L’associazione Snap ammette di aver difeso un pedofilo

SnapLo SNAP, ovvero il “Survivors Network of those Abused by Priests”, è un’associazione fondata da Barbara Blaine, che si autodefinisce come il più grande gruppo di sostegno alle vittime di abusi da parte di religiosi (solamente quelli cattolici, of course).

Nel 2011 ha presentato all’Aia un dossier con cui si è chiesto che Papa Benedetto XVI venga processato per crimini contro l’umanità a causa del caso di padre Lawrence C. Murphy, accuse che nel 2012 sono state ritirate perché sapevano essere false e non volevano un pronunciamento negativo da parte del giudice. Il tutto nel silenzio dei media, come abbiamo mostrato. Lo Snap a causa dei suoi dubbi metodi di conduzione delle indagini non è mai stata ammessa dalla BBB, agenzia di rating delle charities statunitensi, tra le “charity”.

Per mostrare come l’attività di questa associazione non sia in realtà in difesa delle vittime dei preti pedofili ma abbia come unico interesse l’aggressione mediatica alla Chiesa cattolica basterebbe sottolineare che alle loro conferenze venga invitato come relatore nientemeno che Marco Politi, l’anticattolico vaticanista del “Fatto Quotidiano”, il quale trova il pubblico ideale per diffamare Benedetto XVI e chi si è più battuto per fare luce su questa vergognosa macchia prodotta da pochi -fortunatamente- preti cattolici traditori del Vangelo.

Se non bastasse questo si potrebbe riflettere su quanto è accaduto quando il principale collaboratore dello Snap, il dott. Steve Taylor è stato arrestato e incarcerato con l’accusa di possesso di più di 100 immagini pedopornografiche. Per negligenza o scarsa attenzione purtroppo può paradossalmente accadere che una associazione in difesa delle vittime di pedofilia mandi i suoi clienti a confidarsi da un pedofilo. L’associazione avrà chiesto scusa, si penserà, prendendo le distanze dal medico e spendendosi per eliminare tutte le sue tracce dall’organico della società.

E invece no: la fondatrice di Snap, Barbara Blain, ha recentemente ammesso le accuse che gli sono state rivolte: nel 2009, quando il Louisiana State Board of Medical Examiners stava considerando di ritirare la licenza del dottor Taylor, Blaine ha scritto una lettera al consiglio di amministrazione chiedendo di chiudere un occhio, spostando l’attenzione sul fatto che Taylor aveva fondato un’associazione locale di SNAP e aveva svolto un buon lavoro. Quando l’esistenza di questa lettera è emersa pubblicamente, i leader dello SNAP hanno sempre rifiutato di riconoscerla pubblicamente.

Blaine ha infine ammesso di aver scritto questa lettera in un comunicato interno firmato anche dal Direttore Nazionale di Snap, David Clohessy (lo stesso che probabilmente ha recentemente invitato Marco Politi a tenere una conferenza contro la Chiesa cattolica). Alcuni leader dell’associazione, molto turbati dall’accaduto, hanno ovviamente chiesto che Blain si scusasse pubblicamente e si dimettesse. Questo non è mai avvenuto, addirittura è stato incredibilmente espulso dall’associazione chi ha fatto queste richieste in modo pubblico.

Come si evince dalla nota, la fondatrice di Snap voleva che la lettera in difesa del dott. Taylor rimanesse segreta. Eppure, fin dal suo inizio, lo SNAP ha ripetutamente chiesto le dimissioni di funzionari cattolici per la loro presunta “segretezza” e “privacy” nel trattamento di casi, risalenti a decenni prima, che hanno coinvolto alcuni sacerdoti. Nel loro comunicato Blaine e Clohessy invitano proprio i membri a non far emergere tutto questo, coprendo così l’esistenza di questa imbarazzante lettera. Come è stato sottolineato su www.the mediareport.com se SNAP avesse scoperto che un vescovo cattolico era l’autore di una lettera simile per conto di un prete accusato, la sua risposta sarebbe stata esplosiva, come anche quella mediatica. Questa è l’ipocrisia di chi combatte la Chiesa.

Ricordiamo infine che David Clohessy ha pubblicamente ammesso di aver pubblicato notizie che sapeva essere false riguardo la Chiesa cattolica, oltre non aver mai controllato le licenze lavorative dei consulenti delle vittime alle proprie dipendenze. Clohessy è stato anche chiamato a deporre presso la corte di Clayton in Missouri, per aver divulgato alla stampa fatti relativi al segreto istruttorio, con lo scopo di diffamare la Chiesa prima che le accuse venissero verificate dalla Corte. Clohessy si è anche rifiutato di rivelare le fonti dei suoi finanziatori e non intende presentare ai tribunali i documenti con i quali accusa i sacerdoti.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

103 commenti a L’associazione Snap ammette di aver difeso un pedofilo

« nascondi i commenti

  1. Giacomot ha detto

    Snap . Sia il nome abbreviato sia per esteso mi fa semplicemente ridere !

    0
  2. geminitolk ha detto

    L’intento della Snap è chiaramente antireligioso… Se è vero che i religiosi commettono abusi, è altresì vero che ci sono altre categorie, più laiche (secondo le statistiche sono queste più colpevole) e nessuno si prende la briga di organizzare associazioni a tema????? Che so gli SNAT (Survivors Network of those Abused by Teachers)…
    La connivenza dei giornali a questo clima d’odio è spaventosa.

