Giuliano Ferrara: «non ho la fede, ma Cristo è vivo nella cultura e nella storia»

Durante la puntata del venerdì santo per il programma condotto da Giuliano Ferrara, Qui Radio Londra, Giuliano Ferrara si è doverosamente soffermato sulla figura di Gesù Cristo.

La puntata ha affrontato il mistero della fede, ed è stata l’occasione di presentare il recente nuovo libro del Papa, “Gesù di Nazaret”. Ferrara è chiaro: prima di tutto il resto, «Gesù ha fondato la Chiesa e la Chiesa è il corpo mistico di Gesù». Senza la storia la fede non avrebbe basi. Gesù, prosegue Ferrara, è un personaggio storico documentato, ma è anche un’altra cosa, è sopra la storia. La puntata ha registrato 3.980.000 spettatori (18.07%)

Poi si paragona alla Sua Figura: io la fede non ce l’ho, dice, però mi permetto di dire che Gesù vive anche nella cultura, nella riflessione, nel tentativo di comprendere con la ragione che nel mondo esiste anche il mistero, questa è una riflessione di tutti, non solo di chi ha la fede.

Ferrara è direttore de Il Foglio, il cui sito web è risultato al secondo posto della classifica Google per qualità e importanza tra tutti i qutodiani italiani, dopo Corriere.it e prima Repubblica.it.

http://youtu.be/4nvHjjyK9-I

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

61 commenti a Giuliano Ferrara: «non ho la fede, ma Cristo è vivo nella cultura e nella storia»

« nascondi i commenti

  1. Sabbia ha detto

    Ferrara è un grande! Peccato sia troppo schierato…ma d’altraparte lo siamo tutti.

    0
    • Norberto ha detto in risposta a Sabbia

      Non buttiamola sulla politica! Ferrara è un ottimo intellettuale che gestisce un giornale molto interessante e con cui si può essere anche in disaccordo. Ma lasciamo il dio politica agli invasatei!

      0
    • Gilbert ha detto in risposta a Sabbia

      Quoto Norberto. La politica ci ha già diviso troppo. E’ evidente che gli elettori di sinistra combattano la chiesa perché Berlusconi si dice cattolico, Ferrara stima il cristianesimo e i cattolici in politica sono a destra (80%). Se approfondite sui siti web americani trovate che le iscrizioni alle associazioni di atei e anticlericali sono cresciute dopo la rielezione di Bush. Non so dove porti questo disorso, però dovremmo avere sempre la coscienza che quando si parla di politica la questione è assai delicata.

      0
  2. Francis ha detto

    è un ottimo programma! grazie alla rai almeno per questo!

    0
  3. Davide 1 ha detto

    E’ forse l’unico giornalista di sinistra “libero”.
    E’ contro l’aborto per buon senso.
    Segue il buon senso, ecco perche’ a sinistra lo odiano un po’ tutti (quelli fortemente schierati).

    0
    • Mandi ha detto in risposta a Davide 1

      In che senso è “di sinistra”? Forse volevi dire “di destra”?

      0
    • Fabrizio ha detto in risposta a Davide 1

      Non male, Ferrara di sinistra… a Almirante bolscevico…

      0
      • Marelli33 ha detto in risposta a Fabrizio

        un pò come odifreddi…

        0
      • Michele Santambrogio ha detto in risposta a Fabrizio

        Credo che tu prima di poter pubblicare qualche commento debba chiedere scusa a Ponzoni per questo: http://www.uccronline.it/2011/04/18/ricerca-della-baylor-university-%C2%ABgli-atei-sono-piu-creduloni-dei-cristiani%C2%BB/#comment-6031….poi ti devi vergognare e poi dovresti ri-avere diritto di parola……faccio un appello ai moderatori: moderate gli atei perché non sanno comportarsi civilmente!

        0
        • Fabrizio ha detto in risposta a Michele Santambrogio

          Non ti preoccupare, mi moderano, ad esempio gli asterischi nn li avevo mica messi, sai?

