O’Connor: donna-prete, lesbica e ora islamica, da anni cerca lo scandalo per colmare il vuoto

Sinéad O’Connor cattolica convertita all’islam? La cantante irlandese vive da tempo un’esistenza travagliata, tra depressione, disturbo bipolare e solitudine. Si fermino gli insulti, ha bisogno di misericordia.

 

E’ stata una voce nota sopratutto negli anni ottanta e novanta, in particolare grazie al singolo Nothing Compares 2 U (1990) contenuto in un album che vendette 7 milioni di copie. Lei è Sinéad O’Connor, cantante e musicista irlandese, forzatamente anticonformista e disperatamente bisognosa di attenzione. In queste ore ha fatto scalpore la sua annunciata e provocatoria conversione all’Islam, ma dietro c’è molto che pochi conoscono.

Quella di  O’Connor, finora, è stata una travagliata vita dopo il raggiungimento del successo e l’aver compreso che tutto lasciava però intatto il suo vuoto interiore, di cui spesso ha cantato nei suoi brani, sopratutto dopo la tragica morte della madre nel febbraio 1985.

Nel 1992 ha cambiato legalmente nome in Magda Davitt e nello stesso anno ha strappato una foto di Papa Giovanni Paolo II durante un programma televisivo, per richiamare l’attenzione sulle accuse di abusi sessuali da parte di preti in Irlanda. Uno scandalo internazionale che le costò fischi ai concerti e la cancellazione di numerose date del suo tour. Chiese scusa del gesto nel 1997 con queste parole: «un atto ridicolo, il gesto di una ragazza ribelle».

Due anni dopo, nel 1999, la cantante irlandese si recò dal vescovo scismatico Michael Cox, leader del movimento “Tridentino” tradizionalista cattolico irlandese e fondatore della Chiesa cattolica e apostolica irlandese ortodossa, chiaramente non riconosciuta dalla Chiesa cattolica. La O’Connor si fece ordinare sacerdotessa come atto ribelle al cattolicesimo per la chiusura verso il sacerdozio femminile e volle farsi chiamare “Madre Bernadette Maria”. Finanziò l’operazione con il versamento di 150.000 sterline irlandesi al pseudo-vescovo Cox e affermò di avere l’autorità per dire Messa, battezzare e amministrare i sacramenti. Pochi mesi dopo confessò di aver «fallito miseramente, sono durata tre mesi».

Nel 2000, dopo due matrimoni falliti, annunciò al mondo di essere lesbica. Nel 2003 ha rivelato di soffrire di un esaurimento nervoso e di aver tentato il suicidio più volte, annunciando per l’ennesima volta il ritiro dalla scena musicale. Nel 2005, all’uscita del nuovo album, ha riferito di aver trovato conforto nel Rastafarianesimo e di avere la missione di «salvare Dio dalla religione». Successivamente, ha dichiarato: «Sono tre quarti eterosessuale, un quarto gay», divenendo un’attivista Lgbt.

Dal 2010, in particolare, ha cominciato a combattere il cattolicesimo tramite dichiarazioni pubbliche, ad esempio accusando il Vaticano di aver assassinato Cristo. Pochi mesi fa, nell‘agosto 2018, ha chiesto pubblicamente a Papa Francesco di essere scomunicata dalla Chiesa cattolica.

In queste ore, come dicevamo, O’Connor è tornata a far parlare di sé: su Twitter ha annunciato la conversione all’Islam e ha cambiato per l’ennesima volta nome: Shuhada. Ha quindi ringraziato «i fratelli e le sorelle musulmani» per averla accolta nella Umma, la comunità che unisce tutti i musulmani del mondo. Ha spiegato che la decisione è stata «la naturale conclusione di qualsiasi viaggio teologico intelligente» e ha pubblicato un video in cui canta l’azan, il richiamo alla preghiera islamica.

Credere all’autenticità degli atti e delle parole della cantante irlandese è davvero una mossa azzardata, considerando la sua biografia. Repubblica ha dato la notizia così: “La cattolica Sinead O’Connor si converte all’Islam“. Nel 2003 le è stato diagnosticato un disturbo bipolare della personalità, nel 2017 ha perso la custodia del figlio e soltanto l’intervento degli psichiatri, a suo dire, l’hanno salvata dal suicidio.

