Il dossier in difesa di Francesco, colpito dalla “destra” e dalla “sinistra”

Francesco e BenedettoA due anni dall’elezione al soglio pontificio, pubblichiamo il promesso dossier su Papa Francesco, in particolare concentrandoci sulle critiche ricevute e sugli aspetti controversi che lo riguardano.

Come abbiamo scritto nell’introduzione del documento, per molti non ha senso un dossier di questo tipo: Francesco è apparentemente uno dei Pontefici più amati degli ultimi secoli. Eppure siamo convinti che egli sia invece uno dei più incompresi, sicuramente molto di più del suo predecessore.

Francesco è infatti bersagliato da ben “due fuochi”: quello progressista e quello tradizionalista. Mentre Papa Ratzinger era palesemente osteggiato soltanto dai media laicisti e dal mondo anticlericale, verso Francesco (dopo un primo tentativo di proseguire con lo stesso modus operandi, si ricordino le accuse di misoginia e connivenza con la dittatura argentina apparse subito dopo l’annuncio del suo nome) si è optato per una diversa strategia mediatica: onorarlo e incensarlo indipendente dal contenuto dei suoi pronunciamenti, manipolando ed enfatizzando ogni suo intervento definendolo “apertura” e “modificazione della dottrina” per tentare di porlo in contraddizione con i suoi predecessori e in opposizione alla Chiesa stessa (Francesco si, la Chiesa no). L’obiettivo dei progressisti è quello di confondere la comunità cattolica, renderla disarmata ed inefficace, mettendole contro addirittura il Pontefice.

Effettivamente è stata una strategia efficace dato che ha mandato completamente in tilt il conservatorismo tradizionalista: infastidito da questi onori verso Francesco da parte dell’opinione pubblica solitamente apertamente anticlericale, non ha criticato i media per la evidente manipolazione, ma si è convinto che davvero Francesco sia quello descritto da “Repubblica” e dai vaticanisti. Hanno abboccato al “tranello mediatico”, trovandosi spiazzati, sorpresi, spesso arrabbiati, arrivando a parlare addirittura di apostasia da parte del Papa. Un esempio classico è l’incredibile conversione all’antipapismo dello scrittore Antonio Socci, delle cui accuse ci stiamo occupando da qualche mese.

Un doppio fuoco, quindi, giustifica questo dossier. Creandolo abbiamo seguito il criterio suggerito da Francesco stesso: «Sempre ci sono timori, però perché non leggono le cose, o leggono una notizia in un giornale, un articolo […]. Io ho scritto un’enciclica a quattro mani, e un’esortazione apostolica, di continuo faccio dichiarazioni e omelie, e questo è magistero. Questo sta lì, è ciò che penso, non ciò che i media dicono che io pensi». Non c’è miglior modo di replicare alle numerose accuse contro il Papa che mostrare ciò che lui ha detto e scritto, contestualizzando i suoi interventi e suddividendoli per argomenti.

Un dossier da consultare aiutandosi con l’indice e seguire l’ordine di argomenti, per conoscere le vere parole e pensieri del Papa sulle singole tematiche. Lo stesso Socci, prima di rinnegare la fedeltà al Pontefice, difese Papa Francesco riconoscendo il suo essere ingiusta vittima di accuse da destra e da sinistra: «Alla forzatura di certi media che attribuiscono arbitrariamente a Francesco un profilo “sovversivo”, fanno da sponda certi fondamentalisti che alimentano all’interno della cristianità la stessa idea. Il disorientamento che si produce così non va sottovalutato». Ecco, non abbiamo voluto sottovalutare il fenomeno antipapista creando un documento che può dimostrarsi utile a chi davvero non vuol farsi condizionare dalla strumentalizzazione dei media progressisti e dal catastrofismo antipapista del tradizionalismo conservatore.

 

Clicca qui per consultare il dossier: “E’ Francesco! Risposta alle obiezioni antipapiste”

 

 

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

184 commenti a Il dossier in difesa di Francesco, colpito dalla “destra” e dalla “sinistra”

« nascondi i commenti

  1. gandalf il grigio ha detto

    GRAZIE!!!!!!!! UCCR
    COME AVETE FATTO, LASCIATEVI SEMPRE GUIDARE DAL SIGNORE!

    • Hugo ha detto in risposta a gandalf il grigio

      Anch’io ho trovato molto bello e utile il dossier, non ci sono difese a prescindere ma semplicemente riportare in ordine cronologico i pronunciamenti del Papa su ogni argomento “caldo”. Ho già letto cose molto interessanti che non sapevo, direi che con questo testo nessuno potrà più affibbiare al Papa pensieri non suoi…

    • Laura ha detto in risposta a gandalf il grigio

      Facendo un giro sul web ho notato che il dossier è stato condiviso sopratutto su moltissimi blog “tradizionalisti”, in linea generale ha ricevuto critiche sopratutto per la parte sul commissariamento dei Frati Francescani dell’Immacolata. La cosa più interessante che ho notato è che sono nate forti discussioni nei commenti dei lettori di questi blog, molti dei quali probabilmente hanno aperto gli occhi e hanno difeso questo dossier, sopratutto la buona volontà di chi ci ha lavorato. Già soltanto per questo credo che sia stato molto utile!

      • Hugo ha detto in risposta a Laura

        Ah ecco, questo spiega anche il sospettoso consenso (pollici verdi) per i commenti antibergogliani qui sotto. Io clicco qualche volta sui pollici verdi, mi sembra però ridicolo che ci siano persone adulte e mature che si organizzino per cliccare in massa sui pollici verdi, chissà con quali scopi poi…Per caso hai letto anche incitamento in questo senso?

        • Laura ha detto in risposta a Hugo

          No, ma c’è stato qualche invito abbastanza spinto a venire qui per commentare. Ovviamente loro pensano di farlo per combattere il modernismo bergogliano e la papolatria, che non ho ancora ben capito cosa siano.

        • Eli Vance ha detto in risposta a Hugo

          I pollici in su è possibile farseli anche da soli e per piu’ volte, quindi come indicatore non me ne fiderei troppo.

          • FREEZER75 ha detto in risposta a Eli Vance

            Esatto

            Direi che una decina a testa in 2-3 giorni

            • Dario* ha detto in risposta a FREEZER75

              Personalmente penso che circa un voto al minuto sia una media che uno possa tenere a patto di non aver niente di meglio da fare 😉

          • Panthom ha detto in risposta a Eli Vance

            Si infatti, come sappiamo sono le stesse due o tre persone che cambiano indirizzo IP e commentano con vari nomi sostenendosi a vicenda (vedere qui sotto Andi e elena), cambiando indirizzi IP si può cliccare ogni volta il pollice verde dieci volte nel giro di tre minuti. La vera domanda è: ma davvero pensano di stare occupando il loro tempo in modo intelligente?

    • Michele ha detto in risposta a gandalf il grigio

      Ma di quale signore parli????

      La verità ci renderà liberi!!!

  2. Fabrizio ha detto

    Devo dire che trovo la vostra linea di “difesa” particolarmente irrazionale e basata su una visione incompleta dei fatti (il che urta con il fatto che vi diciate razionali). Proprio oggi Magister – solo per fare un esempio – ha da un lato scritto correttamente la stessa cosa, che cioè ci sono un gran numero di discorsi di Francesco i cui contenuti sono perfettamente in linea con il Magistero. Pochi negano questo. Ma poi, ha aggiunto Magister, c’è un modo di agire, di scegliere e promuovere i collaboratori che è totalmente dissonante con i discorsi. Questo è un modo razionale e completo di riportare i fatti, cosa che voi non fate mai. Mi sembra che cadete nella fallacia logica del “cherry picking”.

    Quanto è accaduto al Sinodo, con l’evidente tentativo di manipolazione avvenuto sotto gli occhi di tutti, da parte di stretti collaboratori del Papa che sono stati confermati dopo i fatti, è emblematico. In poche parole, per quanto mi riguarda, trovo che Francesco non abbia un “agire concorde” con le proprie parole. Questo inevitabilmente mi porta a non fidarmi. Se volete dare una mano a fare ordine, non è elencando discorsi e documenti che risolvete il problema: dovete spiegare questa dissonanza tra discorsi ed azioni. Finora non ho letto né qui né altrove alcuna spiegazione convincente.

    PS Non sono un tradizionalista. I tradizionalisti hanno alcune ragioni, ma non hanno ragione, per parafrasare Ratzinger. Penso che Socci ha delle ragioni, ma non ha ragione. Sono però pochi quelli che sono “andati in tilt”. Messori non è certo un pericoloso tradizionalista, ma ha garbatamente fatto presente il problema nel suo pezzo dello scorso dicembre. Non potete far finta di niente e sostenere che i critici di Francesco sono solo gli estremisti. Non è razionale e non è corretto né dal punto di vista umano, né dal punto di vista cristiano.

    • Hugo ha detto in risposta a Fabrizio

      Un commento fuori luogo, oltretutto prendendo come esempio Magister che è il maestro dell’ambiguità. Accusare Francesco di nominare collaboratori contrari ai suoi discorsi significa proprio autoconfutarsi, dato che una tesi di Magister è che Francesco nomini solo persone in linea con la sua impostazione (come se Ratzinger avesse nominato Hans Kung come teologo del Vaticano!).

      Al Sinodo non è accaduto nulla, anche perché non è ancora concluso. Tu non hai letto i documenti dell’Assemblea straordinaria del Sinodo di Ottobre, altrimenti sapresti che non c’è nulla di controverso, anzi!

      Non ti vuoi fidare del Papa? Bene, significa non fidarsi del garante dell’unità e quindi non fidarti della Chiesa cattolica. Pensi di essere razionale? Allora devi essere coerente, trovi da solo i link per lo sbattezzo.

      • Fabrizio ha detto in risposta a Hugo

        Un commento illuminante, il tuo. In poche righe: fallacia contra personam (invece di rispondere nel merito, liquidi l’autore), cherry picking (non sei in grado di rispondere nello stesso modo nei confronti della mia citazione di Messori), straw man (mi metti in bocca di non aver letto i documenti del Sinodo, mentre me li sono letti tutti, insieme a decine di commenti di ogni orientamento), deduzione logica errata (auto-confutazione? io sto sostenendo che c’è incoerenza nel modo di fare di Francesco, per cui è ovvio che c’è una contraddizione).

        Il documento intermedio e quello stilato dopo la chiusura della sessione 2014 del Sinodo sono due episodi conclusi. Il secondo rivolta il primo come un calzino, il che è un fatto sconcertante perché dimostra che il primo non era una fedele bozza dei punti discussi dai Padri. Il documento intermedio è stato nei fatti sconfessato in diretta alla conferenza stampa in cui Erdo si è rifiutato di leggerlo, passandolo a Forte. I Padri Sinodali hanno dovuto protestare per avere un po’ di trasparenza durante la seconda settimana, cosa che altrimenti sarebbe stata negata. E mi mantengo solo su un numero limitato di fatti eclatanti, per focalizzare. Alla faccia di nessuna contraddizione.

        La tua conclusione poi è stupenda. Non solo dimostri una notevole superficialità sia su cosa sia il Primato Petrino, sull’infallibilità, sulla storia della Chiesa e degli innumerevoli esempi mediocri, con qualche punta pessima, dei Papi della storia. Ma mi indichi pure l’uscita: e dimmi un po’, secondo te è questo l’insegnamento di Francesco? E la misericordia? E la parrhesia? Se l’albero si giudica dai frutti…

        • minstrel ha detto in risposta a Fabrizio

          Si legga un pò di storia della Chiesa, in particolare le preparazioni ai Concili, A TUTTI i Concili, e si renderà conto che quel che lei solleva per il Sinodo è il minimo sindacale DA SEMPRE.
          Si affidi alla Chiesa vera e non ad una Chiesa fittizia, platonica.
          E’ questione di voler vincere facile.

        • Hugo ha detto in risposta a Fabrizio

          Fabrizio, il tuo commento non assumerà molto valore se ti sforzi di mostrarti competente in retorica. Questa non è una sfida da vincere a suon di fallace argomentative, meno intellettualismo e più umanità ti farebbero apprezzare anche il tuo Pontefice.

          Non hai letto i documenti del Sinodo straordinario (il Sinodo non c’è ancora stato!!), altrimenti sapresti che la prima era la bozza sulla quale i padri si sarebbero dovuti confrontare e il secondo è la relazione ufficiale del Sinodo straordinario. Non c’è molta differenza tra i due, a parte un paio di frasi e non c’è nessuna fantomatica sconfessione. Mi sembri troppo concentrato sul vincere la sfida retorica quanto completamente asservito dai media tradizionalisti/conservatori che hanno pubblicato i resoconti di quanto avvenuto.

