Pierluigi Bersani: «io e il PD siamo radicalmente contrari all’eutanasia»

Il segretario del Partito Democratico, Pierluigi Bersani, ha bocciato senza mezzi termini l’eutanasia, assestando un duro colpo al Partito Radicale che vedeva nel PD un alleato nella promozione della cultura della morte. Il politico si è anche opposto alla legge sul fine vita in discussione alla Camera.

Alla presentazione di un suo libro a Roma ha infatti dichiarato: «sono radicalmente contro ogni ipotesi eutanasica, ma un uomo non può mai essere separato dalla sua dignità. Siamo perche’ la legge si trattenga, perché anche le leggi hanno un limite, e si dia spazio ai protagonisti, al loro mondo vitale e ai medici». Sulle coppie di fatto ha dichiarato che «dobbiamo trovare una soluzione» per non restare fuori dall’Europa e anche perché «è nel programma del PD».

Il nome di Bersani è stato aggiunto quindi all’elenco creato da UCCR, suddiviso tra favorevoli e contrari alla legge sul fine vita. Osserviamo che tra tutti i maggiori intellettuali, i politici (bipartisan) e i medici che hanno preso posizione, a favore o contro, non ce ne sia uno che si dica apertamente favorevole all’eutanasia.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

96 commenti a Pierluigi Bersani: «io e il PD siamo radicalmente contrari all’eutanasia»

« nascondi i commenti

  1. Nofex ha detto

    Si ma gli altri pdiellini? E i cattocomunisti sono favorevoli o contrari?

  2. Marco ha detto

    Io sostengo da sempre che non si possa essere cattolici veramente, cioè ad esempio essere realmente preoccupati per la dottrina sociale della chiesa e militare in un’area politica alleandosi ai radicali ad esempio e dando il proprio voto, anche inconsapevolmente, a loro, rafforzando l’area anticlericale.

    • Maffo ha detto in risposta a Marco

      Bisogna anche riflettere sul fatto che i più noti atei-anticlericali-antiteisti militano tutti a sinistra: Odifreddi, Hack, Flores d’Arcais, Vito Mancuso, Galimberti, Augias, tutti i radicali, la quasi totalità dei membri dell’uaar ecc…come si può allearsi con loro? Io non ho barriere destra o sinistra, ma non vedo veramente come potermi schierare con questa gente.

      • gabriele ha detto in risposta a Maffo

        sinceramente io preferisco i fascisti a PD, PDL ed affini
        i comunisti hanno ucciso 220000000 di persone

        • Mandi ha detto in risposta a gabriele

          Io non preferisco nessuno, voto solo chi dimostra di essere realmente interessato alla dottrina della chiesa.

        • Sabbia ha detto in risposta a gabriele

          Ok..però il PD non è certo “il comunismo”….!!

        • Katy ha detto in risposta a gabriele

          fascisti? ma che siano dei santi? restiamo in area moderata, please.

        • Francesco B. ha detto in risposta a gabriele

          Non è una gara a chi uccide più persone, si parla sempre di fanatismi, Bersani, tra tutti i difetti che ha, non mi sembra un fanatico comunista.

          • Mauro ha detto in risposta a Francesco B.

            No, no. Ci mancherebbe…anzi, è anche molto amico di CL, tanto che lo abbiamo invitato al Meeting nel 2009: http://www.festademocratica.it/allegati/uni_cl84433.pdf, anche se poi i rapporti si sono un pò raffreddati. Sicuramente il motivo è la convivenza con personaggi piuttosto nemici della chiesa. Nel PD c’è anche Letta che sinceramente apprezzo molto, ma anche Matteo Renzi. Letta sarà al Meeting quest’anno, assieme a Lupi e con anche Napolitano. Non c’è alcuna chiusura ideologica, ma l’importante è che ci si voglia confrontare anche sulla dottrina della chiesa, senza respingerla a priori.

  3. Castingamatti ha detto

    Il solito problema: la coerenza. Quanti politici si dicono “cattolici” e poi si dimenticano della dottrina sociale della chiesa?

    • Lucy ha detto in risposta a Castingamatti

      E quelli che non se ne dimenticano vengono definiti “clericali” o “servi della chiesa”.

