Lo scienziato agnostico che si è convertito a Medjugorje

medjugorjeLe conversioni a Medjugorje. Tra gli innumerevoli convertiti anche João Carlos Da Silva, ricercatore e ingegnere portoghese che ha raccontato la sua esperienza nel paesino della Bosnia Erzegovina.

 

Arrivò incredulo ma, al suo ritorno in Portogallo, era già certo di quel che aveva sperimentato. Il suo nome è João Carlos Da Silva, ricercatore portoghese ed ingegnere di Biosistemi, docente presso l’Università Tecnica di Lisbona. Un uomo completamente secolarizzato, privo di credo religioso ma con la “casualità” di avere una moglie interessata ai fenomeni di Medjugorje, la cittadina della Bosnia Erzegovina dove dal 1981 alcune persone dicono di ricevere apparizioni quotidiane dalla Vergine.

 

La scienza e Medjugorje: apparizioni e sole pulsante.

Il caso delle apparizioni di Medjugorje è stato analizzato anche da alcuni medici e scienziati, che hanno escluso la “frode e l’inganno cosciente”. Lo ha confermato Giorgio Gagliardi, psicofisiologo e psicoterapeuta alla Scuola Europea di Ipnosi e Psicoterapia Ipnotica di Milano e membro del Centro Studi Parapsicologici di Bologna. I fenomeni che lì avvengono rimangono un mistero e hanno generato enorme scetticismo, sia all’interno che all’esterno del mondo cattolico.

Uno studio del 2016 ha rilevato che i pellegrini che si recano a Medjugorje non sono affatto sprovveduti creduloni, lontani da tentazioni millenariste, sincretismo religioso o miracolismo magico. Vi sono comunque numerose testimonianze su fatti apparentemente inspiegabili come improvvise pulsazioni del sole, percepite da tutti ad occhio nudo. Ne sono state testimoni la giornalista Rai, Elisabetta Castana, e la psicoterapeuta Fausta Marsicano, docente presso l’Università Europea di Roma. Quest’ultima, in particolare, ha smentito che si potesse trattare di un’allucinazione collettiva o di un fenomeno provocato dalle videocamere amatoriali, testimoniando che la percezione delle pulsazioni solari avviene in modo sincronico in tutti i presenti.

 

La posizione della Chiesa. Il Papa a Chiara Almirante: “ho salvato io Medjugorje”.

Per quanto riguarda l’approvazione della Chiesa, la Commissione d’inchiesta su Medjugorje presieduta dal card. Camillo Ruini ha concluso il suo rapporto, consegnandolo a Papa Francesco. Uno dei diciassette membri della Commissione, padre Salvatore Maria Perrella, preside della Pontificia Facoltà Teologica “Marianum” di Roma, ha spiegato che «il Papa ha avocato a sé ogni decisione su Medjugorje». Il giudizio di tale commissione non è definitivo e ha sezionato il “caso” in due segmenti: una prima parte riguarda le sette apparizioni iniziali, su cui il giudizio è quello di credibilità. Mentre la Commissione è perplessa sul seguito delle apparizioni, che continuerebbero ancora oggi.

Nel novembre scorso, Chiara Almirante, fondatrice della comunità Nuovi Orizzonti, si è recata da Papa Francesco avendo il sospetto che le informazioni in possesso del Pontefice -più volte intervenuto in modo critico verso la Madonna “postina”– non fossero fondate. Il Papa le ha risposto: «Chiara, guarda che sono io che ho salvato Medjugorje, perché la Commissione della Congregazione della Dottrina della Fede, sulla base di tante notizie anche false, aveva già detto che Medjugorje è tutto falso. Quindi sono io che poi ho salvato Medjugorje, sono io che ho mandato Hoser perché credo – quello che ho anche affermato nella conferenza stampa – che i frutti sono tanti e sono inequivocabili. Puoi dire che ho a cuore Medjugorje, e che non mi sono reso conto che quella affermazione, che io ho detto a titolo personale, ma che nasceva anche da una informazione sbagliata, era arrivata in maniera così forte. Quindi puoi dire che ho a cuore Medjugorje, molto a cuore. E che mi sto muovendo col mio delegato Hoser, proprio per custodire tutto ciò che c’è di bello c’è a Medjugorje». Proprio mons. Henryk Hoser, il vescovo polacco che Papa Francesco ha nominato come Visitatore Apostolico a Medjugorje, sottraendone la giurisdizione dal vescovo di Mostar, mons. Peric, ha annunciato qualche settimana fa la costruzione di un santuario più ampio, dopo aver definito Medjugorje “luce del mondo”.

 

La conversione dell’ingegnere agnostico João Carlos Da Silva.

Questo perché è innegabile la mole di conversioni che avvengono ogni anno in questo piccolo paesino, i cui frutti spirituali sono enormi e teologicamente sani. Tra essi proprio il prof. João Carlos Da Silva, il quale pur indifferente e completamente laico, alcuni anni fa ha acconsentito di accompagnare la moglie, devota cattolica, in un pellegrinaggio in seguito ad un esaurimento nervoso. Lui non ricordava neppure se aveva fatto o meno la Prima Comunione da piccolo, neppure l’ultima volta che era entrato in una chiesa o aveva assistito ad una celebrazione eucaristica, era più interessato a conoscere le tecniche di agricoltura del luogo che altro.

