Studio medico: l’aborto selettivo crea danni psicologici e criminalità

Un’analisi sull‘aborto selettivo in Cina, India e Corea del Sud realizzata dal Dr. Therese Hesketh del UCL Centre for International Health and Development punta ad avere una ripercussione significativa nella società.

Il dr. Hesketh e alcuni ricercatori hanno pubblicato sul Canadian Medical Association Journal i risultati di uno studio intitolato ““The consequences of son preference and sex-selective abortion in China and other Asian countries. Osservano che con l’avvento degli ultrasuoni che consentono l’aborto selettivo del sesso, il rapporto tra i sessi alla nascita, in alcune città in Corea del Sud, è salito a 125 entro il 1992 e oltre 130 in più province cinesi. «A causa dell’enorme popolazione della Cina, questi rapporti si traducono in un gran numero di maschi in eccesso. Nel 2005 è stato stimato un eccesso di 1,1 milioni di maschi in tutto il Paese, e che il numero di maschi di età inferiore ai 20 anni ha superato il numero di femmine di circa 32 milioni», scrivono gli autori.

In India, Cina e Corea, «se il primo figlio è una femmina, le coppie ricorrono spesso all’aborto selettivo del sesso per garantire la nascita di un maschio nella seconda gravidanza». Il dr. Hesketh ha dimostrato che le implicazioni sociali di una preferenza verso i maschi e il conseguente aborto selettivo del sesso per le femmine significa che una percentuale significativa della popolazione maschile non sarà in grado di sposarsi o di avere figli a causa di una scarsità di donne. «In Cina, il 94% delle persone non sposate di età compresa tra 28-49 è un maschio, il 97% dei quali non ha ultimato la scuola superiore, e l’impossibilità a sposarsi comporta spesso problemi psicologici e conseguentemente l’aumento della violenza e del crimine», hanno rilevato gli autori. «La vulnerabilità psicologica e la frustrazione sessuale possono portare questi uomii all’aggressività e alla violenza».

C’è un buon supporto empirco per queste previsioni. Gli autori sostengono che la stragrande maggioranza dei crimini violenti sono commessi da giovani maschi non sposati. Propongono quindi come soluzione l’istituzione di leggi che proibiscano la determinazione del sesso del feto e l’aborto selettivo.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

10 commenti a Studio medico: l’aborto selettivo crea danni psicologici e criminalità

« nascondi i commenti

  1. Mandi ha detto

    L’uomo senza Dio gioca a fare lui stesso il dio della vita e della morte, di chi nasce e di chi non deve nascere. Queste le conseguenze della società senza dio…

    0
  2. Eleonora ha detto

    Dovreste unire questi articoli in un unico spazio, sono troppo interessanti!

    0
  3. Raffaele ha detto

    Ma quindi se uno desidera avere un maschio, ma si concepisce una bambina, la si abortisce per riprovare ad avere un maschio??? Inenarrabile!! Assurdo!! Che Dio ci perdoni ed usi infinita misericordia verso noi miseri uomini cadenti nel baratro sempre più profondo. Dio Padre, abbi pietà di noi!!!

    0
    • Phantom ha detto in risposta a Raffaele

      E’ una prassi comune Raffaele, sopratutto negli stati ateocomunisti in cui vige il dogma del materialismo riduzionista.

      0
  4. Edoardo ha detto

    Una volta non si diceva:
    “Salute e figli maschi”?
    Ed era considerato lesivo nei confronti della dignità femminile, oltre che schifosamente maschilista, di un maschilismo stupido, da gallo del pollaio.
    ……..
    Io mi auguro che al mondo siano più le femmine dei maschi.
    A scuola, vedo che le ragazze, di solito, vanno meglio dei ragazzi.
    In Italia ci saranno più laureate che laureati.
    Tentare di scardinare la famiglia, le basi stesse della vita, voler essere padroni assoluti della vita e della morte, sta riportando la specie umana alla barbarie.Pochi giorni fa ho letto su un forum questa frase:
    “C’era un tempo, non lontano da qui, in cui le chiese erano utilizzate come granai, e i preti venivano impiccati col filo spinato. Bei tempi!”.
    Ho letto questo.
    OK, è un esaltato.
    Però l’ha scritto in pubblico.

    0
    • Phantom ha detto in risposta a Edoardo

      La violenza dei cyberbulli atei è nota. Bisongerebbe arrivare a delle leggi per cui si scrive sul web solo quello che si direbbe anche nella vita reale.

      0
  5. Enrico da Bergamo ha detto

    Sepro che nessuno venga qui a suggerire che abortendo tutti i figli sia maschi che femmine si risolva il prolema.

    0
« nascondi i commenti