Londra: scritte sugli autobus prendono in giro Richard Dawkins

Come informavamo in Ultimissima 31/5/11, il militante ateista Richard Dawkins è stato attaccato dalla stampa e accusato di “codardia” per essersi rifiutato di discutere con un dotto teologo americano, William Lane Craig, considerato un “mangia-atei-a-colazione” (rivelatosi tale nel confronto con Christopher Hitchens), privilegiando troppo spesso soggetti di minor profilo.

In molti a Londra hanno dunque pensato di ironizzare sulla sua paura, riproponendo la goffa iniziativa degli “ateo-bus” che Dawkins stesso organizzò con le parrocchie di atei militanti della capitale inglese (e che l’UAAR subito pensò subito di scimmiottare, fallendo clamorosamente). Nel 2009, infatti, su 200 autobus della città apparve per qualche giorno la scritta: “Probabilmente Dio non esiste. Ora smetti di preoccuparti e goditi la vita”. Alcuni ironizzarono subito, sostenendo che il pulpito non era credibile dato che non si è mai visto un ateo militante che si goda davvero la vita e metta da parte le sue ossessioni anti-teiste.

In questi giorni la “Premier Christian Radio”, ha annunciato di aver ripreso l’iniziativa di Dawkins, ma in versione opposta. Dato che il noto anti-clericale non vuole accettare di discutere pubblicamente con il filosofo William Lane Craig quando egli visiterà la città di Londra a fine mese, sugli autobus della capitale tutti potranno leggere per due settimane: «Probabilmente non c’è alcun Dawkins. Ora smetti di preoccuparti e goditi il 25 ottobre presso il Teatro Sheldonian».

Il filosofo americano Lane Craig sarà infatti al teatro Sheldonian il 25 ottobre per discutere della razionalità della fede con alcuni pensatori non credenti (e andrà anche a Cambridge, Birmingham e Manchester). Egli ha commentato: «la campagna d’affissione lascia un briciolo di speranza che Dawkins possa presentarsi». Dopo gli “ateo-bus” siamo dunque arrivati ai “Dawkins-bus”. Chissà se l’UAAR clonerà anche questa volta l’iniziativa inglese…

Sempre in questi giorni, Richard Dawkins è stato descritto come un “ateo fondamentalista” in un editoriale sul Dailymail dall’intellettuale e opinionista inglese Steven Glover, co-fondatore di “The Independent”.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

162 commenti a Londra: scritte sugli autobus prendono in giro Richard Dawkins

« nascondi i commenti

  1. Rego ha detto

    ah ah ah ah ah ah!! bellissimo! chi la fa l’aspetti 😀

  2. Roberto Manni ha detto

    Che bella fama che si è costruito a casa sua Dawkins, eh?

  3. Panthom ha detto

    Ma il Dawkins nazionale avrà il coraggio di salire su uno di quegli autobus?

    • Paolo Viti ha detto in risposta a Panthom

      La vera domanda è se Dawkins troverà qualche autista che vorrà fare obiezione di coscienza per difenderlo… 😀

  4. paolo ha detto

    vediamo se gli “amici” del laicume uaarrino…. commenteranno!!!!!!!! di solito stanno alla larga da tutto quello che non è a loro gradito!

  5. edoardo ha detto

    Sono molto contento.
    Basta con la logica suicida di prendere gli schiaffi e stare zitti.
    Si risponda colpo su colpo, anche con querele per diffamazione.
    Chi non si difende, ha sempre colpa.
    E’ ora di finirla con gli agnellini.
    La Chiesa ha una grande missione sia da noi che nei Paesi poveri.
    Gli agnellini fanno fallire questa missione.
    La Caritas, gli oratori, gli istituti per l’infanzia abbandonata e a rischio, gli istituti per anziani, le case circondariali, non necessitano di agnellini che si fanno accusare dei peggiori crimini, falsi per il 95%, e stanno zitti.

    • Michele Santambrogio ha detto in risposta a edoardo

      Non so se sono davvero d’accordo….in fondo questa è una risposta ironica, divertente. Chi è felice non ha bisogno di vivere di reazioni, si lascia infangare ma il suo riferimento è un Altro che lo rende felice. E proprio per questo diventa testimonianza per tutti. Perché sa vivere le peggiori condizioni non essendo determinato da esse, ma con la letizia nel cuore.

      • Lucio ha detto in risposta a Michele Santambrogio

        Concordo con te Michele; le liti e le ragioni urlate non dovrebbero fare parte del modo di essere dei Cristiani. A me non pare che nel cattolicesimo esistano cosi’ tanti sciocchi agnellini, mi sembra invece che nella gran parte dei casi si cerchi di evitare le reazioni scomposte e rancorose per lasciare spazio a repliche ragionevoli, costruttive e rispettose verso chi non crede. Non si possono convertire le persone sbattendogli in testa un crocefisso di legno.

        • GiuliaM ha detto in risposta a Lucio

          Concordo, alzando i toni si rischia solo di scendere al loro livello e fare così il loro gioco: in un gara di urli e offese, ci batterebbero con’esperienza 😉

          • GiuliaM ha detto in risposta a GiuliaM

            *l’esperienza

            • Lucio ha detto in risposta a GiuliaM

              Il vero problema e’ che esistono troppi cattolici soft che non approfondiscono i contenuti della loro fede…. come ci insegnano le Scritture dobbiamo essere capaci di rispondere a chiunque ci chieda le ragioni della nostra speranza!
              Comunque occorre anche dire che le verita’ del Cristianesimo non costituiscono soltanto un apparato logico, per essere comprese bisogna viverle concretamente…. Nel Cristianesimo l’amore e la ragione si completano e non vivono separatamente. Proprio per questo chi non crede non potra’ mai arrivare a capire il Cristianesimo se non prova a viverlo!
              Ciao!

      • Max ha detto in risposta a Michele Santambrogio

        Pero’ essere piu’ informati sui cardini della fede e filosofia cattolica sarebbe un’ottima idea. Anche per rispondere appropriatamente a quei barbagianni (con rispetto dei barbagianni che mi stanno simpatici) che noi crediamo ad uno “Sky daddy”.

        Chissa’ cosa avrebbe risposto Aristotele se gli avessero detto che il suo “Prime Mover” era un “sky daddy”.

    • StefanoPediatra ha detto in risposta a edoardo

      Matteo 10, 16-23: “Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai loro tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti ai governatori e ai re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. E quando vi consegneranno nelle loro mani, non preoccupatevi di come o di che cosa dovrete dire, perché vi sarà suggerito in quel momento ciò che dovrete dire: non siete infatti voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.”

      La mitezza non è sinonimo di vigliaccheria. Si può essere miti eppure fermi nelle risposte da dare al mondo!
      🙂

  6. Francesco B. ha detto

    Scusate la domanda idiota, ma uno può scrivere ogni vaccata sugli autobus? 🙂

  7. Antonio ha detto

    ahahahahahahahahahahhahahahahhahahahahah! Pagliaccio!

    • Karma ha detto in risposta a Antonio

      Andrei nel Regno Unito solo per il gusto di prendere quell’autobus…e mi farei lasciare davanti a casa sua o davanti alla sede dei “Liberi pensatori”

  8. ReCo ha detto

    hehehe avevo letto ieri questa notizia, direi che se l’è cercata

  9. Giulia ha detto

    Quello che l’articolo Uccr si è dimenticato di dire è che il professor Dawkins ha rifiutato l’incontro dicendo che il professor Craig non è una figura degna della sua attenzione e ha affermato che un confronto di questo tipo figurerebbe come “positivo” sul CV del suo avversario, ma non sul suo. Poi ognuno può pensare ciò che vuole di uno e dell’altro, ma il riportare le versione di ambedue è d’obbligo.

    • Maffo ha detto in risposta a Giulia

      Ma quale livello??? Dawkin è un bambinone e il filosofo americano ha già incontrato Hitchens e tanti altri…e la stampa dice che la vittoria era sua….Dawkins è un bel codardo furbo e ora si becca un po’ di ironia da tutta la città.

    • Hagen ha detto in risposta a Giulia

      Beh ci hai solo confermato che Dawkins è un gran presuntuoso…

    • Laura ha detto in risposta a Giulia

      Meno male allora che lo ricordi tu, ora si che le cose sono giuste.

    • Gabry ha detto in risposta a Giulia

      Non si capisce la logica di Dawkins: se è troppo facile dialogare con questo filosofo allora dov’è il problema? Bastano due argomenti e la folla, considerate che siamo nel Regno Unito (la terra di Dawkins) esulta e lo porta in trionfo mandando via il filosofo con la coda tra le orecchie (o tra le gambe). Il curriculum del filosofo mi sembra già ricco, gira il mondo a fare tour con questi dibattiti, ha incontrato Hitchens e tanti altri, non credo proprio che Dawkins si rifiuti per questo motivo.