          0
        • Massimo Ponzoni ha detto in risposta a Michele Santambrogio

          Scuse? E per che cosa Michele? Fabrizio è già ampiamente perdonato.

          0
        • Pixel ha detto in risposta a Michele Santambrogio

          Moderarci perchè non sapremmo comportarci civilmente? E’ un giudizio eccessivamente di parte, no? Ora, non metto in dubbio che molti altri atei possano aver inserito commenti palesemente offensivi, ma se dobbiamo generalizzare allora io potrei dire che “voi cristiani” non siete da meno. In molti gruppi, blog e siti a sfondo ateo, con contenuti NON blasfemi nè offensivi, tantissimi presunti credenti hanno commentato con offese PESANTISSIME,insulti, e addirittura minacce. L’inciviltà non è un fenomeno di parte, è un male dilagante che purtroppo colpisce tantissime persone senza curarsi del loro credo (o dell’assenza di quest’ultimo).

          Detto questo, vorrei esprimere il mio parere sull’argomento trattato, ovvero la presunta certezza storica dell’esistenza di Gesù: non mi prendo la libertà di affermare che Gesù sia realmente esistito o meno, perchè ho letto solamente la Bibbia, senza mai cercare conferme storiche di ciò che in essa è scritto riguardo al “protagonista”, se così si può definirlo. Ciò che credo, però, è che se davvero Egli è esistito così come lo descrivono le Sacre Scritture, oggi probabilmente si pentirebbe di essersi sacrificato per noi. La Bibbia non afferma forse che Gesù predicava la pace e la tolleranza? A giudicare dal comportamento delle persone, religiosi e non, sono davvero pochi quelli che prendono alla lettera il suo messaggio. Pochissimi. Tolleranza vuol dire accettare le scelte altrui senza imporre il proprio pensiero, finchè gli altri fanno altrettanto. Da parte dei cristiani, spesso vedo episodi di discriminazione verso chi ha una diversa fede, una diversa etnia, diversi gusti sessuali o diverse opinioni. Da parte degli atei, vedo spesso i medesimi comportamenti. E’ difficile stabilire chi si comporti peggio, ma certamente la soluzione non è imporre le proprie idee a chi la pensa diversamente.
          Una persona che non crede in Dio può comunque aiutare una persona che ci crede a costruire una casa, se assieme mettono un mattone sopra l’altro. Così come può farlo un musulmano, un omosessuale, un nero, chiunque. Ma se si inizia a litigare per decidere chi ha il diritto di costruire quella casa e chi invece no in base agli ideali di una persona, la casa non verrà certo costruita rapidamente, forse non verrà mai completata. Capite dove voglio arrivare?

          Il messaggio ovviamente è rivolto a tutti, non solo ai credenti. Smettete di preoccuparvi di ciò che pensano gli altri e iniziate a cooperare, se il mondo va male è soprattutto per questo motivo.

          0
          • Gianma ha detto in risposta a Pixel

            Capiamo dove vuoi arrivare e sti discorsi populisti li ho sentiti così tante volte che mi viene la pelle d’oca dalla noia. Hai qualcosa da dire meno politicamente corretto?

            0
          • Raffa ha detto in risposta a Pixel

            Puoi portarmi le prove che “tantissimi presunti credenti offendono pesantemente”? Cominciamo ad essere meno banali postando le prove di quanto diciamo. Prego….vanno bene link e url

            0
          • Ponce ha detto in risposta a Pixel

            Iniziate a cooperare??? Ma se non fate nulla se non insultare il Papa? Ma avete mai creato una ong di aiuto nel Terzo mondo? Ma sapete cosa significa costruire una casa in Africa a titolo gratuito? Ma vergognati! Fazio è meno noioso di te!

            0
          • Norberto ha detto in risposta a Pixel

            Come mandare i messaggi voi atei non lo sa fare nessuno. Peccato che sappiate fare solo quello (eccezioni rarissime a parte).

