Crolla il numero di aborti e cresce quello dei medici obiettori (80%)

Nonostante l’attivismo di Carlo Flamigni il numero delle interruzioni di gravidanza in Italia continua a calare. Ma il dato interessante è che in alcune regioni (tra cui Lazio, Veneto e Campania) la percentuale di ginecologi “contrari” supera l’80%. 7 su 10 sono infatti obiettori di coscienza. La crescita costante è certificata nella Relazione annuale sulla interruzioni volontarie di gravidanza, presentata nei giorni scorsi al Parlamento dal ministero della Salute. La Repubblica informa che nel 2005 i ginecologi obiettori erano il 58.7%, nel 2006 sono saliti al 69.2%, nel 2007 al 70.5% e nel 2008 al 71.5%. Gli anestesisti sono invece passati dal 45.7% del 2005 al 52.6% del 2008, e il personale non medico è passato dal 38.6% nel 2005 e il 43.3% nel 2008. Queste le percentuali nelle Regioni: Lazio 85.6%, Basilicata 85.2%, Campania 83.9%, Molise 82.8%, Sicilia 81.7% e Veneto 80.8%. Le regioni con il minor numero di ginecologi obiettori sono Val d’Aosta (18,2%), l’Emilia Romagna (51,6%), la Sardegna (55%) e la Toscana (59,6%). Uguale il discorso per gli anestesisti.

Se gli obiettori crescono, gli aborti continuano a diminuire. Nel 2009 sono state effettuate 116.933 interruzioni volontarie di gravidanza, con un decremento del 3.6% rispetto al dato definitivo del 2008 (121.301 casi) e un crollo del 50.2% rispetto al 1982, anno in cui si è registrato il più alto (234.801 casi).

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

____________________________________