    • Laura ha detto in risposta a Giulia

      Teniamo in conto che la critica a Dawkins è proprio quella di scegliersi avversari di basso livello (ho letto nomi di rabbini sconosciuti o avvocati che parlano di creazionismo), e questo personaggio invece è di livello molto maggiore. Per questo lo chiamano “codardo”.

    • Giulia ha detto in risposta a Giulia

      Scusate, ma mi sembra che neanche il Papa si sia mai confrontato apertamente o abbia risposto a domande dirette e non previamente preparate. Non dico che Dawkins abbia fatto bene, anzi credo che debba andare a quest’incontro se in tanti gliel’hanno chiesto, però sarebbe utile usare lo stesso metro di giudizio per tutti.

      • Piero ha detto in risposta a Giulia

        Hai gia’ avuto una risposta a questo a Pasqua.
        Oh scusa… nello “Spring Break”…

      • Mandi ha detto in risposta a Giulia

        Innanzittutto non paragonerei Dawkins al Papa. Seconda cosa, nessun ateo ha invitato il Papa in un dibattito pubblico. Terza cosa quando era cardinale Ratzinger ha dibatutto con tantissimi personaggi di cultura, atei e credenti. Il metro di giudizio per tutti è un’ideologia bella e buona perché le persone hanno ruoli diversi. Ricordo poi l’apertura del Cortile dei Gentili.

        • Giulia ha detto in risposta a Mandi

          Caro Mandi, direi proprio di no, quando Ratzinger fu a capo della Congregazione per la Dottrina della Fede celebrò diversi processi senza che agli imputati fosse permesso spiegare nella sede del tribunale stesso le proprie ragioni, sebbene ne avessero fatta esplicita richiesta.
          Anche alla famosa (e poi mancata) lezione all’Università la Sapienza, non era previsto che il Papa rispondesse a domanda alcuna degli studenti.

          • Mandi ha detto in risposta a Giulia

            Alla Sapienza non era stato invitato ad un dibattito ma ad una riflessione sulla fede, come fanno tutti gli invitati e come fa il rettore. Quando era cardinale, te l’hanno già detto in tanti e non mi sembra carino ignorarli, ha dibattuto con tantissimi uomini di cultura e anche non cultura come Flores D’arcais…dato che è uno dei tuoi sacri idoli, ti converrebbe saperle queste cose della sua biografia, no?

            • Giulia ha detto in risposta a Mandi

              Allora non era Papa e quindi è normale che sia in qualche occasione confrontato, sebbene non lo abbia fatto con i teologi progressisti, che sono quelli a cui sarebbe stato più difficlie rispondere…
              Non voglio comunque ricadere nell’ennesima sterile polemica, ne riparliamo quando lo vedremo come il Dalai Lama, sedersi normalmente tra le persone e dialogare ad armi pari, fino ad allora, lo metto sullo stesso piano di Dawkins.

              • Piero ha detto in risposta a Giulia

                Come al solito giulietta l’ invasatea ignora le cose che non gli fanno comodo…
                http://asuaimmagine.blog.rai.it/2011/04/19/venerdi-santo-2/

                eccolo tra le persone…
                Contenta?

              • Mandi ha detto in risposta a Giulia

                Ma ad armi pari in che senso? Pensi davvero che la vita sia una battaglia di idee? Un confronto dialettale? Forse ti hanno insegnato questo, dato l’accanimento con cui ti batti a parole (ma non nella vita, dato che sei perennemente qui e su altri siti a commentare al posto che nella vita reale). Il Papa non è certo stato scelto perché è una persona dotta o sapiente, potrebbe benissimo essere un povero sacerdote di campagna. La potenza del Papa non sta in quello. Al contrario Dawkins può solo contare su quello e se fallisce è un fallito, come ha dichiarato lui di se stesso al Corriere della Sera andando in pensione.

                Chi vince in un confronto dialettale significa che ha ragione? Dunque abbiamo capito perché tu non vinci mai con noi. Giusto?

              • Franz ha detto in risposta a Giulia

                Oh mamma mia, poveri razionalisti. Che mondo triste che hanno in mente 😀

      • Lucio ha detto in risposta a Giulia

        Invece lo ha fatto, quando era cardinale, confrontandosi con Paolo Flores d’Arcais. Il confronto e’ stato moderato da Gad Lerner e da questo e’ stato pubblicato un libretto molto interessante intitolato: “Dio Esiste?”. Ciao!

    • Piero ha detto in risposta a Giulia

      si vede che l’ha fatto per non renderlo ancora piu’ridicolo.
      Allora il Papa non dovrebbe dialogare con nessuno… Invece da cardinale ha pure incontrato quell’invasato di Floro Flores …

    • Antonio ha detto in risposta a Giulia

      Giulia…MA NON DIRE CAZZATE!

    • InvasAteo ha detto in risposta a Giulia

      Comunque si sono già incontrati…e con tanto di ring

      http://www.youtube.com/watch?v=p6tIee8FwX8&feature=recentlik

  10. Luke ha detto

    A quando i “Carcano Bus” o gli “Odifreddi Taxi”, ahahaha ?

  11. gabriele ha detto

    però l’uaar ci ha già fatto uno scherzo
    questo sito è una parodia dell’uccr
    http://urcconline.wodpress.com/
    e definisce l’uccr ‘sito curato da fondamentalisti cattolici’
    http://www.uaar.it/ateismo/lin/satira

    • GiuliaM ha detto in risposta a gabriele

      Ma che tristezza… sono proprio alla frutta!

      • gabriele ha detto in risposta a GiuliaM

        sanno solo rispondere così, nelle ultimissime uaar l’uccr è stata citata una sola volta
        loro non sanno come risponderci, prima gridavano e nessuno gli rispondeva, ma da quando c’è l’uccr…

        • Nando ha detto in risposta a gabriele

          Hai mai provato a mettere un link nei commenti a questo sito? Ti bannano immediatamente, se la fanno sotto. Provate anche voi.

    • Antonio ha detto in risposta a gabriele

      Tutti quelli che rispondono alle baggianate atee sono fondamentalisti cattolici per loro, e più dai argomentazioni forti e più sei fondamentalista. Ma sai come funziona: più un’animale si sente alle strette e più diventa aggressivo. Orami bisogna prenderlo per complimento 🙂

    • Fabio Moraldi ha detto in risposta a gabriele

      Forse se evitiamo di cliccarlo è meglio…

    • Bano ha detto in risposta a gabriele

      Cmq sono tutti commenti finti, fatti dall’autore del sito….tutti con la stessa impostazione e lo stesso tono

    • GiuliaM ha detto in risposta a gabriele

      Attenti, perchè cliccando adesso sul sito farlocco viene fuori un sito “dailyvideorewards”, che dice che sono stata scelta nella regione di Calci (!!!) per un sondaggio col quale posso vincere iPhone, iPad ecc.
      E’ sparita pure la pagina dei link UAAR.

  12. GiuliaM ha detto

    Cioè… leggete cosa scrive il nostro Enrico da Bergamo…
    http://urcconline.wordpress.com/2011/05/24/croazia-il-102-e-cristiano/#comment-214

    • Chiamata ha detto in risposta a GiuliaM

      Ma non dategli corda. Tanto la differenza è abbastanza evidente (e per altro ricalca il solito modus operanti ateo): Qui si fa la satira del sito dell’ UAAR con argomenti di un certo peso, lì si fa la satira del sito UCCR con l’umorismo più basso che esista, senza nessuna utilità tranne quella di spostare l’attenzione.

      • edoardo ha detto in risposta a Chiamata

        Anche io penso che dargli spago non serva ad un bel niente.
        Io li lascerei bollire nel loro brodo, tanto il loro stile di vita li condanna a ridursi numericamente.
        Io mi dedicherei piuttosto ad opere sociali, perchè nel panorama di crisi economica e di povertà che si sta affacciando, serve chi prepara i piatti di pasta, chi può mettere a disposizione un letto al coperto nelle rigide notti invernali, ecc…ecc…
        Quei quattro co***oni assatanati di ex-sessantottini riconcigliati col neo-liberismo che girano all’UAAR, io non me li filo nemmeno di striscio.
        Loro rappresentano un mondo che l’attuale crisi ha spiazzato.
        Nell’Italia che si va delineando ci saremo noi cattolici, ci saranno milioni di ortodossi, musulmani, indifferenti, e in fondo un po’ di atei militanti.
        Per ogni figlio di genitori atei, i musulmani ne sfornano cinque.
        Quando avranno finito di attingere nel piatto del babbo, adios sessantotto e adios settantasette!

