Il fisico Zichichi: «l’esistenza della scienza prova che siamo figli di una logica, non del caos»

zichichi esistenza dioMolto interessante la recente riflessione del celebre fisico italiano Antonino Zichichi. A lungo diversi esponenti del mondo anticlericale hanno messo in dubbio la sua autorità scientifica avendo più volte affermato di credere in Dio grazie alla scienza.

Tuttavia, ancora oggi, Zichichi risulta avere un H-index (indice di impatto sul mondo scientifico) pari a 62, come Stephen Hawking (62) e ben superiore, ad esempio, a Carlo Rovelli (52) e al premio Nobel Sheldon Lee Glashow (52).

«Le scoperte scientifiche sono la prova che non siamo figli del caos, ma di una logica rigorosa. Se c’è una Logica ci deve essere un Autore», ha scritto Zichichi, professore emerito di Fisica all’Università di Bologna, vincitore del Premio Fermi ed ex presidente dell’European Physical Society (EPS) e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Il fisico ha smentito che la scienza possa mai spiegare o riprodurre i miracoli, il che sarebbe equivalente a «illudersi di potere scoprire l’esistenza scientifica di Dio». E ciò è impossibile, poiché «se fosse la Scienza a scoprirlo, Dio non potrebbe essere fatto che di Scienza e basta. Se fosse la Matematica ad arrivare al “Teorema di Dio”, il Creatore del Mondo non potrebbe che essere fatto di Matematica e basta. Sarebbe poca cosa. Noi credenti vogliamo che Dio sia tutto: non soltanto una parte del tutto». Ovvero, se Dio si potesse indagare tramite la scienza (la famosa “prova scientifica” chiesta dagli antiteisti) non sarebbe più il Creatore, ma una semplice creatura.

Zichichi da sempre descrive due realtà dell’esistenza, quella trascendentale e quella immanentistica. La seconda, dice, è studiata dalle scoperte scientifiche, mentre la prima è di competenza della teologia. «È un errore pretendere che la sfera trascendentale debba essere come quella che noi studiamo nei nostri laboratori. Se le due logiche fossero identiche non potrebbero esistere i miracoli, ma solo, e soltanto, le scoperte scientifiche. Se così fosse le due sfere dell’Immanente e del Trascendente sarebbero la stessa cosa. È quello che pretendono coloro che negano l’esistenza del Trascendente, come fa la cultura atea. Non è un dettaglio da poco. I miracoli sono la prova che la nostra esistenza non si esaurisce nell’Immanente. Ma c’è di più».

Ma lo stesso Autore di ciò che la scienza scopre, ha proseguito l’eminente scienziato italiano, «è un’intelligenza di gran lunga superiore alla nostra. Ecco perché le grandi scoperte sono tutte venute, non migliorando i calcoli e le misure ma dal “totalmente inatteso“. Il più grande dei miracoli, amava dire Eugene Wigner (gigante della Scienza), è che esiste la Scienza».

Le parole di Zichichi si rifanno chiaramente alle riflessioni di Albert Einstein, il quale a sua volta scriveva: «Trovi sorprendente che io pensi alla comprensibilità del mondo come a un miracolo o a un eterno mistero? A priori, tutto sommato, ci si potrebbe aspettare un mondo caotico del tutto inafferrabile da parte del pensiero. Al contrario, il tipo d’ordine che, per esempio, è stato creato dalla teoria della gravitazione di Newton è di carattere completamente diverso: anche se gli assiomi della teoria sono posti dall’uomo, il successo di una tale impresa presuppone un alto grado d’ordine nel mondo oggettivo, che non era affatto giustificato prevedere a priori. È qui che compare il sentimento del “miracoloso”, che cresce sempre più con lo sviluppo della nostra conoscenza. E qui sta il punto debole dei positivisti e degli atei di professione, che si sentono paghi per la coscienza di avere con successo non solo liberato il mondo da Dio, ma persino di averlo privato dei miracoli» (A. Einstein, “Lettera a Maurice Solovine”, GauthierVillars, Parigi 1956 p.102).

Anche l’unico premio Nobel vivente italiano, il fisico Carlo Rubbia, si è lasciato interrogare dal “perché” la scienza possa essere così efficace: «Se contiamo le galassie del mondo o dimostriamo l’esistenza delle particelle elementari, in modo analogo probabilmente non possiamo avere prove di Dio. Ma, come ricercatore, sono profondamente colpito dall’ordine e dalla bellezza che trovo nel cosmo, così come all’interno delle cose materiali. E come un osservatore della natura, non posso fare a meno di pensare che esiste un ordine superiore. L’idea che tutto questo è il risultato del caso o della pura diversità statistica, per me è completamente inaccettabile. C’è un’Intelligenza ad un livello superiore, oltre all’esistenza dell’universo stesso» (C. Rubbia, Neue Zürcher Zeitung, märz 1993).

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

132 commenti a Il fisico Zichichi: «l’esistenza della scienza prova che siamo figli di una logica, non del caos»

« nascondi i commenti

  1. Enrico ha detto

    Esemplare come sempre.

  2. Fabio ha detto

    Logici ed efficaci i sillogismi del Prof. Zichichi. Neanche Aristotele sarebbe riuscito a far meglio.
    Ha spiegato in modo matematico, che Dio non può essere scoperto attraverso la scienza, poiché è Lui il creatore della stessa.

    Si può interpretare la poesia di un autore, (il creato), ma non si potrà mai arrivare a carpire la vera ispirazione, lo stato d’animo che mosse il poeta a comporla, (Dio).

    • Cno ha detto in risposta a Fabio

      E no, quasi sempre la poesia rispecchia lo stato d’animo dell’autore nel momento della composizione

      • Fabio ha detto in risposta a Cno

        I pensieri, gli stati d’animo, le ispirazioni, sono impercuscrutabili, sempre.

        Ci si può avvicinare a fare un’interpretazione di un’opera d’arte, ma solo l’artista che l’ha realizzata ne conosce il vero senso.

        Nel creato, l’uomo contempla la meraviglia di Dio, ma non può comprendere che cosa Egli avesse in mente quandò la creò.

    • Dora ha detto in risposta a Fabio

      tu sei un animo nobile..Fabio ringrazio ogni giorno Dio per tutti i miracoli che si compiono fuori e dentro noi..

      • Fabio ha detto in risposta a Dora

        Dora… Mi sento perfino confuso, dopo aver letto le tue parole che in verità non meriterei. Troppo nobile sei tu.

  3. pendesini alessandro ha detto

    ….ancora oggi, Zichichi risulta avere un H-index (indice di impatto sul mondo scientifico) pari a 60, subito sotto a Stephen Hawking (62) e ben superiore, ad esempio, a Carlo Rovelli (52) e al premio Nobel Sheldon Lee Glashow (52)…..Dice l’articolo !
    Posso, molto onestamente, garantirvi che NON ho mai ne letto in serie riviste scientifiche, ne sentito parlare in diversi luoghi accademici, di questo illustre Zichichi ! Solo in Italia se ne parla, e, come sappiamo, l’Italia è solo una piccola frazione del Mondo….
    P.S.Sarebbe inoltre interessante sapere da dove provviene questa stranissima valutazione (Fonti !) cosi come il « colore » politico-religioso di coloro che l’hanno determinata !

    …. « I miracoli sono la prova che la nostra esistenza non si esaurisce nell’Immanente. Ma c’è di più»…Zichichi DIXIT !
    Questa sola frase la dice lunga sull’imparzialità, competenza o ingenuità- dell’eminente scienziato in fisica di nome Zichichi……

    C’è un’Intelligenza ad un livello superiore, oltre all’esistenza dell’universo stesso» Rubbia DIXIT ! Ma che lui stesso od altri NON hanno potuto dare l’ombra di una prova RAZIONALE….Confondere la Fisica con la Metafisica o dogmi religiosi, come se esistessero su due diversi piani, non mi sembra –molto modestamente- affatto ragionevole, e ancora meno razionale….

    • Xlove ha detto in risposta a pendesini alessandro

      Aridaje, passano gli anni ma rimanete sempre fermi alla prova scientifica di Dio e alla denigrazione di Zichichi. Pendesini sei un irrazionale disco rotto, torna quando vincerai un premio Fermi. E intanto non hai affrontato il nocciolo della questione posta da Zichichi e da Rubbia.

      • Giuseppe ha detto in risposta a Xlove

        Zichichi come fisico conta poco, ha l’indice H alto perchè ha firmato una marea di articoli su esperimenti al Cern e al Gran Sasso. Gli indici bibliometrici contano per i lavori teorici, non tanto per quelli sperimentali, dato che vi partecipano centiania di persone…

        • Gianfranco ha detto in risposta a Giuseppe

          Da fisico confermo che la denigrazione di Zichichi nell’ambiente scientifico è diffusissima. Esistono decine di aneddoti che lo mettono in ridicolo.
          Però è anche vero che lo stesso ambiente è scorretto, invidioso e baronale, dove per emergere uccideresti la madre.