          Se non ti fidi del Successore di Pietro, come hai scritto, evidentemente non ti fidi dello Spirito Santo e quindi di Dio. Sbattezzarsi è semplicemente un atto di coerenza, troppo facile fare gli antipapisti da salotto sperando di non dover rendere conto.

          • Dario* ha detto in risposta a Hugo

            Non entro nel merito di chi abbia ragione e chi torto, non mi sento abbastanza competente, vorrei solo chiederti di non continuare a fare pubblicità ad un’iniziativa ridicola, nata da poveri decerebrati, come lo sbattezzo. Tanto credo sappiamo benissimo che quella pantomima non ha alcun effetto sul battesimo ricevuto 😉

        • Betty ha detto in risposta a Fabrizio

          I finti cattolici come te sono i veri nemici della chiesa, più di tutti gli atei e miscredenti messi assieme.

        • Paolo Viti ha detto in risposta a Fabrizio

          Il problema non sono tanto questi cattolici, fortunatamente una minoranza assoluta, ma i siti e blog lefebriani che frequentano e da cui si informano, che li convincono di queste sciocchezze.

          • Fabrizio ha detto in risposta a Paolo Viti

            Paolo, per me Lefebvre è sempre stato un eretico. La FSSPX non mi è particolarmente simpatica neanche dopo la remissione delle scomuniche da parte di Benedetto. Il tuo commento dimostra solo che non sai cosa rispondere.

            • Lucio ha detto in risposta a Fabrizio

              Ma a chi vuoi darla a bere? Credi che qui siano tutti fessi? Vai quindi a far merenda con i tuoi amici lefreviani…

            • Paolo Viti ha detto in risposta a Fabrizio

              Forse lo sarà per te, non certo per i blog che frequenti e su cui ti informi. Scrivere certe cose sul Sinodo significa non sapere nulla del documento che è stato prodotto e aver creduto alle falsità dei blog filo-lefebriani.

    • gandalf il grigio ha detto in risposta a Fabrizio

      Ho letto l’articolo di Magister e l’ho trovato, in alcuni punti, spingersi al limite della palese contraddizione.
      “Perfettamente aderente alla tradizione quando parla di aborto, divorzio, omosessualità. Ma anche aperto a cambiamenti nella dottrina e nella prassi.” Francesco non ha MAI fatto nemmeno intendere di voler cambiare la dottrina( sarebbe, questo sì, apostasia), di conseguenza le possibili “aperture”,non so dove Magister le scorga. Come esempio della coerenza tra le parole e le azioni del papa voglio ricordare che è stato Francesco a SCOMUNICARE il movimento “Noi siamo chiesa” esistente dal 1996 e ben noto, già dai suoi primi anni di attività, per le posizioni fortemente contrarie alla dottrina cattolica; potremmo allora insinuare che San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI abbiano tacitamente acconsentito all’attività del suddetto movimento in quanto è mancata, durante il loro pontificato, una scomunica ufficiale? Non credo proprio. Adoperando il ragionamento di Magister potremmo forse anche accusare San Giovanni Paolo II di aver tacitamente approvato la dittatura cilena per aver stretto la mano ad Augusto Pinochet? Oltre a ciò sembra che Magister tenti di addossare a Francesco la responsabilità diretta delle singole azioni e dei singoli interventi dei membri della Chiesa. Mi torna alla mente il periodo che precedette la pubblicazione dell’ Humanae Vitae di Paolo VI: la commissione (formata da vescovi, cardinali e laici voluta dal papa) allora incaricata di studiare il problema della contraccezione e della materia attinente la pastorale familiare, pervenne a conclusioni(che potremmo definire discordanti dalla dottrina) che furono, poi, completamente ribaltate da Paolo VI nell’Humanae Vite. Dopo la pubblicazione dell’enciclica molti alti prelati si posero in , più o meno, aperto dissenso con i pronunciamenti del pontefice. Avrebbe forse dovuto estrometterli tutti dai loro incarichi?

      Se fosse davvero esistente questa discordanza tra la “teoria” e la “prassi” di Francesco, non farebbe riflettere il fatto che non abbia rimosso collaboratori come il card. Mueller dal suo incarico?

      Magister nonostante riconosca che i travisamenti siano generati dalla strumentalizzazione della stampa, sembra subito dopo dimenticarsene e riportare l’origine del problema al pontefice stesso.

      http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1351008

      • Fabrizio ha detto in risposta a gandalf il grigio

        @minstrel La Storia della Chiesa la conosco nei fondamentali. So della virulenza di certi Concili a partire dall’inizio della nostra storia e questo non mi preoccupa per niente. Questo però non vuol dire che il popolo se ne deve stare ad assistere in silenzio: ma non sono cinquant’anni che ci ripetiamo che lasciar tutto ai clerici è clericalismo e che i laici devono essere coinvolti? A proposito di storia, so anche dell’eresia ariana e delle incertezze che la maggior parte dei Pastori ebbero all’epoca. Nessuna violazione dell’infallibilità, ma la Chiesa “si svegliò e si ritrovò ariana” per un po’ di tempo, no? Con queste premesse, abbia pazienza, ma è la sua che è una “risposta facile”.

        @gandalf Non ho intenzione di discutere nel dettaglio su Magister, prima di tutto perché non pendo dalle labbra di nessuno scrittore, giornalista o storico. Ma certi punti sono interessanti. Magister, in questi due anni, ha puntualmente scritto anche di nomine conservatrici da parte di Francesco. Ce ne sono state. Il punto non è tanto che ci sia una perfetta strategia nel nominare ed epurare: io non penso affatto che Francesco sia un cripto-modernista. Io penso che non sia inquadrabile e che ci siano parecchie incoerenze di cui vorrei leggere una spiegazione. Per esempio, parla molto di collegialità, di ruolo delle Conferenze Episcopali, ma negli Stati Uniti mi sembra che siamo arrivati alla terza nomina episcopale (due di sicuro, dell’ultima non ho ancora letto commenti) imposta da parte sua senza consultazione con la locale conferenza dei vescovi. È nelle sue prerogative, magari ha pure fatto due nomine buone, ora non voglio discuterne, ma è un fatto che queste nomine sono tutto il contrario della collegialità da lui stesso propugnata: che collegialità è se non le consulta neanche per le nomine episcopali? Nel mentre Marx ha detto ufficialmente che le diocesi tedesche andranno per la propria strada, quali che siano gli esiti del Sinodo. Nessuna risposta ufficiale dalla Santa Sede (ho solo letto una risposta di un singolo cardinale tedesco, che ha parlato di “chiacchiere da bar”). È normale? Cosa intende Francesco per collegialità? Beninteso, non è che sia il punto che più mi rende perplesso: è solo un esempio della confusione, in questo caso non imputabile allo Scalfari di turno.

        Riguardo agli altri commenti sotto, è legittimo criticare anche una strategia del Papa (francamente ho qualche dubbio su cosa voglia dire “criticare i peccati del Papa”: ero rimasto al punto per cui nessuno di noi ha il diritto di ficcare il naso nel foro interno di altri, ma tralasciamo). Nessun dogma dice che le strategie comunicative e pastorali del Papa sono infallibili. Tra le strategie fallibili ci sono anche le omissioni. Per esempio. Francesco ha parlato di colonizzazioni ideologiche di stampo nazista. Bellissimo. A San Francisco Cordileone sta combattendo proprio per questa cosa, che le scuole cattoliche non si vengano colonizzate. È stato attaccato da progressisti e pseudo-cattolici, che non esitano a contrapporlo al Papa. È la strategia della manipolazione dei laicisti che qui è sovente denunciata, e ci intendiamo benissimo. Ora mi spiegate perché nessun organo ufficiale ha preso le difese del vescovo? Neanche un’omelia, magari indiretta, a Santa Marta? Tutto regolare? Il Papa non dovrebbe difendere i suoi vescovi che si battono per i valori della Chiesa? Negli USA non è certo sensato usare quelle sottili diplomazie che si usano in Cina. Eppure di omelie a Santa Marta dirette contro altri vescovi e cardinali ne abbiamo sentite parecchie. La gente pensa che Francesco parli chiaro, quindi se pensa male o bene di certe cose lo dice. Se sta in silenzio, questo silenzio viene strumentalizzato.

        • Hugo ha detto in risposta a Fabrizio

          Mi sembra abbastanza evidente anche in questo caso che si critica Francesco presupponendo che i media sappiano quello che succede in Vaticano e nella testa del Papa. Se non appare sui media allora non esiste…è una tesi che si evince dalla tua posizione. Oppure: quel che scrivono i media è tutto e integralmente vero.

          E’ troppo ingenua questa posizione, Fabrizio. Così come è ingenuo sapere cosa debba o non debba fare il Papa. Nessuno ti ha mai detto che siamo cattolici per seguire la Chiesa e il Successore di Pietro e non per essere seguiti da lui?

          • Fabrizio ha detto in risposta a Hugo

            Hugo, intanto continui con lo straw man: dove ho scritto che il Papa deve fare quello che dico io? Ho fatto delle domande su delle cose che trovo incoerenti. Attendo ancora delle risposte. Se poi il tuo riassunto essenziale della cattolicità è quello che hai scritto, e non trovo scritto “Dio” o “Gesù”, allora sei la migliore conferma che il Papa dice certe cose (Gesù è al centro di tutto) e proprio chi lo difende a spada tratta non capisce quello che dice.

            Secondo, Messori conclude proprio come hai detto: per questo trovo che il suo intervento è stato equilibrato. Non ha nessuna intenzione di minare l’autorevolezza petrina, cosa che invece Socci, purtroppo, fa. Riccardo ha dei punti ragionevoli, ma Messori, anche per via della sintesi, ha solo fatto degli esempi per sostenere il punto principale, che c’è molta confusione. Tutti i Papi sono stati criticati da “destra” o da “sinistra”, ma per via della loro strategia che era chiara e scontentava qualcuno. Qui il problema è la mancanza di chiarezza sulla strategia.

            Io ribadisco le mie domande qui sopra. Essere NEL mondo senza essere DEL mondo vuol dire anche reagire a certe situazioni concrete.

            • Hugo ha detto in risposta a Fabrizio

              La tua frase finale risponde alla tua retorica domanda iniziale: se il Papa non reagisce a certe situazioni concrete allora tradisce il Vangelo. Ecco che il Papa deve fare quello che dici tu (alla faccia della fallacia dello straw man che hai imparato su Wikipedia cinque minuti fa).

              Devi renderti conto che il Papa non deve giustificare con te i suoi comportamenti, tanto meno la sua “strategia”. O ti fidi oppure neghi la capacità dello Spirito Santo, con le conseguenze che ti ho già scritto.

              Le tue domande sono lecite ma dovresti risponderti da solo: non deve rendere conto a te. Io oltretutto capisco il suo pensiero e lo condivido completamente, dunque l’ambiguità e l’incomprensione è un problema solo di alcuni. Così come alcuni (anzi troppi) non capivano BXVI o GPII, scrittori affermati e teologi di primo piano.

              • Fabrizio ha detto in risposta a Hugo

                Hugo, le fallacie logiche le conosco sommariamente da quando ero ragazzino. Ma impostarla sul personale è infantile e atto di superbia, quindi non proseguo su questa strada. Do’ però per scontato che chi sta in una comunità che si definisce “razionale” le mastichi nella sostanza, perché sono uno strumento di ragionamento importante.

                Più sopra si parlava di storia della Chiesa e di eresia ariana. Vedi di dargli un’occhiata perché evidentemente non la conosci. Serve a capire che lo Spirito Santo agisce in modi molto complicati.

                Io le domande non le faccio al Papa: ma secondo te se avessi l’idea di fare le domande al Papa le verrei a scrivere qui? Le faccio a chiunque sappia rispondere. Certamente quelli che come te dicono di capire e condividere tutta la strategia del Papa dovrebbero essere in grado di rispondere senza troppi problemi. Com’è che qui tergiversiamo e non si arriva al sodo?

                Vediamo di rifocalizzare, per non perderci per strada. Cordileone sta agendo correttamente? I suoi critici hanno ragione a considerarlo nemico del Papa? Dalla Santa Sede sarebbe opportuno o no prendere posizione sulla questione?

                • simone ha detto in risposta a Fabrizio

                  possiamo discutere quando vuoi sulla nostra opinione di quello che fa la Curia americana, sempre ammesso che le info mediatiche siano complete e veritiere. La questione centrale è la fede tua nel successore di Pietro. Senza questa non c’è motivo di affrontare questioni secondarie, e non si basa su queste la fede nello Spirito.

                  • Fabrizio ha detto in risposta a simone

                    Piantatela di mettermi in bocca cose che no ho detto, perché sta diventando sgradevole. Non fidarsi della strategia di Bergoglio non equivale a non fidarsi del Papa. Un conto è Simone ed un conto è Pietro e non pensavo che in questa discussione sarebbe stato necessario ribadire certi fondamentali.