Il primo impatto, una volta arrivati a Medjugorje, fu scioccante. Lui stesso ha raccontato che nonostante 40 gradi di temperatura, migliaia di giovani erano raccolti in preghiera, interminabili file con centinaia di persone desiderose di confessarsi, canzoni, rosari. Ritornati all’ostello in cui alloggiavano, la guida li informò che il giorno seguente si sarebbe svolta un’apparizione dedicata ai non credenti. Si fece convincere dalla moglie e dalle figlie di scrivere su un foglio un’intenzione alla Madonna: «Intercedi per me davanti a Dio, perché perdoni i miei peccati». Durante la (presunta) apparizione, qualcosa in lui effettivamente accadde, in particolare -ha testimoniato- la sensazione di un «grande rammarico per il mio passato, per una vita colma di peccato, così passai tutto il mio tempo chiedendo a Dio la grazia del perdono». A questa sensazione si aggiunse un altro segno: «Sono stato assorbito da una brezza fresca e contemporaneamente tutte le cellule del mio corpo, dai piedi alla testa, sono state attraversate da qualcosa di simile a una corrente elettrica. Questo fenomeno durò alcuni secondi». La prima reazione, terminata l’apparizione, fu chiedere alle figlie se anche loro avevano sperimentato lo stesso, ricevendo risposta negativa e piuttosto sorpresa in quanto la temperatura era molto elevata.

La moglie si accorse del cambiamento di João Carlos Da Silva e insistette perché si confessasse, così fece e così avvenne la sua conversione e l’inizio della sua vita da cattolico. «Penso che questo sia stato il culmine dell’intercessione della Vergine di fronte a Dio, che avevo chiesto a Medjugorje. Dio vuole salvare tutti ed è pronto ad accogliere tutti quelli che sono lontani da Lui, come lo ero io».

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

35 commenti a Lo scienziato agnostico che si è convertito a Medjugorje

« nascondi i commenti

  1. G ha detto

    caso di disturbo schizotipico della personalità. In pratica un folle, gli consiglierei di andare il primo possibile da uno psicologo.

    • Patrizia ha detto in risposta a G

      ahahahha i problemi li hai tu che entri in un sito contrario al tuo pensiero e giudichi un signore senza averlo mai visto nè conosciuto. Consiglio a te di farti controllare, perchè dal commento si sente un certo rancore immotivato.

  2. Sisco ha detto

    Quel segno di cui si parla nell’articolo, sono dei semplicissimi brividi causati da una suggestione sorta in mezzo alle preghiere e ai canti dei devoti alla Madonna. Sfido qualunque ateo a non provare la stessa cosa in un’assemblea religiosa (a me capita anche a Messa a volte). Se non si è preparati ad affrontare i contenuti di una celebrazione si incorre facilmente in lacrime e quant’altro anche indipendentemente dall’età. Probabilmente poi quest’uomo che si è convertito non ne poteva più di resistere alle donne della sua famiglia che lo hanno spinto al gesto…

    • lorenzo ha detto in risposta a Sisco

      Sei proprio sicuro che quelli che tu definisci “semplicissimi brividi causati da una suggestione” non siano il bussare di Gesù alla porta del tuo cuore?
      “Ecco, sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me.” (Ap 3.20)
      Hai voglia a bussare se tu non ti decidi ad aprire e tieni chiusa quella porta…

    • Autolico ha detto in risposta a Sisco

      Ciao Sisco. Credo che tu abbia ragione. Ho accompagnato mia figlia a messa, deve fare la prima comunione e sta cominciando a prendere dimestichezza con la religione. Durante la prima parte mi sono solennemente annoiato, ma poi non so che cavolo mi è successo: durante la lettura del vangelo e la successiva predica m’è venuta una voglia di piangere che a stento ho trattenuto. Avevo accanto persone che conoscevo e ho temuto per tutto il tempo che se ne accorgessero. La cosa s’è ripetuta durante un canto sommesso e struggente che un piccolo coro ha cantato durante la distribuzione dell’ostia. Non assistevo alla messa da parecchio (a parte vari funerali) e la cosa mi ha lasciato perplesso. Il tuo commento spiega quello che ho provato. Ciao e grazie.

  3. Andrea2 ha detto

    Nel 2018 sono stato a Lourdes per la terza volta e a Medjugorje per la prima volta. Medjugorje mi ha molto colpito, quindi consiglio tutti, prima di esprimere giudizi basati sul nulla, di andarci di persona, potreste avere delle grosse sorprese.

  4. unoqualunque ha detto

    Il Papa le ha risposto: «Chiara, guarda che sono io che ho salvato Medjugorje, perché la Commissione della Congregazione della Dottrina della Fede, sulla base di tante notizie anche false, aveva già detto che Medjugorje è tutto falso. …
    che io ho detto a titolo personale, ma che nasceva anche da una informazione sbagliata, era arrivata in maniera così forte. Quindi puoi dire che ho a cuore Medjugorje, molto a cuore. E che mi sto muovendo col mio delegato Hoser, proprio per custodire tutto ciò che c’è di bello c’è a Medjugorje»

    E’ riportato ufficialmente dalla Sala Stampa Vaticana o sono parole inesatte riportate senza autorizzazione?