    0
    • Roberto Dara ha detto in risposta a geminitolk

      Hai delle statistiche a sostegno di questa tesi? Gli abusi di pedofilia è ovvio che sono presenti in maniera statistica all’interno di tante categorie, il fatto che quelli dei preti cattolici siano risultati più inquietanti ed odiosi è dovuto all’immagine ed allo status di cui i preti hanno sempre goduto, cioè di interpreti del messaggio evangelico del “lasciate che i fanciulli vengano a me”. Ma non è che sostenendo che la Snap (che ha aiutato concretamente immagino centinaia di vittime di abusi poi risultati veri) ha delle mele marce al suo interno si possa poi ridimensionare il triste fenomeno degli abusi e delle coperture attuate all’interno della Chiesa Cattolica.

      0
      • geminitolk ha detto in risposta a Roberto Dara

        Roberto Dara Massimo Introvigne quantifica il fenomeno, riducendo l’esagerazione mediatica!Sono meno dell’1% totale… (http://www.cesnur.org/2007/mi_preti.htm)
        Per cui riconoscerai, animato da spirito critico e onestà intellettuale, che il fenomeno descritto non è reale ma molto gonfiato.
        E poi scusa, perché un prete che commette un reato è più passibile rispetto ad un laico? Soltanto perché danno un immagine a te?
        La SNAP, che specificamente nella sigla se la prende con i “priest” -cattolici- (perché non con gli imam che maltrattano le donne o con i pastori protestanti?), ha bisogno di “creare” ad hoc dei falsi per affermare il vero? O è una struttura mass-mediatica costituita, come ha ammesso il loro leader (http://www.uccronline.it/2012/03/19/leader-dello-snap-ammette-contro-la-chiesa-abbiamo-pubblicato-notizie-false/), finanziata da chissà quale lobby, per alimentare questo sentimento anticlericale.

        0
        • Roberto Dara ha detto in risposta a geminitolk

          Premesso che “meno dell’1%” non è in assoluto un numero irrilevante, per un fenomeno così odioso, la Snap è stata costituita proprio per difendere, in modo collettivo e quindi per non lasciare soli, le vittime degli abusi compiuti dai sacerdoti che, come è stato dimostrato, hanno ricevuto molti aiuti dalle gerarchie per difendersi da queste accuse. In pratica c’erano dei ragazzi abusati che da soli avrebbero dovuto sostenere un’accusa contro un’organizzazione come la Chiesa Cattolica che invece metteva a disposizione mezzi cospicui per difendere i sacerdoti. Il ruolo dello Snap è stato quindi molto importante anche per la Chiesa stessa, che ha potuto rendersi conto di quante “porcherie” hanno commesso alcuni suoi vescovi in giro per il mondo, che altrimenti non sarebbero potuti venire allo scoperto, se questi abusati fossero stati lasciati soli.

          0
          • Picchus ha detto in risposta a Roberto Dara

            Falso. Se c’è una cosa di cui si lamentano i sacerdoti americani è proprio il fatto di essere abbandonati dalle loro diocesi, le quali invece di difenderli soprattutto se innocenti, semplicemente paga(va)no a priori, ammettendo così implicitamente anche la colpa di chi colpevole non era, al punto che un noto avvocato del settore, riferendosi ai facili risarcimenti ottenuti dalle diocesi americane, se ne è uscito con un ” è incredibile, è come andare al bancomat”. La SNAP non è nata per aiutare le vittime, e infatti non le aiuta, è nata per trovare clienti agli avvocati che spillano soldi alla chiesa.

            Segnalo inoltre il seguente caso di sacerdote innocente in galera da anni, dove si riesce a farsi un’idea più precisa della situazione

            http://thesestonewalls.com/

            Tra le altre cose Clohessy è uno che pur sapendo che il fratello Kevin era pedofilo e che molestava minori, ha pensato bene, anche se era già portavoce dello SNAP, di non denunciare il fratello. Così, per mettere la ciliegina sulla torta dello SNAP.

            0
          • geminitolk ha detto in risposta a Roberto Dara

            1)”meno dell’1%” non è in assoluto un numero irrilevante, non dovevamo confrontarci sui fatti Roberto? Sai che i pastori protestanti commettono più abusi e nessuno ne parla? E’ giusto?
            2)” in modo collettivo e quindi per non lasciare soli, le vittime degli abusi compiuti dai sacerdoti” E perché proprio di sacerdoti “cattolici” e non, più propriamente, di religiosi?
            Piuttosto dovremo dire la verità, cioè che questa finta organizzazione ha il palese scopo di dimostrare valida l’equazione: preti (specificamente cattolici)=pedofili; quando in realtà sono proprio i laici a dover imparare dalla Chiesa riguardo alla moderazione dei propri impulsi sessuali, i pastori protestanti e gli islamisti.
            3)Vorrei un laicismo all’altezza delle sfide sociali mondiali, che ci stiamo apprestando a risolvere. Roberto perché quanto state facendo in termini di informazione, perché voi laicisti controllate l’informazione, è profondamente ingiusto. Libertà di informazione? Benissimo, ma non libertà di dire porcate e di infangare le persone perbene che non c’entrano niente! Volete discutere della pedofilia nel clero? Benissimo, ma con onestà intellettuale facciamo un incrocio dati con le altre comunità religiose/laicali e vediamo poi chi è più pedofilo/misogino degli altri…
            4)”mezzi cospicui” andiamo avanti a luoghi comuni… La Chiesa pedofila, la Chiesa ricca, la Chiesa potente… due piccioni con una fava dici eh Roberto?

            0
          • geminitolk ha detto in risposta a Roberto Dara

            “molti aiuti dalle gerarchie per difendersi”
            Perché, al di la se sono colpevoli/innocenti, i preti non hanno diritto di difendersi? E se fossero innocenti essi per non dare sospetti a te e a tuoi amici devono essere abbandonati dalla Chiesa? Quali aiuti Rober?

