o parte della bibbia, un pellegrinaggio, etc.

      Noi dobbiamo essere veramente “cattolici adulti”, Cristiani in grado di difendere le nostre convinzioni. Benché Gesù ha promesso che lo Spirito ci aiuterà quando saremo accusati falsamente per causa della nostra fede, è giusto rendere testimonianza della nostra fede con verità.

      Per questo è essenziale conoscere bene le Scritture, il Catechismo ed i documenti del Magistero. Infatti, gli articoli di questo sito (e molti commentatori) parlano sempre a ragion veduta: questo ci tutela da facili attacchi e da facili critiche. Ma non dobbiamo pensare di essere immuni dagli attacchi atei e laicisti, non dobbiamo sederci sugli allori.

      Poter studiare, poter meditare la Parola di Cristo, imparare il ragionamento logico, studiare la filosofia e la teologia, capire la scienza, etc. sono grandi doni di Dio, non dobbiamo privarcene. Ovviamente, non tanto per dare gloria a noi stessi, ma per testimoniare la gloria di Dio e per difendere dalle seduzioni del maligno chi questi studi non ha potuto farli.

      Buone vacanze a tutti.

      0
      • Sophie ha detto in risposta a Emanuele

        “Un buon libro, la rilettura di un Vangelo o parte della bibbia,”
        Io sto leggendo la Bibbia ed ho grandi difficoltà, non è facile leggerla.

        0
        • Emanuele ha detto in risposta a Sophie

          certamente la Bibbia contiene parti che non sono facilissime da leggere. Forse intraprendere la lettura della Bibbia “tutta di fila” come se fosse un romanzo non è la via più facile.

          Se mi permetti, posso darti due consigli di lettura.

          Il primo è prendere una versione con un po’ di commenti e note e soprattutto ricca di rimandi (es. Gerusalemme). Partendo da un Vangelo (ti consiglio Matteo o Luca perché hanno molti rimandi al Vecchio Testamento), puoi seguire i rimandi e leggere lo specifico passo biblico indicato. In questo modo potrai approfondire la lettura del Vangelo e capire meglio i passi dell’antico e del nuovo testamento.

          Il secondo è simile al primo. Puoi prendere un lezionario e leggere le letture giornaliere. Le letture sono organizzate in modo da seguire un filo conduttore che parte dall’antico testamento e termina con una lettera del nuovo testamento. I giorni feriali solitamente ci sono solo tre letture: lettura, salmo e Vangelo.

          Partendo dalle letture puoi ampliare il discorso. Ad esempio, la prima lettura di oggi è un brano della storia di Abramo, puoi ampliarlo leggendo tutta la storia del patriarca. Anche del salmo sono citati pochi versetti, si può approfondire leggendolo tutto.

          In questo modo, riflettere sulle letture e cercare il filo conduttore può aiutare a capire meglio i passi indicati. Per continuare con le letture di oggi, il tema è l’accoglienza in genere e come accogliere Gesù nella nostra vita e portarlo agli altri.

          Può essere utile anche leggere le omelie di Santi e Padri che spesso illuminano i passi più ostici. Oggi sono abbastanza facili da trovare in rete.

          Esistono versioni on-line delle letture del giorno. Io ti consiglio questa, facilmente raggiungibile anche da smartphone:
          http://vangelodelgiorno.org/main.php?language=IT&module=readings&localdate=20130721

          Oltre ai brani trovi anche una riflessione sul tema del giorno che può aiutare la comprensione.

          E’ anche possibile meditare su temi specifici. Ad esempio il matrimonio, il battesimo, la morte, la vita consacrata, etc., leggendo le letture consigliate per quelle occasioni, anche queste facilmente reperibili in rete.

          Ovviamente dobbiamo infine ricordare che molti passi possono essere capiti solo alla luce della fede, altrimenti rischiano di rimanere lettera morta. In realtà, sono parole vive, pronunciate apposta per te, per me e per tutti. Se rileggi un stesso passo che pensavi di conoscere bene a distanza di mesi o anni, ti accorgerai che in realtà dice sempre qualcosa di nuovo. Altre volte, passi che pur letti decine di volte non ti hanno detto niente di che, all’improvviso diventano proprio quello che cercavi. Questo perché sono “parole vive”.

          Concludo anche invitandoti a leggere con lo spirito indicato da Dio per bocca del profeta:

          Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri,
          le vostre vie non sono le mie vie – oracolo del Signore.

          Quanto il cielo sovrasta la terra,
          tanto le mie vie sovrastano le vostre vie,
          i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri.

          Come infatti la pioggia e la neve
          scendono dal cielo e non vi ritornano
          senza avere irrigato la terra,
          senza averla fecondata e fatta germogliare,
          perché dia il seme al seminatore
          e pane da mangiare,

          così sarà della parola
          uscita dalla mia bocca:
          non ritornerà a me senza effetto,
          senza aver operato ciò che desidero
          e senza aver compiuto ciò per cui l’ho mandata.
          ” (Is 55, 8-11)

          Dunque, leggiamo anche con umiltà, senza la pretesa di capire tutto… le parole germoglieranno nel nostro cuore spostaneamente.