    • Luke ha detto in risposta a GiuliaM

      Ma che razza di Sito è mai quello ? Chi l’ha realizzato, qualche delirante e frustrato che ci troviamo a dover sopportare da sempre presso queste parti ?
      Tra l’altro è diffamante perché il nome è lo stesso: si firmano come noi senza alcuna variazione nella sigla mettendoci di fatto in bocca delle bufale e delle notizie non nostre .
      Qui si è avuto il buon gusto è la correttezza sin dal primo giorno di creare un qualcosa di differente e a parte dell’uaar, questi invece di fatto si spacciano per noi traendo in inganno e con derisione i curiosi che lì vi passano, facendoci apparire come non so chi … .

      • edoardo ha detto in risposta a Luke

        Se usano la stessa dicitura e si riesce a dimostrare che lo fanno allo scopo di trarre in inganno, perchè non si ricorre alle vie legali?
        Se io pubblicassi un mio testo con il titolo di un altro, verrei chiamato in tribunale per il copyright, o no?
        Per i siti web ci sono copyright come per le altre opere letterarie?
        Il volontariato cattolico in Italia ha avvocati?
        Pluralità di opinioni sancita dalle leggi democratiche significa che io possa esprimere la mia opinione liberamente o possa appropriarmi del titolo di un altro, ingannando i lettori con lo scopo di prendere in giro gli autori del sito di cui ho rubato il titolo?

      • Nofex ha detto in risposta a Luke

        Cmq, meno ne si parla, meno si mettono link a quel blog e meglio è. Spariranno tra poco da soli se non dicono nulla di interessante e sopratutto se nessuno parla di loro. Non mettiamoci del nostro.

  13. giuseppe ha detto

    Perchè non prendete l’idea al balzo ed organizzate anche in Italia dei dibattiti pubblici con Odifreddi, Pesce e compagnia bella? Scegliamo il meglio degli intelettuali cattolici e mandiamoli nell’arena a dibattere con i “mangia preti”. Ma ovviamente i cattolici intelettuali hanno di meglio da fare….cosa gliene frega a loro se tanti cattolici sempliciotti, abbandonano la fede dando ascolto a i predicatori dell’anticlericalismo? mah Agnoli, Messori fatevi portavoce di queste iniziative!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  14. Mikhail Tal ha detto

    Ho seguito la vicenda ve la spiego brevemente.
    Craig e Dawkins si sono già incontrati in messico in un dibattito multiplo in cui hanno parlato veramente poco,Dawkins stava sostituendo anche se era lì presente Micho Kaku che è il tizio giapponese che presenta un programma di fantascienza su discovery channel.
    Dawkins disse che lui avrebbe fatto dibattiti solo con teologi,vescovi e papi ma non ha mai rispettato questa sua promessa visto che ha fatto dibattiti anche con giornalisti,così quando gli hanno chiesto di dibattere con Craig doveva inventarsi una nuova scusa,allora ha detto che Craig è creazionista ma qualcuno nella sala dove stava rispondendo a varie domande gli ha fatto notare che non era vero allora Dawkins ha cambiato nuovamente scusa usando la infantile “I’m busy”.
    Sembrava finita per gli eroi dell’ateismo quando scappa fuori un nuovo campione,la presidentessa dell’associazione umanista inglese……….. ma anche lei si ritira perchè “ho visto un suo dibattito e non intendo parlare con lui”.
    Quindi Craig farà il tour nel UK e quando andrà allo sheldonian dove si doveva incontrare con Dawkins lascerà una sedia vuota e una copia del god delusion sopra.

    • Sesbassar ha detto in risposta a Mikhail Tal

      Bah, questo dimostra solo quanto inconsistenti siano le idee di Dawkins. Se non ha il coraggio di confrontarsi con un filosofo serio, non fa che dimostrare che il suo è un ateismo ideologico. Ma dove è finito l’ateismo di Feuerbach… Mah!

      • Falena-Verde ha detto in risposta a Sesbassar

        Sono inconsistenti per il semplice fatto che riesce a smontare solo le tesi creazioniste. E per smontarle sarebbe sufficiente mostrare come la teoria fissista sia caduta durante il XIX secolo.

  15. Giorgio P. ha detto

    Se qualcuno ha il numero di telefono di Craig, io gli vorrei far fare due chiacchiere con un paio di amici…

    OT: che belle le nuove frasi in alto!
    Da confrontare con le dotte e mirabili citazioni del sito dell’uaar.

    • Laura ha detto in risposta a Giorgio P.

      E sopratutto la tristezza dei volti….a volte mi verrebbe voglia di scriverli per tirarli su di morale…poi ci penso e dico: ma in fondo sono loro che si ostinano a fare questa vita

  16. Leptis Magna ha detto

    ma un autobus per prendere in giro Kaczyinski non l’hanno ancora fatto? 😀 eh, le mitiche radici cattolichee europee… che non attecchiscono più manco in Polonia…

    • Chiamata ha detto in risposta a Leptis Magna

      Oh bello, vola basso. Qui in Polonia le radici cattoliche si sentono eccome. Il furbone di Tusk ha vinto solo per 3 motivi:
      1) E’ il pupillo di quel criminale di Putin
      2) Ha fatto uccidere Kaczyinski e tutti quelli del suo partito
      3) Ha fatto 4 anni di guerra e manipolazione mediatica alla Berlusconi. E continua a farla.

      • Lucy ha detto in risposta a Chiamata

        Qui in Polonia? Sei polacco?

      • Leptis Magna ha detto in risposta a Chiamata

        ahahahah ha ucciso Kaczyinski… ahahahah bella questa… sicuramente s’è intrufolato nello spazio aereo russo, ha manipolato il meteo in modo che ci fossero nebbia e neve, ha pagato la Tupolev per dargli un aereo guasto… sì sì, certo 😀 😀 😀

    • Ercole ha detto in risposta a Leptis Magna

      Questi continui scivoloni di Leptis pur di dire qualcosa di negativo e provocatorio sono fantastici! Se sono radici significa che hanno già attecchito….dunque al massimo possiamo dire che c’è una forza opposta che vuole sdradicarle…questo è verissimo. Ma significa tagliare il ramo su cui si è seduti. Infatti guardate a cosa si è ridotto il Regno Unito…animali in piazza a spaccare vetrine per la noia di vivere e il capo del governo che chiede alle Chiese di continuare a proporre un valido significato di vita alla popolazione.

      • Daphnos ha detto in risposta a Ercole

        Perché ora Tusk cosa farà, dichiarerà il cristianesimo fuori legge? E’ improvvisamente diventato un socialista ateo zapateriano? E le radici “cattoliche” da dove spuntano? Io le ricordavo semplicemente “cristiane”…

  17. Luke ha detto

    Per cosa ti esalti, Giulia/Leptis/Procopio/Asdrubale/Sempronio, se il tuo gruppo di riferimento di atei ed anticlericali ha subito una bella batosta sui denti ed ha perduto ancora ?
    “Una battaglia tutta a destra quella che ieri è avvenuta alle urne per il rinnovo del Sejm (la Camera bassa) e il Senato.
    In linea con i sondaggi, ma meglio delle previsioni, si è affermato il partito del premier Donald Tusk, Piattaforma Civica (Po), con il 39,6% dei consensi, contro un comunque ottimo 30,1% dei conservatori di Legge e Giustizia di Jaroslaw Kaczynski”
    Ha vinto dunque il Partito di Centro di Tusk con il 39,6%, subito dopo alle spalle quale seconda formazione politica del paese s’è affermato quello di Destra con il 30,1 % .
    La formazione di Tusk diviene così il primo partito polacco a conquistare due mandati consecutivi dalla caduta del comunismo nel 1989.
    Il 70% del popolo polacco è dunque dichiaratamente di Centrodestra e contrario alle brutalità proposte da .

    Nella Sinistra in Polonia c’è invece caos totale :

    “Si dimette il Leader Socialista”

    “Con il 10,01%, si piazza perdente il Movimento Palikot, una nuova formazione radicale e anticlericale, presentatasi agli elettori con un programma che comprendeva tra l’altro la legalizzazione delle droghe leggere e l’introduzione delle unioni civili per le coppie omosessuali

    E, dopo lo spoglio, cadono le prime teste. Il leader di Alleanza della sinistra democratica Grzegorz Napieralski ha annunciato oggi che non si ricandiderà alla guida del partito al prossimo congresso che, come ha lui stesso detto, verrà convocato in anticipo.

