In Italia non esiste l’omofobia, lo dice anche “Repubblica”

Omofobia italiaRicordate le centinaia di articoli sui principali quotidiani in favore di una legge contro l’omofobia per frenare la presunta dilagante persecuzione degli omosessuali in Italia? Tutto finito, ora che vanno promossi matrimoni e adozioni Lgbt bisogna assolutamente presentare le coppie gay come totalmente integrate e accettate dagli italiani, che sarebbero così pronti a riconoscere il loro matrimonio.

E’ di questi giorni l’articolo-spot a favore delle adozioni Lgbt del giornalista di Repubblica Francesco Merlo (anticlericale di lungo corso): Merlo si è recato a casa di una coppia di donne con bambino descrivendo prevedibilmente la loro unione come un angolo di paradiso, di amore, di felicità, di bontà, di rispetto, di attenzione e di progresso, concludendo in modo classico: «Esco da quella casa e penso che se avessi da affidare un bambino lo darei a loro». E’ il copione classico per insinuarsi emotivamente nella testa del lettore.

Tuttavia nel confezionare lo spot pro-Lgbt, Merlo non si è accorto di aver appena realizzato anche uno spot contro i sostenitori dell’omofobia italiana, le due donne infatti hanno infatti raccontato -manco fossero dei profughi scappati dalla guerra-, l’aiuto e la vicinanza ricevuta dai vicini di casa, dagli impiegati dell’Anagrafe, dai negozianti del loro quartiere, dal consultorio a cui si sono rivolte e perfino al corso di preparazione al parto, «nessuna delle donne in gravidanza ha mostrato il minimo turbamento. Insomma gli italiani sono molto più avanti delle leggi dello Stato». Ma come? E la dilagante omofobia italiana? Il contesto attorno alle persone omosessuali non era mica discriminatorio, fino a poco tempo fa, tanto da aver bisogno di tutele specifiche?

Evidentemente le necessità dell’associaziono Lgbt sono cambiate, la legge contro l’omofobia è passata in secondo piano e allora ecco i quotidiani che raccontano un’Italia a misura degli interessi degli attivisti omosessuali. E’ sempre Repubblica, nelle sue quotidiane e sdolcinate interviste a coppie Lgbt, a confermare che quella dell’omofobia era una bufala: «Non abbiamo mai avuto problemi all’asilo, con il pediatra, per le vaccinazioni», hanno spiegato altri due omosessuali “genitori” di un bambino. «E neanche ne ha avuti con i suoi coetanei. Forse una differenza la vedremo quando sarà più grande o forse mai». E lo stesso in un terzo articolo-spot a favore delle nozze gay: «nella vita di tutti i giorni siamo una coppia accettata da famiglia, vicini e colleghi», hanno spiegato altri due omosessuali.

Insomma, quando gli attivisti Lgbt volevano far passare il ddl Scalfarotto sui quotidiani non si parlava altro di questa minoranza continuamente perseguitata e bisognosa di una speciale protezione giuridica. Era una grande sciocchezza, come abbiamo dimostrato citando dati e studi sociologici, ed infatti il disegno di legge è stato velocemente accantonato con l’unanime consenso. Oggi la strategia è puntare direttamente sulle nozze gay, così le coppie omosessuali vanno presentate come isole di paradiso, capitali del rispetto e dell’amore reciproco, lontane anni luce dalla litigiosa famiglia italiana, coppie perfettamente integrate nel contesto in cui vivono, dove vengono amate e rispettate, alla faccia dell’omofobia.

Entrambe le descrizioni sono false: nessuna omofobia e nessuna approvazione, gli italiani sono rispettosi delle persone ma difendono la famiglia naturale uomo-donna riconosciuta costituzionalmente, come mostrano i dati. Gli sforzi e le marchette di Repubblica riescono soltanto a mostrare la perenne autocontraddizione e l’utilizzo della stampa come organo di regime e di propaganda per instaurare l’ideologia Lgbt, esattamente per questo Papa Francesco la chiama “colonizzazione ideologica”.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

93 commenti a In Italia non esiste l’omofobia, lo dice anche “Repubblica”

« nascondi i commenti

  1. web89 ha detto

    No, non esiste proprio una fobia, in nessun DSM, chiamata “omofobia”, che causa terrore, attacchi di panico, ecc in Italia come nel resto del mondo.

  2. EquesFidus ha detto

    Non è che l’omofobia non esiste in Italia: non esiste e basta, punto. L'”omofobia” è una malattia assolutamente inventata dalle lobby LGBTQ per fare vittimismo e far passare i loro desideri come “diritti”, criminalizzando ed offendendo chiunque non sia d’accordo con loro; in realtà non esiste alcuna “fobia dello stesso”, in nessun manuale di psichiatria, né tanto meno coloro che combattono contro simili perversioni del diritto e della natura umana sono da accostare ai cretini che sfogano il loro furore contro i gay (ma potrebbero essere qualsiasi cosa, inclusi i barboni o i cattolici). In realtà, l'”omofobo” è il nuovo untuore per il regime democratico liberalista in cui ci troviamo: una volta erano i vari “nemici del popolo”, prima di allora gli ebrei, ancor prima i “contro-rivoluzionari” e così via: semplicemente, chiunque non sia d’accordo con i vari regimi totalitari deve essere, da che mondo + mondo, distrutto, la sua immagine infangata e la sua persona eliminata (o rieducata, che è persino peggio).

    • EquesFidus ha detto in risposta a EquesFidus

      Penultima riga: “da che mondo è mondo”.

    • Franceschiello ha detto in risposta a EquesFidus

      Concordo al 101%. Il dalli all’omofobo di oggi equivale al dalli all’untore di qualche secolo fa. Ho letto diverse “lettere aperte” scritte da militanti lgbtqxyz alle sentinelle in piedi, e sono tutte accomunate dalla pura e semplice denigrazione, dal continuo accostamento ai nazisti (i cattivi per antonomasia, nell’immaginario collettivo). Nessuna sentinellainpiedi vuole mandare i gay nei campi di concentramento, si chiede semplicemente di rispettare il diritto dei bambini ad avere una mamma e un papà. Ma nelle loro lettere aperte, gli attivisti omosessualisti non entrano mai nel merito di questa questione (l’unica che conti davvero), limitandosi ad un melenso vittimismo.

      • Li ha detto in risposta a Franceschiello

        Proprio vittimismo. I discriminati continuano ad essere discriminati, e le lobby gay, con i loro adepti arcobaleno vittimisti pretendono.

        Come sta il ragazzino obeso a cui hanno rovinato la vita con un fucile ad aria compressa? E la bambina con problemi mentali vittima di bullismo? Dove sono i loro diritti?

        Attendo di vedere la caduta di sodoma e gomorra, perchè come la moda, tutto questo passa.

        Gli lgbt ormai sono sdoganati. Non fanno più notizia.

        E in merito all’articolo sul signor Jenner, a cui non ho potuto partecipare…che pena, poveretto. Se ne accorgerà.

        I discriminati sono i malati mentali anche gravi da ospedale psichiatrico, che si vedono chiudere i posti in cui stavano ricoverati, e ributtati nella società che non li vuole ma ci deve fare i conti.
        Le malattie mentali sono varie, quindi imprevedibili. Un gay/bisex/lesbo si sa già cosa vuole, quindi non è qualcosa di diverso.

  3. Sophie ha detto

    Questo giornalista ha dovuto per forza di cose rinunciare alla caccia all’omofobo per far vedere che tutti apprezzano le pseudofamiglie gay e che siamo per forza tutti pronti alle unioni fra omosessuali (vorrei sapere se lo è pure Madre Natura ma vabbè…). Giuro che non so se ridere o piangere. Così come non so se ridere o piangere quando persone che si comprano i bambini del catalogo web danno lezioni di vita a famiglie naturali che cercano fra mille difficoltà di ogni tipo di andare avanti. Ma si sono mai chiesti perchè Satana attacca come un bufalo le famiglie naturali e non le capriccio-famiglie?

  4. lorenzo ha detto

    Se affermare che un omosessuale è maschio se ha la coppia cromosomica XY ed è femmina se ha la coppia XX significa essere omofobi, io, pur provando gran una pena per i gay, sono omofobo.

  5. beppino ha detto

    Non so se arriverà o meno il cosiddetto “matrimonio” (o anche “unione”, tanto non cambia nulla in termini di conseguenza) di tipo sodomita e/o lesbico… Se arriverà la “coppia” potrà essere integrata fin che si vuole ma, nel caso abbia bambini nati/adottati dopo l’unione, sarà sempre una coppia che ha “acquistato” la vita del proprio figlio (menomato in partenza della propria origine biologica) E sarà sempre una coppia che, oggettivamente, non potrà mai dare il massimo garantibile dalla natura per la crescita del proprio figlio (sensibilità maschile e femminile); per non parlare poi della cosiddetta “capacità genitoriale” ancora oggetto di discussione (almeno fra gli specialisti più seri e meno monorientati culturalmente). Per quanto riguarda la “ricaduta” nella società o per quanto riguarda il fatto che la società sia già pronta o meno ad “accettare” l’eventualità rimane sempre l’osservazione che la numerosità delle omocoppie, e quindi la possibile incidenza, sarà sempre ridicola perché comunque limitata é la percentuale di persone interessabili da questa evenienza.

