La Nuova Bussola Quotidiana ora anche NoVax: senza fede, né ragione

cascioli vaccini bussola quotidianaLa Nuova Bussola Quotidiana e le bufale. Il portale di Riccardo Cascioli rischia di essere un autogol per il mondo cattolico, accomunato all’antipapismo, al antievoluzionismo, al free-vax. Ecco l’ultima de LaNuovaBQ.

 

“Siete diventati anche no-vax, voi cattolici antiscientifici avete raggiunto il fondo”. Così ci hanno scritto ieri pomeriggio. Chi glielo spiega che La Nuova Bussola Quotidiana, nonostante i proclami, non è più da ritenersi una fonte d’informazione (autenticamente) cattolica? E che, ormai, prevale l’imbarazzo nell’essere in qualche modo accomunati al portale diretto da Riccardo Cascioli?

Un sito web esasperatamente politicizzato, dove l’interlocutore critico non sono gli antagonisti della fede, ma i nemici della Lega e i sostenitori del PD. In nome di questa lotta, tutto è giustificato e non vi è alcuna remora ad asfaltare chiunque osi mettersi sui binari di Matteo Salvini, il vero riferimento morale de LaNuovaBQ da quando i suoi autori hanno rinnegato l’autorità spirituale di Papa Francesco.

 

LaNuovaBQ: “i vaccini fanno bene e i migranti non portano le malattie? Fuori le prove”.

L’ultima è arrivata ieri, a firma di Paolo Gulisano. Lo scrittore se l’è presa nientemeno che con il dott. Walter Ricciardi, già presidente del Consiglio Superiore di Sanità e docente Ordinario di Igiene e Medicina Preventiva, reo di aver bollato come antiscientifico l’inno alla “libertà vaccinale” proveniente dalle file del governo giallo-verde.

Gulisano, articolista de La Bussola ed attivissimo anche sul portale del sedevacantismo italiano Radio Spada, ha infatti dileggiato Ricciardi accusandolo di fare affari con le case farmaceutiche produttrici di vaccini e con il Partito Democratico, arrivando a sfidarlo a «portare le prove che il Vice Premier ha torto», quando afferma che i vaccini sono dannosi e i migranti portano malattie. E Gulisano, ovviamente, concorda con Salvini, smascherando il «grande affare delle vaccinazioni» ed invocando la “libertà vaccinale” che sarebbe in vigore negli altri Paesi europei. Per la precisione, 13 Stati europei su 28 hanno l’obbligo vaccinale mentre negli altri non ce n’è bisogno perché si vaccinano tutti, per «fiducia nelle autorità sanitarie». Lo spiega Pierluigi Lopalco, professore di Igiene all’Università di Pisa, ed è questo il problema italiano. Coloro che usufruirebbero della libertà a non vaccinarsi diventano un grande problema per tutti gli altri, ledendo i loro diritti ad una società più sicura e protetta possibile.

 

La Nuova Bussola Quotidiana e la cultura cattolica.

Così Gulisano e La Bussola si schierano con il mondo arcobaleno dei no-vax e free-vax, rifiutano con veemenza l’evoluzione biologica e verrà il tempo delle scie chimiche e, perché no, della terra piatta. Ma chi sono coloro che proclamano la “libertà vaccinale”, a cui si ispirano Cascioli e Gulisano? E’ il comitato Colmiva, sul cui sito web vi sono continui collegamenti tra vaccini ed autismo e la frase “danni da vaccino” è onnipresente. LaNuovaBQ esalta l’intervento del gruppo di lavoro “Vaccino Veritas” contro il dott. Ricciardi, omettendo però che è formato da omeopati ed ortopedici e l’unico medico (in pensione) è un noto negazionista del legame HIV-AIDS. Cosa dire della tesi salviniana dei “migranti portatori di malattie“? E’ di qualche mese fa uno studio del Campus biomedico di Roma che ha negato questa relazione. Ma si sa, anche gli scienziati fanno tutti parte di un grande complotto ordito dal Vaticano immigrazionista. «Cavernicoli», li definisce con durezza l’eminente virologo Roberto Burioni. «Somari patentati, che con la loro superstizione vogliono mettere in pericolo i loro figli, i nostri figli e tutti noi. Qualcuno ha il coraggio di affermare che ‘bisogna garantirgli la libertà di scelta‘. Invece bisogna solo garantirgli la libertà di studiare o di tacere, e fare in modo che con la loro follia non facciano del male a tutti gli altri, prima di tutto ai loro figli».

LaNuovaBQ rischia da tempo di essere un danno per il mondo cattolico -come lo era il sito web Pontifex di Bruno Volpe qualche anno fa- che potrebbe venire accomunato al suo catastrofismo, all’antipapismo, all’antievoluzionismo, alla generalizzazione negativa nei confronti di migranti e musulmani, alla lotta alle canzoni “pericolose” come Bohemian Rhapsody, all’ossessione per il “materiale fecale” dei gay, prodigandosi però contro i vaccini. A detta del direttore Riccardo Cascioli, «i vescovi hanno perso la testa». Ma chi ha smarrito la bussola sembrano invece coloro che divulgano tali controverse dichiarazioni, verso le quali ogni cattolico dovrebbe prendere le distanze. E molti lettori lo hanno fatto.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

112 commenti a La Nuova Bussola Quotidiana ora anche NoVax: senza fede, né ragione

« nascondi i commenti

  1. Zebra ha detto

    Ma lo scoprite solo ora? Sono mesi che Gulisano scrive contro i vaccini sponsorizzato dalla Bussola. Che è molto peggio di Pontifex! Tant’è che tutti i giornalisti cattolici sono scappati (Tornielli, Introvigne, Roby Ronza ecc.)

    • Laura ha detto in risposta a Zebra

      Mettici anche Messori, che era partito con Tornielli e poi è sparito appena è arrivato Cascioli. Si è fatto vedere qualche mese fa con quelli della Bussola solo perché hanno presentato il suo ultimo libro, però si guarda bene dal rovinarsi la reputazione e la carriera da scrittore cattolico immischiandosi con la Bussola attuale.

    • Laura ha detto in risposta a Zebra

      Dimenticavo…anche Negri mi sembra che pian piano si sia defilato, però potrei sbagliarmi. Ormai la Bussola non la leggo più da anni sono imbarazzanti.

    • Alessandro C ha detto in risposta a Zebra

      In che modo mettere in discussione l’efficacia di un metodo di cura sarebbe un comportamento antiscientifico? Antiscientifico è proprio il contrario, credere ciecamente che i vaccini facciano tutti bene e scagliarsi contro chi vuole esaminarli con più attenzione. Tutto il resto è propaganda.

      • Hugo ha detto in risposta a Alessandro C

        Mi sembra di essere stato chiaro. Se è un omeopata o un giornalista de La Bussola a mettere in discussione i vaccini c’è un chiaro conflitto di interessi (nel primo caso) e una chiara violazione di credibilità e autorità (nel secondo caso). Se è un’associazione medica la cosa è diversa, mi pare invece che la comunità scientifica non abbia dubbi sui vaccini pur conoscendone i limiti e le controindicazioni, infinitamente minori ai benefici.