    L’Sld ha ottenuto l’8,25% dei voti, in forte calo rispetto al 13,15% delle precedenti politiche del 2007, ponendosi all’ultimo posto fra i cinque partiti entrati in Parlamento. Napieralski, che è alla guida della formazione socialdemocratica erede del vecchio partito comunista, ha preso atto di quello che ha definito “il risultato insoddisfacente conseguito dall’Sld nelle elezioni legislative di ieri”.”
    Dati tratti da Bloglive e la Repubblica (un giornale come vedi proprio schierato a destra) .

    Vergognati .
    Hai tentato d’imbarcare la tua solita manipolazione delle notizie e della realtà per fingere una vittoria della Sinistra che non c’è (Ahahah, come d’altronde fanno quelli dell’uaar da cui, tutta emozionata, avrai tratto questa bufala preparata da quei poveretti … toc toc, ma lo sai che continui a coprirti di ridicolo ?) .
    Rassegnati, l’ateismo di Stato a te tanto caro non tornerà … .
    Ciò che risulta messa a nudo alla fin fine è invece la tua meschina faziosità: corri a nasconderti se riesci a provare ancora un pò di decenza, che figura di m…. .
    Sei delirante oltreché falsa in tutto il tuo essere, ne abbiamo l’ulteriore conferma .

    • Norberto ha detto in risposta a Luke

      Va beh, calma però. Le ossessioni dei nostri detrattori sono conosciute, proprio per questo si risponde senza rancori. D’altra parte anche se in Polonia la situazione fosse quella descritta da Giulia, in Finlandia, terra ormai laicista, un partito cattolico con a capo un cattolico sta scalando la classifica e oggi è in II° posizione come partito più votato. Molti sostengono che sarà il nuovo capo del governo…quindi si perde da una parte e si vince dall’altra, la storia è così, un’interminabile alternarsi di onde.

  18. Urgentissimo!!! ha detto

    Chi di autobus ferisce, di autobus perisce!

    • Karma ha detto in risposta a Urgentissimo!!!

      E se la piglia nel Dawkins 😀

      • Daphnos ha detto in risposta a Karma

        Certo, bella satira… non vorrei però che, anche se preso in giro, il nostro amico inglese abbia a gonfiare ulteriormente il suo enorme ego, visto che realizzerà di essere sulla bocca di tutti, anche su quella dei suoi detrattori.

  19. carlo ha detto

    “Con il 10,01%, si piazza perdente il Movimento Palikot, una nuova formazione radicale e anticlericale, presentatasi agli elettori con un programma che comprendeva tra l’altro la legalizzazione delle droghe leggere e l’introduzione delle unioni civili per le coppie omosessuali
    Se un partito che non esiste si presenta alle elezioni in Italia e prende il 10% secondo te è un partito perdente? Sono rimasti tutti a bocca aperta per questo exploit.
    Ma ti capisco nel paese natale di Woityla…………….
    Ho notato il tuo astio,la tua rabbia, la tua piccata risposta ma puoi puntare i piedi, puoi piagnucolare, ti puoi disperare ma in Polonia le elezioni sono andate proprio così
    Ciao Ciao

    • Alessandro M. ha detto in risposta a carlo

      Guarda che il Partito Radicale che da anni sta militando in Italia, area ben più laica della Polonia, ha molti più consensi. Eppure oltre agli scioperi della fame di quel ciccione di Pannella non riesce a fare molto…

  20. Piero ha detto

    Se un partito che non esiste si presenta alle elezioni in Italia e prende il 10% secondo te è un partito perdente? Sono rimasti tutti a bocca aperta per questo exploit.

    Allora non guardare in Olanda che ti spaventi…

  21. Pino ha detto

    non c’entra nulla con l’articolo ma vorrei sottolineare la “sana laicità del centrosinistra” così come evidenziata in un articolo di UCCR qualche giorno fa

    http://www.ilgiornale.it/interni/veltroni_lancia_appello_allala_cattolica_pd_fate_passo_avanti_sullamore_omosessuale/coppia_omosessuale-walter_veltroni-cattolici-pd/10-10-2011/articolo-id=550966-page=0-comments=1

    come volevasi dimostrare i “sani laici de sinistra” hanno nel programma del PD il matrimonio gay. Che dice Rosy Bindi? E Franceschini? E che dice il Card. Bagnasco così lesto e vispo a condannare i “comportamenti vacui”? Evidentemente è questa la ventata di aria pulita che si auspica.

      • Pino ha detto in risposta a Piero

        infatti, ma correttezza vorrebbe che la Redazione di UCCR pubblicasse un nuovo articolo intitolato “l’insana laicità del centrosinistra” evidenziando quale sia la vera posizione di questi signori riguardo i valori non negoziabili senza credere alle false dichiarazioni di personaggi allevati all’arte della doppia morale e della doppiezza politica.

        • Katy ha detto in risposta a Pino

          Lo ribadisco: la laicità non c’entra nulla con i temi bioetici. Impara il significato e poi capirai da solo.

    • giovanni ha detto in risposta a Pino

      Non sarebbe d’uopo che la redazione publicasse un articolo con le dichiarazioni di questi personaggi di sinistra?

      • Pino ha detto in risposta a giovanni

        infatti, sarebbe il minimo. Anche perchè non farlo significherebbe dichiarare di essere un sito cattocomunista.

        • Piero ha detto in risposta a Pino

          adesso non esageriamo.
          La redazione ha tutto il diritto di pubblicare gli articoli che vuole.
          Prima ha pubblicato un articolo sulle posizioni politiche, su alcuni temi eticamente sensibili, di esponenti di sinistra.
          Che poi a questi annunci non seguano fatti, o seguano fatti di significato diametralmente opposto, non e’ certo colpa della redazione.
          Nei commenti poi non manca (e non e’ mancato) certo chi lo ha fatto notare.
          Detto questo, chiudo perche’e’ troppo OT.

          • Pino ha detto in risposta a Piero

            giusto ma serietà professionale obbligherebbe ad evidenziare tutte le posizioni, se dichiarazioni ufficiali di esponenti del PD smentiscono in modo clamoroso quanto detto da altri e pubblicato da UCCR, ci aspetteremmo un nuovo articolo

            • StefanoPediatra ha detto in risposta a Pino

              Ciao Pino. Sbaglio o anche tu sei, come tutti noi, ospite di questo sito?

              Forse un tono più propositivo e meno impositivo sarebbe carino, non trovi?

              🙂

              • Pino ha detto in risposta a StefanoPediatra

                evidenziavo una cantonata presa dalla Redazione, ne sei forse parte? Non ti pare che aver pubblicato un articolo che incensava la “sana laicità del centrosinistra” per venire clamorosamente smentiti solo qualche giorno dopo meriti almeno una piccola correzione? Un chiarimento? No? Facciamo finta di niente?

                • StefanoPediatra ha detto in risposta a Pino

                  Non faccio parte della redazione anche se la cosa mi onorerebbe, visto l’ottimo e grande lavoro che queste persone fanno.

                  Non discuto affatto sulla tua richiesta in sè che, ti dirò, persino condivido.

                  Trovavo solo il tono un po’ poco … “fair”: “correttezza vorrebbe” … “sarebbe il minimo”… “non farlo significherebbe dichiarare di essere un sito cattocomunista” … “serietà professionale obbligherebbe”… “evidenziavo una cantonata”…

                  • Pino ha detto in risposta a StefanoPediatra

                    invece della forma andiamo alla sostanza. Se io scrivessi un articolo dal titolo “la sana laicità del centrosinistra” in tal modo avallando le dichiarazioni riportate nell’articolo stesso, e venissi poi smentito dai fatti tre giorni dopo, come minimo chiederei scusa ai miei lettori. Tutti sbagliamo tutti i giorni ma se si sbaglia pubblicamente buon senso, onestà intellettuale e professionalità richiederebbero una rettifica. Comunque non era mia intenzione scatenare polemiche.
                    Devo però rilevare che una serie di improvvide posizioni cattoliche recenti, a partire da quella del Card. Bagnasco, stanno facendo il gioco della sinistra. Non lamentiamoci poi se oltre alla legge sull’aborto già nefastamente operante da 30 anni ci ritroveremo anche quelle sull’eutanasia e aui matrimoni gay. Prima di parlare, specialmente da certi pulpiti, sarebbe bene riflettere……

                • Katy ha detto in risposta a Pino

                  La laicità non c’entra nulla con la bioetica. Si può avere una sana visione della laicità e sostenere l’aborto. Quell’articolo sottolineava come una bella visione della laicità fosse presente anche a sinistra. Credo comunque che tu abbia sbagliato sito, qui non si fa militanza politica e nessuno si piega a novanta davanti a Berlusconi o Bersani. Se tu sei abituato a questo esistono tanti altri luoghi interessanti.

                  • Pino ha detto in risposta a Katy

                    no, certo la laicità non c’entra con la bioetica, uno può essere laicamente sano e sostenere l’aborto, l’eutanasia e i matrimoni gay. Un laicità sanissima, non c’è che dire. Qui chi ha sbagliato sito sei tu.