    Fu il cristianesimo che portò il concetto di matrimonio al “massimo” valore etico, dotandone in particolare la stessa sua essenza di quella particolare visione escatologica che lo rende “particolare”. Fino a Napoleone gli Stati si limitavano sostanzialmente a prendere atto della celebrazione del matrimonio sponsale/religioso e delle eventuali successive dichiarazione di nullità (sempre da parte di autorità ecclesiastiche); dopo Napoleone gli Stati imposero il rito civile per rendere valido il matrimonio, implicitamente buttando nel cassetto (ovviamente) quella visione escatologica che rende il matrimonio cristiano, appunto, “particolare”. Sappiamo poi tutti come é andata a finire ed in particolare come é la situazione attuale (escludendo le poche comunità realmente cattoliche esistenti in Italia ormai gran parte delle “poche” coppie che si sposano lo fa solo come conseguenza di una “unione” precedente ed ormai lo stesso istituto del matrimonio nell’ambito del diritto civile tutto é fuorchè quello che dava “significato” al matrimonio stesso prima di Napoleone). Meno ipocrisia implicherebbe che le unioni civile (in senso lato) previste negli Stati moderni si chiamassero come si vuole, ma non col termine “matrimonio”, almeno per rispetto al puro significato etimologico.

  6. ratioman ha detto

    Come avevo già indicato in un altro post, la parola omofobia va al di là del puro significato etimologico. Forse potrebbe rendere meglio la parola omoavversione. Detto questo ritengo che in Italia sia presente, ma non molto diffusa, fortunatamente, l’omofobia. E va combattuta, principalmente sul piano culturale.

    • lorenzo ha detto in risposta a ratioman

      Allora sarebbe più appropriato omosymponia.

    • gladio ha detto in risposta a ratioman

      Vererissimo, caro Ratman, la desinenza ” fobia ” deriva dal termine greco che significa ” paura ” e che nel linguaggio corrente ha acquisito il significato ( letteralmente errato ) di “avversione”.

      Ma tant’è…giusto o sbagliato che sia la lingua del volgo è questa e non saranno certamente le sottigliezze linguistiche a cambiare la sostanza delle cose.

      Concordo anche con te che la cosidetta ” omofobia “, quando con ciò si intende disprezzo e discriminazione, vada combattuta sul piano culturale ma mi preme anche sottolineare che è ora di ritenere l’ omosessualità un vero e proprio handicap sia esso di natura fisica che di natura psichica o entrambe le cose.

      L’ omosessualità infatti, al pari ad esempio della sordità, della cecità o di qualsiasi altra malattia invalidante è una vera e propria menomazione e questo per il semplice motivo che chi ne è affetto è privo di una caratteristica peculiare e indispensabile della sua specie: la capacità di generare la vita.

      Pertanto ritengo veramente demenziale promuovere sistemi educativi o esercitare pressioni mediatiche al fine di favorire la …diffusione di una malattia!!

    • Li ha detto in risposta a ratioman

      comincia tu a professare il verbo tra i musulmani, poi vediamo cosa ti dicono: sono loro che buttano dai palazzi i gay in Iraq. Chissà se l’IS lo fa ancora. Fino a pochi mesi fa sì.

      Omoavversione? Io avverto dell’eteroavversione, persino da certi eterosessuali.

  7. Sophie ha detto

    Io comunque il 20 Giugno sarò a Roma con il “Family day” per protestare contro il ddl Cirinnà.

    • Marco S. ha detto in risposta a Sophie

      Grande Sophie !
      20 giugno a Roma…non lo sapevo…
      Io sono un po’ lontano ed impegnato, ma valutero’ seriamente la mia partecipazione, perche’ mi pare sia questo il momento per non mollare e per profondere ogni sforzo al servizio di questa nobile causa.
      Del resto quando uno ha dei buoni esempi come voi, ha solo da imitarli….

      • Sophie ha detto in risposta a Marco S.

        Non è più tempo di stare a guardare. Non si deve solo pregare ma bisogna pure agire. Soldi e lavoro permettendo sarò a manifestare pure quando si attiveranno per introdurre l’eutanasia (i soliti PD e Grillo stanno già escogitando un modo). Ho sempre amato l’Italia e non posso stare a guardare un Paese a caduta libera dove si chiudono le Chiese e si aprono le moschee, dove comandano gli ultimi arrivati, dove comandano pervertiti, corrotti, mafiosi, assetati di potere e dichiarati adoratori di Satana.

  8. Annalisa ha detto

    Roma, 20 giugno. Presente. Già preso i biglietti del treno.

    • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Annalisa

      Io sono viziato, preferisco la macchina. 😉

      • Marco S. ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

        Beh se ci andrai, ti ringrazio in anticipo, anche se arriverai in Piazza S. Giovanni con l’elicottero.

        Non sono pero’ sicuro che andare in auto a Roma, con tanto guida (presumo lunga), ingresso in citta’, parcheggio, per poi alla fine dover comunque ricorrere ad un mezzo pubblico, sia piu’ “da signori”, che viaggiare in Freccia Rossa, con libro o tablet (e non parlo dello champagne e delle ostriche, per non essere troppo sfacciato 😉

        • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Marco S.

          Più che altro il “viziato” si riferiva al fatto che per me la macchina stessa e’ un “vizio”. Personalmemte adoro guidare, sfrutto tutte le occasioni per andare in pista e posso guidare senza stancarmi anche per svariate centinaia di chilometri.

          Una volta ero una testa calda e ho anche rischiato di morire diverse volte, in particolare in due incidenti che devo ancora capire come ho fatto ad averla scampata.
          Daq auando ho capito il valore della vita ho smesso con quelle cazzate ma la passione e’ rimasta viva 😉 .

          • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

            Da quando volevo scrivere, pardon 😉 .

          • ratioman ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

            Quindi teneva un comportamento che metteva in pericolo anche la vita di altre persone. Immagino abbia ringraziato dio per non aver provocato vittime innocenti.

            • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a ratioman

              Certo 😉

              Ormai ho chiuso con quelle cose, si trattava di gare clandestine, giravano soldi ma non si può mettere in pericolo la vita di altre persone. Meglio la pista 😉 .

              La passione per i motori c’è sempre, e’ viva oggi come allora, ma la sfogo in pista, quando posso. Più che altro devo ancora capire come ho fatto a scamparla l’ultima volta, poi il Signore ha fatto in modo che mi arrivassero delle prove da superare nella vita e mi ha tirato fuori dall’abisso in cui ero diretto. Mi è stata fatta una grande grazia 😉 .

              • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

                Mi ha dato la certezza del Suo amore per me, della Sua esistenza e mi ha permesso di capire il valore della vita. Dato che ero un disgraziato non e poco 🙂 .

  9. gladio ha detto

    E una legge contro la buonsensofobia ? a quando?

    • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a gladio

      Ahahaha 😀

      Presto si arriverà alla eterofobia 🙂 .
      Alla cristianofobia ci siamo abituati da due millenni, no problem 🙂 .

      Il buon Nerone di dava in pasto alle belve, ora è Lui ad essere il trastullo di Astaroth, Buer e compagnia… È la cosa non mi dispiace nemmeno un po, anzi. Chi semina vento raccoglie tempesta 😉 .

    • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a gladio

      Aldilà di tutto, sono tempi duri, bisogna tener botta 😉 .

      Altroché barcollo ma non mollo, noi ne barcolliamo ne molliamo 😉 .

  10. giovanni ha detto

    prof.Kippenhahn… ricordo quanti articoli del suo team ho letto quando facevo la tesi… Chi lo ha conosciuto ne decanta la gentilezza e generosità, al punto di cedere importanti strumenti del suo lavoro perchè altri potessero usarli… Un vero uomo e un vero scienziato

  11. Luigi ha detto

    Tutti sanno che i bambini si fanno imitatori dei genitori o comunque delle persone che ricoprono quel ruolo. Ancora piccoli ma anche piú in lá, se si trovano con bimbi o bambine é facile che imitino l’esempio dei genitori, ne è sintomatico quando giocano a mamma e papá. Beh a tutti sembra naturale vedere che nel gioco si abbraccino e imitino le coccole tra genitori. Mi chiedo, due persone dello stesso sesso potranno forse dare un esempio pratico senza influenzare i bambini a loro affidati? Se vedranno i loro omogenitori scambiarsi coccole non reputeranno normale fare altrettanto con i loro coetanei?

    • Marco S. ha detto in risposta a Luigi

      Caro Luigi, mi pare che quanto scrivi sia condivisibile, ma manchi un pezzo che evidentemente sottintendi.
      In caso contrario sembreresti dar ragione alle teorie del gender, che sostengono che l’orientamento sessuale sia una mera questione culturale e quindi largo ai corsi gender negli asili, per riparare ai terribili guasti delle “famiglie etero”

      In realta’ l’unione uomo/donna e’ innanzitutto fertile ed e’ l’unica che puo’ assicurare la chiarezza dell’origine genetica dei figli (un fattore molto sottovalutato, che emerge sempre piu’ prepotente, ora che i primi figli nati dai primi armeggiamenti genetico-eterologi degli anni ’90, sono arrivati all’eta’ adulta).