        • Alessandro C ha detto in risposta a Hugo

          Scusa ma quando sei stato chiaro? Io stavo chiedendo a Zebra, a meno che non siete la stessa persona. Comunque, un omeopata è prima di tutto un medico laureato in Medicina e Chirurgia con in più una conoscenza omeopatica.
          Analisi scientifiche condotte in varie parti del mondo hanno mostrato in molti lotti di vaccini elementi che non dovrebbero essere presenti come tracce di glifosato, antibiotici, diserbanti, erbicidi, DNA fetale, DNA animale. ​​Per non parlare delle vaccinopatie e di tutte le altre complicanze…dettagli dirai, ma non sono dettagli per chi li vive e non può essere un terno a lotto vaccinarsi. Si potrebbero anche fare dei vaccini monodose, ma non è conveniente per le case produttrici come disse molto candidamente Beatrice Lorenzin durante un’interrogazione parlamentare.
          Quelli che vengono chiamati no vax vorrebbero solo più trasparenza, più controlli, e meno conflitti di interessi (che secondo te hanno gli omeopati, o soltanto loro).

          • Hugo ha detto in risposta a Alessandro C

            Ho risposto più sotto. E qualcuno che ha la laurea in medicina (come Gulisano) non è un medico, soltanto chi pratica, insegna e fa ricerca in medicina può dirsi tale. Oltretutto in questo caso si parla di virologia, cosa su cui tanti medici (ortopedici, chirurghi e anestesisti) non hanno competenze adeguate. Ancor meno uno scrittore o un omeopata o un giornalista della Bussola. Insinuare un dubbio sui vaccini in questo momento, come ha fatto la Bussola, significa diffondere una cultura dell’ignoranza e del complottismo e sappiamo bene che la BUssola è diventata no-vax soltanto perché è lo zerbino dell’attuale governo, la cui ministra della salute è una nota no-vax. La loro posizione è sempre politica/ideologica per questo anche il titolo dell’articolo è perfetto: ne fede, ne ragione.

            • Alessandro C ha detto in risposta a Hugo

              Tra gli omeopati una buona parte sono medici che praticano e integrano i due approcci.
              La posizione politica/ideologica delle notizie è un problema che si riscontra in tutti i media (fatico a trovarne qualcuno veramente oggettivo al 100%, anche tra quelli verso cui simpatizzo di più).
              Inoltre, pure le Iene recentemente hanno fatto un servizio sui conflitti di interesse di Ricciardi in merito ai vaccini. Eppure di questo si parlava già anni, “irragionevole” il ritardo di questo servizio.
              Alla fine dei conti, bisogna chiedersi se c’è del vero in quello che si dice ed evitare di cadere nello stesso errore di ragionare per prese di posizioni e assolutismi. Se la ministra della salute di adesso è una no-vax (ma questo lo stai dicendo tu), quella di prima cosa era? Aveva fede e ragione più degli altri? Francamente ne dubito.

              • Hugo ha detto in risposta a Alessandro C

                Ti ripeto che l’omeopata non ha autorità in campo di malattie infettive, esattamente come un medico dentista e un medico anestesista. Non mi interessano nulla i conflitti di interessi di Ricciardi, il problema è che la Bussola sponsorizza la libertà vaccinale, il resto è noia.

  2. Max ha detto

    Salve

    UCCR in quanto sito cattolico
    dovrebbe informare il pubblico che
    Burioni e’ iscritto alla massoneria,
    organizzazione anticristana.
    http://www.lavocedellevoci.it/2017/08/16/roberto-burioni-il-guru-pro-vaccini-e-iscritto-alla-massoneria-grande-oriente-ditalia-a-sua-insaputa/

    • Mandi ha detto in risposta a Max

      Ah beh, che fonti! A dirlo è l’anti-vax Stefano Montanari. Roba da crederci su due piedi!! E poi anche fosse? Il suo giudizio è medico-scientifico, poco importa se è massone, ateo o gay. Importa il suo C.V., il fatto di essere tra i più competenti nella materia, al contrario dei no-vax.

  3. Tommasodaquino ha detto

    Premesso che il tema dei vaccini ha ambito scientifico, quindi eviterei anche in questo caso di creare schieramenti “teologici”, sarebbe davvero solo un pretesto. Sul tema vaccini però c’è davvero troppo integralismo (scientifico) da una parte (no vax) e dall’altra (pro vax). Peraltro è assurdo che si siano creati questi schieramenti, che a mio giudizio risultano essere entrambi minoritari.
    1) Che le case farmaceutiche abbiano fatto l’affarone con l’obbligo di legge, penso che nessuno si possa scandalizzare, e non vedo perchè debba essere smentito. Può non piacere ma l’Italia è uno degli unici (se non l’unico) paesi che hanno questo obbligo.
    2) Come è evidente il punto 1 dovrebbe essere pacifico anche il fatto che i vaccini SONO EFFICACI ed hanno contribuito a migliorare la qualità della nostra vita, oltre che salvare diversi milioni di vite.
    A questi due dati di fatto occorre fare un sereno ragionamento che, per forza di cose, deve essere personale o familiare, per questo credo sia sbagliato imporre una prassi che nel resto del mondo non c’è oppure è minoritaria. Non mi risulta che nei paesi dove ci sia la possibilità di NON vaccinarsi si stia assistendo a delle pandemie.
    Secondo me su questo tema hanno prevalso unicamente interessi politici ed economici di alcuni soggetti a cui della salute pubblica interessa davvero poco, o meglio interessa se finalizzata all’aumento di volume del loro portafoglio.

    • Benfaz89 ha detto in risposta a Tommasodaquino

      I Paesi dove si può non vaccinarsi c’è una cultura e un’istruzione tale per cui la gente si vaccina ugualmente e lo so per esperienza. Bisogna anche parlare degli affaroni dell’omeopatia e degli enormi conflitti d’interesse degli omeopati…

      • Eusonio ha detto in risposta a Benfaz89

        Sicuramente non si rimedia con il negazionismo e con vaghi richiami ad una Scienza condita di ipse dixit. E’ in questo modo che i promotori della vaccinazione stanno perdendo credibilità, perché non si può pensare di sedare un dubbio con una balla o facendo andare un giocatore di palla a volo in televisione a dire che è bello farsi una siringa.

        • Katy ha detto in risposta a Eusonio

          Negazionismo? Gli unici negazionisti sono coloro che negano l’utilità dei vaccini.
          La comunità scientifica dice esattamente l’opposto e se a qualche omeopata vengono dei dubbi se li risolve studiando, ma intanto vaccina i suoi figli altrimenti danneggia le persone che gli stanno vicino. E che i “promotori dei vaccini” stiano perdendo credibilità forse lo si crede solo sulla Bussola e sui forum degli anti-vax, poi apri la porta della cameretta e vedi che il mondo vi guarda come i teorici del complotto dell’11 settembre.

          • Eusonio ha detto in risposta a Katy

            Non cambiamo discorso. Ho illustrato perché i promotori della vaccinazione stanno perdendo credibilità e per negazionismo intendo la negazione della realtà, cioè dei fatti, con argomentazioni da imbonitore. Oggi vi sono persone con un grado di istruzione superiore rispetto a decenni addietro, e di solito non apprezzano che un loro dubbio venga fugato con vaghe approssimazioni, quando non con evidentissime balle. Questo a cominciare dalla nota epidemia mediatica di meningite, così chiamata per stessa ammissione delle autorità, per arrivare all’innocuità dei sali di alluminio usati come adiuvante, giustificati confondendo l’ingestione con la somministrazione perenterale, che comporta un assorbimento notoriamente maggiore e neppure paragonabile. Che i promotori dei vaccini abbiano perso credibilità lo dimostra la legge stessa dell’obbligo, che altrimenti nessuno avrebbe fatto. Ma non si rimedia alla mancanza di autorevolezza, di chi colpevolmente l’ha perduta, con l’autoritarismo. Eppure sta avvenendo questo.