            0
            • Roberto Dara ha detto in risposta a geminitolk

              Un conto sono gli aiuti per difendersi dalle accuse, un conto sono gli insabbiamenti e i favoreggiamenti di cui hanno goduto molti colpevoli da parte delle gerarchie, fatti documentati e passati in giudicato. Che succeda anche altrove nessuno ha dubbi, ma che sia successo nella Chiesa Cattolica è un dato di fatto incontrovertibile che nessuna mela marcia all’interno di un’organizzazione come Snap può sminuire.

              0
              • LawFirstpope ha detto in risposta a Roberto Dara

                Ma con un numero di casi così basso e con l’operazione di efficace pulizia voluta dallo stesso Ratzinger, a che cosa può servire un’organizzazione così se non a vomitare fango sulla Chiesa Cattolica?
                Avanti, siamo onesti! Essere anti-clericali è facile (i cattolici sono educati a non reagire), va di moda e può essere anche remunerativo: è questo il vero volto della SNAP; di voglia di far chiarezza e scoprire la verità non ne vedo neanche l’ombra…

                0
              • geminitolk ha detto in risposta a Roberto Dara

                Nessuno nega gli errori che ci sono stati, anche se in misura molta ridotta. Tu, da laicista quale sei, li usi a fini polemici per attaccare la Chiesa tutta. Assodato questo perché non prendi le distanze da questa metodologia vergognosa adottata da certi giornalisti?

                0
                • Roberto Dara ha detto in risposta a geminitolk

                  Io non sto affatto attaccando la Chiesa tutta, sto criticando solo quella parte di Chiesa che per troppo tempo ha coperto i casi di abusi pedofili da parte di sacerdoti che, purtroppo, non sono stati un numero esiguo, perché sono state centinaia le condanne e migliaia i casi denunciati, cioè faccio esattamente la stessa cosa che ha fatto Papa Benedetto, che ha pure pubblicamente chiesto scusa alle vittime.

                  0
                  • geminitolk ha detto in risposta a Roberto Dara

                    “Una parte di Chiesa” non è corretto… Se hanno sbagliato lo hanno fatto in autonomia!
                    Sono i dati che ci mettono di fronte a numeri esigui.
                    Ripeto assodato che alcuni sacerdoti (una cifra inferiore all’un per cento) si è macchiato di questo schifo, siamo d’accordo, il problema sollevato dall’articolo è un altro (tu non lo vuoi veder….) : è giusto il modo in cui è stata fatta informazione?
                    Ora come ti sei indignato per gli abusi cattolici, coerentemente avresti dovuto farlo anche per quelli commessi da altri religiosi ma non l’hai fatto, puoi indignarti per il modo in cui o media, la SNAP accusano la Chiesa oppure no?

                    0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a geminitolk

                      Io, come tutte le persone per bene, mi indigno per qualsiasi caso di abuso sessuale, in particolare per quelli rivolti ai bambini. Non c’è bisogno della Snap (sconosciuta in Italia) per far si che le persone per bene si indignino A MAGGIOR RAGIONE per gli abusi compiuti da alcuni sacerdoti (anche in Italia), che dovrebbero, per la loro missione, rappresentare il massimo della purezza per i bambini che li frequentano, e per le gerarchie che li hanno protetti. Se gli abusi sono compiuti da laici, fa schifo a tutti, ma se sono compiuti da sacerdoti, è naturale che faccia più schifo. L’informazione, come dite voi, sarà stata pure ossessiva nei confronti di questi casi, ma segue la ovvia indignazone dell’opinione pubblica di fronte a questo tema.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a geminitolk

                      Sei solo razzista… Quello che affermi è profondamente ingiusto dal punto di vista umano! Siamo noi cattolici a richiedere un comportamento pastorale consono al ruolo, non di certo tu laicista, anticlericale, che sei fuori dalla chiesa!
                      Le tue “sparate”, che dici in libertà perché i sacerdoti non fanno parte del politicamente corretto, equivalgono alle infame tesi di chi considerava i reati commessi dalle persone di colore più gravi, perché essi più inclini a delinquere.
                      Non sei di meno tu! Certo ti presenti più educato, più democratico, più pulito, piú civile ma condividi la stessa impostazione…

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a geminitolk

                      Non è così. La chiesa cattolica non è un’organizzazione riservata ai credenti, ma è aperta a tutti, e gestisce scuole e oratori frequentati da bambini figli di credenti e non credenti. Per queste attività riceve anche molti soldi dallo Stato. È quindi un’organizzazione che, basandosi sul dettato evangelico, ha una forte impronta e vocazione educativa. Il fatto che all’interno di questa organizzazione ci siano stati (tanti, pochi, non ha importanza) casi di abusi sessuali verso bambini, e pure coperti dalle gerarchie, è una cosa molto grave che indigna tutti, credenti e non, che riponevano in quella organizzazione fiducia al di la delle proprie convinzioni religiose. Il paragone che fai con i razzisti non esiste, perché nessuna persona di buon senso ritiene che i religiosi commettano abusi in quanto religiosi, ma non per questo non deve scandalizzarsi parecchio di questi episodi.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a geminitolk

                      Tutto il tuo odio anticattolico sta venendo fuori a poco a poco…
                      Non mi stupisco… sapevo che il tuo interessamento alle vicende era strumentale, prescinde in realtà al finanziamento delle paritarie! (soldi prelevati, con le tasse dallo Stato, anche ai cattolici…)
                      A te non dovrebbe riguardare cosa rappresenta un prete, quelli sono affari dei credenti non tuoi!
                      Per lo Stato lui è un cittadino come me e come te…
                      L’aggravante lo vedi tu perché ai seri problemi con la religione!
                      Per cui questo è evidente un razzismo…

