Cristicchi: «nei monasteri sono cambiato, siamo parte di un disegno»

abbi cura di me cristicchiSimone Cristicchi a Sanremo 2019. Tra i favoriti il suo brano “Abbi cura di me”, una laude francescana che l’artista ha scritto ispirato dalla frequentazione di monasteri e conventi, un’esperienza che lo ha cambiato, richiamandolo alle grandi domande e alle priorità della vita.

 

Certamente è musicalmente cresciuto negli anni, ma non solo. Ha iniziato con brani leggeri come Studentessa universitaria (2003) e Vorrei cantare come Biagio (2005), il cantautore romano Simone Cristicchi ha fatto un percorso personale. Già nel 2017 ha portato a Sanremo, vincendolo, la bella canzone Ti regalerò una rosa, scritta alla fine di un suo viaggio tra gli ospedali psichiatrici d’Italia.

 

“Abbi cura di me”, la laude francescana presentata a Sanremo 2019.

Secondo i pronostici, Cristicchi è tra i favoriti per vincere anche il Festival di Sanremo in corso in questi giorni, stasera ci sarà la finale. Il singolo che ha presentato si chiama Abbi cura di me, incluso nel nuovo album pubblicato il 6 febbraio scorso. «Non cercare un senso a tutto. Perché tutto ha senso, anche in un chicco di grano si nasconde l’universo. Perché la natura è un libro di parole misteriose, dove niente è più grande delle piccole cose. La vita è l’unico miracolo a cui non puoi non credere, perché tutto è un miracolo tutto quello che vedi».

Qualcuno l’ha già definita non a torto una “laude francescana” o un Cantico delle creature 2.0, dove la bellezza del creato diventa segno del Mistero, del miracolo, della «scintilla divina». In un altro brano, intitolato Gli Alberi, Cristicchi è ancora più profondo: «Per gioire di questo incanto, senza desiderare tanto, solo quello, quello che abbiamo, ci basterà. Ad accorgersi in un momento di essere parte dell’immenso, di un disegno, molto più grande, della realtà».

 

L’amicizia nei monasteri con frati e monache: “Sono le persone più felici”.

Le parole dell’artista sono però la miglior spiegazione: «Una suora clausura mi ha dato l’interpretazione più bella. È una preghiera di Dio all’uomo, perché anche Dio ha le sue fragilità», ha detto Cristicchi in un’intervista. Cristicchi ha frequentato in questi anni molti monasteri e conventi, come l’eremo di Monte Giove a Fano e la Fraternità di Romena guidata da don Luigi Verdi, con cui ha registrato il nuovo programma per Tv2000, Le poche cose che contano. Ha così creato un legame speciale con suore e monaci, scoprendo che «le persone più gioiose e felici che ho incontrato, sono quelle appartate dal mondo, ma non per una questione di fuga o di snobismo. Nel silenzio ci si connette a qualcosa. Ed è proprio soggiornando in un eremo quest’estate che ho scritto “Lo chiederemo agli alberi”, secondo inedito dell’album. Parlo dell’allodola, che è come le monache, l’uccellino prediletto da San Francesco e rappresenta l’umiltà, perché si ciba delle piccole briciole, del poco che ha, e canta dall’alba alla notte».

Nell’intervista Simone Cristicchi dice di essersi accorto che «la spiritualità va toccata con mano, la devi toccare e farne esperienza. E l’esperienza più forte è vedere persone rapite da qualcosa di superiore, che hanno abbandonato la vita precedente per un desiderio di infinito che appartiene a tutti». Mercoledì scorso, al termine dell’Udienza, il cantautore è riuscito ad incontrare anche Papa Francesco.

 

Un tempo era critico verso la Chiesa.

Un tempo era critico verso la Chiesa, come molti artisti provenienti dalla “sinistra impegnata”. Poi è accaduto qualcosa, «un mio amico monaco mi ha detto che sono un cristiano inconsapevole. Credo che occorra ritornare alle priorità della vita. Siamo invasi ogni giorno da mille progetti, da mille informazioni, mille immagini, siamo continuamente collegati e connessi con la realtà virtuale. Così si perde interesse per le grandi domande dell’esistenza. Siamo noi stessi che ci dobbiamo risvegliare e capire l’importanza della vita. In realtà c’è tanta bellezza che ci circonda, la meraviglia di esserci e di partecipare».

 

Nel video qui sotto, Cristicchi interpreta Gli alberi, spiegando come l’ispirazione sia venuta conoscendo le sorelle francescane di Campello. Più in basso, il brano Abbi cura di me.

 

 
La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

18 commenti a Cristicchi: «nei monasteri sono cambiato, siamo parte di un disegno»

« nascondi i commenti

  1. Safiano ha detto

    Qualcuno l’ha già definita non a torto una “laude francescana” o un Cantico delle creature 2.0, dove dalla bellezza del creato diventa segno del Mistero, del miracolo, della «scintilla divina». In un altro brano, intitolato Gli Alberi, Cristicchi è ancora più profondo: «Per gioire di questo incanto, senza desiderare tanto, solo quello, quello che abbiamo, ci basterà. Ad accorgersi in un momento di essere parte dell’immenso, di un disegno, molto più grande, della realtà».