    • Domenicus ha detto in risposta a Castingamatti

      Parole sante !!! Figuriamoci quelli che non si dicono neppure cattolici quanto possano essere affidabili e credibili in merito ai famosi “valori non-negoziabili” ! Comunque, al di là delle diverse etichette politiche, vecchie o nuove che siano, mi pare evidente, concretamente parlando, che la vera prova del nove per noi cattolici per capire chi può essere votabile o meno è costituita proprio da questi sacrosanti valori (come giustamente insegna la Chiesa). Ossia tra chi bene o male li difende, e tra chi invece li minaccia con leggi laiciste-anticristiane. Se non si capisce una buona volta questo discrimine inviolabile, si finisce per favorire di fatto “il principe di questo mondo”, che le studia tutte per farci preferire i suoi gregari, apparentemente migliori e più integerrimi di altri personaggi politici. Ma non è nient’altro che “fumo negli occhi” per indurci a fare in definitiva ciò che vuole lui. Purtroppo, non tutti i cattolici (specie quelli “adulti”) sono in grado di accorgersi di strategie diaboliche così raffinate. In altre parole, ci sono tanti di noi che “collaborano” con il nostro Nemico giurato senza neppure rendersene conto. Purtroppo.

  4. gabriele ha detto

    http://www.kattoliko.it/leggendanera/modules.php?name=News&file=article&sid=1948
    leggere e riflettere
    non si può essere cattolici e comunisti, come non si può essere ebrei e nazisti

    • Norberto ha detto in risposta a gabriele

      Prodi? Il “cattolico” che faceva le sedute spiritiche? La Bindi? La “cattolica” che vuole il matrimonio omosessuale? Ignazio Marino? Il “cattolico” che si batte per il testamento biologico?

      • gabriele ha detto in risposta a Norberto

        pio XII aveva scomunicato tutti i comunisti, poi il Concilio Vaticano Due ha tolto la scomunica
        c’è un vescovo che ha dichiarato che un cattolico può essere comunista e massone

        • Norberto ha detto in risposta a gabriele

          E chi è questo vescovo? Non so di questa scomunica, ma credo che valesse per il comunismo russo e non per chi vota a sinistra 🙂

          • gabriele ha detto in risposta a Norberto

            mi sono sbagliato, non è un vescovo, ma la conferenza episcopale di santo domingo
            ma il comunismo è materialista, non può esistere compromesso

        • Piero ha detto in risposta a gabriele

          mica l’ha tolto il Concilio Vaticano II…

        • Francesco B. ha detto in risposta a gabriele

          Dipende dal suo livello di comunismo. Il comunismo è così variegato che è impossibile fare un’unica etichetta.

    • Franz ha detto in risposta a gabriele

      Molto interessante, grazie!

  5. Flavio ha detto

    Purtroppo chi vota a sinistra non lo dice quando è in ambienti cattolici come questo.

    • Azariel ha detto in risposta a Flavio

      E viceversa, spesso se uno vota a sinistra non ha il coraggio di dire che è cristiano. Come se la fede fosse motivo di vergogna!

  6. Marzio V. ha detto

    Io me ne sono andato dal PD proprio per non voler più convivere con sputtanatori anticlericali.

  7. Laura ha detto

    Ma la sinistra non era mica contraria anche all’aborto?

    • gabriele ha detto in risposta a Laura

      la sinistra era a favore dell’aborto

      • Laura ha detto in risposta a gabriele

        E allora perché i cattocomunisti l’hanno votata? Perché hanno votato Livia Turco? Forse per essere al passo con i tempi?

        • gabriele ha detto in risposta a Laura

          non ti capisco

          • Laura ha detto in risposta a gabriele

            Livia Turco ha introdotto l’aborto in Italia, grazie ai voti di molti cattolici.

            • Piero ha detto in risposta a Laura

              Non esageriamo. L’aborto e’ stato introdotto in Italia quando lei era ancora in fasce (beh, non proprio, aveva 23 anni, ma non era all’universita’ visto che non e’ laureata, ma non era deputata, lo sarebbe stata solo dal 1987).
              http://it.wikipedia.org/wiki/Livia_Turco

              Prova invece a vedere di che partito erano quelli che l’hanno firmata e promulgata e fai il raffronto con il Re del Belgio…
              Ecco perche’ dico che in politica quelli che si autodefiniscono “cattolici” sono molto incoerenti…

  8. Friviar ha detto

    Bravi. “Sfottete” quelli di sinistra, che mezza Italia diventa atea…

    • Katy ha detto in risposta a Friviar

      E perché mai?

    • Nofex ha detto in risposta a Friviar

      Essere atei non è una colpa. Essere cattolici e votare per coloro che vanno contro la dottrina della chiesa è una colpa.

    • Laura ha detto in risposta a Friviar

      Io non sto “sfottendo”…sottolineo delle contraddizioni aspettando che qualche cattolici di sinistra intervenga per dialogare. Per una volta che siamo in argomento con l’articolo!!

