Jack Nicholson: «sono contro l’aborto, grato per la vita»

Jack NicholsonGià nei precedenti articoli abbiamo parlato dei celebri attori e cantanti ProLife, molti dei quali protagonisti di esperienze affascinanti.

Oggi, riportiamo l’esperienza che vede protagonista il noto attore Jack Nicholson, il quale ha dichiarato in pubblico di essere contro l’aborto: “Nella mia circoscrizione sono positivamente contrario all’aborto.[…] Non ho diritto a nessun altro punto di vista. La mia unica emozione è la gratitudine per la vita”.

Per chi non lo sapesse: Jack Nicholson qualche tempo fa scoprì durante un intervista giornalistica che sua madre in realtà era sua nonna e che la donna che lui considerava sua sorella, in realtà, era sua madre, la quale, in seguito a una relazione clandestina con un uomo sposato era stata abbandonata trovandosi a vivere la situazione di molte ragazze madri. In relazione a questa vicenda Nicholson se ne uscì con questa affermazione su Vanity Fair: “Perché me la sarei dovuta prendere per qualcosa che ha funzionato molto bene? […] Le due donne sono state sempre magnifiche con me, io stavo bene con loro”.

E’ interessante notare come Jack Nicholson dicendo “Non ho diritto a nessun altro punto di vista” anteponga la propria esperienza realmente vissuta a qualsiasi ideologia o preconcetto. Basta pensare inoltre quanto possiamo noi essere grati per l’esistenza di Jack Nicholson e per il suo contributo cinematografico che va dal Joker (Batman, 1989) a Frank Costello (The Departed, 2006).

Lorenzo Bartolacci

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

2 commenti a Jack Nicholson: «sono contro l’aborto, grato per la vita»

« nascondi i commenti

  1. beppina ha detto

    Il padre era di origine italiane e la madre di origini irlandesi/olandesi. Dopo il concepimento la mamma scopre che il padre é sposato; rimane comunque nella famiglia originaria dove la nonna si comporta con lui come mamma per molti anni. Anni giovanili durante i quali il bambino con amore e affetto diventa uomo in una famiglia cattolica “un poco strana” che però non lo ha mai abbandonato ne ha pensato a soluzioni alternative magari più facili e immediate.

    0
  2. Sophie ha detto

    Mi fa piacere che pensi questo!

    0
« nascondi i commenti