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a geminitolk

                      Mah… Continui a parlare di razzismo a vanvera, cerca di mettere ordine nelle tue idee. Fai purtroppo parte della categoria di persone che considera offese le critiche. Io ho frequentato gli oratori, mio figlio anche, ho sempre avuto una grande fiducia e stima nei sacerdoti, anche perché non ho mai avuto esperienze negative. Sapere quindi che al mondo (e anche in Italia) ci siano stati casi di abusi sessuali commessi da preti mi ha sorpreso e indignato. Ritenevo che tale indignazione riguardasse tutti, e soprattutto i cattolici come te, ma invece noto che per alcuni cattolici è più importante trovare qualche pagliuzza negli occhi degli accusatori piuttosto che la trave addosso agli accusati. Me ne farò una ragione.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a geminitolk

                      Quello che dici è senza senso…

                      Se uno si trova bene con una persona che motivi ha di dubitarne(solo perché ci sono altre persone che fanno del male)?
                      Questo è un atteggiamento razzista.
                      Perché il tuo ragionamento è del tipo “i preti possono essere pedofili” quindi mi salvaguardo… Ma caro Dara anche gli insegnati, gli educatori, gli allenatori di tuo figlio possono essere pedofili perché non adotti gli stessi preconcetti mentali che hai? (Il tasso di pedofilia è più alto)
                      Perché non t’indigni con il sistema scolastico, che insabbia i fatti?, se leggi la notizia di un qualche pedofilo tra il corpo docenti?

                      Siamo seri suvvia Roberto…

                      Il tuo è chiaro spirito polemico anticlericale, in aggiunta di natura discriminatorio.

                      Siccome indossava la tunica è più colpevole degli altri.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a geminitolk

                      Rispondi a questo, non ti trincerare in retorica presa di coscienza dei reati, ti assicuro che noi cattolici siamo più neri di te!

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a geminitolk

                      Ti ho risposto chiaramente, mi indigno allo stesso modo, ma un prete mi indigna un po’ di più perché ha fatto voto di castità e di obbedienza al Vangelo, mentre un professore di scuola no (il che ovviamente non lo autorizza ad essere abusatore, infatti mi indigna lo stesso).

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a geminitolk

                      Bella questa di Roberto Dara.! L’etica religiosa vale più di quella laica soltanto quando si è colpevoli…

                      0
                    • Kosmo ha detto in risposta a geminitolk

                      Ah infatti si vede bene come ti indigni con gli altri.
                      Ti ho filmato l’altra volta sotto il dipartimento dell’educazione americano che protestavi facendo lo sciopero della fame per colpa degli insegnanti pedofili.
                      Ma falla finita!

                      0
                    • Kosmo ha detto in risposta a geminitolk

                      *era per ROberto Dara.

                      0
                  • domenico ha detto in risposta a Roberto Dara

                    Caro Dara lo sai perchè i numeri sono alti per la Chiesa? perchè le commissioni istituite dalla Chiesa accettano denunce anche per preti morti o per fatti avvenuti nel 1950. Quando lo stesso criterio verrà seguito anche dalle autorità civili allora potremmo confrontare i numeri percentuali con maggiore coerenza.
                    Per fare un esempio: ci sono studi che dicono che nelle scuole americane il 7% degli allievi è vittima di abusi sessuali da parte degli insegnanti o del personale. Se tutti questi allievi facessero denunce e se queste denunce valessero anche per fatti di decenni fa, immagina a che cifre potremmo arrivare. E che il sistema scolastico americano fosse solito ‘insabbiare’ denunce o trasferire docenti segnalati e noti per la loro condotta è ormai accertato ma sembra che il tutto non interessi a nessuno.

                    0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a domenico

                      In ogni caso questo non sminuisce il problema della pedofilia tra i preti cattolici. La Chiesa potrà pure prendere in considerazione denunce verso preti morti, ma la giustizia ordinaria no, per cui i casi di condanne riguardano comunque religiosi che erano vivi all’epoca, e di condanne ce ne sono state centinaia. Credo che in una società ideale chiunque subisca abusi dovrebbe denunciare il fatto, purtroppo sappiamo che questo non avviene sempre, per tanti motivi. Questi motivi hanno riguardato per troppo tempo anche i casi di abusi da parte di religiosi, mentre fortunatamente (anche grazie alle aperture fatte dalla Chiesa stessa) oggi i casi vengono denunciati più spesso. L’apertura fatta ha consentito anche a persone che avevano subito abusi tanti anni prima e che erano rimasti in silenzio per i motivi di cui sopra, di poter finalmente vuotare un sacco che era stato fino ad allora un macigno nelle loro anime e nelle loro vite.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a domenico

                      Roberto fai il moralista da queste parti,credendo di saperla lunga e ti rifiuti sistematicamente di spiegarci perché non ti occupi di altre istanze, meno popolari mi rendo conto ma più coraggiose….
                      È bello buttare fango su fango ma credimi non fa questo di te un uomo libero!