      • Tommasodaquino ha detto in risposta a Benfaz89

        Mah a me non risultano queste differenze significative con l’Italia, qualcuno di più e qualcuno di meno. Lei tocca un aspetto molto delicato. In linea di principio ritengo che non possa esistere un obbligo normativo che prescinda dal diritto di un essere umano, perchè sarebbe a tutti gli effetti uno stato totalitario. Chi sceglie di vaccinarsi (in generale, non sto affrontando il caso specifico dei lattanti) compie una scelta saggia e lungimirante, obbligare una persona a farlo è dittatura.

        • Benfaz89 ha detto in risposta a Tommasodaquino

          Ti informo che in Italia sono già obbligatori (per età 0-16 anni) vaccini come l’anti-poliomelitica, l’anti-tetanica, l’anti-epatite B ecc. e nessuno ritiene l’Italia una dittatura.

          • Eusonio ha detto in risposta a Benfaz89

            Nel famoso ventennio, gli italiani (la maggioranza) erano convinti di essere liberi e ben pochi percepivano di essere in un regime. Una visione simile doveva aversi pure dall’esterno, saprai ad esempio della visita di Gandhi a palazzo Venezia con tanto di saluto romano. Non mi stupirei se tra cinquant’anni studieranno questo periodo che stiamo vivendo come un periodo buio della storia. Ah, per tua informazione siamo stati declassati dal 21° al 33° posto per democrazia. Per non parlare della libertà di stampa in caduta libera. Non una dittatura ancora, ma la meta è quella. Niente di cui vantarsi insomma. Ma una bella punturina e passa tutto.

          • Tommasodaquino ha detto in risposta a Benfaz89

            E crede che non lo sappia che i vaccini fossero già obbligatori? Prima della nuova norma sui vaccini era però possibile da parte del genitore motivare il rifiuto, in quanto si sapeva perfettamente che l’obbligo normativo non poteva contrastare con la costituzione, dove il genitore ha diritto-dovere di provvedere alla salute del figlio. Riguardo poi alla percezione di dittatura, questo mi spiace ma non è una prova di nulla, né della bontà della legge né del rapporto tra stato e cittadini. Hitler è stato liberamente eletto e molte rivoluzioni sanguinose sono state fatte con la volontà popolare, sono dunque per questo normativamente giuste e/o moralmente accettabili?

  4. As Piccolomini ha detto

    Radio Spada non è il portale del sedevacantismo italiano, correggete lo scivolone 🙂

    • Benfaz89 ha detto in risposta a As Piccolomini

      Ah no?! Chiedi a Luca Fumagalli chi è l’ultimo Papa legittimamente eletto e vedrai cosa ti risponde 😉

      • gsimy ha detto in risposta a Benfaz89

        Piergiorgio Seveso, direttore sedevacantista di Radio Spada definiva così la politica del sito

        Due parole semplici e chiare per evitare inutile chiacchiericcio sul tema. Radio Spada è gestito da più persone e non è espressione di un solo punto di vista. Ci scrivono cattolici “generici”, tradizionalisti di varie obbedienze, cani sciolti, amici del Motu Proprio, ratzingeriani, lefebvriani, sedevacantisti et ultra. Chi lo legge, lo può notare chiaramente: è un’esperimento felice e ben riuscito e speriamo continui così. Poi ognuno negli ambiti di propria pertinenza agisce iuxta propria principia. saluti a tutti con cordialità Piergiorgio Seveso (della redazione di Radio Spada)

        http://blogmessainlatino.it/2013/01/sondaggio-e-giusto-coordinare-i-siti.html?showComment=1357838713902#c5805374895134503565

        e grossomodo è vero, ci sono varie voci che scrivono
        Radio Spada ha pubblicato delle sedevacazzate tremende, ma almeno la politica del sito è chiara e uno capisce cosa dicono, non come la NBQ: inoltre nel tempo i preti sedeprivazionisti dell’IMBC hanno più volte lanciato anatemi contro RS perchè a loro dire troppo dialogante

  5. Sisco ha detto

    Cosa c’è di più pericoloso di un pregiudizio giunto a maturazione? Forse un pregiudizio non ancora maturo! Cos’è un vaccino se non un pregiudizio scientifico? Ma credete davvero che iniettare piccole dosi di veleno porti l’organismo a rispondere in maniera adeguata in presenza di dosi massicce? Anche le piccole dosi possono uccidere e le statistiche non sono credibili sulle morti e sulle loro cause. Il vero malato è la sanità italiana!

    • gsimy ha detto in risposta a Sisco

      prima di scrivere queste cose dovrebbe studiarsi come funziona un antigene, e capire che batteri e virus lavorano in modo diverso da un veleno

  6. Tommy ha detto

    Mi sembra interessante capire se davvero Ricciardi ha avuto tutte quelle collaborazioni con case farmaceutiche. Da UCCR mi aspetto risposte sul merito, non solo di dileggiare gli scritti della Nuova Bussola.
    Interessante mi sembra anche la presa di posizione di Vincenzo Danna (presidente dell’ordine dei biologi) sulle analisi preoccupanti di diversi lotti di vaccini. Della polemica mi interessa poco, cerchiamo dati oggettivi e ripetibili, cioè seri.

    • Panthom ha detto in risposta a Tommy

      Il problema è che si vuole sputtanare Ricciardi perché è un pro-vax e ha pure critica il ministro Salvini. Cioè, la Bussola non lo dileggia perché ha presunte collaborazioni, ma solo perché ha definito antiscientifiche le posizioni leghiste e grilline. Capisci la violenza dov’è? Inutile che chiedi dati seri perché l’accusa è costruita in modo ideologico.

      In questo momento di oscurantismo tra vegani, no-vax e terrapiattisti gente come Ricciardi e Burioni ce li dobbiamo tenere stretti, altro che fare le campagne contro.

      Ma poi mi fa ridere Riccardo Cascioli. Uno che a Berlusconi regalerebbe perfino sua nonna e va a fare le pulci del conflitto di interesse ad uno scienziato, colpevole di aver criticato il suo idolo del momento!

      • Mandi ha detto in risposta a Panthom

        Esatto caro Panthom! Esatto! Allucinante! Questi rimasugli scaduti del berlusconismo che fanno le verginelle sul conflitto d’interesse…robe da matti!

      • Eusonio ha detto in risposta a Panthom

        Esprimere un dubbio è violenza, imporre un obbligo che costringe anche persone con evidenti controindicazioni a vaccinarsi, pena l’emarginazione e la persecuzione da parte delle istituzioni, invece no. Bene.

        • Hugo ha detto in risposta a Eusonio

          Se un dubbio lo espone un’associazione di medici o virologi va ascoltato. Se un dubbio lo pone un omeopata o un tassista, anche no perché il dubbio si diffonde e si va a finire come il metodo Di Bella.
          Controindicazioni a vaccinarsi? Anche l’aspirina ha controindicazioni, ma i benefici sono infinitamente maggiori e la salute pubblica (anche la tua) passa dai vaccini, altrimenti le persone non vaccinate fanno una vita a parte perché diventano pericolose per gli altri…questo è l’unico motivo: essendo malattie contagiose, diventate pericolosi.

