Il sole pulsante di Medjugorje? Non è frode, né allucinazione collettiva

medjugorjeSe bisogna avere estrema prudenza quando si parla del fenomeno delle apparizioni di Medjugorje, su cui la Chiesa non si è ancora pronunciata ufficialmente (nonostante siano conclusi i lavori della commissione presieduta dal card. Ruini), ancora più cautela è necessaria sui presunti prodigi secondari che avverrebbero in quel piccolo paesino della Bosnia ed Erzegovina.

Parliamo, per la precisione, dell’effetto del “sole pulsante” o “miracolo del Sole”, durante il quale il sole cambierebbe repentinamente la sua dimensione, dilatandosi e contraendosi, avvicinandosi e allontanandosi. Un evento simile accadde anche a Fatima e venne testimoniato perfino dalla stampa laicista e anticlericale (come il quotidiano O Seculo), presente sul posto in quanto il giorno precedente la veggente Lucia aveva preannunciato un segno divino per il giorno successivo.

Diversi razionalisti e critici di Medjugorje, come il poco affidabile Marco Corvaglia, hanno velocemente liquidato il fenomeno sostenendo che si tratti di una frode ottenuta dalla ripetuta apertura e chiusura dell’otturatore della videocamera, tanto che lo stesso Corvaglia è riuscito vagamente a riprodurlo. Una conferma di ciò emergerebbe dall’analisi di alcuni video che il critico ha trovato sul web, nei quali sarebbe chiaro che ad osservare il fenomeno è soltanto colui che lo sta videoriprendendo, non invece le persone accanto. Questa è la prova regina utilizzata anche da tutti coloro che hanno inteso smentire tale fenomeno.

Se i razionalisti hanno senza dubbio ragione quando attribuiscono alla videocamera la comparsa di una macchia nera al centro del sole, non si può tuttavia dire lo stesso rispetto alla pulsazione. Infatti, Youtube è pieno di filmati amatoriali (non solo italiani), girati a Medjugorje, in cui oltre alle pulsazioni del sole vengono riprese anche le persone attorno che ammirano a loro volta il fenomeno anche ad occhi nudi, commentando estasiate (qui uno tra i tanti esempi). Non solo, si possono anche trovare testimonianzecon nome e cognome, di persone, inizialmente scettiche, che testimoniano ciò a cui hanno assistito.

La testimonianza più autorevole arriva però dalla trasmissione televisiva “La Storia siamo noi”: in una puntata andata in onda su Rai3 nel febbraio 2011 (più sotto il video), la giornalista Elisabetta Castana, inviata a Medjugorje, ha assistito al “miracolo del sole” in prima persona durante l’apparizione alla veggente Mirjana. Il fenomeno non è stato catturato dalla sua telecamera ma, riprendendo le persone attorno a lei, ha testimoniato: «Inaspettatamente accade qualcosa che distrae la moltitudine, il sole comincia a pulsare, si dilata e si contrae, un’esperienza incredibile. La mia telecamera non riesce a catturare ciò che vedo, ma non è una mia illusione, lo osserviamo tutti». Il fenomeno accade saltuariamente e non si è ripetuto all’arrivo di un fisico del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Valerio Rossi Albertini, chiamato dalla giornalista, il quale ha potuto soltanto escludere -in un diverso contesto temporale rispetto al fenomeno- la presenza di corpi estranei all’interno dell’immagine solare.

La “danza” del sole, quindi, non è certamente provocata dalle videocamere, amatoriali e non. Si tratta allora di un’allucinazione collettiva? Questa è una ipotesi soventemente avanzata seppur la letteratura scientifica abbia accertato l’accadimento di pochissimi casi, collegandoli oltretutto all’isteria, quindi ad un chiaro disturbo psicopatologico che affligge le varie persone vittime dell’allucinazione, cosa impossibile da sostenere per le miriadi di persone che hanno testimoniato i fatti accaduti a Medjugorje. Senza contare che, ad assistere al fenomeno, è stata anche la psicoterapeuta Fausta Marsicano, docente presso l’Università Europea di Roma, la quale ha affermato (più sotto il video): «Ho visto nel sole questo cerchio pulsante, mobile. Come psicoterapeuta mi sono chiesta se potesse essere un’esperienza di contagio emotivo o di suggestione collettiva, però devo dire che la percezione è stata sincronica, non c’è stata un’iniziale percezione da parte di qualcuno a cui poi gli altri si sono in qualche modo adeguati, quello che ho visto con i miei occhi è innegabile».

Cosa si può concludere? Non molto, certamente non è una prova che la “danza” del sole è una manifestazione divina e non prova la veridicità di quanto accade a Medjugorje. Altrettanto certamente, però, si può concludere che Marco Corvaglia è senza maschera: le sue obiezioni, anche per quanto riguarda la pulsazione del sole, sono insostenibili e facilmente smentite, così come lo sono quelle dei vari critici di Medjugorje. Il sole pulsante potrebbe essere un fenomeno naturale, ma bisognerebbe spiegare perché accade a Medjugorje, e non nei paesi confinanti, e perché in occasione di determinati eventi. Attualmente non esiste una adeguata spiegazione scientifica che faccia luce sul fenomeno, tenendo conto di tutti i fattori attraverso cui esso si manifesta.

 

Qui sotto il video sul presunto “miracolo del sole” (pubblicato anche sul nostro canale Youtube)

 
La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

149 commenti a Il sole pulsante di Medjugorje? Non è frode, né allucinazione collettiva