    Il Papa a Fatima:

    Sulle presunte apparizioni attuali ci sono dubbi. E io stesso, forse sono cattivo, preferisco la Madonna madre e non la Madonna a capo dell’ufficio telegrafico, che tutti i giorni invia un messaggio telegrafico a tal ora. Questa non è la mamma di Gesù e queste presunte apparizioni non hanno tanto valore

    Il Papa 14 novembre 2013 omelia di Santa Marta

    “Ci dicono: il Signore è qua, è là, è là! Ma io conosco un veggente, una veggente che riceve lettere della Madonna, messaggi della Madonna. Ma, guarda, la Madonna è madre! E ama tutti noi. Ma non è un capo ufficio della posta, per inviare messaggi tutti i giorni”

    Ora invece dice:

    Chiara, guarda che sono io che ho salvato Medjugorje, perché la Commissione della Congregazione della Dottrina della Fede, sulla base di tante notizie anche false, aveva già detto che Medjugorje è tutto falso…. non mi sono reso conto che quella affermazione, che io ho detto a titolo personale, ma che nasceva anche da una informazione sbagliata, era arrivata in maniera così forte

    Il Papa avrebbe avuto informazioni FALSE? Tutti conoscono Medjugorie quindi sapeva bene quello che diceva.

    Questo perché è innegabile la mole di conversioni che avvengono ogni anno in questo piccolo paesino

    La gente che si reca lì è sempre molto suggestionata ed è gia convertita, non mi risulta che ci vadano gli atei!

    La scienza e Medjugorje: apparizioni e sole pulsante

    Come mai, se cambia il sole, non cambia nulla da nessuna parte e i satelliti non hanno rilevato nulla?

    La scienza non è certo rappresentata dal parapsicologo! Questa è da sempre derubricata a ciarlataneria.

    • Emanuele ha detto in risposta a unoqualunque

      La prima parte del tuo commento rientra nel “qui lo dico e qui lo nego” cui ormai Papa Francesco ci ha abituati… Anche io ricordavo le critiche al caso Medjugorie. Ora apprendo che la salvato la Madonna dalle grinfie dei cardinali.

      Permettimi però due appunti:

      1. Conversioni. Non ci si riferisce solo a casi di atei convinti che arrivati al santuario si convertono. Ci si riferisce soprattutto ai tanti cattolici tiepidi, stanchi demotivati che lì trovano conforto e nuova passione. Convertire vuol dire infatti “cambiare direzione”. Molti cattolici tendono a diventare scettici, a diventare non praticanti, a diffidare della chiesa e a dubitare di Dio. Sono cattolici più per cultura e moralismi che per fede. Anche loro hanno bisogno di conversione.

      2. Fenomeni straordinari. Se fossero legati ad una particolare attività solare (brillamenti, eruzioni, etc.), non sarebbero fenomeni straordinari ed inspiegali. Sarebbero appunto rilevati in tutto il mondo e dagli astronomi.

      Qui la faccenda è diversa, migliaia di persone che vedono la stessa cosa nello stesso modo. Può essere suggestione o le famose “allucinazioni collettive”? …esistono anche foto e filmati. Possono essere ritoccati? Certo, ma allora solo gli artefici della manipolazione direbbero di aver visto i fenomeni suddetti (come avviene per la formazione dei cerchi sul grano). Qui invece ci sono migliaia di testimoni oculari che non hanno ritratto.

      Questo esclude che si tratti di un fenomeno naturale? No di certo. Potrebbe trattarsi di un miraggio prodotto da particolari turbolenze atmosferiche.

      Questo implica che il fenomeno straordinario può sempre essere inteso in vari modi, ma non per questo è falso. Come sempre poi lo scientismo porta ad escludere un attore fondamentale: il soggetto che vive l’esperienza. Il miracolo è prima di tutto un esperienza soggettiva ed essendo un caso unico non è a rigori neppure indagabile dalla scienza (come non lo sono l’amore, l’amicizia, l’odio, l’altruismo, etc.).

      • unoqualunque ha detto in risposta a Emanuele

        1. Conversioni. Non ci si riferisce solo a casi di atei convinti che arrivati al santuario si convertono. Ci si riferisce soprattutto ai tanti cattolici tiepidi, stanchi demotivati che lì trovano conforto e nuova passione.

        ma se ci sono dubbi oggettivi non si risolvono di certo cercando fenomeni da baraccone.. o andando in luoghi pieni di esaltazione, cosi si coltiva solo la propria suggestione

        2. Fenomeni straordinari. Se fossero legati ad una particolare attività solare (brillamenti, eruzioni, etc.), non sarebbero fenomeni straordinari ed inspiegali. Sarebbero appunto rilevati in tutto il mondo e dagli astronomi.

        eh ma non c’entrano niente con quello che riguarda Medjugorie nè sono stati registrati eventi simili in quelle date

        Qui la faccenda è diversa, migliaia di persone che vedono la stessa cosa nello stesso modo. Può essere suggestione o le famose “allucinazioni collettive”? …esistono anche foto e filmati. Possono essere ritoccati?