          • Giuseppe ha detto in risposta a Gianfranco

            Vero anche questo. Comunque i meriti di Zichichi sono soprattutto politici: fu grazie a lui che si fece il laboratorio del Gran Sasso…

          • Fabio ha detto in risposta a Gianfranco

            Esattamente, Gianfranco, l’ambiente accademico, quanto quello professionale, di qualsiasi settore, è talmente intriso di arrivismo ed elitarismo, che pur di emergere, uno ucciderebbe anche la propria madre, come hai sottolineato tu. Figuriamoci, quindi, se colui che ucciderebbe la propria mamma, quali problemi si farebbe ad uccidere la DIGNITÀ di un qualsiasi uomo, fosse pure uno scienziato come Zichichi.
            E poi lo vediamo, ingiuriano anche la dignità del Pontefice, anche quando si prodiga ad accogliere un reietto o un peccatore.

          • Steve ha detto in risposta a Gianfranco

            Probabilmente poichè composto quasi nella sua totalità da persone con un ego smisurato che credono di avere verità assolute in tasca, sia di una “fazione” che dell’altra.

            Aggiungici anche che studiare materie scientifiche pare crei automaticamente arroganza e supponenza nella personalità… ho svariati esempi di gente che dopo 2 lezioni di biologia al primo anno di università pontificano sui social e non manco fossero una fusione tra Tesla e Newton, su qualsiasi tematica, anche NON scientifica…

        • Klaud ha detto in risposta a Giuseppe

          Parafrasando, possiamo dire che Zichichi non è un fisico bestiale… 😛

          Personalmente penso che tuttavia il caos abbia una logica.

          • Taigura Araphael ha detto in risposta a Klaud

            una cosa è certa: se è bravo in fisica così come lo è in metafisica, siamo a cavallo! Le parole di Zichichi sono banalotte, superficiali e in certi punti soffrono anche di ovvietà, al livello direi di scoperta dell’acqua calda.

            • Ottavio ha detto in risposta a Taigura Araphael

              Un commento banalotto e superficiale, detto da uno che non ha mai aperto un libro di metafisica. Ma d’altra parte il web dà diritto di parola anche a chi verrebbe zittito da una pernacchia, vero Taigura bla bla bla?

        • Antonio ha detto in risposta a Giuseppe

          Non risulta che i premi nobel della fisica degli ultimi 50 anni siano tutti andati a fisici
          teorici che si firmano a singolo autore.

          • Giuseppe ha detto in risposta a Antonio

            Infatti il Nobel spesso va a contributi individuali…

            • Ottavio ha detto in risposta a Giuseppe

              Invece il Premio Fermi a chi va? E la presidenza dell’European Physical Society? E la presidenza dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare? E chi ha scoperto l’Antimateria Nucleare? E chi ha misurato con estrema precisione la “carica” debole universale? La risposta è sempre Zichichi, non certo un militante del web di nome Giuseppe.

            • Antonio ha detto in risposta a Giuseppe

              E’ meglio che si occupi di finanza…

              • Giuseppe ha detto in risposta a Antonio

                Mi pare evidente che non abbiate idea di quello di cui state parlando. Saluti.

                • Antonio ha detto in risposta a Giuseppe

                  Giuseppe, Ottavio ti ha semplicemente ricordato che uno scienziato maturo viene valutato in base alle pubblicazioni e alle esperienze e titoli professionali. Se hai dei dubbi sulle pubblicazioni di
                  Antonino Zichichi, allora guarda alle sue esperienze e titoli professionali. Presidenza di EPS e INFN non ti bastano? Guarda che questo vale in tutto il mondo della ricerca. Se un giorno farai domande come ricercatore o professore (in italia o all’estero), questo e’ quello che ti verra’ valutato, volente o nolente….Pace a te e buona fortuna.

        • Ottavio ha detto in risposta a Giuseppe

          Giuseppe, invece il tuo indice H di quanto è? Ecco, non rispondere e compra un libro di Zichichi, sia mai che inizierai ad imparare qualcosa sulla fisica!

          • Giuseppe ha detto in risposta a Ottavio

            Io ho un dottorato in Fisica, ma non faccio ricerca, dato che lavoro nel settore finanziario. Lei l’ha poi conseguita la licenza media?

            • Ottavio ha detto in risposta a Giuseppe

              Bravo, hai capito che il mondo scientifico non è roba per te ma per autorevoli persone come Zichichi. I tuoi strali contro la sua autorevolezza scientifica direttamente dal “settore finanziario” sono ancora più ridicoli. E leggo anche una leggera invidia.

      • pendesini alessandro ha detto in risposta a Xlove

        Caro Xlove :
        Certe persone hanno talmente bisogno di credere in cose fantasmatiche che colui che li fa esitare appare come un volgare ciarlatano e/o aggressore.
        E’ la mia risposta

    • Fabio ha detto in risposta a pendesini alessandro

      Caro Alessandro, non capisco se il tuo affannarti così cinico e sprezzante, ogni volta che si affrontano tematiche che sconfinano nella metafisica, sia indotto da una mera razionalità gelida e calcolatrice, se da un desiderio di esibizionismo personale, oppure se da un mal celato odio verso il cristianesimo, per non dire Dio.
      Noto che hai avuto da ridire anche su Zichichi, uomo illustre di scienza.
      Immagino che se lui si fosse espresso in maniera diversa, diciamo più congeniale alle tue idee, ne avresti elogiato il pensiero e le opere.
      Sii più imparziale e leale nel dare opinioni e giudizi, anche se una persona è di concezione filosofica, politica o teorica diversa dalla tua.

      • pendesini alessandro ha detto in risposta a Fabio

        ….Noto che hai avuto da ridire anche su Zichichi, uomo illustre di scienza…..
        Fabio: “un uomo illustre di scienza” che tira in ballo miracoli senza che esista una prova razionalmente accertata, non posso considerarlo comme “illustre” scientificamente inteso, ma un semplice ciarlatano opportunista! Ne più ne meno

        • Taigura Araphael ha detto in risposta a pendesini alessandro

          Su questo non sono d’accordo. Qui Zichici parla da uomo di fede e nessuno può obiettare su questo. Da uomo di fede, giustamente crede nei miracoli e sempre per fede crede che alcuni fenomeni 1)non avranno mai una spiegazione 2)ritiene che il motivo di questa impossibilità sia da imputare ad una causa trascendentale.
          Attento, perchè anche il ritenere che alcuni feomeni attualmente inspiegabili, avranno sicuramente una spiegazione scientifica costituisce un atto di fede.
          Se posso permettermi da non credente di darti un consiglio, ti dico di far evolvere un pochettino il tuo ateismo, se no rischi di commettere gli stessi errori dei credenti che critichi.
          E sopratutto fai molta attenzione: un individuo può essere un grandissimo scienziato e a tempo stesso avere fede e credere nei miracoli. Le due cose non si inficiano a vicenda. Tu puoi anche credere il contrario, ma rimane una tua arbitraria(di fede) posizione e dovresti dimostrarlo. Ci sono eccellenti uomini di scienza che sono credenti.
          Con questo sia chiaro, non difendo le parole di Zichichi, che come dicevo sopra le trovo di una banalità assurda.

          • Ottavio ha detto in risposta a Taigura Araphael

            In realtà Zichichi afferma che nessun approccio scientifico è possibile sui miracoli, in quanto eventi extra-scientifici. E’ l’abc della metafisica, sembra un’ovvietà ma a notare che c’è gente che ancora non lo capisce fa benissimo il fisico a continuare a ripeterlo. Un secondo argomento è quello dell’ordine e della comprensibilità del cosmo, dalla quale ne deduce un Autore. Bisognerebbe leggere quello che scrive prima di commentare…è l’abc del commentatore internettiano.

            • Klaud ha detto in risposta a Ottavio

              Se nessun approccio scientifico è possibile sui miracoli non si dovrebbe (non si deve) nemmeno chiamarli miracoli. Non si deve nemmeno credere che siano miracoli, in quanto non è detto che un giorno se ne potrà dare la spiegazione. Su Marte è materia di studio fin dalle elementari…
              L’abc della metafisica è molto simile a quello della patafisica, ovvero la scienza delle soluzioni immaginarie.

              È vero, i commentatori internettiani sono una piaga, ma sono la conseguenza dei docenti internettiani.

              • Ottavio ha detto in risposta a Klaud

                Vanno comunque chiamate i miracoli, allo stesso modo bisogna chiamarti essere umano anche se non hai mai dimostrato scientificamente di essere tale e non un cervello collegato ad un computer. Il resto sono sciocchezze basate sull’ipse dixit che non trovo stimolanti ma solita noiosa pappardella prodotta dalla frenetica fantasia ateista.