          • Tommasodaquino ha detto in risposta a Hugo

            Attenzione se si entra nel merito si rischia di fare confusione se non si maneggiano alcuni concetti di statistica e di medicina perchè la prima non da giudizi ma solo indicazioni mentre la seconda non è una scienza esatta. La statistica ci serve per definire il concetto di “percentuale di rischio”. Alcuni vaccini, non serve nemmeno dirlo, sono davvero esagerati rispetto al male che si vorrebbe prevenire, oltre che alla possibilità di contrarlo. Inoltre questo è risaputo, c’è una piccola percentuale di persone in cui i vaccini non si attivano (attorno al 1% se non erro), su questo nessuno può farci nulla è così e non è colpa dei vaccini. La medicina poi ci informa su alcuni elementi collegati alle malattie, per es. il morbillo. Questa è una malattia che può essere relativamente molto pericolosa in particolare per i neonati e per gli adulti, cioè contrarla ad età inferiore ai 2 anni o superiore ai 12 può condurre anche alla morte. Se si va a prendere i dati disponibili sul sito del Ministero della Sanità che monitora questa malattia si scopre che nel 2017 (vado a memoria potrebbe essere il 2016) ci sono stati in tutta italia 17 morti per il morbillo a fronte di più di 3000 casi accertati (riprendendo la statistica si renderà conto che è molto molto più pericoloso attraversare la strada). Si scopre che di questi 17 solo 1 aveva meno di 1 anno, tutti gli altri erano uomini adulti. Perchè le dico questo perchè è vero che i vaccini sono stati utilissimi per l’umanità contribuendo a migliorare la qualità della vita di tutti anche dei poveri, ma non sono nemmeno il sacro graal, come ogni strumento ha dei limiti ed anche grandi. Se avessi potuto scegliere liberamente per i miei figli, avrei preferito fargli prendere il morbillo dopo i 2 anni, piuttosto che somministrargli il vaccino che è invece obbligatorio. Così invece saranno “costretti” per tutta la vita a monitorare saltuariamente la carica immunitaria e ricordarsi di fare il vaccino ogni tot. In teoria il vaccino del morbillo dovrebbe coprire per un periodo ragionevolmente lungo di tempo…in teoria.

            • Benfaz89 ha detto in risposta a Tommasodaquino

              Se ognuno potesse scegliere quando prendere il morbillo sarei d’accordo con te, ma il morbillo porta alla morte nei neonati. Per cui meglio vaccinarsi che corre il rischio, oltretutto dimentichi che il 93% dei morti per morbillo riguardava casi di non vaccinati, a conferma della pericolosità di non vaccinarsi: http://www.today.it/scienze/morbillo-morti-2017.html

              • Eusonio ha detto in risposta a Benfaz89

                Peccato che non esista “il vaccino del morbillo”, esistono dei prodotti frutto dell’industria farmaceutica e in quanto tali soggetti a imperfezioni e senz’altro migliorabili. Qui non si mette in dubbio l’efficacia della vaccinazione, i problemi messi in risalto dall’articolo apparso sulla BQ sono ben altri. Smettiamola, per citare qualcuno, di parlare dei vaccini come un prete potrebbe parlare di Dio. Ma forse conviene altrimenti, con argomenti mirati, poi diventa difficile attaccare lo straw man.

              • Tommasodaquino ha detto in risposta a Benfaz89

                è in errore, il morbillo è molto più pericoloso per adulti non vaccinati che per i neonati, le statistiche del ministero della salute parlano chiaro. Semmai il rischio maggiore per i neonati è il rischio di encefalite, molto pericolosa per i lattanti perchè deve sapere che la morte è un evento spiacevole ma anche altre evoluzioni della malattia non sono per nulla belle. In più come dicevo nel post precedente il vaccino del morbillo ha una discreta percentuale di insuccesso. La percentuale citata dimostra che occorre comprendere bene la statistica. è vero che il 93% delle persone (non neonati, ma persone soprattutto adulte) morte non era vaccinato, ma qual è la percentuale di persone morte rispetto ai malati? Meno del 1%. Quindi il rischio di morire di morbillo è estremamente trascurabile anche per chi non si vaccina e contrae comunque la malattia. Se poi si va ad indagare ulteriormente si verificherà facilmente che alcuni dei morti di morbillo avevano altre evidenze mediche non trascurabili. e se si vuole fare un lavoro da statistico raffinato occorrerebbe verificare quant’è l’incidenza del morbillo rispetto alle altre malattie e si potrà vedere che non è il problema sanitario principale italiano.
                p.s. per amor della verità, non sono un no-vax ed ho vaccinato tutti i miei figli. il fine dei miei post è rilevare che la medicina non è una scienza esatta e la statistica può “mentire”.

          • Eusonio ha detto in risposta a Hugo

            Quindi se non è un medico, non può parlare. Se è medico può parlare, ma a patto che rimanga allineato al sacro dogma. Altrimenti è eretico e lo radiamo. Se fossimo indietro di qualche secolo direi che il discorso fila.

            • Hugo ha detto in risposta a Eusonio

              Se non è medico non può parlare, se è medico ma non competente in materia non può parlare.
              Di medici virologi o infettivologi competenti in materia che sollevano dubbi o sono contro i vaccini non ne esistono.

              • Eusonio ha detto in risposta a Hugo

                Non trovo contraddette le precedenti considerazioni, che rinnovo.
                Trovo sbagliato perseverare sulla stessa posizione che pretende di ridurre ad una dicotomia inverosimile una questione senz’altro più ampia, con argomentazioni per altro poco concrete. Forse frutto di un’informazione incompleta su quanto avviene nel mondo, oppure volutamente distorta.

                • Hugo ha detto in risposta a Eusonio

                  Non sei un virologo? Allora taci.
                  E’ molto semplice Eusonio, continuare a menarla e a battere i piedi perché anche tu, da incompetente, vuoi dire la tua sui vaccini non cambierà la realtà.

                  Anzi, firma anche tu il patto contro la pseudoscienza come ha fatto oggi Grillo. Alla faccia della NBQ e di Salvini.

    • Emanuele ha detto in risposta a Tommy

      Bravo Tommy!

      Anche io trovo stucchevole questo sgomitare tra cattolici per chi è il più cattolico e mi piacerebbe che a tesi antiscientifiche si rispondesse con fatti (possibilmente non di parte).

      • Hugo ha detto in risposta a Emanuele

        Emanuele era quello che applaudiva quando La Nuova Bussola Quotidiana attaccava Vatican Insider e Avvenire, era in prima fila a esultare e a spellarsi le mani. Ora invece no perché qualcuno ha criticato il suo blog preferito.
        Così avanza il mondo, tra l’ipocrisia generalizzata.

  7. GM ha detto

    Ogni tanto do un’occhiata a questo blog ed ammetto di non condividere molte delle sue posizioni. Comunque plaudo ad un blog di cattolici che non si tira indietro nel criticare un altro sito cattolico (su cui in passato – se non sbaglio – si simpatizzava) che propugna delle pericolose tesi antiscientifiche come la correlazione tra vaccini ed autismo ed il fatto che i migranti portino nuove malattie. Sarebbe bello che su argomenti tanto importanti come l’importanza dei vaccini, laici e cattolici “razionali” possano fare fronte comune contro i tanti “non razionali” (sia laici che credenti).