  9. Aresio ha detto

    Daje Bersani!! Forza! Ce la puoi fare a ridurre il PD all’1%! Continua così!

  10. Friviar ha detto

    Non voglio fare un trattato di politica… Però mi sembra ovvio che, se usate certi toni, i giovani di sinistra fuggono all’UAAR, sentendosi attaccati… A me è successo. Sono del centrosinistra (e non per questo abortista, crocifissofobo, hippy etc.) e, quando ero “incerto” se credere o meno, dai cattolici ho ricevuto solo critiche politiche, e me ne sono fuggito, appunto, sul sito UAAR (da cui sono sparito in poco tempo)…
    Forse ora qualcuno mi dirà che hanno cominciato i comunisti ad avercela coi cattolici. Vero, però non per questo bisogna, come spesso capita in questo sito, prendersela con i comunisti allo stesso modo con cui i comunisti se la sono presa con voi. Anche gli Inglesi hanno cominciato per primi, però non per questo Gandhi ha risposto pan per focaccia. Se attaccate quelli di sinistra con gli stessi toni che vedo non in questo articolo ma in generale sul sito, ci ritroveremo soltanto anticlericali cattofobi alla Odifreddi a sinistra…
    Qui non si parla nemmeno di comunismo… Si parla di centrosinistra.. Se poi Bersani è un finto cattolico, non lo so.
    Detto questo, sono di centrosinistra e cattolico. Non sono pro-aborto (lo dico, sennò..).

    @Laura:
    Votare ciò che non è a sinistra non risolve il problema dell’aborto. La destra (che è sempre stata unita, da quando seguo la politica, e quindi non si può parlare di più destre, ma di tutta la destra) non l’ha mai tolto e, leggendo anche le biografie di certi politici, temo che non lo vogliano fare… Ci son delle ragioni se ho “votato” il governo della Turco (ovvero di Prodi), non l’ho fatto per “restare al passo coi tempi” (e questo suona come una provocazione)

    • Alessandro M. ha detto in risposta a Friviar

      Grazie per il tuo intervento, spero possiamo dialogare senza paura. Qui nessuno attacca chi vota a sinistra, anche perché noto che tanti lettori di questo sito votano a sinistra, come hanno detto più volte. Vorrei solo dialogare sulle motivazioni…si fugge quando si viene insultati, finora qui non è mai successo nulla del genere (a parte un certo Fabrizio dell’UAAR). Ti dico subito che io voto PDL e non sono anti-comunista. Io se domani il PD dicesse di voler spendersi per abrogare la legge sull’aborto, rifiutare i testamenti biologici, smettere di promuovere le coppie omosessuali, finanziare le scuole private ecc..sarei un militante rosso. E lo farei con passione e mi scaglierei politicamente contro il centro destra se si opponesse a tutto questo. Non sono a destra per partito preso, ma perché mi sembra evidente che molti dei suoi esponenti (non tutti, ma la maggioranza) abbiano a cuore ciò che dice la Chiesa. A sinistra non è così, lo si vede da questo articolo del segretario del PD, che si batte contro l’eutanasia ma vuole le coppie omosessuali. Berlusconi invece no, non le vuole. E allora, nonostante mi faccia molta pena, lo voto. E finora sono stato soddisfatto del voto.

      • Friviar ha detto in risposta a Alessandro M.

        Grazie Alessandro. Il punto è che siamo in un sistema “bipolare” in questo momento e se da una parte ci sono comunque abortisti, comunisti etc. dall’altra, purtroppo, ci sono Lega ed altri partiti che non mi piacciono. Io, ad esempio, seguo molto il blog di Fortress Europe e ho visto in che luoghi vengono mandati gli immigrati una volta respinti e ti posso assicurare che quello che ho visto non mi è piaciuto. D’accordo che il responsabile diretto sarebbe Gheddafi, però anche il governo ne è colpevole e non può lavarsene le mani, secondo me. Non considero, inoltre, la destra come un movimento pro-life. Il nucleare è stato reintrodotto, nonostante il referendum, mentre non l’aborto non è diventato illegale. Io vivo, inoltre, proprio nel paese in cui è nato Bossi. Qui, i discorsi dei leghisti (parlo di politici, non di gente al bar), sono totalmente anticristiani e sono anche peggiori e più intrisi d’odio rispetto a quelli della sinistra.