                • Klaud ha detto in risposta a Ottavio

                  Detto da chi si nutre da millenni su ciò che dice un libro… mica male come ipse dixit, più un paio di attacchi ad personam.

                  • Ottavio ha detto in risposta a Klaud

                    E alla fine, gratta gratta, l’ateo tollerante si dimostra covare sempre l’odio verso il credente, ritenuto un essere indegno di ragione, ridotto a colui che “segue un libro”. Vedi come cadono in fretta le maschere, Klaud?

                    • Klaud ha detto in risposta a Ottavio

                      Sei impagabile!
                      Se non ti si dà ragione, è odio. Su un forum è normale avere idee diverse, no?

                  • Max ha detto in risposta a Klaud

                    E la Bibbia ha una posizone metafisica chiara: Dio e’ trascendente, non immanente o materiale. Che e’ la stessa conclusione che hanno raggiunto anche filosofi non cristiani come Aristotele. Si puo’ essere in disaccordo o d’accordo – ognuno ne ha il diritto – ma da qui a dire che e’ soloun libro, ce ne passa un po’.

                    • Klaud ha detto in risposta a Max

                      Non immanente né materiale sapevamolo. Anche chi ci crede lo sa, dal momento che mai nessuno lo ha incontrato.

              • Max ha detto in risposta a Klaud

                Abbi pazienza, caro Klaud: anche il materialismo e’ una forma di metafisica.
                Non se ne esce.

            • Taigura Araphael ha detto in risposta a Ottavio

              “In realtà Zichichi afferma che nessun approccio scientifico è possibile sui miracoli, in quanto eventi extra-scientifici”
              No ma dici su serio? Davvero non si era capito…..tu si che hai un aura potentissima! sei un genio, come ti chiamavano?
              “E’ l’abc della metafisica”
              Balle…..è l’abc della fede non della metafisica(fede che necessita di una base metafisica). Zichichi per FEDE crede alla interpretazione/accezzzione teologica di miracolo, inteso come fenomeno legato ad una realtà che è trascendentale oltre che immanentistica.
              Quando costui sostiene che la scienza mai potrà spiegare i miracoli, parla da uomo di fede, perchè presuppone l’esistenza di dio e presuppone che i miracoli siano di ordine soprannaturale. Il problema nasce quando dice che la scienza non può spiegare, perchè da una accezione sovrannaturale del termine “miracolo”passa arbitrariamente nella seconda parte del suo discorso ad una accezione dello stesso termine che sta ad indicare genericamente eventi straordinari che sembrano esulare da quella che è la nostra conoscenza del reale. La sua interpretazione teologica del termine miracolo, a me che sono ateo, non frega nulla!
              Chissà quale idea strampalata hai di metafisica nella testa…..

        • Fabio ha detto in risposta a pendesini alessandro

          Quindi, secondo la tua logica, scienziato credente è sinonimo di ciarlatano, da quello che fai intendere. Giusto?

          Quindi, il tuo metro di giudizio operato su Zichichi, (definito ciarlatano), in quanto fisico credente, troverebbe equiparazione anche sul matematico e fisico scozzese James Maxwell, che nel XIX secolo compì esperimenti sull’elettromagnetismo, termodinamica, propagazione dei fenomeni ondulatori ed equilibri dei gas, poiché anche lui colpevole di essere cattolico e credente in Dio?
          Ciarlatano anche se la sua opera scientifica è riconosciuta di una rilevanza ex equo a quella di Isaac Netwon?

          Sai che cosa diceva James Maxwell, riguardo il creato?
          Lo definiva come un libro ordinato e armonioso che rivelava l’infinita potenza e saggezza di Dio, nella Sua irragiungibile ed eterna verità.

          Come puoi comprendere, anche il razionale Maxwell non sdegnava la metafisica, non ne faceva oggetto di dileggio o cinismo.
          Anzi, in essa intravedeva la radice di ogni cosa visibile e tangibile, ponderabile e misurabile.

          Alessandro, immagina la natura come una piantina cormofita: essa è costituita da radici, fusto e foglie.
          Il fusto e le foglie sono visibili all’occhio umano; le radici, no, ma questo non significa che esse non esistano, anzi, sono l’organo che permette alla pianta di attingere nutrimento, quindi di esistere.

          Voglio farti comprendere metaforicamente che, le foglie e il fusto, essendo parti visibili, sono equiparabili a ciò che la scienza può verificare e misurare della natura, mentre le radici sono quella parte “ignota” e metafisica che la scienza non può sondare.

          Considera che anche nell’uomo sono insiti due emisferi cerebrali, uno razionale, ed uno emotivo.
          É l’uomo stesso una simbiosi tra luce ed oscurità, una formidabile contraddizione sospesa tra fanciullezza e maturità, logica e pazzia, per cui non si può aver la velleità di ridurre il tutto, dentro o attorno a noi, ad un semplice calcolo aritmetico.

          • alessandro pendesini ha detto in risposta a Fabio

            ….Considera che anche nell’uomo sono insiti due emisferi cerebrali, uno razionale, ed uno emotivo…..

            Fabio, inter nos, cosa ti hanno insegnato o insegnano nelle scuole italiane per dire delle cavolate del genere ?

            • Fabio ha detto in risposta a alessandro pendesini

              Cavolate?
              Ma che stai vaneggiando, Alessandro?

              A parte che di un lungo ragionamento che ti ho fatto, (anche su James Maxwell), non comprendo per quale ragione tu ti sia focalizzato solamente sul discorso degli emisferi cerebrali, ma giacché l’hai tirato in questione, asserendo che ciò che ti ho scritto, ossia che ogni emisfero è preposto a determinate funzioni, distinte tra emotività e razionalità, sia una mera cavolata, ora ti dimostro che in verità la cavolata l’hai scritta tu.

              Focalizza questo nome:
              ROGER SPERRY, neuropsicologo, premio Nobel per la medicina. Egli compì esperimenti pratici inerenti alla specializzazione degli emisferi cerebrali, elencando le prerogative preposte per ognuno.
              Te le riassumo in maniera concisa.

              EMISFERO SX

              Logica, linguaggio, elaborazioni informazioni, concretezza, sequenzialità, calcolo matematico, comunicazione logica, classificazione, ragionamento, metodologia, visione del bianco e nero, scomponimento, obiettività, orecchio sx per percezione voci, occhio dx, (vista da vicino e focalizzazione).

              Sperry definì questo emisfero, come quello della razionalità, tipica degli ingegneri, dei matematici e dei fisici.

              EMISFERO DX

              Istinto, disegno, musica, arte, danza, poesia, canto, sede dei sogni, spiritualità, misticismo e senso del sacro, interpretazione di forme e volumi, comunicazione gestuale ed emozionale, sintesi, percezione dei colori, spazio tridimensionale, intuito, creatività, occhio sx, (visione della lontananza), ecc..

              Sperry definì questo emisfero come quello tipico degli inventori, dei creatori, degli artigiani e dei poeti, ossia emisfero emotivo.

              Se per te Zichichi è un ciarlatano, mentre un premio Nobel come Sperry, è “un cavolaro”, allora falla tu la scienza!

              Ma a proposito… Non hai avuto il coraggio di dirmi, se anche un asso della scienza, come lo fu James Maxwell, in quanto credente in Dio e nella metafisica, è per te un ciarlatano come Zichichi.

              • alessandro pendesini ha detto in risposta a Fabio

                Caro Fabio
                R.W.Sperry è nato nel 1913 e morto nel 1994. Nei suoi studi esistono imprecisioni inevitabili all’epoca dei suoi studi negli anni 70/80 ! E’ stato comunque un brillante pioniere della neuroscienza.

                Vorrei farti notare che contrariamente a quello che affermi con insistenza esistono DUE amigdali, UNA IN OGNI EMISFERO ! Più chiaramente le nostre emozioni sono tributarie dalle due amigdali situate in ogni emisfero e NON in quello sinistro o destro ! Con speranza di essere stato chiaro…

                Per ulteriore informazione –e precisione- ti invito a leggere il mio articolo (in francese) su Wikipedia : https://fr.wikipedia.org/wiki/Discussion:Personnalit%C3%A9

                • Fabio ha detto in risposta a alessandro pendesini

                  Ancora non hai risposto alla mia domanda su James Maxwell, ossia, è per te un ciarlatano, per il semplice fatto che egli credeva in Dio e nella metafisica?
                  Domanda scomoda, vero Alessandro?

                  Riguardo gli emisferi cerebrali, ribatto ciò che ti ho riportato, ma se non ti fidi della mia buona fede, ti sarà sufficiente ricercare il nome di Roger Sperry su Wikipedia ed apprendere quello che viene riportato, compreso il pionieristico esperimento che lui compì, ovvero la resezione del corpo calloso cerebrale di un paziente affetto da epilessia e le relative indagini sulle funzioni distinte degli emisferi.