  8. federico74 ha detto

    E’ stupefacente (in tutti i sensi) quanto viene riportato su la NBQ: deliri romanzeschi degni (ma anche peggio) dei siti atei. Un costante livore rabbioso contro il Pontefice, che viene sempre chiamato “Bergoglio”, o al massimo -ma molto raramente- ‘Papa Bergoglio’. Mai che lo si chiami Papa Francesco. Siamo sulla vecchia linea di Antonio Socci, lo psichedelico ex (ex) ottimo giornalista e scrittore.
    Avrebbe più senso perfino un’ipotesi da spionaggio: la NBQ è di fatto in mano a lobby atee. Perché se no siamo alla necessità di uno psichiatra, anzi -meglio-, al bisogno di un esorcista.

    • gsimy ha detto in risposta a federico74

      la NBQ è un sito gestito da gente che fino ad alcuni anni fa era paladina del Papa, da difendere ad ogni costo, non atei

  9. Giacomo Massaro ha detto

    Una volta in un intervista su Repubblica menzionai positivamente La Nuova Bussola Quotidiana,all’epoca credevo fosse una pagina seria come la vostra,oggi sono sinceramente pentito di aver dato visibilità(anche se quasi nulla) a una pagina tradizionalista e complottista come quella.Anche perché all’inizio credevo fosse una pagina simile alla vostra,dopo aver visto peró il clima catastrofista e antipapista della pagina che faceva sembrare come se la Chiesa dovesse prostituirsi al mondo da un momento all’altro;ne ho preso le distanze e ora seguo solo il vostro sito ed Aleteia.Sono sinceramente pentito di aver dato a quella pagina anche solo un briciolo di visibilità,sono le pagine come la vostra che avrebbero meritato “pubblicità” non una pagina spazzatura come La NBQ che sembra peggiorare anno dopo anno,ci manca solo che l’anno prossimo si mettano a blaterare di alieni e che la Chiesa ne ha nascosto l’esistenza per millenni,davvero una pagina pessima la NBQ e sono sinceramente pentito.

    • federico74 ha detto in risposta a Giacomo Massaro

      Anch’io non mi stupirei se si adeguasse definitivamente ai neurodeliri della spazzatura complottara che infesta internet: si direbbe che la strada che ha intrapreso sia proprio quella.

      • Eusonio ha detto in risposta a federico74

        Se da cristiano non vieni offeso e perseguitato da qualcuno, allora c’è qualcosa che non va. Tali reazioni mi portano a ritenere che la nuova BQ abbia toccato un nervo ben scoperto. Bravi

        • Hugo ha detto in risposta a Eusonio

          Per fortuna allora Papa Francesco è quotidianamente offeso e perseguitato da LaNuovaBQ e da tutti i sitarelli che conosciamo. Una prova che è nel giusto e tocca nervi ben scoperti.

          • Eusonio ha detto in risposta a Hugo

            Non mi risulta che il Papa abbia presieduto l’Istituto Superiore di Sanità: l’articolo parla di quello. Non mi piace che qualcuno si faccia scudo del Papa in un contesto che non c’entra nulla, perché menzionato a sproposito da qualche altra parte dello stesso sito. Mi sembra un modo di ragionare fazioso.

  10. Laura ha detto

    Con la Bussola il cattolicesimo sprofonda indietro di trent’anni, quell’insopportabile moralismo bigotto e di facciata che ti fa venire il sangue al cervello. Quando ho letto che Peppino Zola (ex portavoce di CL!!!) ha scritto che Bohemian Rhapsody è pericolosa per i cattolici perché dice “escape from reality” ho cominciato a sudare freddo. Anche Cascioli è un ex ciellino, quelli che se ne sono andati perché non sentivano più il carisma di Giussani, come Socci d’altra parte. Sono contento che Julian Carron abbia rivoltato CL come un calzino.

    • orso56 ha detto in risposta a Laura

      Ma lei l’ha letto l’articolo di Zola o glielo hanno riferito?

      • Hugo ha detto in risposta a orso56

        E’ proprio leggendolo che ti vien da farti ateo. Cmq è linkato nell’articolo…

        • orso56 ha detto in risposta a Hugo

          Chiedo a Laura e risponde Hugo.
          Mah…

          • Benfaz89 ha detto in risposta a orso56

            Guarda che non siete ad una cenetta privata e romantica, chiunque risponde a chiunque. 🙂

            • orso56 ha detto in risposta a Benfaz89

              Leggendo il commento della signora Laura mi sembrava assolutamente esagerato, trattando l’articolo di Zola di un argomento, la “pericolosità” dell’abituarsi a parole con un contenuto non neutro ma nichilista, che è chiaramente opinabile quindi sul quale è lecita una differenza di giudizio.
              La mia opininone è pessimista, come quella di Leopardi, cioè che i pensieri nascono dall’abitudine alle parole.
              Però è lecito pensarla diversamente sperando di andare in Paradiso tutti e due con idee divere.
              Avevo quindi supposto che tale commento non si basasse su una lettura diretta.
              Per questo mi ero rivolto direttamente alla signora Laura. Temo però che ne la signora Laura, ne lei, ne il signor Hugo abbiano letto l’articolo in questione.

              • Hugo ha detto in risposta a orso56

                E vogliamo parlare della sigla del cartone animato Heidi? Inneggia a correre sui monti, da soli e in mezzo ai pericoli, istiga alla ribellione giovanile, dice che i monti addirittura sorridono e le caprette fanno ciao, inneggiando al panteismo pagano della terra gaia e parlante, all’ambientalismo radicale che poi promuove l’aborto nel mondo.
                Dillo a Peppino Zola che deve avvertire il mondo! Heidi è pericolosa, attenti aprite gli occhi bussolotti!

    • Tommasodaquino ha detto in risposta a Laura

      Peppino Zola il portavoce di CL? Forse vent’anni fa…Comunque ammesso e non concesso che una certa posizione cristiana possa essere definita ipocrita (ammesso e non concesso, non mi permetto di indagare sulla situazione personale di altre persone), eviterei di lanciare appellativi indelicati perchè il rischio è che dando del moralista ad un presunto moralista, si finisce per passare per moralisti.
      p.s. molti amici di CL a differenza di Peppino Zola mi hanno riferito invece che il film è stato davvero molto bello ed interessante anche dal punto di vista dei contenuti e nessuno (dei miei conoscenti) ha notato l’elemento che ha notato Zola.

      • Benfaz89 ha detto in risposta a Tommasodaquino

        Ma se uno va a scrivere su un portale che si arroga essere “bussola” dei cattolici che Bohemian Rapsody è pericolosa allora, visto che è un cretinata, bisogna dirlo. Se poi sullo stesso portale si propaga il creazionismo e l’antivaccinismo allora c’è un problema serio di diffusione di una mentalità che non c’entra nulla con il cattolicesimo e rischia di ridicolizzarlo.

        • federico74 ha detto in risposta a Benfaz89

          Esatto. Come dice il Signore: “Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono a voi in vesti da pecore, ma dentro son lupi rapaci”.
          Autoattribuirsi il sigillo di “bussola dei cattolici” per poi sparare idiozie complottiste e propagare l’odio per il Pontefice, è cosa grave, e come tale va segnalata.
          Da quando la seguo -e anche dagli articoli antichi- il servizio di UCCR va in questa direzione.

