Adolf Hitler e il suo odio anticristiano e anticattolico

Recentemente è stato ristampato un interessante libro: Conversazioni a tavola di Adolf Hitler (Goriziana 2010). Quest’opera, riporta lo scrittore Francesco Agnoli su Il Foglio, non dice nulla di sostanzialmente nuovo per chi abbia affrontato testi fondamentali del nazismo, come il “Mythus” di Alfred Rosemberg, le memorie di Albert Speer, i diari di Goebbels, le conversazioni di H. Rauschning, i discorsi di Walter Darrè ecc..

Hitler era un fierissimo avversario della visione biblica, cioè dell’idea di un Dio Creatore del cosmo, come della dottrina cristiana della fratellanza fra gli uomini, figli di un unico Padre. Sono idee ben conosciute dallo storico, ma non dalla vulgata, se è vero come è vero che non di rado si può sentire qualche anticristiano contemporaneo ripetere, come un disco rotto: “Ma Hitler era battezzato e ha avuto un’infanzia cattolica!” (come d’altraparte l’ha avuta anche Odifreddi, se è per questo). Citiamo qualche frase del dittatore contenuta nel libro, pronunciata non in modo pubblico ma quando era impegnato ad istruire i suoi ospiti, in tutta libertà, cioè non vincolato da considerazione di opportunità politica o di strategia mediatica.

Nelle sue conversazioni a tavola egli ricordava il suo professore di religione, l’abate Schwarz: «Lo provocavo ponendo domande imbarazzanti sulla Bibbia, poiché non potevo sopportare tutte quelle ipocrisie. Ho ancora dinnanzi quello Schwarz col suo naso lungo. Guardandolo vedevo rosso. E ricominciavo peggio di prima. Appena mia madre venne a scuola, egli si precipitò su di lei per spiegarle che ero un’anima perduta».

La notte tra l’11 e il 2 luglio 1941, Hitler dichiarava: «Il colpo più duro che l’umanità abbia ricevuto è l’avvento del cristianesimo. Il bolscevismo è un figlio illegittimo del cristianesimo. L’uno e l’altro sono un’invenzione degli Ebrei». Il cristianesimo -proseguiva, dopo aver esaltato “Giuliano il Grande” e deplorato “Costantino l’Apostata”-, è «un’invenzione di cervelli malati», un insieme di «mistificazioni ebraiche manipolate dai preti», la «prima religione a sterminare i suoi avversari in nome dell’amore»; è intollerante, inganna il popolo, contraddice la ragione e «lo sviluppo scientifico»; proclama un egualitarismo iniquo, diffonde l’idea pericolosa e nociva dell’aldilà e di un Dio trascendente (in contrasto, a suo dire, con «la teoria dell’Evoluzione»); venera «il volto contorto di un crocifisso»; separa l’uomo dalla materia, mentre «non esiste alcuna frontiera tra l’organico e l’inorganico»… Quanto ai preti, sono «aborti in sottana», «brulichio di cimici nere», «rettili»: è la Chiesa cattolica stessa che «non ha che un desiderio: la nostra rovina». Così parlava Hitler, mentre tesseva l’elogio del vegetarianesimo e descriveva l’uomo come «il microbo più pericoloso che si possa immaginare».

Una domanda, conclude Agnoli: dopo i lager e i gulag atei e anticristiani, dopo il comunismo e il nazionalsocialismo (nato dall’anticristiana rivoluzione francese), è ancora possibile fare a meno di Dio?

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

11 commenti a Adolf Hitler e il suo odio anticristiano e anticattolico

« nascondi i commenti

  1. Eleonora33 ha detto

    Facile parlare della religione davanti alle folle… Poi però come dimostranon queste testimonianze la vera posizione è un’altra

    0
    • EnricoBai ha detto in risposta a Eleonora33

      Infatti nessuno storico serio sostiene che Hitler avesse a che fare col cristianesimo. Sono leggende montate da chi ci odia ed è ora che i laici si sveglino e magari che i sacerdoti -che fino ad ora hanno fatto moltissimo e benissimo- lascino loro spazio

      0
    • Luca Pavani ha detto in risposta a Eleonora33

      L’adesione alla chiesa è sempre stata usata per invogliarsi i popoli. Questi libri che mostrano i discorsi privati sono fondamentali, molto più importanti dei discorsi diplomatici.

      0
  2. Mandi ha detto

    Quando mi dicono “… come fai a credere in Dio dopo gli orrori del ‘900?!” io rispondo “… come fate a credere all’uomo semmai…”

    0
    • EnricoBai ha detto in risposta a Mandi

      Come si fa a divinizzare la ragione tra l’altro? Senza Dio è l’uomo che si eleva a Dio e tanti dei assieme non possono che combattersi. Questa è la sintesi del ‘900

      0
  3. Lucy ha detto

    Mi fa ridere pensare che Richard Dawkins e Pippo Odifreddi hanno tante cose e tanti pensieri in comune con Hitler. In fondo il primo è stato più coerente perché ha applicato ciò che pensava, gli altri due sono solo -per fortuna- dei chiaccheroni.

    0
  4. Francesco ha detto

    Beh d’altro canto Hiter l’ha sempre detto che per essere tedesco (nella sua visione aberrante di “tedeschità”) non si può essere cristiani…

    0
    • LucaPavani ha detto in risposta a Francesco

      Il nazismo e il nazionalsocialismo sono proprio l’emancipazione dal cristianeismo.

      0
      • Esaki ha detto in risposta a LucaPavani

        I Nazisti erano tutti esoteristi che si rifacevano a tradizioni druidiche e cristiane, sono loro che hanno cercato di assorbire la chiesa, mica la chiesa ha dato origine ha quell’ibridazione.

        0
  5. Amadigi ha detto

    Se può interessarvi su questo 3d sono è stato raccolto diverso materiale sull’argomento: http://forum.politicainrete.net/cattolici-romani/70971-hitler-era-cattolico.html

    0
« nascondi i commenti