Le scuole paritarie tra i migliori istituti italiani, lo dice la Fondazione Agnelli

ScuolaEduscopio è il portale lanciato a Torino dalla Fondazione Agnelli nel 2014 per aiutare gli studenti delle scuole medie e le loro famiglie (e quindi anche voi che state leggendo, magari) a valutare l’istituto più adatto dopo la terza media, in vista dell’università che sceglieranno al termine dei cinque anni.

In questa seconda edizione del 2015 ha permesso di registrare anche le scuole che hanno guadagnato o perso posizioni rispetto al 2014 in termini di qualità, considerando gli esiti universitari di 709mila diplomati di tre anni scolastici (dal 2009-2010 al 2011-2012) nei loro percorsi universitari al primo anno da immatricolati (quindi fino al 2012-2013). Numero di esami superati e media dei voti ottenuta. La Fondazione però, per un suo principio inderogabile, non ha voluto stilare classifiche nazionali, che non avrebbero senso non potendo confrontare scuole che ricadono in ambiti troppo diversi fra loro.

Il risultato che ne è venuto fuori è davvero interessante per quanto riguarda le scuole paritarie: su quasi tutte le città esaminate (Torino, Milano, Venezia, Bologna, Genova, Roma, Napoli, Bari, Cagliari, Palermo) esse si sono piazzate benissimo. In alcune importanti città, addirittura, le paritarie si sono aggiudicate il primo posto dei licei più formativi, sorpassando licei statali di chiara fama e brillanti trascorsi.

Torino, ad esempio, tra i sei migliori istituti ci sono i salesiani di Valsalice e i gesuiti dell’Istituto Sociale. A Milano e provincia, i licei paritari raggiungono ottime posizioni e il migliore liceo classico della città è l’Istituto Sacro Cuore (legato a Comunione e Liberazione), che vanta anche al secondo posto il suo liceo scientifico. A Genova, il liceo classico paritario San Giuseppe Calasanzio è arrivato nono. A Bologna tre le migliori prime cinque scuole classificate, ben tre sono paritarie tra cui, al terzo posto, il classico San Luigi dei Barnabiti. A Venezia, è quarto il Giovanni Paolo I. A Napoli, è settimo il Sacro Cuore. A Roma, primo tra i licei in scienze umane è la scuola cattolica di San Sisto Vecchio. A Palermo il miglior liceo scientifico è un altro istituto paritario, il Don Bosco Ranchibile, mentre al al secondo posto si sono classificati i salesiani del Don Bosco a Villa Ranchibile e al quarto posto del ranking il Centro Educativo Ignaziano.

Un chiaro risultato che ci dice come le scuole paritarie, seppur in numero inferiore, male finanziate da parte dello Stato e spesso soggette a polemiche sterili, se non faziose (denigrate come diplomifici), siano invece tra l’eccellenza della scuola italiana e sappiano in gran parte preparare al meglio gli studenti alla carriera universitaria.

Cari genitori, se avete pensato di suggerire ai vostri figli di iscriversi a una paritaria, non datevi pensiero: i dati parlano chiaro, potrebbe essere una delle scelte migliori che vostro figlio possa fare per la sua vita, e voi lo avrete aiutato a farla.

Claudio Gnoffo

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

10 commenti a Le scuole paritarie tra i migliori istituti italiani, lo dice la Fondazione Agnelli

« nascondi i commenti

  1. Laura ha detto

    Bellissimi articoli: rapidi, puntuali, precisi, con apposita fonte. Colpiscono e via!

  2. Ftr ha detto

    Solo una curiosità: ma non sarà che in quelle scuole ci vanno i figli di persone che se lo possono permettere e di conseguenza hanno le capacità economiche (e culturali, anche) di mandare con successo i figli all’università? In questo caso è la classifica dei privilegi, non dei meriti.

    • Luciano ha detto in risposta a Ftr

      Di sicuro hai ragione, ma quanto meno questa classifica smentisce lo stereotipo immeritato di “scuola paritaria = diplomificio”

      • Piero ha detto in risposta a Luciano

        Questa classifica dice che ci sono scuole private di livello (sarebbe strano il contrario), non che tra le paritarie vi siano parecchi “diplomifici”, cosa che rimane ancora vera.

        • Norberto ha detto in risposta a Piero

          In realtà dice anche che tra le scuole statali vi sono tantissime scuole finanziate completamente dallo Stato che risultano scadenti, dunque a loro volta “diplomifici” (a spese dello Stato). La questione è che le paritarie sono infinitamente un numero inferiore eppure risultano essere le migliori scuole in tutte le principali città.

          • Piero ha detto in risposta a Norberto

            L’articolo veramente non dice questo, anche perchè in quelle città dove la prima paritaria appare al quarto posto non si capisce come si possa affermare che le paritarie risultano essere le migliori scuole in tutte le principali città.

    • Katy ha detto in risposta a Ftr

      Il fatto che uno si possa permettere di mandare i figli all’università non significa che poi quei figli abbiano voti eccellenti come invece dimostrano di avere gli studenti che escono dalle scuole paritarie. Su questo si basa la ricerca di Eduscopio, infatti.

      • Polpidoro ha detto in risposta a Katy

        Ahaha.. le scuole paritarie sono MALE finanziate nonostante abbia visto sempre CRESCERE le sovvenzioni con soldi pubblici (contro la stessa Costituzione)!??

        E la scuola pubblica allora che al contrario ha subito costantemente attacchi, devastazioni e tagli enormi??

        Tutti gli indicatori, in particolare OCSE, registrano un netto vantaggio delle scuole statali rispetto a quelle private paritarie.

        • Norberto ha detto in risposta a Polpidoro

          In realtà le scuole paritarie sono male finanziate soltanto in Italia dato che all’estero il finanziamento è totale.
          Ti ricordo anche che la Costituzione non c’entra nulla ed è stato il ministro comunista Berlinguer a legittimare la parità tra scuole statali e private-paritarie.
          Se la scuola pubblica non sa gestire il 99% dei fondi che riceve dal ministero della scuola è un altro discorso, alle paritarie va l’1% dei fondi destinati alla scuola e con quello non solo ci campano (a stento) ma creano anche istituti di eccellente formazione.

        • lorenzo ha detto in risposta a Polpidoro

          Da quello che scrivi si capisce che:
          – non conosci la differenza tra scuole pubbliche, paritarie e private;
          – non sai quanto costa allo stato uno studente della scuola pubblica e uno della paritaria.

          Perché allora sei così fiero di esibire la tua ignoranza?

« nascondi i commenti