                  Le amigdale sono preposte nei processi neurologici superiori, come per esempio le emozioni e la loro memorizzazione, nella comparazione degli stimoli ricevuti con le esperienze pregresse e l’elaborazione degli stimoli olfattivi, sostanzialmente attivano sistemi di allerta-allarme in caso di pericolo o altre situazioni di stress, inducendo il cervello a liberare determinati ormoni, ma questa cosa c’entra solo marginalmente con gli studi di Sperry e le differenziazioni emisferiche.

                  • alessandro pendesini ha detto in risposta a Fabio

                    Caro Fabio :
                    Quello che pensava James Maxwell della metafisica non m’interessa più di tanto !
                    Per contro -contrariamente alla tua perseverante ostinazione- ti RIfaccio notare che esistono ben due amigdale : una in ogni emisfero ! Evita quindi di inviarmi dei copia-colla in branche che non conosci. Grazie

                    • Taigura Araphael ha detto in risposta a alessandro pendesini

                      Alessandro, la metafisica la considero la regine delle discipline. La metafisica tra i suoi obiettivi si pone l’arduo compito di rispondere alla domanda del “che cos’è”, come ad esempio definire cosa sia un tavolo……
                      Il tuo atteggiamento anti-metafisico è quello classico dei positivisti, ma il problema è che lo stesso positivismo è metafisica. Poi esistono svariate forme di metafisica, di cui sono molto critico, sia chiaro….

                    • Fabio ha detto in risposta a alessandro pendesini

                      😀
                      Certo, caro, quello che diceva James Maxwell sulla metafisica, o sul fatto che fosse credente in Dio e cattolico, non ti interessa, ma chissà perché allora ti interessa di quel che dice Zichichi, che avendo idee molto similari a Maxwell, lo definisci cialtrone!

                      Su, ammetti che non hai il coraggio di dare del cialtrone ad una potenza come Maxwell, uno tra i più grandi luminari scientifici della storia umana, (forse superiore pure ad Einstein), anche se lo pensi.

                      So molto bene a quali funzioni sono preposte le amigdale, (e te l’ho spiegato), e so altrettanto bene che sono due, (non mi pare di averlo negato!).
                      Ho studiato materie scientifiche all’università, per cui conosco un pochino di anatomia umana.
                      Ma gli studi di Roger Sperry sono chiari e universalmente riconosciuti: emisfero cerebrale sx, deputato alla razionalità; emisfero cerebrale dx, deputato all’emotività.
                      Non c’è altro da aggiungere.

                      L’ostinazione è la tua caratteristica a minimizzare l’intelligenza altrui, giudicando sprezzantemente cattolici, credenti e scienziati, assurgendoti come fossi un luminare infallibile e onniscente.

                      Più umiltà, caro Alessandro, più umiltà.
                      Puoi anche essere uno scienziato, ma ricordati, (e te lo dico per il tuo bene), che nella vita t’imbatterai sempre in chi può essere più acculturato o semplicemente più sveglio di te.
                      Oltre ai libri, c’è la quotidianità della vita, appunto.
                      Ho terminato.

    • sara ha detto in risposta a pendesini alessandro

      Che buffo..
      Un racconto intitolato ” Narciso e Boccadoro, di Hermann Hesse racconta due tipi di uomini.

      L’uomo fatto di pura nozione, aulico, idealista che non ha mai girato il mondo e che lo capta pero’ da una esperienza piu’ mistica e trascendente e l’Uomo fatto di conoscenza empirica, istinti, esperienze dalle quali ricava le proprie convinzioni.
      Un uomo quest’ultimo puramente empirico, passionale, fisico, tangibile.

      Credo che per avere una idea VERA innestata e impiantata nel cervello che condizione l’intera esistenza di ogni singolo uomo si debba provare la propria idea facendo esperienze anche opposte alla propria per scongiurare ogni possibile eventualita’.

      Altrimenti i due eccessi sarebbero puramente convinzioni azzoppate perche’ mancherebbero di una delle due condizioni essenziali per arrivare alla sintesi della tesi.

      Si puo’ fare questo percorso:

      Non credo,
      Perche’ non credo?
      Sperimentare il credo per rafforzare o mutare il non credo.

      Stesso ragionamento nell’inverso…

      Questo per dire che spesso le nostre convinzioni non permettono esperienze opposte alla propria per partito preso.
      Che senso ha alimentare una idea facendo filtrare il tutto attraverso di quella? Sarebbe estremamente univoca,unilaterale, miope.

      Certo la cosa migliore sarebbe partire da zero, come un bambino. Resettare e provare a capire e percepire tutto nuovamente, ma purtroppo il vissuto di un uomo influenza il suo pensiero, quindi o ci si chiude ermeticamente in questo o si prova a fare il salto…( molto pericoloso, ma necessario).

      Alessandro tu mi pari un po’ troppo fissato sulla tua Tesi, senza ne’ Antitesi ne’ sintesi.

      • pendesini alessandro ha detto in risposta a sara

        Cara Sara :
        Tutti coloro che vi fanno credere delle assurdità possono, strumentalizzandovi, farvi commettere delle atrocità. La storia –la vera- è la per ricordarcelo…Ma non è finita ! Basti vedere quello che è successo e succede tuttora nell’Islam. Senza dimenticare la decisione di un certo W.Bush Junior, uno dei più spietati criminali che la storia abbia conosciuto ! Da notare inoltre che sta attualmente « emergendo » una nuova ideologia : quella di Trump !.. Questi illustrissimi personnaggi sono stati eletti grazie a religiosi di stampo cristiano, non di certo atei o agnostici… SIC !

        N.B.-Le persone che si dilettano a contrastare o attaccare lo spirito scientifico, come se fosse il problema principale del nostro tempo, sottovalutano ampiamente il pericolo di un ritorno in forza della religione monoteista !
        Un discorso logico nella più totale ignoranza dell’inconscio che la porta ha sempre trovato dei motivi, degli alibi, delle cause alle guerre, agli omicidi, genocidi e torture….O forse mi sbaglio?

        • sara ha detto in risposta a pendesini alessandro

          Caro Alessandro quello che vorrei sottolineare e’ che tratti un credente da pecorone e un non credente da luminare.

          A me nessuno ha fatto credere in niente.
          Io ho scelto e tornando al mio discorso ho visto per esperienza che se non e’ Dio e’ l’AntiDio, se non e’ una religione e’ un’altra Religione ancora.

          Sinceramente, nell’Ateismo non ho trovato questione stimolante ‘ per me semplicemente una forma di negazionismo per contrastare tutto cio’ che non e’ razionale.

          E ti posso assicurare che ho visto molte cose irrazionali nella mia esperienza seppur piccola e insignificante, da farmi una idea.

          Mi chiedo se tu ti sia mai messo in gioco veramente.

          Comunque la Fede non contrasta per nulla la Ragione ne’ la scienza e la colpa dei genocidi, delle sozzure non e’ sicuramente da attribuire alle Religioni, tanto e’ vero che dittature e ideologie hanno fatto peggio,ma credo piuttosto sia tutto da attribuire alla normale natura umana fatta di due mondi, il bene e il male al quale lui stesso sceglie e decide di aderire.
          E’ il suo cuore credo il problema, non cio’ che e’ fuori da lui a portarlo a fare o a credere per commettere.

          • alessandro pendesini ha detto in risposta a sara

            ……delle sozzure non e’ sicuramente da attribuire alle Religioni, tanto e’ vero che dittature e ideologie hanno fatto peggio,….

            Cara Sara :

            Mai, ripeto, mai le dittature e ideologie atee, o considerate tali, l’hanno fatto IN NOME DELL’ATEISMO !
            Tutto il contrario delle religioni monoteiste che da millenni evocano e difendondono a suon di spade e cannonate il loro dio rispettivo e….continua….

            E’ la mia risposta.

            • sara ha detto in risposta a alessandro pendesini

              Ma cosa stai blaterando?

              Alessandro t’hanno lavato il cervello per bene…

              • alessandro pendesini ha detto in risposta a sara

                Cara sara :
                La sistematica persecuzione delle presunte streghe, che inferi soprattutto fra il ‘400 e la metà del ‘600 e che spesso determinavano la condanna al rogo, causo’circa un milione di vittime ! La lista delle atrocità non è ovviamente esaustiva !…
                Domanda : in quanto donna e possibilmente capace d’empatia, non ti evoca un sentimento -o sensazione- di ribrezzo, ripugnanza o orrore ?

                • sara ha detto in risposta a alessandro pendesini

                  Tutta la Storia tu me la riassumi nelle caccia alle Streghe?…

                  Tra l’altro qualsiasi persona che non abbia la licenza media puo’ smentire la tesi sull’ inquisizione( cosi’ come te la fanno bere) fortemente modificata dal pensiero Anticristiano, laicista e illuminista.

