Paternità responsabile, il card. Tuckson e Papa Francesco hanno ragione

TurksonFrancescoGran polverone suscitarono le parole di Papa Francesco nel gennaio 2015 sulla paternità responsabile: «alcuni credono che per essere buoni cattolici dobbiamo essere come conigli, no? No. Paternità responsabile. Questo è chiaro e per questo nella Chiesa ci sono i gruppi matrimoniali, ci sono gli esperti in questo, ci sono i pastori, e si cerca. E io conosco tante e tante vie d’uscita lecite che hanno aiutato a questo». Parole pronunciate dopo aver valorizzato, ancora una volta, il coraggio di Paolo VI e della sua Humanae Vitae, che ripropose la tradizionale dottrina della Chiesa sulla sessualità.

E’ un caso specifico che abbiamo affrontato nel nostro dossier su Papa Francesco: certo, “non essere come conigli” è un’affermazione sui generis, da contestualizzare all’interno di un’intervista amichevole con i giornalisti sull’aereo papale, non sembra tuttavia aver offeso le famiglie con molti figli: il presidente delle “Famiglie numerose” italiane, Giuseppe Butturini, ha infatti elogiato l’intervento del Papa, concordando con lui sull’errore di una genitorialità irresponsabile. Lo stesso hanno fatto tante altre famiglie numerose, mentre  Francesco Belletti, presidente del “Forum delle associazioni familiari” ha invitato ad andare al cuore delle parole del Santo Padre senza fermarsi «alle loro parti più ad effetto». Pochi giorni prima, proprio il Papa, aveva affermato che «ogni famiglia è cellula della società, ma la famiglia numerosa è una cellula più ricca, più vitale, e lo Stato ha tutto l’interesse a investire su di essa!». In altre occasioni ha invece precisato che «Se una famiglia generosa di figli viene guardata come se fosse un peso, c’è qualcosa che non va! La generazione dei figli dev’essere responsabile, come insegna anche l’Enciclica Humanae vitae del beato Papa Paolo VI, ma avere più figli non può diventare automaticamente una scelta irresponsabile. Non avere figli è una scelta egoistica. La vita ringiovanisce e acquista energie moltiplicandosi: si arricchisce, non si impoverisce!». 

Papa Francesco, dunque, non volle in alcun modo offendere chi ha molti figli o, addirittura, legittimare la contraccezione come molti cattolici hanno sostenuto. Intende riprendere semplicemente quel che venne già spiegato da Giovanni Paolo II, quando smentì che quella cattolica è «un’ideologia della fecondità ad oltranza, spingendo i coniugi a procreare senza alcun discernimento e alcuna progettualità». I metodi naturali per la regolamentazione della fertilità sono la via lecita per una genitorialità responsabile.

Della stessa ha parlato recentemente anche il card. Peter Turkson«anche il Santo Padre nel suo viaggio di ritorno dalle Filippine ha invitato le persone a una qualche forma di controllo delle nascite. La Chiesa non è mai stata contraria al controllo delle nascite e alla decisione delle persone di distanziare le nascite. Per cui sì, il controllo delle nascite può offrire una soluzione per il clima». La BBC ha riferito che il cardinale Turkson «ha tenuto a sottolineare che i metodi artificiali di controllo delle nascite come la pillola contraccettiva sono ancora inammissibili per la Chiesa», ma l’intervista ha suscitato confusione e ha provocato reazioni decise. Forti critiche sono arrivate in Italia da Riccardo Cascioli, direttore de “La Nuova Bussola Quotidiana”. 

Effettivamente parlare di “controllo delle nascite” è controproducente e lo stesso card. Turkson, intervistato da Aleteia, ha riconosciuto che per il mondo anglofono “controllo delle nascite” in genere significa qualche forma di contraccezione artificiale, ammettendo la necessità di stare più attento a scegliere le parole. «In genere in un documento ecclesiale l’espressione usata sarebbe stata ‘paternità responsabile’. È questa l’espressione che viene utilizzata normalmente», ha precisato. «Quando ho usato l’espressione ‘controllo delle nascite’, quello che avevo in mente era l’insegnamento tradizionale della Chiesa sulla paternità responsabile, per cui dove nell’intervista della BBC si legge ‘controllo delle nascite’ si dovrebbe intendere ‘paternità responsabile».

Sia Papa Francesco che il card. Turkson hanno usato due espressioni poco felici, certamente curare la comunicazione è una grande priorità per la Chiesa intera. Ma chiunque capisce a cosa si riferiscono, bastava tenere in considerazione tutto il loro discorso e non soltanto i termini un po’ controversi che hanno scelto. I critici avrebbero dovuto ricordare l’importanza di una terminologia più appropriata (come è stato fatto su Lifenews ad esempio), non insinuare il dubbio che davvero Francesco e il cardinale ghanese volessero aprire alla contraccezione. Tutti dobbiamo migliorare nella comunicazione se si ha a cuore il bene di chi legge e quello della Chiesa.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

10 commenti a Paternità responsabile, il card. Tuckson e Papa Francesco hanno ragione