      Questa unione e’ l’unica che permette di mantenere in ambito strettamente privato e fuori dal mercato il controllo della riproduzione sociale, cosa che ha molto a che fare anche con la liberta’ di tutti, omosessuali compresi.

      Inoltre uomo e donna non sono complementari solo sul piano fisico-riproduttivo ma, mediamente, anche sul piano mentale e psicologico, quindi questo dovrebbe assicurare, sempre nella media, una situazione familiare maggiormente equilibrata per i bambini.
      E gli istituti giuridici, come la famiglia, devono essere per forza modulati sulla media dei casi, lasciando la gestione degli estremi al controllo sociale ed alle leggi, senza prenderli a pretesto per smantellare un intero istituto che funziona da 5.000 anni.

      Quindi mi pare ovvio che le unioni omosessuali debbano essere rispettate, ma mi pare meno ovvio che debbano essere incoraggiate, men che mai pregiudicando l’orientamento sessuale dei minori che eventualmente si trovassero ad esse affidati.

      E qui sono arrivato alla tua stessa conclusione, ma dopo aver sviluppato a fondo il ragionamento ad essa sotteso.

      • ratioman ha detto in risposta a Marco S.

        Ragionamento interessante ma che non condivido in pieno. Per ora vorrei solo far notare che dal punto di vista mentale e psicologico non penso che si possa parlare di complementarietà in generale tra uomo e donna, essendoci vaste zone comuni di interessi e comportamenti che dipendono anche dal vissuto personale.

        • Marco S. ha detto in risposta a ratioman

          E’ vero che ogni persona e’ una storia a sé e per questo mi sono profuso nel sottolineare che si tratta di fenomeni statistici, ripetendo piu’ volte la parola “mediamente”.

          Mi pare pero’ che, a livello statistico, si riconosca all’intelligenza femminile una maggiore capacita’ nella analisi, mentre a quella maschile una maggiore capacita’ nella sintesi.
          Quindi, in qualche modo, le due sembrano fatte per completarsi.
          Ovviamente parliamo di natura dell’intelligenza, non di intensita’, perché l’idiozia o il genio non fanno certo distinzioni di sesso.

          Riteniamo quindi che, prima di tutto, siamo tutti persone, con le nostre esperienze, i nostri successi ed i nostri errori, che hanno certo formato la nostra personalita’.
          Ma riteniamo anche che l’essere nati uomini o l’essere nati donne, non sia affatto una cosa indifferente, rispetto alla nostra personalita’ e anche quello che possiamo dare agli altri.

  12. Libertas ha detto

    ” E la dilagante omofobia italiana?”

    La dilagante omofobia italiana la vediamo negli ambienti di estrema destra e negli ambienti cattolici.
    La vediamo in questo sito e nelle manifestazioni regolari tenute da fondamentalisti religiosi cattolici contro i diritti delle coppie gay,
    la vediamo nella discriminazione sociale sui posti di lavoro dove tran e trav trovano tutt’ora molte difficoltà,
    e negli episodi di violenza fisica e di discriminazione nelle scuole verso adolescenti “diversi”
    la vediamo con modalità diverse da regione a regione, a Milano un trav/trans può uscire con molta piu facilita rispetto a Roma e peggio ancora nel Sud..
    la vediamo nella chiesa che considera i gay malati, disagiati mentali e/o depressi che devono seguire teorie “riparative”
    la vediamo nelle parole di chi frequenta questi siti cattolici che si schierano addirittura a favore dell’omofobia..
    la vediamo in tanti aspetti della vita quotidiana.

    Grazie alla legge Scalfarotto e alle unioni gay si potrà costruire una nuova società finalmente priva di vecchi e orribili tabù, una società ancora piu libera ed emancipata..

    • Marco S. ha detto in risposta a Libertas

      Lei sta lamentando un problema, dispensandosi pero’ dal definirlo.
      Sta dichiarando l’esistenza di emergenze sociali che funestano le nostre comunita’, dispensandosi dal fornire un’adeguata casistica, adeguatamente confermata (l’elenco delle “bufale” sugli episodi di “omofobia”, mi pare lunga).

      Sulle discriminazioni sul lavoro, manca una casistica e le cronache recenti sembrano proprio dimostrare il contrario.
      Se un/una manager vuole far carriera, forse gli conviene dire che ha avuto un ripensamento sul suo orientamento sessuale.

      Sulle teorie riparative, che la Chiesa non promuove affatto, dovrebbe spiegare perché quelle per il corpo hanno piena cittadinanza (vedi il caso Jenner), mentre quelle per la mente sono un anatema criminale.
      Tutto sommato e’ proprio Lei che attribuisce a corpo e mente pari dignita’ essendo entrambi nell’ambito prettamemte naturale.

      E poi, come mai la gente che continua a pensare come si e’ pensato negli ultimi 5.000 anni in tutto il mondo, viene improvvisamente criminalizzata, senza che a Lei venga il minimo dubbio che si stia chiedendo troppo per poter assicurare la tenuta della compagine sociale.

      • Libertas ha detto in risposta a Marco S.

        “Se un/una manager vuole far carriera, forse gli conviene dire che ha avuto un ripensamento sul suo orientamento sessuale”

        appunto, come volevasi dimostrare…

        — “Sulle teorie riparative, che la Chiesa non promuove affatto,”

        Le promuove eccome in modo “non ufficiale” (convegni, incontri per le “famiglie”, ecc..), e inparte pure ufficialmente viste le ultime uscite di Bergoglio e compagnia…

        dovrebbe spiegare perché quelle per il corpo hanno piena cittadinanza (vedi il caso Jenner), mentre quelle per la mente sono un anatema criminale.

        Ecco ora ha dimostrato di essere omofobo DENTRO: a cosa si riferisce parlando di teorie riparative mentali? I MATTI?

        Ahh complimenti per lei i gay sono malati mentali…. be direi che lei ha bisogno come minimo di un corso gender… “intensivo” e… RIPARATIVO!!

        — E poi, come mai la gente che continua a pensare come si e’ pensato negli ultimi 5.000 anni in tutto il mondo, viene improvvisamente criminalizzata, senza che a Lei venga il minimo dubbio che si stia chiedendo troppo per poter assicurare la tenuta della compagine sociale.

        5.000 anni fa esisteva anche la schiavitu e il razzismo fino ai giorni nostri, il pensiero di 5.000 anni fa era un pensiero PRIMITIVO… complimenti per la sua osservazione, lei e il cristiensimo allora avete il pensiero di 5.000 anni fa!! Il Card.Martini era stato troppo ottimista, paralava SOLO di 300 anni…

        .. e pertanto la gente che continua a pensare in quel modo viene GIUSTAMENTE criminalizzata, e non improvvisamente.

        — “si stia chiedendo troppo per poter assicurare la tenuta della compagine sociale”

        che vuol dire che poi i gay si ribellano e fano la rivoluzione? .. farebbero bene…

        Il suo post risponde perfettamente alla domanda se esiste l’omofobia in Italia: SI, basta leggere i commenti UCCR…

        • Sebastiano ha detto in risposta a Libertas

          “lei ha bisogno come minimo di un corso gender… “intensivo” e… RIPARATIVO!!”

          Beh, già che c’eri potevi dare anche l’indirizzo:
          110 km a nordest di Pyongyang

          Il direttore sarai tu o direttamente Scalfarotto?

          • Marco S. ha detto in risposta a Sebastiano

            Gia’…

            Libertas (che mi pare usurpi gravemente il suo nick) non si rende nemmeno conto che qui l’unico che fa affermazioni veramente gravi e preoccupanti e’ proprio lui/lei.

            Io mi sono dato la pena di argomentare ogni mia singola affermazione, senza vedere mai una chiara confutazione, ma soltanto l’attaccarsi a singole parole e a singoli concetti, avulsi dal contesto, per cercare di criminalizzarmi.

            In queste condizioni l’opaca accusa di “omofobia” va bene a braccetto con quella di “nemico del popolo”, con la quale Stalin, Mao e Pol Pot hanno istituito campi di rieducazione dei quali, ritengo non a caso, parla anche Libertas.
            Credo che non esista piu’ chiara evidenza della mancanza di argomenti razionali per sostenere le proprie tesi, anzi del timore che i ragionamenti razionali che qui facciamo, possano essere condivisi da altri, magari rivelando la “nudita’ del re” rappresentato dalle teorie del gender.

            Grave l’auspicio di una peraltro poco credibile “rivoluzione omosessuale”, che pero’ ci da gia’ l’idea come la intendano taluni, appena si sentono minimamente in posizione di forza.
            Se e’ vero che, nel breve periodo “contro la forza, la ragion non vale”, la Storia ha dimostrato fino alla nausea che invece, nel lungo periodo, “contro la ragione, la forza non vale”, come ha dimostrato la storia dei regimi totalitari, sia di destra che di sinistra, tutti miseramente collassati su se stessi.
            Mi auguro quindi che tutti continuiamo a stare dalla parte della Ragione, nel comune interesse.