        Certo, ma allora solo gli artefici della manipolazione direbbero di aver visto i fenomeni suddetti (come avviene per la formazione dei cerchi sul grano). Qui invece ci sono migliaia di testimoni oculari che non hanno ritratto.

        in una grande quantita di persone molto suggestionate basta che uno dica che c’è una nuvola a forma di qualcosa e tutti concordano,

        vogliono vedere ed essere coinvolti in forti suggestioni, vanno lì per quello, sono fenomeni conosciuti da sempre, un esempio su tutti da cercare su google: “VergineMaria tronco newyork”,

        dove le persone sono convinte di vedere un alberello a forma di Vergine Maria!

        Le foto e i filmati non fanno vedere letteralmente nulla solo l’otturatore che si apre e si chiude e in uno di questi filmati si invita letteralmente a guardare dentro la camera
        anche perchè quando l’otturatore si chiude ovviamente è buio e se fosse vero sarebbe buio per l’intero pianeta, non servirebbe una telecamera!

        Questo implica che il fenomeno straordinario può sempre essere inteso in vari modi, ma non per questo è falso. Come sempre poi lo scientismo porta ad escludere un attore fondamentale: il soggetto che vive l’esperienza. Il miracolo è prima di tutto un esperienza soggettiva
        ed essendo un caso unico non è a rigori neppure indagabile dalla scienza (come non lo sono l’amore, l’amicizia, l’odio, l’altruismo, etc.).

        eh no, non è soggettiva! Se il sole “balla” (cosa che non è vero per ovvie ragioni) o se un tizio sotto esorcismo è in grado di sollevare una macchina o se una statua piange sangue sarebbero cose del tutto oggettive, indagabili dalla scienza e che invece non sono mai state rilevate.

        • Emanuele ha detto in risposta a unoqualunque

          1. La fede non è solo una questione di fredda logica. C’è chi si converte leggendo il massimo del rigore filosofico come San Tommaso,chi conoscendo santi straordinari come Madre Teresa o Padre Pio, chi pregando, chi facendo pellegrinaggi come a Medjugorje… Qual è il problema? C’è qualcosa di male nel pregare, confessarsi, partecipare ad una messa, riflettere sui messaggi attribuiti a Maria (che appunto invitano alla conversione tramite preghiere ed opere di bene)?

          Anche se fossero falsi, la gente non torna a casa devota verso i veggenti o estasiata dal folklore, ma devotissima alla Vergine Maria e a suo figlio, quindi con più fede.

          2. Non mi sono evidentemente spiegato. Se si trattasse di fenomeni naturali ordinari, essi sarebbero rilevati e spiegati dalla scienza. Il discorso sarebbe chiuso lì.

          Il fatto straordinario consiste appunto in un fatto che sfugge alle spiegazioni scientifiche, come quelli descritti a Medjugorje o altri santuari. Non è del tutto vero neppure che non sono stati visti da altre parti: alcuni testimoni dicono di aver visto questi fenomeni celesti da altre parti del mondo, in concomitanza con quello che avveniva al Medjugorje, senza però aver ricevuto la notizia.

          Ti ripeto che anche la suggestione è sopravvalutata. Anche perché non tutti i testimoni vedono la stessa cosa, alcuni non vedono nulla, senza nessuna attinenza con la loro devozione o il loro titolo di studio o la loro fede.

          Il soggettivo invece in questo caso c’entra eccome. Se vedere una nuvola o un ramo mi cambia completamente la vita, il soggetto c’entra eccome. Questi fenomeni non sono neutri.

          Ad esempio l’ultima miracolata di Lourdes rispose ad un Odifreddi (lui si che faceva il teatrino!) sprezzante: “ma se io sono qui viva in carne ed ossa, come può dire che è tutto falso?”.

          Così chi ha visto il sole o altri fenomeni straordinari a Medjugorje dice: “ma se quel fenomeno mi ha cambiato la vita, come puoi dire che è falso? Solo perché i tuoi limitati strumenti di misura non lo hanno colto?”

          • Panthom ha detto in risposta a Emanuele

            Caro Emanuele, scrivi sicuramente cose giuste ma una persona che contrasta costantemente e pubblicamente l’azione del Papa perde qualunque credibilità quando parla di fede. Non andrebbe nemmeno letto.

  5. alessandro pendesini ha detto

    La scienza non è certo rappresentata dal parapsicologo! Questa è da sempre derubricata a ciarlataneria.
    unoqualunque
    Concordo pienamente !

    Comprendere i meccanismi neurologici delle allucinazioni permette anche capire i miracoli, o le visioni fantasmagoriche di soggetti biblici o mitici.
    Molte illusioni del corpo cosi come allucinazioni sono state descritte. Un soggetto affetto da autoscopia (In parapsicologia, fenomeno, che si verifica in particolari condizioni : ipnosi, isterismo, sonnambulismo), per cui il soggetto avrebbe la visione del proprio organismo dall’esterno o dei propri organi interni).seguito a lesioni emisferiche destre si vede come si vedrebbe in uno specchio, o ha sensazioni di osservarsi all’interno di sé stesso più di quanto si vede
    Tra le allucinazioni uditive (disturbi legati lobo temporale) possiamo citare la sensazione di rumori indistinti (tintinnio) -mormorii, soffi d’aria, fruscii d’acqua, passeggi di treni, porte che scricchiolano, rumori di piatti rotti, battiti di mani, rumori di passi provenienti da una fonte esterna che generano una grande emozione (vedi il sacerdote di Ars), cosi come percezione di suoni, melodie, orchestrazioni musicali, discorsi con a volte una sensazione di già vissuto, ecc….
    Analogamente sono state riferite allucinazioni visive elementari (punti luminosi, macchie di colore, strisce parallele, spirali, zig-zag) associati a lesioni delle aree visive primarie o complesse (oggetti, animali, visioni animate della Vergine del Roveto ardente … ) a causa di lesioni parieto-occipitali di destra.
    Va notato inoltre che a una certa età, la perdita dell’udito o della vista è spesso accompagnata da allucinazioni.

