Giulia Innocenzi: «la libertà? Impedire a Papa Francesco di parlare»

FemenLa trasmissione “Anno Uno” su La7 non funziona, gli adolescenti-opinionisti che si insultano in studio (fingendo di “dialogare”) guidati malamente dalla quasi-giornalista Giulia Innocenzi, hanno fatto crollare da tempo l’audience: una media di share del 5%.

Innocenzi le ha tentate tutte senza successo, perfino invitando Matteo Renzi. Ieri sera ha voluto provare il mai provato: far intervenire le “Femen” per insultare il Papa in diretta televisiva. E lo hanno fatto davvero: le femministe nude (protestano nude perché non riescono ad esporre le loro idee civilmente, confermando purtroppo i pregiudizi maschilisti della donna-oggetto, dotata di minor intelligenza tanto da dover usare la nudità per attirare l’attenzione pubblica) entrano in studio quasi a fine trasmissione. Fino a quel momento si era parlato del rapporto tra sindacato e giovani, con Maurizio Landini, segretario CGIL, presente in studio. Recitano una preghiera “anticlericale”, in inglese, invocando «un mondo senza religione» e spiegando che «i nostri diritti sono in pericolo» e questo perché Papa Francesco parlerà a Strasburgo il 25 novembre. E’ stato invitato infatti dal presidente dell’assemblea, Martin Schulz. La “preghiera” termina con il dito medio, l’urlo “Fuck the Pope” (“Fanculo al Papa”) e lancio di preservativi.

L’imprenditore Gian Luca Brambilla lascia immediatamente lo studio, spiegando di essere invitato per confrontarsi sulle tematiche del lavoro e non per insultare il Papa e la Chiesa cattolica. Il pubblico e gli adolescenti-commentatori della trasmissione applaudono le Femen, qualcuno prova a protestare. Nessuno però riesce ad esprimere un concetto dato che la conduttrice Giulia Innocenzi si impone con l’audio del suo microfono: «Erano le Femen e io sono molto orgogliosa di averle potute ospitare. Questa è la bellezza della libertà d’espressione». Già, peccato che la Innocenzi vorrebbe difendere la libertà d’espressione impedendo al Pontefice di esprimersi liberamente, definendosi orgogliosa di chi vuole tappare la bocca a Francesco nel nome di una laicità trasformata in laicismo. Questa è la libertà, per lei. Non è certo un caso che sia stata clamorosamente bocciata all’esame da giornalista, facendo esultare i suoi non-colleghi: «Finalmente l’Ordine dei giornalisti riacquista credibilità», ha scritto Riccardo Bocca dell’Espresso.

Le “Femen”, invece, le conoscevamo già e più che scandalizzare sono un clamoroso autogol. Diventate note quando la fondatrice, Inna Shevchenko, ha abbattuto una croce cristiana nel centro di Kiev dedicata alle vittime dello stalinismo. Le “Femen” sono in gran parrte prostitute rinomate dell’ambiente parigino, come è stato dimostrato (la più nota è la portavoce francese, Eloise Bouton), le loro azioni sono ideate da uomini (in particolare Viktor Sviatski, come ha ammesso lui stesso) che le pagano (1000 euro al giorno) e le sottomettono, come è stato dimostrato. Una Femen ha ammesso che verso il maschio-padrone Sviatski c’è una dipendenza maniacale: «Siamo psicologicamente dipendenti da lui». Tanto che perfino “Repubblica” ha commentato: «Paradossi di un femminismo nato da un copyright sbagliato, stramberia di un movimento incapace di liberarsi della cultura machista in cui è cresciuto».

Il Pontefice è stato insultato e attaccato in diretta televisiva. Siamo curiosi di vedere se i tanti suoi falsi amici, da Eugenio Scalfari in giù, avranno il coraggio di prendere posizione. Qui sotto una parte del video di quanto accaduto ieri sera, qui il video meno sintetico. Per chi fosse interessato a commentare quanto avvenuto ieri sera è possibile recarsi sulla pagina Facebook delle “Femen” italiane.

 

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

148 commenti a Giulia Innocenzi: «la libertà? Impedire a Papa Francesco di parlare»

« nascondi i commenti

  1. Drew ha detto

    Quasi-giornalista è un complimento!

  2. MarioTucci ha detto

    Sorprendente. La Innocenzi per fare audience non sa più cosa inventarsi. Siamo onesti, la Innocenzi non è adatta a fare TV, non ha meriti, nè scuola e dovrebbe essere cacciata. Ieri, dopo aver fatto zapping, sono finito su La7 e ho visto casualmente queste giovani ragazze esibirsi in uno spettacolo di cattivo gusto, impegnate in una pesudo-preghiera accompagnata da insulti, qualcosa che sulle TV dell’est non sarebbe certo mai andato in onda (almeno lì, c’è ancora qualche testa pensante!) Mi chiedo chi ci sia dietro la Innocenzi, una che non è giornalista e non sa parlare nemmeno la lingua di Dante, come fa a stare in TV? Da chi è raccomandata?

    • Daniele ha detto in risposta a MarioTucci

      Da chi è raccomandata? Dai Radicali (lobby potentissima: come altrimenti si potrebbe spiegare che, nonostante abbiano meno dell’1% di voti alle elezioni, siano sempre presenti sulla scena politica, al punto che c’è addirittura una parte consistente dell’arco parlamentare che vorrebbe la Bonino – Dio ce ne scampi! – come Presidente della Repubblica?). Giulia Innocenzi, infatti, fa parte dell’Associazione “Luca Coscioni”, una delle associazioni della galassia radicale.

      • Mario ha detto in risposta a Daniele

        Sì i radicali sono massoni e la massoneria internazionale è satanista, ergo

        • Mario ha detto in risposta a Mario

          Da decenni Colei che appare a Medjugorie chiede PREGHIERA.. forse perché l’ideologia resiste alla ragione, (vedasi nazismo, comunismo, fascismo ecc.)
          Nella persecuzione preghiamo per avere la forza di non scappare davanti ai lupi..

  3. Antony ha detto

    Anch’io l’ho vista ieri, a quel punto mi è crollato quel senso di stima che provavo per i giovani, anche se non titti sono così. Ma quell’ochetta che le ha invitate (l’ha detto lei che era orgogliosa di avrle invitate) ha fatto una pessima figura e non si è nemmeno accorta della contraddizione (vedi titolo dell’articolo).
    Per me “Anno Uno” finisce qui!

    • Li ha detto in risposta a Antony

      Anthony è da tempo che ho perso la fiducia in questi giovani che rappeggiano per strada o fanno la break dance sotto la posta (qui da me va così) come in un film americano.
      Degrado cittadino e televisivo.

      Ma la gente si è stancata: vogliono vedere un balcone? Non c’è bisogno di vedere le femen, basta cliccare su un sito porno e voilà. Insomma ormai non è più quello il metodo per catturare il pubblico. Tutta roba già vista.

      E ste qua si fanno pagare 1000 euro al dì? E’ bello non dover lavorare, vero? Il massimo che devono fare è un servizio (e non fotografico) a chi le sostenta di tanto in tanto. Schifo! Non c’è da stupirsi che l’audience sia calato.

      Anche Sinead O’Connor un tempo aveva protestato contro Giovanni Paolo II, e che è successo? Che ora è cristiana ed ha pure criticato la Miley Cirus per il suo video osè.

      Care femen, andate in Libia, Sudan, Yemen, Afghanistan, Bangladesh, Pakistan e altri bei posticini tanto dolci dove la donna sì meriterebbe rispetto. Siete solo delle vigliacche sostentate dai comunisti e basta.

      E ricordatelo: se gli ottomani riuscivano nell’avanzata europea, a quest’ora eravamo tutte con il velo da secoli. Non sono state le femen a salvarci, ma sono i loro padroni che ci stanno condannando a doppia velocità ad un futuro incerto. No, grazie.

  4. Drew ha detto

    Vorrei spezzare una lancia in favore di Giulia Innocenzi…
    Ma in casa ho solo forchette e coltelli.

  5. beppino ha detto

    Ne state parlando troppo. L’unica cosa da ricordarsi é il nome della giornalista… la prossima volta che la vediamo in azione o si gira canale o bisogna essere necessariamente preparati a confrontarsi con le sue boutade irrispettose e soprattutto intolleranti. In genere atteggiamento da prendere nella programmazione delle varie LA7, Rai3, Italia 1, ecc… o quando si incappa nelle varie testate tipo Radio24, 24 ore news, sky, ecc… o nei vari giornali tipo IlFatto, Repubblica, ecc…

    • Umpalumpa ha detto in risposta a beppino

      Scusa Beppino…ti correggo. Sicuramente bisogna cambiare canale.
      Però per me se ne sta parlando troppo poco. Ma stiamo scherzando??? Una trasmissione che insulta il Papa (ossia il “rappresentate” di una religione di oltre un miliardo di persone in tutto il mondo) solo per il fatto di essere cristiano (non è ANCORA un reato essere cristiani. Su..date tempo al tempo), istiga all’odio anti-cristiano in un mondo in cui i cristiani sono discriminati, insultati, ridotti al silenzio e spesso uccisi, stuprando il termine laicità e facendo credere che in una democrazia laica un ebete può permettersi di dire “taci perchè sei cristiano/mussulmano/ateo/ebreo”, il tutto vaneggiando sulla libertà di espressione. Bella libertà…si può parlare solo per dire “sono daccordo”.
      …una cosa del genere dovrebbe essere ignorata per non dargli importanza????

      Una trasmissione simile deve essere chiusa e denunciata.