            Infine assistiamo ad una persona che continua a criminalizzare la gente sulla base di una fattispecie che non sa nemmeno definire chiaramente.
            Comunque non mi pare il solo a mancare in tal senso, perché ritengo che lo stesso progetto di legge dell’On. Scalfarotto ne soffra.
            Una carenza peraltro molto grave, visto che parliamo di una legge di rilevanza penale, nel cui ambito dovrebbe valere il principio generale della tassativita’ delle fattispecie di reato.

            Esorto quindi Libertas a passare un attimo alla toilette a darsi una bella sciacquata alla testa per rinfrescarsi le idee e quindi ragionare in maniera meno scomposta.
            Almeno se vuole continuare a scrivere qui, senza rischiare di sproloquiare.
            Capisco il caldo, ma se e’ cosi’, in alternativa non resta che prendere asciugamano e ombrellone ed andarsene in spiaggia

            Ci sono anche profonde contraddizioni

            • Marco S. ha detto in risposta a Marco S.

              Il pezzo di frase “Ci sono anche profonde contraddizioni….” in chiusura del mio intervento, non e’ un P.S., ma un pezzo di una frase che poi ho annullato, riformulandola in maniera diversa, ma che ho omesso di cancellare.

            • EquesFidus ha detto in risposta a Marco S.

              Non ti dar pena di rispondergli, è solo il troll multinick laicista, violento e fanatico, Shiva101 di Tempi.it, approdato su questi lidi per inquinare pure UCCR. Il ragionamento scomposto, l’odio verso il cristianesimo e, in special modo, la Chiesa, l’assenza di razionalità e la ferocia staliniana sono tutti elementi ormai ben noti a coloro che frequentano quel sito; discutere con questo leone da tastiera è perfettamente vano, se non per mettere in luce la violenza del suo pensiero e l’erroneità delle sue proposizioni, libere espressioni di quella violenza ed odio che rinfaccia agli altri. Va compatito e bisogna pregare per lui, più che altro.

              • Marco S. ha detto in risposta a EquesFidus

                “discutere con questo leone da tastiera è perfettamente vano, se non per mettere in luce la violenza del suo pensiero e l’erroneità delle sue proposizioni, libere espressioni di quella violenza ed odio che rinfaccia agli altri. Va compatito e bisogna pregare per lui, più che altro”.

                Beh, comunque anche questo e’ un obiettivo non da poco.
                Proprio perché i suoi argomenti sono feroci, ma poco insidiosi, e’ un peccato non confutarli, anche per mettere in luce se nel suo pensiero prevalga la rabbia o la Ragione, in modo da evitare che chi li leggesse, senza avere ben chiare le nostre ragioni, possa prenderli come validi.

                Ovviamente cercheremo di non perderci troppo tempo, ripetendoci inutilmente.

                • Max ha detto in risposta a Marco S.

                  “Proprio perché i suoi argomenti sono feroci, ma poco insidiosi, e’ un peccato non confutarli, anche per mettere in luce se nel suo pensiero prevalga la rabbia o la Ragione, in modo da evitare che chi li leggesse, senza avere ben chiare le nostre ragioni, possa prenderli come validi.”

                  Concordo.

        • Riccardo_CS ha detto in risposta a Libertas

          I percorsi di terapia riparativa non si rivolgono propriamente ai gay, agli omosessuali cioè contenti di essere tali, ma a coloro che vivono la propria omosessualità con forte disagio e che vogliono affrontare la radice di questo disagio.

        • Mari ha detto in risposta a Libertas

          Ma tanto per curiosità, lei è mai stato in una chiesa o ad uno di questi convegni di cui parla tanto? Perché a me sembra che abbia un’idea leggermente distorta di quello che è il mondo cattolico

          • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Mari

            Ma davvero non avete ancora capito che Shivetto caro ama trollare venendo qui a consigliare corsi gender? 😀 😀 😀

            Lui viene qua, spara due o tre cazzate e si diverte a leggere le nostre risposte argomentate seriamente 🙂 .

            • Andrea ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

              E’ verissimo, è perfettamente inutile portare argomentazioni per convincere chi vuol solo dare fastidio ed ha idee preconcette immutabili.
              Mi incuriosisce però la scelta dei nickname da parte di costoro. Abbiamo “Libertas” che fa pensare a Bologna dove tale scritta campeggia sullo stemma comunale assieme però ad una grande Croce. C’è poi “ratioman” ibrido anglo-latino che vorrebbe significare “l’uomo della ragione” ma gli ultimi sviluppi di chi si affida solo alla ragione sono stati di negare il libero arbitrio e di definire l’uomo una specie di burattino. Non mi sembra un gran bel risultato!
              Però, stranamente, costoro che si ritengono liberi e razionali parlano sempre dei propri diritti e mai di quelli degli altri e parlano dei doveri degli altri e mai dei propri.

              • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Andrea

                “E’ verissimo, è perfettamente inutile portare argomentazioni per convincere chi vuol solo dare fastidio ed ha idee preconcette immutabili.”

                Esatto. Se non altro, lo Shivetto bello di papà ha almeno il pregio di essere talvolta divertente, rispetto ad “altri” che vengono qui a fare i saccenti quando ne sanno ancora meno (non mi riferisco a Ratioman, che tutto sommato è un utente gradevole, che io una volta ero convinto erroneamente fosse Odifreddi, mea culpa 🙂 ).

                Più che altro non capisco l’utilità di venire su un forum del genere quando si è già cristallizzati sulle proprie posizioni. Ha senso se magari si è degli agnostici in cerca, ma per il resto non ne vedo proprio l’utilità.. Bah.

                Cioè, io non vado certo su un forum di occultisti che praticano l’ars goetia a catechizzarli, so perfettamente che farei un buco nell’acqua 😀 .
                Comunque non ho ancora capito se è Shivetto o Shivetta 😛 .

        • lorenzo ha detto in risposta a Libertas

          Per legge di natura lo spermatozoo e fatto in modo di essere complementare all’ovulo.
          Per legge di natura i maschi producono spermatozoi e le femmine ovuli.
          Per legge scalfarotto le leggi di natura, per non essere omofobe, devono essere cambiate: questo si che è progresso sociale!!!

        • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Libertas

          “Ahh complimenti per lei i gay sono malati mentali…. be direi che lei ha bisogno come minimo di un corso gender… “intensivo” e… RIPARATIVO!!!”

          Ahahahah bella questa. Shivetto e’ impagabile 😀 😀 😀

          • Marco S. ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

            Impagabile anche nella confusione tra “opinione” ed “orientamento sessuale”.

            Senza voler entrare nel merito e dare giudizi, mi pare evidente che coloro tra gli omosessuali che si sentissero a disagio e chiedessero alla medicina di essere aiutati fisicamente (come il sig Jenner) o psicologicamente, pongono un problema medico-terapeutico, che comporta anche un percorso terapeutico.

            Le opinioni sgradite invece si devono confutare, se si e’ in grado di farlo.
            Solo i regimi dittatoriali adottano anche per esse percorsi “terapeutici”, che nei fatti si basano sul piegare ed annullare la persona, per metterci poi dentro le idee gradite al regime.
            Di norma lo fanno perché non sono in grado ne’ di confutare tali idee ne’, di conseguenza, di contrastarne la diffusione.

            • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Marco S.

              Concordo su tutto. L’Europa e’ allo sbando, la Madonna continua a chiedere le nostre preghiere e la nostra conversione ma nessuno La ascolta, purtroppo.
              E ci saranno conseguenze per questo, molte delle quali le stiamo già vivendo.

              Non bisogna mollare, altrimenti arriverà un giorno in cui queste cose diverranno realtà. http://www.uaar.it/news/2012/03/01/ricercatori-italiani-sostengono-la-liceita-dell-aborto-post-natale/

              Notare alcuni commenti, in primis del cretinetti Brachigobio, leggete cosa scrive sulll’aborto post nascita.

              “Non è affatto vero, quello che porti è l’argomento del pendio scivoloso. Concordo sul fatto che sia difficile stabilire in quale momento del suo sviluppo un essere umano diventi una persona, e che non ci sia un confine netto, ma comunque un neonato non è una persona, non ha ancora avuto esperienze, deve ancora sviluppare una mente propria. Io personalmente non mi farei scrupoli ad eliminarlo”.

              Sempre Brachigobio, in un illuminante paragone neonato/animale

              “Tuttavia, non ci si fanno troppi problemi a sopprimere per esempio i cani randagi, per non parlare del bestiame da macello, tutti esseri viventi che hanno una mente probabilmente più sviluppata di quella di un neonato, e sicuramente più di quella di un feto.
              Che poi in generale abbia poco senso sopprimere il neonato piuttosto che ricorrere all’aborto è un’altra questione.”