I fanatici “anti-Islam” interrompano gli insulti che le stanno rivolgendo sui social. Sinéad O’Connor è una persona profondamente sola, un’adolescente vittima dell’utopia della ribellione (a cosa, non si sa), che l’ha portata lentamente a non avere più il controllo di sé. Non ha cambiato il mondo, ha perso se stessa. Per questo merita ancora di più misericordia, non rabbia. E una preghiera, perché incontri finalmente quell’Amore che salva dall’immenso vuoto dell’esistenza privata di Lui: «Ci hai fatti per Te e inquieto è il nostro cuore finché in te non riposa» (Agostino, Le Confessioni).

La redazione

0
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

34 commenti a O’Connor: donna-prete, lesbica e ora islamica, da anni cerca lo scandalo per colmare il vuoto

« nascondi i commenti

  1. Aristarco De' Strigidi ha detto

    Com’ é facile passare da una religione all’ altra !
    Ma abbandonarle TUTTE non era proprio possibile ?

    0
    • Giovanni ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

      No perché l’uomo è un essere religioso dalla nascita.

      0
    • Mister R. ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

      Aristarco De’ Strigidi

      Abbandonarle tutte per passare all’ateismo?
      Sempre di fede si tratta…

      0
    • Franco ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

      E tu quando ti liberi dalla tua religione del Nulla e del dio Caso?

      0
    • Klaud ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

      Aristarco,
      penso che per una così sia impossibile passare all’ateismo: ciò comporterebbe chiarezza di idee e lucidità mentale, tutto il contrario di quello che lei vuole e che è .
      E con buona pace dei fautori della fede nel dio caso, del nulla e dell’uomo religioso dalla nascita

      0
      • Aristarco De' Strigidi ha detto in risposta a Klaud

        Klaud, concordo con te.
        ‘Sta tipa é una povera pazza o, nella migliore delle ipotesi, un’ illusa.
        Ma naturalmente per certuni, meglio una credente in un qualsiasi dio, Allah per esempio, piuttosto che una credente del caso, del nulla, dell’ universo che nasce dal big bang, o dell’ uomo che si evolve da una scimmia e prima ancora …
        Ops, che sbadato, adesso avrò fatto la figura del maleducato da bannare …

        0
        • lorenzo ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

          No, hai fatto semplicemente la figura del credente che ha fede cieca nella teoria, non dimostrata scientificamente, che l’uomo discenda dalla scimmia: mentre infatti per me la teoria che l’uomo discenda dalla scimmia è credibile in quanto è oggi la più accreditata, per te è uno degli articoli del credo della tua fede.

          0
        • Mister R. ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

          Aristarco De’ Strigidi

          Qui l’unico da censurare è quel grandissimo maleducato di Shiva 101/Maddalena/Paolone/Antonio L. e tanti altri, voi finora avete dimostrato un comportamento decente e vi ringrazio per questo, ma veniamo al dunque:
          L’ipotesi che dal nulla assoluto sia spuntato un qualcosa di complesso come l’universo non sta in piedi, non credo servano motivazioni…
          Il caso funziona su un qualcosa che già esiste, come il lancio dei dadi in un casinò, ma in uno spazio completamente vuoto senza dadi o carte da gioco dove lo vuoi trovare il caso?
          Il big bang è stato scoperto da un certo Georges Edouard Lemaître, ovvero un fisico, astronomo, presbitero gesuita belga e se non ricordo male il motivo dell’iniziale opposizione a questa teoria ora accettata dalla maggior parte degli scienziati si può riassumere in una sola frase: “Sa troppo di intervento divino”.
          L’evoluzione dà problemi solo a quelli che si ostinano come i testoni che sono a prendere il Genesi letteralmente, molto spesso senza sapere di cosa stanno parlando…

          0
          • Aristarco De' Strigidi ha detto in risposta a Mister R.