                    Il problema è che qui avete sostenuto una tesi e io vi sto chiedendo conto di uno dei suoi fondamenti mancanti. Non è una questione personale, né il mio sfizio di “dimostrare” che avete torto. Sarei ben contento di vedere una risposta perché il problema è anche di testimonianza: se uno in malafede mi viene a porre le domande che io vi ho posto, io non so rispondere. Evidentemente, a quest’ora della sera, concludo che non sapete rispondere neanche voi.

                    Ho decine di link, anche di UCCR, che gli potrei sbattere sul naso con le risposte sulla carta abbastanza chiare di Bergoglio, ma basta un “e allora perché non sostiene pubblicamente Cordileone?” a mettere in seria difficoltà. Grazie anche alla linea bergogliana per cui la dottrina è una cosa, ma la pastorale è un’altra. Certo, concetto abusato pure questo dagli Scalfari di turno, ma è così. Sapete benissimo che la maggior parte della gente non andrà a leggersi i dettagli dei discorsi papali, ma gli articoli sui giornali a proposito di un vescovo apparentemente isolato sì. E sono anche questioni che sono nell’agenda politica del nostro paese.

                    Questo dovrebbe costituire un problema per tutti noi, perché “andare nelle periferie” non è farsi paravento di un Papa, ripetendo astrattamente su un sito “andare nelle periferie”. È andarci veramente. E nelle periferie, che possono essere il posto di lavoro, il bar, la pizzeria con gli amici, queste domande vengono fuori.

                    Non trovo neanche corretto mettere in dubbio le info mediatiche, in questo caso che è stato coperto già in modo notevole: Cordileone ha dato parecchie interviste, l’ultima è stata appena ripresa da Il Timone e Tempi (non da Scalfari) e il vescovo ha esplicitamente detto che lui non cede di un millimetro, ma certamente si sente solo, anche se ha avuto molte testimonianze di solidarietà da fedeli, preti e colleghi vescovi. Ci sono gruppi di omosessualisti sedicenti cattolici che stanno “pregando” pubblicamente in strada perché il Papa rimuova Cordileone. Possibile che questo non vi crei un problema?

                    • simone ha detto in risposta a Fabrizio

                      il piano strategico di Bergoglio? E cosa sarebbe? Non è che ti confondi con il generale Badoglio?

                    • Hugo ha detto in risposta a Fabrizio

                      Perché lo chiami Bergoglio? Mi ricordi tanto Odifreddi quando chiamava Benedetto XVI il sig. Ratzinger.

                      Se ieri c’erano le interviste a Scalfari ad ossessionare gli antipapisti, oggi ci sono i fatti americani legati all’arcivescovo Cordileone. Perché il Papa non interviene? Perché il Papa non fa così e cosà? Perché non scrive questo, perché non telefona dicendo così oppure cosà.

                      E chi ti ha detto che Francesco non ha preferito inviare un sostegno privato a Cordileone? Perché non provi a togliere le tue idee sul cosa è giusto fare dal centro dell’universo e provare a pensare che in Vaticano hanno un pochino di esperienza in più per sapere come muoversi? Come quelli che accusavano Ratzinger per non aver scomunicato Don Gallo o Vito Mancuso o non essere pubblicamente intervenuto per difendere il card. Bertone dalle accuse che riceveva o per difendere il card. Bagnasco o il card. Ruini quando si opposero ai Dico e ai Pacs.

                      Parli di tesi, di dimostrazioni e domande che hai posto mentre io non vedo nulla se non una reazione isterica ad un dossier in difesa del Papa. “Difendete il Papa? Allora rispondete a questo”…è abbastanza infantile, non credi? La linea bergogliana sarebbe separare la dottrina dalla pastorale? Ma quando mai è stato detto? Insomma, siamo sempre alle solite: antipapismo di bassa lega perché il Papa non si comporta come vorresti tu.

                    • Fabrizio ha detto in risposta a Fabrizio

                      Lo chiamo Bergoglio perché si chiama Bergoglio. Poche righe più su l’ho chiamato Francesco perché si chiama Francesco. Il tuo modo di “ragionare” è patetico come quello dei farisei: non sei in grado di rispondere, perché evidentemente non hai capito molte cose, anche se ti vanti di aver capito tutto, e cerchi di screditare l’interlocutore. E sapessi quante bordate ho scritto contro Odifreddi.

                      Comunque, vedo che la risposta non l’avete. Non siete neanche stati in grado di rispondere francamente alla prima domanda, se Cordileone ha ragione o no, probabilmente perché non siete sicuri di quale posizione prenderà il Papa e guai mai che dobbiate consultare la vostra coscienza, esercizio troppo difficile. E siccome per voi il Cattolicesimo è copiare e incollare frasi fatte e seguire la segreteria di partito come dei trinariciuti qualsiasi, non voglia mai òa sorte che scriviate una cosa e dopodomani arrivi il contrordine. Alla faccia dei cristiani tiepidi… congelati come degli stocafissi.

                    • FREEZER75 ha detto in risposta a Fabrizio

                      “Questo dovrebbe costituire un problema per tutti noi”

                      Certo che se per te sono un “problema serio” certe parole del Pontefice….siamo messi male

                    • Paolo Viti ha detto in risposta a Fabrizio

                      Fabrizio, la tua posizione è completamente inconsistente come ti è già stato fatto notare. Non hai posto nessuna domanda, a parte il retorico argomento di Corleone che sarebbe il nuovo pallino degli antibergogliani, ora che hanno rinunciato all’argomento delle interviste di Scalfari.

                      Non sono qui a rispondere ai tuoi interrogatori su questioni che non c’entrano nulla con l’argomento (ovviamente chiunque è a sostegno del vescovo Corleone!), se vuoi rimanere su questo piano ti faccio notare che ti stai ossessionando per questa vicenda senza dire nulla sui poveri, argomento di cui invece il Papa parla tanto. Non hai nulla da dire? Quindi sei contro i poveri solo perché Francesco è a favore? Ecco, questo è il livello della tua argomentazione e ovviamente nessuno si abbasserà a darti una risposta.

                      A proposito di risposte, devi ancora rendere conto come puoi conciliare la tua sedicente fede cattolica con il tuo imprudente (e arrogante) antipapismo. Rispondi a te stesso e alla tua coscienza, qui continua pure la tua immatura guerra ideologica.

        • Hugo ha detto in risposta a Fabrizio

          Come ha scritto il tradizionalissimo Vittorio Messori: “Ma capo unico e vero della Chiesa è quel Cristo onnipotente e onnisciente che sa un po’ meglio di noi quale sia la scelta migliore, quanto al suo temporaneo rappresentante terreno”.
          http://www.corriere.it/cronache/14_dicembre_24/vittorio-messori-miei-ubbi-svolta-papa-francesco-bergoglio-6a824f1a-8b3d-11e4-9698-e98982c0cb34.shtml

    • Riccardo ha detto in risposta a Fabrizio

      A me invece quello di Messori era sembrato proprio l’intervento (pacato) di un cattolico andato un po’ in tilt, come avevo cercato di spiegare in questo commento: http://www.uccronline.it/2015/02/15/il-segretario-di-ratzinger-chi-dubita-di-papa-francesco-ha-poco-senso-della-chiesa/#comment-156627

      • andrea g ha detto in risposta a Riccardo

        Condivido, formalmente pacato ma sostanzialmente a livello
        delle soccinate.
        Spiace dover criticare delle parole di Messori, ma in questo
        caso è mi proprio inevitabile.

    • FREEZER75 ha detto in risposta a Fabrizio

      Semplicemente la maggior parte dei Fedeli non sente la necessità di criticare Francesco perchè NON ce n’è motivo

  3. user ha detto

    si potrebbe definire persecuzione se la marea di critiche non fosse dovuta in parte al fatto che oggi qualunque critica può rimbalzare ovunque e fare eco da ogni parte

  4. Discepolo ha detto

    Già il titolo “risposta alle obiezioni antipapiste” non è razionale affatto. Le obiezioni di molti cattolici, e non solo tradizionalisti, non sono antipapiste , non sono contro il Papa, inteso come figura , il Successore di Pietro, il Vicario di Cristo, contro QUALSIASI PAPA, contro l’istituzione del papato in se’, come furono quelle di Lutero e dei protestanti, ma sono critiche contro il modo di fare il papa di una persona umana ben precisa Jorge Bergoglio. La figura umana di Bergoglio può essere sottoposta a critiche come tutti. Non è al di sopra delle critiche e nel Credo non si recita affatto “CREDO IN BERGOLIUM”. Non capisco quindi come si possa dire razionalmente che chi critica Bergoglio debba andare a farsi sbattezzare! Come se chi criticava Bonifacio VIII e lo metteva all’Inferno, un certo Dante Alighieri, per questo non fosse cattolico!
    se a me non piace che un papa si affacci al balcone e invece di dire Sia lodato Gesù Cristo o “Vi Benedica Dio onnipotente” dica Buon Pranzo e buon appetito! Se a me non piace questo ho tutto il diritto di dirlo! E non ha senso isultarmi come “tradizionalista” o dire di andare a farmi sbattezzare!
    il vostro atteggiamento come ha colto bene Fabrizio non è afftto razionale! Sembra che per voi sia un peccato mortale
    qualsiasi critica di Bergoglio. Pietro non si critica ma Simone, l’essere umano che ha anche tradito Gesù , è o non è criticabile?
    E poi è troppo semplicistico dire: tutta colpa dei media che travisano volutamente le parole del papa.
    Chi ha detto “CHI SONO IO PER GIUDICARE”? Non se lo sono inventati i media, l’ha detto proprio Bergoglio. e questa frase è diventata lo SLOGAN con cui gruppi anticattolci si permettono di sbeffeggiare vescovi cattolici rei solo di
    predicare la dottrina di sempre. Lo sapeva Bergoglio che quando pronunciava quella frase dava agli anticattolici un ASSIST immenso , planetario, faceva un favore immenso a chi da sempre criticas e vuole distruggere la Chiesa cattolica? Se rispondete “non lo sapeva “allora è un idiota. se rispondete lo sapeva, allora è complice.

    • minstrel ha detto in risposta a Discepolo

      La figura umana di Bergoglio può essere sottoposta a critiche come tutti.

      Figurarsi. Al massimo le sue parole quando è dottore privato. Ma guardi che sono rarissime, pure le omelie in Santa Marta sono magistero sotto un certo punto di vista. E infatti non fanno problemi SE LETTE senza preconcetti nell’alveo del Magistero cattolico.

      Come se chi criticava Bonifacio VIII e lo metteva all’Inferno, un certo Dante Alighieri, per questo non fosse cattolico!

      Scusi, lo criticava per i peccati personali oppure perché stava portando la Chiesa verso l’eresia? Se è per i primi… beh, ben venga. Se è per i secondi è PALESE che sarebbe stato “protestante” nei confronti della Cattolica di Roma, no? E infatti…

      se a me non piace che un papa si affacci al balcone e invece di dire Sia lodato Gesù Cristo o “Vi Benedica Dio onnipotente” dica Buon Pranzo e buon appetito! Se a me non piace questo ho tutto il diritto di dirlo!

      Lo dica. Basta che si renda conto che poco prima della “buona serata” magari ha fatto pronunciare a mezzo mondo il Padre Nostro chiedendo a tutti di pregare per lui…

      il vostro atteggiamento come ha colto bene Fabrizio non è afftto razionale

      Definizione personale della parola “razionale”, ecco cosa manca.

      Pietro non si critica ma Simone, l’essere umano che ha anche tradito Gesù , è o non è criticabile?

      CERTO! Nei peccati si! “Simone, hai tradito tre volte Gesù… nun sè fà! Pentiti, nun farlo più e vattìnne”. Ma a me non sembra la stessa cosa del dire: “Simone, che sei Pietro, quando parli di fede e morale cattolica non ce capisci un Pazzo!”. Criticate pure Bergoglio se per caso notate dei peccati o difetti, figuratevi. Ma dirvi cristiani perché criticate Pietro quando parla di fede e morale con la scusa nominalistica che voi attaccate Simone e non chi rappresenta, a me pare triste. Ingegnoso eh! E triste.

      tutta colpa dei media che travisano volutamente le parole del papa.

      Non è vero. E’ anche colpa di chi li ascolta come oro colato perché sotto sotto gli danno ragione.

      Lo sapeva Bergoglio che quando pronunciava quella frase dava agli anticattolici un ASSIST immenso , planetario, faceva un favore immenso a chi da sempre criticas e vuole distruggere la Chiesa cattolica? Se rispondete “non lo sapeva “allora è un idiota. se rispondete lo sapeva, allora è complice.

      E invece semplicemente “se ne è fregato” perché sapeva che il cattolico è intelligente e sa leggere il Catechismo che nel frattempo non è cambiato?