              L’utente Annina incita al ritorno delle antiche usanze pagane

              “E’ comunque vivo anche un feto, che discorsi! E un feto nella pancia qualche minuto prima e un neonato qualche minuto dopo hanno la sola differenza nella modalità di respirare, in pratica e quanto a raziocinio sono allo stesso sviluppo! Se in America sono arrivati ad acconsentire all’aborto a nascita parziale, ovvero il parto podalico indotto con distruzione intrauterina della materia cerebrale del feto in modo che esca già morto e sia registrabile come “nato morto”, arriveranno presto ad aspettare l’espletazione di un parto normale (meno pericoloso e distruttivo per la madre di quello podalico) e ad effettuare solo dopo l’uccisione del neonato. Non mi sembra che il fatto che respiri ne faccia cambiare tanto la natura o gli dia di per sé lo status di “persona”. Una “persona” è tale quando è in relazione con gli altri e ha una certa consapevolezza di sé stesso, altrimenti è un essere vivente come altri animali non-persone e ucciderlo o meno è solo questione di cultura: i padri Romani decidevano se far vivere o morire il figlio prendendolo o meno in braccio. E’ la nostra cultura di derivazione cristiana che ci inquina il cervello anche a nostra insaputa e ci fa ritenere “orribile” un fatto che in altre culture è perfettamente accettato.”

              Questo per dire che non dobbiamo mollare per nessuna ragione, se si cede sunqualcosa un giorno si arriverà al punto che bestie senz’anima del genere governeranno l’Occidente e decideranno per noi. Ragazzi, e’ inutile che qualcuno mi dia dell’uccello del malaugurio, ma stiamo scivolando verso una barbarie che Sodoma e Gomorra sembreranno la Gerusalemme celeste.

              Dipende da noi se l’Europa trovera la redenzione come Ninive o la distruzione come Sodoma e Gomorra.
              I segni stanno arrivando, ma quando arriveranno per molti sarà troppo tardi. Bisogna cercare di convertire più persone possibili finché c’è tempo, pregare e digiunare. E non mollare. È l’unica cosa da fare.

    • lorenzo ha detto in risposta a Libertas

      E come farebbe la legge scalfarotto a non farmi considerare gli omosessuali dei fratelli handicappati o viziosi?
      Mi torturano?

      • Marco S. ha detto in risposta a lorenzo

        Non scherzarci troppo Lorenzo, anche perché temo non siamo molto lontani.
        Ritengo che gli interessi che vengono toccati da queste nostre discussioni siano enormi e stanno tanto sulla nostra testa, quanto su quella di Libertas.
        Che, se ha conservato un vago barlume dei concetti sottesi dal suo nick, rischia semmai di essere nostro compagno di corso in una ipotetica futura “rieducazione”.

    • andrea g ha detto in risposta a Libertas

      Cara Libertas, credo tu sia piuttosto accecata dai pregiudizi, dato
      che non tieni conto del fatto che la Chiesa ha sempre affermato che
      sia giusto considerare con rispetto e compassione gli sfortunati fratelli
      e sorelle che soffrono dell’incapacità di relazionarsi complementariamente
      con l’altro sesso.

      • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a andrea g

        La butto un attimo in caciara: ma davvero è possibile rimanere gay vedendo robetta del genere? http://www.notoria.net/images/ILARYBLASI/00482.JPG
        Sono vicino ai gay dal punto di vista umano, nel senso che mi spiace proprio per loro spero che il Signore sia misericordioso con coloro che sono così non per vizio ma per altri motivi, ma diciamo che proprio non riesco a comprendere come si possa provare attrazione sessuale per un uomo.

        Secondo me una fanciulla così “convertirebbe” molti 😀 .

        • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

          Tornando seri, in realtà l’aappoggio incondizionato di molti laicisti all’omosessualità e a quel l’aberrazione della teoria gender e’ dovuta all’avversione verso il cristianesimo e la Chiesa.
          Lo scrivevo anche nel topic di ieri, molte persone vogliono la distruzione della Chiesa e del cristianesimo.

          Ho denunciato un pezzo di m@@@a su un forum che ha detto, su tutti i martiri cristiani “uno dei pochi stermini utili, anche se la gramigna non muore mai” (n.b E’ ANIMALISTA!!!!).
          Poi ha strumentalizzato alcune parole del Santo Padre per dire che il Corano e’ un libro di PACE!!!! Come no, peccato che le sure abroganti, ovvero quelle che fanno testo per i musulmani, siano quelle violente, mentre quelle pacifiste sono quelle abrogate, che non fanno testo.

          Datemi retta: pur di arrivare a distruggere il cristianesimo sarebbero disposti ad inchinarsi all’ISLAM. Quando facevo notare che se avessimo perso le crociate l’intera Europa sarebbe caduta sotto il dominio islamico mi hanno detto che era meglio quello del Vaticano.

          Meglio che vi rendiate tutti conto che il nemico e’ agguerrito e che dimostrarsi arrendevoli farà solo il suo gioco. Ragazzi, sono 300 anni che lavorano indefessamente per distruggerci, bisogna rendersi conto di questo.

          • Sophie ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

            Massimiliano caro, solo ora ti allarmi dell’amorevole ed interessata alleanza fra religione atea ed islamica?

            • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Sophie

              Ahahah no, il problema è che ci sono cristiani che credono che gli atei siano contro a TUTTE le religiioni in quanto tali, ma questa, come fai appunto notare anche tu, e’ una menzogna grande come una casa! 😀

              È per questo che bisogna stare attenti e non fare nessun tipo di concessione. 😉

            • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Sophie

              Sai Sophie, nella vita reale i toni tendono ad essere più “smorzati”, ma su Internet spesso viene fuori quello che uno pensa davvero, coperto dall’anonimato.
              Mi rendo sempr più conto della Verità di tutti gli insegnamenti di Gesù, compreso quello “chi non è con me e’ contro di me”.
              È proprio vero. Tempo fa andai su un forum di buddisti (solo a leggere, non a partecipare) e sembrava apparentemente che rispettassero la figura di Cristo, in realtà molti di loro strizzavano gli occhi a teorie assurde come GESÙ rivoluzionario e robe del genere. Solo per tacitare la propria coscienza, che sa di aver abbandonato la Verità vera vanno dietro a teorie come quella del rivoluzionario, del GESÙ sposato con Maria Maddalena et similia. Che delusione.

              • Libertas ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

                Caro Marco S. , hai argomentato sì,
                e ti ho pure risposto riportato i virgolettati delle tue affermazioni, come ad esempio quella secondo cui dovremmo pensarla allo stesso modo di 5.000 fa … veramente ottime argomentazioni, solo nella tua testa però.

                Ma che pretendete: il forum è pubblico, le affermazioni degli articoli a dir poco eclatanti, i commenti assurdi e secondo voi NESSUNO dovrebbe postare commenti diciamo.. critici?..
                Capisco che in genere lo stile della chiesa è di non ammettere confronti (massima presenza televisiva fino al 99.99% e senza contradittorio),

                ma se volete suonare a cantarvela dda soli fate un forum di sola lettura con registrazione obbligatoria e poi bannate chi dissente, come ogni regime autoritario che si rispetti.

                Eques aveva chiesto un “incontro”, gli ho risposto, si è squagliato, (cosi come fece Massimiliano1989AD diverso tempo fa, e che ora probabilmente non si ricorda)…

                — “Ahh complimenti per lei i gay sono malati mentali…. be direi che lei ha bisogno come minimo di un corso gender… “intensivo” e… RIPARATIVO!!!””
                Ahahahah bella questa. Shivetto e’ impagabile ”

                Grazie!

                — “Per legge scalfarotto le leggi di natura, per non essere omofobe, devono essere cambiate: questo si che è progresso sociale!!!”

                eh ma vedete quanto state fuori di testa? Sono argomentazioni queste?

                La legge scalfarotto parla di diritti civili, che c’entra la biologia…?

                Non avete argomenti, portate cose assurde come Stalin o Polpot…

                Ogni pretesa di privilegio vostro è normale, ogni contrasto allora i vari parlano subito di STALIN!!!

                Dai su.. vi arrampicate sugli specchi per cercare di gistificare abusi e pribvilegi.

                E infatti nell’ordine siete stati bocciati su:

                – legge 40 (bocciata da 33, dicasi TRENTATRE’ sentenze)
                – bonus scuola
                – referendum sui matrimoni gay
                – divorzio
                – aborto
                – sindone (dalla scienza: radiocarbonio14, dalla storia:”Gli storici sono d’accordo nel ritenere documentata con sufficiente certezza la storia della Sindone a partire dalla metà del XIV secolo: risale infatti al 1353″ )
                – pedofilia (denuncia dall’ONU: “A causa di un codice del silenzio imposto su tutti i membri del clero”)
                – 8×1000 (Corte dei Conti)
                – IOR (varie inchieste della Magistratura)

                e scusate se ne ho dimenticata qualcuna, l’elenco potrebbe essere incompleto, ci sarebbero poi certi aspetti diciamo cosi “dottrinali” ma sorvoliamo..

                .. immagino che dietro a tutto ci siano le lobby gay di Stalin… giusto?

                E’ normale che intervenga Shiva101 di fronte a tutto ciò…

                • Marco S. ha detto in risposta a Libertas

                  Dov’e’ ho scritto che dobbiamo pensarla allo stesso modo di 5.000 anni fa, Libertas ?
                  Ho parlato di un istituzione che esiste da 5.000 anni.
                  Conosce l’italiano o preferisce un disegnino ?