            Gentile Mister R.
            Discorso troppo lungo ed articolato per esaurirlo in poche righe.
            Quella che l’ universo sarebbe scaturito dal nulla é soltanto una teoria fra le tante, neanche la più accreditata.
            Che Lemaitre fosse un gesuita non significa certo che il Dio in cui (forse) credeva esisteva per davvero, altrimenti cosa si dovrebbe dedurre dalle scoperte di Srinivasa Aiyangar Ramanujan probabilmente il più grande matematico di tutti i tempi, un induista ortodosso credente nella dea Namagiri.
            Sull’ evoluzionismo neanche mi spreco più di tanto dal momento che io stesso nel tempo ormai lontano (mezzo secolo ed oltre) in cui ero credente arciconvinto, non vedevo proprio nessuna contraddizione fra la fede cattolica e l’ Evoluzione per SELEZIONE NATURALE.
            Il caso nell’ evoluzione c’ entra soltanto in piccolissima parte.
            Ci sono bancali di libri che ne trattano.
            Sono Ateo in quanto mi sono convinto che duemila anni fa nata una truffa di cui gli stessi truffati sono diventati i più strenui sostenitori.
            Per rendersi conto di come sia possibile tutto ciò, basta riflettere su religioni nate negli ultimi due secoli e di cui esiste ampia documentazione come il Mormonismo, i Testimoni di Geova, Scientology e tante altre, tutte complete di “libri sacri”, che pure hanno convinto milioni di fedeli.
            Mi da “leggermente” fastidio vedere trionfare la disonestà.
            In quanto al tutto (tantissimo) rimanente ci sarebbe davvero troppo di cui parlare e su cui sono stati consumati fiumi di inchiostro.

            0
            • Positrone76 ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

              Nessuna teoria scientifica accreditata sostiene la nascita dal NULLA, al massimo da un vuoto che vuoto non era e dalla presenza di altro (sebbene in ambito fisico) oltre questo universo, una cosa ben diversa. Quello che non sai è che anche se queste Teorie fossero confermate, al concetto del Dio creatore non cambierebbe NULLA, quello vero.
              D’accordo con il discorso su Lemaitre ma anche qui alcuni errori. Il primo è il confronto con Ramanujan che è un matematico, essenzialmente un linguista e non uno scienziato, men che mai sperimentale… Secondo errore, il caso Lemaitre si cita perchè si vuol dimostrare che la Fede nel cattolicesimo non esclude una mente osservatrice o scientificamente aperta cosa che invece i fan dell’ateismo continuano a ripetere lasciando intendere che chi crede nel Teismo sarebbe una specie di illuso, schiavo di dogmi (sapeste poi quali sono i contenuti ma non chiediamo troppo) e bigotto al contrario dell’Ateo/Ateista che invece è una mente libera. Niente di più errato in effetti.
              L’Evoluzione è davvero poco compresa. A parte che noni non discendiamo da nessuna scimmia ma Umani e scimmie avrebbero un antenato prossimo comune. Se è per questo tutti i mammiferi discendono dai protogenitori precedenti ed in sintesi siamo tutte alghe evolute…
              La selezione naturale non spiega la coscienza e non spiega l’astrazione con buona pace di Darwin e di qualsiasi evoluzionista (me compreso peraltro) …
              Se le motivazioni percui sei ateo sono quelle che esponi, se un ateo farlocco.
              La gente potrà anche affidarsi ai libri sacri, ma lo fa semplicemente per fideismo. La Fede è tutt’altra faccenda, se avessi studiato le differenze lo sapresti. Purtroppo come chiunque si alzi la mattina spesso si senta Architetto, Scienziato, Medico, Avvocato o Insegnante qualunque pseudo VERO Ateista ed in generale molti si sentono autorizzato a parlare di religioni come se fosse un argomento di cui non ci sia bisogno di un approfondimento che vada oltre qualche sporadica lettura sulle pagine di wikipedia.
              Se ti desse fastidio trionfare la disonestà allora non riconoscere la credenza Ateista come Credenza e non riconoscere la differenza tra i credi ti dovrebbe dar fastidio ma sembra che tu sia affetto da quelli che i sociologi chiamano familismo amorale.
              Vero che sono stati consumati su alcuni argomenti fiumi di inchiostro ma non tutti questi fiumi sono stati usati saggiamente…

              0
              • Klaud ha detto in risposta a Positrone76

                *… La selezione naturale non spiega la coscienza e non spiega l’astrazione …*

                Se è per questo, nemmeno la religione, qualsiasi religione, lo spiega.
                La differenza è che le religioni, con molta supponenza, si appropriano di concetti non ben definiti e ne fanno una invisibile bandiera.
                Coscienza, anima, astrazione, etica… è tutto nella natura umana, da prima che la scoprisse… dio!

                0
                • Mister R. ha detto in risposta a Klaud

                  Klaud

                  Nessuno sta negando che la coscienza, l’etica e l’astrazione facciano parte della natura umana.
                  Ma questi elementi nel mondo animale sono inutili se non addirittura dannosi!
                  Quindi la loro presenza rimane ingiustificata, cosa serve la coscienza davanti a un leopardo affamato?

