Nuovo studio: i figli dei conviventi hanno maggiori problemi

Famiglia irlandeseUn nuovo rapporto realizzato da un paio di organizzazioni che si dedicano a rafforzare l’istituzione del matrimonio, mostra che un numero allarmante di coppie statunitensi decidono di avere figli senza essere sposati. Lo studio ha rilevato che, mentre verso la fine del 20° secolo il divorzio era la più grande minaccia al matrimonio, oggi è stata sostituita dall’ascesa delle convivenze, minacciando la qualità e la stabilità della vita familiare dei bambini.

Le statistiche mostrano che sempre più bambini nascono da coppie conviventi e trascorrono molto tempo in presenza di un adulto estraneo alla famiglia, che ad un certo punto si inserisce nella loro infanzia, spesso dopo che la coppia di genitori originaria si è sciolta. La ricerca dimostra anche che le coppie conviventi hanno il doppio delle probabilità di dividersi delle coppie sposate. Inoltre, i genitori conviventi hanno più probabilità di dover affrontare problemi emotivi e sociali, come l’abuso di droga, depressione, abbandono della scuola superiore, abusi fisici e sessuali, e povertà, con i loro figli rispetto a quelli di famiglie sposate.

Il Dr. W. Bradford Wilcox dell’University della Virginia e autore principale dello studio ha osservato che «l’instabilità familiare per i bambini è in aumento. Questo sembra in parte essere dovuto al fatto che le coppie sono conviventi e quindi molto instabili». Ha continuato: «Il nostro rapporto mostra anche che i figli all’interno di unioni di fatto hanno maggiori probabilità di soffrire a causa di una serie di problemi sociali ed emotivi – uso di droghe, depressione, fallimento scolastico – in confronto ai figli di famiglie sposate e non separate. La convivenza implica meno impegno, meno stabilità, meno fedeltà sessuale, e meno sicurezza ai partner romantici e ai loro figli. Di conseguenza, le coppie conviventi hanno più del doppio delle probabilità di dividersi e quattro volte più probabilità di essere infedeli a l’uno all’altro, rispetto alle coppie sposate. Tutto questo ha implicain queste casecrescono in queste situazioni».

Lo psicologo John Gottman, tra i massimi esperti statunitensi di relazioni matrimoniali, professore emerito di psicologia all’Università di Washington e co-autore del rapporto nazionale “Marriage Project”, ha dichiarato che tale instabilità ha un notevole impatto negativo sui bambini, il quale si nota nell’esternalizzazione dei disturbi, cioè più aggressività, che a livelo interno, cioè più in depressione. I figli delle coppie conviventi sono più a rischio rispetto a quelli delle coppie sposate».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

24 commenti a Nuovo studio: i figli dei conviventi hanno maggiori problemi