                    • Katy ha detto in risposta a Pino

                      La laicità è riconoscere il valore della Chiesa per la società, rispettando e accogliendo i suoi messaggi. Non vuol certo dire essere d’accordo con essa. L’Italia è uno stato laico, anche se l’aborto è legalizzato e se ci sono comuni con i testamenti biologici.

                      Ricordo la definizione di laicità affermata dal Papa: «L’Accordo [del Concordato lateranense, Nda] ha contribuito largamente alla delineazione di quella sana laicità che denota lo Stato italiano ed il suo ordinamento giuridico, ha evidenziato i due principi supremi che sono chiamati a presiedere alle relazioni fra Chiesa e comunità politica: quello della distinzione di ambiti e quello della collaborazione»

              • Maffo ha detto in risposta a StefanoPediatra

                Tipico caso di quando Berlusconi vale di più dell’unità dei cristiani.

            • Katy ha detto in risposta a Pino

              Credo che tu non sia obbligato da nessuno a stare in questo sito. La militanza politica è un grave danno, a volte si perde di vista la serietà e la razionalità. Anche perché se non si ha la minima idea di cosa significhi laicità è ben difficile essere di fronte a persone serie e razionali.

              • Pino ha detto in risposta a Katy

                io sto in questo sito come ci stai tu, e non sarai certo tu a farmi uscire. Io non milito da nessuna parte, forse al contrario di te, ma esprimo le mie idee. Secondo me tu hai un concetto di laicità tipicamente cattocomunista, una laicità intesa come separazione dell’etica dalla politica. E’ proprio questo il punto che non viene compreso. Essere laici non significa “sopportare” la religione ma la famosa “laicità positiva” dell’articolo dovrebbe significare che i valori cristiani vengono recepiti nella vita sociale e nell’ordinamento giuridico indipendentemente dal fatto che uno sia o meno credente.
                Quanto alla razionalità non penso che tu possa darmi alcuna lezione in quanto esprimi concetti che con la razionalità hanno ben poco a che fare.

                • Katy ha detto in risposta a Pino

                  Ricordo che Pino è lo stesso che insulta il Papa e più volte ha insultato Bagnasco. Credo che non abbia problemi ad insultare anche Giovanni Paolo II.

                  Io ho il dubbio che sia un troll, e in particolare uno che viene qui a far finta di essere cattolico per creare del “fuoco amico”. Non sarebbe certo il primo.

                  Ricordo la definizione di laicità affermata dal Papa: “«L’Accordo [del Concordato lateranense, Nda] ha contribuito largamente alla delineazione di quella sana laicità che denota lo Stato italiano ed il suo ordinamento giuridico, ha evidenziato i due principi supremi che sono chiamati a presiedere alle relazioni fra Chiesa e comunità politica: quello della distinzione di ambiti e quello della collaborazione»

                  Si tratta solo di riconoscere alla religione un ruolo collaborativo e la preferenza del cattolicesimo rispetto alle altre dottrine, proprio per il suo valore culturale e storico. La posizione sulla bioetica può ovviamente differire e anche in quel caso è stato sottolineato su questo sito: http://www.uccronline.it/2011/06/09/pierluigi-bersani-%C2%ABio-e-il-pd-siamo-radicalmente-contrari-alleutanasia%C2%BB/

                  • StefanoPediatra ha detto in risposta a Katy

                    Io non so se sostenga una parte o meno. So però che lo fa in maniera abbastanza antipatica come, con delicatezza, gentilmente ed educatamente, ho provato a fargli notare anche io (e anche Piero) sia in questa che in altre discussioni.

                    Ribadisco quanto già espresso: si può dissentire sulle posizioni di chiunque. Bisogna però avere l’intelligenza e l’educazione di farlo nel modo giusto.

                    Nemmeno io condivido certe posizioni assunte da alcuni alti prelati italiani (come il Cardinal Bagnasco o il Cardinal Tettamanzi solo per fare un esempio) ma credo di dover loro comunque rispetto.

                    • Piero ha detto in risposta a StefanoPediatra

                      Guarda, bastava che avesse detto
                      “Gentile Redazione, alla luce di questi due articoli, usciti il giorno dopo il vostro articolo, che ne direste di fare un aggiornamento/rettifica/nota?” e nessuno gli avrebbe detto niente, anzi forse avrebbe avuto l’appoggio di molti (me compreso… tra l’altro avevo anche io postato quei link).
                      Mi accorgo di aver avuto anche io un “vivace scambio di battute” con lui (sempre che fosse lo stesso Pino), ma vabbe’…
                      Quoto totalmente al 1000% quello che hai detto tu.
                      Trovo che il dire “se non pubblicate una smentita siete un blog cattocomunista” sia di “provocazione inutile”. Tra l’altro anche una redazione hai suoi tempi…

                    • Katy ha detto in risposta a Piero

                      Io ragazzi continuo a sostenere che la laicità sia tutta un’altra cosa che l’approvazione o meno delle coppie omosessuale ecc…., quell’articolo sottolineava solo una visione veramente laica dello Stato, “Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio”.

                    • Ercole ha detto in risposta a StefanoPediatra

                      Ringrazio Stefano per i suoi commenti sempre molto intelligenti su tutto, anche quello che non riguarda direttamente il suo lavoro. Grazie, davvero!

                    • Pino ha detto in risposta a StefanoPediatra

                      guarda, in parte hai ragione, a volte faccio apposta a caricare i toni per accendere la discussione che altrimenti morirebbe, hai visto quanti sono intervenuti? Comunque io sono registrato al sito da tantissimo tempo, forse un anno o più, ricevo anche via mail gli aggiornamenti, leggo gli articoli, anche se non tutti, e non sono mai intervenuto. L’altro giorno ho letto l’articolo “incriminato” e sinceramente mi sono irritato. Tutto qui.

                    • StefanoPediatra ha detto in risposta a StefanoPediatra

                      Caro Pino, irritarsi per qualcosa è legittimo (anche se poi magari rileggendo l’articolo oggetto della tua irritazione ci si accorge che non è proprio una lode sperticata alla sinistra) e umano, anche se abbastanza inutile (tra l’altro l’irritazione provoca un’aumento della secrezione acida gastrica nonchè un aumento dei livelli pressori e dunque può nuovere alla salute 🙂 ).

                      Qui non si discute del diritto ad irritarsi o a non condividere un’idea ma del modo con cui questa irritazione viene riversata sugli altri.

                      Già questo tuo ultimo commento è più, come dire, … garbato.

                      Non so se hai letto il mio articolo sull’aborto come prima causa di morte. Un paio di amici hanno capito benissimo che si trattava di una provocazione, cioè di un tentativo (peraltro abbastanza mal riuscito visto che ci sono stati assai pochi interventi e persino i paventati anatemi delle femministe non si sono visti, con buona pace per il mio cranio! 🙂 ) di suscitare una discussione. Ma credo di averlo fatto in tono garbato e non supponente.

                      Il dialogo riesce meglio quando è pacato, credo. Non voglio insegnare niente a nessuno (non sono nessuno per farlo) ma è un fatto che il tuo modo di porti ha suscitato da più parti una reazione anticorpale (deformazione professionale) che lungi dall’arricchire la discussione l’ha anzi fatta deviare.

                      Chiedo scusa a tutti per quella che può sembrare (ma che, lo giuro, non voleva essere) una paternale mentre è semplicemente una riflessione a voce alta (anzi a pensieri trascritti) sul modo di dialogare che ritengo migliore e più produttivo. Ciao. 🙂

                  • Pino ha detto in risposta a Katy

                    io non ho mai insultato nessuno, ho solo detto che Bagnasco non mi pare all’altezza del compito, dove sta l’insulto? Oppure non si può criticare?

                    • Katy ha detto in risposta a Pino

                      Sicuramente insulti chi lo ha messo lì e lo continua a far restare lì, e forse è ancora più grave.

        • Katy ha detto in risposta a Pino

          Io spero che voi non ragioniate a schemi anche nella vita reale..se uno apprezza qualcosa di sinistra dev’essere etichettato come “comunista” e viceversa. Quell’articolo iniziava dicendo: “è evidente che il centrodestra ha più volte dimostrato voler perseguire una visione di laicità positiva, più complessa la situazione nel centrosinistra”.

          Ora, dato che ti piace etichettare tutto chissà per quale reazione difensiva, questo come lo schematizzi?

    • Katy ha detto in risposta a Pino

      @Pino: il concetto di laicità non c’entra nulla con le coppie gay. La laicità significa una sana attenzione alla religione, distinzione ma collaborazione e non reclusione nella vita privata. In quell’articolo si sottolineava questo e non che il centro sinistra non abbia più intenzione di aprire ai matrimoni omosessuali.