    • lorenzo ha detto in risposta a Discepolo

      Sai dove sta scritto:
      “Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui.”

    • FREEZER75 ha detto in risposta a Discepolo

      Anche per te una buona camomilla e via….

  5. gandalf il grigio ha detto

    Il problema di fondo rimane uno: ci si rapporta alla Chiesa e ai suoi membri come si farebbe con un partito politico o con un governo. LA CHIESA è NEL MONDO MA NON è DEL MONDO. Personalmente credo che non riusciamo a comprendere fino in fondo Francesco perchè, per usare la parole del Vangelo, egli “non è lontano dal Regno di Dio” mentre la maggior parte di noi e ancora DEL MONDO e no si limita semplicemente ad esservi.

  6. Discepolo ha detto

    Invece il problema di fonso rimane uno: che questo papa (QUESTO PAPA; NON TUTTI I PApi) parla in maniera ambigua, in maniera che può essere interpretato, se sei un cattolico che sai bene il catechismo, in continuità con la Tradizione e col Magistero, se invece sei un analfabeta spirituale ( e oggi ce ne sono molti anche giovani che escono dai vari corsi di catechesi per la prima comunione senza sapere assolutamente nulla!) se sei uno che non ne sa molto, allora puoi interpretare le parole di papa Francesco a tua capoccia. la famosa frase CHI SONO IO PER GIUDICARE è stata interpretata da tanti, tantissimi: la Chiesa cattaolica è una struttura giudicante, retrograda contro i gay mentre papa Francesco è aperto, illuminato, caritatevole e non giudica i gay. Quindi tu , arcivescovo Cordileone che chiedi che nelle scuole cattoliche di San Francisco non venga insegnata la teoria gender sei un bigottone giudicante e cattivo, mentre il buon papa Francesco è con noi contro di te.
    Questo è il RISULTATO! Francesco sì, Chiesa no. francesco è buono, gli altri, la Chiesa tr4adizionale è cattiva.
    vi chiedo un risultato simile quale papa potrebbe augurarselo? Successo personale ma sconfessione totale della Chiesa? Quale papa se uno che ha un EGO ipertrofico: la CFHiesa sono IO potrebbe dire Bergoglio.
    Già il nuovo Giubileo è definito il GIubileo di Bergoglio. Cioè Cristo non è neppure più nominato.
    Ma possibile che a voi non faccia paura una simile papolatri? La trasformazione del papa in una ICONA POP?
    e possibile che a lui, a Bergoglio, non faccia paura una simile deriva? Evidentemente no, ci si trova a proprio agio.
    una sola volta ha detto gridate CRisto alla folla che gridava Francesco poi più. Evidentemente gli va bene che la folla, il popolo, lo adori, e che di cristo non se ne parli più.

    • Hugo ha detto in risposta a Discepolo

      E’ abbastanza evidente da questo commento la verità di quello che è scritto nel dossier, riporto quello che c’è scritto: quella dei media progressisti “è stata una strategia efficace dato che ha mandato in tilt il conservatorismo tradizionalista: infastidito da questi onori verso Francesco da parte dell’opinione pubblica solitamente apertamente anticlericale, non ha criticato i media della evidente manipolazione, ma si è convinto che davvero Francesco sia quello descritto da “Repubblica” e dai vaticanisti. Hanno abboccato al “tranello mediatico”, trovandosi spiazzati, sorpresi, spesso arrabbiati, arrivando a parlare addirittura di apostasia da parte del Papa”.

      Il commento Discepolo ha mostrato palesemente che il dossier ha perfettamente ragione.

    • Klaus ha detto in risposta a Discepolo

      Scusa, “non giudicate e non sarete giudicati” chi lo ha detto? un incoerente progressista o Nostro Signore (MT 7, 1)? Anche Lui ha dato un assist niente male. Ma a chi lo ha dato? a chi interpreta le frasi tendenziosamente, appunto come è accaduto per la frase del Papa. Contro chi è in mala fede c’è poco da discutere, si può solo pregare perché si ravveda. E’ del tutto evidente, per chiunq

    • lorenzo ha detto in risposta a Discepolo

      Chissà perché, ma i tuoi interventi mi fanno venire in mente quei contemporanei di Gesù che lo accusavano di essere un mangione ed un beone, amico dei pubblicani e dei peccatori.

    • Eli Vance ha detto in risposta a Discepolo

      Se la gente è ottusa e non vede la differenza fra peccato e peccatore e nell’ignoranza capisce ciò che gli fa comodo un problema c’è, ma da parte di chi? Ma sono onestamente stanco di insistere sempre sul solo scalcinato e logorato cavallino di battaglia da parte di chi non vuol sentire.
      Piu’ originale la parte sul Pop Star, i media lo trattano come tale, al che il Papa ha risposto in un’intervista recente al Corriere:
      “Mi piace stare tra la gente, insieme a chi soffre, andare nelle parrocchie. Non mi piacciono le interpretazioni ideologiche, una certa mitologia di papa Francesco. Quando si dice per esempio che esce di notte dal Vaticano per andare a dar da mangiare ai barboni in via Ottaviano. Non mi è mai venuto in mente. Sigmund Freud diceva, se non sbaglio, che in ogni idealizzazione c’è un’aggressione. Dipingere il Papa come una sorta di superman, una specie di star, mi pare offensivo. Il Papa è un uomo che ride, piange, dorme tranquillo e ha amici come tutti. Una persona normale».
      Dunque ci si trova ancora a proprio agio?

    • Francesco ha detto in risposta a Discepolo

      Ma quale interpretato. Le parole sono chiare se ascolti tutto il discorso che ha detto, ti vengono “ambigue” se ti metti a leggere ciò che scrivono.
      Vogliamo ricordarci delle stesse “ambiguità” dei preservativi in Africa?

  7. Klaus ha detto

    Scusa, “non giudicate e non sarete giudicati” chi lo ha detto? un incoerente progressista o Nostro Signore (MT 7, 1)? Anche Lui ha dato un assist niente male. Ma a chi lo ha dato? a chi interpreta le frasi tendenziosamente, appunto come è accaduto per la frase del Papa. E’ del tutto evidente, per chiunque sia in buona fede, che il senso delle parole del Papa, come di quelle di Gesù, non è “ognuno faccia quello che gli pare e nessuno si permetta di dire che un certo comportamento è sbagliato. Contro chi è in mala fede c’è poco da discutere, si può solo pregare perché si ravveda. Ma se si dovesse evitare di dire qualsiasi frase che possa essere interpretata scorrettamente in maniera tendenziosa, non resterebbe che tacere.
    PS: non ho capito perché, il precedente commento è rimasto troncato, mi scuso per la ripetizione.

  8. Alex ha detto

    Se insiste nel suo impegno, questo Papa porterà la Chiesa sulla strada dell’estinzione, spero che ritorni al più presto sulla retta via.

    • simone ha detto in risposta a Alex

      per adesso ha portato molta più gente ad avvicinarsi alla chiesa e alla confessione ne sono testimone oculare.

    • Paolo Viti ha detto in risposta a Alex

      Un pizzico di catastrofismo apocalittico lefebriano…quello non manca mai 😀
      Meno male che Alex, Socci e De Mattei sapranno indicare la retta via al Papa!

    • FREEZER75 ha detto in risposta a Alex

      Porterà invece il risultato opposto da te indicato, è già sulla retta via

  9. Andi ha detto

    Confessionale?
    Ma se sta facendo di tutto per annullare il sesto e il nono comandamento!

    Il sinodo e un attacco a Dio!
    Non c’è niente di misericordioso!
    O sei con Dio o sei contro!
    Non puoi seguire Dio senza i suoi comandamenti!!!

    Levitico 20-13
    Se uno ha rapporti con un uomo come con una donna, tutti e due hanno commesso un abominio; dovranno essere messi a morte: il loro sangue ricadrà su di loro.

    Vangelo secondo San Luca 16-18
    Chiunque ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio; chi sposa una donna ripudiata dal marito, commette adulterio.

    Vangelo secondo San Luca 11-23
    Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde.

    Bergoglio dovrebbe fare come il fedelissimo in Cristo, Cardinale Burke! Annunciare la verità in ogni circostanza!!

    C’è confusione!!!

    Dio a solo una voce e vale per sempre!!

    • lorenzo ha detto in risposta a Andi

      A quella vista il fariseo che l’aveva invitato pensò tra sé. «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi e che specie di donna è colei che lo tocca: è una peccatrice».
      Gesù allora gli disse: «Simone, ho una cosa da dirti». Ed egli: «Maestro, di’ pure».
      «Un creditore aveva due debitori: l’uno gli doveva cinquecento denari, l’altro cinquanta…

    • Milhòs ha detto in risposta a Andi

      Sottoscrivo in pieno!

    • Paolo Viti ha detto in risposta a Andi

      Sesto, nono…anche il quindicesimo dai!

      L’unico attacco a Dio che vedo è il verbo essere all’indicativo presente senza accento 😉

      Evviva il card. Burke, secondo cui le donne dovrebbero uscire dalla Chiesa per non femminilizzarla troppo!
      http://vaticaninsider.lastampa.it/documenti/dettaglio-articolo/articolo/burke-burke-burke-chierichette-altar-girls-monaguillos-38848/
      Lui si che è un fedelissimo di Cristo, mica il sig. Bergoglio!

      Papa Francesco sta provocando un immenso bene alla Chiesa, facendo venire a galla tutta questa sporcizia. Ora capiamo finalmente perché da anni tutti si dicono cattolici e le chiese rimangono vuote!

      • Gian ha detto in risposta a Paolo Viti

        Come “sporcizia nella Chiesa”? Non avevi sempre difeso l’idea che la Chiesa era l’istituzione più pulita e coerente che fosse mai esistita?

        • lorenzo ha detto in risposta a Gian

          Purtroppo nella Chiesa ci sono sempre stati i Giuda pronti a vendere il Cristo che non corrispondeva al Messia che avevano nella loro testa.

    • gladio ha detto in risposta a Andi

      Dì un po’ Andi, che citi quel passo del Levitico; non l’ hai ancora saputo che 2000 (duemila) anni fa in Palestina è nato un Signore che ha stabilito che certe cose non si debbono più fare?
      E che per aver detto questo ( e altro) è stato crocifisso?

      • gladio ha detto in risposta a gladio

        Per “cose che non si debbono più fare” intendevo mettere a morte l’ errante e scagliare maledizioni

  10. gandalf il grigio ha detto

    Matteo 12
    7 Se aveste compreso che cosa significa: Misericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa. 8 Perché il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

    Dopo 2000 anni non riusciamo ancora a capire nulla.

  11. gandalf il grigio ha detto

    Andi leggi con attenzione: http://regina-pacis.weebly.com/uploads/2/9/5/9/29596581/la.pdf

    Satana non è un sempliciotto; osava apparire a San Pio da Pietralcina sotto forma di crocifisso. Liberati
    Dalle sue menzogne

  12. Milhòs ha detto

    Una fonte ben informata, nella figura di una persona vicina un vescovo in visita al Mater Ecclesiae, riferisce di un Ratzinger molto contrariato con il comportamento di Papa Francesco, un Ratzinger che avrebbe addiurittura fatto intendere che ad aver previsto l’attuale situazione, forse la rinuncia al ministero petrino non sarebbe avvenuta in quei tempi e in quei modi. Che poi Francesco si sia fatto scappare che il suo pontificato non sarà lungo, significa che forse qualcosa già si sta muovendo. Meditate gente meditate…

  13. elena ha detto

    Andi, come si fa a non darti ragione?
    Grazie di cuore per i tuoi interventi buoni e giusti. Te ne siamo grati io e la mia mamma.
    Quei messaggi da Gesù Cristo, che tu nei vecchi post ci hai messo a disposizione li leggiamo tutto in un fiato.
    Benedetti messaggi..
    E bello leggere i tuoi commenti.
    Vai, e fa riflettere tutti!

    • Eli Vance ha detto in risposta a elena

      Messaggi estatici, che invitano a una religiosità avulsa dalla Chiesa terrena, e che trovano la loro forza nel fatto che immaginare Dio slegato dalla terra utilizzando quanto di bello potremmo attribuire a Dio, cioè egli pensato a nostra immagine e somiglianza. Non invece Dio che si rivela concretamente nella Chiesa, che la salva, la sostiene, educa e la sua potenza garantisce la sua sopravvivenza nella successione apostolica, invece ci si immagina Dio che cede al dominio del demonio sulla sua Chiesa. L’edonistica lettura “tutta d’un fiato”, sensazione reperibile in tanti altri testi che niente c’entrano, è tutto il contrario alla meditazione che anche solo una frase del Vangelo, nella sua crudezza e realismo, può provocare nella vita di una persona, basta vedere i santi. L’arrivo di Gesu’ sarà improvviso come egli stesso ha rivelato e nessuno conosce la data (Mt 24,26-27), non con messaggi anonimi diffusi via web e senza prodigi chiari.