        • Alessandro M. ha detto in risposta a Friviar

          Allora, quello che dicono i leghisti non mi interessa molto. Berlusconi va con le escort? Se è vero mi fa pena e non me ne frega nulla. A me interessa solo la legiferazione di leggi. La Lega fin’ora non ha proposto nulla di chiaramente contrario ai valori cattolici più scottanti come i temi bioetici. Lo stesso il PDL…è vero non ha tolto l’aborto ma un conto è stare da chi non lo toglie (e non è per nulla facile toglierlo!!) un conto è stare con chi l’ha messo. Dici: “ci sono Lega ed altri partiti che non mi piacciono”….e per questo voti chi promuove l’aborto, l’eutanasia e le coppie di fatto. A me non piace Berlusconi, però lo voto lo stesso perché mi assicura di seguire l’opinione della chiesa nella sua vita politica (in quella privata non mi interessa). Paragonare il nucleare all’aborto o all’eutanasia non è corretto. Non si può negare, dai siamo seri, che a sinistra vogliono liberare tutti i temi bioetici cui la Chiesa è contraria (cellule embrionali, eutanasia, aborto, testamento, suicidio assistito, legalizzazione droga, togliere fondi scuole private, bonus famiglie, coppie di fatto, adozioni omosessuali e chi più ne ha più ne mette). A destra invece c’è la sicurezza che nulla di tutto questo verrà fatto. Magari domani non è più così e allora vedrà di cambiare partito, ma per ora è stato così.

          • Friviar ha detto in risposta a Alessandro M.

            Io non sto con chi l’ha messo. Io sono cristiano e se nasce un partito cristiano, voterò per lui. Però adesso c’è quello che c’è e bisogna scegliere. Lega e PDL, purtroppo, sono alleati e la Lega ha un certo peso. L’accordo con la Libia, ad esempio, mi ha fatto perdere parecchia fiducia nella destra (vedi magari qui: http://fortresseurope.blogspot.com/2006/01/speciale-libia-cosa-aspetta-i-227.html ) ed essendo un sostenitore, come te, dei diritti umani, non posso tollerare certi accordi e certe cose.. Del PDL non mi piace come vengano attaccati i magistrati, o le sparate sulla Costituzione o la libertà di stampa che, effettivamente, è calata (i dati sono su freedom house, per chi volesse approfondire). Sono tante le cose che mi allontanano dalla destra e che mi fanno quasi preferire la sinistra.

            • Alessandro M. ha detto in risposta a Friviar

              Ecco, quello che non mi va giù è allontanarsi dalla destra per le dichiarazioni di Berlusconi e andare a sostenere i candidati della sinistra che promuovono droga, eutanasia e omosessualità. Io piuttosto mi turo il naso e resto qui.

              • Friviar ha detto in risposta a Alessandro M.

                Non mi sembra di aver parlato solo di “dichiarazioni” e non mi sembra che il programma della sinistra sia solo quello scritto da te…

          • Domenicus ha detto in risposta a Alessandro M.

            Praticamente, per quanto mi riguarda, la penso esattamente come te. Del resto, mi pare che basti essere un cattolico CONSAPEVOLE, e realista, per pensarla in questo modo. In altre parole, quando si è ben consapevoli del “male maggiore”, non puoi che optare realisticamente per il “male minore”. Se invece putacaso aspettassimo l’Ideale, allora sì che saremmo degli ingenui a livello patologico…

            • Barbie ha detto in risposta a Domenicus

              Siamo in tre…i nostri fratelli cattolici che votano a sinistra, pur di non stare (legittimamente) con un amante delle escort si alleano a chi ha come obiettivo la distruzione della chiesa, la promozione gay e l’eutanasia a tutte le età. Mi sembra totalmente una scelta ideologica.

  11. Aleister Crowley ha detto

    Comunque la sinistra ai cattolici ha da sempre dato molto poco.
    Gli serviamo solo per i voti.
    La destra e’ sempre stata piu’ vicina alla dottrina sociale.
    Non e’ un caso che CL sia nel Popolo della Liberta’.

    • Mauro ha detto in risposta a Aleister Crowley

      Aleister, sono di CL e ti assicuro che è solo un movimento di educazione alla fede. Non aderisce ad alcun partito politico. Molti esponenti di CL sono leader del PDL e credo stiano facendo molto bene per difendere la dottrina della chiesa. Ci sono anche alcuni esponenti anche nell’UDC, come Buttiglione e Luca Volontè. Anche in FLI c’è Rosso che è di CL. Insomma non è un blocco politico ma alcuni di noi si coinvolgono con la politica e vanno dove possono con più efficacia portare avanti la dottrina della chiesa.

      • Piero ha detto in risposta a Mauro

        Buttiglione di CL?
        Non mi risulta. Sicuro?