      Ti chiedo, sempre che tu sia cattolico, rispetto per Bagnasco.

  22. a-ateo ha detto

    “supporter of the Great Ape Project – a movement to extend certain moral and legal rights to all great apes.”
    Diritti alle scimmie,… magari quelli tolti dagli atei abortisti ai feti umani…capite per cosa si batte Dawkins, l’Odifreddo di oltre Manica….
    Great apes sta, infatti, per grandi scimmie antropomorfe…
    http://en.wikipedia.org/wiki/Richard_Dawkins
    Insomma Dawkins è mero folklore…
    Uno che parla di teologia, dove non capisce un tubino, filosofeggiando (filosofia che ignora) da scienziato che parla fuori dal suo campo di studi (Zooloogia)…
    Troppo concedergli uno striscione dove lui figura al posto di Dio….
    Meglio un manifesto dove si promette una mancia competente a chi riporta notizia di un minimo frammento di sua intelligenza nei discorsi (troppi…) che va facendo.
    Ma anche questa risulta pubblicità per uno sprovveduto.

    • Urgentissimo!!! ha detto in risposta a a-ateo

      Propongo di conculcare i diritti delle scimmie.

      Quando faranno un sit-in di protesta a Montecitorio allora prenderemo in considerazione i loro diritti.

      Devo ammettere però che mi sembra un po’ improbabile che le scimmie facciano una manifestazione perché venga riconosciuto il loro diritto al matrimonio omosessuale.

      • Leptis Magna ha detto in risposta a Urgentissimo!!!

        e dopo il paragone matrimonio omosessuale-pedofilia, ecco che spunta fuori il paragone matrimonio omosessuale-diritti dei macachi…

        aspettiamo con ansia che i cattolici italiani paragonino i matrimoni omosessuali col curry, il Borussia Dortmund, gli incidenti al prossimo derby Lazio-Roma, il diritto all’indipendenza della Groenlandia e le differenze di sagoma degli autobus fra Italia ed Irlanda 😀

        • Maffo ha detto in risposta a Leptis Magna

          Matrimonio-omosessuale-pedofilia….non vedo questo genere di accuse, che dunque risultano essere diffamazione punibile dalla legge. Se l’assioma è sbagliato tutti sanno che lo saranno anche le conclusioni.

        • Maffo ha detto in risposta a Leptis Magna

          Simpatico poi come si voglia distrarre l’argomento da Dawkins…evidentemente ha molti protettori anche in Italia…

        • a-ateo ha detto in risposta a Leptis Magna

          alla tollerantissima Leptis,
          …si intende nei confronti della violenza contro le donne….
          Noi cattolici chiediamo a voi atei di mettere i feti umani prima delle grandi scimmie antropomorfe…in nome della ragione…
          in alternativa chiediamo di sapere da voi atei il perchè RAZIONALE del no.

    • Chiamata ha detto in risposta a a-ateo

      I diritti alle scimmie di quella scimmia di Zapatero per esempio.

  23. filippo ha detto

    A me sembra più che altro un modo per fare pubblicità a William Lane Craig. Richard Dawkins ha sostenuto dibattiti con personaggi di ben altro calibro – vescovi anglicani, filosofi ecc. – di Craig e non credo che lo si possa tacciare di vigliaccheria. Tra Craig e Dawkins il nome di maggior richiamo è sicuramente Dawkins e credo sia per quello che gli organizzatori del tour di Craig in Gran Bretagna, e Craig stesso, stiano insistendo tanto per avere Dawkins come oppositore in un dibattito.

    • Mikhail Tal ha detto in risposta a filippo

      Ma non diciamo cavolate, vatti a leggere il mio commento che ho scritto sopra, dawkins se la sta letteralmente facendo sotto in una maniera inaudita,se no non si capisce perché si doveva inventare varie scuse false per evitare l’incontro e per lo stesso motivo non si capisce come mai anche la presidentessa della associazione umanista inglese e amica di dawkins dopo aver accettato si è ritirata.
      Prima si inventa che lui parla solo con teologi, poi invece gli fanno notare che ha fatto più dibattiti con giornalisti che altro, allora si inventa che craig è creazionista e non ci vuole parlare , quando gli fanno notare che ha detto una cavolata usa la infantile “I’m busy”.
      Vorrei poi far notare che Craig ha distrutto Hitchens sempre in uno dei suoi dibattiti, cioè uno che smantella facilmente uno dei “nuovi atei” è una persona di piccolo calibro?? ma non è che mica Dawkins si sceglie per bene con chi vuole parlare evitando chi gli può dare fastidio??
      Craig comincia i dibattiti enunciando le sue tesi, poi di solito l’ateo comincia con frasi ad hominem che non intaccano neanche minimamente il ragionamento di Craig , praticamente finisce il dibattito che Craig deve ancora aspettare un minimo di risposta dall’ateo di turno.

      • filippo ha detto in risposta a Mikhail Tal

        Ma lei l’ha visto il dibattito tra Craig e Hitchens? A me non sembra proprio che Craig abbia stravinto.

        • Raffa ha detto in risposta a filippo

          La stampa dice così.
          In realtà la campagna pubblicitaria vuole convincere Dawkins a vincere la sua paura e presentarsi, lo dice anche Craig.

        • Daphnos ha detto in risposta a filippo

          In fondo cosa importa? Guarda un po’ dove quanto è stata romanzata la discussione tra Wilberforce e Huxley, della quale non ci sono documenti… e comunque cosa significa chi è il vincitore? Il vincitore di un’elezione diventa presidente. Ma siamo sicuri che era davvero il candidato migliore?

          • filippo ha detto in risposta a Daphnos

            Sono d’accordo. In realtà in questi dibattiti ci sono raramente chiari vincitori e vinti: ognuno porta i propri argomenti, non riesce a convincere l’altro e se ne torna a casa con le stesse idee. Gli unici casi in cui si può misurare in qualche modo chi è stato più convincente sono quelli in cui si fa votare il pubblico all’inizio e alla fine del dibattito, come negli “Intelligence Squared” Debates.

            • Daphnos ha detto in risposta a filippo

              Eh già. Ma è comunque difficile selezionare un pubblico veramente imparziale su simili questioni.

            • Leonardo Paolo Minniti ha detto in risposta a filippo

              No, non sono d’accordo. Si fece così nel dibattito tra Tony Blair e Hitchens mi pare. Votarono la maggior parte a favore di Hitchens. Ma in realtà non vuol dire nulla. Innanzitutto bisogna vedere che pubblicità si è fatta dell’evento (e quanto è stata fatta per entrambe le parti) e poi la posizione dei relatori. Blair è stato un politico e ovviamente ha maggior critici dalla sua parte, chissà quanti credenti. Inoltre sono i non credenti interessati a questa forma di guerra perché sono convinti ancora dell’adorazione della “dea ragione” per cui chi vince questi dibattiti sul confronto degli argomenti allora deve avere ragione sicuramente. Sono loro che puntano su questi modelli di confronto, come in un ring o una partita: se il Milan perde con l’Avellino allora, secondo loro, l’Avellino è più forte del Milan. Infine bisogna scindere i giudizi a caldo da quelli a freddo, uno che conquista la platea ma dice immense stupidate che molti magari non possono verificare subito avrà un giudizio più favorevole di un relatore più timido ecc…dunque per tutti questi motivi affidare il giudizio di chi “ha vinto” ai presenti non è corretto.

  24. a-ateo ha detto

    Dawkins sarà di grande richiamo ma resta lo stesso uno sprovveduto, un poveretto, un guitto ateo che in una Inghilterra Anglicana e anti-papista accarezza per il verso del pelo il suo uditorio di fans (la mamma dei cretini resta sempre incinta e… non pratica l’aborto).
    Più capacità critica, filippo, non ti farebbe male:…i vescovi anglicani….povero filippo…e i filosofi…(chi?)…
    Comunque tu stesso ammetti che nessun scienziato gli parla…neanche di striscio…

    • filippo ha detto in risposta a a-ateo

      Quindi i vescovi anglicani fanno tutti schifo, è così? E sarei io quello che manca di capacità critica. Quanto ai filosofi, ne cito uno solo: Roger Scruton, uno che negli anni 80 andava nella Cecoslovacchia comunista per aiutare i dissidenti e per permettere a studenti di seguire clandestinamente corsi di teologia. Ben altro profilo rispetto a Craig.

      Quanto agli scienzati, mi dispiace ma ce ne sono parecchi che parlano con Dawkins e non solo tra i biologi. Si vada a vedere le conversazioni con Neil DeGrasse Tyson, con Lawrence Krauss e pure con Padre George Coyne, l’ex Direttore della Specola Vaticana.