      Altrimenti domani mi sveglio, insulto chi mi pare, che so tutti gli agnostici italiani. Oppure i buddisti canadesi. Oppure gli atei sudamericani. O gli ebrei tedeschi, o i mussulmani calabri o chi ti pare a te…sponsorizzo e auguro la loro riduzione al silenzio e se qualcuno osa dirmi che sbaglio, argomento in maniera educata e matura, tipo… mi calo le mutande e comincio a sbraitare: “Cazzo vuoi?!?!?!!!!!! Laicitàààààà!!!!!! W la libertà di espressione!!!”.
      Se il mio interlocutore è un tonto, mi chiude in manicomio. Se ha un minimo di cervello, visto che non sono matto, finisco in carcere.

      • Annalisa ha detto in risposta a Umpalumpa

        Mi dispiace di poter dare una sola approvazione. Gliene assegnerei un migliaio.

        • Umpalumpa ha detto in risposta a Annalisa

          Grazie Annalisa 🙂

          Cmq si deve organizzare un’ondata di email verso “anno0-1-2-ecc”. Email pacifiche, educate ma giustamente indignate.
          Basta, non se ne può davvero più di questo clima di derisione e intimidazione verso i credenti in generale e i cattolici in particolare.

  6. gladio ha detto

    Sono certo che la giornalista trombata (trombata all’ esame ), che con commovente orgoglio ostenta di avere a cuore un importante valore qual’ è la libertà di espressione, reinviterà sicuramente le note sgualdrine , di cui evidentemente ne aprezza l’ intelligenza e la cultura, oltre che il garbo e l’ elevata qualità artistica delle loro esibizioni, ad una trasmissione nella quale, con lo stesso garbo , ma soprattutto con lo stesso linguaggio con cui sono stati insultati Papa, Chiesa e cattolici tutti, si ” polemizzi ” col Califfo Al- Baghdadi e con la religione islamica.
    Per carità, non si pretende una trasmissione sull’ argomento in diretta da Mosul,la chiassata andrebbe bene anche a casa nostra.

    Cosa ne dice signora Innocenzi? Il probabile martirio per la libertà d’ espressione a cui andrebbe incontro la riscatterebbe ampiamente dalla figura da asinella che,ahimè, le è toccato fare a causa del famoso esame .
    Ci pensi signora Innocenzi, ci pensi…

    • gladio ha detto in risposta a gladio

      Ah, dimenticavo… sempre per la signora Innocenzi:

      Si sbrighi ad ingaggiare le quattro zoccole prima che ci pensi la CEI a scritturle per una “passerella” su TV 2000. Sa, dopo Luxuria…

  7. borg ha detto

    tanto rumore per nulla. pessima commedia.

  8. Engy ha detto

    mamma mia che pena!
    Giusto con quel tale insopportabile Pif poteva mettersi una cima come la Innocenzi!

    • Hugo ha detto in risposta a Engy

      Ah sta con Pif? Ragazzi che coppia di ciarpame qualunquista. Pif è il classico nessuno che viene creato personaggio dalla televisione, è imbarazzante come entri ogni giorno nelle case degli italiani tramite la pubblicità…e non è NESSUNO!!!

      • Li ha detto in risposta a Hugo

        Proprio oggi di Pif leggevo che lo chiamano il pifferaio. Non l’ho capita, ma da quel che ho capito parecchi lo considerano solo un venduto.

        • Daphnos ha detto in risposta a Li

          Sarà, ma anche lui è salito sul carrozzone dell’antimafia… per cui, come per Saviano, se ti tocca criticarlo per la sua mediocrità puoi essere accusata di essere mafiosa. Attenta, Li… sanno bene quello che fanno!

          • Li ha detto in risposta a Daphnos

            Caro Daphnos, per le nostre libere espressioni qui, mi meraviglia che ancora non ci siano venuti ad arrestare per omofobia e razzismo.

    • Mario ha detto in risposta a Engy

      Sì ora lavora per Telecom.. anche loro massoni..(vedasi Trilaterale, con la S.Paolo, Monti, Lilli Gruber onnipresente..ecc.)

  9. Max ha detto

    Anche io stavo guardando la trasmissione ieri sera, quando sono arrivati quei personaggi, che pretendono di combattere per la liberazione della donna mostrandosi come gli uomini-padroni le vorrebbero. Ed insultando pesantemente il Papa e la religione. E per giunta difese dalla Innocenzi! Per quanto mi riguarda non guarderò piu’ alcuna trasmissione condotta da lei.

  10. Katy ha detto

    Comincio a rivalutare Vladimir Putin e le sue espressioni di “amicizia” verso le Pussy riot.

  11. Sophie ha detto

    Stima per l’uomo che ha acchiappato e se ne è andato.

  12. Paolo da Genova ha detto

    Il peggior torto delle Femen è che sono brutte e volgari.
    Una ragazza giovane, quando sorride, è quasi sempre carina.
    Queste qui avrebbero anche un bel fisico, ma hanno facce da far accagliare il latte appena munto…

  13. DC ha detto

    Questo è il senso di “democrazia” di taluni signori! (Non certo le femen, c’è un sistema che li porta in copertina)
    Le “aperture” del papa non sono vane, ma attenzione non sono nemmeno una concessione a questa gente!
    Il guaio è che si rischia di buttare i panni con l’acqua sporca.
    C’è una società a rischio economico… basteranno ancora altre divisioni per distruggere quanto resta di sano.

    Bene ha fatto Renzi che ha impugnato il PD.

    • Danilo ha detto in risposta a DC

      Se Renzi e quello Sano allora parli di medicina cinese,perche oramai la politica e un cancro di corruzione continua in metastasi da decenni.Non c’e’ cosa piu odiosa della politica italiana,e inutile che si recano in una chiesa a cercare voti piutosto che a cercare Dio,perche anche se siedono sempre ai primi banchi,tutti vedono le bancarelle odiose che si portano a presso.
      o non li aveva fatto un bel discorso il Papa sulla corruzione?

    • Li ha detto in risposta a DC

      Renzi…l’ennesima pedina dei comunisti. Niente di più. Una volta usato, se ne disferanno: tanto per quel che servono quei politici!

      Davvero c’è ancora qualcuno che crede alla fola degli 80 euro? Terribile! Visto? A vedere le femen ci si annacqua il cervello. E le nostre madri lo dicevano sempre: non stare così vicino alla TV, che ti da fastidio.

      • DC ha detto in risposta a Li

        Renzi comunista? Semmai lo accusano del contrario. Per la prima volta dopo venti anni, i cattolici tornano in campo e non è poco.

        • Kosmo ha detto in risposta a DC

          Per la prima volta dopo venti anni, i cattolici tornano in campo

          Alla faccia! Mai sentita un’analisi politica più scombiccherata di questa.
          DC sta per Democrazia Cristiana?

        • Marco S. ha detto in risposta a DC

          Mi pare che il sig.DC, o sia troppo giovane per dare un giudizio equilibrato o abbia il suo personale DVD della storia d’Italia degli ultimi 50 anni.

          La legge sull’aborto e’ stata firmata da tre ministri “cattolici”, mentre mi pare ingeneroso dire che negli ultimi 20 anni i cattolici non fossero “in campo”.

          Infatti (e l’ho gia’ scritto), in questi ultimi 20 anni sono stati difesi, forse come non mai, i valori non negoziabili della vita e della famiglia.
          Ho gia’ anche scritto che questo mi pare l’unica cosa positiva del controverso ventennio berlusconiano.
          Anche in questo periodo, i cattolici sono stati ben rappresentati nei governi: pensiamo ad Eugenia Roccella, Giovanardi etc.

          Ma forse DC considera “cattolici” soltanto quelli orientati a sinistra, cioe’ quelli “aperti” alle nuove “istanze” ed al compromesso, se necessario “negoziando” l'”innegoziabile”.

          Se il “ritorno in campo” dei cattolici prelude dunque alla ripresa della marcia dell’Italia verso la “modernita”, a 36 anni dalla legge 194, ultimo successo su questa strada, forse sarebbe meglio che i “cattolici” di DC continuino a stare “in panchina”.

          • DC ha detto in risposta a Marco S.

            Dai Marco S. buono su!
            Legare il destino di Berlusconi a quello dei cattolici è la cosa più stupida che sia mai stata pensata.
            Perché 2 secondi dopo il crollo politico di Berlusconi tutti i mangia-preti si sarebbero raccolti e avrebbero vinto.
            Questo lo sa pure un bambino.
            Invece, fortunatamente, un popolare ha pensato di vincere le primarie in un partito di centro-sinistra, e di portarlo al centro.
            Mi ricordo anni in cui si sorrideva a Casini, il quale pensava ad un grande partito di centro!
            Berlusconi difendeva quei valori per interesse, infatti ha già cambiato idea! I matrimoni d’interesse durano poco e finiscono sempre male. Ci sono cose di Renzi che non m piacciono, ma per ora non è un cattolico con la puzza sotto il naso e non è uno che ama il politicamente corretto, non è un radical-chic ecc… Potrebbe essere il nuovo De Gasperi (e non mi dire che manco De Gasperi ti va bene…), dipenderà solamente da lui.

            • Marco S. ha detto in risposta a DC

              Caro DC, io guardo i fatti, non i bla-bla-bla.

              E’ vero o non e’ vero che, con il governo Renzi, ci si sta preparando ad indebolire l’istituto della famiglia naturale, come chiaramente fatto notare anche dal Presidente della CEI ?

              E’ vero o non e’ vero che la legge sull’aborto e’ stata firmata da tre ministri “cattolici” ? (di quel “cattolicesimo politico” che, ritengo, abbia rovinato l’Europa, il cui ritorno mi pare Lei auspichi).