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a domenico

                      In questo sito se non sbaglio si parla di cattolici, per cui non vedo perché dovrei parlare di altro. Se mi chiedi se sono indignato nel sapere che le maestre di qualche asilo laico hanno abusato di bambini, ti rispondo che lo sono e parecchio, e spero che vengano perseguite e condannate come tutti quelli che commettono certi reati odiosi. Ma qui si parlava di Snap e di abusi compiuti dai preti cattolici, e mi pare dai vostri commenti che sia più grave il fatto che chi ha denunciato migliaia di casi ne abbia toppato qualcuno, piuttosto che il fatto che le altre migliaia di casi siano risultati veri.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a domenico

                      L’articolo non parla di pedofilia nel clero, parla di informazione, e del fatto che la stessa SNAP ha protetto un pedofilo! Da parte tua non si è levato sdegno per questi fatti.

                      0
                    • domenico ha detto in risposta a domenico

                      “In questo sito se non sbaglio si parla di cattolici, per cui non vedo perché dovrei parlare di altro.”
                      In certi siti/forum in cui si dovrebbe parlare di atei/ateismo non fanno altro che parlare di cose cattoliche…

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a domenico

                      La Snap ha protetto un pedofilo, così come la BBC qualche tempo fa. Ok, sono sdegnato, anche se io non ho nulla a che fare con la Snap, e qualcuno subirà giustamente, spero, conseguenze penali per questo. Se non sbaglio comunque la Snap ha aiutato molte vittime vere di preti pedofili veri che erano stati veramente protetti da vescovi. Questi fatti vi sdegnano più o meno di quello dell’unico pedofilo che risulta essere stato protetto da Snap, organizzazione di cui voi non fate parte, a differenza della Chiesa Cattolica di cui fate parte?

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a domenico

                      “Se non sbaglio…”Parli per sentito dire, ti riferisci alle bugie gossipare dei giornali che ce l’avevano pure con Benedetto XVI (che non c’entrava niente).
                      Come fai a fare il moralista se non sei documentato e a fare le pulci solo ai cattolici?

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a domenico

                      Il “se non sbaglio” era retorico. E come al solito non rispondi alle domande.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a domenico

                      Appunto fai retorica non dimostri nulla.

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a domenico

                      Rispondi alla domanda: ti indigna di più un’associazione anticlericale che protegge un pedofilo al suo interno o sapere che un prete della chiesa di cui sei fedele si rende colpevole di atti di pedofilia?

                      0
                    • LawFirstpope ha detto in risposta a domenico

                      Sei fuori strada: il fatto che ci sia (o ci sia stato) un pedofilo all’interno della SNAP è solo un ulteriore macchia che si va ad aggiungere ad un’organizzazione le cui bassezze sono ormai state dimostrate essere infinite.
                      Certo che trovo molto grave che ci sia un prete che si macchi di tali abomini, ma sono sicuro che oltre alla mia troverai l’indignazione e la condanna di TUTTI i cattolici, anche del papa e sta sicuro che tutti si auspicano un tempestivo intervento in proposito.
                      Quello che mi fa schifo è il modo di fare (dis)informazione di questi tizi, la disonestà intellettuale, il lucro, il fatto che non si ritenga la pedofilia poi tanto sbagliata (visto che poi si è i primi a praticarla) ma la diventa se sei un prete.
                      Ma cribbio, ce l’avete una vostra morale o vi dovete per forza rifare a quella degli altri per poterli accusare? A casa mia si dice ‘fare i finocchi col c**o degli altri’ (sarà che siamo tutti omofobi in famiglia…)
                      Ma davvero non vedi la bassezza di queste persone?
                      Davvero non vedi che vorrebbero far credere che tutta la Chiesa è corrotta e pedofila?
                      Davvero non vedi calunnia e diffamazione dappertutto?
                      Ti si è risposto in tutti i modi possibili, citando fonti, riportando articoli, ma tu replichi con le tue convinzioni continuando a spostare l’attenzione sulla gravità del fenomeno della pedofilia nel clero (sulla quale peraltro, ti si è dato ragione).
                      Cos’è che vuoi dimostrare? Che la SNAP è un’organizzazione caritatevole?

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a domenico

                      Sono più pericolosi i moralisti che attribuiscono agli altri delle colpe che poi commettono loro…
                      La Chiesa si dichiara Sposa di Cristo è vero, ma si è sempre considerata umana nei difetti. Mentre la SNAP scova i pedofili e vuole la verità per gli altri non per i suoi adepti!

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a domenico

                      La Snap è un’associazione che ha aiutato molte vittime di abusi sessuali compiuti da sacerdoti a trovare la forza per denunciarli e farli condannare. Se non ci fossero state associazioni come la Snap tanti orrendi abusi compiuti da alcuni (pochi) sacerdoti non sarebbero venuti allo scoperto, perché le gerarchie ecclesiastiche (che oggi, molti decenni dopo aver saputo dei fatti, combattono il fenomeno) avevano quasi sempre insabbiato tutto. La Snap è un’associazione anticlericale? Mi sembra normale, visto quello che alcuni preti hanno fatto ai suoi associati. Io non faccio parte della Snap, e mi auguro sinceramente che nessuno possa più farne parte, perché vorrebbe dire che finalmente gli abusi sessuali da parte dei preti sarebbero definitivamente debellati. Purtroppo la realtà fino ad oggi è stata diversa, seppure, ribadisco, limitatissima.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a domenico

                      La SNAP perché non aiuta i genitori di quel ragazzo molestato fratello del loro leader?
                      Come ha aiutato le vittime sentiamo? Dando notizie false e calunniando innocenti? Non pensi abbia rovinato la vita a gente che non c’entrava niente? O è tutto concesso loro, perché sono contro il Vaticano?
                      I casi sono due: o fai finta di niente e prendi in giro te stesso, o prendi in giro noi, il che sarebbe proprio brutto per te, visto che abbiamo molta pazienza…
                      Per cui in questo caso: il fine non giustifica assolutamente i mezzi. Associazione come la suddetta non sono nate per la giustizia ma per condurre battaglie ideologiche al fine di screditarne l’azione del clero. C’è chi lo capisce leggendo la realtà, o meglio leggendo le bugie che questi qui raccontano.

