«Come Dio ha incasinato la mia tranquilla vita da atea»

Nicole Cliff 

di Nicole Cliffe*
*scrittrice canadese-americana e giornalista del quotidiano “The Guardian”

da Christian Today, 20/05/16

 

Sono diventata cristiana il 7 luglio 2015, dopo una piacevole vita adulta di risoluto ateismo. In realtà avevo già ammorbidito un po’ la mia posizione negli ultimi due o tre anni, nel corso dei quali scrivevo per un popolare sito web femminista.

Come molti atei ero irriverente nei confronti della religione, anche se pensavo che probabilmente era bello per le persone di fede avere la fede. Ma ritenevo una ovvia sciocchezza l’idea di una divinità benigna che ci ha creato e ci ha amati, ho incontrato più volte persone di fede ed era affascinante la loro dolce illusione. Ma io non credevo, non avevo aneliti senza risposta, tutto andava bene nello stato della Danimarca.

Ci sono due diversi punti di partenza per la mia conversione, il primo è una storia semplice: stavo attraversando un momento difficile. Ero preoccupata per il mio bambino, una volta da sola in una stanza, ho detto: “Stai con me”. E’ stato imbarazzante, non so perché l’ho detto o a chi lo dicevo. Mi sono trasferita, la situazione difficile si è risolta e non ho più pensato di nuovo a questo. So come la gente ascolta questa storia: “Oh, certo, Nicole, eri affaticata e avevi bisogno di un quadro più ampio per la sua vita!”. Questa è una parte della verità, ma non è tutta la verità.

Il secondo punto di partenza è stato mentre navigando su Internet, ho trovato il necrologio che John CT Ortberg ha scritto al filosofo Dallas Willard. Le figlie di John sono care amiche e ho sempre avuto un rapporto meraviglioso con i loro genitori, anche se mi sono sempre sembrate illuse nella loro fede cristiana. Comunque, ho cliccato sull’articolo e ho letto: «Qualcuno una volta ha chiesto a Dallas se credeva nella totale depravazione. “Credo nella depravazione sufficiente”, ha risposto immediatamente. “Cosa significa?”. Risposta: “Credo che ogni essere umano è sufficientemente depravato che quando saremo accolti in paradiso, nessuno potrà dire: “Io l’ho meritato”». A pochi minuti dall’inizio della lettura dell’articolo, sono scoppiata in lacrime. Più tardi quel giorno, sono scoppiata nuovamente in lacrime. E il giorno dopo, mentre lavavo i denti, mentre mi addormentavo, mentre ero sotto la doccia, mentre davo da mangiare ai miei figli, sarei scoppiata ancora in lacrime.

E’ stato molto inquietante sentirsi improvvisamente come una barca che viene gettata sulle onde. Non ero triste, non avevo paura, avevo solo sperimentato troppi sentimenti. Ho deciso di comprare un libro di Dallas Willard, come lettura antropologica, naturalmente. Ho letto “Hearing God” e ho pianto. Ho comprato “My God and I” di Lewis Smedes. Ho pianto. Ho comprato “Take This Bread” di Sara Miles. Ho pianto. Qualcosa stava sfuggendo di mano, non si può andare avanti a piangere tutto il tempo.

A questo punto ho raggiunto un bivio. Mi sono seduta e ho detto: “va bene, Nicole, hai due scelte. Opzione uno: smetti di leggere i libri su Gesù. Opzione due: cominci a pensare perché sei sopraffatta dalle tue emozioni”. Ho pensato che se l’opzione due si dimostrava infruttuosa, potevo sempre tornare all’opzione uno. Così, ho scritto ad un amico cristiano e gli ho chiesto se potevamo parlare di Gesù. Mi sono subito pentita appena ho inviato l’e-mail, ma lui ha risposto che era felice di parlare con me di Gesù, probabilmente sapete già che i cristiani amano parlare di Gesù. Ho trascorso i giorni prima del nostro incontro sentendomi un’idiota, chiedendomi cosa avrei dovuto chiedergli. Circa un’ora prima del nostro incontro io credevo già in Dio. Peggio ancora, ero una cristiana.

E poi ho capito: piangevo continuamente pensando a Gesù perché avevo cominciato a credere che Gesù era davvero chi diceva di essere, e questa idea da inconsapevole è diventata cosciente, come se fosse sempre stato così. Così, quando il mio amico è arrivato, gli ho detto, goffamente, che volevo avere un rapporto con Dio. Abbiamo pregato, ridacchiato un po’, pianto un po’ e poi mi ha regalato una pila di libri di Henri Nouwen.

E siamo arrivati a oggi, vado in chiesa, prego. Le mie idee politiche non sono cambiate ma è aumentato il fervore con cui cerco di vivere. Mio marito è stupefatto di me, ma mi sostiene amorevolmente. Dio non mi ha parlato, piuttosto, come il protagonista di Memento mette il suo passato su una Polaroid, ho capito quello che già sapevo: quello che è successo durante quell’ora è stato il culmine naturale della mia venuta alla fede: mi sono aperta al divino. La mia conversione cristiana non mi ha concesso alcuna semplicità, anzi ha complicato tutte le mie relazioni, ha cambiato l’uso dei soldi, ha incasinato il mio personaggio pubblico. Ovviamente, è stato molto bello.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

21 commenti a «Come Dio ha incasinato la mia tranquilla vita da atea»

« nascondi i commenti

  1. Luciano ha detto

    Storie di ordinaria salvezza.

