Eutanasia, ennesima vittima (involontaria)

http://www.independent.co.uk/incoming/article8707179.ece/ALTERNATES/w460/Hospital.jpgCade nuovamente nell’occhio del ciclone il protocollo inglese per il fine-vita, il Liverpool Care Pathway for the Dying Patient (Lcp), dopo l’ennesimo caso di malsanità, nel quale, lo scorso marzo, ha perso la vita Jean Tulloch. All’anziana signora, ricoverata senza riportare condizioni critiche è stata applicata -accidentalmente, nella migliore delle ipotesi- la procedura riservata ai pazienti terminali, Lcp – metodo che prevede la sedazione e la sospensione di medicine, alimentazione e idratazione, con la morte che sopraggiunge nelle 30 ore successive. Ad aumentare ulteriormente la polemica contro la cosiddetta “lista della morte” inglese, hanno concorso, oltre alle numerose denunce, il fatto che il trattamento non abbia ottenuto il Gold Standard – tutte cose che ora hanno spinto il governo a prendere provvedimenti.

Non si tratterebbe dunque di un caso isolato. Già nel 2012, riportava ilDaily Mail, fino a 60mila pazienti, ogni anno, venivano (e vengono) messi in lista per il Lcp, senza esserne informati e con un terzo delle rispettive famiglie all’oscuro di tutto. Un caso identico era emerso già qualche tempo fa, quando la medesima sorte toccò a Robert Goold, 69enne affetto da demenza, messo nella “death list” e lasciato morire per più di una settimana, senza che la famiglia ne fosse informata e senza nemmeno che ne fosse fatta menzione nella sua cartella clinica. In entrambi i casi, allo scandalo è seguita l’apertura di un’inchiesta.

Dubbi sull’accidentalità di tali circostanze sono stati sollevati da più parti. Peter Tulloch, il figlio dell’anziana signora, ha dichiarato che, «fondamentalmente, volevano il letto di mia madre». Non a caso, un mese dopo, una visita degli ispettori della Healthcare Improvement Scotland ha poi rilevato una carenza di posti letto nell’ospedale. Ad avanzare dubbi simili sono stati anche medici ed esperti. La British Medical Association, ha sostenuto che i pazienti potrebbero essere stati messi in lista per la Lcp, anche quando non sarebbe stato il caso, in quanto, «agli ospedali sarebbero stati offerti incentivi economici» per l’utilizzo di tale protocollo. Un sistema pensato per dare ai malati terminali «una morte pacifica e dignitosa», riporta il Guardian‘, è accusato d’essere diventato invece un sistema per «velocizzare i decessi, liberare letti e risparmiare», tanto da far partire, su commissione del ministro della salute Norman Lamb, un rapporto indipendente che si prevede manderà a brevissimo in pensione anticipata l’attuale ‘Liverpool Care Pathway’, solo per sostituirlo però, con una sua versione migliorata. Per più di qualcuno però, è ormai troppo tardi.

Nicola Z.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

69 commenti a Eutanasia, ennesima vittima (involontaria)