                      0
                    • LawFirstpope ha detto in risposta a domenico

                      Lo SNAP aiuta cosa?
                      Hai letto l’articolo di Introvigne che ti ho postato o l’hai bellamente ignorato?
                      Nascondersi dietro un nobile intento non ti da la possibilità di calunniare a destra e a manca.
                      Ma te lo immagini? La percentuale di abusi sessuali svolti dagli insegnanti è molto più alta, e allora che faccio?
                      Metto su un’organizzazione dove tu insegnante sei fonte di sospetto solo per il fatto di essere tale.
                      Perché non metto su un’organizzazione che si occupi degli abusi sessuali e BASTA?
                      Basta trollare: io e altri utenti abbiamo postato diversi articoli per suffragare le nostre tesi (ah, e se non ti fossi accorto, quelli blu nell’articolo sono dei link, puoi cliccarli per verificare le fonti), quindi prendi la discussione con serietà, non ignorarli e non basarti esclusivamente su cose che hai sentito dire.

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a domenico

                      Leggo tutti i link che postate, ma anche quelli che non postate. Introvigne o La Nuova Bussola Quotidiana non sono propriamente fonti neutrali, per quanto sicuramente autorevoli e degne.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a domenico

                      Massimo Introvigne è direttore del “Centro Studi sulle Nuove Religioni” (CESNUR) perché non sarebbe attendibile solo perché è cattolico? Mentre se l’UAAR pubblica uno scoop sulla pedofilia è sicuramente più credibile? Questa è la tua visione del mondo: a senso unico…

                      0
                    • Roberto Dara ha detto in risposta a domenico

                      Continuate a mettermi in bocca parole che non ho detto. Non ho detto affatto che non sono attendibili o credibili, ma che non sono neutrali, pur essendo autorevoli e degni. Mi sembra molto diverso.

                      0
                    • geminitolk ha detto in risposta a domenico

                      Perché esiste la neutralità?

                      0
              • Serlino ha detto in risposta a Roberto Dara

                Caro Roberto Dara,
                Sono reduce da un dibattito su un sito laico che mi ha cancellato il mio post, dando ennesima prova che il laicismo praticante è un pensiero fragile che non regge alle critiche “non difensive” e si protegge praticando una totale mancanza di simmetria e reciprocità.
                Perchè non provi a darmi una risposta tu?
                fra i principali promotori delle accuse alla chiesa a proposito di pedofilia in Italia rinveniamo l’unione atei italiani.
                Niente di strano e niente di male in ciò.
                Quello che non quadra troppo è l’assoluta mancanza di interesse per la pedofilia familiare (la maggior parte del fenomeno) o per temi come il turismo sessuale degli italiani…A loro interessa solo e sempre la pedofilia clericale, facendo da megafono a tipetti come quelli dello SNAP.
                Sul loro sito appare una specie di olimpo ateo con 606 atei famosi, un perfetto universo statistico da poter sottoporre ad analisi, mentre le statistiche sulla pedofilia clericale sono derivate, per lo più, da stime discutibili.
                Bene, sul tema della pedo-pede-porno-poliamore-incesto-filia (l’intera sezione dell’agenda laicista sul tema) si rinvengono più di 40 soggetti coinvolti a vario titolo, politici operanti sul fronte legislativo per l’allargamento dei “diritti”, persino quelli del pedofilo, tanto per dirne una, difensori sulla stampa di pedofili condannati del calibro di Polanski, pedofili confessi del calibro di Arthur Clark, finanziatori di attività politiche a favore dell’agenda laicista, scrittori, attori, registi.
                Insomma, il 7% dell’universo statistico. Una percentuale spropositata.
                Conclusione. se l’intera macchina pro-pedo-pede ecc-ecc-filia è addirittura nel proprio Olimpo Ateo, non c’è una evidente contraddizione fra il razzolare ateo e il predicare ateo agli altri?
                L’articolo che commentiamo quì mi sembra un ottimo esempio di contrattacco sull’ipocrisia dello Snap. E spero che l’operazione di smascheramento di questo capolavoro di ipocrisia laicista continui e si rafforzi sempre più.
                E con questo nessun abbia dubbi sulla condanna cattolica dei preti pedofili, nell’interesse della loro salvezza eterna, risparmiando molte macine di mulino…
                Una identica condanna della pedofilia atea non lo mai letta, anche perchè si potrebbe obbiettare: ma, allora, perchè la sostenete implicitamente, vantando l’ateismo di un Polanski o di un Arthur Clarke?
                Un consiglio finale: digitate su google: Arthur Clarke pedofilia, e leggete…

                0
          • MarcoF ha detto in risposta a Roberto Dara

            Certo che pur di dire contro a ogni costo se ne dicono di scemenze!!
            Con simpatia!! 😉

            0
      • Karma ha detto in risposta a Roberto Dara

        Qui altri riferimenti: http://www.uccronline.it/2013/01/02/peter-pan-onlus-premia-il-card-bagnasco-per-battaglia-contro-pedofilia/

        Dici bene sul fatto che i pochi casi di pedofilia da parte di preti cattolici sono molto più scabrosi rispetto a tanti altri per i motivi che dici tu. Ma è per il fatto che anche gli anticlericali vedono nella Chiesa una fonte di moralità che si ritiene comunque superiore alle altre.