      Riconoscere il valore dei propri avversari non significa sposarne le tesi.

      • InvasAteo ha detto in risposta a filippo

        Ed ha dibattuto un paio di volte anche con John Lennox al quale è stato dedicato un ossequioso articolo su questo sito.
        Mi sa che ad esercitare il senso critico debba essere InvasA-ateo…

  25. a-ateo ha detto

    @tutti,
    ho notato che spesso su questo sito gli atei fanno spesso lo “scherzo” di dirottare la discussione su temi a loro più congeniali spesso lontani dal tema suggerito per svuotare quest’ultimo di importanza.
    Buona norma sarebbe riportare la discussione al tema proposto dall’articolo, evitando ingenui tranelli “atei” e richiamando chi dirotta: “sei fuori tema.”
    ad esempio, succede di vedere Leptis, che è fuggita da una discussione sui matrimoni gay in un thread inerente, riportarli fuori tema (OT) su una discussione su Dawkins.

  26. a-ateo ha detto

    @StefanoPediatra,
    Poni il problema della violenza in un commento sopra.
    Problema che angustia anche me.
    Citi: “siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe”.
    Resto ammirato per la filosofia di comunicazione sottesa.
    Dovremmo tutti scrivere il commento prima di inviarlo, semplificandolo al massimo.
    I commenti lunghi non vengono capiti, forse neanche letti.
    Non bisogna offendere pesantemente l’interlocutore.
    Sul piano delle idee espresse si può sicuramente privilegiare la franchezza, e resto legato all’efficace stile di Don Milani.
    Non assolutizzerei il porgere l’altra guancia.
    Cristo quando prese uno schiaffo non lo fece.
    Quando c’era in ballo la verità, offendeva, e come!
    Fino alle cordicelle fatte assaggiare ai mercanti nel Tempio.
    San Paolo, schiaffeggiato a sua volta, reagisce in modo molto intelligente.
    Se la “mitezza” è un alibi e un modo per chiamarsi fuori, allora io sono contro la mitezza.
    Allarghiamo la visione di insieme: a B16 viene rimproverato sempre (per ultimo il sole24ore di domenica scorsa) il discorso di Ratisbona.
    Io mi sono chiesto se non è per caso colpa del silenzio dei singoli cattolici, e quindi anche mia, la colpa della sovraesposizione del Papa.
    In Sicilia gli islamici hanno commesso un reato di genocidio riportato da Michele Amari tratto da fonti storiche arabe… MAI citato da nessuno.
    Purchè sia chiaro che parliamo tutti per amore della Chiesa e del nostro interlocutore ateo…non mi preoccuperei troppo della forma.

  27. a-ateo ha detto

    @FILIPPO,
    Roger Vernon Scruton (27 febbraio 1944) è un filosofo britannico.
    È un accademico, curatore, editore, avvocato, giornalista, romanziere e compositore. Un persistente tema nel suo lavoro è il suo tentativo di comprendere e difendere le conquiste della cultura occidentale. Nella sua filosofia politica cerca di articolare e difendere il conservatorismo.
    @FILIPPO,
    Ti riporto TUTTO quello che dice wiki italiana di lui….
    MA TI PARE QUESTO QUI UN GRANDE FILOSOFO?
    SVEGLIATEEE…..
    Poi citi Neil deGrasse Tyson…
    io trovo:
    Director of the Hayden Planetarium
    2007 Klopsteg Memorial Award winner
    2009 Isaac Asimov award from the American Humanist Association [40]
    2001 The Tech 100, voted by editors of Crain’s Magazine to be among the 100 most influential technology leaders in New York
    City of Stars: A New Yorker’s Guide to the Cosmos (2002)
    Lawrence M. Krauss (New York, 27 maggio 1954) è un fisico, astronomo e saggista statunitense.
    È professore di fisica, di astronomia ed ex direttore del dipartimento di fisica alla Case Western Reserve University.
    Conclusione, due nullità scientifiche, uno direttore di un planetario e l’altro, neanche quello….
    TUTTA QUI LA SCIENZA CHE PARLA CON DAWKINS?????
    Il prete direttore della Specola vaticana, poi, non contarlo: i preti sono costretti dal Vangelo a parlare con tutte le pecorelle e i pecoroni di questo mondo…
    Filippo, un buon caffè ristretto ti farà sicuramente bene…
    in ogni caso, svegliati…

  28. a-ateo ha detto

    una notizia tratta integralmente dal sito Uaar spiega che a Dawkins non vogliono parlare (NON SOLO GLI SCIENZIATI) MA neanche i proprietari dei country clubs americani…
    Il proprietario del Wyndgate Country Club nel Michigan ha cancellato un evento programmato nella struttura dopo aver visto Richard Dawkins intervistato da Bill O’Reilly per il suo nuovo libro The Magic of Reality. Un portavoce ha spiegato che non vuole “essere associato a individui come Dawkins o alle sue filosofie.”
    Potrebbe sembrare una questione privata, non fosse che il club è “aperto al pubblico” per eventi speciali e la legge locale proibisce esplicitamente che luoghi aperti al pubblico possano discriminare in base a “razza, colore, religione o nazionalità.” Sembra quindi che gli organizzatori abbiano motivo di ricorrere a vie legali.
    L’incontro era organizzato dalla Richard Dawkins Foundation e dal Center For Inquiry.
    Pare che Dawkins farà causa legale….poveretto…costretto a frequentare le aule dei tribunali per trovare un interlocutore,(non dico uno scienziato…neanche un “simil-scienziato….) fosse anche un semplice frequentatore di country clubs……
    @filippo, sei rimasto in catalessi….?
    svegliateee…..!

    • filippo ha detto in risposta a a-ateo

      E allora? A me non sembra un gran bel modo di comportarsi: prima il proprietario da l’assenso all’organizzazione di un evento, poi si tira indietro all’ultimo momento creando problemi agli organizzatori. Nessuno aveva mai nascosto che Dawkins avrebbe partecipato e chi aveva organizzato l’evento si chiama “Center for Inquiry”, un’organizzazione apertamente secolarista e umanista (in parole povere atea). Il proprietario se ne poteva accorgere prima e negare l’uso del club sin dall’inizio.

      Un consiglio: queste sparate a sproposito servono a poco, se non a fare la figura dell’esagitato. Uno può dire quello che vuole di Richard Dawkins e delle sue idee, ma non si può negare che sia uno scienziato rispettato, membro della Royal Society (l’Accademia delle Scienze inglese). Tra coloro che hanno mostrato apprezzamento per le sue opere ci sono premi Nobel come Watson, scopritore del DNA. Di interlocutori qualificati ne trova a bizzeffe, è inutile che lo neghi, tanto la realtà non cambia.

      Visto poi che evidentemente per lei gli articoli di wikipedia in italiano servono da parametro per misurare l’importanza di una persona, le farei notare che Craig non è nemmeno menzionato, contrariamente a Scruton, che lei tanto disprezza senza nemmeno sapere chi sia: si vada a leggere la voce su wikipedia in inglese. Basta poi fare un paragone tra le informazioni che trova su Dawkins e quelle che trova su Craig per rendersi conto su chi farebbe pubblicità a chi in caso di dibattito tra i due.

  29. a-ateo ha detto

    @filippo,
    Filippo sostiene sopra: “E allora? A me non sembra un gran bel modo di comportarsi: prima il proprietario da l’assenso all’organizzazione di un evento, poi si tira indietro all’ultimo momento creando problemi agli organizzatori.”
    Evidentemente non conosceva Dawkins…semplice, no?
    Un Dawkins costretto a battere alle porte dei country clubs di provincia per trovare qualche allocco da abbindolare…
    Ma tu lo vedi un premio Nobel aggirarsi per le praterie americane pregando in ginocchio per sparuti uditori?
    Povero Filippo, guarda che ti tocca doverosamente credere…è uaar che scrive….di mio ci sono soltanto le virgolette…
    Poi parli della Royal Society che lo tiene per membro…
    Ti avevo spiegato che l’Inghilterra anti-papista, massonica e umanista può cooptarlo in un aristocratico club per meriti di ogni tipo, MA NON SCIENTIFICI.
    Infatti, su wiki inglese si legge: Clinton Richard Dawkins, … “was the University of Oxford’s Professor for Public Understanding of Science”. Non scienziato, ma professore di “pubblica comprensione (sic!) di scienza”, addirittura la privata comprensione delle scienze sembra esulare dalle sue benemerenze scientifiche…
    E chiariamo un punto chiave: un divulgatore scientifico come Dawkins sta a uno scienziato come un piazzista di stoffe sta a un industriale del tessile, come un concessionario di provincia sta a un industriale dell’automobile.
    Non ha scoperto nulla, assolutamente un accidenti di nulla, questo professore di “comprensione pubblica”. Buon per lui se qualche fessacchiotto si fa vendere “scienza” da lui.
    Io ricordo a tutti che è possibile trovare della ottima divulgazione fatta direttamente da primarie intelligenze quali Penrose, Einstein…eccetera.
    Infine, ti confesso che quando ho letto sopra “A me non sembra un gran bel modo di comportarsi” nei confronti di Dawkins, stavo per piangere quasi dalla tenerezza: un uaarino sensibile ai problemi del dibattere…certo, sensibile, ma, Dio mio, quanto asimmetrico…considerata la impenetrabile, vergognosa, censura del sito uaar verso i diversamente opinanti.
    Infine, sei ingenuo o ci fai? Watson parla con Dawkins solo e soltanto per motivi di fede condivisa: tutti e due fanno parte dei 606 Santi Atei/famosi non credenti del sito Uaar, litrovi uno alla lettera d e l’altro alla lettera w. insomma fanno parte della stessa organizzazione, come dire…culo e camicia….
    Filippo, insomma, un pò di spirito critico, ripeto, non ti farebbe male.