                  Mi sono abbastanza informata nella vita per capire che si preferisce credere in cio’ che conviene.

                  Non son qui per fare lezioni di Storia, e lascio il posto a chi ne sa meglio di me.

                  Veramente e sinceramente come donna e madre mi fa piu’ ribrezzo l’aborto nelle sue piu’ svariate forme( tipo quello per smembramento), la ricerca sperimentale su embrioni e la compravendita di organi di feti abortiti.

                  Fortemente mi scandalizza la pedopornografia e tutto il male che ieri e oggi continua a riversarsi sull’innocenza e gli indifesi.

                  • alessandro pendesini ha detto in risposta a sara

                    Cara Sara :
                    Quindi se ho ben capito :La sistematica persecuzione delle presunte streghe, che inferi soprattutto fra il ‘400 e la metà del ‘600 e che spesso determinavano la condanna al rogo, causo’circa un milione di vittime ! La lista delle atrocità non è ovviamente esaustiva !… ti lascia diciamo indifferente…
                    Per contro ti “fa piu’ ribrezzo l’aborto nelle sue piu’ svariate forme( tipo quello per smembramento), la ricerca sperimentale su embrioni e la compravendita di organi di feti abortiti”……PAZZESCO !
                    Questa è anche una delle ragioni -ovviamente non la sola- per cui non potro’ mai (salvo cambiamenti di paradigma) essere cattolico !

                    • sara ha detto in risposta a alessandro pendesini

                      Mi fa piacere, di fatti spiega perche’ sei Ateista.

                    • sara ha detto in risposta a alessandro pendesini

                      Ps: Capite che non c’e’ equita’ nel male?

                      Fossi stato Ateo vero e non Ateista, mi avresti dato ragione, identificando il male in tutti i casi da me elencati.

                      Invece tu guardi il male dove ti conviene. La caccia alle Streghe e’ male e l’Eugenetica e’ bene. Questo la dice lunga signori miei.

                      Piu’ S-uttanato di cosi’ non si puo’.

                    • Fabio ha detto in risposta a alessandro pendesini

                      Esatto, Alessandro, non potrai mai essere cattolico, poiché essere cattolici implica a non aver rancore, odio, arroganza, cinismo o misantropia ingiustificata verso le persone, nemmeno per quelle che non sono atee.

                • Max ha detto in risposta a alessandro pendesini

                  Quello che Pandesini ci propina sono i classici argomenti di scarsa qualita’; in particolare questo viene da “L’Illusione di Dio” di Dawkins. Dawkins spende capitoli per dimostrare le cattiverie fatte dalle persone religiose. Poi deve parlare delle atrocita’ commesse dai regimi atei del ‘900, peggiori di ordine di grandezza e che si applicano a tempi ed a mentalita’ come la nostra. Allora, convenientemente, si ferma e dice “Ah, ma non e’ chiaro che avessero commesso tutto cio’ a causa del loro ateismo”.

                  Ci sono almeno due obiezioni a questa castroneria:

                  Uno e’ che allora anche i religiosi potrebbero dire, Gesu’ forse avrebbe mai potuto ordinare le crociate o la caccia alle streghe?

                  Due e’ che ci sono ovvi elementi per credere che l’ateismo di Stalin, Mao e Polpot fu assai importante per spiegare gli arresti, la tortura, il carcere, l’esecuzione di migliaia e migliaia di cristiani e buddisti, sia clero che fedeli.

                  Mi sa che non sara’ l’ultima volta che tocca leggere stupidaggini simili. “Dancing on the pin”, li ha definiti un ateo intelligente.

            • Michele ha detto in risposta a alessandro pendesini

              Mai, ripeto, mai le dittature e ideologie atee, o considerate tali, l’hanno fatto IN NOME DELL’ATEISMO !

              Mai? Mai??? E il comunismo, in nome di cosa lo faceva? Qui mi sa che non si abbia la minima idea che per i comunisti la religione è l’oppio dei popoli, e quindi eliminarla (ed eliminare i suoi portatori) è un dovere per liberare l’uomo.
              Almeno prima si scrivere si studi un minimo, dico un minimo, di storia.

              • Fabio ha detto in risposta a Michele

                Bravissimo, Michele.
                Alcune persone, in questa sede, conoscono al massimo qualcosa riguardo la Seconda Guerra Mondiale, ma in modo molto approssimativo e per giunta confuso. Tutto ciò che avvenne prima del 40-45: schermo buio!

              • alessandro pendesini ha detto in risposta a Michele

                Caro Michele :
                A proposito di Hitler e il nazismo, per citare solo quello : sembra ignorare che Hitler ha più volte affermato di essere investito di una “missione” d’inviato della “Provvidenza” !!!
                -In Mein Kampf, invoca il sostegno di Dio nella sua lotta contro gli ebrei. E scrisse: “Credo agire secondo lo spirito dell’Onnipotente, nostro Creatore, poiché difendendomi dagli ebrei combatto per difendere l’opera del Signore ” SIC !
                -Le « Gott mit uns » inciso nelle fibbie delle cinture dei nazisti, non le dice niente ? Non le sembra abbastanza significativo ?

                • sara ha detto in risposta a alessandro pendesini

                  Veramente nn sei abbastanza informato…

                  Chi odia gli Ebrei, odia i cristiani, la radice e’ la stessa, molti cristiani, preti e tanto atro furono ammazzati dal Nazismo.

                  Ti informo che Hitler aveva una Ossessione per le Arti Occulte e non per la Religione cattolica… Riti E ricerche ossessive di oggetti esoterici lo dimostrano in maniera palese…

                  Ancora una volta non sei informato abbastanza.

                  Di Esoterismo e’ pieno il mondo, la Massoneria e’ uno di questi e tu ti bevi la stragrande maggioranza delle loro ideologie.

                  Chi non sta con il bianco spesso sta col nero…

                  La via di mezzo e’ assai rara.

                  • Fabio ha detto in risposta a sara

                    Concordo in pieno con le tue argomentazioni, Sara.

                    HITLER ERA UN APPASSIONATO DI OCCULTISMO ED ESOTERISMO, quanto lo era anche Himmler e Goering, (storicamente asseverato! Avevano anche un castello dove i gerarchi delle SS si riunivano per i loro rituali PAGANI), ma nella sua pazzia Hitler mescolava le pratiche esoteriche con elementi tratti dal Cristianesimo.

                    PER ALESSANDRO:

                    Se io sono un soggetto psicolabile e me ne vado in giro ad ammazzare la gente gridando che me l’ha ordinato Dio, a chi daresti la colpa tu?
                    Alla Chiesa e al Vangelo, (che non predicano uccisioni), oppure a me che le ho commesse, inventandomi cose che non stanno scritte da nessuna parte?

                    Ti ricordo anche, che la “caccia alle streghe” era una pratica presente soprattutto nella chiesa protestante e anglicana.
                    I tribunali ecclesiastici affidavano ai tribunali civili le sentenze di condanna e non viceversa.

                • lorenzo ha detto in risposta a alessandro pendesini

                  Sono proprio interventi come questo che mettono in dubbio la tua razionalità: se sono provocazioni si sopportano, ma se sei veramente convinto di quello che scrivi è un vulnus alla tua intelligenza.

                • Michele ha detto in risposta a alessandro pendesini

                  Allora, Hitler ed i gerarchi nazisti odiavano visceralmente il cristianesimo, il dio che adoravano era un miscuglio di paganesimo e panteismo. Il manifesto ideologico del Terzo Reich, ossia “Il mito del XX secolo” di Rosenberg è un testo anticristiano. Quindi pensare di tirare in ballo il Dio cristiano, quello dell’Antico Testamento o anche una concezione di un Dio trascendente nei crimini dei nazisti è del tutto fuori luogo.

                  • alessandro pendesini ha detto in risposta a Michele

                    Michele :
                    Le faccio la stessa domanda (vedi sopra):
                    -Le « Gott mit uns » (DIO E’ CON NOI) inciso nelle fibbie delle cinture dei nazisti, non le dice niente ? Non le sembra abbastanza significativo ? O magari nega che sulle fibbie dei nazisti esisteva questa scritta, o ignoravano il significato ?
                    A questo punto come la mettiamo ?

                    • sara ha detto in risposta a alessandro pendesini

                      Quando ero piccolina viaggiavamo molto, spesso si passava per strada dove su di alcuni cartelli o indicatori stradali c’era impressa la scritta: Dio c’e’.

                      Dissi: “papa’ guarda che bravi questi che scrivono di Dio”, e mio padre rispose: ” e’ un modo per dire che nei paraggi c’e’ la droga”…

                      La morale del racconto la puoi trarre da solo.

                    • Panthom ha detto in risposta a alessandro pendesini

                      Alla fine l’Alessandro Pendesini si rivela sempre il solito ateiccio alticcio che fa il bulletto sul web con l’Einstein ateo e i nazisti cattolici. La posizione atea espressa da questi bambinetti razionalmente non strutturati è una barzelletta, poi si stupiscono del perché non riescono ad assumere una posizione culturale nella storia umana.