              E’ vero o non e’ vero che negli scorsi 20 anni sono state fermate tutte le “istanze” nella direzione di indebolire la famiglia naturale, istanze che pure vi sono state (es. i DICO) ?

              E’ vero o non e’ vero che, per questo, l’Italia e’ finora l’unico grande paese europeo che ha mantenuto piu’ o meno integra la concezione naturale della famiglia ?
              O forse, come direbbe Lei, ancora “arretrato sul fronte dei diritti” ?

              Per il resto, se avesse avuto occasione di leggere altri miei interventi, saprebbe bene cosa penso di Berlusconi.
              Il fatto che egli non abbia compreso quale sia stato il vero fattore determinante che lo ha tenuto in sella per 20 anni, malgrado le sue “mattane”, ritengo lo qualifichi gia’ come leader politico.
              Con il consenso che ha avuto poteva essere uno dei leader storici dell’Italia.
              Non mi pare abbia saputo cogliere questa opportunita’.
              Penso che l’apertura ai “nuovi diritti”, che mina le ragioni principali del consenso ottenuto in tutti questi anni, ne sancira’ la definitiva fine come leader politico, al di la’ degli evidenti problemi anagrafici che, ovviamente, sono ormai imprescindibili.

              • DC ha detto in risposta a Marco S.

                Carissimo Marco S., io non sto facendo un discorso strettamente politico. Sto facendo un discorso di logica, semplice. Perché legare quei temi a Berlusconi? Se la loro era convenienza. Era una rappresentazione falsa, ammettiamolo.

                Perché i cattolici avevano paura di parlare, e si rintanavano?
                Poi, altro discorso, i cattolici (mi ci metto pure io) quando “parlano” non vengono capiti dalla gente che vive nel mondo reale.
                Perché quei politici pensavano a giochetti di palazzo e a farsi scudo del più forte.

                Ora che finalmente troviamo un cattolico in politica, giustamente, per una dose di sano masochismo tutto italico, gli facciamo le pulci perché magari doveva lasciare il settantenne ancora in sella perché bla, bla…

                Mi sa Marco che vivi ancora di simboli e totem.

                Per fortuna che c’è papa Francesco a portare una ventata di umiltà e novità, perché il guaio era proprio di morire trincerati…

                Uscite di casa, parlate con la gente, non vivete di schemi.

                E poi Renzi non è laicista, dove avrebbe attaccato la famiglia?

                Se pensi che Salvini sia il nuovo difensore dei valori cattolici, buon per te, meno male che il 40% della gente pensa ad altro.

                • Danilo ha detto in risposta a DC

                  E’ la coppia sputata del Principe di Macchiavelli incrociato al Marchese del Grillo. “Io so Io e voi….”

                  Dico quando l’ho visto col catarifrangente e il casco la giacca e la cravatta….mi e venuto in mente proprio il Marchese del Grillo che scambiava i vestiti con il carbonaro.

                  L’altro invece e un mezzo Pappone.Il terzo invece fa la guerra aimulini al vento,con lo sciamano occhialuto che fa predizioni sulla fine del mondo manco i tdg.

                  Nel marasma noi rimaniamo puntualmente fregati.

                  • DC ha detto in risposta a Danilo

                    Sì Danilo.
                    Ma quello che non sopporto è che molto cattolici in questi anni andavano in giro perché non c’erano politici cattolici… ma adesso che ci sono fanno la radiografia… mah!

                    • DC ha detto in risposta a DC

                      *che si lamentavano sì

                    • Danilo ha detto in risposta a DC

                      Perchè ci sono cattolici in politica?

                      Si ci sono è un fatto, ci sono sempre stati i “presunti tali” per interesse in qualunque schieramento vai,troverai almeno un “presunto tale”

                      Un cattolico forse non dovrebbe fregare il prossimo in quel modo.

                      Sono d’accordo ci sono stati i cattolici in politica che si nominavano tali per prendere più voti.

                      Inutile dividersi per la politica,se le persone sono diventate qualunquiste,e lo sono è forse anche perchè per decenni i “presunti tali” parlano ma “non praticano.”

                      “Sono un cattolico politico è frego il mio prossimo,uso l’oratoria per farmi votare e fare false promesse che non mantengo,ma puntualmente anche se ocupo le prime bancate delle chiese ,come gli altri faccio niente per alcuno,e proprio perchè mi nomino rispettoso di certi valori divento il più odioso di tutti,ogni volta che non li pratico.”

                    • DC ha detto in risposta a DC

                      D’accordo con te Danilo!

                • Marco S. ha detto in risposta a DC

                  Quello che mi pare rimarchevole e che non ti renda conto TU di fare un “discorso strettamente politico”, ostinandoti a vedere la storia recente di questo paese attraverso le TUE lenti.

                  Mi pare sia solo nel tuo DVD, infatti, che si veda un ventennio fatto di cattolici “rintanati” nelle tane e di emeriti farabutti che difendono i valori non negoziabili solo per mera convenienza politica (e anche se fosse stato, per i “buoni cattolici adulti”, pronti invece al compromesso su di essi, c’e’ sempre in agguato Mt.21,32).

                  Nessuno vuole “legare questi temi a Berlusconi”, non escludo che anche Renzi o qualcuno del suo “entourage” possa “fare qualcosa di cattolico” in politica.
                  La prima cosa da fare credo sarebbe la difesa dei valori non negoziabili, senno’ si rischia di preoccuparsi del tetto dell’edificio della nostra societa’, lasciando pero’ andare in rovina le fondazioni.

                  Per ora, dunque, non ho visto ancora nulla e nessuno che abbia fatto cose giuste del tipo di quelle fatte da una Roccella, da un Giovanardi e persino da un Formigoni.
                  Anzi vedo una gran voglia di picconare le fondazioni…

                  Come si diceva ai tempi delle visite mediche per il servizio di leva, “rivedibili”, con possibilita’ molto concreta di essere “riformati”.
                  Pero’ magari invece finiranno nei paracadutisti, per l’amor Dio: aspettiamo e vediamo…sperem…

                  • DC ha detto in risposta a Marco S.

                    Marco per questi discorsi non trovo vincente esaltare la convenienza e l’opportunismo, perché altrimenti diventa un discorso ideologico.
                    Meno cristianesimo “da vetrina” e più da contenuti, è questo quello che chiede Bergoglio. Ascoltiamolo.
                    Più attenzione al prossimo in modo vero!
                    Anche perché è facile, seduti a casa, farsi belli con la propria coscienza e sventolare una bandierina per il proprio orgoglio. Andate in giro a vedere la gente che fatica, poi ne parliamo.
                    La vera sfida è capire i problemi veri della gente vera, in carne ed ossa, non agitando slogan o esaltando la cattiva politica dalle bandierine blu!

                    • Marco S. ha detto in risposta a DC

                      Non so se sia il caso di proseguire questa conversazione, visto che mi pare tu stia andando per la tua strada, evitando di prendere di petto le mie obiezioni.

                      Solo alcune domande:

                      1) Dove avrei esaltato la convenienza e l’opportunismo ?
                      Se si sostiene che tutte le persone da me citate (Roccella, Giovanardi, Formigoni)abbiano sostenuto determinati principi solo per convenienza ed opportunismo, perché ora la politica dovrebbe essere diversa ?

                      2) Perché ritieni di conoscermi al punto da insinuare che il mio sia un “cristianesimo da vetrina”, poco attento al prossimo ?
                      E tu, che sei un cristiano serio (e non un buffone come me), pensi o no che sia importante la difesa dei valori non negoziabili, come premessa per tutto il resto ?
                      E pensi che sia stato per puro caso che per 20 anni siano stati difesi ?

                      3)Perché pensi che io non abbia esperienza della fatica quotidiana di vivere, anzi pensi che, ahime’ !, non la condivida ?
                      Non ti pare un giudizio un po’ ideologico, legato solo alle mie opinioni, visto che non sai nulla di me ?

                      Queste sono solo domande, che non pretendono risposte (come non le hanno pretese le mie precedenti obiezioni), ma sperano di insinuare dubbi.

                      Per il resto ti stringo la mano, ovviamente senza rancore.
                      Comprendo che talvolta anche il mio tono possa averti irritato.
                      Cerco di evitare la “vis polemica”, ma non sempre ci riesco.

                    • DC ha detto in risposta a DC

                      Tranquillo Marco.
                      Si discute, ognuno dice la sua in modo sereno. Mica è un ring 🙂

                      Prima di rispondere punto per punto, vorrei precisare che non mi riferisco alla tua vita quando parlo di “cristianesimo da vetrina”.

                      Il problema è che per troppo tempo alcuni cattolici andavano in giro dicendo quello che non andava bene di questo e di quello, non costruendo niente.
                      Il Vangelo è un ponte.
                      Il Cristianesimo vive per la gente, non dimentichiamocene! Gesù è venuto per la gente! Caspita, partiamo da questo, rimbocchiamoci le mani e andiamo a portare il suo messaggio fra la gente.

                      Altrimenti è solo tatticismo politico-ideologico. Invece, secondo me, deve scaldare i cuori. Per fare ciò deve essere capito dalla gente.

                      1) A mio parere, per quanto alcuni politici “ostentavano” un immagine cattolica, rubavano il futuro a tanti, in primis ai giovani. E per me questo è inaccettabile! Papa Francesco bene ha fatto che li ha strigliati uno ad uno! Per me non vale il gioco del “male minore”, se è male è sempre male.

                      2)Ho già risposto sopra, non mi riferivo a te, ma ad un comportamento diffuso.