        • Mauro ha detto in risposta a Piero

          E’ nato e cresciuto nel Movimento. Poi credo si sia allontanato un pò. Nel 2009 in un incontro pubblico a Milano, ero presente anch’io ma non ricordo più il nome del luogo, ha detto, visibilmente commosso, di voler “tornare a casa sua”…e per lui CL è sempre stata sentita come una “casa”. Ora, tecnicamente non ho idea se sia di CL, anche perché non c’è alcuna tessera, sicuramente ci segue, ci stima, ci appoggia. Poi sono cose sue personali.

          • Mauro ha detto in risposta a Mauro

            Dimenticavo anche Antonio Socci…anche lui ha avuto una storia simile a Buttiglione. Poi nel 2005, alla morte del Giuss, ha comunicato a don Carron l’intenzione di voler riprendere il cammino con CL.

            • Piero ha detto in risposta a Mauro

              Si, apprezzo MOLTISSIMO

              • Piero ha detto in risposta a Piero

                scusate e’ partito il post.
                Dicevo: apprezzo MOLTISSIMO Socci….
                In campo politico apprezzo molto Lupi, pur diffidando in genere di chi in politica si definisce “cattolico”. Di solito non sono molto coerenti…
                Tipo Buttiglione che in Piemonte si allea con la pro-aborto Mercedes Bresso… Ma in genere sono molo pochi gli esempi di cattolici impegnati in politica coerenti.

      • Aleister Crowley ha detto in risposta a Mauro

        So che CL non e’ un partito politico e non da’ indicazioni di voto (sono andato per qualche anno a scuola di comunita’).
        Pero’, almeno in Lombardia, il grosso dei ciellini e’ nel PDL.
        Difficilmente ne troverai qualcuno nel PD.
        Per incompatibilita’ di opinioni, ovviamente.

        • Mauro ha detto in risposta a Aleister Crowley

          Certamente, l’ho dicevo anch’io prima. Moltissimi di cl si riconoscono più nel PDL che negli altri partiti, anche se cmq c’è molta critica. Però da 20 anni a questa parte non mi è mai arrivata a casa per e-mail o a nessun incontro pubblico è stato dato consiglio per chi votare. Putroppo so che qualcuno nelle ultime amministrative ha preferito votare Pisapia. Sono casi isolatissimi, d’altraparte lo hanno fatto tanti cattolici. E anche tanti sacerdoti. Io non ho nulla contro Pisapia, che tra l’altro è stato alunno di Giussani al Berchet: http://archiviostorico.corriere.it/2011/maggio/14/Pisapia_studente_affascinato_don_Gius_co_7_110514014.shtml …..gira però voce che sia pro-eutanasia, pro-coppie omosessuali, pro-legalizzazione droga, pro-stanze del buco e contro i fondi al centro di aiuto alla vita alla Mangiagalli. Io non l’ho votato per questo ma per la Moratti, che invece ha dimostrato di avere idee più vicino alle mie. E’ andata male, staremo a vedere se le voci erano vere o false.

          • Piero ha detto in risposta a Mauro

            Vorrei chiederti una cosa, giusto per curiosita’: ovviamente sono tutte dicerie, tutti “si mormora che”, “stai a vedere che”…
            A parte la tua testimonianza che dici di non aver mai avuto segnalazioni di voto (e non faccio fatica a crederti) quanto c’e’ di vero, o quanto ne sai, che qualcuno molto vicino a CL al Pirellone (Formigoni, tanto per non far nomi) abbia voluto fare un “dispetto” alla Moratti e indirettamente al cav. facendo con moooolta noncuranza la campagna elettorale.
            Giusto per curiosita’…

            • Aleister Crowley ha detto in risposta a Piero

              Frequento saltuariamente i ciellini del mio paese, ma l’ultima volta che ho parlato con qualcuno del movimento e’ stato prima delle elezioni abbiamo solo parlato della beatificazione di Giovanni Paolo II.
              Non abbiamo parlato di politica.
              In effetti dei retroscena del voto di Milano non so nulla.
              Non penso (mia opinione personale) che Formigoni abbia fatto una cosa simile.
              Un Pisapia in comune a Milano e’ una bella gatta da pelare per un presidente di regione come lui.

              • Piero ha detto in risposta a Aleister Crowley

                L’opinione piu’ “gettonata” e’ che avesse fatto una campagna elettorale “fiacca” per dare un segnale al cav. per la sua “successione” (e quindi di Pisapia poi non gliene sarebbe fregato niente).
                Ma comunque sono solo dicerie. Ovvio che nelle riunioni di CL non si parlasse affatto di politica, ne’ tantomeno di “rese dei conti” e “congiure” e roba varia. Mi chiedevo solo se qualcuno di cui sei amico dentro CL ti avesse detto qualcosa a proposito di questo o ne avesse “sentore”.