                  Il cristianesimo non ha un concetto, ma una spiegazione: IMAGO DEI
                  Come Dio (la grammatica non è ancora morta) noi siamo autocoscienti, capaci di concepire pensieri astratti e possedere e rispettare, se vogliamo, un’etica.

                  0
                • Brunello ha detto in risposta a Klaud

                  Ma è questo il punto Klaud: siamo immersi nel mistero e la scienza non è in grado di dare spiegazioni sicure al 100%. Le religioni danno delle spiegazioni, ovviamente nemmeno queste sono certe. Quello che trovo assurda è la presunta superiorità degli atei che userebbero una ragione che in realtà non spiega nulla del mistero che ci circonda

                  0
                  • Klaud ha detto in risposta a Brunello

                    La scienza ricerca le spiegazioni, la religione le inventa.
                    Se la scienza non trova spiegazioni, cerca in un’altra direzione. Se nel tempo altre scoperte modificano la teoria, la scienza ne prende atto.
                    Le ‘spiegazioni‘ date dalla religione sono a priori, eterne e immutabili. Poi, con continue impercettibili deviazioni, le si fanno coincidere con la scienza.
                    La presunta superiorità degli atei, in quanto tali, sta nel non cercare nessuna spiegazione: siete voi che credete che l’ateismo sia una dottrina;
                    ti risulta che non credere all’astrologia sia una dottrina? una fede? (Questo in risposta a Positrone e alla presunta necessità di sorbirsi poderosi polpettoni teologico-metafisici sulla comprensione della vera fede).

                    0
                    • Positrone76 ha detto in risposta a Klaud

                      Ah le false inferenze quanti danni fa Klaud.
                      La scienza sperimentale ricerca nel fenomeno fisico, perché ha gli strumenti per farlo, una metodica, una regola. Può spiegare la regola ma non il perché ci sia quella regola e non un’altra. Le religioni non sono tutte uguali. Il Cattolicesimo, ad esempio, similmente alla scienza ricerca le spiegazioni sulla Rivelazione. Hanno ovviamente strumenti diversi ma non nega la ragione per le cose umane. La Rivelazione riguarda il rapporto Dio – Uomo e Uomini- Uomini. Io e molti altri, compresi molti santi e filosofi si sono interrogati e hanno cercato risposte continuamente per la Fede…
                      Ateismo, Antiteismo e Teismo sono in rapporto diverso che Ateismo e specificatamente il Cattolicesimo ad esempio. Quindi dovresti chiarire.
                      Gli atei che non cercano spiegazioni non sono atei sono agnostici o apatei. Scegliere di non rispondere non è una risposta. Al meglio una posizione filosofica o interpretazione se preferisci non diversa da quella dei Teisti.
                      Non credere nell’ateismo è una dottrina certo… Non credere nel Teismo è una dottrina.
                      L’astrologia non può essere paragonata in alcun modo alla religione o al concetto di Dio. L’astrologia indaga nei suoi principi in fenomeni che sono verificabili. Continuare a credervi oltre ogni ragionevole dubbio è fideismo che peraltro è del tutto paragonabile all’Ateismo. Nel cattolicesimo non c’è questo problema invece …
                      La presunta superiorità Atea è presunta solo da qualche antiteista-ateo.

                      0
                    • lorenzo ha detto in risposta a Klaud

                      La scienza ricerca le spiegazioni sul funzionamento dell’esistente, la religione non inventa le spiegazioni sul funzionamento dell’esistente semplicemente perché la religione non si occupa della ricerca delle spiegazioni sul funzionamento dell’esistente: la religione si occupa del perché, dello scopo, della motivazione, del fine per cui esiste ciò che esiste.
                      L’ateismo non sarebbe una religione solo ed esclusivamente se l’ateo non si chiedesse assolutamente mai nella vita cosa ci sta a fare a questo mondo.