      • gladio ha detto in risposta a Eli Vance

        Ho l’ impressione che la Elena sia il nostro Andi travestito, tu che dici 🙂

        • Eli Vance ha detto in risposta a gladio

          Può essere, tecnica dell'”auto-supporter”, non possiamo comunque escludere che anche qualcun’altro sia caduto nella rete dei pseudo-messaggi. Sia questa variante del millenarismo che le manipolazioni dei media hanno lo stesso identico obiettivo di fondo: disperdere il gregge.

    • gladio ha detto in risposta a elena

      Ma basta con ‘ ste fesserie , in nome di Dio!!!, basta sparare sul Papa!

      Mi pare che del male e della confusione di questi tempi ce ne sia gia abbastanza !!!

    • gandalf il grigio ha detto in risposta a elena

      Elena, ti prego, non ABBOCCATE alle esche del Maligno.
      : http://regina-pacis.weebly.com/uploads/2/9/5/9/29596581/la.pdf

  14. Gian ha detto

    Quanto amore fraterno tra i cristiani…

    • gladio ha detto in risposta a Gian

      Buon per te , caro Gian, che conosci o frequenti comunità umane dove tutto è solo e sempre perfetto e dove tutto fila sempre e solo liscio, buon per te…

  15. gladio ha detto

    @ tutti gli zelanti detrattori del Santo Padre che stanno imperversando su questo sito

    Egregi signori:

    Purtroppo le mie competenze in materia non mi permettono di affrontare una discussione approfodita su determinati temi.
    Conosco poco o nulla di documenti Sinodali, Concili, beghe fra cardinali, correnti di pensiero, cherry picking
    ( una volta si usava il ” latinorum” per imbrogliar le carte)e quant’ altro.

    Una cosa però so con assoluta certezza; e cioè che il Pontefice è il Vicario di Cristo, ripeto: Vicario di Cristo,e già questo dovrebbe essere sufficiente a consigliare tanti pataccari a tenere la lingua ben stretta fra i denti e le mani lontane dalla tastiera.
    Inoltre faccio rilevare che è dovere di ogni cattolico seguire e sostenere il Papa sia con l’ incoraggiamento sia con le preghiere, non certo affettandogli i panni che porta indosso, come da qualche tempo amano fare alcuni sedicenti paladini del Cattolicesimo.

    In conclusione: il Papa dice e fa qualcosa che non ci piace? Eh!… sono cose che succedono cari figlioli,il nostro dovere in ogni caso è sempre quello di sorreggerlo e di stargli vicino,sia pure ” obtorto collo”.
    Se no non si capirebbe cosa abbia parlato a fare Nostro Signore quando ha consegnato le chiavi del suo “regno” a Simon Pietro ” Tu es Petrus…” ( altra cosa su cui riflettere eh? signori pataccari).

    In caso contrario, se uno vuole proprio seguire la politica del ” Non ci sto” (per dirla come Oscar Luigi Scalfaro)ha solo da togliersi una buona volta dagli zebedei e fondare una propria Chiesa con Socci Papa, Magister camerlengo, e la Maria Misericordia ( ci mancava pure questa squinternata) a far da governante.

    P.S: Quanto al cherry picking potete anche infilarvelo dove intendo io…
    Il cherry picking… Ma per favore!!!

    • lorenzo ha detto in risposta a gladio

      Bisognerebbe dire grazie a “tutti gli zelanti detrattori del Santo Padre” perché credo sia anche grazie alle loro “punzecchiature” se ha visto la luce il dossier:
      http://www.uccronline.it/2015/03/17/e-francesco-risposta-alle-obiezioni-antipapiste/
      Le righe storte non fanno altro che esaltare la scrittura diritta di Dio…

    • lory ha detto in risposta a gladio

      Grazie gladio, una bella testimonianza di fede autentica e umile. Si nota subito la differenza con l’arroganza dei farisei, quattro gatti con il ghigno sul viso in guerra contro il mondo e contro il sig. Bergoglio in nome della loro fede fai da te.

      • Licurgo ha detto in risposta a lory

        Io non sono cristiano e cattolico, non ho proprio avuto il battesimo nè un’educazione cristiana per motivi familiari e successivamente per mie scelte: ma (per quel che so di teologia dogmatica cattolica, cioè molto poco e dunque posso sbagliare facilmente) se si pensa che -al di là del giudizio umano su Bergoglio che però alla fine dovrebbe spettare a Dio- anche una sola volta, cioè questa, l’elezione di un Papa -e dunque la sua missione storicamente presente- non sia sotto la guida dello Spirito Santo, tale ragionamento -per me contrario al cattolicesimo anche per un solo caso- si potrebbe estendere a tutta la Storia, passata e futura, della Chiesa, con il risultato di invalidare un fondamento della versione cattolica del cristianesimo.
        Dunque non so quanto chi sostenga queste tesi possa essere considerato cattolico, e qui taccio e chiedo a persone più versate di me sulla dogmatica.

        • gladio ha detto in risposta a Licurgo

          Caro Licurgo, hai perfettamente ragione, il dovere di fedeltà al Papa, chiunque esso sia, è uno dei cardini su cui poggia il cattolicesimo.

          Il catechismo della Chiesa cattolica al riguardo è molto chiaro:

          Art.880 : Cristo, istituì i Dodici “sotto la forma di un collegio o di un gruppo stabile, del quale mise a capo Pietro, scelto di mezzo a loro” [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 19]…

          Art.881: A lui ne ha affidato le chiavi; [Cf Mt 16,18-19 ] l’ha costituito pastore di tutto il gregge [Cf Gv 21,15-17 Del solo Simone, al quale diede il nome di Pietro, il Signore ha fatto la pietra della sua Chiesa.]. “Ma l’incarico di legare e di sciogliere, che è stato dato a Pietro, risulta essere stato pure concesso al collegio degli Apostoli, unito col suo capo” [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 22]. Questo ufficio pastorale di Pietro e degli altri Apostoli costituisce uno dei fondamenti della Chiesa; è continuato dai vescovi sotto il primato del Papa.

          Art.882: Il Papa, vescovo di Roma e successore di san Pietro, ” è il perpetuo e visibile principio e fondamento dell’unità sia dei vescovi sia della moltitudine dei fedeli” [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 22]. “Infatti il romano Pontefice, in virtù del suo ufficio di vicario di Cristo e di pastore di tutta la Chiesa, ha sulla Chiesa la potestà piena, suprema e universale, che può sempre esercitare liberamente” [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 22].

          Art 883: “Il collegio o corpo episcopale non ha. . . autorità, se non lo si concepisce insieme con il romano Pontefice. . ., quale suo capo”. Come tale, questo collegio “è pure soggetto di suprema e piena potestà su tutta la Chiesa: potestà che non può essere esercitata se non con il consenso del romano Pontefice” [Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium, 22; cf Codice di Diritto Canonico, 336].

          Notare:La piena potestà di cui è investito il ” corpo episcopale” non può essere esercitata senza il consenso del romano Pontefice ; più chiaro di così…

          Mi pare che ci sia materiale sufficiente su cui meditare prima di avventurarsi a divulgare castronerie.

        • Paolo Viti ha detto in risposta a Licurgo

          Si, hai ragione. Per questo gli ambienti trazionalisti sono considerati dai cattolici una sorta di aree di cattolicesimo protestante, di cui i lefebriani sono quelli che si sono spinti oltre il confine. Sono stati ai margini nei pontificati precedenti, limitandosi a non riconoscere il Concilio Vaticano II e concentrando i loro sforzi su altre loro piccole priorità (la messa in latino, la comunione in bocca, certi tipi di paramenti sacri, la guerra a tutto ciò che ritengono modernista ecc.). Francesco ha preso nettamente una posizione su questo modo di vivere la fede, chiedendo di uscire dal castello di vetro e dai propri piccoli interessi liturgici e rientrare nella realtà, nel mondo attuale. Se già si sentivano fuori luogo, con Francesco sono stati messi di fronte ad una scelta: o l’orgoglio tradizionalista o l’obbedienza alla Chiesa. Molti hanno scelto la prima strada.

          Lo stesso Antonio Socci ha affermato (prima di perdere lucidità) che chi critica in questo modo Francesco, non può dirsi cattolico: “Questi sedicenti ratzingeriani dimenticano che papa Benedetto ha proclamato fin dall’inizio la sua affettuosa sequela al nuovo papa e ha ricordato a tutti – alla vigilia del Conclave – il fondamento del cattolicesimo: “Mi sostiene e mi illumina la certezza che la Chiesa è di Cristo, il Quale non le farà mai mancare la sua guida e la sua cura”. Se non si crede questo, come ci si può dire cattolici?”: http://www.antoniosocci.com/francesco-e-quel-colloquio-con-scalfari/

        • Lucio ha detto in risposta a Licurgo

          L’hai spiegato molto male, si nota che non sei cristiano.

          • Licurgo ha detto in risposta a Lucio

            Beh, dai, Lucio…poi altri hanno integrato meglio e con riferimenti particolareggiati. In ogni caso ho proovato a dare il mio contributo!

    • discepolo ha detto in risposta a gladio

      Che bella Gladio la vostra Chiesa della misericordia, molto coerente: a chi non è daccordo con voi dite semplicemente di togliersi dagli zebedei. molto molto “apert” mooolto dialoganti, moolto umili…
      Una buona inbiancatura ai sepolcri …

      • Norberto ha detto in risposta a discepolo

        Stai sbagliando critica, il concetto ben espresso da Gladio è un altro: chi smette di seguire il Pontefice perché convinto che si stia sbagliando, smette di fidarsi dello Spirito Santo che guida la sua Chiesa (come ha ricordato Messori). La provocazione a riflettere sulla propria fede è inevitabile, peccato che tu la prenda in senso letterale.

  16. discepolo ha detto

    Quello che non capite e non volete capire è che i critici di Bergoglio non sono tutti dei pazzi o dei cattivoni ,i vari Messori e Magister sono persone molto musurate, e non sono critici del PAPATO come istituzione, non sono
    contro la figura del papa come Vicario di cristo e possessore delle CHIAVI: . Ma non c’è nessun obbligo per un cattolico di credere come se fossero dogmi ad ogni parola che pronuncia Bergolio. Il Papa è infallibile solo quando parla ex-cathedra e insieme al collegio dei vescovi di cui è sì capo, ma non ANTAGONISTA. Le parole a braccio e in libertà che un papa può pronunciare così, senza quasi pensarci, su un aereo,ridendo e scherzando , tipo dare un pugno a chi gli offende la madre e altre amenità simili, NON SONO MAGISTERO, NON SONO INFALLIBIL e io cattolico posso benissimo criticarle..
    Non potete pretendere che io me ne vada dalla Chiesa cattolica solo perchè non approvo certe espressioni dette a braccio di bergoglio! Col vostro atteggiamento non vi rendete conto che presto provocherete un SCISMA!
    Se volete subordinare l’apparteneza alla Chiesa all’approvazione cieca e incodizionata di ogni parola in libertà che purtroppo questo papa pronuncia a valanga ( alcune delle vere e proprie eresie) provocherete un disastro per tutta la Chiesa e le fede cattolica. La fede cattolica crede nel Papa come vicario di Cristo, voi ne avete fatto una SUPERSTAR MEDIATICA di cui i cattolici dovrebbero acriticamente bere ogni parola come fosse vangelo! Questo non è mai stato, e non è assolutamente cattolico, è semplice papolatria o bergogliolatria.
    noi non abbiamo fatto il voto come i gesuiti di “perinde ac cadaver”.

    • Paolo Viti ha detto in risposta a discepolo

      Innanzitutto dobbiamo dire che chi si oppone a Francesco è in maggior parte l’ambiente protestante del tradizionalismo cattolico, persone sopratutto anziane intrappolate nella nostalgia dei bei tempi che furono e chiusi nel loro castello di vetro con le loro liturgie in latino e nel rito antico, dove sputano sul mondo e sul modernismo con il ghigno fisso sulla bocca.

      Poi ci sono anche giornalisti e scrittori vicini a questi ambienti che molto più moderatamente espongono le loro critiche, non si sa a quale scopo. Messori infatti ha invitato a tenersi per sé le obiezioni e i maldipancia, purtroppo Socci e Magister non hanno compreso il fenomeno grave che stanno producendo e proseguono la loro militanza, forse anche perché si sentono sempre più isolati dal resto dei cattolici e dei loro colleghi. E’ una forma di reazionismo ad oltranza che si assume quando si ha perso lucidità.