    Ma in questo incanto sono contemplati anche i batteri della Peste Nera (Yersinia pestis) , Ebola e le mosche mangiacarne?

    L’amicizia nei monasteri con frati e monache: “Sono le persone più felici”.

    Le parole dell’artista sono però la miglior spiegazione: «Una suora clausura mi ha dato l’interpretazione più bella. È una preghiera di Dio all’uomo, perché anche Dio ha le sue fragilità», ha detto Cristicchi in un’intervista. Cristicchi ha frequentato in questi anni molti monasteri e conventi, come l’eremo di Monte Giove a Fano e la Fraternità di Romena guidata da don Luigi Verdi, con cui ha registrato il nuovo programma per Tv2000, Le poche cose che contano.

    magnà e beve senza lavorà :)!

    Nell’intervista Simone Cristicchi dice di essersi accorto che «la spiritualità va toccata con mano, la devi toccare e farne esperienza. E l’esperienza più forte è vedere persone rapite da qualcosa di superiore

    andare in vacanza immersi nella natura in castelli e monasteri mantenuti con i soldi pubblici, ma che fruttano ai frati cospicui guadagni senza lavorare, mangiando e bevendo ottimo vino non è spiritualità ma puro epicureismo e molto paraculismo!

    Un tempo era critico verso la Chiesa.

    Un tempo era critico verso la Chiesa, come molti artisti provenienti dalla “sinistra impegnata”. Poi è accaduto qualcosa, «un mio amico monaco mi ha detto che sono un cristiano inconsapevole. Credo che occorra ritornare alle priorità della vita. Siamo invasi ogni giorno da mille progetti, da mille informazioni, mille immagini

    Di cui sulla RAI sono al 99.9% di fonte clericale..

    , siamo continuamente collegati e connessi con la realtà virtuale. Così si perde interesse per le grandi domande dell’esistenza

    la risposta sarebbe la teocrazia e un clericalismo criminogeno?

    • Roberto ha detto in risposta a Safiano

      1) Forse per credere in Dio hai bisogno che i ratti siano portatori di aroma di gelsomino o che tutti gli animali siano vegani? Una bella bolla di protezione che protegge qualora un tetto dovesse cadere in testa no, o perché no, l’ adamantio di Wolverine.
      2) Le persone che si ritirano a vita monastica fanno una vita molto più più stancante e proibitiva di quanto tu possa immaginare, per esempio sono stato in un monastero in cui si coltivava la terra, altro che “senza lavorà” con la faccina da ebetino a seguire.
      3)Cospicui guadagni? è solo il minimo indispensabile per non fare la fame, nessun eccesso. Si vede che non sai di cosa stai parlando, solo preconcetti.
      4)Se vabbe, il 2000%
      5) Nessuno sta parlando di teocrazie e di clericalismo criminogeno e nessuno le vuole. Se non sai vedere una via di mezzo tra questa società e quella che vai cianciando, è un problema tuo.

  2. Roberto ha detto

    Ma piantala di fare il pagliaccio, che vieni cancellato solo perché rovini la qualità del dibattito, il decoro dei lettori e il prestigio della pagina.

    • Roberto ha detto in risposta a Roberto

      Non è possibile continuare a sopportare i tuoi deliri e delle tue bambocciose suggestioni, Don Chisciotte.

  3. Arturo ha detto

    Il vincitore di Sanremo incarna sii forse la tendenza musicale del momento. Ma una critica disattenta alla poesia, alla sensibilità dei contenuti nei testi oltre alla interpretazione di un musicista come cristicchi fa capire quanto sono condizionate da i dettami delle case discografiche che ne detengono alla fine i giudizi finali . Specchio di una società superficiale , poco sensibile a certe tematiche più trascendentali dell uomo.

    • Simone ha detto in risposta a Arturo

      Qualcuno l’ha già definita non a torto una “laude francescana” o un Cantico delle creature 2.0, dove dalla bellezza del creato diventa segno del Mistero, del miracolo, della «scintilla divina». In un altro brano, intitolato Gli Alberi, Cristicchi è ancora più profondo: «Per gioire di questo incanto, senza desiderare tanto, solo quello, quello che abbiamo, ci basterà. Ad accorgersi in un momento di essere parte dell’immenso, di un disegno, molto più grande, della realtà».

      Ma in questo incanto sono contemplati anche i batteri della Peste Nera (Yersinia pestis) , Ebola e le mosche mangiacarne?