    • Vincent Vega ha detto in risposta a Luciano

      Più che altro ciò le permetterà di vivere più pienamente la propria vita. Dio dà a tutti, al momento della morte, la conoscenza della verità e la possibilità di abbracciarLo, chi va all’inferno è chi Lo rifiuta anche in quel momento.

  2. Ananda ha detto

    Io ero ateo, poi Krishna mi ha illuminato…lode a te o Krishna!

    • Katy ha detto in risposta a Ananda

      Divertente!
      Peccato che la tua sia una battuta, mentre quella raccontata è una storia vera.
      Chi ama la realtà e chi vive nell’infantile ironia, qualche domanda te la sei mai fatta?

    • Alèudin - preghierecorte ha detto in risposta a Ananda

      Ananda, Giuseppe, o vari altri nick…

      hai mai pensato che se stai qui a perdere e a farci perdere tempo forse è perché c’è qualcosa che ti affascina?
      Ovviamente avrai già pronta una risposta sarcastica per evitare di farTI la domanda.
      Troppa paura per farti domande vere.

    • Umberto P. ha detto in risposta a Ananda

      Da agnostico, il senso della provocazione? Che esistono tante religioni e non si può dimostrare quale sia quella giusta? Lo sappiamo benissimo tutti! Noi, loro, etc.

    • andrea g ha detto in risposta a Ananda

      Sempre simpatica la tua costante presenza, ogni volta con nuovi nickname.
      Nessun credente potrebbe dimostrare meglio dei tuoi adolescenziali post
      la patetica ossessività in cui finisce l’ateista che odia DIO.
      Sei perfetta, continua, grazie!

  3. Umberto P. ha detto

    Sincero e freddo, come sempre: guardo le conversioni che nascono da forti spinte emotive, quasi maniacali, in periodi di stress (nascita di figli / post partum, oppure un lutto in famiglia) con sospetto.

  4. Francesco ha detto

    Suggerisco un’opera meravigliosa: “Il Vangelo come mi è stato rivelato” di Maria Valtorta.

  5. Germano ha detto

    Mi sentivo tanto meschino.
    Poi ho letto Ananda e la mia autostima è schizzata alle stelle.
    Grazie Ananda.

    • Andrea VCR ha detto in risposta a Germano

      Hai dimenticato Elif! Tra tutti e due sono una vera cura per il miglioramento del concetto di sé!
      Viva Cristo Re

  6. lorenzo ha detto

    … e le tue emorroidi hanno trovato qualche miglioramento con quella cura?

    • Elif ha detto in risposta a lorenzo

      Ricordati che i peccati capitali (invidia) sono anch’essi peccati mortali!
      Stai sereno.. fatti un bicarbonato!
      Ti sentirai una freschezza!

      • lorenzo ha detto in risposta a Elif

        Ma anche tua madre quando la notte la vende per pochi euro usa quel prodotto?

        • Andrea VCR ha detto in risposta a lorenzo

          Hai esagerato, carissimo.
          La risposta migliore in questi casi è il silenzio, come fatto da tutti in tutti gli altri suoi post.
          Viva Cristo Re

  7. Steve ha detto

    Pure io sono molto spesso irriverente nei confronti della religione ma contemporaneamente non la escludo, rispetto chi crede e forse mi piacerebbe averne.

    Aspetto ancora la mia, di conversione, che probabilmente si sta già un pò attuando nel momento in cui, pensando che forse qualcosa do vero cè, si insinua in me qualcosa di molto simile ad un senso di serenità.

    In ogni caso mi piacciono molto le testimonianze di non credenti ferrei che improvvisamente sentono qualcosa, paradossalmente per noi agnostici sono molto più utili dei classici cattolici cresciuti a pane e fede da famiglie altrettanto cattoliche. Quelle non riusciamo a trovarle “attendibili”, non so se mi spiego senza mancare di rispetto.

    • Andrea VCR ha detto in risposta a Steve

      Ti spieghi benissimo e non stai mancando di rispetto a nessuno, semplicemente hai ragione.
      A nostra (solo parziale) discolpa posso solo dire che è impossibile mostrarci degni di Cristo. Anch’io credo nella depravazione sufficiente.
      Viva Cristo Re

    • Sophie ha detto in risposta a Steve

      Parlando da ex atea convertita a Cristo, non è comunque necessario rasentare o toccare il fondo per capire che Dio esiste. Ben venga se ci nasci e cresci con questo dono, tanto di guadagnato.

  8. Andrea VCR ha detto

    Dio incasina la vita di tutti, atei e credenti… è anche per questo che qualcuno lo ama!
    Viva Cristo Re

« nascondi i commenti