        • Tommasodaquino ha detto in risposta a Benfaz89

          pericolosa per chi? guardi non l’ho nemmeno letto l’articolo di Zola, e non mi interessa nemmeno. Questo per dirle che per quanto mi riguarda non ha nessuna autorevolezza. almeno per me.

  11. Alessandro C ha detto

    Ma di Famiglia Cristiana invece cosa ne pensate? Tutto ok?

    • Seba ha detto in risposta a Alessandro C

      Ma cosa c’entra? Cioè spiegami il ragionamento che ti ha portato a formulare questa domanda, sono curioso.

      • Alessandro C ha detto in risposta a Seba

        Curiosità anche la mia, visto che si sta parlando di quali fonti cattoliche possono essere ritenute attendibili pensavo anche a Famiglia Cristiana.

        • Seba ha detto in risposta a Alessandro C

          Non conosco Famiglia Cristiana, penso di non averla mai letta. Perché ti poni il dubbio se è attendibile o meno? Quale sarebbe il problema di Famiglia Cristiana? Scommetto che non la ritieni cattolica perché ha criticato Salvini, ma se lo dicessi daresti ragione all’articolo di Uccr che ha acutamente osservato che i lettori della Bussola negano la cattolicità ai critici di Salvini.

          • Alessandro C ha detto in risposta a Seba

            Perchè non dovrei pormelo il dubbio? Cosa c’entra Salvini, si è vero credo che sia abbastanza sbilanciata politicamente ma non è per Salvini in sè.

    • gsimy ha detto in risposta a Alessandro C

      Famiglia Cristiana è un giornale con dei seri problemi, ma questo non giustifica minimamente quello che scrive la NBQ

    • tredici ha detto in risposta a Alessandro C

      Acuta osservazione,
      Curioso anche io di sapere…

    • Hugo ha detto in risposta a Alessandro C

      @Emanuele
      Non vedo alcuna tua indignazione ora…Alessandro sta attaccando una rivista cattolica e tu non dici nulla? La tua predica quindi vale solo quando si attaccano i tuoi blog di riferimento, questo conferma l’ipocrisia.

      @Alessandro C
      Non leggo Famiglia Cristiana ma non credo abbia mai messo in discussione l’autorità del Papa o gli abbia dato dell’eretico e nemmeno sostenga i no-vax. Al massimo ha scritto che Salvini è come Satana, ma a Papa Bergoglio gli hanno dato dell’eretico/massone/comunista e tu non ti sei scandalizzato mai. Mi spieghi nel dettaglio quale attacco alla fede cattolica arrivi da Famiglia Cristiana?

      • Alessandro C ha detto in risposta a Hugo

        Alessandro ha solo chiesto cosa ne pensate di Famiglia Cristiana, è un attacco a una rivista fare questa domanda?

        Io mi sono scandalizzo nel vedere che la massoneria loda l’operato di Papa Bergoglio, mi scandalizzo nel vedere le chiese diventare sempre più mense e luoghi di spettacolo (come se non esistessero spazi adatti a queste attività) dove si canta, balla, e si pedala in bicicletta. Mi scandalizzano i comizi politici durante la messa. Mi scandalizza che il Papa dica che è meglio essere atei piuttosto che essere cattolici erranti che vanno in chiesa tutti i giorni (altra bella novità). Mi scandalizza una chiesa che sembra sempre più protestante. E potrei continuare ancora.

        • underwater ha detto in risposta a Alessandro C

          Confondi il Papa con la sua interpretazione dossettiana. E se vai su vatican.va scoprirai che la frase sugli atei è una invenzione dei laicisti: non la ha mai pronunciata.

        • Benfaz89 ha detto in risposta a Alessandro C

          Se la pensi così hai solo seri problemi di comprensione della realtà e sei vittima della propaganda promossa dalla Bussola.

          – Il Gran Oriente d’Italia ha lodato una volta Bergoglio perché si aspettava da lui un cambiamento dottrinale, esattamente come lo hanno lodato Repubblica e il Manifesto nei primi due anni.
          – Benissimo ha fatto il card. Sepe ad organizzare un pranzo per i poveri nel Duomo di Napoli, un bellissimo segno che scandalizza solo i farisei come Andrea Zambrano (Bussola) che per i poveri, com’è noto, non fanno nulla e, anzi, insultano chi si mette all’opera.
          – Ti scandalizzi dei comizi politici anti-Lega, perché quelli pro-Lega li approveresti immediatamente. A parte il fatto che giudicare l’attualità è diritto di ogni prete e chi si scandalizza è meglio che si trovi una chiesa su misura.
          – Benissimo a fatto il Papa a lanciare la provocazione ai cattolici ipocriti e a vedere la reazione dei farisei ha colto nel segno e ha toccato un nervo scoperto. Un grande pastore che sa dove toccare le note dolenti.

          Puoi continuare quanto vuoi a scandalizzarti ma forse è meglio che ti domandi che fine ha fatto la tua fede e converti il tuo cuore, perché i farisei scandalizzati hanno fatto una brutta fine, così come l’hanno fatta Socci e Cascioli essendo diventati la voce del protestantesimo cattolico.

        • Benfaz89 ha detto in risposta a Alessandro C

          @underwater
          Chiedi troppo a uno abituato ad essere imboccato dalla Bussola, da Tosatti e da Zambrano. Verificare le notizie non è compito loro, hanno già una bussola ad orientare le loro menti e a far perdere la loro fede.

          • Alessandro C ha detto in risposta a Benfaz89

            In realtà era Hugo che aveva usato la parola scandalizzato e io l’ho riusata ma non era veramente quella giusta per me. Più che scandalizzato sono perplesso, e sono perplesso anche dalla sicurezza che mostri quando dici che sono abituato a essere imboccato dalla Bussola, ecc. Non è vero, non li conosco neppure, ma tanto anche se lo scrivo tu già sai tutto anche sulle mie abitudini, che te lo dico a fare.
            – La massoneria ha lodato tutti i Papi passati? Ratzinger per esempio è stato lodato dalla massoneria?
            – Resto perplesso perchè non mancano i luoghi cattolici dove organizzare i pranzi, la Chiesa non è un luogo in cui si mangia, si cantano canzoni di artisti commerciali o si pedala in bicicletta.
            – Che approverei i comizi pro-Lega lo stai dicendo tu, evidentemente dall’alto della tua ignoranza perchè non c’è niente di più falso di questo. La Chiesa non è luogo di comizi politici, anche per questo ci sono altri contesti. Giudicare l’attualità e fare comizi sono due attività molto differenti.
            – Va bene lanciare provocazioni, ma sto notando una progressiva svalutazione di tutto ciò che riguarda la religiosità cattolica che mi lascia perplesso. E lo dico non da lettore della Bussola o tradizionalista come qualche altro tuo amico mi ha detto qualche giorno fa, lo dico da persona che è stata lontana dalla Chiesa per molti anni come tantissimi altri (ve ne siete accorti di quanta gente ha perso fede nella Chiesa Cattolica o dall’alto della vostra saccenza credete che siano tutti imboccati dalla Bussola?) e ora che ci sta ritornando non riesce a non notare certe incongruenze.
            Tra preti che dicono di non andare a messa o che la messa è una cerimonia simbolica, quasi una formalità perchè l’importante è come ci comportiamo con gli altri, oppure che la Madonna non è davvero santa, che Lutero non era poi così male, mi sembra che ci sia qualcosa che non quadra.
            Comunque non starò qui a continuare a parlare di queste cose. Ti lascio alle tue sicurezze, buon per te che hai una mente e una fede bene orientate…ovviamente nel verso giusto.

