A Rimini nasce una lista civica di cattolici

Una nuova lista civica è spuntata a Rimini, in vista delle amministrative del 15/16 maggio 2011. Ragione sociale, simbolo, composizione e soprattutto nome del candidato verranno annunciati tra “una settimana, dieci giorni”. I protagonisti comunque si conoscono: Antonio Polselli, direttore del centro culturale “Paolo VI”, Domenico Pirozzi, per dieci anni presidente della Compagnia delle Opere di Rimini, Luigi Bonadonna, già segretario comunale del Pd e tuttora consigliere nello stesso gruppo in Comune. Polselli specifica: «Non siamo né i ‘Papa boys’ nè la ‘lista della Curia’ nè un ‘avatar’ del mondo cattolico. Da questo mondo proveniamo e non lo neghiamo, ma non abbiamo la benedizione di nessuno. Semplicemente, non ci sentiamo rappresentati da nessuna forza politica attualmente in campo e riteniamo che gli attuali amministratori si siano allontanati dai bisogni della gente. Dunque ci impegniamo, senza la presunzione di essere l’unica voce cattolica». Ci tengono a specificare di non volere etichette: «Il vescovo sa che cosa stiamo facendo leggendo i giornali».

Qualcuno dà per scontato -si legge su Il Resto del Carlino– che la nuova lista verrà imbarcata dal centrodestra, ma Bonadonna sottolinea: «La logica è che saranno gli altri a convergere su di noi se sottoscriveranno il nostro programma. Non siamo a disposizione del miglior offerente e non ci interessano le beghe altrui come quelle in casa Pdl». L’ex capogruppo dell’Ulivo in Consiglio comunale chiarisce anche come stanno le cose col Terzo Polo: «La nostra piattaforma è aperta alle istanze comunali, siamo civici e andiamo oltre le diatribe nazionali. Alle prossime elezioni politiche ciascuno voterà secondo coscienza».

I “cattolici” punteranno sulla cultura e sul sociale, anzitutto. Il direttore del “Paolo VI” inserisce tra le priorità il tema dei «contenitori culturali a partire dal teatro Galli, una banca dati per mettere in sinergia gli eventi, un registro delle eccellenze locali, sussidiarietà e solidarietà». «Non richiediamo il certificato di battesimo a nessuno», hanno scherzato: per aderire, basta condividere il Manifesto che è stato presentato e sul quale sarà basato il proprio programma elettorale e di governo della città.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

4 commenti a A Rimini nasce una lista civica di cattolici

« nascondi i commenti

  1. Marelli33 ha detto

    Da guardare con sospetto ma anche con molta stima.

    0
  2. Gianni ha detto

    Se ho capito bene sono di destra e di sinistra no? Ho sempre rifiutatoo però schieramenti come la Democrazia Cristiani ecc… Credo che i cattolici debbano essere in tutti i partiti, per lo meno per umanizzarli un pochino. A parte comunque che è difficile parlare di cattolici o non cattolici, sarebbe meglio parlare di praticanti o non praticanti. Quanti davvero non possono dirsi cattolici o cristiani in Italia?

    0
    • Matilde Romanò ha detto in risposta a Gianni

      @Gianni: credo che la DC sia stata un’esperienza frustrante ed umiliante.

      0
      • Lucy ha detto in risposta a Matilde Romanò

        Si ma questi stanno facendo una cosa diversa credo…non so se c’è qualcuno di Rimini però se fosse anche nel mio paese aderirei volentieri. E’ molto importante che i cattolici siano coerenti anche con la loro vita. Devono essere testimoni attendibili.

        0
« nascondi i commenti