Missionario benedettino celebrato da indù: «ha cambiato nostra mentalità»

missionario cristiano indiaPrem Bhai, il missionario benedettino che ha convertito centinaia di persone in India, evangelizzando nella clandestinità. A sorpresa, nel suo decimo anniversario, è stato commemorato dai leader dell’indusimo e del buddhismo, che hanno annunciato l’abrogazione della legge anti-conversione.

 

Sono solo 19 milioni i cattolici presente in India, i cui abitanti si aggirano attorno a 1 miliardo. Anche l’induismo, come l’Islam, ha davvero grossi problemi nel rispetto delle donne e il mondo occidentale lo ha intuito pochi giorni fa quando si è diffusa la notizia di due donne entrate per la prima volta in un tempio induista, uno dei più sacri del Paese.

Un gesto storico e scioccante che ha generato scontri in piazza tra fedeli e polizia e rituali di “purificazione” del tempio, ma che fa seguito ad un’intervento della Corte Suprema che ha cancellato il divieto di ingresso nel tempio alle donne “impure”, cioè in fase mestruale (dai 10 ai 50 anni). Pochi giorni fa il parlamento indiano ha invece approvato una legge che obbliga il settore pubblico a riservare il 10% dei posti di lavoro a coloro che sono “economicamente vulnerabili”, a patto che siano poveri delle alte caste escludendo ancora una volta i dalit, in gran parte cristiani, ancora ritenuti “intoccabili” perché impuri. L’induismo ha anche al suo interno un folto gruppo di fondamentalisti chiamati “nazionalisti”, che recentemente hanno calpestato l’immagine di Papa Francesco vicino alla Cattedrale del Sacro Cuore a Nuova Delhi, chiedendo un’India libera dai cristiani.

 

Leader indù e buddhisti rendono omaggio al missionario benedettino.

Tutto questo rende ancora più sorprendente quanto accaduto qualche settimana fa, quando molti rappresentanti dell’induismo si sono stretti nell’omaggio di un missionario cristiano, Henry Gaigwad, un benedettino morto dieci anni fa e sepolto al confine con lo Stato di Assam. Nel 1981 si avventurò per la prima volta in India, stabilendosi nello stato di Arunachal Pradesh e facendosi chiamare Prem Bhai per aggirare la legge sulla messa la bando dei missionari cristiani. Nella clandestinità praticò l’evangelizzazione, incontrando uomini e donne nei villaggi e proponendo loro il percorso cristiano, convertendo, battezzando e fondando chiese e monasteri. Il benedettino ha assunto un ruolo fondamentale nella diffusione del cristianesimo in quello stato indiano (che nel 2011 contava il 30% di cristiani), fino alla morte nel 2008. Alcuni dicono che sia merito suo e delle innumerevoli conversioni che la persecuzione dei cristiani ebbe un rallentamento.

Sorprendente l’omaggio rivoltogli durante la celebrazione dell’anniversario da Takam Sanjoy, leader del Congresso Nazionale Indiano, fondato da Sonia Gandhi. «Le tribù dell’Arunachal Pradesh sono ossessionate dal sentimento di vendetta, credono nel detto occhio per occhio, dente per dente», ha dichiarato il politico induista. «Ma Prem Bhai ha cambiato questa mentalità». Un altro leader politico, Nabam Rebia, ha aggiunto: «Grazie a lui, la nostra gente è cambiata, ha aperto gli occhi e sono certo che è stata una fonte d’ispirazione per l’umanità intera». Addirittura il primo ministro buddista, Pema Khandu ha annunciato una donazione di 14.800 dollari alla fondazione gestita dalla famiglia del missionario benedettino, per ampliare il santuario dov’è sepolto. Anche lui ha riconosciuto: «Ha profondamente cambiato l’approccio che ciascuno ha verso il prossimo».

Con grande sorpresa dei 700 cattolici presenti alla commemorazione, Pema Khandu ha anche annunciato l’abrogazione della legge anti-conversione del 1978, ammettendo che «è indirizzata verso i cristiani». Lo stesso Pre Bhai, ha spiegato Anto Akkara, aveva affrontato ben 8 arresti (e diversi pestaggi) a causa della sua opera di evangelizzazione.

 

Missionari cristiani: lo studio di un antropologo laico.

Nel 2014 era stato l’antropologo americano Brian Palmer, rigorosamente laico, a firmare uno studio sui missionari cristiani, ammettendo che «la Chiesa cattolica, con le sue scuole e le sue opere sanitarie e d’assistenza, resta l’unica struttura sociale in grado di mantenere una rete istituzionale e morale a livello nazionale e internazionale», fin nei Paesi più poveri e degradati. «Spesso sono gli uomini della Chiesa a farsi carico della mediazione e dell’opposizione nei molteplici, talvolta sanguinosi, slittamenti verso forme di governo dittatoriali cercando di far avanzare il Paese verso forme di governo meno corrotte e più credibili».