                      3)Perché a volte leggo risposte poco concrete, molto distanti dalla vita vera delle persone che lavorano. Dobbiamo essere in mezzo alla gente, capire, comprendere, portare Gesù… portare Gesù… portare Gesù…

        • Li ha detto in risposta a DC

          E’ un animale politico e tira dove deve razzolare voti. Se davvero andasse contro il partito sta pur certo che non la spunterebbe: il sindaco precedente della mia città criticava Bersani, si era candidato per le primarie e non è andata. Ed era del PD.

          Così se una femen decidesse di criticare il suo gruppo…apriti cielo!

          • DC ha detto in risposta a Li

            Li, Renzi è uno che si è posto contro il partito, e in generale contro la vecchia classe dirigente…

  14. Sophie ha detto

    Appena visto cosa hanno fatto le femen a Piazza San Pietro con i crocifissi. Le foto non le pubblico per quanto sono volgari.

  15. Umpalumpa ha detto

    Se vi interessa “Il foglio” lancia un interessante iniziativa. Inviare una mail alla diocesi di Milano

    http://www.ilfoglio.it/articoli/v/122868/rubriche/indifferenza-di-genere-nelle-scuole-milanesi.htm

    irc@diocesi.milano.it

    Quanto sarebbero adatti in questi tempi personaggi tipo http://it.wikipedia.org/wiki/Clemens_August_von_Galen

    • Hugo ha detto in risposta a Umpalumpa

      Inviate una mail alla diocesi di Milano: irc@diocesi.milano.it
      Con scritto: “Noi non ci scusiamo, vogliamo sapere”.

    • Max ha detto in risposta a Umpalumpa

      Galen era un grande. Mi sono riletto la sua biografia. Che coraggio ebbe a parlare ripetutamente ed energicamente contro i Nazisti!

    • Umpalumpa ha detto in risposta a Umpalumpa

      Nella pagina FB del quotidiano “La Croce” un tale ha buttato lì un’idea niente male. Tra l’altro l’avevo scritta ieri sera proprio qui :))
      A parte il modo (tutto in maiuscolo), non sarebbe male scrivere una mail a La7 e alla redazione di “Servizio pubblico”. Io una mail, ovviamente pacifica e educata, ma ferma e di contrarietà gliel’ho già mandata.
      Almeno non si continua a brontolare ma si fa qualcosa.

      “BASTA!!!!!!!!! QUANDO È TROPPO È TROPPO!!!!!! È NOSTRO PRECISO DOVERE RIBELLARCI!!!!!!!!!! GUARDATE A 2 ore, 35 minuti e 37 secondi COSA SUCCEDE!!!!!! http://www.serviziopubblico.it/puntate/meglio-soli/ CI DOBBIAMO RIBELLARE!!!!!!! SIAMO CATTOLICI NON SIAMO PECORE!!!!! E I CATTOLICI, QUANDO LA SITUAZIONE LO RICHIEDE DEVONO COMBATTERE E FARSI SENTIRE!!!!! È ORA DI DIRE BASTA!!!!!!!!!!! IERI LA GIULIA INNOCENZI HA OSPITATO AD “ANNO UNO” LE FEMEN, A SENO NUDO, A VOMITARE INSULTI CONTRO IL PAPA E LA CHIESA CATTOLICA!!!!!! E QUANDO SE NE SONO ANDATE HA DETTO “SONO MOLTO ORGOGLIOSA DI AVERLE OSPITATE PERCHÈ PORTANO AVANTI UNA BATTAGLIA FONDAMENTALE”!!!!! È ORA DI RIBELLARCI!!!!!! E RIBELLARCI È UN DOVERE PER OGNI CATTOLICO!!!! DOVERE CHE, SE NON OTTEMPERATO, SFOCIA NEL PECCATO, OSEREI DIRE, MORTALE!!!! MANDATE UNA MAIL FACNDO SENTIRE TUTTA LA VOSTRA INDIGNAZIONE A QUESTI INDIRIZZI: QUA È PER SCRIVERE A LA7: http://www.la7.it/la7/hai-un-quesito-unopinione-una-domanda-da-sottoporre-a-la7 QUESTA INVECE È LA MAIL PER SCRIVERE ALLA REDAZIONE DI “ANNO UNO”. redazione@serviziopubblico.it MI RACCOMANDO MANDATE LA MAIL A ENTRAMBI GLI INDIRIZZI!!!! P.s. Quando condividete il link, copiate anche questo testo:)”

  16. Danilo ha detto

    Ieri stavo guardando La7 apparte che hanno messo degli asolescnti che non hanno mai lavorato in vita a loro a discutere di lavoro.Sinceramente mi trovo dalla parte dei sindacati in questo periodo,ricordando che e mi dispiace dirlo:l’italia è al primo posto per uso di stupafecenti in europa proprio tra i giovani,e lo dice uno che di anni nè ha 25,francamente PORTARMI DELLE IMBECILLI DA CIRCO quando si parla di un tema serio come il lavoro in italia è UN’INSULTO all’intelligenza di tutti.Assicuro che questi adolescenti che plaudono al Brambilla come alle Femen,non hanno ben capito che a breve avrenno il diritto di lavorare come i cinesi o di emigrare,altro che i vaneggiamenti delle Femen.Sono figli di PAPA che non sanno nemmeno cosa vuol dire LAVORARE,lo impareranno a loro spese finita l’università pensando che tali esaltate, li aiuteranno a trovarlo un lavoro.Loro proprio loro che hanno il cervello paragonabile a quelle di un sasso contribuiscono a evitare i problemi dei diritti seri,quello sul lavoro che vorrebbero togliere.

    Ricordo pure che i Radicali avevano promosso un referendum per abrogare l’art18 nel 2003 con risultati ovi,ai visto sti Radicali? sono per il diritto di defficenza mentale non per i diritti seri.

    • Danilo ha detto in risposta a Danilo

      Anzi no,toglite il Circo:perchè comunque al circo è necessario allenarsi anni e avere una preparzione atletico mentale artistica non indifferente per potersi esibire,rimane solo sono delle IMBECILLI,dei FENOMENI da BARACONE e basta.E mi ha infastidito come non mai associare chi non ha un posto di lavoro e che stenta ad arrivare a fine mese,o a mentenre una famiglia,queesto branco di idiote

    • EquesFidus ha detto in risposta a danieleb

      Benissimo: vanno denunciate e perseguite penalmente, indi punite con la massima severità. Non vedo perché continuare a fare i tonti e a lasciar correre queste blasfeme, che hanno infangato il simbolo per eccellenza della cristianità: il crocifisso.

  17. Antonio ha detto

    e poi si parla di meritocraziacrazia.

  18. Daphnos ha detto

    Quest’episodio è emblematico anche perché rispecchia un aspetto della cultura televisiva (e non solo) che a volte viene sottovalutato, ovvero quello dell’audience: la situazione ricalca esattamente quello che succedeva negli anni passati quando andava in onda Annozero su RaiDue. Veniva trasmesso il giovedì sera, e ogni venerdì mattina, quando all’università incontravo i miei amici di orientamento di centrodestra, rimanevo sempre stupito di quanto animosamente parlassero della trasmissione che tutti avevano visto il giorno prima. “Ma hai visto che schifo ieri ad Annozero?” “Ma come si permette un conduttore pubblico di dire certe cose?” “Ma la gente che applaudiva?” “E gli invitati? Che schifo di trasmissione!” Nonostante l’unanime condanna nei confronti del programma, nessuno di loro osava staccarsi dallo schermo, e non so esattamente perché. Forse perché lo schifo che effettivamente trapelava da quello spettacolo era per loro appagante, nel senso che godevano nel poter sputtanare Santoro e i suoi amici il giorno dopo, così da sentirsi confermati nelle loro opinioni, oppure perché volevano conoscere nel dettaglio le argomentazioni che avrebbero dovuto controbattere.

    E mi sono sempre stupito di quanto pochi fossero quelli che avevano intuito il perverso meccanismo che dà voce a quelle programmazioni: infatti, se fossero solo i fanatici sostenitori del “servizzio pubblicoooo!!!1!11!1!!”, magari affiancati da qualche amico a cui hanno caldamente suggerito la visione, a guardarle, non avrebbero più del 4-5% di share in prima serata. Ma siccome a questi si aggiungono gli avversari politici, interessati solo a criticare, ma che contano numericamente allo stesso modo, lo share raddoppia. E può ancora triplicare e quadruplicare se, visti gli ascolti più alti, comincia ad affacciarsi allo schermo la semplice folla dei curiosi, vale a dire i veri destinatari di certe esibizioni. In questo modo, grazie ai numeri gentilmente offerti loro dagli inconsapevoli spettatori critici, questi signori nessuno, di cui la sig.ra Innocenzi è ultima tra gli ultimi (non solo cronologicamente), risultano giustificati nelle loro pretese di visibilità, ammirazione e anche remunerazione: non posso che sbalordire ogni volta che sento un elettore di centrodestra borbottare contro le decine di milioni di euro elargite a Fazio e compagni quando spesso è lui stesso il primo responsabile del raggiungimento di cifre tanto folli.

    Io ho smesso da tempo di stare al gioco. Mi dispiace molto aver preso questa decisione, anche perché non mi sono mai chiuso alle opinioni diverse. Tuttavia il meccanismo dell’audience è ben collaudato e difficilmente sarà scalfito: persino chi è consapevole di ciò spesso continua a star dietro a queste nullità! Quindi è inutile protestare, come è stato fatto finora nei commenti di questo articolo, dal quale mi par di capire che in molti stessero guardando Anno Uno perfettamente coscienti di ciò che il programma avrebbe potuto offrire (sic!). In fondo, ormai, i meccanismi per guardare in… differita queste sciocchezze si sprecano, in molti casi persino evitando di essere inserito nel numero degli spettatori, televisivi o internautici. Se devo guardare qualcosa, so come fare, senza essere rintracciato. E se sono il solo ad agire così, me ne farò una ragione; ma spero ardentemente di non essere l’unico.