                  Ecco il disegnino:

                  3015 a.C——————————————2015 d.C.

                  Ha capito adesso ?

                  Buona serata

                  • Marco S. ha detto in risposta a Marco S.

                    Per amor di precisione, anche se il concetto ovviamente cambia poco, il disegnino corretto per Libertas avrebbe dovuto partire dal 2.985 a.C., che sarebbero in 5.000 anni esatti da oggi.

                    • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Marco S.

                      Ah Marco, ho visto che mi hai dato una risposta sull’altro topic e non ho fatto in tempo a rispondere, questa

                      Marco S. ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D
                      6 giugno 2015 alle 11:03
                      Beh non e’ strano trovare “nordici” di origine meridionale.

                      Al nord magari prevalgono le persone castane chiare, ma se vedi veramente un “vichingo”, e’ quasi certamente o pugliese o siciliano.
                      Il sangue normanno non mente !
                      Ricordo un ragazzo siciliano al 100%, che assomigliava all’attore Rutger Hauer, sputato !

                      Mah, più che vichingo a volte mi dicono che sembro un danese, altre volte un californiano. Quando vado a Roma, in Francia o in Germania generalmente mi prendono per un americano appunto 😀 😀 😀

                      Off topic chiuso 😉 .

                • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Libertas

                  “Ma che pretendete: il forum è pubblico, le affermazioni degli articoli a dir poco eclatanti, i commenti assurdi e secondo voi NESSUNO dovrebbe postare commenti diciamo.. critici?..”

                  E i tuoi argomenti sarebbero “critici”? Santo Cielo, mi stai facendo rivalutare Alberto 🙂 .

                  Poi “EQUES aveva chiesto un incontro e si è squagliato”?? A dire il vero e’ stato Lui a proporre un incontro per vedere che razza di mezza cartuccia tu fossi, io non ho certo tempo da perdere con uno psicopatico. Fatti curare, amico mio. Ne hai bisogno. 😉

                  Per il resto, nessuno qui vuole bandire il contraddittorio, ma quando interviene gente che la pensa in maniera diametralmente opposta ed è gia cristallizzata sulle sue posizioni il dialogo non ha alcun senso. Ma cosa credi, che io vada sul forum ebraico a cercare di convincerli ad abbracciare GESÙ? http://consulenzaebraica.forumfree.it

                  Non avrebbe alcun senso, l’evangelizzazione va fatta dal vivo, se c’è la possibilità. Ma di certo nessuno di noi cambierà idea per le farneticazioni di un povero troll frustrato con 1000 problemi come te. Gente par tuo interviene col solo obiettivo di insozzare il forum e rompere gli zebedei.

                  Ora continua pure, scimmietta 😀 .

                  • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

                    Ah, poi perché vorresti che ci incontrassimo? Hai bisogno di affetto, Shivetto bello del mio cuore? 😉 😉
                    Ho paura che tu abbia citofonato all’indirizzo sbagliato. Prova con Lui, io non ti merito, puoi avere di meglio 😀 😀 😀 😀 😀 😀 http://static.televisionando.it/televisionando/fotogallery/625X0/53567/mauro-coruzzi-in-arte-platinette.jpg

                  • Libertas ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

                    ehm…. dunque….

                    il senso del diaologo è quello di un confronto con la capacità “fertile” per gli interlocutori di cambiare in una direzione nell’altra le proprie prospettive.

                    E’ chieeeero che se partiamo dal presupposto di verità assolute scritte a tavolino che devono essere credute per forza allora sì che il dialogo non ha senso!

                    Ho fatto un lungo elenco per giunta incompleto di tutte le bocciature che averte ricevuto da tutte le parti, avete ovviamente fatto scena muta.

                    Poi c’è la questione della legalità, del rispetto delel istituzioni, delal condivisione dei valori laici che una religione DEVE rispettare.. ma questa è un’altra storia..

                    Ragaaazzi, la domanda sul senso del dialogo è questa: PRIMA di iniziare il dialogo stesso, contemplate la possibilità, dico l’eventualità, di ammettere l’errore e la falsità della dottrina catotlica SE il dialogo porta elementi utili in tal senso?

                    Io la domanda me la sono posta e la risposta è SI, contemplo la possibilità di diventare cristiano e riconoscere l’autorità del Pontefice Romano SE il dialogo porta elementi utili in tal senso.

                    Esempio di dialogo: Eques mi chiede un incontro, io gli rispondo sì, organizzamo la prossima occasione di un esorcismo di fronte alle autorità giudiziarie, verifichiamo le famose lingue sconosciute, vomiti verdi e le forze sovrumane con la resposabilità di finire in galera…
                    non ha piu risposto.

                    La statuetta di Civitavecchia, il gesso che piange sangue: un’assurdità per chiunque, eppure si pubblicizza il fenomeno… BENE…

                    arriva la magistratura, arriva la polizia e altrettanto “miracolosamente” il gesso non piange piu!

                    Portei chiederti quali criteri hai utilizzato per convincerti che la domenica mangi le ossa invisibili di dio, che miracolosamente sembrano “pane”, ma non te lo chiedo.

                    Insomma il dialogo e il confronto è questo: si fanno delle affermazioni e si ha il dovere di portare le prove.

                    EPPERO’ ogni volta che ho messo a nudo la verità non avete mai risposto direttamente, si minimizza, primaditutto si insulta, si tergiversa, si cambia discorso o si ripetono le cose già dette.

                    Morale della favola:

                    è costantemente emerso che ogni volta che si arriva al dunque, ogni volta che la Verità emerge senza più giri di parole e “apologie” varie, sparite come un fumo che si dirada…

                    il sospetto che sia tutta la SOLITA bufala è legittimo NON CREDETE??

                    O solo le altre religioni o sette sono delle bufale…?

                    • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Libertas

                      Quante sciocchezze. Innanzitutto quando c’è stato bisogno la polizia e’ intervenuta anche negli esorcismi. Leggi un po, persino la polizia si è dovuta arrendere all’evidenza http://www.papalepapale.com/develop/la-casa-maledetta-se-anche-la-polizia-sarrende-allevidenza-del-maligno/

                      E quando ci sono stati dei dubbi sull’onesta’ di alcuni sacerdoti le indagini sono state fatte eccome, prima documentati, altrimenti continuerai a fare la figura dell’ignorante http://www.lanazione.it/firenze/cronaca/2009/09/30/238978-falsi_esorcismi_truffa.shtml

                      Detto questo, se hai dei dubbi rivolgiti al Vescovo, tanto se è solo una superstizione da medioevo al massimo ti farai due risate, no? Oppure hai paura? Io ho visto liberare gente anche di altri culti, sai? I demoni possono cambiare nome ma alla fine quelli sono, Baal si faceva adorare come un dio dai cananei, e oggi i Loa del voodoo sono addirittura sincretizzati coi santi cristiani. I praticanti voodoo li hanno sincretizzati, usano il potere degli spiriti maligni sotto la copertura dei nomi dei santi. Ad esempio, San Michele Arcangelo e’ sincretizzato con Belie Belcan nel voodoo, ma ovviamente l’angelo non c’entra nulla, e’ solo uno specchietto per le allodole. Poi c’è Papa Legba, altra entità malvagia che loro sincretizzano con San Pietro, ma in realtà, lo dico per esperienza personale, dietro tale entità si cela il culto al demone Asmodeo, uno dei più potenti.
                      Per il resto fai come vuoi, io quello che dovevo dire l’ho detto.

                      Per il resto, hai detto altre castronerie sull’eucaristia, prima di tutto e’ tramandata fin dal cristianesimo primitivo, in secondo luogo GESÙ stesso ha dato prova della verità di questo rito con i miracoli eucaristici, l’ultimo a Buenos Aires, con Il Santo Padre testimone spesnostra.it/2013/06/il-miracolo-eucaristico-di-buenos-aires-con-bergoglio-cardinale/

                      Copio dal link

                      “Mons.Bergoglio decise di farla analizzare scientificamente. Il 5 ottobre 1999, alla presenza dei rappresentanti di Mons.Bergoglio, divenuto arcivescovo, il dott. Castanon prelevò un campione del frammento sanguinante e lo inviò a New York per essere analizzato. Poiché non voleva influenzare i risultati dell’esame, decise di non rivelare l’origine del campione al team di scienziati. Uno degli scienziati era il noto cardiologo e patologo medico legale, il dotto Frederic Zugiba. Egli stabilì che la sostanza analizzata era vera carne e vero sangue contenente DNA umano. Zugiba dichiarò: “Il materiale analizzato è un frammento del muscolo cardiaco che si trova nella parete del ventricolo sinistro in prossimità delle valvole. Questo muscolo è responsabile della contrazione del cuore. Va ricordato che il ventricolo sinistro del cuore pompa sangue a tutte le parti del corpo. Il muscolo cardiaco in esame è in una condizione infiammatoria e contiene un gran numero di globuli bianchi. Ciò indica che il cuore era vivo al momento del prelievo. La mia tesi è che il cuore era vivo dal momento che i globuli bianchi, al di fuori di un organismo vivente, muoiono, perché hanno bisogno di un organismo vivente per sostenerli. Quindi la loro presenza indica che il cuore era ancora vivo quando il campione è stato preso. Per di più questi globuli bianchi sono penetrati nel tessuto, ciò indica che il cuore aveva subito un grave stress, come se il proprietario fosse stato picchiato duramente sul petto”.