    E questo lo scienziato Carlos Da Silva dovrebbe saperlo….

    • Emanuele ha detto in risposta a alessandro pendesini

      Ed i guariti a Lourdes? Erano allucinati tutti i dottori, compresi premi Nobel, che avevano fatto le visite ai pazienti prima della guarigione? Allucinazioni collettive che facevano certificare alle equipe degli ospedali malattie immaginarie?

      Alessandro, se vuoi usare un approccio scientifico, prima di tutto devi rassegnarti al fatto che l’80% di cosa c’è nell’universo non è indagabile e
      probabilmente non lo sarà mai (materia oscura) e il 90% delle forze che lo animano sono ignote (energia oscura).

      Con una così bassa conoscenza delle cose, come puoi azzardare ipotesi su fenomeni straordinari? Il tuo (vostro) è solo un tentativo di comprimere il cosmo in quel misero 20% che si conosce, cosa non diversa dai geocentristi che vedevano le stelle distanti a portata di mano e le comete e le nove passare sotto l’orbita della Luna.

      • alessandro pendesini ha detto in risposta a Emanuele

        Ed i guariti a Lourdes? Erano allucinati tutti i dottori, compresi premi Nobel, che avevano fatto le visite ai pazienti prima della guarigione? Allucinazioni collettive che facevano certificare alle equipe degli ospedali malattie immaginarie?
        Caro Emanuele :
        Molto diverso sarebbe il problema se si partecipasse a un evento non improbabile ma impossibile. Purtroppo, se tali fenomeni esistono in letteratura, non sono mai stati osservati e valutati da una commissione come quella che autentica i miracoli di Lourdes. Così, in tutti gli archivi che si accumulano nell’ufficio del dottore Patrick Theillier, (cattolico, difensore di EMI !!!) medico permanente dell’ufficio medico dei santuari di Lourdes, nessuna traccia di resurrezione, nessun membro amputato che sia cresciuto …

        NB : È comune osservare che alcune persone, semplicemente leggendo la nota esplicativa che si trova nella scatola dei farmaci, inizieranno a sviluppare spensieratamente quasi tutti i segni elencati !
        Alcune donne che vogliono disperatamente essere incinte – e talvolta quelle che temono profondamente la gravidanza – sviluppano i segni e sintomi di una vera gravidanza, alla differenza che in questi casi NON c’é il bambino…. (gravidanza isterica : malattia psicosomatica causata da fenomeni emotivi e pressioni psicologiche)…..
        Quindi, caro Emanuele, questi fenomeni elencati e moltissimi altri ti dovrebbero fare riflettere ed aiutare a capire i loro meccanismi biopsicologici che li generano ! Ma temo che le tue competenze nella branca neurologica siano un tantino limitate…..Purtroppo !

        Alessandro, se vuoi usare un approccio scientifico, prima di tutto devi rassegnarti al fatto che l’80% di cosa c’è nell’universo non è indagabile e probabilmente non lo sarà mai (materia oscura) e il 90% delle forze che lo animano sono ignote (energia oscura)……

        Vorrei farti notare che l’elenco dei problemi risolti dalla filosofia o teologia non è davvero impressionante !!!
        Alcuni filosofi, inclusi gli Heideggeriani più devoti, concludono che la fisica non è in grado di descrivere gli aspetti più fondamentali della realtà e la squalificano come modalità ingannevole di conoscenza.
        Troppo spesso in passato ci siamo resi conto che sono le nostre intuizioni immediate che sono imprecise o errate: se fossimo rimasti con queste visioni puramente illusorie, continueremmo a pensare che la terra è piatta e che il sole gira intorno ad essa…..
        Le intuizioni provengono dalla nostra esperienza limitata, dalla nostra ignoranza. Affidarsi alle intuizioni immediate, piuttosto che ai risultati di un esame collettivo, razionale, attento e intelligente, non è saggezza: è la presunzione del piccolo vecchio che rifiuta di credere che il vasto mondo oltre Il villaggio in cui ha sempre vissuto possa essere diverso da quello che ha sempre conosciuto…..