    • Ottavio ha detto in risposta a Daphnos

      Hai completamente ragione, Daphnos. Quello che tu dici vale anche per i quotidiani e se non sbaglio Uccr ha più volte consigliato di non acquistarne più e di usare soltanto internet. Ho iniziato a farlo, mi sono tolto dai finanziatori dei quotidiani e spero che chiudano la gran parte, seguendo l’Unità, Europa e La Padania. I giornalisti sono in gran parte falsificatori, per non parlare dei vaticanisti che cambiano opinioni a seconda del quotidiano per cui scrivono (Paolo Rodari è l’esempio più clamoroso, faceva il conservatore al Foglio e ora fa il progressista su Repubblica). Bisogna mandarli a casa, internet è l’unica possibilità che abbiamo di far fallire il perverso meccanismo mediatico basato sulla menzogna. Anche internet è pieno di menzogna ma è facilmente smentibile e un blog privato molto visitato può fare concorrenza al sito di un quotidiano. Sembra un discorso grillini ma sono la persona più lontana da Grillo, in questo però hanno ragione.

      • Kosmo ha detto in risposta a Ottavio

        AVREBBE perfettamente ragione se l’audience fosse misurata “scientificamente”… Siamo (sono ) in mano a 5000 “comodatari” delle scatolette auditel, con tutto quello che questo comporta.
        La controprova è data proprio dai programmi di Santoro, che quelli di sinistra difendevano perchè faceva il tot percento di share e quindi faceva guadagnare la rai (e quindi DOVEVA andare per forza in onda sulla rai), mentre una volta andato su La7 ha visto crollare il suo seguito (con il corollario della figuraccia dei soldi chiesti direttamente agli spettatori)

    • Marco S. ha detto in risposta a Daphnos

      Pienamente d’accordo.

      Non credo sia opportuno scambiare quello che mi pare un disperato tentativo di rilanciare l’audience di una trasmissione boccheggiante, come chissa’ quale altra cosa.

      Il nudo femminile va sempre, come ben sanno da decenni i tabloid britannici e, piu’ di recente, persino agenzie di pompe funebri.
      Se poi si riesce a farlo passare come “impegno civile”, e’ tutto “grasso che cola” 😉

      In quanto al fatto che Papa Francesco a Strasburgo sia una minaccia per la laicita’ e la liberta’, quando il Parlamento Europeo, da anni, fa strame delle considerazioni etiche e morali proposte dalla Chiesa Cattolica, e’ un posizione evidentemente ridicola sulla bocca di chiunque, quindi anche delle Femen.
      Certo, per ridere loro in faccia, bisognerebbe alzare gli occhi e guardarle bene nei loro, cosa che taluni magari trovano difficile fare 😉

      Sono quindi d’accordo con Daphnos: la cosa migliore credo sia quella di lasciare nell’oblio queste compassionevoli comparsate, anche per tutelare la dignita’ umana dei protagonisti.

    • Li ha detto in risposta a Daphnos

      Ti capisco, Daphnos. Io la TV non la guarda quasi. Seguo giusto un po’ di tg, qualche programma non di parte e poi notizie su internet, anche per vedere cosa i nostri politici non ci dicono.
      Lo stesso per i programmi: così mi evito parecchia pubblicità. O qualche dvd, o internet.
      Proprio come siamo liberi di leggerci un libro se non c’è nulla da vedere. No?

      Comunque se devo dirla da pessimista, credo che pian piano lo share calerà: più persone diventano disoccupate e nullatenenti, più tv si spegneranno.

  19. Lugh ha detto

    Alcune prostitute sono diventate Femen, se rimanevano mignotte avevano più dignità.

  20. Sofia ha detto

    Ormai viene sempre più fuori che le donne che ce l’hanno con il cristianesimo sono solo delle sciacquette isteriche. Del resto la stessa Innocenzi per difendere la “nobiltà” della protesta dice “hanno solo quello”.
    Ma una puntata per parlare di Asia Bibi no, vero?

  21. Il cavaliere oscuro ha detto

    Vomito!

  22. Nevskij ha detto

    Quale sarebbe il problema se prostitute esprimono il loro parere? La chiesa è piena di preti pedofili che ci fanno la morale. Cordialmente

    • gladio ha detto in risposta a Nevskij

      1) Nessun problema se anche le prostitute esprimono il loro parere, è un diritto di tutti.I pareri vanno però espressi senza riversare sul prossimo odio, scherno e dileggio, e questo è un dovere di tutti.

      2) E’ vero che nella Chiesa ci sono i pedofili

      3) Che ne sia (la Chiesa )”piena” è una mera fanfaluca a cui credono solo i poveri boccaloni “pieni”, quelli si, di ignoranza.

      Cordialmente

      • Nevskij ha detto in risposta a gladio

        Solo sul punto 1 lei esprime un concetto sul quale merita risposta. L’odio è quello di chi commenta su un sito come questo. Il vostro Dio predicava amore e tolleranza, voi, che vi definite cattolici, siete intolleranti su tutto. Scherno e dileggio sono due belle parole usate da lei. Abbondano in tutti i commenti su questa pagina.

        Cordialmente

        • Paolo Viti ha detto in risposta a Nevskij

          Ciao Nevskij, credo che la cosa più violenta e offensiva su questa pagina sia la mancata solidarietà a Papa Francesco da parte tua e la tua presa di distanze dalle Femen. Qui c’è solo gente offesa e rammaricata, è ovvio che i sentimenti siano negativi. Strumentalizzare questo per fare un pippone moralista sul buonismo che dovrebbe condizionare il cristianesimo mi pare soltanto una mossa retorica.

          Il nostro Dio non predica amore e tolleranza, altrimenti sarebbe il Dio sessantottino di Marco Pannella. Il nostro Dio predica amore e tolleranza verso gli uomini ed essere segno di contraddizione verso i comportamenti. Lui stesso è stato messo in croce per essere stato “segno di contraddizione” verso i farisei e il popolo d’Israele, era intollerante verso i loro comportamenti e la loro ipocrisia (basta legge il Vangelo). Eppure nessuno lo ha mai accusato di predicare l’odio.

          • Nevskij ha detto in risposta a Paolo Viti

            Interessante il suo commento, forse la prende acrobaticamente un po’ alla lontana, da Pannella ai farisei. Restando all’oggi, e per rispondere alla sua osservazione, non so quale solidarietà si può dare a un signore in bianco che gode di quotidiana vetrina in prima serata su Tg1-Tg1 per qualsiasi banalità dica. Fatto unico, peraltro, in Europa e nel mondo. Sia tollerante con la povera Innocenzi e il suo 0 virgola % di audience e magari anche con me che da anni per le ragioni che le ho esposto su (scusi davvero se non faccio acrobatiche citazioni storico/religiosa e mi limito modestamente all’oggi) sono costretto a guardare il TG sky

            Cordialmente

            • Paolo Viti ha detto in risposta a Nevskij

              E’ acrobatico, secondo me, voler tentare sempre il pippone moralista anti-cattolico in ogni circostanza.

              Quel signore vestito di bianco è l’unica autorità morale riconosciuta universalmente e una guida spirituale per oltre un miliardo di persone nel mondo, per questo tutto quanto dice ha un’enfasi mediatica. E i media non sono certo pagati dal Vaticano per farlo. Proprio per questo l’intenzione di volergli tappare la bocca aumenta la necessità di prendere le distanze da chi esercita questo atto di intolleranza, cosa che tu non hai fatto.

              Io sono tollerante con la Innocenzi, non con il suo comportamento. Come Gesù era intollerante verso il comportamento dei farisei e dei mercanti del tempio, ma non verso le persone (“perdona loro”, disse a chi lo ha ucciso). Comportamento e persone, capisci la differenza?

              • Nevskij ha detto in risposta a Paolo Viti

                Caro Paolo (bel nome cattolico, casuale?) Se lei non è mai andato all’estero, come mi sembra di caprire dai suoi discorsi italiotacentrici, faccia un giretto sui canali satellitari (c’è ne sono gratuiti anche sul terrestre). Scoprirà con suo grande stupore che di titoli sul Papa non c’è traccia sulla Bbc, sulla CNN, sulla espn, su France 24. Semplicemente perché “non” fa notizia. Il signore in bianco di cui parla lei è una guida spirituale terzomondista.

                Faccio un giretto in via della conciliazione ogni tanto. Troverà tanti fedeli. Tanti Guatemaltechi, messicani, peruviani, filippini de Roma e, purtroppo, tanti italiani. Purtroppo

                Io sono laico ed europeista, voglio un’Italia progredita e, guardi cosa le dico, anche cattolica. Ma cattolica moderna, capace di tollerare i gay come la povera Innocenzi e quattro giovani in topless. Ma alle spalle ci vorrebbe un altro Vaticano, non quello che ha voluto l’oscurantismo di una nazione per due millenni.

                Lo capisco, sono discorsi acrobatici per lei, ma magari stasera con calma ci rifletta. Per citare una sua frase, io sono tollerante con lei, ma non con il suo comportamento. Perché so che potrebbe salvarsi dal modello Guatemala, ma la cultura che le ha dato questo Paese non glielo consente.

                Cordialmente ed acrobaticamente

                • Danilo ha detto in risposta a Nevskij

                  La tolleranza perde l’aureola se premia la mediocrità.