  12. Pacifico ha detto

    Articolo un tantino sopra le righe… anche i commenti… Mamma mia. Io voglio solo dire una cosa: ho una stima grandissima sia per Gulisano sia per Cascioli. Persone molto preparate e molto serie. Ora insultatemi pure.

    • orso56 ha detto in risposta a Pacifico

      Un tantino sopra le righe anche il titolo.
      Addirittura senza fede!
      Verrebbe da dire “Ma chi sei tu per giudicare”.

    • Hugo ha detto in risposta a Pacifico

      Ci rimetti tu a seguire i grandi nemici della Chiesa e gli anti-vax. Qui insulti non ne ricevi, prova ad andare sulla pagina FB de LaNuovaBQ a dire che stimi Papa Francesco e vedrai davvero cosa vuol dire essere insultati.

  13. tredici ha detto

    La concorrenza disturba…

  14. Eusonio ha detto

    Cari cattolici. Che dire delle linee cellulari ricavate da materiale fetale proveniente da aborti volontari? Si usano per produrre vaccini tutt’ora obbligatori come il buon MPRV (WI-38 per citarne una). Dobbiamo berci la storiella che sia una piccola parentesi del passato da dimenticare, quando nel mondo si continuano a procurare aborti per la produzione di linee cellulari sempre più performanti? Cercate Walvax-2. E’ il progresso bellezza. Tutto regolare? Strano. Moralismo a gettone?

    • Emanuele ha detto in risposta a Eusonio

      Eusonio, mi meraviglio! Ma come? come ti permetti di citare questi fatti!

      I vaccini fanno bene e non hanno nessunissima controindicazione lo dice Burioni e tanto basta.

      Come ti permetti di documentarti? Queste informazioni le avrai certamente prese da qualche sito no-vax! …e loro chissà quante migliaia di euro hanno guadagnato come periti di parte di presunti pazienti danneggiati. Vuoi mettere gli studi finanziati dalle case farmaceutiche, loro che i vaccini li regalano per filantropia.

      • Hugo ha detto in risposta a Emanuele

        Anti-Papa e anti-vaccini. Comincio a credere che vi sia un collegamento. Emanuele, cosa ne pensi dell’evoluzione biologica e delle scie chimiche? Così, tanto per curiosità? Grazie.

        • Eusonio ha detto in risposta a Hugo

          Certo, ci dev’essere un collegamento. La congiura degli anti vaccinisti anti papisti. L’ho sempre detto che l’anticomplottismo è la forma più subdola di complottismo: il complotto dei somari, il complotto degli omeopati, complotti ovunque. Ma quest’etichetta ovviamente appioppiamola ad altri. Ah, e non dimentichiamo Putin e il suo esercito di hacker agguerriti, che pare abbiano pure creato i gilet gialli. Ce ne vuole di fantasia

    • Hugo ha detto in risposta a Eusonio

      E niente, ora saremo inondati dai no-vax. E i cattolici bigotti antipapisti si accoderanno e gli daranno manforte. Già ho previsto il futuro, vero?

      • Eusonio ha detto in risposta a Hugo

        Questo si chiama “metterla in caciara”. Finite le cartucce? Parlami di questo Walvax-2 e di come sia compatibile con la morale cattolica, soprattutto elogiami la tecnica esposta nell’articolo del parto indotto a tre mesi per prelevare i tessuti del bambino (preferisci feto?) che non farà una bellissima fine, e risparmio il resto per chi non ha abbastanza stomaco. Senz’altro ciò è molto cattolico. Nella testa di chi non vuole addentrarsi in un ragionamento, l’interruttore del cervello si chiama no-vax. Basta la parola.

  15. Emanuele ha detto

    Sinceramente questi punzecchiamenti tra siti cattolici mi lascia molto perplesso.

    Mi sembrava la storia dei “Capponi di Renzo”… E i cattolici finiscono per diventare sempre più marginali nella società.

    Invece di cercare sempre ciò che ci divide, non sarebbe meglio unirci attorno ai valori condivisi? Una volta si parlava di valori non negoziabili… Esistono ancora? Perché alla fine mi pare che si sia disposti a fare molti passi avanti nell’ecumenismo con gli eretici (protestanti) e molti passi indietro con fratelli nella fede… Sembrano le vecchie divisioni che rimproverava San Paolo:

    ciascuno di voi dice: «Io sono di Paolo», «Io invece sono di Apollo», «E io di Cefa», «E io di Cristo!».

    Cristo è stato forse diviso? Forse Paolo è stato crocifisso per voi, o è nel nome di Paolo che siete stati battezzati?” (1Cor 1, 12-13)

    • Hugo ha detto in risposta a Emanuele

      Giustissimo indignarsi contro la Bussola, sia per quello che è diventata sia per le tesi che diffonde e che sono pericolose se i cattolici dovessero crederci. Occorre mettere in guardia dai falsi profeti dell’informazione.

      E poi perché non ti sei indignato su tutto il fango gettato da Cascioli addosso a Vatican Insider? Mai sentito una reprimenda da parte tua anzi, sospetto che quasi quasi ci provavi pure gusto.

    • Tommasodaquino ha detto in risposta a Emanuele

      Siamo tutti immersi in una società ideologica. Se conoscessimo davvero Cristo saremmo uniti e le differenze passerebbero in secondo piano, ma al posto di Cristo spesso mettiamo il nostro io e ci lasciamo sedurre dalle nostre ideologie e così finiamo per dividerci.

  16. underwater ha detto

    Articolo giusto, ma io le sigle politiche avrei continuato a tenerle fuori. La politica in queste cose non c’entra. Tantissimi cattolici che sostengono la Lega sono normalissimi cattolici di parrocchia che non vogliono avere nulla a che fare con i deliri di Cascioli o con il tradizionalismo nel senso specifico di corrente religiosa scismatica.

  17. federico74 ha detto

    Che questo (ottimo) articolo venga accusato di essere “sopra le righe” fa davvero ridere, per non dire ‘piangere’. Gli insulti al Santo Padre ripetuti in maniera ossessiva dai maestrini di quel sito pseudocattolico risultano offensivi per coloro che li estendono, non certo per Papa Francesco.
    Cioè: offendono la loro intelligenza.
    Affidiamo le loro menti disastrate alla misericordia di Dio.

  18. Benfaz89 ha detto

    Quello che non sopporto di più di tutto della Bussola è l’arroganza con cui pretendono di commentare qualunque cosa, arroganti di essere davvero una bussola per il mondo cattolico. Poi vedi che sono i soliti 4 o 5 dilettanti che lanciano commenti su qualunque cosa, dal riscaldamento climatico a come si deve comportare il papa, ai vaccini, alle nuove tecnologie, alle altre religioni, alla politica internazionale. Oltretutto sempre con il piglio del complottista e tutto ridotto alla politica: destra = santità, sinistra = satana. Da notare la diffamazione quotidiana dei preti che criticano la politica immigratoria di Salvini, ormai sono lo zerbino dell’attuale governo. Una fine indegna.