            0
            • Pixel ha detto in risposta a Norberto

              Gente, non per criticare ma su 5 commenti ce n’è uno solo che fa un po’ la differenza, quello di raffa che giustamente chiede delle conferme visive prima di giudicare. Ora, se tutti ragionassero come ho suggerito, voi non sareste qui a darmi addosso solo per la mia mancanza di fede e nessuno avrebbe avuto motivo di lamentarsi per i commenti degli atei, perchè sarebbero stati totalmente privi di insulti o motivi di polemica. Come volevasi dimostrare.
              Ciò che differenzia una persona civile da una incivile non è la sua fede religiosa, ma la sua reale capacità di tollerare le opinioni altrui. E infatti, nel mio commento precedente non mi sono schierato a favore nè contro nessuno, anzi, credo di essere stato fin troppo super partes. Ma visto che l’avete preso come un attacco alla vostra fede, non ho altro da aggiungere. E se qualcun altro volesse delle conferme di ciò che ho scritto, dovrà fare come con la sua religione ed accettare la verità nelle mie parole unicamente per fede, senza bisogno di prove.
              Buona giornata.

              0
              • Ingrid ha detto in risposta a Pixel

                E’ inutile che te la prendi. Il tuo commento è sostanzialmente vuoto…dove vuoi arrivare? Non mi interessa il buonismo da 4 soldi, da qualunque parte venga. Inoltre credo che il fastidio venga dal fatto che sei uscito totalmente dal tema. Inoltre, le prove richieste da Raffa e Micky? Non dirmi che il tuo era solo un esempio ipotetico…

                0
                • Pixel ha detto in risposta a Ingrid

                  Non è affatto questione di buonismo, ma semplicemente di logica. Cooperare aiuta a progredire, dividersi in fazioni e litigare per decidere chi ha ragione invece crea solo problemi. Quanto alle prove, sono nuovo di questo sito ma immagino conosciate tutti facebook, vero? In molti dei gruppi che frequento vedo scene simili ma inverse, potrei copiare i link ma viste le reazioni credo sarebbero solo fonte di ulteriori discussioni per via degli argomenti trattati.

                  0
          • Michele ha detto in risposta a Pixel

            Grande messaggio Pixel, è vero dalla prima all’ultima parola.
            A parte una “piccola” cosa: no, non si pentirebbe di essersi sacrificato per noi, perché non lo ha fatto per “noi” ma per “ognuno di noi”, la differenza è piccola ma sostanziale. Grazie al Suo esempio ogni persona di questo mondo ha la possibilità di salvarsi, di seguire la Parola, se quindi lo facesse anche uno solo non avrebbe motivo di pentirsene.
            Ovviamente questo nell’ottica Cristiana, ma analizzare quella frase sotto altre ottiche non ha senso, in questo caso. Complimenti per il messaggio, comunque, ho già letto di simile un po’ ovunque ma è sempre bene ripeterlo fino alla nausea.

            0
            • Michele ha detto in risposta a Michele

              @Raffa: è un dato di fatto, basta farsi un giro di 5 minuti su facebook per trovare presunti cristiani che non fanno altro che insultare pesantemente gli atei, così come il contrario. Se né io nè te lo facciamo, però, allora non ci riguarda.

              0
            • Pixel ha detto in risposta a Michele

              Beh, il mio era solo un modo per enfatizzare il problema, probabilmente fuori luogo nonostante il tema proposto ^^

              0
    • Davide 1 ha detto in risposta a Davide 1

      Lui in piu’ di una occasione si e’ sempre dichiarato “di sinistra”.
      Su alcuni temi, in effetti, lo e’.

      0
  4. Simone ha detto

    ragazzi ma non diciamo baggianate! Ferrara è un cagnolino di Berlusconi e questo programma è una delle solite porcate del nostro presidente del consiglio! Da credente, sono quesi irritato, che quest’uomo parli di Gesù, quando non rispetta minimament ela sua parola!