              • Mauro ha detto in risposta a Aleister Crowley

                No, macchè Formigoni!! Parlo di semplici elettori, anzi che io sappia un elettore semplice…!

  12. Aleister Crowley ha detto

    Comunque in questo sito ce la prendiamo con i comunisti che difendono la Cina e altri paesi in cui il comunismo sta facendo danni, oppure ricordiamo i danni che ha fatto in altri paesi.
    Non direi che dobbiamo allinearci con il pensiero comune, facendo finta che questi fatti non siano mai esistiti.
    Per quale motivo dovremmo farlo?.
    I comunisti sono anticlericali cattofobi anche perche’ pensano di avere una “superiorita’ morale”, la cosa, se noti, e’ ancora tale e quale.
    Non ce la prendiamo di solito con il PD.
    Uno del PD non dovrebbe piu’ sentirsi comunista in quanto ha preso atto dei danni fatti da questa ideologia e se ne e’ allontanato.
    Di solito quando gli ricordiamo cosa e’ e cosa e’ stato il comunismo e’ quando qualcuno tira in ballo la solita tiritera delle crociate e di Giordano Bruno.

    • Friviar ha detto in risposta a Aleister Crowley

      Una domanda: stai parlando con me?
      Comunque non è la prima volta che l’UCCR scrive un articolo su un membro del PD cattolico e, tra i commenti, si grida subito all’ipocrisia e all’abortismo.

      • Aleister Crowley ha detto in risposta a Friviar

        Be’ visto che hai detto che in questo blog siamo un po’ duri verso i coministi…
        Non ho ben capito cosa dovremmo dirgli.
        Cose del tipo ….. si’ i cinesi perseguitano un premio nobel e i suoi amici … si’ ma lo fanno con tanta eleganza ……
        Ghandi con gli Inglesi non ha risposto con la violenza, ma con la fermezza delle opinioni.
        Che membri del PD non siano stati coerenti con la dottrina sociale della chiesa e’ evidente, dirlo non dovrebbe scandalizzarti.
        Quello che ha scandalizzato e’ che prima di essere votati avevano promesso agli elettori ben altro.

        • Friviar ha detto in risposta a Aleister Crowley

          Non ho detto che siete duri con i comunisti, ma con la gente di sinistra. Se la differenza non ti è chiara, purtroppo la discussione non potrà andare avanti.
          Ho già scritto che bisogna reagire, ma non con gli sfottò e le provocazioni (Gandhi mica ha reagito così…) che ogni tanto leggo e che certi cattolici non si fanno problemi a fare. Non ho mica detto di subire passivamente… Anzi ho scritto l’esatto opposto. Alzando la voce si ottiene solo una fuga dalla Chiesa…

    • Pino ha detto in risposta a Aleister Crowley

      scusa ma a me pare che personaggi come Napolitano, D’Alema, Veltroni si siano sempre dichiarati “orgogliosi di essere stati comunisti”

  13. pier ha detto

    “A sinistra non è così, lo si vede da questo articolo del segretario del PD, che si batte contro l’eutanasia ma vuole le coppie omosessuali. Berlusconi invece no, non le vuole. E allora, nonostante mi faccia molta pena, lo voto. E finora sono stato soddisfatto del voto”

    Forte! Cercare un partito che sia in accordo con la dottrina della chiesa e la “protegga” quando il suo principale esponente è un puttaniere.

    Coerenza a iosa!

    • Alessandro M. ha detto in risposta a pier

      Finora nessuno ha offeso un esponente politico e mi piacerebbe che si continuasse a discutere civilmente. Quello che Berlusconi fa nel privato è differente da quello che fa nella vita politica. Finché garantisce attraverso le leggi attenzione alla dottrina sociale della Chiesa io continuerò a votarlo. Se va con le prostitute sono affari suoi, se la vedrà con la sua coscienza. Ma questa è la sua vita privata. A me interessano le leggi! Condivido moltissimo quello che dice Vittorio Messori: “meglio un politico disordinato nella vita privata ma che fa buone leggi, piuttosto che un politico irreprensibile nel privato che fa leggi contro i «principi non negoziabili».

      • Alessandro M. ha detto in risposta a Alessandro M.

        Ovviamente non manderò mai i miei figli a scuola da Berlusconi, ma questo non significa che io debba andare a votare per chi vuole legalizzare l’aborto o il testamento biologico come il cattolico Ignazio Marino, sicuramente molto più coerente nella vita privata del cattolico Berlusconi.