  6. Andrea2 ha detto

    Io ho scritto consiglio tutti, prima di esprimere giudizi basati sul nulla, di andarci di persona, potreste avere delle grosse sorprese ma quelli che sanno tutto di tutto e si considerano molto più intelligenti del prossimo (figura umana che in italiano viene definita dalla parola saccente) non hanno seguito il mio consiglio e mi costringono a dire di più, cosa abbastanza inutile visto che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire ma che può essere utile a qualcun altro.
    Quando sono andato a Medjugorje, benché un mio conoscente, persona serissima, mi avese detto di aver osservaro il fenomeno, non mi aspettavo affatto di vedere il sole pulsare ma l’ho visto. Ho osservato accuratamente il fenomeno (anche se purtroppo, dato che non mi aspettavo di vederlo, non ho avuto la prontezza di spirito di osservarlo anche con un solo occhio alla volta) e vi posso dire quanto segue:
    1) La miracolosità del fenomeno non consiste nel fenomeno stesso ma dal fatto che un rarissimo fenomeno meteorologico accada con straordinaria frequenza proprio a Medjugorje e solo da quando vi sono le apparizioni in quanto se vi fosse accaduto anche prima il posto sarebbe diventato famoso prima della apparizioni così come un paesino presso il quale vi sia un’eco straordinaria diventa una famosa attrazione turistica.
    2) Il fenomeno nasce dal sovrapporsi di due distinti eventi meteorologici. Il primo rarissimo (in precedenza l’ho ossevato una sola volta), il secondo più frequente ma non nell’intensità vista a Medjugorje.
    3) Per evitare un inutile dialogo coi sordi e per evitare di essere subissato di sciocchezze fuori tema copiate da Internet dai saccenti, non vi dico quali siano questi due eventi meteorologici ma vi ripeto prima di esprimere giudizi basati sul nulla, andateci di persona, potreste avere delle grosse sorprese.
    4) Comunque, per dare un aiutino, vi dico che del primo dei due fenomeni (quello rarissimo) si dice sia più frequente in alcune zone della Namibia.
    P.S. Quello che mi ha molto colpito a Medjugorje non è stato il sole che pulsa, anche se non l’avessi visto, il mio giudizio sarebbe immutato.

  7. EnnesimoUtente ha detto

    Come sempre si cerca la dimostrazione scientifica dell’esistenza di Dio… non c’è. E forse è anche meglio così, in maniera tale che se uno voglia essere agnostico è libero di farlo. “Il Verbo si è fatto carne…” eppure ci ha lasciati liberi di non crederci. Per me è un gesto di Amore, altrimenti saremmo chiusi in un senso di costrizione. Posso anche dire che la gravità non esiste, posso dire che la Terra non è tonda, ma la oggettività di queste cose mi travolgerebbe, al di là dei giudizi delle persone, che posso tranquillamente ingorare.
    Cosa è un miracolo? Lazzaro che esce dalla tomba? Il cieco che ci vede? La moltiplicazione dei pani e dei pesci? E secondo voi nessuno all’epoca aveva dubitato che ciò che era successo davanti ai loro occhi era vero? Nessuno ha pensato ad un trucco? O si crede o non si crede, o si ha fede o non la si ha. Ma la Fede in Dio è un cammino, a cui in ogni momento bisogna dire si. Non basta dire ho fede e sono a posto per sempre.
    E’ innegabile che ci siano luoghi che sono più santi di altri, dove la manifestazione del trascendente è più evidente. E dove si può essere travolti da qualcosa che è in grado di togliere le nosre certezze, dandocene altre più vere.
    Tante persone vanno a Lourdes e chiedono il miracolo della guarigione e quando questo non avviene dubitano o pensano al raggiro. Non sempre quello che chiediamo è per il nostro bene, anche se ci sembra giusto. E il Bene assoluto non può permettere che ci accada il male. Umanamente incomprensibile, a meno di non affidarsi a qualcosa di più grande di noi, come il bambino che sta imparando a camminare tende la mano al papà per sorreggersi meglio. E’ un gesto spontaneo, non gli serve sapere il motivo, ma dentro di se sa che non può avere di meglio.
    Spero di non aver annoiato, questa ovviamente è la mia opinione…

    • EnnesimoUtente ha detto in risposta a EnnesimoUtente

      P.S.: io a Lourdes ci sono stato anche se personalmente non sento l’esigenza di vedere miracoli per credere. Ci sono stato perchè mia moglie(affetta da distrofia muscolare e che ogni anno andava a Lourdes spinta dai genitori per chiedere una sorta di miracolo) aveva promesso alla Madonna che sarebbe tornata a ringraziarla se avesse avuto la grazia di sposarsi. Dopo otto anni di matrimonio ci siamo andati, per me era la prima volta. Ho avuto una sensazione di comprensione e di sollievo dai propri sensi di colpa indescrivibile, e la sensazione netta che qualcuno mi stesse aspettando. Non chiedevo niente, siamo solo tornati a ringraziare.
      Si, derubrichiamo questo fatto a suggestione…. non ce la faccio. E vi giuro, non sono suggestionabile!

      • alessandro pendesini ha detto in risposta a EnnesimoUtente

        E vi giuro, non sono suggestionabile!
        EnnesimoUtente
        Tutto da dimostrare !

        L’auto convinzione cosi come l’auto induzione ecc…sono caratteristiche ben note e documentate nella branca della neurofenomenologia ! E’ evidente che variano secondo la personalità dell’individuo, ma sostenere con certezza che una persona non sia -sia pur minimamente- soggestionabile è un grosso sbaglio.
        Idem, ad esempio, di tutti coloro che pretendono NON essere suggestionabili tramite “l’effetto placebo o nocebo”. Nenache un premio Nobel in neurologia, psichiatria ecc…non puo’ (salvo casi patologici) sottrarsi da questi fenomeni particolarmente tipici della specie umana.

