Se la difesa di Asia Bibi è poco cool: l’ipocrisia dell’Onu è anche la nostra

 
 
 
di Pierluigi Battista*
*da Corriere della Sera, 10/06/18

 

Tra pochissimo si toccherà quota 3.300. Un record molto triste perché 3.300 sono i giorni che Asia Bibi, in Pakistan, ha già scontato, colpita da un’accusa grottesca di “blasfemia”.

Asia Bibi è una donna pakistana che ha la sventura di essere cristiana e per il solo fatto di aver avuto la spudoratezza di girare per strada da sola è stata condannata a morte, con una condanna per il momento, ma solo per il momento, sospesa. Per qualche tempo Asia Bibi ha ricevuto la solidarietà di molte organizzazioni umanitarie, e ovviamente del Vaticano.

Dopo un po’ la campagna in suo favore è però venuta a noia. La difesa di una donna cristiana perseguitata non si porta molto, sa di vecchio, non attira, non è cool. E perciò Asia Bibi se ne sta in galera da quasi 3.300 giorni condannata nel silenzio e nell’indifferenza. I diritti umani non esistono più nella nostra coscienza se vengono violati a troppi chilometri di distanza. La mostruosità di una donna cristiana condannata a morte semplicemente perché cristiana non muove a pietà, è un po’ meno mostruosa, è troppo poco “altra” da noi per farne motivo di indignazione. La sorte dei cristiani massacrati e discriminati non interessa più a nessuno.

L’universalità dei diritti fondamentali è buona solo per i discorsi retorici, non per motivare un impegno vero. E Asia Bibi giace in una cella, in condizioni disumane, sola, abbandonata, dimenticata, con la colpa di non aver commesso nulla: solo di aver pregato e onorato il suo Dio, che nel Pakistan islamista è crimine troppo grave. Il silenzio su Asia Bibi svela in tutta la sua meschinità la nostra ipocrisia, la nostra grottesca doppiezza morale, la mancanza di credibilità di organismi internazionali come l’Onu, nata proprio per reagire alla violazione dei diritti umani e trasformatasi via via in un baraccone in cui le commissioni per i diritti umani sono presiedute dai Paesi in cui quegli stessi diritti sono sistematicamente violati.

Povera Asia Bibi, condannata a morte e dimenticata da noi, come tutte le donne e tutti gli uomini che non possono nemmeno possedere un rosario perché indizio di “blasfemia”. Noi che sembriamo buoni solo a intermittenza, che non siamo più credibili, meritandoci questo attestato non proprio motivo di orgoglio. Quanti giorni dovrà scontare ancora in carcere Asia Bibi? E a noi, che ce ne importa?

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

14 commenti a Se la difesa di Asia Bibi è poco cool: l’ipocrisia dell’Onu è anche la nostra

« nascondi i commenti

  1. lorenzo ha detto

    Esprimere solidarietà ad Asia Bibi ed affermare che l’islam è religione di pace?
    Non sarebbe allora più logico e proficuo appellarsi all’islam, religione di pace, per chiedere l’immediata liberazione di Asia Bibi?

  2. Aristarco De' Strigidi ha detto

    L’ assolutismo delle fedi (religiose, ma anche no), oggi islam innanzitutto, ha creato mostri e l’ accondiscendenza, in un malcelato tentativo di ammansire la bestia, mascherato da buonismo ha aggravato il problema.

    • lorenzo ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

      Se le persone fossero assolutiste anche con quanto afferma il Vangelo:

      “Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente; ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guancia destra, tu porgigli anche l’altra; e a chi ti vuol chiamare in giudizio per toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà a fare un miglio, tu fanne con lui due. Da’ a chi ti domanda e a chi desidera da te un prestito non volgere le spalle.
      Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti.”

      non credi che il mondo sarebbe diverso?

      • Aristarco De' Strigidi ha detto in risposta a lorenzo

        Certo che sarebbe diverso.
        Se fosse vero …
        Se soltanto gli stessi che le predicano le seguissero ‘ste regole, invece di farne uno strumento di sopraffazione, per la serie : “Armiamoci e andate …”.
        Gli esempi, anzi piuttosto direi le regole, non mancano, in tutti i tempi, in tutto il mondo.
        Esempi, sia religiosi, sia laici.

        • lorenzo ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

          E’ però necessario stare attenti alle letture integraliste: i Vangeli infatti mettono per iscritto, in greco, quello che viene spesso espresso con le esagerazioni iperboliche tipiche della mentalità semitica e vanno inoltre letti come un tutt’uno e non come una raccolta antologica.

« nascondi i commenti