                      0
                • Positrone76 ha detto in risposta a Klaud

                  Klaud, anzitutto le religioni non sono tutte uguali tra loro, non tutte ad esempio riconoscono la ragione come mezzo di discernimento, o parlano di Dio e non tutte parlano di creazione o si rapportano all’immanente.
                  rapportano. Le religioni come la filosofia si occupa di spiegare il perchè semplicemente per il motivo che nessun altra disciplina può farlo. La scienza infatti spiega i “come” ma non i “perché”. La ragione di una ragione non può che essere l’opposto del caos, ovvero ordine e intenzione, quindi intelligenza.
                  Una religione non rivelata Klaud ha presunzioni, è il caso delle religione naturalistiche (in genere i politeismi) o o materialiste (le credenze ateiste) che tentano di spiegare qualcosa che si trova oltre se stessa. Le religioni rivelate vanno invece giudicate in base alle Rivelazioni. Hanno tutte la stessa ragionevolezza?
                  A mio avviso no.
                  La coscienza, l’anima, l’astrazione sono concetti che preesistono all’uomo o le inventa l”uomo? Tentenzialmente pre esistono, quindi l’uomo semplicemente le scopre.

                  0
                  • Brunello ha detto in risposta a Positrone76

                    Guarda Positrone che condivido il tuo discorso, ma secondo me siamo messi molto peggio di come pensate tu e Klaud: il principio di indeterminazione di Heisenberg e i teoremi di incompletezza di Godel pongono dei limiti alle conoscenze scientifiche, inutile sperare che in futuro la scienza possa spiegare completamente il come…il perché poi non è nemmeno il suo compito. Concordo che l’ateo non cerchi spiegazioni: le poche persone che ho conosciuto in reale ricerca si sono convertite, e tutti gli atei che conosco sono comunisti, quindi per me l’ateismo è una posizione ideologica, basta del resto vedere Odifreddi…

                    0
                    • Positrone76 ha detto in risposta a Brunello

                      A me lo dici? Io conosco bene i limiti della scienza, cosa che i culturi della scienza o della prova scientifica rivelatutto non conoscono. Alcuni addirittura vorrebbero far passare la scienza come atea, in realtà non conoscono ciò di cui parlano, e questo (con tutto il rispetto) oltre ogni Godel e oltre ogni Heinseberg…

                      0
                    • Klaud ha detto in risposta a Brunello

                      Positrone,
                      ‘…oltre ogni Godel e oltre ogni Heinseberg…’
                      Stai dicendo che un vecchio nomade del deserto ne sapeva di più di uno scienziato moderno?

                      0
                  • Klaud ha detto in risposta a Positrone76

                    Positrone,
                    non fai altro che esporre la dottrina ufficiale della chiesa, un a-priori senza basi.
                    Mi ricorda molto da vicino la definizione di patafisica: ”La scienza delle soluzioni immaginarie”.

                    *… La coscienza, l’anima, l’astrazione sono concetti che preesistono all’uomo o le inventa l”uomo? Tentenzialmente pre esistono, quindi l’uomo semplicemente le scopre… *

                    Spiegami come l’effetto possa, tendenzialmente, preesistere alla causa.

                    *… La ragione di una ragione non può che essere l’opposto del caos, ovvero ordine e intenzione, quindi intelligenza. (Macchevordi’?…)

                    Sei rimasto al Caos della Scolastica: il caos non esiste, parafrasando il saggio, nell’universo tutto è nel ‘miglior ordine possibile’.
                    Ti piace giocare con il bilancino e con le parole, ma è un gioco da fare in solitario.

                    Gli agnostici non li ritengo nemmeno atei, in quanto trovo irrazionale sospendere il giudizio sull’esistenza di divinità, il che porta ad ammettere anche l’ipotesi che esistano i fantasmi e simili fenomeni.

                    0
                    • Brunello ha detto in risposta a Klaud

                      Insomma Klaud, parli di migliore ordine possibile nell’universo senza tenere conto del secondo principio della termodinamica che dice che è il disordine ad aumentare…

                      0
                    • Klaud ha detto in risposta a Klaud

                      Brunello,
                      dico che il caos, inteso come disordine (concetto puramente umano), non esiste in quanto ogni particella di materia o di energia
                      si sposta esattamente in armonia con tutto quello che la circonda, e non può fare altrimenti.
                      Che l’uomo non possa prevederlo non significa che sia disordine. Anche nel mio studio c’è un casino spaventoso, ma io so perché.

                      0
            • Mister R. ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

              Aristarco De’ Strigidi

              Tutto quello che avevo da dire lo ha esposto Positrone76.

              0
              • Mister R. ha detto in risposta a Mister R.

                “Sono Ateo in quanto mi sono convinto….”

                🙂

                0
                • Klaud ha detto in risposta a Mister R.