  19. Emanuele ha detto

    Per Hugo:

    1. Mi sa che mi confondi con altri perché non mi sono mai spellato le mani né per la bussola né per altri siti. Soprattutto se prendono posizioni denigratorie verso altri siti, senza nessuna accusa specifica e circostanziata.

    2. Alessandro è un commentatore che esprime le sue idee come singolo. Ben diverso l’impatto (ed i toni) di una redazione.

    3. Se sollevare i dubbi posti da Eusonio è essere no-vax, allora lo sono. Una domanda, però: tu ti sei fatto vero tutti i vaccini obbligatori secondo il nuovo decreto e tutti quelli facoltativi disponibili, vero? (P.s. io sì, e pure altri ..).

    4. Sull’evoluzione penso quello che c’è scritto in vari articoli su questo sito.

    5. Quindi, documentarsi sui vaccini o sulle scie chimiche è la stessa cosa… Capisco le tue uscite, allora.

  20. Pacifico ha detto

    L’amore per la verità e la giustizia, mi costringe a scrivere quanto segue. L’immagine di Paolo Gulisano che traspare da questa pagina (articolo + commenti) è tanto falsa da fare male. Paolo Gulisano è persona molto competente, seria e pacata. Non è un dilettante, è un medico epidemiologo, quindi esperto dell’argomento vaccini. La sua posizione in merito è tutt’altro che estremista, è molto ragionevole e documentata, basta ascoltare le sue conferenze sul tema, ad esempio questa: https://www.youtube.com/watch?v=t4903hWNknY
    La cosa migliore per farsi un’idea su questo individuo che dalla lettua di questa pagina sembra essere spregevole, dannoso per la comunità cattolica, estremista, dilettante, ecc. è andare su youtube e ascoltarsi le sue conferenze su Tolkien, Chesterton, ecc. MERAVIGLIOSE. Quest’uomo è un talento straordinario, scrive decine di libri bellissimi e tiene continuamente conferenze sulla letteratura inglese, irlandese, sui santi, ecc. in giro per l’Italia, lo chiamano ovunque. Il tutto come secondo “lavoro”, mentre di giorno fa il medico.
    E’ un relatore straordinario. Nella mia vita ho ascoltato centinaia di conferenze, forse migliaia: è uno dei migliori relatori che abbia mai ascoltato. Ed è anche, a mio avviso, un uomo di principi, non si muove né si esprime per interessi privati o per soldi, ma per ciò in cui crede, ragione e fede.

    • Manuela ha detto in risposta a Pacifico

      Bravo Pacifico, è un attacco vergognoso a una persona che ha, tra i tanti meriti, anche quello (grandissimo) di fare da “sentinella del mattino”, di tenere sveglie le coscienze fin troppo assopite di questi tempi… Sono stupita e amareggiata, non credevo mai di assistere a una cosa del genere.

      • Hugo ha detto in risposta a Manuela

        Anche io non credevo mai che un sito web cattolico si fosse dato la missione di opporsi frontalmente ad ogni azione e ad ogni discorso del Papa, ma evidentemente Cascioli e Gulisano sanno come sorprendere.

    • Hugo ha detto in risposta a Pacifico

      ascoltarsi le sue conferenze su Tolkien, Chesterton, tiene continuamente conferenze sulla letteratura inglese, irlandese, sui santi

      E poi per hobby invita tutti alla libertà vaccinale, sfidando l’ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità a “portare le prove” che i vaccini fanno bene e che i migranti non portano le malattie. Povero Chesterton!

  21. ManuelaP ha detto

    Ho letto l’articolo in questione. Non vedo una giustificazione a fronte di questo attacco così forte. Non è sacrosanto diritto approfondire, capire, dibattere e criticare le questioni invece che bere tutto quello che ci viene proposto? Perché non si deve andare a fondo su una questione così importante come i vaccini? Perché non approfondire un sano dubbio su chi propone di vaccinarsi in massa? Infine, chi è la persona che ha scritto alla vostra redazione? Fare nome e cognome per favore . Chi me codice che sotto non ci sia qualcosa di poco chiaro anche da parte vostra? Infine, perché farci la guerra tra noi cattolici? Non è meglio dibattere e discutere piuttosto che attaccare solo per il gusto di colpire?

    • Guildenstern ha detto in risposta a ManuelaP

      Chi mi dice che sotto non ci sia qualcosa di poco chiaro anche da parte vostra?

      Per esempio il fatto che citino, a proposito della presunta “presa di distanza dei lettori della NBQ”, commentatori palesemente anticattolici, quando non palesi troll, tipo Marco Leoni o Laura Astigiano.

    • Hugo ha detto in risposta a ManuelaP

      Finché i dubbi sui vaccini se li pongono Gulisano e Cascioli stanno solo facendo pericolosa propaganda antiscientifica. Oltrteutto non stanno ponendosi dubbi ma inneggiano alla libertà vaccinale!! Quando i dubbi se li porranno persone competenti allora le staremo ad ascoltare.

      Infine, perché farci la guerra tra noi cattolici?

      Detto da una che difende Gulisano e Cascioli, cioè gli artefici della quotidiana guerra al Santo Padre, a Vatican Insider, ad Avvenire, a Tornielli. Niente, l’ipocrisia domina sempre.

  22. Emanuele ha detto

    Pacifico e Manuela,

    da anni, quando si parla di vaccini non esistono posizioni pacate. O ti allinei perfettamente al mainstream o sei un abietto. Basta fare una domanda, sollevare un dubbio, riportare casi reali di cose poco gradevoli e diventi no-vax (inteso come un’estremista dedito a complottismo, ti associano di fatto alle scie chimiche, e diventi un soggetto da tenere a bada e possibilmente mettere a tacere).

    Questo è scentismo puro, positivismo… Compatibili con la nostra Fede? Non sta a me dirlo, Papi e Santi si sono già espressi in merito.

  23. ManuelaP ha detto

    Ho notato che in qualche commento si mette in dubbio la competenza del dottor Gulisano in tema di vaccini. Andando a leggere ciò che è pubblicato in Rete, il dottor Gulisano è specializzato in Igiene e Medicina Preventiva presso l’Università degli Studi di Milano, una scuola di specializzazione di eccellenza. Tra le sue tante pubblicazioni ci sono anche un volume sulle Pandemie, e uno di Storia della Medicina vista da un punto di vista cristiano. Credo che fareste meglio a leggerlo e a guardare a lui come un autentico maestro di fede e di cultura.

    • Hugo ha detto in risposta a ManuelaP

      A parte che non è “dott.” perché non basta avere una laurea per essere dottori, Gulisano è uno scrittore e un appassionato di Chesterton, questa è la sua specializzazione. Non ha voce in capitolo sui vaccini, anche perché tutti quelli che hanno voce in capitolo la pensano al contrario di lui.

      Credo che fareste meglio a leggerlo e a guardare a lui come un autentico maestro di fede e di cultura.

      Finché collabora con la Bussola, Radio Spada e il sedevacantismo italiano puoi tenertelo pure il tuo maestro di fede.

  24. Brunello ha detto

    Questo articolo può anche essere sopra le righe ma trovo gravissimo attaccare il Papa chiedendo e le dimissioni. Se ognuno stesse al suo posto le cose andrebbero meglio.

    • federico74 ha detto in risposta a Brunello

      “trovo gravissimo attaccare il Papa chiedendo e le dimissioni”
      Assolutamente vero; detto senza tanti eufemismi: è roba demoniaca.

« nascondi i commenti