    0
    • Rego ha detto in risposta a Simone

      Credo che si possa esprimere le proprie opinioni politiche senza insultare nessuno (“cagnolino”). Credente in cosa? Non in Cristo e nel Vangelo sicuramente.

      0
      • Massimo Ponzoni ha detto in risposta a Rego

        Come dice Rondoni molto saggiamente…non esistono i non credenti. Esistono i credenti in certe cose e i credenti in altre. Evidentemente Simone crede molto più nella politica e nelle divisioni che essa comporta piuttosto che nell’amore cristiano e nel perdono e la stima per il nemico. Non per un buonismo ma perché c’è, perché anche lui, che politicamente non la pensa come te, anche lui è voluto da un Altro.

        0
        • Fabrizio ha detto in risposta a Massimo Ponzoni

          Come dice Rondoni molto saggiamente…non esistono i non credenti. Esistono i credenti in certe cose e i credenti in altre.
          Che baggianata.
          Certo che esistono i non credenti e gli scettici, vuoi dire che un emperista radicale alla Hume è un credente?

          0
          • Davide 1 ha detto in risposta a Fabrizio

            Be’ se negli stati uniti gli atei vogliono un cappellano militare anche per loro …. puo’ essere.
            Notizia del New York Times americano.
            http://www.nytimes.com/2011/04/27/us/27atheists.html?_r=2&hp

            0
            • Mikhail Tal ha detto in risposta a Davide 1

              L’ho letto e faceva veramente ridere,ora poi abbiamo la conferma definitiva di quanto urlano le minoranze, in america gli atei sono il 5% dal 1936 e lì a commentare sono tutti atei!!!

              Certo che hanno dei servizi di informazione incredibili per arrivare sempre in massa a commentare, questo bisogna riconoscerlo.

              0
          • Massimo Ponzoni ha detto in risposta a Fabrizio

            Hume ha detto tante di quelle scemenze che non mi pare utile tirarlo in ballo. Chi non crede in Dio crede nel nulla, crede nel futuro misterioso della scienza, crede nella casualità, crede nell’ingiustizia della vita. Inoltre l’atto di fede è lo strumento che usiamo tutti tutto il giorno. Ci fidiamo degli amici, ci fidiamo della fidanzata e dei genitori, ci fidiamo continuamente di tutto senza alcuna dimostrazione, soltanto partendo da determinati segni. Non esiste un ateo che non abbia fede in qualcosa, magari nella politica come risposta ai problemi dell’uomo, magari nei soldi come risposta al bisogno dell’uomo, magari nel sesso come risposta all’istinto dell’uomo. Gli atei non esistono perché senza Dio il mondo si riempie di dèi.

            0
          • Michele ha detto in risposta a Fabrizio

            Hume credeva in molte cose, la stessa realtà dei sensi è un salto nel buio della fede.

            0
        • Simone ha detto in risposta a Massimo Ponzoni

          Ovviamente ognuno ha le proprie idee, da rispettare ed ognuno è libero di difenderle, ma voi forse non vi rendete conto in che stato è ridotta la politica italiana, proprio per questi personaggi! Qui non c’entra niente amare il nemico, il perdono ecc Mica io lo odio o non so cosa possiate pensare? Il problema è solo uno: L’Italia sta andando a brandelli e quest’uomo è uno di quelli, che ci sta fregando! E scusate se ho usato “cagnolino”…è un espressione comune! Chiamtele un dipendente di Berlusconi, come Fede, come Alfano, come Gasparri e chi più ne ha ne metta -.- siamo messi proprio male (prima di accusarmi, che sono di sinistra, vi dico che state sbagliando alla grande!)

          0
          • Gimmy ha detto in risposta a Simone

            Su questo posso essere d’accordo. Però se guardiamo ai temi veramente sensibili, come la bioetica, l’Italia è messa molto bene. Obama sarà anche fedele a sua moglie, ma è complice del milione e passa di aborti all’anno che avvengono negli USA. Inoltre chiamare la gente “cagnolina” o “dipendente” è molto diverso. Resto del parere che Ferrara si distingua molto da Emilio Fede.

