Leggere la “Divina Commedia” per capire la vita (video)

Franco NembriniLeggere la Divina Commedia per capire la vita, per amare il cristianesimo. E’ questo che anima centinaia di universitari in tutta Italia che “studiano liberamente i versi di Dante, appassionandosi al mistero insito nella realtà.

L’associazione Centocanti, ad esempio, è nata nel 2005 (scioltasi nel 2012) ad opera di alcuni studenti dell’Università Cattolica di Milano, rigorosamente al di sotto dei 35 anni (perché per Dante quello era appunto «il mezzo del cammin di nostra vita») appassionati del padre della lingua italiana. Spiegano: «Vogliamo testimoniare che questa è un’opera viva, che continua a parlare con immutata freschezza e attualità al cuore di ogni uomo. Dante compie un viaggio dentro le dimensioni fondamentali dell’esistenza, ci parla del bene e del male, di amore e di perdono, e testimonia quanto il cristianesimo è capace di rispondere alla sete di felicità che abita nel cuore dell’uomo». Si dedicavano ad imparare alcuni canti a memoria e li recitavano nelle metropolitane e nelle piazze milanese, con grande seguito di pubblico. Sempre a Milano, all’Università Statale è attiva un’altra associazione chiamata “Esperimenti danteschi” che, per quattro mesi, ogni settimana, ascoltano attenti lezioni tenute da alcuni tra i più importanti studiosi della Commedia.

L’involontario ispiratore di questa passione che ha contagiato centinaia di giovani universitari milanesi si chiama Franco Nembrini, professore di italiano alle scuole superiori. Nembrini, cattolico bergamasco, gira l’Italia invitato dai centri culturali, parlando della Commedia” come un itinerario reale, personale, di salita al Paradiso. Autore di diversi libri, è stato contattato un giorno da Roberto Benigni, affascinato dal suo modo di confrontarsi con la Divina Commedia. Nel 2007 durante la prima romana dello spettacolo Tuttodante Benigni ha proprio citato Nembrini, invitato personalmente dall’attore toscano.

 

Qui sotto una lezione di Franco Nembrini sul Paradiso al Meeting di Rimini

 

Qui sotto Nembrini racconta la sua amicizia con Benigni al programmma “A sua immagine”

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

5 commenti a Leggere la “Divina Commedia” per capire la vita (video)

« nascondi i commenti

  1. controinformato ha detto

    non a caso la “Commedia” di Dante Alighieri col passare del tempo è diventata Divina…

    0
  2. Lugh ha detto

    Mi sarebbe piaciuto leggerla, ma è scritta in un italiano talmente lontano da quello moderno che se fosse in inglese la capirei di più. Comunque mi è piaciuto molto il Tuttodante di Benigni, sebbene fosse chiaro fin da subito che non era certo programma da prima serata su Rai2 (e quindi tutte le polemiche per i bassi ascolti rimangono la solita lagna da snob intellettualoidi contro “il bobolo gabrone che guarda abboldi e dessiga”).

    0
    • Giorgio P. ha detto in risposta a Lugh

      Ciao Lugh.
      Mi rendo conto che leggere la Commedia così com’è non è semplice (anche riguardo i riferimenti impliciti che Dante fa alla sua epoca), però puoi provare con un buon commentario, come i testi di Dante per i licei, che sono quasi sempre accompagnati da note e commenti, che rendono molto più leggera l’impresa.
      Ti assicuro che ne vale la pena!

      0
    • controinformato ha detto in risposta a Lugh

      io al liceo ci campavo sul Tuttodante

      0
    • Maria Domenica ha detto in risposta a Lugh

      Se desideri leggerla c’è un’edizione molto bella a cura di S. Jacomuzzi, A. Dughera, G. Ioli e V. Jacomuzzi della SEI che contiene la parafrasi completa dei versi. Al liceo l’ho usata come libro di testo, sebbene siano passati un po’ di anni penso e spero venga ancora stampata

      0
« nascondi i commenti