          Buona lettura e buone vacanze!

          0
          • Sophie ha detto in risposta a Emanuele

            Grazie! Anche se a round… piano piano ce la farò a leggerla tutta ed a capire qualcosa ahahahah! 😀

            0
        • Gab ha detto in risposta a Sophie

          Sophie leggere la Bibbia come un libro qualsiasi è controproducente, specialmente quando si parla di Antico Testamento, ma ci mette del suo anche il Vangelo.

          La lettura “comune” nasce come istanza del protestantesimo, pratica che ha portato infatti allo scisma e agli scismi nell’ambito protestante. La Sacra Scrittura allora era, una volta, saggiamente insegnata, o come diciamo oggi, era esclusiva di trattazione del Magistero perenne e infallibile della Chiesa. Con lo studio biblico affiancato alla Tradizione si aveva e si ha ancora un Magistero coerente. Ma il Magistero per essere coerentemente infallibile deve poggiarsi sulla roccia della Tradizione apostolica sviluppata dai padri e dai dottori della Chiesa nei secoli.

          Quando poi oggi si aderisce ad una moda protestante (cioè quella di leggere la Bibbia senza le dovute “precauzioni per l’uso”) anche nella Chiesa Cattolica, si minano alla base gli insegnamenti bimillenari. Questo semplicemente perché in questo modo ognungo si arroga il diritto di dire “la usa” in merito a questo o a quello. Ma il Magistero esiste proprio perché era e dovrebbe ancora essere compito del clero di insegnare al popolo.

          Oggi però sovente accade il contrario e questo è frutto di quella sorta di “licenza magisteriale” data ai laici nel Vaticano II. Inutile dirti, che per quanto mi riguarda, tutto ciò si è rivelato nefasto, ed è sotto gli occhi di tutti.

          0
  11. Michele Silvi ha detto

    Ecco chi è che m’ha fatto arrivà tutta sta gente nel blog oggi, e io che pensavo che fossero tutti curiosi di vedere il pessimo disegno che ho messo su sto pomeriggio! 😀

    0
    • Penultimo ha detto in risposta a Michele Silvi

      Lol sei tu il Picasso!Dai il mulo sembra terminator oppure e’ il mulo di Clint Eastwood di “Per un pugno di dollari” :p, va bhe’ che se mi metto a disegnare io…va bhe meglio non sfottere troppo..anche perche’ i miei fanno schifo,mi fa venire in mente il liceo e i 4 (per compassione) ben disegnati sul mitico foglio Fabriano

      0
      • Michele Silvi ha detto in risposta a Penultimo

        Grazie al cielo al liceo avevo solo disegno tecnico…

        0
        • Penultimo ha detto in risposta a Michele Silvi

          Io avevo una profesoressa,che ci faceva fare tutti e due,tipo tentare di riprodurre un disegno di Rffaello,Leonardo,con le tecniche di disegno a mano libera è improba la possibilità di riuscirci,ero già di per mio scarsissimo,a fare un banale disegno figurati a mettermi a riprodurre sifatti autori,forse che Rafello mi avrebbe giustamente inveito contro.:P L’unica e che recuperavo con storia dell’arte.

          0
  12. Vincenzo Farina ha detto

    Grazie x la pubblicazione di molti articoli che sono stati per me fonte di arricchimento culturale e di meditazione, anche se non sempre ne ho condiviso per intero il contenuto. A presto, buone vacanze.

    0
  13. MarcoF ha detto

    Buone vacanze, ragazzi!! 😉

    0
  14. Gab ha detto

    Ridurre la Fede come semplice oggetto di interesse culturale e di fenomeno meramente sociologico (interesse sociale) è esattamente lo scopo della secolarizzazione. Porre la Fede e quindi la religione nel suo complesso solo come prodotto meramente umano, “nuovo” appunto.. rispetto alla Religione di Dio, alla Verità rivelata e al rapporto della Fede di origine innanzitutto divina, come realtà di grazia data da Dio agli uomini.

    In questo modo diventa una contraddizione voler controbattere alla secolarizzazione con altrettanta secolarizzazione.

    Una buona estate nel Signore.

    0
  15. Daniele ha detto

    Buone vacanze!

    Dio, che ha istituito e santificato il riposo dopo le fatiche e che disse ai Discepoli appena tornati dalla missione “venite un poco in disparte e riposatevi”, conceda a tutti noi un periodo fruttuoso per “ricaricarci”.

    0
  16. Livio ha detto

    fate buone vacanze, e mi raccomando portate con voi gli amici a 4 zampe sempre. Piccole creature di Dio anch’esse 😉

    0
« nascondi i commenti