Le scuole cattoliche inglesi sempre più ambite: crescono gli iscritti

«La percentuale di studenti provenienti da minoranze etniche è più alta nelle scuole cattoliche rispetto a quelle di Stato. Gli istituti cattolici sono sempre più popolari. E’ la risposta migliore alle critiche di chi attacca le nostre scuole dicendo che discriminano in base alla fede o al reddito». Così Greg Pope, vicedirettore del dipartimento per l’educazione della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles commenta a SIR Europa il censimento 2010 delle scuole cattoliche.

Esso dimostra che il 29,2% di alunni delle scuole elementari cattoliche provengono da minoranze etniche a fronte di un 25,5% delle scuole nazionali. Anche alle superiori la percentuale di alunni non inglesi nelle scuole cattoliche è più alta, il 25,2%, rispetto al 21,4% della media nazionale.

Il censimento pubblicato dal dipartimento (disponibile all’indirizzo www.catholic-ew.org.uk) dimostra anche che le scuole cattoliche sono sempre più ambite. La percentuale di alunni nei 2289 istituti gestiti dalla chiesa – si tratta del 10% di tutte le scuole e gli istituti superiori – è salita infatti dai 781.400 del 2009 ai 784.808 del 2010. Nell’intervista Pope spiega anche che la nuova legge sulle pari opportunità consentirà agli istituti della chiesa di continuare a usare il criterio della religione di appartenenza per scegliere insegnanti e alunni e che la percentuale dei cattolici rimane alta.

La stessa tendenza si verifica in Francia (cfr. Ultimissima 19/10/11) e in Australia (cfr. Ultimissima 30/8/11). In Ultimissima 22/3/11 informavamo che l’ente governativo inglese, “l’Office for Standards in Education, Children’s Services and Skills” (OFSTED), stabiliva che le scuole cattoliche del Regno Unito offrono anche più qualità rispetto alle altre.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

13 commenti a Le scuole cattoliche inglesi sempre più ambite: crescono gli iscritti