                    • Max ha detto in risposta a alessandro pendesini

                      Ma Pandesini questa e’ una cosa da ignoranti!

                      “Gott mit uns!” era sulle uniformi prussiane prima e tedesche dopo da secoli!

                      E lo ripete piu’ volte, come un asino che continua a fare gli stessi errori!

                      E Hitler altro non faceva che cercare di influenzare a proprio favore la parte cattolica dell’elettorato. Ma dov’e’ il suo scetticismo, la razionalita’ e la prudenza, quando si tratta di usarle per arrivare a dei risultati che non le piacciono?

        • Vincenzo ha detto in risposta a pendesini alessandro

          Chi si fa strumentalizzare, è portato a compiere atrocità, senza bisogno di passare per qualsivoglia religione.

          • sara ha detto in risposta a Vincenzo

            Inutile parlare con chi crede che la Religione sia il male del mondo, ne fara’ derivare per forza la causa di tutti gli effetti.

            La cosa che ripeto accomuna gli atei piu’ agguerriti che ho incontrato e’ il loro attivismo nel contrastare il credo religioso.

            Che strano giro di ruota…

          • alessandro pendesini ha detto in risposta a Vincenzo

            Vero !
            Nonostance cio’ per essere estremamente -o patologicamente fanatici, è imperativamente “necessaria” la religione !
            La storia, la Vera, e quello che accade attualmente è là per ricordarcelo. Basti vedere quello che è successo durante l’inquisizione cattolica, e attualmente l’Islam….

            • Fabio ha detto in risposta a alessandro pendesini

              No, Alessandro.
              Il Cristianesimo è fatto dalla predicazione; l’Islamismo dal jihad.
              Parola contro spada.

              Non troverai MAI in nessuna pagina del Vangelo, una frase pronunciata dal Maestro che inviti ad usare la scimitarra contro gli infedeli, o a sottomettere pagani o genti di altre religioni.
              Anzi, Gesù disse chiaramente agli apostoli di scrollarsi la polvere di dosso, se qualora gli altri gli avessero scacciati o allontanati. Ma non di usare la spada.

              Le crociate e le guerre dei popoli e nazioni europee, contro i ripetuti attacchi e invasioni degli arabi, (prima), e poi dei turchi, (oltre 1200 anni di reiterati tentativi di islamizzare con la guerra l’Europa!), furono un legittimo e disperato atto di difesa della civiltà occidentale.
              Una civiltà fondata anche, ma non solo, sul Cristianesimo, se consideriamo la cultura ellenica e romana, la quale diede impulso alla filosofia e alla scienza moderna.

              Anche gli arabi sono un grande popolo, credimi, (parte della chimica e dell’astronomia, nacque dalle scuole di Baghdad), ma con l’avvento di Maometto, gli arabi si infervorarono di fanatismo religioso.

              Ti riporto quello che disse Manuele II Paleologo, Imperatore di Bisanzio, (1350-1425), ad un intellettuale musulmano:
              “Mostrami pure ciò che Maometto ha portato di nuovo, e vi troverai soltanto delle cose cattive e disumane, come la sua direttiva di diffondere per mezzo della spada, la fede che egli predicava.”

              Lo stesso discorso di cui sopra, fu pronunciato da Papa Benedetto XVI, nel discorso di Ratisbona il 12 settembre 2006.

              • alessandro pendesini ha detto in risposta a Fabio

                E’ vero che nel Vangelo esistono ottimi esempi morali ma che –purtroppo- pochissimi rispettano……

                N.B. -Non sono le intenzioni, buone che siano, che qualificano l’uomo, ma i fatti ! Quelli riportati non dalla « religione della storia » ma dalla « storia delle religioni » !
                L’intenzione di fare apparire il sole, te lo fossi dimenticato, non lo fa apparire, neanche per miracolo….

                • Fabio ha detto in risposta a alessandro pendesini

                  Lascia perdere tutto quello che hai scritto e tieni soltanto la parte iniziale del tuo discorso:
                  “E’ vero che nel Vangelo esistono ottimi esempi morali ma che –purtroppo- pochissimi rispettano……”

                  L’hai detto: nel Vangelo esistono ottimi esempi morali. Punto. Non aggiungere altro, poiché è quel libro che bisogna seguire, non gli uomini coi loro fanatismi, siano essi legati all’islam, all’anarchia, al positivismo o all’ateismo.
                  NON ESSERE UN FANATICO DEL POSITIVISMO, la quale fu un’ideologia precursore del pensiero di Nietsche e più in seguito del nazismo.

            • vincenzo ha detto in risposta a alessandro pendesini

              Imperativamente necessaria? Mai sentito parlare di Pol-Pot, tanto per dirne uno? Uno che faceva ammazzare gli impiegati e addirittura chi portava gli occhiali, perché “intellettuale”?

            • Max ha detto in risposta a alessandro pendesini

              Un altro classico errore. Il presentismo storico. Giudicare le cose del passato con metri di giudizio di secoli dopo.

              Secoli fa non esistevano cose come la liberta’ individuale di pensiero ne’ la liberta’ di espressione come la intendiamo nel XXI secolo. Quelli che vivevano secoli fa non e’ che non rispettavano tali valori, non li conoscevano ne’ potevano conoscerli.

              Sarebbe come giudicare noi uomini del XXI secolo, che ci intendiamo i migliori, nel XXV secolo con idee che sono nate nel XXIII. Assurdo e sbagliato.

        • Michele ha detto in risposta a pendesini alessandro

          Senza dimenticare la decisione di un certo W.Bush Junior, uno dei più spietati criminali che la storia abbia conosciuto !

          Mmh, e l’abbronzato? E la Clinton?

          1) Hanno continuato e incrementato le guerre di Bush, destabilizzando il Medio Oriente con finanziamenti ai criminali jihadisti e wahabiti.
          2) Mandato droni in giro per il mondo i cui obiettivi erano decisi dal Presidente. Droni che ammazzavano famiglie innocenti a feste di matrimonio. Azioni talmente rivoltanti nella loro gratuità crudeltà che i soldati che dagli USA comandavano i droni non ci dormono la notte dal disgusto.

          Bush in confronto era quasi un pivello.

          • Fabio ha detto in risposta a Michele

            Gli Stati Uniti d’America si sono fatti odiare da mezzo pianeta, negli ultimi due decenni, ma di sicuro si sono fatti odiare da tutto il mondo arabo, compresi i loro alleati sauditi, i quali, se non fossero vincolati da ragioni economiche, strategiche e militari con gli Usa, sarebbero i primi a combatterli.
            La scellerata politica di Obama, Clinton e Bush, mi ha mandato di traverso anche la canzone “Born in Usa” di Bruce Springsteen.

    • Dora ha detto in risposta a pendesini alessandro

      leggi il vangelo..e tutto sarà chiaro !!!

    • lorenzo ha detto in risposta a pendesini alessandro

      Io non ho mai visto il tuo cervello,
      non ho mai sentito il tuo cervello,
      non l’ho mai toccato,
      non ho nemmeno mai percepito che tu abbia un cervello.

      Quindi, con tutto il dovuto rispetto, posso affermare senza tema di smentita che secondo le leggi del protocollo empirico, stabile, dimostrabile, la scienza afferma che “pendesini alessandro” non ha cervello.

      Se pertanto la scienza afferma che tu non hai cervello, come posso prestar fede e prendere in considerazione quello che scrivi senza un captcha?

      “pendesini alessandro” non sarà per caso solo e semplicemente un’idea metafisica?

      • alessandro pendesini ha detto in risposta a lorenzo

        Caro Lorenzo :
        Per saper di essere stupidi e/o ignoranti è imprerativamente necessario essere colti ed intelligenti !
        E’ la mia risposta….

        • lorenzo ha detto in risposta a alessandro pendesini

          Non hai però risposto alla mia domanda: questo potrebbe essere la confermare che sei solo un’idea metafisica generata dalla lettura di determinate preposizioni generate da un computer!
          E’ un mio legittimo dubbio…

  4. Aristarco ha detto

    In ogni caso la famigerata affermazione “Ipse Dixit”, tanto spesso tirata in ballo, mi pare abbia fatto il suo tempo.
    Dai tempi di Galileo e san Bellarmino, perlomeno.

    • Xlove ha detto in risposta a Aristarco

      Infatti, per questo i tuoi commenti e quelli di Pendesini sono inutili perché basati non su argomenti ma sul “l’ho detto io”. Al contrario, Zichichi pone riflessioni e ragionamenti che vi guardate bene dal prendere in considerazione fermandovi alla denigrazione personale di chi pone ragionamenti. Siete i primi a cadere nella fallacia del principio di autorità.