      La questione è infatti l’opportunità di queste critiche, oltretutto prive di fondamento (come la questione del pugno ecc.). Non capire questo, come Messori ha invece scritto, significa crogiolarsi nel darsi l’autorità di criticare il proprio Pontefice diventando complici di chi vuole protestantizzare il cattolicesimo. Basterebbe essere umili e disporsi in un atteggiamento di accoglienza, tesi ad imparare dal Papa e non a voler insegnare a lui quello che deve o non deve dire.

      Ti ricordo infine che il Concilio Vaticano II ha affermato che l’obbedienza al Papa va prestata anche quando non parla “ex cathdera”, ma “con sincerità si aderisca alle sue affermazioni in conformità al pensiero e in conformità alla volontà di lui manifestatasi che si possono dedurre in particolare dal carattere dei documenti, o dall’insistenza nel proporre una certa dottrina, o dalla maniera di esprimersi”. http://www.vatican.va/archive/hist_councils/ii_vatican_council/documents/vat-ii_const_19641121_lumen-gentium_it.html

      Inutile ricordare che quelli che combattono Francesco sono gli stessi che combattono il Concilio Vaticano II e che non riconoscono queste direttive.

    • Riccardo ha detto in risposta a discepolo

      Sei sicuro che questo papa abbia detto vere e proprie eresie?

      Tieni presente che le accuse di eresia sono state rivolte anche a Giovanni Paolo II ( http://holywar.org/101eres.htm ) e a Benedetto XVII ( http://www.zaccariaelisabetta.it/eresie%20ratzinger.htm ).

  17. Daniele# ha detto

    Mi inserisco solo con un flash:
    mi piacerebbe se si dedicasse un post, con discussione apposita, al tema del sacerdozio dei viri probati, non solo relativamente a questo papa ma come tema in sé. Perché penso che l’argomento vada sviluppato (se mi son perso qualche precedente al riguardo, qualcuno intanto può linkarmelo?)
    Il punto è che secondo me:
    mettere sullo stesso piano, sotto l’unico argomento “abolizione del celibato dei sacerdoti”, cioé la questione del matrimonio di chi è sacerdote, magari giovane, con quella dei viri probati (uomini anziani sposati da decenni con solida famiglia ed esperienza indiscussa di fede e partecipazione alla vita comunitaria), significa fondere due argomenti completamente diversi, direi praticamente opposti. Nel primo caso la mia opinione è negativa, nel secondo è positiva non ci vedo nulla di “progressista” o di “rivoluzionario”.
    Mi piacerebbe molto affrontare con voi l’argomento, che però qui magari è solo uno dei punti marginali.

  18. giovanni ha detto

    E’ la totale mancanza di rispetto nei confronti di Francesco che inficia in radice tutte le critiche degli strepitatori neoapocalittici che si stracciano le vesti.
    Uno può non essere d’accordo o rimanere perplesso davanti certi atteggiamenti o parole pronunciate dal Papa, ma est modus in rebus. Non vedo carità, non vedo prudenza, né amore verso la Chiesa in chi grida allo scandalo, prospetta scismi, si fa beffe dell’operato dello Spirito Santo e legge la storia e gli avvenimenti con gli occhi del mondo.

    Messori e tanti altri hanno espresso le proprie legittime perplessità su certe “uscite” di Papa Francesco, ma l’hanno fatto con la delicatezza di chi vede un genitore sbagliare ma non lo condanna, né si mette a pestare i piedi perché non fa come vorrebbe lui; continua ad amarlo, pur non capendo fino in fondo il suo operato.

    Nelle urla degli esagitati “antibergogliani” (notare che anche il fatto di continuare a chiamarlo “Bergoglio” anziché Francesco è indice di rancore o comunque di non riconoscimento della sua autorità) non vedo carità.

    E dove non vedo carità, non vedo l’opera di Cristo, ma quella più subdola del diavolo.

    Tanto mi basta.

    • Paolo Viti ha detto in risposta a giovanni

      Sono molto d’accordo giovanni, ho scritto qualcosa di simile poco sopra. Anch’io sono convinto che il punto centrale non è la legittimità di sentirsi spiazzati davanti ad alcuni pronunciamenti, ben venga essere punzecchiati dalla realtà e confrontarsi anche criticamente con le posizioni della Chiesa.

      Il punto centrale è proprio la completa mancanza di prudenza di queste piccole battaglie antipapiste, e come dici tu la totale mancanza di amore per la Chiesa ma soltanto amore per la propria immagine della Chiesa che si ha in testa.

      Per questo dico che è una violenta protestantizzazione della fede cattolica proprio in coloro che sono sempre con il dito puntato verso i “cattolici modernisti” che si “aprono al mondo”. Opera di Satana? Ho cominciato a sospettarlo quando ho notato i toni utilizzati e sopratutto l’ideologica costanza delle critiche degli “antibergogliani”: è una ossessione per loro, indipendentemente dai tentativi di confronto che si offrono ritornano sempre a obiettare le stesse identiche cose. Questo mi ha fatto sospettare molto.

  19. danieles ha detto

    Ho cercato di leggere con attenzione le ennesime critiche superficiali ed irrispettose che poche persone ( per fortuna) si permettono di fare nei confronti del S. Padre: tanti hanno già risposto in modo opportuno rispetto agli sproloqui, forzature, cose totalmente inventate nei confronti di Francesco. Mi sono chiesto i motivi che portano queste persone a sentirsi in diritto di conoscere con grande sicurezza piu di un Vescovo di quasi 80 anni, il modo di dirigere la Chiesa, di essere Pastore, di conoscere la dottrina, di comportarsi da Pontefice. Come sia possibile che queste persone non offrano consigli e preghiere per il S. Padre, ma sentenze, condanne, derisione ed a volte offese. Sinceramente non sono riuscito a darmi risposte, se non in una superbia, superficalità, a volte ignoranza basata su giudizi affrettati e pre costituiti. Forse è anche il modo di operare di Francesco, che ha aperto finalmente un dibattito nella Chiesa, “desacralizzando” finalmente il ruolo del Pontefice, aprendo finalmente realmente al potere del Sinodo, che ha portato queste persone a trattare il S. Padre come uno qualunque senza alcun tipo di rispetto; ma ciò non giustifica le offese, la critica pretestuosa ed il pressapochismo che da troppo tempo una minoranza di Cristiani va portando avanti nei confronti del successore di Pietro.

  20. FREEZER75 ha detto

    Un suggerimento per: Andi, Milhos, Gian, Elena, Fabrizio e Discepolo

    Avete sbagliato Blog, dovete recarvi dal vostro padre spirituale A. Socci

    • Norberto ha detto in risposta a FREEZER75

      Scommetto che a loro non li banna, come invece fa con tutti coloro che non sono d’accordo con lui. Avete notato che sulla sua pagina Fb ci sono soltanto commenti a favore??

      • FREEZER75 ha detto in risposta a Norberto

        Cosi è Norberto

        Non c’è affatto libertà di espressione sul sito di Socci

      • Maurizio ha detto in risposta a Norberto

        Perchè Uccr forse non censura i commenti che ritiene sconvenienti? Tu sei l’asino che diede del cornuto al bue…

        • Hugo ha detto in risposta a Maurizio

          Come mai allora questo commento a loro sconveniente non viene censurato? Mi sembra che questo thread contenga diversi commenti contro l’articolo…come mai sono visibili? Come mai sulla pagina FB di Socci, invece, ci sono solo commenti estasiati verso la sua luminosa figura antipapista?

  21. gandalf il grigio ha detto

    STIAMO FORNENDO UN ASSIST FORMIDABILE AL DIAVOLO (colui che divide), contrapponendoci gli uni agli altri. Gesù ha chiarito fin da subito che, nel mondo, ci avrebbero riconosciuti quali suoi discepoli se ci fossimo amati gli uni gli altri come Egli ci ha amati.
    é necessario smettere di guardare la Chiesa e i suoi figli con gli occhi che ci fornisce il mondo. Usiamo gli occhi che ci fornisce il Vangelo. Per quanto mi riguarda non riesco a trovare nessun elemento che dimostri il discostarsi di Francesco dal Vangelo, vedo nella vita quotidiana di molte persone i buonissimi frutti generati da questo pontificato. Questo mi permette di seguirlo, quale vicario di Cristo, senza alcun problema. Per tutti coloro che diffidano dell’operato del pontefice e vivono di timori e angosce circa il destino della Chiesa, non posso fare altro che rattristarmi e pregare che tornino, al più presto, a sperimentare la Gioia dell essere cristiani.

    INVITO, CHI NE è VITTIMA, A NON DARE CREDITO AI FANTOMATICI MESSAGGI DI TUTTI COLORO CHE AFFERMANO DI AVERE ESPERIENZE MISTICHE.
    LIMITIAMOCI A FIDARCI SOLO DI QUELLE RICONOSCIUTE DALLA CHIESA.

  22. Axel ha detto

    Grazie UCCR, a voi e, soprattutto, ai vostri mirabolanti commentatori. Siete un’ottima pubblicità anti 8×1000 e obolo di S. Pietro.
    Da quest’anno, dopo due anni di stop, il mio contributo andrà ai valdesi. Grazie ancora per avermi aiutata, senza volere,
    a fare chiarezza. Che liberazione, che luce, finalmente. Così Bergoglio avrebbe desacralizzato il papato? Peccato abbia fatto esattamente l’opposto, immergendolo in un delirante culto della personalità. Bye, bye, fanatici pro/vs Bergoglio, non c’è alcune differenza fra di voi, continuate pure a menarvi l’un l’altro.
    P.s.: giù le zampacce da Ratzinger, di cui non siete in grado di capire il gesto, che con la sua rinuncia ha dimostrato che è possibile liberarsi dai compromessi del potere, che con la scelta di seguire la propria coscienza ha rifiutato di brindare a se stesso e a un malinteso senso del ruolo.

    • Lucio ha detto in risposta a Axel

      Vai pure con i valdesi, gli evangelici, gli harehare o con la setta dei fringuelli morti cara Axel, ti persone come te ne facciamo volentireri a meno.

    • Norberto ha detto in risposta a Axel

      Come volevasi dimostrare: i nemici di Francesco sono filo-protestanti 😉

    • danieles ha detto in risposta a Axel

      A parte che ti auguro di trovarti bene con i Valdesi. Anche nel tuo commento emergono i motivi per i quali si cerca di difendere il S. Padre dagli attacchi di una piccola minoranza. Scrivere ” ha immerso il Papato in un delirante culto della personalità”, vuol dire che o non sai capire i termini che utilizzi nei confronti del Papa ( o di qualunque persona) tipo “delirio” o volutamente lo offendi. Per non parlare di altri commenti dove si descrive il Pontefice come eretico, dittatore, inviato da Satana ecc… Davvero prima di scrivere e fare commenti da tifoso ( fanatici pro Bergoglio….) cerca di respirare e provare a portare un pò di rispetto.

  23. danieles ha detto

    Sinceramente nn mi preoccupo di nulla, sono solo dispiaciuto che un uomo straordinario come Francesco ( come lo erano i suoi predecessori) debba essere cosi mancato di rispetto e offeso. La critica costruttiva è giusta, le offese e le cose inventate no. Poi su questa storiella che il Papa sia tenero con il mondo,mi sembra davvero del tutto inventata: ricordo i suoi interventi a difesa della vita,a difesa degli ultimi rispetto a un modello economico errato,contro le mafie,la corruzione ecc..: il modo di comunicare è diverso ed il modo di accogliere è diverso. Ma davvero spesso descrivete un mondo che non esiste, e non capisco se la fate apposta o ci crediate davvero.

  24. Highlands ha detto

    Ammettiamolo, il Papa argentino è entrato dalla porta di servizio e dalla porta di servizio presto se ne andrà.

    • FREEZER75 ha detto in risposta a Highlands

      Beh paraganota all’uscita di scena del suo predecessore che si è dimesso …..sarà sicuramente migliore

      • Dario* ha detto in risposta a FREEZER75

        Non scadiamo ad abbassare il nostro raziocinio a quello di certa gente Freezer75, non c’è nulla da recriminare contro Benedetto XI che è stato un ottimo papa e non c’è nulla di ignominioso nelle sue dimissioni. Lascia che Highlands continui pure a ragliare alla luna se gli fa piacere e non dargli corda 😉

  25. Andi ha detto

    Dove sono finiti i miei post?

    • gladio ha detto in risposta a Andi

      Probabilmente in quel posto dove a “fine operazione” si tira l’ acqua

    • Giovanni Pedroni ha detto in risposta a Andi

      Anch’io ieri ho postato un commento che con moltissima educazione esponeva una tesi che evidentemente non è piaciuta agli “allineati a tutti i costi” dell’Uccr. Caro Andi, devi capire che costoro sono i soldatini mansueti e di scarsa cultura che faranno qualsiasi cosa gli si dica e se un giorno Vendola si autoproclamasse Papa lo seguirebbero come pecorelle belanti perchè diranno che lui… è il Papa! Meglio quindi lasciarli nel loro brodo e che cancellino pure tutti i commenti che vogliono, tanto sappiamo che arriverà il giorno cui dovranno render conto delle loro azioni.