                • Max ha detto in risposta a Nevskij

                  La solita ridda di luoghi comuni:
                  “la chiesa e’ piena di preti pedofili che ci fanno la morale”
                  “voi cattolici siete intolleranti su tutto”
                  “scoprirà con suo grande stupore che di titoli sul Papa non c’è traccia sulla Bbc, sulla CNN, sulla espn, su France 24”
                  “il “papa una guida terzomondista”
                  “ci vorrebbe un altro Vaticano non quello che ha voluto l’oscurantismo di una nazione per due millenni”, “modello Guatemala”…

                  Chissa’ perche’ non capiscono che questi generici mulinelli espressi con il solito senso di sicumera non fanno effetto…

                  • Danilo ha detto in risposta a Max

                    Mi pare ovvio perchè sono pronti a dimostrare nella loro tolleranza che esulterebbero se avessero una figlia che fa il fenomeno da baracone su la 7.

                    Tollerei mia madre o mia sorella che fa quello spetacolo per il sollazo degli spettatori di la 7?

                    Fammi pensare MEA CULPA sono intollerante.Tollero anche che faccia la modella per le sfilate di moda,non tollero pero i fenomeni da baraccone.

                    Mettete a statistica gli ipocriti.

                    • Nevskij ha detto in risposta a Danilo

                      Sua madre e sua figlia non sono di sua proprietà. Il suo Dio non gliel’ha insegnato? Se una di quelle ragazze fosse mia figlia? Avrebbe le sue ragioni per fare quello che fa e la amerei comunque. Concetto che voi fascisti della fede non potete capire. Come amerei un figlio gay o una figlia lesbica. Amerei di meno un figlio ladro, ma chissà perché ho l’impressione che lei lo preferirebbe…

                      Cordialmente

                    • Dario* ha detto in risposta a Danilo

                      Un buon padre non amerebbe meno neppure un figlio ladro ma tu, Nevskij, temo che l’Amore non sappia neppure cosa sia da come scrivi…

                    • Paolo Viti ha detto in risposta a Danilo

                      La Chiesa ci insegna ad amare i peccatori ma a non tollerare il peccato. Finché non capisci questa differenza le tue provocazioni restano inefficaci perché provengono da uno che non sa di quel che parla, fin troppo facile non essere provocati. Stupiscici Nevskij, ti prego.

                • Marco S. ha detto in risposta a Nevskij

                  Caro Nevskij di persone del Terzo Mondo ne trova tante in Via Conciliazione, perché ormai sono tante pure in Europa, specie nei paesi che Lei ci porta ad esempio.

                  Come ha detto Papa Benedetto (altro noto leader terzomondista) e’ l’Europa, cosi’ come l’abbiamo conosciuta, che si sta congedando dalla Storia.
                  Questo a causa della denatalita’ e del suo pervicace rinnegamento delle propria radici culturali, se non della comune Ragione tout court.
                  Se le cose non cambieranno, l’Europa tornera’ dunque ad essere sopraffatta dalla Geografia e non piu’ definita dalla sua grande Storia.
                  Tornera’ dunque ad essere un’anonima, instabile e sottosviluppata appendice dell’Asia, come la Geografia sembra imporle.

              • Paolo Viti ha detto in risposta a Paolo Viti

                E’ curioso che per attaccare la Chiesa cattolica e il Pontefice tu debba denigrare i popoli del Terzo mondo e il Guatemala. E’ un classico inciampo della cosiddetta e fantomatica “tolleranza laica”.

                E’ anche abbastanza significativa la tua ignoranza sui media esteri, ignoranza sul fatto che Papa Francesco sia stato nominato uomo dell’anno dal “Time”, che le sue parole raggiungano ogni latitudine del mondo. Credo che anche tu sia capace di scrivere su Google “pope francis bbc” o “pope francis washington post” e osservare la moltitudine di articoli quotidiani su Francesco. Molti di più di quanti ne dedica “Avvenire”.

                Prova anche a cercare “Francis effect”, ovvero il termine utilizzato dai quotidiani esteri per spiegare quello che tu vuoi negare. Se invece non sai l’inglese, accontentati di questo: http://www.europaquotidiano.it/2013/11/12/leffetto-francesco-fa-volare-il-brand-cattolico/

                Ora, avendo dimostrato che Papa Francesco è l’unica autorità morale riconosciuta a livello internazionale, rimane solo la tua mancata presa di distanza da chi vorrebbe tappargli la bocca. E anche questo la dice lunga. E’ anche significativo che invochi tolleranza a noi verso le Femen mentre non sei in grado di invocare alle Femen tolleranza verso il Papa. E nemmeno ti sei dimostrato in grado di capire la differenza tra condanna del comportamento e rispetto per la persona.

                • Nevskij ha detto in risposta a Paolo Viti

                  Io non denigro il terzo mondo, noi siamo terzo mondo. Un grande giornalista sudamericano che lei ignora, Anzini, mi diceva che l’unica fortuna dell’Italia è essere geograficamente attaccata all’Europa altrimenti saremmo Sudamerica. Quindi ringrazio le Alpi altrimenti, nonostante il Vaticano, non avremmo nemmeno la legge sull’aborto. Per il resto digiti “satana bbc”, “Lady Gaga bbc”, “Mickey mouse bbc” e troverà valanghe di articoli. Ma è evidente che lei non conosce le regole Seo dei motori di ricerca, come non conosce le regole dell’informazione (non facendone parte, a differenza mia)

                  Poi non citi a vanvera cose prese dalla rete, perché il “Francis effect” lo abbiamo visto con le considerazioni finali del sinodo. Ovvero influenza sulla curia (vero cancro della vs chiesa) pari a zero.

                  Cordialmente

                  Ps. Ah… non citi a vanvera nemmeno Time. Pensi che uomo dell’anno dopo la sua elezione fu eletto Obama. Legga, se non lo sa, come è andato il Midterm, così capisce la lungimiranza di Time. Lei non dimostra nulla putroppo. In compenso potrebbe informarsi…

                  • Danilo ha detto in risposta a Nevskij
                  • Paolo Viti ha detto in risposta a Nevskij

                    Noto con interesse che non sei riuscito a smentire che Francesco sia noto e influente a livello internazionale, l’unica obiezione che ti è venuta in mente è che lo sarebbero anche Lady Gaga e Topolino. Peccato che nessuno dei due è ritenuto la quarta persona più influente al mondo, come invece è Papa Francesco: http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_delle_persone_pi%C3%B9_potenti_del_mondo_secondo_Forbes

                    Eppure Francesco è un leader senza esercito, a capo dello Stato più piccolo del mondo, con un solo quotidiano (“L’osservatore romano”) e senza parlamento.

                    Mi fa anche sorridere che paragoni il Papa a Obama, mentre prima negavi l’influenza del Papa nel mondo. Non commento nemmeno la confusione sul Sinodo e il non riuscire a influenzare la curia (quando al Sinodo hanno partecipato tutti i cardinali del mondo e non la curia romana).

                    Ricapitolando: hai fallito nel pippone moralista, hai fallito nella tesi di un Papa ininfluente nel mondo e hai fallito nel tentare di salvarti dall’accusa di razzismo verso il Terzo Mondo. Complimenti Nevskij, sei un autogol più clamoroso delle Femen 😉

                    • Nevskij ha detto in risposta a Paolo Viti

                      Nooooo Paolo ahahàhhahahaha. Mi cita una classifica in cui il suo signore in bianco è quarto dietro, udite udite, Putin, Obama e il leader cinese??? Due comunisti??? Ahahàhhahahaha. Ma non mangiavano i bambini questi? Lo vedete che siete comici? Lei poi non conosce le regole Seo, come glielo devo spiegare? Non basta farsi belli cercando le cose a vanvera su Google…

                      E mi scusi davvero se le rispondo a quest’ora. Ma, sa, io vivo, non sto chiuso in casa a farmi bello sui siti della gente che la pensa come me. Mi saluti signore in bianco, comunisti (mi sa che a sto giro ha fatto un po’ di confusione) e il suo fascismo della fede.

                      Cordialmente

                    • Dario* ha detto in risposta a Paolo Viti

                      Sono proprio curioso di sentire adesso, visto che è la seconda volta che lo tiri in ballo a sproposito, la tua spiegazione del funzionamento del SEO. Illuminaci

                    • Paolo Viti ha detto in risposta a Paolo Viti

                      Vedo che le tue reazioni sono sempre più scomposte.

                      Interessante come dopo l’affermazione che il Papa non è influente e di fronte alla classifica di Forbes in cui il Papa è il quarto uomo più influente al mondo, seppur senza partito politico, senza esercito, senza quotidiani schierati, a capo dello Stato più piccolo del mondo non riesci a replicare.

                      L’unica cosa che riesci a balbettare è che sarebbe dietro a due comunisti. E cosa c’entra con il non essere influente? Non capisco poi il riferimento a Google…qui si parla di una classifica di Forbes.

                      Interessante poi la conclusione con insulto (fascista), è un classico di chi si è accorto di aver fallito la provocazione e di essere stato messo nel cassetto. Tuttavia non riesce ad andarsene senza aver sfogato la sua frustrazione. Tutto già visto caro Nevskij, è il solito copione.

                  • Dario* ha detto in risposta a Nevskij

                    Temo che le regole SEO non le conosca neppure tu dalle castronate che scrivi mio caro Nevskij

                    • Danilo ha detto in risposta a Dario*

                      Ma,a parte l’argomento insignificante di per suo,la maggioranza dell’umanita e sconosciuta ai mass media il che,salvo delirio,non implica che l’umanita e stupida perche i mass media non li conoscono;tuttavia pur amettendo la statistica mi fa pure l’epic fail:hai milioni di pagine google contro!E pure una classifica secondo Forbes.
                      Obama e’ comunista???!Hai staccato gli artigli a Wolverine e stai procedendo alla scalata dello specchio manco fossi Messner?