            0
    • Tiziano ha detto in risposta a Simone

      Quoto in pieno. Bastava dire che Ferrara è molto vicino politicamente a Berlusconi e il programma è proprio brutto e inguardabile. Non fateci vergognare di come vi comportate e come vi esprimete per cortesia.

      0
      • Fabrizio ha detto in risposta a Tiziano

        Dire che era molto vicino a Berlusconi e chiamarlo cagnolino è ben diverso, dicendo “cagnolino si sottointende “servo”, e quindi si va a mettere in dubbio l’indipendenza di giudizio di Ferrara. Penso che Simone intendesse dire questo, mi corregga se sbaglio.

        0
        • Gianma ha detto in risposta a Fabrizio

          Dire che Ferrara non è indipendente nel giudizio o servo di un’altra persona è un’altra offesa. E non corrisponde alla realtà, tant’è che lo ha criticato più volte. E comunque si dica che “è dipendente da Berlusconi”, senza definirlo un animale. Anche gli atei, e perfino i razionalisti possono capire questo.

          0
          • Fabrizio ha detto in risposta a Gianma

            Infatti non lo penso. Penso che Ferrara sia il consigliere di B per i tempi di guerra, un uomo intelligente e astuto che sa come gira il mondo.
            Poi non lo stimo per nulla, ma non credo sia un servo, è ben di più.

            0
    • Genik ha detto in risposta a Simone

      Il programma è ottimo e spesso assai equilibrato. Plauso ai dirigenti rai!

      0
    • Francesco B. ha detto in risposta a Simone

      Quoto, Ferrara è uno che di gran trasformismo ne ha fatto. Spero solo che creda davvero a quello che dice.

      0
    • Davide ha detto in risposta a Simone

      Per una volta sono perfettamente d’accordo…

      0
  5. Phantom ha detto

    Impariamo a criticare ciò che dicono le persone e non le persone stesse.

    0
  6. Larry SFX ha detto

    uno zerbino resta sempre uno zerbino,
    se i tempi cambiano scommetto che quello torna improvvisamente comunista

    0
    • Mikhail Tal ha detto in risposta a Larry SFX

      Si vede che non hai mai letto il foglio o quello che pensa Ferrara o delle sue battaglie, costui è l’unico in italia che ha il coraggio di dire le cose che pensa senza dire che lo fa “per la gente” , per “il popolo” e altre cretinerie a cui siamo abituati da anni da certi “giornalisti” che si nascondono dietro al “non lo faccio per me , ma per voi” e sopratutto non è politically correct grazie a Dio!!!

      PS. non è comunista da più di 20 anni, mi pare abbastanza tempo , o ne servono altri??

      0
  7. Larry SFX ha detto

    a proposito, a chi ha letto il mio commento sulla Costituzione ungherese:
    io non ho mai letto né l’Unità (a me Concime de Gregorio mi sta sul ca**o) né il Fatto Quotidiano. Quello che più mi ha stupito, cari signori, è il modo in cui sono stato etichettato, solo perché a volte dico la mia non significa che io simpatizzi per la sinistra, dai!!!
    Io quei giornalacci lì neanche li tocco, in Italia non c’è più un’informazione libera e imparziale, sono tutti servi chi della sinistra chi del nano.
    Per quanto riguarda il “turarsi il naso” io ho l’impressione che si tende a volte di voler vedere solo quello che si vuol vedere.
    La costituzione ungherese mi lascia perplesso non per il riferimento a Dio (che è un bel riferimento, mica come in medio oriente che se non ci credi ti sparano) o per la tutela del feto (che ci vorrebbe anche in Italia, dove la leggina 194 voluta dalla Yena Bonino non l’ha mai letta nessuno né si sognano di applicarla), ma per le tendenze discriminanti verso i “non-Magiari” e il controllo della stampa e della giustizia da parte del governo.
    Ragazzi STIAMO ATTENTI! Se uno parla di Dio e contro l’aborto non è detto che sia un santo illuminato.