                      Scegli, o il miracolo e’ vero oppure la perfida Chiesa ha assoldato Hannibal Lecter per i suoi sordidi scopi http://youtu.be/He1MTYvyUes terzium non datur.

                      E qua ci sono anche le analisi scientifiche eh, non sono dicerie popolari come i miracoli indù (ci credo che li ci sono molti miracoli, non controllano nulla, se mando il mago Silvan tra i cannibali del Borneo lo adorerebbero come un dio 😀 😀 : ).

                      Ne ha parlato anche Uccr dei miracoli eucaristici http://www.uccronline.it/2013/10/10/i-miracoli-eucaristici-tra-fede-e-ragione-spirito-e-materia/
                      http://www.uccronline.it/2013/07/03/il-miracolo-eucaristico-di-buenos-aires-e-le-analisi-scientifiche/

                      E con questi non puoi certo dire che avvengono anche nelle altre religioni eh (che poi anche le guarigioni e’ tutta da vedere, gli indù e gli islamici non controllano nulla, ripeto in quel modo posso affermare tutto e il contrario di tutto. Guarda caso noi abbiamo una commissione medica a Lourdes, e tra migliaia di guarigioni miracolose ne abbiamo riconosciute valide solo 69.)

                      Ad maiora.

                    • EquesFidus ha detto in risposta a Libertas

                      Cicciobello, non mentire: io ti ho risposto, dicendoti che se vuoi andare a vedere un esorcismo devi rivolgerti al vescovo della tua città (sicuramente non con questi toni) e non a me. A me interessava soltanto vedere di persona un tale che, con l’anonimato, si è permesso di darmi dello stupido e di offendermi ripetutamente; di Satana ho già visto abbastanza, grazie.

                    • lorenzo ha detto in risposta a Libertas

                      Questo tuo intervento dimostra, se ce ne fosse ancora bisogno, la tua inconsistenza intellettuale: non ti informi alla fonte e non pensi con la tua testa, ma ti nutri di “bufale” confezionate, con verità parziali, da altri e le spacci per oro colato.
                      Come a dire che ti nutri, trovandolo bello e pronto, del vomito altrui…

                • andrea g ha detto in risposta a Libertas

                  Ma scrivi pure ciò che vuoi, cara Libertas; come vedi, nessuna censura.
                  Ovviamente se qualche utente ritiene nevrotiche e anche -in un certo modo-
                  divertenti le tue esternazioni, che vuoi farci?
                  La compassione x le tristi persone incapaci di amare il sesso complementare
                  è un dovere, x un cristiano, ma direi per qualsiasi persona di buon senso.
                  Mi auguro tu sia così libera interiormente da riconoscere come giusta
                  questa posizione, o perlomeno che tu sia in grado di accettarla: è
                  semplice libertà di opinione, simpatica utente-

                • Max ha detto in risposta a Libertas

                  Alcune delle cose espresse nella lista fanno parte del processo di secolarizzazione, del clima che si respira. Giusto, sbagliato? la storia emetterà i suoi giudizi. Per ora, basti ricordare che non basta un voto di un popolo, od il giudizio di un magistrato di una commissione, per dire che le decisioni prese siano giuste (o sbagliate). Nella Storia, ci sono state una grande quantità di voti, decisioni e giudizi che si sono rivelati sbagliati. Come, d’altra parte, la maggior parte delle cose che facciamo.

                  No, non si ritorna ogni volta su Stalin e lobby gay (peraltro l’URSS di Stalin detestava gli omosessuali, basti vedere il recente film “Child 44” od il romanzo da cui e’ tratto). In queste pagine si e’ lungamente argomentato, qualche volta credo anche con un po’ di buon senso, sul perché delle nostre posizioni, che spesso sono anche supportate anche da non credenti. Ma immagino che sia piu’ facile e “razionale” affermare che usiamo come unici argomenti “ah le lobby gay di Stalin!”.

                • gladio ha detto in risposta a Libertas

                  Ahi ahi, caro amico, noto che provate piacere nel farvi del male con le vostre mani…altrimenti non si giustificherebbe questa vostra perseveranza nel voler continuare a sostenere a tutti i costi tesi peregrine.

                  Se foste savio nella misura di appene la metà di quel che siete stolto avreste fatto tesoro delle preziose nozioni storiche e filosofiche che l’ amico Marco S.vi ha sottoposto con grande competenza e serietà unite ad una quantità enorme di pazienza e di tolleranza…

                  …se foste savio, appunto, ma savio non lo siete ed è per questo che continuate a sostenere la parte dello zimbello qua e là per la Rete.

                  A questo punto, mio buon amico , permettetemi che alla montagna di consigli e suggerimenti che avete già ricevuto, oltre che da MarcoS. anche da altri utenti, ne aggiunga uno di mio:

                  Abbiate l’ umiltà, galantuomo, di chinarvi , di tanto in tanto, se non davanti a Dio almeno sui libri di scuola…
                  Datemi retta, salatevi la zucca che ne avete bisogno.

                  P.S.Mi pare di capire che siate quel buffo personaggio che indulge all’ infantil vezzo di presentarsi con nick diversi di cui “Shiva 101″ sarebbe il vostro ” ronzino di battaglia”;

                  Curiosamente, Shiva , pur essedo una delle più importanti divinità dell’ induismo è anche definito un Bhola Shankara, cioè una divinità facile da turlupinare al fine di propiziarsela; un ” dabbenuomo” diremmo noi ( vedi la sua farsesca avventura col demone Gajasura).

                  In poche parole: il gonzo della Trimurti; contento voi…

          • Marco S. ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

            “Quando facevo notare che se avessimo perso le crociate l’intera Europa sarebbe caduta sotto il dominio islamico mi hanno detto che era meglio quello del Vaticano”.

            See, parlano parlano, questi leoni da zoo, ma la Storia li sta prendendo in parola.

            L’ISIS sta arrivando in Bosnia e l’unico a lanciare l’allarme pare sia il Papa.
            Dov’e’ “Patata Lessa” Merkel, la guida della piu’ potente nazione europea ?
            E “Sfigus” Hollande ?

            Se ne accorgeranno troppo tardi.
            A noi cristiani uno straccio di status ci rimane anche nel mondo islamico.
            Ma per loro…

            • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Marco S.

              Non so te ma io non accetterò mai e poi mai il dominio islamico, a nessun costo. Spero che l’Europa non cada davvero sotto il suo dominio.

              • Marco S. ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

                Ah neanch’io lo accettero’ di sicuro, ma sai, bisogna decidere se stiamo parlando della nostra vita o di quella del nostro continente, che e’ stato costruito da quasi cento generazioni di nostri antenati cristiani.
                E che proprio con la nostra generazione pare essere arrivato al capolinea.
                Se la maggioranza degli abitanti di oggi rinnega la storia dell’Europa, che ce possiamo fa’, se non metterli di fronte alla loro stupidita’ ?

                I due citati bradipi della politica continentale, a fine mese faranno vertice, per “rinforzare l’Europa” dicono loro.
                Alla buon ora!, visto che gli USA ci considerano ormai un loro campo di battaglia, ne’ piu’ ne’ meno di altri paesi del Terzo Mondo, e l’islam sta mettendo solide radici.

                Purtroppo hanno gia’ fallito, perché in agenda non vi e’ ne’ la costruzione di un vero stato federale, ma il solito ormai fallimentare rafforzamento del superstato a guida tedesca, ne’ la rivalutazione delle radici cristiane, che sono la vera anima ed il vero nerbo dell’Europa.

                Comunque ovviamente non ci scoraggiamo, perché della partita abbiamo anche Gesu’ Cristo, che non ci abbandonera’ malgrado i nostri limiti.
                Ed a nostra volta non dobbiamo compiacerci della stupidita’ dei nostri avversari, ma cercare loro di aprire gli occhi con pazienza e con tenacia.
                Se falliremo, ci pensera’ la Storia a farlo che, purtroppo, e’ molto piu’ dura e piu’ spietata di “mamma Chiesa”.

            • Marco S. ha detto in risposta a Marco S.

              Per meglio comprendere la frase di Massimiliano che ho commentato, e’ evidente dal contesto in cui l’ha scritta che intendeva dire: “Quando facevo notare che se avessimo perso le crociate l’intera Europa sarebbe caduta sotto il dominio islamico mi hanno detto che era meglio DI quello del Vaticano”

              Ovviamente attendo ratifica dall’interessato.

              • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Marco S.

                Si esatto 🙂 .
                Un po come dire “quei maledetti americani non dovevano sbarcare in Normandia, così l’Europa l’avrebbe liberata tutta la Russia (sono dell’idea che avrebbe potuto farcela, l’esercito russo era eccezionale, va detto) e saremmo ricaduti sotto lo stalinismo”.

                Questa è la razionalità dell’ateo 🙂 .