      • Emanuele ha detto in risposta a Simone

        Santa Teresa della Croce, durante la prigionia a Auschwitz ebbe così a rimproverare e rinquorare le sue compagne di prigionia che si lamentavano di pulci e zecche che le tormentavano notte e giorno:
        “Sorelle, lodiamo Dio per questi insetti che ci tormentano. Grazie ad essi, i nostri aguzzini si tengono quasi sempre ben lontani dalle baracche e noi possiamo pregare e lodare Dio indisturbate e senza rischiare la vita. Tutto concorre al bene di coloro che amano Dio, disse San Paolo”
        Detto ciò si misero tutte a pregare con maggior vigore e gioia.

  4. Sisco ha detto

    Premesso che il vincitore del festival è un migrante di seconda generazione, chi ci dà il diritto di criticare l’andazzo corrente senza prima averne vissuto fino in fondo le implicazioni? Anche perchè alternativa non c’è e le nostre donne soffrono se non diamo al mondo i suoi diritti! E noi non vogliamo veder soffrire le nostre donne…

    • Patrizia ha detto in risposta a Sisco

      Non è proprio un migrante di seconda generazione, sua madre è italiana. Suo padre egiziano.. era un pezzo di merda che non c’è mai stato nella sua vita se non per i soldi del figlio. Lo ha cresciuto solo sua madre.
      Poi non ha proprio vinto lui, secondo il televoto era terzo aveva appena il 14% dei voti, è stata la giuria a dargli tutti i voti possibili per ribaltare tutto il televoto. Infatti se ne sono sentite di lamentele, addirittura da Baglioni stesso.
      “Le nostre donne soffrono se non diamo al mondo i suoi diritti”
      Ma quali donne, e quali diritti di che?

      • Sisco ha detto in risposta a Patrizia

        Si dice di seconda generazione un “migrante” nato nel paese dove è emigrato il genitore e che parla ed è cittadino italiano. La mia tirata sulle donne è stato un attimo di debolezza che neanch’io mi sono perdonato, infatti non è meglio ipocriti che veridici.

      • Sisco ha detto in risposta a Patrizia

        Dicesi migrante di seconda generazione il cittadino italiano che è figlio di un cittadino extracomunitario e che parla italiano. Quanto alla mia tirata sulle donne non me la sono perdonata neanch’io: meglio veritieri che ipocriti…

      • Emanuele ha detto in risposta a Patrizia

        Credi ancora nel televoto?

        Chi meglio di lui poteva vincere? Figlio di migranti, ben integrato, di successo.

        L’altr’anno tutti col braccialetto arcobaleno, quest’anno va di moda il problema migratorio.

        Non verrai mica che San Remo non parli alla pancia dei telespettatori?

  5. Carmine Felici ha detto

    Ho conosciuto questo sito grazie al tweet che Cristicchi ha fatto di questo articolo (https://twitter.com/scristicchi/status/1094559101042991104). I miei complimenti agli autori, avete vinto un lettore nuovo.

  6. Emma Vittoria ha detto

    Simone Cristicchi

  7. Andrea ha detto

    Speriamo sia veramente sulla via della conversione, ma dovrebbe rinunciare ai soldi guadagnati con le prime performance, tipo la perla seguente:
    https://it.wikipedia.org/wiki/Prete_(brano_musicale)
    https://www.angolotesti.it/S/testi_canzoni_simone_cristicchi_4145/testo_canzone_prete_195014.html
    In ogni caso, almeno è stato chiaro, non come i messaggi subliminali e all’inverso della sedicente comica (oltre alla pronuncia, per ben tre volte, della parola Satana):
    https://www.raiplay.it/video/2019/02/Sanremo-2019-Virginia-Raffaele-Claudio-Bisio-Grammofono-7c2e82ad-2169-4d68-8d81-19e4b46e5466.html
    (da 3:30 in poi, in particolare)
    Un non credente pensa a tutto cio’ come una sciocchezza, ma se lo fossi, sarei comunque indignato perché costretto a subirmelo con i miei soldi.
    Vediamo chi protesta: nel nostro caro Bel Paese del menefreghismo e della superficialità, finirà tutto in una bolla di sapone.
    Festival delle aristozecche e della massoneria.

    • underwater ha detto in risposta a Andrea

      Che senso ha rivangare il male passato? E’ convertito, è ovvio che lo ha rigettato.

      • Andrea ha detto in risposta a underwater

        Lo spero per lui che sia convertito. L’ovvietà è fatta di segni concreti perché un peccato esige non solo un pentimento, ma anche una riparazione (ovviamente, nei limiti del possibile). Solo allora parlerei di conversione ovvia, altrimenti preferisco astenermi.
        Prendi, per esempio, ex “pornostar” che hanno accumulato lauti guadagni con le loro performance. A un certo punto, dicono che si sono convertite: per dimostrarlo, dovrebbero rinunciare a questi soldi. Come dice san Giacomo, la fede senza le opere è morta. Quindi, certamente fanno piacere questi segnali di ravvedimento, ma la prudenza è d’obbligo: la porta è stretta.

        • Mastro Titta ha detto in risposta a Andrea

          Non sostituirti né a Dio, né al confessore di Simone. Alla maturazione della sua anima ci pensano loro: non fare il fratello maggiore della parabola.

« nascondi i commenti