Anche nel 2011 costante crescita dei lettori del libro religioso

La lettura è fondamentale per stabilizzare e ampliare il giudizio sull’esperienza della fede, per chiarire i dubbi e approfondire le ragioni. E’ dunque importante, come ha affermato Giorgio Raccis, direttore del Consorzio dell’editoria cattolica:, che «i dati sulla lettura confermano, anche quest’anno – con valutazioni evidentemente relative al 2011 – che c’è una costante crescita dei lettori del libro religioso».

La sensazione degli operatori del settore, ha continuato, «appare in espansione un lettore che chiede al libro di argomento religioso più che altro un senso alla vita e quindi una ricerca che non necessariamente è religiosa nel senso confessionale del termine, ma più legato ad aspetti di antropologia e di spiritualità». Nonostante la difficoltà dell’editoria, «fino a tutto il 2011 l’editoria cattolica ha tenuto bene rispetto alla crisi economica che, invece, nel mercato generale del libro aveva cominciato a colpire già dai primi mesi del 2011 […] l’editoria religiosa e cattolica in generale riesce ad attutire il trend negativo, rispetto a quello più generale del mercato».

L’invito che rivolgiamo a tutti è comunque quello di preferire per l’acquisto di un libro sempre le strutture distributive cattoliche come: Libreria del SantoLibreria Coletti, Libreria Terra Santa, Itaca Libri ecc.

Nel dicembre scorso facevamo notare come dal 2000 al 2007 la crescita del numero dei lettori di libri religiosi (almeno un testo l’anno) in Italia è stata del 2%annuo, ma dal 2007 al 2010 la percentuale è cresciuta fino al 6%. In totale, nel decennio 2000-2010 i lettori del libro religioso sono cresciuti di quasi un milione di persone.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

13 commenti a Anche nel 2011 costante crescita dei lettori del libro religioso

« nascondi i commenti

  1. Leonardo ha detto

    In molte librerie c’è da dire che sullo scaffale “religione” ci sono più libri di Augias e di don Gallo che di Ratzinger…

    0
    • Gab ha detto in risposta a Leonardo

      Ecco bravo Leonardo .. era quello che mi veniva in mente. Io direi molto spesso libro “anti-religioso”.

      Che brutta parola poi la “spiritualità”, termine grottesco usato oggi per significare tutto e il contrario di tutto. Termine pericoloso che come al solito vuole sostituire la definizione corretta e vera di chi è religioso canonicamente, che persegue la vera dottrina, con quella falsa della dimensione tutta “fai da te” come va al giorno d’oggi. Dio come una mera opinione ed esperienza soggettiva invece che la Presenza Reale e oggettiva.

      Mi spiegate cosa c’entra vedere alle “Paoline” i DVD di guerre stellari? Alla faccia della libreria cattolica. E’ capitato solo a me vederli?

      0
      • Roberto Dara ha detto in risposta a Gab

        Evidentemente i soli libri religiosi non bastano per far campare quelle librerie. E comunque cosa avrebbero di anticattolico i dvd di Guerre Stellari?

        0
        • Gab ha detto in risposta a Roberto Dara

          Che trovo meno differenza rispetto al passato e dimostra un trend più commerciale come minimo. Non è vero che le librerie cattoliche non riescano a campare sui libri religiosi. Ce n’è una vicino casa mia ed è solo ed esclusivamente religiosa. E come se campa. Dipende più che altro dall’immagine che ti vuoi dare. Di recente le Paoline mi hanno deluso non poco sulla piega che stanno prendendo.

          0
          • Leonardo ha detto in risposta a Gab

            No, beh, restano sempre molto fornite e piene di tittoli interessanti.
            Che vendano pure star wars chissene, non è che sacrificano spazio per altri film.
            Onestamente non mi urta come cosa.

            Diciamo però che se vado alle Paoline non vado per comprare Star Wars, ecco.

            0
      • Leonardo ha detto in risposta a Gab

        Si ma se ci lamentiamo delle Paoline, che dire della Feltrinelli? Dove non si trova 1, dico 1 libro di Chesterton? Dove Odifreddi occupa tutto lo scaffale scienza, etc…
        Ben vengano le Paoline…

        0
        • Leonardo ha detto in risposta a Leonardo

          Feltrinelli per dirne una, è quella vicina a dove prendo il treno e che visito più spesso.
          Penso valga per molte altre.

          0
        • Roberto Dara ha detto in risposta a Leonardo

          Se ti riferisci a G.K. Chesterton, su lafeltrinelli.it ci sono tutti, alcuni anche in formato ebook.

          0
          • Renato Valsecchi ha detto in risposta a Roberto Dara

            Ricordo che La Feltrinelli è editore di “Gli errori di Darwin”: http://www.lafeltrinelli.it/products/9788807104572/Gli_errori_di_Darwin/Fodor_Jerry_A.html

            0
            • EquesFidus ha detto in risposta a Renato Valsecchi

              Perché (è implicito nel tuo commento) un credente cristiano cattolico dovrebbe essere contrario all’evoluzione?
              Io quel libro l’ho letto, ed è tremendo ed impreciso, sicuramente non fa onore a La Feltrinelli.

              0
              • Renato Valsecchi ha detto in risposta a EquesFidus

                Non c’è nessuno contrario all’evoluzione, né io né gli autori del libro citato.

                0
                • EquesFidus ha detto in risposta a Renato Valsecchi

                  Caspita, ho sbagliato libro! “Gli errori di Darwin” di Piattelli-Palmarini è uno dei migliori libri sull’evoluzione disponibili oggi, al contrario de “L’errore di Darwin”, il tremendo libro creazionista di cui sopra.

                  0
          • Leonardo ha detto in risposta a Roberto Dara

            Guarda, non voglio entrare nel merito della Feltrinelli.
            Era solo un esempio, basato sulla mia esperienza di oltre un lustro di frequentazione di quella libreria specifica.
            Che poi, vendendo su internet ovvio che uno amplia al massimo l’offerta, tanto ordinano anche loro dopo aver ricevuto l’ordine del cliente. Pur di vendere, vendi tutto.
            È quando una libreria fa degli ordini che si deve sbilanciare, non potendo avere tutti i libri disponibili fa un scelta. Ed è naturale.

            Ora, dire che la linea tenuta dalle Paoline, in questa scelta, sia più interessante di quella che tenuta mediamente da molte altre librerie, non mi sembra che sia qualcosa di assurdo o indecifrabile.

            0
« nascondi i commenti