        Vittorio Messori lo esplicita perfettamente: http://www.et-et.it/articoli/2010/2010_03_11.html

        0
      • MarcoF ha detto in risposta a Roberto Dara

        Ti aspettavamo!! E’ quel tuo “immagino” che non mi convince……!!

        0
  3. MarcoF ha detto

    Questi individui sono stati presi per “oro colato” anche in un recente servizio delle iene, guarda caso mandato in onda pochi giorni prima dell’inizio del Conclave….. strane coincidenze!!
    Uno dei peggiori servizi mai realizzati…. palesemente intriso di malafede!!

    0
  4. Daphnos ha detto

    Io preferivo questi, di Snap!

    http://www.youtube.com/watch?v=JYIaWeVL1JM

    0
    • Roberto Dara ha detto in risposta a edoardo

      Scusa che c’entra? Siccome ci sono i turisti sessuali (che andrebbero perseguiti severamente) allora quello che fanno i preti pedofili è giustificabile? Non ho capito a cosa ti riferisci quando dici ipocriti,

      0
      • lorenzo ha detto in risposta a Roberto Dara

        Sono del parere che i preti pedofili debbano essere condannati più duramente degli altri.
        Come pensi debbano essere trattati coloro che accusano falsamente i preti di pedofilia?

        0
      • gladio ha detto in risposta a Roberto Dara

        Premetto che non ci deve essere alcuno sconto per un sacerdote che si macchi di simili colpe, anzi, il fatto di essere un uomo di chiesa costituisce un’aggravante ,in quanto, alla gravità della colpa, già di per sè abominevole, si somma anche il tradimento.
        Quel che stupisce è che il lodevole accanimento contro la pedofilia di questi (evidentemente falsi) paladini dell’ infanzia abusata (ricordiamo che qualche imbecille è arrivato perfino a denunciare il Papa), si indirizza e si accanisce soltanto nei confronti della Chiesa Cattolica.
        Un ambiente questo in cui la piaga della pedofilia, seppur gravissima e da estirpare con ogni mezzo (e chi l’ ha mai messo in dubbio?) è fortunatamente del tutto marginale.
        Tale solerzia e impegno invece si esauriscono nei confronti di quelle realtà di gran lunga più rilevanti, sia numericamente che economicamente che sono costituite, tanto per dirne una, dalle varie società di Tour operator specializzate nel “settore”.
        Società queste tutt’ altro che difficili da smascherare visti i numeri in gioco
        (ogni giorno partono aeroplanate di pedofili verso i cosidetti “paradisi del sesso”)
        Con questo appare del tutto evidente ,anche ai più ingenui, che l’ obiettivo da colpire non è la pedofilia ma la Chiesa Cattolica, con buona pace di tutti i poveri bambini sessualmente sfruttati nel mondo.

        0
        • Max ha detto in risposta a gladio

          Per non parlare del fatto che il 10% dei bambini e ragazzi, nelle scuole americane, denuncia di aver subito molestie sessuali. Ma non ho visto paginoni dei giornali e dei mezzi di informazione denunciare tale schifoso fenomeno, ne’ dozzine di insegnanti o presidi accusati per esso.

          http://www.cbsnews.com/2100-215_162-1933687.html

          0
          • geminitolk ha detto in risposta a Max

            Aspettiamo al varco l’indignazione di Roberto Dara nei confronti del sistema educativo americano…

            0
            • Roberto Dara ha detto in risposta a geminitolk

              Sono indignato ma questo non sminuisce le colpe dei religiosi che hanno commesso abusi e sulle gerarchie che li hanno coperti. Sono anche contento che nelle scuole italiane non si hanno notizie di abusi paragonabili a quelli americani (ma del resto nelle loro scuole si ammazzano a fucilate, alla fine non ci si stupisce più di tanto), mentre purtroppo anche in Italia ci sono stati diversi casi di abusi sessuali da parte di preti cattolici.

              0
              • domenico ha detto in risposta a Roberto Dara

                Dara, una veloce ricerca su internet e di insegnanti e maestri accusati in Italia di abusi sugli allievi ne troveresti un bel pò addirittura casi di maestri fatti ritornare ad insegnare nonostante le denunce…
                Quello che c’è di diverso dagli USA è che qui il governo ancora non ha chiesto di fare ricerche statistiche come hanno fatto lì.
                ma sembra che a te giungano notizie solo e se i casi riguardano i preti…Già solo questo dimostra i tuoi interessi a senso unico.

                0
                • domenico ha detto in risposta a domenico

                  guarda ti dò una mano:
                  “L’Associazione giudici minorili, cosi’ come i neuropsichiatri infantili, rilevano che invece di essere una frontiera di prevenzione contro l’abuso, la scuola non percepisce i segnali di disagio e, spesso, preferisce addirittura “garantire il posto agli insegnanti sospettati di pedofilia”. Da uno studio curato dal centro “Hansel e Gretel” nell’area torinese, emerge che su cinque casi di insegnanti accusati di abusi, uno dei quali condannato, nessuno e’ stato sospeso dall’incarico. Tutti e cinque risultano trasferiti, hanno cioe’ continuato a lavorare tra i ragazzi. ”
                  http://archiviostorico.corriere.it/1997/settembre/10/Una_lunghissima_serie_abusi_classe_co_0_97091010147.shtml

                  Dov’è la tua indignazione? dove sono quelli che chiedono l’incriminazione di presidi, provveditori e ministri e capi di governo che consentivano tutto questo?

                  0
                  • Roberto Dara ha detto in risposta a domenico

                    Sono indignato.

