Musulmani bosniaci dedicano un monumento a Giovanni Paolo II

La comunità musulmana della Bosnia ha eretto un monumento in onore a Papa Giovanni Paolo II nella città capitale di Sarajevo. Il leader della comunità, Mustafa Ceric, ha dichiarato: «Giovanni Paolo II è una delle figure più importanti del 20° secolo». Ceric ha incontrato il Papa durante l’incontro dei leader religiosi ad Assisi nel 1986.

Ma è la solidarietà che Giovanni Paolo II ha offerto ai bosniaci durante i capitoli più oscuri della loro storia recente, che ha portato i musulmani ad un’immensa gratitudine verso Wojtyla. Dal 1992 al 1996 la popolazione a maggioranza musulmana di Sarajevo ha infatti subito un assedio brutale per mano delle forze serbe. Ceric ha rivelato che la gente della città aspettava «ogni domenica per sentire la voce di Papa Giovanni Paolo II, messaggi di speranza effettuati attraverso le onde radio. Questo è il motivo per cui penso che si meriti di avere una statua qui nella città di Sarajevo».

Giovanni Paolo II, si legge su The Canadian Press, volle visitare Sarajevo durante questo terribile periodo, ma il viaggio venne annullato dopo che le forze serbe dichiararono di non poter garantire per la sua sicurezza. Ha fatto poi visita alla città nel 1997, un anno dopo la conclusione della guerra, e la folla che si radunò di fronte alla cattedrale di Sarajevo era composta anche da molti musulmani.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

62 commenti a Musulmani bosniaci dedicano un monumento a Giovanni Paolo II