      • FREEZER75 ha detto in risposta a Giovanni Pedroni

        “tanto sappiamo che arriverà il giorno cui dovranno render conto delle loro azioni.”

        Si, ma a nessuno di voi

        Andate in …… pace

      • gladio ha detto in risposta a Giovanni Pedroni

        Opperbacco Pedroni! Non sapevo che Uccr fosse un sito Vendoliano e quindi, di conseguenza, un sostenitore e divulgatore dell’ ideologia di gender! Non me ne ero mai accorto e così , credo, anche la maggior parte dei suoi frequentatori ; mah, sarà a causa della nostra scarsa cultura…

        Ti chiedo pertanto gentilmente di poter usufruire un po’ della tua ( cultura )chiedendoti, anche a nome di un po’ di tutti di segnalarci articoli Uccr a sostegno della lobby Lgbt in generale e di Vendola in partocolare, oppure svelandoci eventuali occulte pressioni politiche, nonchè mediatiche, che lo stesso Uccr compie allo scopo di portare a buon fine la legge Scalfarotto…così… tanto per aprirci gli occhi…

        Grazie

      • gandalf il grigio ha detto in risposta a Giovanni Pedroni

        Giovanni, potresti ripubblicare il commento che è stato cancellato? Non so se l’eliminazione sia stata volontaria o meno, mi piacerebbe comunque conoscere il tuo punto di vista. Grazie.

      • Redazione UCCR ha detto in risposta a Giovanni Pedroni

        Facciamo presente che sono sempre le stesse due o tre persone con lo stesso indirizzo IP che si firmano con nomi diversi.
        Va bene cinque/sei volte, poi interrompiamo il gioco.

      • Paolo Viti ha detto in risposta a Giovanni Pedroni

        Sbaglio o quelle di Giovanni sono le stesse accuse che i protestanti fanno da secoli ai cattolici (belare dietro al Papa e robe simili…)?

        Ancora una volta si dimostra chi sono i critici di Papa Francesco…

  26. gladio ha detto

    Sono stato un grande estimatore di Antonio Socci,( il Socci che fu s’ intende), aprezzavo il suo talento giornalistico, la sua intelligenza e la sua cultura.

    Poi è sopravvenuto questo suo lento, inesorabile ( speriamo non irreversibile ) deterioramento intellettuale.
    Pur non più condividendo le sue opinioni ho però sempre evitato di infierire più di tanto su di lui, e questo in considerazione della croce veramente grande che, per la sua nota situazione famigliare è costretto a portare.

    Queasto fino all’ altro giorno, al giorno in cui, mi sono imbattuto in questa fotografia da lui pubblicata sul suo sito:

    http://www.antoniosocci.com/il-primo-giubileo-della-storia-che-non-celebrera-gesu-e-avra-al-centro-bergoglio/

    Come si può purtroppo constatare si tratta di un’ istantanea scelta con cura tra mille. Un’ operazione che, dietro l’ apparente ” innocenza ” ha del diabolico. In pratica il Santo Padre viene ridicolizzato, ridotto a macchietta da sbeffeggiare. Un gesto insomma veramente degradante per chi l’ ha compiuto, un gesto che la dice lunga sul profondità dell’ abisso in cui quest’uomo è caduto trascinando con sè anche molti poveri sprovveduti , come quel povero salame qui sopra che è riuscito ad accumulare ben 71 “pollici verdi” in poche ore ( che equivalgono però ad un asino d’ oro, eh Fabrizio? ).

    Mi risulta difficile trovare parole adatte per commentare quella fotografia, voi che dite?

    • Norberto ha detto in risposta a gladio

      Beh Socci è furbissimo, ha diretto per anni una scuola di giornalismo e sa benissimo come colpire alla pancia dei suoi sprovveduti fans. Ogni dettaglio che pubblica contro il Papa è studiato minuziosamente, anche di questo renderà conto a Dio (se ancora gli è rimasta un po’ di fede).

    • andrea g ha detto in risposta a gladio

      Sì, davvero difficile; l’unica cosa da fare è meditare sul rischio tremendo
      cui conduce la presunzione, soprattutto quando si è più in alto, quando
      -ad esempio- si era ricevuto da DIO un ottimo talento di divulgatore della
      Verità cristiana.
      Tant’è:
      “E tu, Capernaum, che sei stata innalzata fino al Cielo, sarai abbassata
      fin nell’inferno” (Luca X,15)
      “Ed egli disse loro: «Io vedevo Satana cadere dal Cielo come una folgore”.
      (Luca X,18).

    • Dario* ha detto in risposta a gladio

      Onestamente la scelta di questa fotografia sarebbe più consona per un giornaletto di merda (ogni tanto si fa bene anche a non autocensurarsi) come charlie hebdo che non per il blog di un cattolico (o sedicente tale). Condivido pienamente le tue posizioni Gladio

  27. Dani ha detto

    Giù le mani dalla
    SANTA EUCARESTIA!!!

    http://gloria.tv/media/QUbHmQZ4kHw

  28. andrea g ha detto

    Scrive Fabrizio:
    “non siete sicuri di quale posizione prenderà il Papa e guai mai che
    dobbiate consultare la vostra coscienza, esercizio troppo difficile”.

    Tipica frase degli anticlericali, tipica dell’odio nevrotico anticattolico;
    dunque “soccinisti” e “uaarini” si assomigliano davvero tanto.
    A meno che non si tratti del solito ateista che si maschera (in questo caso:
    male) da iper tradizionalista. Probabile.

    • andrea g ha detto in risposta a andrea g

      In genere i cosiddetti “tradizionalisti” (quelli cioè che amano/
      amerebbero una Chiesa stile Rotary) vengono percepiti come più
      papisti del Papa; magari si critica Francesco I, ma x esaltarne
      un altro (Benedetto XVI).
      Invece qui si dice proprio che siamo dei babbei incapaci di ragionare
      xchè siamo intellettualmente schiavi del Papa:
      insomma, proprio la ridicola spocchia nevrolaicista.
      Mah.

  29. Michele ha detto

    Papa Francesco fa passa mano con il Santissimo!
    ANATEMA!!!

  30. enrico56it ha detto

    Questo Papa contribuirà enormemente alla rovina della chiesa e delle anime.
    Spero che il Signore ne mandi un altro il più presto possibile.
    Ecco le ultime castronerie :
    “Chi ha avuto il dono di conoscere papa Francesco sa che l’egoismo è il nemico più pericoloso per la nostra specie. L’animale è egoista perché è preda soltanto dei propri istinti, il principale dei quali è quello della sopravvivenza, la propria. Ma l’uomo è animato anche dalla socievolezza e quindi sente l’amore verso gli altri, verso la sopravvivenza della specie cui appartiene. Se l’egoismo soverchia e soffoca l’amore per gli altri, offusca la scintilla divina che è dentro di lui e si autocondanna.

    Che cosa accade a quell’anima spenta? Sarà punita? E come?

    La riposta di Francesco è netta e chiara: non c’è punizione ma l’annullamento di quell’anima. Tutte le altre partecipano alla beatitudine di vivere in presenza del Padre. Le anime annullate non fanno parte di quel convito, con la morte del corpo il loro percorso è finito e questa è la motivazione della Chiesa missionaria: salvare i perduti. Ed è anche la ragione per cui Francesco è gesuita fino in fondo.” ( Fonte, il suo più grande “amico” Barbapapà) : http://www.repubblica.it/politica/2015/03/15/news/quel_che_francesco_puo_dire_all_europa_dei_non_credenti-109542750/
    [15/03/2015]
    Avete capito bene?
    Alla morte del corpo, anche l’anima muore; egli utilizza “percorso finito”
    Dunque, addio all’immortalità dell’anima e alle relative pene (inferno compreso)
    E’ ovvio che Bergoglio è tanto amato dai laicisti e, vorrei vedere 🙂 🙂
    Speriamo in una mentita da parte della Santa Sede, nel frattempo, ci tocca leggere certe porcherie!!
    Ora ditemi che queste dichiarazioni non provengono dal Papa.

    • Dario* ha detto in risposta a enrico56it

      Complimenti! Lo chiami Barbapapà e nel contempo lo consideri una fonte affidabile? Non c’è che dire, non fa una grinza come ragionamento…

      • giovanni ha detto in risposta a Dario*

        Dario*, abbiamo visto che i troll abbondano in questi topic più che in qualsiasi altra discussione.
        Devo dire che fino a un certo punto sono divertenti, poi un po’ stufano perché esauriscono in fretta le frecce al loro arco e, pur cambiando nick sforzandosi di apparire diversi utenti che si supportano, si smascherano da soli.
        Questo ha scritto idiozie così marchiane che manco valgono il tessuto epiteliale perso sulla tastiera per rispondere.

      • enrico56it ha detto in risposta a Dario*

        Scusa Dario ma è Bergoglio che ha scelto Scalfari per farsi intervistare e più di una volta.
        Devo pensare che è così stupido o che nessuno in curia gli ha suggerito che il giornalista è inaffidabile?
        Cioè – se ho capito bene – tu mi vorresti indurre a pensare che Scalfari è INATTENDIBILE e che Bergoglio
        ha scelto proprio lui per farsi intervistare così a lungo?
        In sostanza questo grande Papa, si sarebbe fatto intervistare dal giornalista meno attendibile d’Italia?
        E’ una tesi che non condivido ma se è questa la tua idea,buon per te.

        • Eli Vance ha detto in risposta a enrico56it

          Ti manca qualche parte del discorso:
          1)Scalfari è risultato ai fatti inattendibile solo dopo la confusione fatta con l’intervista, cioè quando ormai la decisione di questo confronto era già stata presa. Causa-effetto, prima-dopo. Evitiamo anche l’ingigantimento nel dire che è il piu’ inattendibile d’Italia, constatiamo solo che dichiarare di aver “interpretato” l’intervista è un fatto poco consono nell’ambiente del giornalismo e ogni tentativo di attacco al Papa usando questo è destinato ad essere un buco nell’acqua.
          2)Sempre lui, non rappresenta un semplice giornalista, a differenza di tanti altri è in particolare un esponente del mondo non credente, e i contorni dell’intervista hanno sempre avuto i connotati di un dialogo della Chiesa verso il laicismo, questo spiega bene perchè proprio lui e non altri.
          3)Ti informo che piu’ sotto la precisa affermazione “Vostro Papa” ha automaticamente bruciato la tua copertura da finto cattolico.

          • Eli Vance ha detto in risposta a Eli Vance

            3) Mille scuse, la considerazione non era rivolta a te, ma a Michele piu’ sotto, così come l’intera seconda parte dell’altra risposta. Ho fatto enorme confusione con i destinatari dei commenti.

          • enrico56it ha detto in risposta a Eli Vance

            Mai detto “Vostro Papa ” leggi bene.
            Quanto alla mia presunta o meno cattolicità, non penso che tu possa essere il mio metro.
            Giudicherà il Signore al momento opportuno.
            Grazie 🙂

            • Dario* ha detto in risposta a enrico56it

              Guarda che Eli Vance si era già corretto (per la precisione alle 19:57) dicendo che quella parte del post non era rivolta a te

        • Dario* ha detto in risposta a enrico56it

          Ma scusa, se il Papa dice una cosa e un giornalista dice che il Papa ne ha detta un’altra, dopodiché il Papa dice che ci sono giornalisti che manipolano le sue parole, tu ti fidi ancora ciecamente dei giornalisti o vai a vedere cosa effettivamente il Papa ha affermato?

    • Eli Vance ha detto in risposta a enrico56it

      Veramente dall’articolo si evince che quello è quanto ha compreso Scalfari dell’intervista, su cui è già stato detto abbastanza e si pone dunque un serio problema di affidabilità delle fonti. E te ne cito un’altra rispondendo a un commento più sotto: sostieni che Benedetto è il vero Papa, invece che cosa dice la fonte (Benedetto) a proposito di questo argomento?
      Consiglio di leggere il corposo dossier in luogo di passare agli attacchi a titolo personale.

    • Riccardo ha detto in risposta a enrico56it

      Pensa che Gesù diceva che i dannati sarebbero finiti nell’immondezzaio di Gerusalemme. Niente male come castroneria. O forse no?

  31. Michele ha detto

    Poveri Gladio e compagnia bergogliate!!!
    Se Bergoglio direbbe:
    Convertitevi all’islam, loro di certo si convertirebbero!
    Darebbero il merito allo spirito santo!

    Guai credere nelle menzogne!

    • Dario* ha detto in risposta a Michele

      Impara a coniugare i verbi prima di venire ad insegnare a vivere agli altri

    • giovanni ha detto in risposta a Michele

      Qualcuno dovrebbe convertirsi anche alla lingua italiana.

