Censimento 2011: in Irlanda i cattolici sono l’84%

I dati del nuovo censimento, pubblicato il 30 marzo scorso, dimostrano che oltre l’84% degli irlandesi descrivono loro stessi come cattolici (3,86 milioni), una notizia importante dopo i vergognosi casi di pedofilia che hanno sconvolto la Chiesa irlandese. Lo stesso è accaduto negli USA.

Il 5% dice di non appartenere ad alcuna religione, tra cui la maggioranza sono immigrati. In sorprendete calo è la Chiesa metodista irlandese, tradizionalmente una delle quattro principali chiese dell’isola.

La crescita dei cattolici si accompagna tuttavia, purtroppo, ad un aumento dei divorzi, seguendo così l’indebolimento della famiglia presente in tutta Europa. Oltre il 21% dei bambini irlandesi vengono allevati da un solo genitore e un altro 6% viene allevato da conviventi.

Ricordiamo che in Irlanda l’aborto è illegale (a meno che la madre non sia in pericolo di vita), e gli studi dimostrano che vi è una bassa incidenza di cancro al seno, una buona salute mentale tra le donne e e il 70% dei cittadini approva il divieto.

 

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

42 commenti a Censimento 2011: in Irlanda i cattolici sono l’84%