Institute for Psychological Sciences: «non frequentare la chiesa rende infelici»

L’appartenenza alla Chiesa porta l’uomo a vivere una vita migliore, anche dal punto di vista fisico. Questi i risultati di una nuova ricerca, apparsa recentemente sull’Interdisciplinary Journal of Research on Religion, la quale affronta l’impatto che la riduzione della frequenza di partecipazione alla chiesa provoca sulla felicità nel mondo femmine degli Stati Uniti. E’ realizzata da G. Alexander Ross, docente dell’Institute for the Psychological Sciences in Virginia. Analizzando i dati raccolti dal General Social Survey durante gli anni 1972-2008, si è scoperto che buona parte della diminuzione di felicità tra le donne (maggiore rispetto agli uomini) in questo periodo è attribuibile al calo della frequenza alla chiesa. La ricerca -un estratto è apparso sul sito della Baylor University– ha anche dimostrato che le donne americane sono più propense degli uomini a partecipare regolarmente alle funzioni religiose. Diversi studi precendenti hanno osservato che frequentare la chiesa offre anche una protezione contro le tendenze anomiche ed egoistiche offerte dalla società moderna e permette un maggior contesto di benessere psico-fisico.  E’ evidente che il cammino cristiano permetta all’uomo di acquisire un adeguato significato e scopo da dare alla vita, e questo non può che giovare alla persona nella sua interezza, aiutandola a valorizzare la vita e perfino a valutare positivamente anche gli stess che si incontrano (Stark and Smith, 2010). La vita della chiesa, l’amicizia tra i cristiani, permette anche di costruire forti e sopratutto sane relazioni sociali, inibendo l’isolamento sociale (Baumeister and Leary, 1995). Sicuramente -continua lo psicologo- ciò è amplificato proprio nel cristianesimo, dove il rapporto tra Dio e l’uomo è basato sull’amore e sul perdono. La direzione causale -ci tiene a suggerire- può però essere invertita. Per esempio, l’infelicità di un individuo o la depressione possono inibire il suo desiderio di impegnarsi socialmente o scoraggiare la presenza in chiesa. Sicuramente è un influenza bidirezionale.

Nonostante quindi frequentare la chiesa sia sorprendentemente anche un antidoto verso gli effetti dannosi dei cambiamenti sociali (come la secolarizzazione)-continua lo psicologo Ross-, il numero di praticanti sembra essere diminuito rispetto a decenni precedenti, anche se potrebbe stabilizzarsi nei prossimi decenni (Miller and Nakamura, 1996; Presser and Chaves 2007). L’ipotesi che questa ricerca conferma, è che il declino della felicità femminile negli ultimi tre decenni e mezzo sia anche dovuto alla conseguenza del calo di una frequenza regolare in chiesa, indebolendo la concezione di un signfiicato e di un fine della propria vita, venendo così a mancare una prospettiva positiva e piena di speranza. Inoltre, i cambiamenti che la nostra società ha vissuto negli ultimi decenni, hanno avuto un impatto negativo sulla felicità delle donne e l’analisi conferma che  chi frequenta la chiesa risulta essere meno sensibile a tale impatto. In particolare, le donne che andavano in chiesa meno di una volta all’anno hanno visualizzato un significativo calo di felicità nel corso degli ultimi tre decenni e mezzo.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

6 commenti a Institute for Psychological Sciences: «non frequentare la chiesa rende infelici»

« nascondi i commenti

  1. simone zarri ha detto

    Che la mancanza di cristianesimo renda infelici non c’è bisogno di queste ricerche per capirlo. Basta guardare i danni che ha fatto la secolarizzazione sull’uomo e la felicità dei farmacisti (antidepressivi, ansiolitici, psicofarmaci ecc…)

    0
  2. capitan fede ha detto

    quindi ricapitolando: i non credenti mediamente vivono di meno e vivono peggio. Non hanno ragioni valide per affermare il loro credo e non riescono ad avere peso sociale. Interessante.

    0
  3. simone ha detto

    Pubblicazioni veramente interessanti. Ma quante ce ne sono????

    0
  4. Jerry52 ha detto

    Ricordo di aver letto, non mi ricordo dove, la storia di un uomo che aveva smesso di andare in chiesa. Lo andò a trovare a casa il suo pastore(era protestante) e si sedettero vicino al caminetto acceso. Il pastore prese con le molle un pezzo di brace e lo posò lontano dal fuoco. Poi rimasero insieme a vederlo spegnersi pian piano, mentre il resto del fuoco ardeva vigorosamente. L’uomo disse: “è la predica più efficace che abbia mai sentito!”. E tornò a frequentare la chiesa.

    0
    • simone ha detto in risposta a Jerry52

      Molto signficativa, è vero. Non si può che spegnersi lontano dal fuoco, magari qualche fiammata ma la vita è solo una malattia terminale.

      0
« nascondi i commenti