                • Marco S. ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

                  Sono d’accordo, non si discute che nel 1944 l’Armata Rossa, anche da sola, avrebbe prevalso sulle forze armate tedesche.
                  Era semmai nei due anni precedenti che l’URSS era dipesa fortemente dagli aiuti americani.

                  Comunque avrebbe vinto con la lingua per terra, perché l’URSS, per esempio, non era autonoma per l’alluminio (basti pensare che hanno cominciato a costruire aeroplani in legno, quando tutti gli altri paesi avevano smesso da un pezzo di farl, a parte la Gran Bretagna e con l’unica eccezione del caccia bimotore Mosquito, per le stesse ragioni dell’URSS).

                  Lo stesso Stalin continuo’ a sollecitare l’apertura del fronte occidentale, perché aveva gia’ perso quasi 20 milioni di soldati (per tacere dei civili) ed erano numeri folli anche per la Russia, che facevano paura persino ad un criminale come lui.

                  • Massimiliano 1989 A.D ha detto in risposta a Marco S.

                    Certo, intendevo dire che sarebbe stato un disastro assoluto per l’Europa occidentale ricadere sotto il dominio russo 🙂 .
                    Se non sbaglio, nel caso i russi non fossero riusciti a resistere nei tre anni precedenti al ’44, gli americani avrebbero mandato una mega forza di invasione di 8 milioni di uomini, per liberare l’intera Europa.
                    Non vorrei dire una oscenità, ma credo quasi che sarebbe stato meglio così. Se la Russia non fosse riuscita a contenere l’offensiva nazista sono convinto che gli americani avrebbero liberato loro l’intera Europa, e l’Europa orientale si sarebbe risparmiata lo stalinismo…

                    La tragedia sarebbe stata la Russia liberatrice anche dell’Europa occidentale comunque. Mamma mia, terrore. 🙂

                    • Marco S. ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

                      Mah, io non sottovaluterei troppo la Germania.

                      Stalin non aveva tutti torti a sostenere che gli USA ritardavano l’apertura del fronte occidentale (cioe’ lo sbarco che poi sarebbe avvenuto nel 1944 in Normandia), perché non sembrava loro vero che le due principali potenze militari europee si logorassero a vicenda, annullandosi.
                      Churchill non si nascondeva nemmeno e, se fosse stato per lui, si sarebbe tardato ancora a sbarcare in Normandia.
                      La Germania contro l’URSS perse quasi 5 milioni di soldati, l’URSS oltre 10 (ho sbagliato a dire quasi 20, mi scuso: 23 milioni e’ il numero di vittime totali dell’URSS nella II Guerra Mondiale, con perdite civili quasi uguali a quelle militari)

                      L’incubo degli USA (che peraltro ispira ancora la loro attuale politica in Europa) e’ la nascita di una potenza politica che controllasse quello che in geopolitica chiamano “heartland”, cioe’ il blocco euroasiatico. E, nel loro piccolo, lo e’ anche per i britannici.

                      Se l’URSS fosse crollata nel 1941, dubito che gli USA sarebbero riusciti a mobilitare in tempo un numero di soldati adeguato, per salvare la Gran Bretagna da una “Germania” che ormai sarebbe arrivata dall’Atlantico al Pacifico (e quindi al Giappone !)o, almeno agli Urali.

                      La loro marina sarebbe certo intervenuta per difendere le linee di comunicazione marittime britanniche dai sommergibili tedeschi (gia’ in effetti lo faceva comunque, se ben ricordo), ma con una Germania senza nemici, tutta concentrata sulla Gran Bretagna, con le risorse umane, naturali ed industriali dell’ex-URSS (pensa solo i magnifici carri T34), credo che l’invasione delle isole britanniche sarebbe stata questione di pochi mesi.
                      C’e’ da dubitare che persino la potenza militare degli USA potesse venirne poi a capo, anche mobilitando un numero enorme di soldati ed accettando una guerra lunga, con molte piu’ perdite.

                      Invece, tutto sommato, un’URSS che fosse arrivata all’Atlantico nel 1945, sarebbe stata un URSS demograficamente e militarmente stremata.
                      Come in effetti lo fu comunque, anche senza arrivarci(l’accesso ai documenti del Patto di Varsavia dimostra quanto sia stata sopravvalutata la potenza militare dell’URSS, una grande potenza che ancor oggi sconta pero’ gli effetti demografici di quella terribile “vittoria”).

                      Probabilmente questo scenario sarebbe stato l’unica ragionevole alternativa per gli USA a quello che per fortuna (e concordo con te) si realizzo’.
                      Degli Stati Uniti che avessero mobilitato per il 1945 contro l’URSS, per liberare l’Europa da essa, avrebbero avuto, secondo me, molte piu’ chances di vittoria, piuttosto che nel 1941 contro un Germania vittoriosa.

                      Non bisogna poi dimenticare che gli aiuti degli USA furono determinanti per la tenuta dell’URSS nel 1942-43 che, altrimenti, sarebbe probabilmente crollata.
                      La Russia, anche per motivi propagandistici, cerco’ di essere il piu’ possibile autonoma nelle produzioni militari di punta, cioe’ quelle che conferivano lo status di potenza di primo rango (cioe’ gli aerei da combattimento, i carri armati, le armi individuali), ma non dobbiamo dimenticare che oltre un terzo degli autocarri militari dell’Armata Rossa (“le gambe” degli eserciti moderni)venne fornito dagli USA (i famosi autocarri Sudebaker US6). Idem per quasi il 100% del materiale ferroviario, per quantita’ variabili tra 1/3 e la meta’ di molte materie prime strategiche, come l’alluminio e, in certi periodi, persino i carburanti.

                      Quindi non si possono considerare in maniera del tutto indipendente gli sforzi militari degli USA e quelli dell’URSS.
                      Qualcuno ha scritto che per battere la Germania nazista, gli USA ci hanno messo i soldi e l’URSS il sangue.
                      Senza voler dimenticare il ruolo degli altri contendenti e degli altri teatri di guerra, questa e’ stata certo la battaglia decisiva della II Guerra Mondiale e, in effetti, e’ stata vinta un po’ cosi’.
                      Anche se non dobbiamo dimenticare il quasi mezzo milione di morti che pure gli USA hanno avuto in tutti i teatri di guerra, comprese le migliaia di suoi marinai mercantili, sacrificati sui convogli artici, per far pervenire all’URSS questi aiuti.

                      Grazie comunque dell’interessante dibattito (come avrai capito la Storia e’ la mia passione 😉

                    • lorenzo ha detto in risposta a Massimiliano 1989 A.D

                      X Marco S.
                      La politica USA, dalla pima guerra mondiale in poi, è stata che le guerre vanno fatte sempre a casa d’altri: l’Ucraina è solo l’ultimo esempio.

              • muggeridge ha detto in risposta a Marco S.

                Beh, nulla di nuovo sotto il sole, quando nel 1453 Costantinopoli cadde in mano ai Turchi per diventare l’odierna Istanbul, i greci ortodossi fecero per primi questo discorso: meglio sotto i musulmani che sotto Roma. Penso che poi se ne pentirono, perché dovettero affrontare in seguito una dura lotta per l’indipendenza che però non riportò mai in loro possesso l’ex-capitale dell’Impero bizantino che in pratica andò perduta per sempre, essendo stata islamizzata per bene. Sino all’ultimo si cercò di riunificare i cristiani in cambio di un intervento a difesa dei bizantini da parte delle potenze cristiane, ma l’orgoglio degli ortodossi che ancora ricordavano il sacco di Costantinopoli a opera dei crociati nel 1204, finì per prevalere e la “Roma d’oriente” fu presa dall’Islam. A nulla valse ricordare che il Papa aveva condannato fermamente questo drammatico episodio.
                I laicisti che masticano, quando la masticano, una storia adulterata dagli storici della loro parte, non conoscendo in pratica la Storia si condannano a ripeterla, principalmente a loro spese, perché come non credenti, non possono sperare in un riscatto nella vita eterna. Mettono inoltre a rischio tutte le libertà conseguite dalle società aperte di cui ne sono i cantori e, per restare “on topic”, corrono il rischio di mettere gli omosessuali nella peggiore delle situazioni possibili.Il tutto per la loro cristianofobia, che prevale su ogni discorso razionale e di cui, forse, la causa pro-gay è solo un pretesto per scardinare l’odiata religione dei padri e la civiltà occidentale impregnata dalla stessa.

  13. Attilio ha detto

    Una volta al mio(compianto)parroco dissi che una persona dichiaratamente ed ostentatamente omofila in casa mia non ce l’avrei voluta. Ricordo il suo sguardo divenire severo e duro al che io risposi imbarazzato: “ma lui caccia, lui è attratto da persone dello stesso sesso, non della medesima condizione”. C’è poco da fare ciò che per un omofilo è normale per gli altri no o per lo meno non dovrebbe esserlo o per lo meno dovrebbe essere contrastato. Il giornalista ha fatto un ritratto comparato alla famiglia del Mulino Bianco dove basta consumare per essere felici ma conferma involontariamente che solo nel rispetto della privacy c’è, secondo me, la soluzione od un giusto equilibrio per la pacifica convivenza.

« nascondi i commenti