  5. Nicola ha detto

    Ciao a tutti. Spero che scriviate un articolo sulla morte di DJ Fabo.

  6. pendesini alessandro ha detto

    Per cio’ che riguarda « Le parole di Zichichi si rifanno chiaramente alle riflessioni di Albert Einstein »…rispondo :
    « Gli uomini dovrebbero essere compatiti o biasimati se dovessero essere frenati dalla paura della punizione o speranza di una ricompensa dopo la morte »….
    « Vi è un terzo grado della vita religiosa, malgrado sia raro nella sua espressione pura, che è quello della religiosità cosmica. Tuttavia non può essere pienamente compreso da colui che non la risente poiché non corrisponde nessuna idea di un dio antropomorfo »….ed ha anche aggiunto : « Io non credo in un Dio personale, non l’ho mai nascosto e l’ho sempre detto chiaramente »….Firmato Albert Einstein !

  7. beppino ha detto

    Trovo indecoroso ed ignobile come certi utenti
    “banalizzino” (e in modo anche vergognoso…)
    la figura del prof. Zichichi.

    E’ sempre la stessa storia: quando si discute di qualcosa
    per certe persone non conta la cultura e il rispetto verso l’altrui pensiero,
    contano solo le PROPRIE convinzioni;
    convinzioni da difendere con cocciutaggine e boriosita’
    ma soprattutto da difendere senza mai attaccarsi a categorie oggettive
    quanto piuttosto a ricorrenti e stantii luoghi comuni
    che l’utilizzo adolescenziale della rete ha portato ultimamente all’ennesima potenza.

    http://www.ccsem.infn.it/em/zichichi/short_bio_it.html

  8. Max ha detto

    Avevo scritto il primo commento, che era “hmm…”. Purtroppo si e’ perso. Ad ogni modo… lo ripropongo, credo che si sintetizzi come la penso.

  9. Sandro ha detto

    è più facile credere che tutto questo “ordine” sia frutto del caso che ammettere che esiste un Dio superiore a tutti noi …. Deve essere antipatico per alcuni “scienziati” scoprire che anche il mondo scientifico vive grazie alla croce (vedi laminina ) … Grande Zichichi

    • Steve ha detto in risposta a Sandro

      Ma ti pagano per questa guerra contro la religione o è solamente il tuo hobby? Perchè ce ne sono di più interessanti, te lo assicuro…

      • alessandro pendesini ha detto in risposta a Steve

        Caro Steve
        Non mi ritengo in guerra contro la religione come lei afferma; assumo la mia responsabilità militando contro l’oscurantismo e l’indottrinamento alla falsità. Punto !
        Coglie la differenza ?

  10. Ugo ha detto

    Ricordiamici che Dio Esiste a prescindere dalle proprie convinzioni sulla Sua Esistenza. Il nostro universo e’ un immenso teatro e la terra e’ solo un grande palcoscenico dove ognuno quotidianamente si esibisce liberamente con un unico scopo: Essere Degni per (Comportamenti e Meriti), di continuare ad esistere in una dimensione Superiore, Incredibile, Spirituale ed Eterna, avvertendo la Meravigliosa sensazione di Sentirsi Amati da Dio.

  11. Domenico M. ha detto

    “In principio era il Logos
    e il Logos era presso Dio
    e il Logos era Dio
    Questi era in principio presso Dio.
    Tutto è venuto ad essere
    per mezzo di Lui,
    e senza di Lui
    nulla è venuto ad essere
    di ciò che esiste.
    In Lui era la vita
    e la vita era la luce degli uomini
    e questa luce splende ancora nelle tenebre
    poiché le tenebre non riuscirono ad offuscarla.”

    (Vangelo secondo Giovanni, 1)

    • alessandro pendesini ha detto in risposta a Domenico M.

      Amen…….

      • sara ha detto in risposta a alessandro pendesini

        La messa e’ finita.
        Andate( Vai) in pace.

        • Fabio ha detto in risposta a sara

          Grande, Sara!
          Ogni tanto offri succo di limone a chi se lo merita per davvero.
          😀

          • sara ha detto in risposta a Fabio

            Non sono come mi dipingi.

            Mi dispiace se appaio cosi’, e’ un modo di comunicare che se non si capisce non per forza e’ acido.

            Il mio e’ semplice sarcasmo con un mix di piccole nozioni, qualche convinzione e molte opinioni.

        • Fabio ha detto in risposta a sara

          Molto corretta anche la tua frase di stamane, ossia che chi odia gli ebrei non può essere un cristiano.
          Infatti Dio scelse il popolo d’Israele quale araldo che attraverso patriarchi e profeti, avrebbe annunciato al mondo intero l’avvento del Messia.

          Adamo dev’essere stato un grande dispiacere per il Padre Eterno, ma nell’infinita umiltà e saggezza di Abramo, Dio deve essersi sentito molto ripagato, al punto tale di far di lui e del suo popolo, (ebraico), la radice dalla quale avrebbe riscattato l’intera umanità dal peccato e dalla morte attraverso la nascita di Gesù, ebreo anche Lui.
          ABRAMO fu davvero un grande uomo.
          E son sicuro che un giorno Israele tornerà ad essere un grande regno, cristiano e d’importanza uguale alla Chiesa di Roma, poiché Dio Padre stipulò il Suo eterno patto con Abramo e con lui lo concluse.

          Gerusalemme e Roma, un giorno saranno un’unica chiesa, Antico e Nuovo Testamento riuniti finalmente insieme e riconosciuti anche dal popolo ebraico che crederà in Cristo.

          W ISRAELE!

      • Domenico M. ha detto in risposta a alessandro pendesini

        Quest’inno esprime in modo molto bello il concetto portato da Zichichi.

  12. CORRADO LUCIANI ha detto

    Per quanto possa sembrare banale giova ripetere che se Dio esiste non lo si può dimostrare scientificamente (ovvero con il metodo scientifico), così come non si può dimostrare scientificamente la sua non esistenza. A mio parere è irrazionale chi afferma il contrario. Possiamo credere (o non credere) sulla base di argomentazioni logiche. A mio parere tutti, atei e credenti, dovremmo concordare che il tutto non si è originato dal nulla ma semmai da una inesauribile quanto misteriosa forma di energia. Dire che la somma di energia positiva e negativa è nulla è solo un sofisma per aggirare il problema. Sono credente perché più che dell’Universo e della sua logica mi meraviglio della mia capacità di osservare, rielaborare, creare e sopratutto sentire di esistere. Si può credere che sia solo una illusione che questa misteriosa energia è riuscita a creare, ma si può anche credere, come me, che questa capacità sia già presente all’origine e abbia generato questa forma di energia misteriosa. Credo che sia più superficiale che razionale chi mi considera per questo irrazionale e purtroppo ho la sensazione che tale superficialità abbia invaso il mondo accademico, altrimenti certe teorie strampalate, spacciate per verità scientifiche, non dovrebbero essere nemmeno prese in considerazione. Onore a Zichichi, a prescindere dal suo merito, perché va controcorrente e ai tempi di oggi, salvo qualche eccezione, ciò può nuocere alla carriera.
    Credo anche che dovremmo tutti, atei e credenti, umilmente riconoscere che l’uomo non è l’essere più intelligente dell’Universo. Non si possono escludere, ed anzi le ritengo assai probabili, forme di intelligenza notevolmente superiori che hanno avuto forme di evoluzione diversa, più basate sullo sviluppo della mente che della tecnologia. Quando penso a questo mi viene in mente il libro “Sogni, ricordi e riflessioni” di Jung, dove racconta, da psichiatra, la sua esperienza pre-morte, fornendo dettagli del suo viaggio nello spazio a circa 1.500 Km dal pianeta Terra. Si può migliorare molto la qualità della vita senza depredare di risorse il pianeta, si può essere felici e fare viaggi velocissimi e meravigliosi anche in un corpo moribondo. Ed è più reale di quello che convenzionalmente definiamo realtà.

    • Klaud ha detto in risposta a CORRADO LUCIANI

      Una domanda alla quale non ho mai avuto risposta:
      Se l’esistenza o l’inesistenza di Dio è indimostrabile, chi ne afferma l’esistenza come ha fatto a saperlo?

      Non si possono escludere, e anzi le ritengo assai probabili, forme di intelligenza notevolmente superiori…
      Questa è solo una tua illazione. Se pensi che su alcuni milioni di forme viventi solo l’uomo ha sviluppato un’intelligenza superiore, fatti due conti su quante probabilità
      ci siano di trovare forme ancor più avanzate.

      • sara ha detto in risposta a Klaud

        Di Dio di fatti si fa sempre una certa esperienza personale, altrimenti inevitabilmente si abbandona il credo religioso per altri.