                    0
                    • Kosmo ha detto in risposta a Roberto Dara

                      No.
                      Sei semplicemente ipocrita.
                      Perchè non ti interessano le vittime, ma solo gettare fango sulla Chiesa Cattolica, con accuse oltretutto false di occultamento come stai facendo a più riprese.

                      0
              • geminitolk ha detto in risposta a Roberto Dara

                Siamo d’accordo. Però vorrei fossi più disposto a coltivare libertà di giudizio. A non avercele con il prete in quanto prete. Ma a condannare con fermezza i delinquenti, che stanno ovunque, senza generalizzare o accusare in toto gruppi collettivi. E a riservare meglio le tue opinioni su associazioni IMBROGLIONE!

                0
                • Max ha detto in risposta a geminitolk

                  Sono d’accordo anch’io, ci mancherebbe altro, che chi ha commesso un crimine odioso come quello di abusare di un bambino debba essere stigmatizzato e punito severamente. Ancor di piu’, se e’ una persona come un sacerdote od un poliziotto od un insegnante, dei quali, in un certo senso, la societa’ “si fida” in maniera particolare.

                  Quello che trovo scandoloso e’ che si sono scritte montagne di accuse contro la Chiesa, spesso esagerando i fatti, mentre dei bambini abusati da maestri di solito occupano, nelle stesse testate di informazione, le pagine di mezzo, e con molta meno frequenza. Perche’ avviene cio’ ?

                  Questo si chiama avere due pesi e due misure. Punto.

                  0
      • edoardo ha detto in risposta a Roberto Dara

        Non so se fai finta di non capire o cosa.
        Tu solo hai elucubrato la deduzione che Edoardo vorrebbe rendere giustificabile il reato di stupro di minore perpetrato da preti.
        Il messaggio che volevo far passare è questo:
        la gente “comune”, il popolino che costruisce il proprio atteggiamento sul politically correct, è pronto a puntare il dito contro il pretaccio, accusato di ogni nefandezza, ed un numero non facilmente quantificabile da quanto è alto (e anche perché i vili si nascondono) di accusatori va nei Paesi poveri dove ci sono orde di disperati e noleggia schiave sessuali a ore.
        Aggiungo io: e magari prende malattie e poi le attacca come regalino alla moglie ignara.
        Io sai cosa farei, tornando “OT”?
        Tutti quelli arrestati in quei Paesi con accuse di quel tipo, una volta verificata la veridicità delle accuse con prove inequivocabili, semplicemente li abbandonerei al loro destino nelle mani della giustizia locale.
        Diramerei ordine ai consolati di non accogliere richieste di aiuto di cittadini italiani la cui responsabilità è provata dai fatti.
        Abbiamo quasi abbandonato i due marò che il governo indiano ci ha preso con uno strattagemma, e non possiamo abbandonare questi schifosi nelle maglie della giustizia locale?
        Pensa che aiuto concreto che daremmo alle loro famiglie in Italia: potrebbero disporre dei beni del galeotto in breve tempo: anziché bruciarli in quella turpe schifezza, sarebbero spesi per creare un futuro ai figli che sarebbero oltretutto beneficati solo per il fatto di perdere quel genitore.
        Ma ci pensi che vantaggio?

        0
        • Roberto Dara ha detto in risposta a edoardo

          Sono d’accordo sull’ipotesi di pena, purtroppo in molti di quei paesi meta di turismo sessuale le autorità locali sono spesso conniventi con gli sfruttatori, e facilmente corrompibili. Sinceramente sono più fiducioso della giustizia italiana nei confronti di quei reati, per quanto possa sembrare strano. Ma, come ripeto, l’argomento non c’entra molto con la pedofilia nella chiesa, che è un fenomeno diverso e ugualmente grave.

          0
  5. domenico ha detto

    a proposito visto che questo Dr. Taylor era pure sposato, la smetteranno di chiamare in causa il celibato ecclesiastico?

    0
  6. Kosmo ha detto

    Dara sei patetico come quelli che manifestano sotto l’ambasciata USA contro la pena di morte ma non dicono A sulle esecuzioni cinesi e come le femministe che non fiatato di fronte ai soprusi dei misulmani (anche in Italia come recentemente visto per le bagnine a Jesolo)

    0
  7. Harry Burns ha detto

    Gentile Darà, la questione è abbastanza semplice, poniamo la così: la CC è un “ente” con diversi fini riassumibili con un unico fine trascendentale. Senza addetrarci troppo diciamo che al suo interno ci sono individui che trasgredisco “le regole”. Tuttavia la CC non è un ente specifico, in particolar modo CONTRO qualcosa. Sbagliando, anche in modo grave, hai tradito la CC non quello che la chiesa persegue. Lo SNAP invece è un organizzazione con un unico scopo specifico: combattere la pedofilia del clero. Va da se, ritenendo (a ragione) la pedofilia un abominio. Ora se i vertici dello SNAP coprono un caso di pedofilia la questione é duplice: da una parte dimostrano che la loro battaglia è solo contro la CC e non contro la pedofilia in quanto tale, dall’altra crolla il fondamento logico della loro stessa esistenza: se il tuo scopo è solo scoprire e denunciare caso di pedofilia e non lo fai che esisti a fare? Fra l’altro getti una pesante ombra su tutto il tuo operato. Questo sminuisce anche solo di una virgola la colpa dei sacerdoti macchiati di di pegofilua? Manco x scherzo! Sminuisce lo SNAP e tutto il suo lavoro? Certo che si! Se lei fonda un associazione x la difesa degli animali di Canicattì, e poi fa finta di niente quando suo fratello, pur abitando fuori paese, impallina il gatto, se permette questo scredita lei, la sua associazione e il suo lavoro

    0
« nascondi i commenti