    Barone, meteorologo della nostra televisione di qualche anno fa, in una intervista, raccontava con simpatica auto-ironia un giudizio dei suoi superiori su di lui: “Barone, la meterologia non la sa, ma la sa vendere.”
    Dawkins, non so se sa “vendere” la scienza, di sicuro lui, Zoologo, NON LA SA.
    Da rispettare come zoologo, ma come folkloristico scienziato-filosofo-teologo-tuttologo no, di certo.
    Credo che tu annoveri fra gli scienziati anche i bidelli universitari.
    Tieniti, per favore, a livello degli scienziati della Pontificia Accademia delle Scienze, che tu sicuramente non conosci, anche se li trovi elencati nel sito relativo. http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_academies/…/index_it.htm

    • filippo ha detto in risposta a a-ateo

      1) Non sono dell’UAAR e la scorsa settimana ho battezzato mia figlia.
      2) Se si vogliono selezionare gli eventi che si svolgeranno nei propri locali – il che è perfettamente legittimo – ci si deve informare prima di dare l’assenso. Informazioni su Dawkins e sul Center for Inquiry sono facilmente reperibili, basta usare google. In questo senso, non mi sembra un gran bel comportamento dire di sì e tirarsi indietro 2 giorni prima dell’evento, sicuramente non da additare ad esempio.
      3) Come si fa a bollare la Royal Society come anti-papista e basta? Tra i suoi membri ci sono anche parecchi membri dell’Accademia Pontificia. Comunque, fatto sta che gli scienziati britannici riconoscono Dawkins come uno dei loro. Non ho mica detto che merita il Nobel, semplicemente che è rispettato come scienziato.
      4) Watson: lei mi chiede quali scienziati dialogano con Dawkins e io le rispondo dando il nome di un premio Nobel. Tutto qui. La grande maggioranza della US National Academy of Sciences e della stessa Royal Society non è credente, così come anche alcuni membri della Pontificia Accademia delle Scienze.

      Mi ripeto, uno può non essere d’accordo con Dawkins ma non si può dargli del guitto e del ciarlatano. Nel suo God Delusion presenta degli argomenti ben articolati, che si possono contestare, ma che non possono essere liquidati come irrilevanti. Sono rilevanti eccome, sono stati letti da milioni di persone e stanno allontanando parecchia gente dalla religione: non certo i più convinti, ma quelli magari già tiepidi che dopo aver letto il libro sono passati all’ateismo.

      • a-ateo ha detto in risposta a filippo

        @filippo, che, insistendo, scrive: ” fatto sta che gli scienziati britannici riconoscono Dawkins come uno dei loro.”
        Tutti i nomi fatti sono stati “smontati”, e tu non porti prove in contrario.
        Ciò nonostante tu insisti nell’equiparare quel ciarlatano come uno scienziato riconosciuto dagli scienziati britannici…
        Filippo, CHI LO riconosce scienziato? Fai un pò di nomi e cognomi….
        Se tu credessi in Cristo come credi per fede in Dawkins saresti un quasi santo….
        Anche a livello di Nobel si incontrano delle mezze calzette, uno ha persino falsificato le prove della sua scoperta, alcuni che scrivono paginette di teatro diventano Nobel di letteratura, altri che aprono scenari epocali nella fisica si vedono sorpassati da quelli che hanno adottato le sue scoperte, altri si vedono dare un Nobel per la pace per meriti futuri, altri addirittura con un passato di terroristi…
        Essere un magliaro è una cosa, essere Marzotto è un’altra cosa…
        Avere discernimento razionale è una cosa, non avere un minimo di capacità critica è tutt’altra cosa.
        I divulgatori, o informatori scientifici del farmaco scientifico, sono, spessissimo, delle nullità scientifiche che intendono soltanto sviluppare il fatturato delle “aziende” dalle quali “dipendono”, anche a scapito della salute dei loro clienti…
        Odifreddo e hack sono fra questi (nessun merito scientifico, gente in pensione), che addirittura hanno opinioni profondamente diverse l’uno dall’altro sull’ultimo esperimento del CERN…
        Come dire che gli atei in Italia hanno due “scienziati divulgatori” fra molte virgolette e riescono ad essere in un disaccordo diametralmente opposto….
        Che dirti…per gli atei e forse per te, sono scienziati, per me, NO…
        Ancora, Filippo, meno fede, più fatti, più capacità critica e razionale…
        Sono contento per te solo del fatto che sembri essere ricco…da come sembri sprecare i soldi in libri di scarso valore…
        Aspetto i nomi degli scienziati inglesi che considerano Dawkins come uno di loro.

        • filippo ha detto in risposta a a-ateo

          Che ha smontato? Sono i membri della Royal Society che eleggono i propri nuovi membri. E chi sono i membri della Royal Society? Degli scienziati. Quindi vada sul sito della Royal Society, si prenda l’elenco dei fellows, vada a vedere quelli che sono entrati prima del 2001 – anno in cui è stato eletto Dawkins – e avrà i nomi degli scienziati che lo considerano uno scienziato. Dura da capire eh?

          • a-ateo ha detto in risposta a filippo

            Il fatto che hanno cooptato un professore in “understanding” può significare molte cose:
            1) che non c’erano scienziati degni di questo nome da cooptare sul mercato all’epoca corrente.
            2) che il ciarlatano che chiese di fare arrestare il Papa è un raccomandato di ferro di una equivalente P2 massonica inglese.
            3) Che i fellow hanno fatto abbondanti libagioni prima del voto…
            4) che hanno inteso cooptare un divulgatore-letterato…
            Ti ho spiegato che persino la commissione perde qualche colpo nel tempo…
            Il Nobel per la letteratura al nostro, per altro simpaticissimo, attore Dario Fò…ad esempio.
            Il Nobel per la pace a Obama…concesso all’unanimità, bada bene, o fiducioso filippo, ma quale pace ha mai fatto? Altro che Bulgaria….Siamo al lecchinaggio più sfacciato…
            Il Nobel negato al cattolico Nicola Cabibbo, all’epoca Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze, e concesso a quelli che ne hanno sfruttato le ricerche.
            Il Nobel all’ex terrorista Arafat…
            E, COMUNQUE, IL CIARLATANO CHE VANTI NON HA MAI SCOPERTO UN TUBICINO DI NIENTE: ha chiesto di estendere i diritti umani alle grandi scimmie antropomorfe…questo si, ma non è scienza ma folklore.
            E QUESTO E’ IL PUNTO.
            L’UNICO PUNTO.
            Non hai voluto fornire i nomi di chi lo considera espressamente scienziato. Fornisci almeno i dati essenziali delle sue scoperte scientifiche…almeno questo.

            • filippo ha detto in risposta a a-ateo

              Son tutti ubriachi, si è fatto raccomandare dalla P2 inglese… Sicuramente ha gli elementi per poter corroborare queste sue affermazioni.

              Dawkins è uno dei maggiori difensori della teoria genica dell’evoluzione. Ritiene che la sua maggior contribuzione sia il fenotipo esteso.

              Chi ha mai difeso il Nobel a Obama? Che c’entra? Su questo sia lei che io la pensiamo come Christopher Hitchens: sarebbe come dare l’oscar ad un regista nella speranza che faccia un buon film in futuro. 🙂

  30. a-ateo ha detto

    @filippo:
    se vai di fretta meglio guardare direttamente:
    http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_academies/
    Con l’occasione mi dai l’eqivalente sito degli Scienziati che dialogano con gli atei/umanisti/razionalisti?
    Sono anni che lo cerco….

« nascondi i commenti