        • Emanuele ha detto in risposta a alessandro pendesini

          Sì, ma la suggestione vale in entrambi i versi. Ci sono persone che si ostinano a non vedere fatti eclatanti. Ad esempio molte persone (compresi illustri dottori), contrariamente alle conoscenze scientifiche assodate, negano che l’embrione ed il feto siano esseri umani. Eppure hanno tutti gli strumenti necessari a misurare e valutare.

          Quindi, non capisco perché il suggestionato dovrebbe essere sempre quello che assiste ad un fenomeno strano e non chi davanti al fenomeno lo nega.

          • alessandro pendesini ha detto in risposta a Emanuele

            Ci sono persone che si ostinano a non vedere fatti eclatanti. Ad esempio molte persone (compresi illustri dottori), contrariamente alle conoscenze scientifiche assodate, negano che l’embrione ed il feto siano esseri umani. Eppure hanno tutti gli strumenti necessari a misurare e valutare.
            Emanuele
            Diversi elementi suggeriscono che l’embrione –inoltre privo dell’encefalo !- non puo’ essere considerato una persona. Così si pone la questione dell’unicità della persona umana. E questo malgrado che fino al 14esimo giorno possa dividersi, dando alla luce due gemelli……
            Inoltre, considerando la frequenza nella specie umana di aborti NATURALI spontanei, che riguardano almeno una concezioni su tré, QUINDI OLTRE IL 30% DELLE CONCEZIONI !!!….come possiamo accettare che la “natura” quindi dio –il creatore come i cattolici dicono- sacrifichino oltre il 30% delle “persone”???
            NB La natura è neutrale, spesso generosa a volte crudele, a seconda del caso.

        • EnnesimoUtente ha detto in risposta a alessandro pendesini

          Vero, chiunque è suggestionabile… mi rifiuto però si relegare tutta la sfera umana relativa alle emozioni ad un semplice fenomeno della psiche.
          Non credo che esistano farmaci che possano eliminare il desiderio di felicità e di realizzazione profonda che è insito in ognuno di noi. Altrimenti, scusate il cinismo, basterebbe usarli così che ci riducano ad esseri insensibili e a vivere come degli automi.
          Non so se essere razionali significhi negare le emozioni… io mi ritengo una persona intelligente e uso la mia ratio per non negare l’esistenza di qualcosa di non spiegabile.

    • federico74 ha detto in risposta a EnnesimoUtente

      La cosa interessante (si fa per dire) è che tanti atei ossessionati dallo scientismo (parodia della scienza) e dal razionalismo (parodia della razionalità) sono poi i primi a credere ai complotti delle scie chimiche, degli extraterrestri, e via delirando.
      “Chi non crede in Dio finisce col credere a tutto” ( Gilbert Keith Chesterton).

  8. massimo Lemma ha detto

    a prescindere dall’articolo racconto la mia esperienza personale. A Medjugorje ci sono stato e un mio amico compagno di pellegrinaggio ha visto il sole pulsante lo stesso giorno del mio pellegrinaggio. Peccato che io non lo abbia visto. Che significa ? Ognuno vede quel che desidera vedere. La fede è frutto dei propri desideri e imprinting infantile. E’ un processo neurologico.

  9. alessandro pendesini ha detto

    lode a Dio che vuole salvare i suoi figli non credenti.
    Nancy Aletta :
    Un dio (cattolico in questo caso) -onnipotente e onnisciente- poteva creare -se avesse voluto- una libertà che non consentisse il male (inteso come fisico, dovuto a malattie, maformazioni ecc..) oltre certi limiti, limitandosi ad un male fisico necessario (come segnale che richiama l’attenzione) evitando quello insopportabile o atroce. Quindi, sarebbe assurdo affermare che il male -che non esisteva- l’ha voluto lui ?

    N.B. -Se il dolore che avverte in caso di malattia e ci incoraggia a curarsi, perché dovrebbe persistere, spesso al di là quello che è sopportabile, quando le cure hanno fallito e si prevede inevitabilmente la morte???

    • Luigi ha detto in risposta a alessandro pendesini

      principalmente avrebbe evitato la catena alimentare basata sulla predazione..

    • EnnesimoUtente ha detto in risposta a alessandro pendesini

      Alessandro, quale Dio manda suo Figlio a morire in croce? Lo stesso Figlio che pregando dice “Allontana da me questo calice?”
      Non posso neanche lontanamente immaginare il motivo per cui il Creatore ci ha fatti così, ci ha messi in questo mondo, fatto così, non posso nemmeno sapere perchè non mi ha fatto nascere in un sobborgo di Nuova Delhi in mezzo ad una strada, nella povertà più assoluta.
      Posso solo dire: “apro le braccia e accetto la realtà così come è” ma con la Speranza che c’è ben altro dopo la nostra esistenza terrena, ma soprattutto con la fiducia che niente accade per caso. Se ci si affida (e guarda che non è irrazionale farlo) al fatto che bisogna passare attarverso la sofferenza perchè c’è una Presenza che puoi scorgere solo facendolo, si ha per davvero il centuplo quaggiù.
      Liberi di accettarlo, come liberi di non avere nessuna speranza e liberi dunque di non accettare nulla di quello che si vede e di vivere la frustrazione di non poter cambiare nulla.
      Posso dire di essere una persona fortunata? Si, lo sono, perchè grazie alla sofferenza di mia moglie ho uno sguardo sulla realtà molto più libero e realizzato di tanta gente. Si poteva fare diversamente? No, perchè persino Suo Figlio è passato da lì per farci vedere la strada. Se Gesù non moriva, poteva risorgere?

