Francesco sfida il mondo progressista: «è falsa compassione sostenere l’eutanasia»

francesco disabileNon si tira indietro e non cerca il facile applauso, ma sfida apertamente le convinzioni progressiste del mondo, riuscendo a penetrare anche in quegli ambienti che ideologicamente chiudevano la porta al suo predecessore. Papa Francesco è tornato su un grande tema, molto divisivo: «La compassione è in un certo senso l’anima stessa della medicina. La compassione non è pena, e soffrire-con. Nella nostra cultura tecnologica e individualista, la compassione non è sempre ben vista».

Addirittura, ha aggiunto incontrando i medici spagnoli, «non manca neppure chi si nasconde dietro a una supposta compassione per giustificare e approvare la morte di un malato. Ma non è così. La vera compassione non emargina nessuno, non umilia la persona, non la esclude, e tanto meno considera la sua scomparsa come qualcosa di buono». Un giudizio efficace, che colpisce proprio il cuore del tema dell’eutanasia e del suicidio assistito, che probabilmente sarà all’ordine del giorno tra qualche anno in tutto l’Occidente. E i media spagnoli non si sono fatti attendere, riprendendo la sua accusa alla “dolce morte”.

Lo stesso ragionamento lo propose ai medici italiani, quando disse: «Il pensiero dominante propone a volte una “falsa compassione: quella che ritiene sia un aiuto alla donna favorire l’aborto, un atto di dignità procurare l’eutanasia, una conquista scientifica “produrre” un figlio considerato come un diritto invece di accoglierlo come dono; o usare vite umane come cavie di laboratorio per salvarne presumibilmente altre. La compassione evangelica invece è quella che accompagna nel momento del bisogno, cioè quella del Buon Samaritano, che “vede”, “ha compassione”, si avvicina e offre aiuto concreto (cfr Lc 10,33)».

Ha parlato anche della cultura dello scarto, un suo neologismo attraverso cui indica quella società che «rifiuta e disprezza le persone che non soddisfano determinati canoni di salute, di bellezza e di utilità». Scartare è abbandonare o provocare la morte di un anziano o di un malato terminale, è impedire la nascita di un bambino, magari disabile. E un grande segno, in questo senso, è la scelta di farsi aiutare da alcuni chierichetti affetti da sindrome di Down durante la Messa del Giubileo degli Ammalati e delle Persone Disabili che si terrà domani.

Più volte, nel suo discorso, Francesco ha spiegato di voler «benedire le mani dei medici come segno di riconoscenza a questa compassione che si fa carezza di salute». Perché tale soffrire-con, «è la risposta adeguata al valore immenso della persona malata, una risposta fatta di rispetto, comprensione e tenerezza, perché il valore sacro della vita del malato non scompare né si oscura mai, bensì risplende con più forza proprio nella sua sofferenza e nella sua vulnerabilità. Non si può cedere alla tentazione funzionalista di applicare soluzioni rapide e drastiche, mossi da una falsa compassione o da meri criteri di efficienza e di risparmio economico. A essere in gioco è la dignità della vita umana; a essere in gioco è la dignità della vocazione medica». Una chiamata all’obiezione di coscienza dei medici, come infatti ha auspicato nell’esortazione apostolica Amoris Laetitia: «a coloro che operano nelle strutture sanitarie si rammenta l’obbligo morale dell’obiezione di coscienza».

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

9 commenti a Francesco sfida il mondo progressista: «è falsa compassione sostenere l’eutanasia»

« nascondi i commenti

  1. giacomo ha detto

    «è falsa compassione sostenere l’eutanasia»

    E’ falsa religione alimentare il turismo religioso con le persone ridotte in stato vegetale o condannate a morte certa tra enormi sofferenze.

  2. Positrone76 ha detto

    Articolo da condividere, sebbene il concetto di sofferenza è ancora e rimarrà sempre, troppo soggettivo…

  3. giorgio baldrati ha detto

    la vita non e` stata data all`uomo perche` l`uomo, nella sua dappocaggine , non avendone compreso il senso , se ne liberasse,
    quando insoddisfatto. e` una opera cosi` complessa e cosi`precisa che dovrebbe indurre ciascuno ad una riflessione profonda
    e completa e globale prima di esprimere giudizi od assumere decisioni irrevocabili al riguardo. certo ne abbiamo la possibilita`,
    ma rimane il crimine piu`grave ed esecrabile che l`uomo possa commettere sotto il sole : l`attentato alla vita umana.
    la creazione dell` uomo fu l`atto conclusivo dell`opera di Dio e lo creo` perche` diventassero molti e popolassero la terra e
    non si lasciasse dominare dalle cose di questo mondo , ma gli rendessero culto legando una condanna a detto rifiuto : ” se mangerai del frutto dell`albero della conoscenza del bene e del male di certo morrai ” . quindi fatto per la vita. l`uomo non e`stato fatto per la disperazione ma per la speranza : sedisperati ,potremo, affidandoci a Lui , trovare il Lui sostegno e speranza.

« nascondi i commenti