                      Allora prova a dire quella non e la mia classifica e preferisco Topolino al Papa,cosa che si capiva gia’

                  • Marco S. ha detto in risposta a Nevskij

                    Sulla questione del Papa uomo dell’anno di Time, mi pare indubbio che Paolo abbia segnato un punto.

                    La questione infatti non era se il Papa, come Obama, meritasse o no questo riconoscimento.

                    La questione era se il Papa, al di fuori dell’Italia (tradizionale “feudo pontificio” 🙂 avesse tutta questa notorieta’ e questo seguito mediatico.
                    Paolo ha dimostrato, in due parole, che in effetti il Papa nel resto del mondo occidentale e’ praticamente uno sconosciuto, quasi come il Presidente degli Stati Uniti.

                    Evitiamoci quindi altri raccapriccianti stridii di unghie sui vetri…

        • EquesFidus ha detto in risposta a Nevskij

          E allora perché insiste a blaterare vanamente; non doveva andarsene? Non c’è bisogno di schernirvi, voialtri troll vi schernite da soli.

    • Franceschiello ha detto in risposta a Nevskij

      La percentuale di pedofili presente nel clero cattolico è la stessa percentuale di pedofili presente nel clero ebraico o musulmano. Però a nessuno salta mai in mente di dire una cosa del tipo “le sinagoghe sono piene di rabbini pedofili” oppure “l’Islam è pieno di imam pedofili”, chissà perchè…

      • Li ha detto in risposta a Franceschiello

        Nessuno lo dice perchè dei musulmani hanno paura, gli ebrei sono troppo forti anche politicamente. Se si pensa che stanno pure a capo degli ambienti televisivi, cinematografici e musicali. Oltre che dell’ONU.

        E’ troppo facile prendersela con la Chiesa, e Nevskji ne è l’esempio. Vai a protestare davanti ad una moschea e vediamo cosa ti fanno. Vai e raccontaci.
        Sei proprio come le Femen, anche se vuoi prenderci le distanze.

        Io non sono tanto per questo Papa, perchè dice cose che già Ratzinger diceva, solo con parole più semplici ma non mi sognerei di arrivare a compiere gesti così. Che sono pure controproducenti.

        • Nevskij ha detto in risposta a Li

          Mi basta vedere i giudizi e l’intolleranza vostra. In origine c’erano i fascisti, oggi ci siete voi

          • Dario* ha detto in risposta a Nevskij

            Pensa che a me verrebbe da dire: “un tempo c’erano i fascisti, ora ci sei tu” e la frase avrebbe lo stesso valore e cioè nessuno =)

          • Li ha detto in risposta a Nevskij

            E noi cosa saremmo? Se mi dai dell’omofoba assicurati di chiudermi a chiave in cella e portarmi qualche bel giallo (americano) da leggere. Finiremo come i coniugi tedeschi che hanno fatto 40 gg di galera perchè non volevano far seguire al figlio l’ideologia gender a scuola.
            Questi siete voi: buonisti, moralisti, comunisti e trafficanti di esseri umani perchè avvallate i viaggi con il barcone. E se qualcuno muore? Colpa dei governi politicamente corretti, che sono i più razzisti e sanguinari dopo l’estremismo musulmano e indiano.

          • Marco S. ha detto in risposta a Nevskij

            GULP !

      • Il cavaliere oscuro ha detto in risposta a Franceschiello

        Già e aggiungerei amici che, sebbene anche un solo abuso sia di troppo, 0,04% di preti pedofili non mi sembra proprio una cifra da capogiro!

      • Nevskij ha detto in risposta a Franceschiello

        Le rispondo solo perché lei abusa del nome dell’ultimo re di Napoli. Glielo chiedo sinceramente, da persona molto esperta (quale sono io e purtroppo non siete voi), dell’informazione. Ma lei questi dati da dove li prende?

        Cordialmente e comicamente

        • Dario* ha detto in risposta a Nevskij

          C’è un proverbio dalle mie parti che recita “chi si loda si imbroda”, continua pure a tessere le tue lodi Nevskij, non fai altro che renderti ancora più ridicolo credimi

    • Sophie ha detto in risposta a Nevskij

      Quando non sapete difendere l’indifendibile vi attaccate ai preti pedofili. E vabbè noi preghiamo e voi recitate il vostro mantra. Ad ognuno la propria religione.

      • Nevskij ha detto in risposta a Sophie

        Sophie, basta che non preghi per me…

        Cordialmente

        • Nevskij ha detto in risposta a Nevskij

          Mi scusi, ripensandoci non vorrei esserLe sembrato scortese. Le chiedevo di non pregare per me perché io vorrei salvarmi…

          • Sophie ha detto in risposta a Nevskij

            Pregherò per te comunque. Poverino, uno che ci manca poco che dica che quelle raffinate “femmine” stavano in posizioni eleganti con il crocifisso in mano per colpa dei preti pedofili ne ha tanto bisogno di preghiere. Il cristianesimo è anche avere compassione e con tutta la pena che mi fai ti offro pure il mio digiuno a pane ed acqua. Cordialmente.

            • Sophie ha detto in risposta a Sophie

              … con il crocifisso in mano a Piazza San Pietro*

              • Nevskij ha detto in risposta a Sophie

                Gentile Sophie, è proprio sicura che la posizione di quelle signorine sia meno elegante e raffinata della sua a piazza San Pietro a digiuno mentre prega per me? a me la scena che ha abilmente descritto fa un po’ impressione… però ci provi, non salverà me, ma magari la Innocenzi porta anche lei in tv

                Cordialmente

                • Sophie ha detto in risposta a Nevskij

                  A me fa impressione lei, sembra uno di quegli indemoniati che in virtù della loro dannazione non possono sopportare preghiera e digiuno. Ma la salverò dalla sua ottusaggine e dalla sua solitudine interiore. Cordialmente.

            • Dario* ha detto in risposta a Sophie

              Magari fosse stato in mano il crocifisso, in realtà era in altri posti a giudicare dalle foto che ho visto…
              …una volta, quando il paese era più civile, c’era il reato di oltraggio al pubblico decoro, ormai invece ti trovi anche gente come Nevskij che questo genere di barbarie le esalta come “progresso”…

          • stensel ha detto in risposta a Nevskij

            Io prego per te. Proprio oggi

            Cordialmente

            • Nevskij ha detto in risposta a stensel

              Mi raccomando stensel preghi, come la comica Sophie (comica suo malgrado…), a digiuno e pane ed acqua. Pare che così Vostro Signore vi ascolti meglio.

              Cordialmente

              • Sophie ha detto in risposta a Nevskij

                Mi fa piacere il fatto che ti strappi un sorriso, mi sembri così triste e frustrato figliuolo…. Vorrei che tu fossi felice come me.

              • Paolo Viti ha detto in risposta a Nevskij

                Caro Nevskij, vedo che da una partenza tollerante e rispettosa sei presto scaduto in un comportamento infantile. Mi spiace, si è persa l’ennesima occasione di un confronto più maturo.

                • Nevskij ha detto in risposta a Paolo Viti

                  Paolo, lei mi sembra una persona intelligente. Con tare dovute alla sua educazione, ma intelligente. Il problema, come lei capisce, e sa bene, sono i commenti successivi al nostro dibattito. E che fanno capire cosa sarebbero i cattolici alla Sophie senza il loro background di trinità, mortificazione e digiuni a pane ed acqua. Una banda di comici… Questa volta ha davvero ragione, un confronto maturo con loro è off Topic.

                  Cordialmente

                  • Sophie ha detto in risposta a Nevskij

                    Cordial Nevskij ti perseguiterò con la preghiera ed il digiuno ahahahah!

                  • Il cavaliere oscuro ha detto in risposta a Nevskij

                    Guardi che un digiunino a pane e acqua ogni tanto non ha mai ammazzato nessuno… provi 😉

                    • Nevskij ha detto in risposta a Il cavaliere oscuro

                      Io le consiglio, laicamente si intendo (e mi scusi se sono involontariamente blasfemo), un goccetto di birra o di vino. Magari digiunando riuscireste anche a sorridere…

                      Cordialmente

                    • Dario* ha detto in risposta a Il cavaliere oscuro

                      Nevskij, mi sa che hai sbagliato religione contro cui scagliarti tanto che Gesù stesso ha tramutato l’acqua in vino. In compenso, io sorrido tanto e spesso. Ma non mi limito a questo, leggendo i tuoi post rido pure di gusto… 😉

                  • Paolo Viti ha detto in risposta a Nevskij

                    Denigrare il digiuno e la mortificazioni di sé significa denigrare Gesù Cristo e il Vangelo: “Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua” (Mt 16,21-27)

                    Non capisco la steccata sulla trinità e sul digiuno. Mi sembra che ti abbiano semplicemente detto che pregheranno per te, come Gesù ci ha insegnato: “amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano” (Mt 5, 38-48)

                    Gesù è comico e immaturo? Benissimo siamo tutti comici e immaturi allora. Lo si era già capito comunque, se tu sei quello “maturo” noi siamo ovviamente e necessariamente all’opposto.

                    • Nevskij ha detto in risposta a Paolo Viti

                      “Se Dio esistesse, bisognerebbe abolirlo”. Visto che lei ama le citazioni, le cito Bakunin, comunista Doc, sicuramente sui comodini di Putin e del leader cinese che nella classifica che lei ha citato precedono per popolarità il suo signore in bianco.