    • lorenzo ha detto in risposta a alessandro pendesini

      Quello che tu chiami male esiste solo sulla terra o esiste, per esempio, anche su Giove, su Venere, su Marte… ?
      Se la tua risposta fosse che il male non esiste su Giove, Venere, Marte…, ma esiste solo sulla terra, mi sapresti spiegare il perché?

  10. Klaud ha detto

    *… «il Papa ha avocato a sé ogni decisione su Medjugorje»… +
    Interessante, e cosa può decidere su cose che non ha visto personalmente, ma sentite solo di seconda mano?

    Forse tutto si spiega con quei 40 gradi di temperatura. Che dire del programma che prevedeva per il giorno dopo una apparizione per i non credenti?…
    Se gli organizzatori possono fare tappa nella mia città, garantisco la mia presenza, ma se l’apparizione non si verifica voglio essere rimborsato. 😆

    • Norberto ha detto in risposta a Klaud

      Io rispetterei l’esperienza di un uomo che ha oggettivamente cambiato vita in un luogo dove tantissime persone lo fanno, senza cercare di sminuire ogni volta le conversioni che evidentemente vi infastidiscono così tanto. Nessuno vi prende in giro perché smettete di credere, perché lo fate quando perdete alla schedina o perché volete avere l’amante senza dover rendere conto a certi principi morali. Nessuno ironizza, però non perdete (voi nel senso di atei/agnostici) di ironizzare sulla vita altrui e sulle decisioni altri e su tutto ciò che non capite.

      Il fatto che vi sia una “apparizione per i non credenti” significa probabilmente che ci sono tante persone non credenti che si recano lì, insoddisfatte della loro vita e che cercano un cambiamento morale che non possono auto-generarsi. E c’è un momento dedicato a loro, dove magari c’è un’attenzione maggiore alle loro intenzioni.

      • EnnesimoUtente ha detto in risposta a Norberto

        Concordo pienamente, anzi, effettivamente ci penserei sopra per bene al fatto che uno scienziato abbia avuto una conversione, cioè abbia avuto la lucidità di accettare un nuovo modo di vivere la sua vita.

        Non capisco perchè se uno da non credente diventa credente viene considerato schizofrenico, matto, irrazionale, suggestionato mentre invece se uno abbandona la Fede è sano di mente, anzi, quasi viene applaudito perchè finalmente si è rinsavito.

        • alessandro pendesini ha detto in risposta a EnnesimoUtente

          Non capisco perchè se uno da non credente diventa credente viene considerato schizofrenico, matto, irrazionale, suggestionato mentre invece se uno abbandona la Fede è sano di mente, anzi, quasi viene applaudito perchè finalmente si è rinsavito.
          EnnesimoUtente
          E chi sarebbe questa gente che considera “schizofrenico, matto, irrazionale” una persona che da atea diventa credente ???

          Personalmente rispetto le convinzioni filosofiche -ma anche irrazionali- di qualsiasi persona; a patto pero’ che questa NON diffonda delle false simmetrie per ingannare da circa due millenni gente che non condivide il suo credo ! OK?

          • EnnesimoUtente ha detto in risposta a alessandro pendesini

            Alessandro, la Chiesa non vuole ingannare nessuno… Chi crede non vuole ingannare nessuno… Ma quali sarebbero le false simmetrie?
            Io personalmente non cerco di convincere nessuno, porto semplicemente una testimonianza. Ho detto che non riesco a relegare nella sfera della suggestione una sensazione che ho provato, ma non ho cercato di convincere nessuno. Che lo scienziato si sia convertito è un dato di fatto, che lo abbia fatto a Medjugorie è un dato di fatto…

            • federico74 ha detto in risposta a EnnesimoUtente

              Le false simmetrie fanno parte del suo sistema mentale particolare.

              • alessandro pendesini ha detto in risposta a federico74

                Le false simmetrie fanno parte del suo sistema mentale particolare.
                Caro Federico
                Esiste un criterio per verificare se un’opinione è ragionevole o no e non tutte lo sono. Basta dimostrare che lo è, invece di pretenderlo senza l’ombra di una prova accertata o razionale !!!
                Il problema sorge quando una opinione pretesa unilateramente ragionevole vuole irragionevolmente –ma anche con aggressività e pena di morte come durante l’epoca dell’inquisizione- essere imposta a tutti ! E questo è cio’ che ha fatto, e continua a fare la Chiesa cattolica da circa due millenni ! Ed ha portato il suo frutto : il Vaticano quindi la Chiesa cattolica possiede un capitale immobiliare di circa 2000 MILIARDI DI EURO, DICO BENE DUEMILA MILIARDI DI EURO, 400 DI QUESTI SOLO IN ITALIA, ma anche -cigliegina sulla torta- circa 60.000 TONNELLATE di ORO !!! E NON si vergogna di chiedere puntualmente allo stato italiano, quindi ai contribuenti, 8 MILIARDI di €/anno ! Quando il debito del Bel Paese ammonta ad oltre DUEMILA CINQUECENTO MILIARDI DI EURO !!!…..
                Pazzesco !

« nascondi i commenti