Megascritta sul Pirellone di Milano: «salviamo i cristiani in Iraq»

La megascritta “Salviamo la vita dei cristiani in Iraq e nel mondo” è stata affissa all’esterno del Pirellone, sul lato che si affaccia su piazza Duca d’Aosta (uno dei luoghi più “affollati” della città), per esprimere il dissenso della Regione Lombardia nei confronti delle ingiuste condanne e persecuzioni che i cristiani nel Medio Oriente stanno subendo oramai da diversi anni. «Questa iniziativa vuole abbattere il muro di indifferenza per le esecuzioni dei cristiani nel mondo – ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni – Il fenomeno è in crescita: circa il 75 per cento delle esecuzioni del mondo sono dirette contro i cristiani. La Regione scende in campo per chiedere iniziative forti al governo italiano e all’Unione europea». Un’iniziativa molto intelligente poiché con una spesa ridicola si è lanciato un messaggio che sta avendo un eco molto importante. Roberto Formigoni ha detto che scriverà una lettera al segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, per comunicargli che «la Lombardia crede nel valore della persona e per ribadire che i lombardi si stanno impegnando e sono pronti a impegnarsi per fare iniziative forti che fermino la mano assassina di chi uccide i cristiani nel mondo». Il riferimento è anche al caso di Asia Bibi, la donna pachistana che rischia la condanna a morte per aver sostenuto la sua fede cristiana in terra islamica.

In un video sul sito de Il Corriere della Sera, il Presidente Formigoni e altri collaboratori, spiegano le ragioni dell’iniziativa regionale.

Da Youtube invece preleviamo un video amatoriale….

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

____________________________________