        Il mito dei credenti visionari, caproni, derazionalizzati e’ andato perduto da un pezzo,tranne che per qualche piccola insignificante associazione che ancora ne fa uno spauracchio per i propri adepti contro la minaccia che i credenti rappresentano per il futuro del transumanesimo, ricerca,scienza,sviluppo e tanto altro.

        Il secondo capitolo alla prossima puntata.

        • Klaud ha detto in risposta a sara

          Di Dio di fatti si fa sempre una certa esperienza personale…
          Stai dicendo che nell’uomo ci sono organi che riescono a percepire dio? Non è una risposta.
          C’è gente che, come esperienza personale, afferma di essere in contatto con gli alieni.

  13. Carlo Rovelli ha detto

    Sarebbe bene evitaste di dare informazioni false. Non è vero che l’indice h di Rovelli è inferiore a quello di Zichicchi. Basta controllare sul sito che vois stessi citate per vedere che la valutazione di Rovelli è superiore a quella di Zichichi, e di molto. Pensate che la vostra difesa dell’idea di Dio abbia bisogno di queste bugie per essere convincente?

    • Antonio ha detto in risposta a Carlo Rovelli

      Web of Science da h-index di 87 per A. Zichichi e 76 per C. Rovelli. A voi cosa viene?

      • Carlo Rovelli ha detto in risposta a Antonio

        Curioso. L’h-indice di Zichicchi indicato nell’articolo è di 62, e nell’articolo c’è anche un link dove si vede che l’h-index a cui si fa riferimento è proprio 62. Nello stesso sito, l’h-index di Rovelli è dieci punti in più. Ora misteriosamente quello di Zichichi salta a 87.
        In realtà le cose sono più semplici: nessuna persona ragionevole e con un minimo di competenza scientifica comparerebbe l’indice h di uno sperimentale con quello di un teorico. L’ h indice di uno sperimentale (Zichichi) accumula tutte le citazioni ottenute dall’esperimento (ALICE, per Zichichi), per cui anche studenti hanno presto un indice h enorme. Mentre tutti i teorici hanno indici ha molto più bassi, perché sono solo le citazioni ai loro lavori. Per non parlare poi del fatto che l’indice è cumulativo e cresce con l’età…. Eppure, nonostante tutto questo, l’indice h di Rovelli sul sito indicato dall’articolo è dieci punti più alto…
        Insomma, proprio non ci siamo!

        • Panthom ha detto in risposta a Carlo Rovelli

          Rovelli, credo che Uccr dica il vero poiché pare abbia utilizzato come fonte Wikipedia, che in base ad altre fonti le assegna un h-index di 52: https://it.wikipedia.org/wiki/Indice_H#Fisici_con_alto_indice_H

          Credo anche che la sua legittima difesa del dio Caso non abbia bisogno di presupporre la malafede altrui senza prima sincerarsi di essa.

          • Carlo Rovelli ha detto in risposta a Panthom

            Già, peccato che quella pagina sia di oltre un decennio fa, con una nota di Wikipedia che dice che i dati sono da controllare e senza riferimento.
            E non difendo nessun dio Caso. Per qualcuno forse è difficile capirlo, ma esistono anche esseri umani che non si sentono sperduti se non possono invocare un “dio” di qualche tipo.
            E mi firmo con nome e cognome, non mi nascondo dietro pseudonimi.

            • Carlo Rovelli ha detto in risposta a Carlo Rovelli

              Peccato che quella pagina abbia i dati di oltre un decennio fa (scritto chiaro sulla pagina), con una nota di Wikipedia che dice che i dati sono da controllare e senza riferimento.
              E non difendo nessun dio Caso. Per qualcuno forse è difficile capirlo, ma esistono anche esseri umani che non si sentono sperduti se non possono invocare un “dio” di qualche tipo.
              E mi firmo con nome e cognome, non mi nascondo dietro pseudonimi.

              • Carlo Rovelli ha detto in risposta a Carlo Rovelli

                Comunque chiudo qui questa piccola polemica. Evidentemente non è molto importante.

                • Antonio ha detto in risposta a Carlo Rovelli

                  Lei ha ragione a dire che paragonare l’h-index di un fisico teorico çon quello di un fisico sperimentale (soprattuto delle alte energie) non e’ molto corretto. Non e’ questa, a mio parere, la sede giusta per discutere del valore o meno del parametro h-index (c’e’ gia’ abbastanza polemica nel mondo accademico). D’ altra parte la fisica delle alte energie, come dice lo stesso nome, richiede alte energie che si possono ottenere solo con macchine gigantesche e sempre piu’ sofisticate che richiedono centinaia di fisici sperimentali e tecnici. Poi bisogna vedere se il fisico della grande collaborazione ha fatto solo il coautore dei papers, oppure anche altro. Ma un fisico qualunque delle alte energie non diventa presidente di EPS e INFN solo come coautore di papers. E nessuna persona ragionevole e con un minimo di competenza scientifica (usando il suo linguaggio) paragonerebbe il contributo di uno studente che lavora al CERN, ed e’ inserito (giustamente a mio avviso) come co-autore nei papers, con quello del prof. Zichichi.

              • Panthom ha detto in risposta a Carlo Rovelli

                Mi congratulo comunque con lei per la sua vittoria del Premio Fermi, cosí come lo diedero a Zichichi. Questo vi mette senz’altro sullo stesso livello.

                Si puó non sentirsi sperduti senza invocare Dio finché non si affrontano seriamente le grandi domande esistenziali con cui nasciamo e con le quali moriamo. Anche in Corea del nord piangono di gioia al passaggio del presidente-dittatore, nessuno si sente perduto finché non butta l’occhio fuori dai confini nazionali.

                Le do atto di firmarsi con nome e cognome, ma uso questo nickname da tanto tempo e non siamo ad una conferenza pubblica.

                • Antonio ha detto in risposta a Panthom

                  Signor Panthom, non si preoccupi che sono ad un livello molto inferiore sia a Zichichi che anche al Carlo Rovelli di cui sopra. E come ha scritto lei vivo da parecchi anni all’estero, ma non in Corea del Nord (anche per gli esterofili come il sottoscritto c’e’ un limite!). I fisici (dal tono della sua risposta sembra di capire che appartenga alla categoria) hanno spesso pretese di onnipotenza. Ci sono fisici sperimentali (cui appartengo) che credono di saper interpretare tutto degli esperimenti che provano, e poi i teorici che con le loro eleganti equazioni credono di saper descrivere correttamente la realta’ fisica. E poi ci sono scienziati che costruiscono macchine favolose (tipo CERN) e poi pure i fisici fenomenologici, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Adesso c’e’ pure l’h-index e il numero di citazioni, ed é’ quindi tutto un paragonarsi e azzuffarsi su chi ha i valori bibliometrici piu’ elevati (spesso per progredire nella professione o avere piu’ fondi). Le do ragione, tutto cio’ non ha senso.
                  E allora quale e’ la vera Sapienza? La vera Sapienza non e’ ne’ nella fisica sperimentale ne’ in quella teorica ne’ in quella fenomenologica. La vera Sapienza, come dice il Vangelo, non appartiene a questo mondo. Come diceva Newton (scusi se devo scomodare un gigante della fisica): “Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo un oceano!”.
                  E per tutti coloro che cercano la gloria su questa terra vale S. Giovanni, che e’ stato ben al di sopra di tutti gli scienziati:’E come potete credere, voi che prendete gloria gli uni dagli altri, e non cercate quella gloria che procede da Dio solo?’
                  Buon fine settimana e non disturbo ulteriormente.

                  • Panthom ha detto in risposta a Antonio

                    Caro Antonio, rispondevo a Rovelli non a lei, con il quale sono perfettamente d’accordo su tutto!

          • Max ha detto in risposta a Panthom

            Caro Phantom, il punto e’ che la bibliometria delle pubblicazioni e’ utile, ma va usata con attenzione, razionalmente e conoscendo i suoi limiti. E l’uso della ragione, come hanno dimostrato secoli di scolastica, ha la sua importanza.

            E’ ragionevole fare confronti tra fisici teorici e fisici teorici, e tra fisici sperimentali e fisici sperimentali. Tra fisici sperimentali e fisici teorici ha meno senso per via dei limiti intrinseci delle misure bibliometriche. Ce li ricordava anche il compianto professor Israel, che non era certo un amico del dio caso, credimi.

            Saluto il prof. Rovelli, se e’ proprio lui a scrivere; feci l’esame finale di dottorato con lui.

  14. Francesco ha detto

    E’ sempre più evidente, specialmente con le recenti teorie fisiche sull’universo (vedi String Theory), che la distanza tra teologia e scienza si sta gradualmente assottigliando. Il concetto teologico di un creatore, limitato e ormai obsoleto nel modo in cui venne espresso in tempi remoti, ritrova una nuova connotazione nell’ordine dell’universo, a poco a poco svelato dalle scoperte scientifiche, avvicinandosi sempre più a una concezione metafisica della realtà che ci circonda.

« nascondi i commenti