      Guai a credere nel congiuntivo!

    • gladio ha detto in risposta a Michele

      ” Dicesse “, Michele, non : ” direbbe”.

      Spirito Santo va scritto in maiuscolo! Michele! questa da uno come te non me l’ aspettavo! 🙂

  32. Michele ha detto

    Mi puoi correggere quanto vuoi!
    La verità e una!!!
    Non c’è dubbio!!!!
    Benedetto xvi vero Papa.

  33. Michele ha detto

    Dario/Gladio sono le stesse persone!
    I ciucci si riconoscono da lontano!!!!

    • Dario* ha detto in risposta a Michele

      Sono le stesse persone, hai giustamente utilizzato il plurale perché io sono più o meno lo stesso di qualche minuto fa ed anche Gladio scommetto che è più o meno lo stesso di com’era prima del tuo post. Se volevi intendere che siamo la stessa persona invece continua pure a credere ciò che vuoi ma questo non fa che confermare quanto poco vale ciò che scrivi 😉

    • Dario* ha detto in risposta a Michele

      P.S. Da me i ciucci sono solo quelli che i bimbi tengono in bocca, in italiano si dice “ciuchi”

    • gladio ha detto in risposta a Michele

      ” La stessa persona” Michele, non: “le stesse persone”.
      Scusami eh… ma è solo per evitarti di fare la figura del somaro…

  34. Michele ha detto

    Invece di benedire si fa benedire dallo SCISMA!!!

    http://www.imolaoggi.it/2014/06/20/lennesimo-scandalo-di-jorge-m-bergoglio/

    Che ORRORE!!!

    Attenzione alla falsa umiltà!!!

  35. Michele ha detto

    Guardate la responsabilità che assume il vostro Papa:

    Dovremmo come minimo fare una novena riparatrice!!

    Che orrore vedere come Bergoglio tratta il Santissimo!

    VERGOGNA!!!

  36. Michele ha detto

    Guardate la responsabilità che assume il vostro Papa:
    Dovremmo come minimo fare una novena riparatrice!!
    Che orrore vedere come Bergoglio tratta il Santissimo!
    VERGOGNA!!!

    https://m.youtube.com/watch?v=ahr78fc5eDs

  37. Michele ha detto

    Guarda cosa fa il tuo vero Papa:

    https://m.youtube.com/watch?v=RbpcNrkY0Bk

    Gravissima offesa!!!

    • Gabriele ha detto in risposta a Michele

      Questi video mi lasciano alquanto perplesso, ma per il fatto che si usano per accusare il papa di sacrilegio. Quale sarebbe il motivo del sacrilegio? Che alcuni fanno il passamano? Ora, d’accordo che il passamano non è consentito, tuttavia in questo caso dobbiamo fare due considerazioni pratiche: primo, c’era un sacco di gente e quindi non tutti potevano avvicinarsi alle transenne, e poi che la gente non aveva mica scritto in faccia “sto tendendo la mano per passare l’ostia ad un altra persona che poi la deve passare ad un altra persona, ad un altra ancora, ecc ecc’. Perciò quello che è accaduto è certamente sbagliato, ma non c’era intenzionalità da parte del sommo pontefice. Francesco ha cercato di dare il Corpo di Cristo a quanti glielo chiedevano, ma è ovvio che tra tante mani tese mica poteva verificare chi l’avrebbe messa in bocca subito e chi l’avrebbe passata ad altri, e purtroppo quando ci sono grosse folle può accadere che la distribuzione dell’eucarestia non avvenga nei modi giusti, ma questo succede per cause di forza maggiore, e non perchè nei sacerdoti c’è il desiderio di mancare di rispetto a Dio.
      Sia chiaro che io non approvo assolutamente il passamano eucaristico, quanto accaduto a Manila non mi è piaciuto affatto, tuttavia è stato un caso particolare, non la norma (quella sì che sarebbe inaccettabile senza sé e senza ma) e poi una domanda ai supercritici: sareste pronti a giurare che casi del genere non sono mai accaduti durante le adunate oceaniche di San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI? E se scopriste che sono accaduti, come è molto probabile, allora direste che quei due grandi papi erano dei sacrileghi (e magari per questo dei falsi pontefici)?

  38. Sara ha detto

    Gladio infatti la verità la buttate sempre nel cesso!!
    Speriamo che ti convertì, prima che sia troppo tardi!

  39. Michele ha detto

    Gabriele ti è sfuggito questa!

    https://m.youtube.com/watch?v=RbpcNrkY0Bk

    Bergoglio e fuori in tutti i sensi..
    Ormai si è capito dove vuole portarci.

    • Gabriele ha detto in risposta a Michele

      Non si preoccupi, Michele, ho visto questo video, e noto che il papa, dopo aver comunicato uno, doveva subito guardare da un altra parte perchè un altro fedele gli stava chiedendo l’ostia. Ovvio quindi che Francesco probabilmente non poteva nemmeno accorgersi del passamano, davanti a tutte quelle facce, mani e braccia protese (e ricordo che i fedeli non avevano scritto in faccia ‘farò il passamano’).

  40. Dario* ha detto

    Mi assale una curiosità di carattere tecnico: possibile che quasi tutti quelli che trolleggiano su queste tematiche siano persone con scarsa dimestichezza con l’italiano? C’è una congrega di stranieri che ci perseguita o è il solito tizio che millanta spropositi di pseudonimi?

    • enrico56it ha detto in risposta a Dario*

      possibile che quasi tutti quelli che trolleggiano su queste tematiche siano persone con scarsa dimestichezza con l’italiano?
      E, se anche fosse?
      Se questo è un sito “elitario” perché non usare la trasparenza e scriverlo a lettere cubitali nella home? 🙂 🙂
      Così uno/a si regola 🙂

      • Dario* ha detto in risposta a enrico56it

        Prima di scaldarti tanto dovresti sapere che io alludo a persone e fatti già verificatisi, chi frequenta il sito da un po’ avrà certo capito, non me la sto prendendo con chi non sa scrivere bene 😉

  41. Michele ha detto

    E come dice il fedelissimo cardinale Burke dobbiamo resistere a tutte le bergogliate!

    Mi fa malissimo dire queste cose ma non si può tacere di fronte a queste cose anti-ecclesiali!!!
    Andrei contro la verità!

  42. Michele ha detto

    C’è puzza di bestiame!

  43. Andi ha detto

    Pedroni, guarda che chi cancella i post sono Gladio/Dario!!
    Sembra strano ma è davvero così!
    Quando dici una verità, Gladio/Dario
    soffrono moltissimo!
    Sono entrambi una persona sola e lavora per la redazione!
    Ama le bergogliate di tutti i tipi!!!

    • Dario* ha detto in risposta a Andi

      ROFL XD

    • gladio ha detto in risposta a Andi

      Beh sai com’è Andi(cap), il fascino della SS.Trinità spinge all’ emulazione.
      Per ora siamo riusciti ad essere solo uno in due anzichè uno in tre, però con l’ esercizio vedremo di migliorarci.

      Tu, o comunque qualcuno dei tuoi compagni di merende, debbo ammettere che ci avete surclassati : da uno e trino, su questo blog siete riusciti a fare addirittura il ” quartino” se non di più: chapeau…

      P.S:Andi: soffriamo veramente dal gran ridere.

  44. Michele ha detto

    Gabriele, che ti posso dire?
    Forse questo ti convince di più?

    http://www.conchiglia.us/AD2014_X-444/VATICANO/14.273_PAPA_Em_BENEDETTO_XVI_9a_Parte_Bergoglio_gli_Ebrei_e_le_Croci_scomparse_dal_petto_15.06.14.pdf

    Se non ti basta vedere come si vergogna bergoglio di nostro Signore, basta che fai un cenno e te ne manderò altre gravissime bergogliate!

  45. Gabriele ha detto

    La ringazio per l’offerta, però mi sembra in questo documento di non aver letto questa espressione:

    Numerose possono essere le implicazioni che derivano dalla comune eredità tratta dalla Legge e dai Profeti. Vorrei ricordarne alcune: innanzitutto, la solidarietà che lega la Chiesa e il popolo ebraico “a livello della loro stessa identità” spirituale e che offre ai Cristiani l’opportunità di promuovere “un rinnovato rispetto per l’interpretazione ebraica dell’Antico Testamento”; la centralità del Decalogo come comune messaggio etico di valore perenne per Israele, la Chiesa, i non credenti e l’intera umanità; l’impegno per preparare o realizzare il Regno dell’Altissimo nella “cura del creato” affidato da Dio all’uomo perché lo coltivi e lo custodisca responsabilmente (cfr Gen 2,15).

    Riguardo la croce, le voglio raccontare un episodio: poco tempo dopo la sua elezione, il beato Paolo VI ricevette un patriarca orientale in udienza, e gli chiese se c’era qualcosa nel costume pontificio che disturbasse gli orientali. E qualcosa c’era: la croce sulla pantofola sembrava agli orientali un offesa alla Croce di Cristo, quindi Montini ordinò che fosse tolta. Secondo lei fece bene o male?

  46. Michele ha detto

    Malissimo!!

    San Matteo 10-32
    Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli.

    • gladio ha detto in risposta a Michele

      Mio buon Michele: un anziano sacerdote, uno di quelli che ne hanno viste e sentite tante…mi raccontava che in paradiso si accede attraverso due porte: una piccola e stretta, progettata per il passaggio di poche persone ed è nota coma ” la porta della virtù”
      L’altra invece di dimensioni enormi ,progettata per il transito di una fiumana di gente, nota con il nome di “porta dell’ ignoranza”.

      Questo , per dire, caro Michele , che , a giudicare dai tuoi commenti, anche tu entrerai nel ragno dei cieli.

  47. Michele ha detto

    Scusami non o capito “pantofola”..

    Comunque la gravità della situazione e sotto gli occhi di chi vuole vedere!

    • Gabriele ha detto in risposta a Michele

      Una volta il papa, quando non doveva uscire dal Vaticano, non portava le scarpe, ma delle pantofole rosse, che fino all’epoca di Paolo VI avevano una croce ricamata su di esse. Questa croce era lì perchè per molti secoli era tradizione che chiunque fosse ricevuto dal papa doveva chinarsi e baciargli la pantofola (tranne i cardinali) e siccome queste persone potevano trovare umiliante o molto difficile quell’inchino, almeno avevano la consolazione di rendere un omaggio alla croce di Cristo.
      Ora, io non so se Paolo VI conoscesse o meno questa tradizione, tuttavia nel suo gesto non c’era la minima intenzione di offendere Cristo, semplicemente si era trattato di un segno di delicatezza verso un altra persona, una delicatezza che nasceva dalla sua anima profondamente cristiana. Se non c’è l’intenzione di offendere Cristo, se il motivo è il rispetto verso un altra persona che nasce dall’amore cristiano, dove sta il rinnegamento di Dio? Il Signore guarda al cuore delle persone, non ai segni formali (che ci devono essere e devono essere giusti, ma come conseguenza del nostro amore). D’altronde:

      Non chiunque mi dice: «Signore, Signore», entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. (Matteo 7, 21-27)

      E siccome l’altro massimo comandamento è amare il prossimo come se stessi, togliere una croce da una pantofola o metterla temporaneamente sotto una fascia può davvero essere un tradimento verso Dio quando si è mossi dall’amore verso Lui e verso il prossimo? Naturalmente sul piano oggettivo, possiamo pure discutere se questi gesti sono stati davvero necessari oppure se si potevano evitare, ma credo che bisogni guardare più alle intenzioni e alle circostanze, piuttosto che gridare al tradimento 🙂

  48. Michele ha detto

    Gladio.. Gabriele.. Dario..

    Che odorino di campagna!!!

    • Gabriele ha detto in risposta a Michele

      Ahi ahi ahi, Michele, per un vero cristiano nessun essere umano può essere considerato una bestia, nemmeno i ‘nemici’. 🙂

    • Dario* ha detto in risposta a Michele

      La campagna è una cosa bella, io non mi offendo Michele se questo era il tuo intento, Dio stesso si è degnato di nascere in una stalla e venire deposto in una mangiatoia. Non solo, io sono orgoglioso di fare parte del GREGGE di Dio. Tu abbandona pure la Chiesa perché al tuo naso puzza se ti va ma poi non ti lamentare se ti imbatterai nei lupi 😉

    • gladio ha detto in risposta a Michele

      Meglio l’ odorino di campagna.caro Michele che quello di fogna…

  49. Michele ha detto

    Odorino di campagna non era per offendere!
    E solo un modo per dire :
    Purtroppo Gladio e tra noi

  50. Michele ha detto

    E solo un dipinto!
    L’altro e dal vivo!
    Riesci a distinguere?

« nascondi i commenti