  14. Piero ha detto

    Qualcuno dovrebbe dirlo a Marino…

  15. fabrizio privato ha detto

    Bersani mostra chiaramente che un cattolico non è costretto a votare qualche mercante del tempio a destra che tra un elogio ed un altro alla Fede poi va con le minorenni.

    • Laura ha detto in risposta a fabrizio privato

      Una domanda Fabrizio. Preferisci uno che va con le minorenni ma poi impedisce leggi sull’eutanasia e sulle coppie omosessuali o uno che ha una vita privata perfetta ma vuole le coppie omosessuali e si allea con Cappato, Bonino e Pannella e tutti gli anticlericali che vogliono la morte della chiesa (Odifreddi, Hack, Augias, D’Arcais sono tutti a sinistra) e tutto ciò cui la Chiesa si oppone?

      • Larry SFX ha detto in risposta a Laura

        nessuno delle due.
        IO NON MI TURO IL NASO DAVANTI A NESSUNO!

      • fabrizio privato ha detto in risposta a Laura

        Tutti i personaggi che hai elencato non sono parte del PD e spesso gli vanno pure contro o sono critici nei confronti del Pd stesso additandolo addirittura come nuova democrazia cristiana. Io credo fondamentalmente se anche nel centrosinistra si sviluppa una certa maturità su questi temi, ovviamente concreta, sarebbe da sollievo per quei cattolici che sono costretti a causa del laicismo imperante di qualche minoritario rumoroso nel centrosinistra a sostenere un partito che si comporta da “mercante del tempio” (Nei Vangeli anche questo è peccato) in cambio promuove politiche che non sono proprio cristiane. Io non sono modernista o cattocomunista, sono obiettivo. E obiettivamente dico che sono contento di questo comportamento del Partito Democratico. Era ora.

    • Pino ha detto in risposta a fabrizio privato

      un discorso da osteria, lei ha poche idee ma ben confuse. Il comportamento individuale rimane tale, che sia censurabile o meno. La regolamentazione giuridica, al contrario, ha un impatto sociale. Non esiste una scelta politica o giuridica che sia neutra ma, al contrario, fa sempre riferimento ad una scala di valori o di disvalori, come nel caso di leggi contrarie ai valori fondamentali dell’uomo. Una legge contraria alla morale, come quella sull’aborto, viene spessissimo percepita come lecita per il sol fatto che un dato comportamento è legale anche se immorale. E’ meglio un puttaniere che si oppone a leggi laiciste che una vergine che le propone, vero Rosy????

      • fabrizio privato ha detto in risposta a Pino

        Io non ho proposto nessuno, ho fatto solo un’osservazione. E poi mi pare che anche il Santo Padre auspica che i cattolici e le loro proposte siano presenti sia a sinistra quanto a destra. San Josemaria Escrivà diceva che sia a sinistra che destra si può fare del bene. http://www.et-et.it/articoli/2008/2008_09_08.html

        • Pino ha detto in risposta a fabrizio privato

          lei non ha capito una cosa semplicissima e mi meraviglio: oggi la sinistra politica italiana avanza proposte in aperto contrasto con i valori non negoziabili così come stabiliti dal Magistero. Chi ha proposto i PACS poi finiti nel nulla? Il governo Prodi nella persona di Rosy Bindi, entrambi si definiscono cattolici, per fortuna!!!! Chi propone leggi come quella sul “fine vita” una pudica definizione che maschera l’apertura all’eutanasia? Chi è favorevole ai matrimoni gay? Sempre esponenti del radicalismo di sinistra. Da che parte politica stanno Pannella, Bonino, Bresso, Marino, Cappato? Oggi, in Italia, l’appartenenza alla sinistra è semplicemente incompatibile con i valori cristiani alla faccia di Bersani che viene a raccontarci barzellette.

  16. Gabrio ha detto

    non ho letto tutto ma ho letto che qualcuno preferisce i fascisti… oltre che totalmente irrazionale, sei da denuncia vedi la legge Scelba. Ragiona prima di parlare. Ragiona.

  17. joseph ha detto

    Ricordo male o il Pier da Fazio a “vieni via con me” si era invece espresso in modo abbastanza favorevole all’eutanasia?

  18. Pino ha detto

    ma Bersani ci ha presi per stupidi? I PACS da chi furono proposti? E il testamento biologico che altro non è se non una legge eutanasica? Il Prof.Marino in quale partito milita?

  19. Piero ha detto

    e aggiungiamoci il Ministro di Grazia e Giustizia:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_Paolo_Bonifacio

    tutti in quota DC.