L’esempio del benedettino Henry Gaigwad conferma i frutti di civiltà del cristianesimo missionario, così come hanno riconosciuto i leader indù e buddhisti dell’India in occasione del suo anniversario di morte.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

4 commenti a Missionario benedettino celebrato da indù: «ha cambiato nostra mentalità»

« nascondi i commenti

  1. Freja ha detto

    «la Chiesa cattolica, con le sue scuole e le sue opere sanitarie e d’assistenza, resta l’unica struttura sociale in grado di mantenere una rete istituzionale e morale a livello nazionale e internazionale»

    L’esempio del benedettino Henry Gaigwad conferma i frutti di civiltà del cristianesimo missionario

    Si chiama Mafia sotto l’esercizio di noto ricatto: lo Stato diventa debole ed è costretto ad appaltare ad un privato la gestione dei porpri servizi, in questo modo quel privato “compra il debito” entrando nei centri funzionali di una societa e diventandone il padrone, conquistando un potere che vale molto piu dei soldi.

    Tutto già visto, è la principale politica mafiosa che consentito al cristianesimo di diffondersi in occidente.

    Nella clandestinità praticò l’evangelizzazione, incontrando uomini e donne nei villaggi e proponendo loro il percorso cristiano, convertendo, battezzando e fondando chiese e monasteri.

    La chiesa permetterebbe che qualcuno entrasse nelle chiese cristiane cercando di convertire la gente ad un’altrea relgione?

    In questo caso la bibbia incita al massacro:

    [7]Qualora il tuo fratello, figlio di tuo padre o figlio di tua madre, o il figlio o la figlia o la moglie che riposa sul tuo petto o l’amico che è come te stesso, t’istighi in segreto, dicendo: Andiamo, serviamo altri dei, dei che né tu né i tuoi padri avete conosciuti,

    [8]divinità dei popoli che vi circondano, vicini a te o da te lontani da una estremità all’altra della terra,

    [9]tu non dargli retta, non ascoltarlo; il tuo occhio non lo compianga; non risparmiarlo, non coprire la sua colpa.

    [10]Anzi devi ucciderlo: la tua mano sia la prima contro di lui per metterlo a morte; poi la mano di tutto il popolo;

    [11]lapidalo e muoia, perché ha cercato di trascinarti lontano dal Signore tuo Dio che ti ha fatto uscire dal paese di Egitto, dalla condizione servile.

    [12]Tutto Israele lo verrà a sapere, ne avrà timore e non commetterà in mezzo a te una tale azione malvagia.

    [13]Qualora tu senta dire di una delle tue città che il Signore tuo Dio ti dà per abitare,

    [14]che uomini iniqui sono usciti in mezzo a te e hanno sedotto gli abitanti della loro città dicendo: Andiamo, serviamo altri dei, che voi non avete mai conosciuti,

    [15]tu farai le indagini, investigherai, interrogherai con cura; se troverai che la cosa è vera, che il fatto sussiste e che un tale abominio è stato realmente commesso in mezzo a te,

    [16]allora dovrai passare a fil di spada gli abitanti di quella città, la voterai allo sterminio, con quanto contiene e passerai a fil di spada anche il suo bestiame.

    [17]Poi radunerai tutto il bottino in mezzo alla piazza e brucerai nel fuoco la città e l’intero suo bottino, sacrificio per il Signore tuo Dio; diventerà una rovina per sempre e non sarà più ricostruita.

    E se nelle scuole si decidesse di appendere simboli di altre religioni con ore di religione buddhiste?

    • Aleudin ha detto in risposta a Freja

      Vergognti, ignorante e pure in malafede!

      Paragonare un missionario come questo alla Mafia!? Vergognati!

      Studia la storia dei missionari cattolici e scoprirai centinaia e centinaia di persone che hanno sacrificato la loro vita per gli altri! Per la loro libertà!

      Per quanto riguarda la violenza nella Bibbia, lo sai che noi siamo Cristiani?
      Lo ripeto perché sei un ignorante che fa pure finta di non sentire: CRISTIANI!

      Cosa significa? Significa che seguiamo Cristo:

      Vangelo (Mt 5,38-48)
      38 Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente; 39 ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guancia destra, tu porgigli anche l’altra; 40 e a chi ti vuol chiamare in giudizio per toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. 41 E se uno ti costringerà a fare un miglio, tu fanne con lui due. 42 Dá a chi ti domanda e a chi desidera da te un prestito non volgere le spalle.
      43 Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; 44 ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, 45 perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti. 46Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? 47 E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?48 Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.

      Vuoi mettere altri simboli? Fai pure ma prima di farlo studia, ignorante!
      E scoprirai che ad esempio il buddhismo ne ha fatte di cotte e di crude, altroché inquisizione e crociate…

      L’ho detto che si un ignorante? E lo sai che l’ignoranza é una delle prime cause della violenza?

      Per cui invece di fare la figura del becero ignorante che fa commenti idioti, studia e impara a usafre la ragione!

    • Sebastiano ha detto in risposta a Freja

      Perbacco, già rinco alle 07:47?

« nascondi i commenti