    PS: prima di darmi del comunista, del razionalista o di quello che vi pare, leggete anche questo: IO RISPETTO MOLTO QUESTO SITO. è uno dei pochi che non lecca il c**o a Berlusca e che ha il coraggio di recitare la parte di una voce che grida nel deserto. Io mi ritengo uno dei vostri, ma questo non vuol dire che PER FORZA dobbiamo condividere le idee, dopotutto il mondo è bello perché è vario, no?
    A proposito, mi potete spiegare come mai a un certo punto non si possono aggiungere commenti?

    0
    • Panthom ha detto in risposta a Larry SFX

      No Larry, nessuno ti etichetta. Ma a me non piace che una persona venga chiamata “nano” e venga insultata per le sue posizioni politiche. Voto tendenzialmente a destra o al centro perché mi fido di politici come Maurizio Lupi e Luca Volontè. Non simpatizzo con Berlusconi però non mi piace che si offendano le persone per quello che fanno o che non fanno. Possiamo metterci a criticarlo tutto il giorno anche noi ma non siamo autorizzati all’insulto, né a lui né a Ferrara. Il fatto che lo facciano tutti non è un buon motivo. Se ti piace questo sito aiutaci a renderlo diverso dagli altri, anche quando si tratta di parlare di argomenti politici.

      0
      • Panthom ha detto in risposta a Panthom

        Cmq non so chi ti abbia etichettato, qui non trovo neanche un tuo intervento.

        0
        • Massimo Ponzoni ha detto in risposta a Panthom

          Panthom, sono stato io a criticarlo invitandolo a leggere meno giornali di sinistra (che hanno gonfiato la notizia a dismisura) e ad approfondire l’articolo apparso su La Bussola Quotidiana, cioè questo: http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-se-il-corsera-scatenalodio-contro-lungheria-1661.htm .E’ a firma di Casadei, cattolico e profondo conoscitore dell’europa orientale. Mi sembra inutile riportare quanto scritto molto bene lì. Larry, il mio era un invito ad approfondire bene le fonti. Approvo infine il richiamo espresso da Panthom qui sopra.

          0
          • Larry SFX ha detto in risposta a Massimo Ponzoni

            ok ok, tutto a posto.
            sappi che la notizia l’ho appresa esclusivamente dal telegiornale e che io i giornali di sinistra non li leggo.
            cmq dai, siamo sulla stessa barca, se ci mettiamo ad insultarci a vicenda non ci comportiamo meglio degli invasatei.

            0
            • Massimo Ponzoni ha detto in risposta a Larry SFX

              Bene! Una cosa sola: dicendoti di non leggere solo i quotidiani di sinistra non intendevo insultarti, anche perché non credo che possa essere considerato un insulto.

              0
      • Larry SFX ha detto in risposta a Panthom

        D’accordo, farò del mio meglio 🙂

        0
  8. Giovanna ha detto

    se io dicessi: “non sono per niente filo-fascista, anzi… però devo dire che mussolini è stato un grande uomo e statista, e che in quel periodo in Italia ci voleva il suo regime e non saremmo nulla senza di lui!”
    quanta credibilità mi dareste?

    0
    • Maxim ha detto in risposta a Giovanna

      L’esempio è ovviamente una baggianata. Qualcuno può benissimo dire “Mussolini è stato un grande animale politico, determinante per le sorti dell’italia, ma non sono filo-fascista”. Ritenta, sarai più fortunata….

      0
  9. Paolo ha detto

    Non c’entra nulla con l’articolo, ma leggendo i commenti provo a fare chiarezza: Giuliano Ferrara era Comunista, poi è diventato Socialista, e infine s’è spostato verso destra. Alcuni dicono che cambiare idea è segno di intelligenza, altri affermano il contrario.

    Secondo me è una persona molto intelligente, ma la mia umilissima opinione è che la utilizza solo per fini personali e questa non è una qualità.

    0
« nascondi i commenti