                  …e quindi tu sei credente perché TI hanno convinto?
                  Probabilmente già dal primo mese di vita… Caspita, che precocità! 😆

                  0
                  • Mister R. ha detto in risposta a Klaud

                    Klaud

                    Sono nato e cresciuto in una famiglia credente, questo è vero.
                    Sono stato battezzato e sono andato al catechismo, questo è vero.
                    Sono stato indottrinato? Forse si, forse no, lei cosa ne pensa?
                    Intanto crescendo arrivano le fatidiche domande che ogni essere umano almeno una volta si pone nella sua vita, penso che lei sappia quali sono…
                    Cominciai quindi questa mia “riscoperta” del cristianesimo, con le meravigliose discussioni filosofico-teologiche con mio padre e mio nonno, due persone molto istruite e informate sull’argomento (parlano di queste cose da quando mio padre ha compiuto 15 anni).
                    Le risposte che cercavo le avevo ottenute, le avevo sottoposte al mio esame critico e tutte erano passate, ma come diceva mio padre mancava ancora qualcosa: Studiare la posizione opposta alla mia!
                    Così analizzai libero da qualsiasi influenza religiosa: Margherita Hack, Odifreddi, Steven Hawking, l’UAAR e un mio lontano parente ateo.
                    Alla fine “pesai la bilancia” e mi ritrovai di nuovo dal lato dei teisti, di gran lunga più consapevole e istruito di prima.
                    Quindi la mia posizione attuale, per gli altri non lo so, è frutto di un percorso fatto con l’obbiettivo di cercare la risposta alle mie domande.

                    La sua posizione invece da cosa nasce?

                    0
                    • Klaud ha detto in risposta a Mister R.

                      Storia quasi identica alla tua, solo che il mio incontro decisivo (a 16/17 anni) fu con la Storia della filosofia Occidentale.

                      0
            • Brunello ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

              Concordo con positrone, vorrei aggiungere che la teoria di Darwin non mi convince del tutto: Come mai l’uomo parla e gli altri animali no? Come mai fossili viventi come il celacanto sono immutati da 300 milioni di anni ed in soli 8 milioni di anni un protoscimmione sarebbe diventato un uomo ? Riguardo alla truffa del cristianesimo posso rassicurare Aristarco: gli apostoli di Gesù e S. Paolo sono stati quasi tutti uccisi in modo orribile…credevano di truffare Aristarco ma l’hanno pagata 😉

              0
              • Mister R. ha detto in risposta a Brunello

                Brunello

                “Sicuramente in futuro troveranno una spiegazione compatibile al 100% con la mia visione atea del mondo”

                Comunque forse il concetto di convenienza 2000 anni fa era diverso, magari il farsi ammazzare per qualcosa che sapevano essere una truffa era accettabile al 100%… 😉

                0
  2. Angela CONSIGLIO ZIANTONI L ha detto

    Signore accendi in ogni cuore il FUOCO del Perdono della Misericordia e dell’Amore!!

    0
  3. Olivia70 ha detto

    Lo scrivete voi stessi che soffre di disturbo bipolare. Io stessa anni fa avevo stretto amicizia con una ragazza che poi scoprii essere affetta da questo disturbo, che senza essere tenuto sotto controllo con appositi medicinali fa passare il soggetto da stati di profondissima depressione ad altri di esaltazione incontrollata con tanto si allucinazioni e deliri ( tipo credere di essere dotati di super poteri, di essere ricchissimi ecc). Pensate che questa ragazza raccontava di avere un cancro e invece non era vero niente, oppure di aver perso un bambino, di essere stata campionessa di sci ecc e logicamente era tutto falso. Un giorno tentò anche il suicidio. Per questo io non darei peso a quello che fa e dice la O’Connor, la quale ha solo bisogno di dei bravi psichiatri e buone pasticche.

    0
  4. Gabriele ha detto

    Quello che leggo sul comportamento della O’Connor, mi fa preoccupare per lei con questa sua conversione (almeno apparente)di cui forse non coglie tutte le implicazioni. Mi chiedo se conosca veramente l’Islam, e quindi sappia che nel mondo islamico sono in parecchi a non accettare certi atteggiamenti (la cantante sa cosa pensa l’Islam dell’omosessualità, lei che dice di essere per un quarto gay ed è un attivista lgtb?). E se un giorno dovesse cambiare idea, crede davvero che basti dire ‘me ne vado’ per non essere più considerata parte dell’Umma?
    Mi auguro davvero che riesca a trovare la felicità.

    0
« nascondi i commenti