Perché molti giovani lasciano la Chiesa? Le risposte in uno studio

Abbandono della Chiesa da parte dei giovani. La causa principale non è negli scandali dei pastori ma nell’incapacità degli adulti (genitori, educatori, sacerdoti) di curare le loro ferite, di essere credibili testimoni.

 

Uno studio biennale realizzato dal Center for Applied Research in the Apostolate presso la Georgetown University (CARA), offre uno sguardo sui motivi per cui diversi giovani si allontanano dalla Chiesa, già all’età di 13 anni. E’ un problema noto alla Chiesa, tanto che Papa Francesconell’aprile 2017– si è rivolto con queste parole ad alcuni ragazzi in procinto di cresimarsi: «La Cresima è il Sacramento dello Spirito Santo, non è il Sacramento dell”‘arrivederci, eh? Dopo la Cresima si deve continuare a venire in Chiesa!».

Il 74% dei 214 ex cattolici USA intervistati dal citato studio (tra i 15 e i 25 anni), ha dichiarato di aver deciso di lasciare la Chiesa tra i 10 e i 20 anni e «molti di essi non hanno mai parlato dei loro dubbi e delle loro domande con i genitori o i sacerdoti», ha riportato John Vitek, uno dei principali autori dell’indagine. Molti dei giovani ex cattolici intervistati rientrano nella categoria sociologica dei “nones” (persone prive di affiliazione religiosa), mentre solo il 14% si etichetterebbe come ateo o agnostico. Il 21%, invece, dice di essere “rinato” o cristiano evangelico. Tuttavia, «la grande maggioranza dei giovani che si sono disillusi dalla Chiesa cattolica credono ancora in Dio e la maggior parte desidera ancora essere parte di un qualche tipo di comunità religiosa».

Ascoltando le loro motivazioni, i ricercatori hanno rilevato tre archetipi di disaffezione cattolica: il “ferito”, il “vagabondo” e il “dissidente”.
I “feriti” sono giovani che hanno vissuto un disagio o una tragedia in cui Dio sembrava essere assente. Nonostante le loro preghiere, la realtà si sarebbe rivelata negativa: un giovane, per esempio, ha ricordato la famiglia in preghiera per il nonno malato, «tutti pregavano per lui e lo facevo anche io, però non ci fu niente da fare per aiutarlo e quello fu il mio primo scetticismo».

I “vagabondi“, invece, raggruppano coloro che hanno spesso avuto problemi a collegare la propria identità di cattolici battezzati alle concrete esperienze di vita: non hanno ritrovato in loro stessi una motivazione valida del perché essere cattolici e così, pian piano, si sono allontanati. I ricercatori hanno sottolineato l’influenza che i genitori possono avere su questo abbandono dalla Chiesa quando si sentono inadeguati a spiegare le ragioni e l’importanza della fede.

La categoria dei “dissidenti” raccoglie i giovani che ad un certo punto sono entrati in disaccordo con l’insegnamento della Chiesa su tematiche etiche, sopratutto per quanto riguarda il controllo delle nascite, il matrimonio tra persone dello stesso sesso e la sessualità in generale.

Quasi nessuno ha giustificato l’abbandono parlando degli scandali che hanno negativamente coinvolto a livello mediatico la Chiesa (come le questioni economiche-finanziarie e la pedofilia) o stimolati dall’apologetica ateista. La causa principale, invece, sembrano essere le ferite che non vengono adeguatamente curate da genitori, educatori e sacerdoti: «un giovane può prima avere un’esperienza dirompente che fa sì che si senta ferito in qualche modo», ha commentato Vitek, «questa mancanza può poi indurre il giovane a dubitare della fede e il dubbio irrisolto può portare ad allontanarsi»

La questione fondamentale appare essere la mancanza di testimoni credibili ed autorevoli tra gli adulti. Non basta indurre i ragazzi a fare presenza alla “vita cattolica”, limitarsi a portarli (o trascinarli, a volte) a Messa alla domenica o iscriverli al catechismo. Da questo studio emerge che il compito degli educatori è di essere tali, cioè saper dare le ragioni per cui loro stessi (genitori, catechisti, sacerdoti) scelgono ogni giorno di appartenere a Dio e non al mondo. Se l’avvenimento cristiano non genera una novità esistenziale e visibile nella persona, rimarrà qualcosa di esterno e ci si troverà incapaci di generare frutto. Forse si sapranno dare informazioni teoriche sulla dottrina, ma senza diventare entusiasti testimoni capaci di rimarginare le ferite ed i dubbi dei giovani, attraverso la propria vita (prima ancora che con le parole).

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

180 commenti a Perché molti giovani lasciano la Chiesa? Le risposte in uno studio