    • Pino ha detto in risposta a Piero

      scusi ma dubito lei abbia capito il problema e sta facendo una confusione che metà basta. La legge 194 fu approvata dal Parlamento con la opposizione della DC, c’era in Parlamento una maggioranza che nulla aveva a che fare con quella che sosteneva il governo. Non riesco a capire cosa c’entri il Governo Andreotti o il Ministro della Giustizia, o il Presidente della Repubblica. Lei ha idee confuse, veda di chiarirsele.

      • Piero ha detto in risposta a Pino

        Mah… forse non sono il solo.
        Quindi il Governo, il Presidenre della Repubblica, il Ministro di Grazia e Giustizia (le do’ un aiuto: si chiama anche Guardasigilli) non c’entrano niente nella promulgazione delle leggi?

        • Pino ha detto in risposta a Piero

          tu devi essere un giovincello con le idee ben confuse, cosa c’entra la “promulgazione” di una legge che spetta al Presidente della Repubblica con la sua approvazione che spetta al Parlamento. Il Presidente non può bloccare una legga approvata dal Parlamento ma solo rinviarla alle Camere ove sussistano seri motivi che devono essere spiegati in un messaggio. La legge non venne approvata con i voti della DC che si oppose ma era minoritaria in Parlamento. Anche l’MSI si oppose se ben ricordo.

          • Piero ha detto in risposta a Pino

            Ringrazio per il giovincello, ma, saro’ sospettoso io, lo leggo come un “bamboccio”. La invito a calmarsi e a moderare i termini.
            Chissa’ forse anche l’eta’ puo’ portare ad idee confuse, no? 😉
            Il Presidente della Repubblica avrebbe potuto benissimo rinviarla alle Camere, con le sue motivazioni, come e’ scritto sul link, per esempio non si tutelava abbastanza il nascituro. Il presidente del Consiglio avrebbe potuto minacciare la crisi di governo. Quanto al Ministro di Grazia e Giustizia, vedo che non legge neppure quello che uno scrive. E’ scritto nel mio commento, addirittura in neretto.
            E alla fin fine, si scannavano (e si scannano tuttora) per un aspetto marginale di una legge (chissa’ perche’ poi… 😉 ), minacciano sfaceli per inezie, e non si potevano dimettere? Non a caso ho fatto l’esempio del re del Belgio…

      • Piero ha detto in risposta a Pino

        http://www.comitatoveritaevita.it/pub/nav_Origini_della_legge_194.php

        Specifico meglio le parole, casomai avesse delle idee confuse:


        La legge 194 fu approvata dal Parlamento con solo 14 voti di maggioranza e furono determinanti i voti dei cosiddetti “cattolici per il socialismo”, quegli stessi che avevano inserito nel titolo della legge l’espressione “ tutela della maternità” e all’ Art. 1 l’affermazione “la legge tutela la vita umana fin dal suo inizio”; un’affermazione destinata a rimanere lettera morta perché, volutamente, si era evitato di specificare quando, per la legge, iniziava la “vita umana”
        Allora i sostenitori della legge 194 non si preoccuparono affatto di “lacerare il paese”, di “di creare steccati” e di innalzare “muro contro muro”, slogan che ora vengono lanciati immediatamente contro chi propone qualsiasi modifica restrittiva della legge 194. L’auspicio che spesso oggi si sente ripetere di trovare “soluzioni ampiamente condivise” fu allora completamente disatteso.
        L’ultimo atto dell’iter legislativo della legge 194 si compì il 22 maggio 1978.
        Ben sei democristiani firmarono la legge 194/78:
        il Presidente della Repubblica Leone, il Presidente del Consiglio Andreotti e quattro ministri: Anselmi (Sanità), Bonifacio (Giustizia), Pandolfi (Finanze ) e Morlino (Tesoro).
        Il Presidente della Repubblica, come garante della Costituzione avrebbe dovuto riconoscere almeno la dubbia costituzionalità della legge e rimandarla perciò al Parlamento per un’adeguata modifica. Invece la firmò lo stesso.
        Ancora più sconcertante fu la firma dell’allora ministro della giustizia on. Bonifacio, lo stesso che tre anni prima, come Presidente della Corte Costituzionale, aveva firmato proprio la già citata sentenza n° 27 del febbraio 1975 in cui si affermava che è “….obbligo del legislatore predisporre le cautele necessarie per impedire che l’aborto venga procurato senza seri accertamenti sulla realtà e gravità del danno o pericolo che potrebbe derivare alla madre dal proseguire della gestazione.” Non si era accorto, l’on. Bonifacio, che all’art. 4 la legge non prevedeva alcun accertamento sulla realtà e gravità del danno o pericolo..?

        Puo’ continuare da se’…

« nascondi i commenti