                      Per il resto io le lascio digiugno e mortificazioni, chi gliele tocca (mi fanno anche un po’ senso)… io amo il prossimo e rispetto tutti, mica impongo dogmi come voi fascisti della fede. Però ci pensi Paolo. E se tutta sta fatica, tutte queste citazioni a vanvera da vagabondi del web, tutta questa ortodossia non le valessero il paradiso, la salvezza eterna e tutte quelle belle favolette che vi raccontate? E se fosse fatica (e vita) sprecata? Sa che, quasi quasi, per la tenerezza che mi fa sarei tentato di recitare una preghiera per lei? Mi dia solo il tempo di trovarne una laica… tanti auguri

                      Cordialmente e teneramente

                    • Paolo Viti ha detto in risposta a Paolo Viti

                      Permettimi di rilevare che trovo la tua risposta decisamente fuori contesto.

                      Ti ho appena dimostrato che pregare per i propri persecutori e rinnegare se stessi come condizione per seguire Gesù, siano insegnamenti evangelici. E tu replichi con citazioni comuniste? A quale scopo?

                      Non capisco nemmeno perché se uno digiuna e prega per te vorrebbe imporre i suoi dogmi. Tu non hai dogmi? Tu affermi che Dio non esiste, questo è un dogma per poterti dire ateo. Tu affermi che lo Stato dev’essere laicista, questo è un altro dogma. In campo bioetico sei pieno di dogmi, vuoi infatti imporre l’aborto, l’eutanasia e le nozze gay. E scommetto che vuoi imporre il tuo dogma delle scuole senza crocifisso, vero?

                      Mi colpisce anche la tua affermazione finale, forse l’unica cosa intelligente che sei riuscito a dire: se il nostro cammino sulla terra da cristiani non valesse il paradiso? Ma non capisci che siamo cristiani proprio perché vogliamo essere felici qui e ora, oggi! Non domani. Essere cristiani vale la pena ora, perché è la cosa più dignitosa che possa fare l’uomo oggi, perché è la cosa più bella che abbiamo incontrato. Il paradiso? Ne stiamo vivendo un anticipo in questa vita.

                      Conosci la scommessa di Pascal? Il cristiano vince sempre: se ha ragione, vince perché sarà accolto tra le braccia di Dio. Se ha torto vince comunque perché avrà vissuto una vita felice, senza piegarsi agli idoli del mondo, davvero libero dal pensiero dominante. L’ateo? L’ateo perde in tutti e due i casi, tu sei intelligente e capisci da solo perché.

          • Li ha detto in risposta a Nevskij

            Pregheremo per TUTTI quelli che passano di qui perchè Dio apra loro gli occhi (e le teste).

            • Max ha detto in risposta a Li

              Ma nemmeno Dio puo’ aprire gli occhi a chi non li vuole aprire. O meglio, detto in maniera piu’ secolarizzata, non c’e’ peggior sordo di chi non vuole sentire. Chi si ritiene superiore, tende a non ascoltare gli altri, se non come un gesto di misericordia..

              • Daphnos ha detto in risposta a Max

                E comunque di Nevskij io preferisco di gran lunga quello messo su pellicola da Ejzenstein! 🙂

              • Li ha detto in risposta a Max

                Però sono molti che si ritenevano superiori e poi a chi si sono affidati? A Dio. Dopo lunghe ricerche. Tra alcuni anni capiterà anche alle femen: ogni tanto qualche femminista 68ina viene fuori e dice che hanno sbagliato. Ma va’?!

  23. Sofia ha detto

    A me risulta invece che sono proprio i cristiani oggi a cercare il dialogo con tutti mentre gli elementi di quell’Occidente che ha perso sé stesso e che non sa da dove viene si trincerano nell’intolleranza e nella strumentalizzazione di vieti stereotipi.

  24. loredana ha detto

    la Innocenzi dovrebbe essere licenziata, si sa che La7 è in crisi economica, ma accettare ciò per alzare l’audience…..che VERGOGNA.
    Sono laica, della chiesa non me ne pò fregà de meno..ma CHE vERGOGNA….che PUTTANE, non voglio assolutamente offendere le SIGNORE che passeggiano la sera lungo i viali, vere signore rispetto a questi ammassi di LORDUME. mi schifo anche della passività degli ospiti in studio che hanno addirittura applaudito.

    • Laura ha detto in risposta a loredana

      Concordo su tutto!! Grande onore invece all’imprenditore che se n’è andato….!! L’unico che non si è inchinato!!

  25. Sophie ha detto

    Ero ieri sera su facebook e si commentava un articolo sulle Femen. A parte qualche sfigato, tutti quanti condannavano quello che hanno fatto a Piazza San Pietro. M’è saltata all’occhio una cattolica che si mostrava infastidita dai commenti adirati del cattolici e che infastidivano i veri credenti come lei. 😀

  26. Marzia ha detto

    Sentendo il discorso che ha fatto il Papa al parlamento europeo, sempre su aborto, eutanasia e fecondazione assistita, devo dire che avevano proprio ragione. In fondo è sempre l’erede di un movimento politico (la Chiesa non ha nulla a che vedere con la religione), che si è macchiata di sangue con le crociate, che complotta da sempre

    • Sophie ha detto in risposta a Marzia

      Non siete capaci neanche di azzeccare il thread. Ti do un aiutino: http://www.uccronline.it/2014/11/15/il-giudizio-di-papa-francesco-aborto-e-uccidere-eutanasia-e-contro-dio/ Tra l’altro se non fosse stato per le crociate a quest’ora andresti in giro con il burqa.

    • danieleb ha detto in risposta a Marzia

      chissà com’è che ci si ricorda sempre delle crociate e non si ricorda che prima quelle terre erano cristane( leggi Bisanzio) e che furon conquistate in seguito ad una guerra di espansione inziata proprio dagli arabi stessi (con le armi o con i petali di Rosa?). Se dunque i musulmani rimanevano dove stavano, nemmeno le crociate ci sarebbero state.

    • Danilo ha detto in risposta a Marzia

      La chiesa non ha nula a che vedere con la religione….infatti concordo deve essere che il mondo si è invertito ed è l’ateismo che ha che fare molto con la religione.

      Ma perfavore,non solo portate i soliti luoghi comuni impregnati di moralismo è ideologia mi tocca pure sentire le conclusioni più improbabili e sciocche.

      Almeno abbiate pietà e se argomentate prendete Russel,perchè veramente le argomentazioni che state tirando fuori sono vagamente penose.

    • Marco S. ha detto in risposta a Marzia

      Affermativo sig.ra Marzia.

      La Chiesa ha sempre cercato di opporsi alla soppressione del piu’ debole da parte del piu’ forte.
      Poi ognuno la puo’ cucinare come crede.
      Non tutti siamo dei Cracco, forse nemmeno Lei, ma spadellare non e’ un reato.

      Le Crociate sono un fenomeno troppo vasto per essere giudicate sommariamente e vi hanno partecipato troppo persone per poter dire che fossero tutte sante.

      Nondimeno mi permetto di far presente che le teorie marxistoidi alla Runciman, in voga fino all’alba del XXI secolo, che vedevano le crociate come aggressione coloniale ante-litteram, sono state superate dalla moderna storiografia.

      Uno dei massimi esperti contemporanei, il prof. Thomas Madden, nel suo “A New Concise History of the Crusades” ci riassume magistralmente i risultati delle sue ricerche e di quelle della moderna storiografia, che ha fatto anche affidamento su un archivio unico informatico, delle infinite fonti memorialistiche disperse un po’ in tutta Europa e quindi delle moderne tecniche di elaborazione e di ricerca in questa massa di informazioni.

      La conclusione che ne traggono gli storiografi moderni e’ che delle numerose motivazioni che animavano i crociati, quella di gran lunga prevalente era il sincero desiderio di difendere da un’ingiusta aggressione i correligionari in Medio Oriente e permettere il libero pellegrinaggio in Terrasanta di quelli europei.

      Ebbene si’, contrariamente ai cristiani di oggi, i cristiani medievali sentivano il dovere di intervenire in difesa dei loro fratelli ingiustamente aggrediti.
      Gente veramente strana….

      Buonasera.

  27. Marzia ha detto

    Sentendo il discorso che ha fatto il Papa al parlamento europeo, sempre su aborto, eutanasia e fecondazione assistita, devo dire che avevano proprio ragione. In fondo è sempre l’erede di un movimento politico (la Chiesa non ha nulla a che vedere con la religione), che si è macchiata di sangue con le crociate, che complotta da sempre

    • Drew ha detto in risposta a Marzia

      Si e vero ed Harry Potter è mio cugino!

      Drew Potter

    • DC ha detto in risposta a Marzia

      Marzia torna sulla luna.

    • gladio ha detto in risposta a Marzia

      Marzia, Maometto è morto nell’ anno 632, nell’ anno 732 i suoi selvaggi erano già a Poitier, capito? in nemmeno cento anni, e Poitier è in Francia, non in mezzo al deserto arabico.

      Adesso vedi di fare due più due, prova a immaginare le conseguenze se la Storia avesse preso il corso opposto…e tu ti scandalizzi della Crociate!!!

    • lorenzo ha detto in risposta a Marzia

      Siccome, a quanto pare, il tempo Marzia-no scorre in modo diverso da quello terrestre ed io sapevo che il S. Padre avrebbe parlato a Strasburgo il 25 novembre, mi potresti riassumere brevemente, dato che lo hai già sentito, il discorso che il Papa ha fatto al parlamento europeo?

  28. auser ha detto

    zittire una persona in nome della libertà è dittatura

« nascondi i commenti