Povero Odifreddi, cacciato dai matematici e dai letterati

Odifreddi convertitoEffettivamente ci stavamo domandando che fine avesse fatto l’amico integralista Piergiorgio Odifreddi, ora che “Repubblica” è diventata il bollettino parrocchiale di Papa Francesco ammettiamo la sua mancanza.

Certo, non possiamo negare che Massimo Gramellini e Curzio Maltese ci provino quotidianamente a mantenere viva la fiammella dell’anti-teismo, ma l’unico risultato è farci rimpiangere i bei tempi del matematico incontinente. Siamo dunque contenti che sia tornato per un attimo alla ribalta: nei giorni scorsi è stato infatti nominato tra i candidati alla presidenza della giuria del premio letterario Campiello.

Tuttavia, diversi intellettuali si sono indignati per la possibilità che Odifreddi potesse diventare presidente di un così celebre premio letterario, d’altra parte uno che scrive: «Saremo veramente liberi solo quando potremo sputare equamente non solo su Maometto e il Corano, ma anche su Mosè e Gesù e sulla Bibbia», non può certo essere presidente di nulla. Ed infatti è stato rimandato a casa e stizzito ha scritto un articolo sul suo blog: «non sono per nulla “stizzito”, come titola Il Corriere del Veneto: semmai, sono sollevato […] i premi letterari sono dei “covi di vipere” […] la prossima volta che qualcuno verrà a propormi di partecipare in qualunque modo a un premio letterario, sappia che allora potrei stizzirmi per davvero».

Ora che è stato escluso dice peste e corna del premio letterario, ma pochi giorni fa, saputo di essere nominato tra i candidabili, aveva addirittura diffuso un comunicato stampa di gioia per la notizia: «Sono onorato di essere stato scelto a presiedere la Giuria dei Letterati […]. Non so se già quest’anno sarà la volta buona per un vincitore matematico, ma un presidente della categoria potrebbe essere lo stimolo per qualche giovane». E’ come la volpe che, non riuscendo ad acchiappare l’uva, se ne va giustificandosi con il fatto che era troppo acerba.

Le critiche a Odifreddi si sono in particolare concentrate sul fatto che sarebbe antisemita e negazionista: ci si riferisce ad alcune sue dichiarazioni contro Israele e sul fatto che secondo lui «le camere a gas sono un’opinione». UCCR è stato l’unico a difenderlo, allora, spiegando che le innumerevoli accuse di negazionismo piovutegli addosso erano ingiuste e sbagliate. Odifreddi è semplicemente incompetente, voleva infatti solo affermare che è la scienza l’unica ad offrire la “verità” e il resto dei saperi offrono soltanto mere opinioni. Era intervenuto allora il “Festival delle scienze” a smontare il suo razionalismo scientista: «le scienze storiche, nonostante non siano solo caratterizzate da un approccio sperimentale sono da considerarsi scienze in senso stretto e le conclusioni a cui giungono hanno pari valore di quelle a cui giungono quelle sperimentali. Da questo punto di vista, tornando alle affermazioni di Odifreddi, non solo la storiografia, ma anche le testimonianze e le certificazioni giuridiche hanno dimostrato senza ombra di dubbio la drammatica verità di quella che è stata una delle più grandi tragedie della storia dell’uomo».

A proposito di Festival, per Odifreddi non è la prima volta che viene respinto: gli era già capitato nel 2009 quando a cacciarlo era stato, questa volta, il “Festival della Matematica”.

Allontanato dai letterati e dai matematici, possiamo però concedergli uno spazio qui su UCCR, se lo desidera. Sappiamo infatti che è un nostro fidato lettore, tanto che sul suo sito web ha addirittura creato una pagina dedicata tutta a noi. Dai, Piergiorgio, pensaci.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

81 commenti a Povero Odifreddi, cacciato dai matematici e dai letterati

« nascondi i commenti

  1. Riccardo ha detto

    È vero, se ne sentiva la mancanza.

    In fin dei conti Odifreddi è rassicurante come una copertina di lana.

  2. Dario* ha detto

    Onestamente mi fa un po’ di compassione. Per il resto, sono relativamente sollevato dal sapere che non sia tra la giuria del Campiello (viva il buonsenso) ma, in tutta onestà, mi fa molto più impressione il fatto che inizialmente lo avessero scelto. Poi ci si chiede perché la letteratura italiana moderna faccia schifo…

  3. Ubi Deus ibi pax ha detto

    Redazione UCCR:

    «sul suo sito web ha addirittura creato una pagina dedicata tutta a noi»

    Mamma mia! Un uomo che è capace di modificare la propria pagina su Wikipedia più di 100 volte (come dimostra la stessa cronologia di modifiche) fregandosene delle stesse regole di Wikipedia, e dimostrando un cattivo gusto senza pari, evidentemente si compiace anche delle critiche più motivate e inoppugnabili.

    Viste le recenti dichiarazioni penserà forse pure: “Molti nemici, molto onore”? 🙁 🙁

    • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

      «Un uomo che è capace di modificare la propria pagina su Wikipedia più di 100 volte (come dimostra la stessa cronologia di modifiche)»

      Ho “esagerato”: le modifiche sono state “solo” 74… 🙁 🙁
      http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Piergiorgio_Odifreddi&limit=500&action=history

      dalla primissima del 1° settembre 2009:
      (corr | prec) 00:49, 1 set 2009‎ Odifreddi Piergiorgio (Discussione | contributi)‎ . . (20 079 byte) (+48)‎ . . (→‎Polemiche)

      all’ultima del 10 gennaio 2014, con tanto di motivazione
      (corr | prec) 15:52, 10 gen 2014‎ Odifreddi Piergiorgio (Discussione | contributi)‎ . . (38 629 byte) (-204)‎ . . (→‎Saggi divulgativi: cancellati due riferimenti a opuscoli tratti da dvd, che non sono libri)

      O_O

    • Katy ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

      E ha già aggiornato la sua pagina web con questo articolo: http://www.piergiorgioodifreddi.it/in-evidenza/dossier/lo-scherzo-delluccr/2014-2

    • ratioman ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

      Potreste indicarmi l’indirizzo della pagina web dedicata all’UCCR? Purtroppo ho trovato solo il link che rimanda a questa pagina ed ero interessato a leggere le opinioni di Odifreddi su questo sito.
      Ringrazio anticipatamente.

      • Hugo ha detto in risposta a ratioman

        Le paroline in violetto nel testo si chiamano collegamenti ipertestuali che ti apriranno il mondo delle fonti. Se clicchi su “ha addirittura creato” verrai trasportato qui: http://www.piergiorgioodifreddi.it/in-evidenza/dossier/lo-scherzo-delluccr

        Se tu ti fai chiamare rationman, non voglio pensare come sia messo irratioman… 😉

        • ratioman ha detto in risposta a Hugo

          In realtà speravo che fosse qualcosa di più di una banale pagina di collegamenti. Ero sinceramente interessato alle opinioni di Odifreddi su questo sito e mi aspettavo di trovare qualche commento o risposta alle questioni che lo riguardano presentate su questo sito. Non pensavo di suscitare ironia con una domanda tanto semplice; evidentemente ho difficoltà a calibrare i toni se risulto così provocatorio. Purtroppo non riesco proprio ad usare le faccine (si, lo so che si chiamano emoticon), è più forte di me.

          • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a ratioman

            ratioman:

            «In realtà speravo che fosse qualcosa di più di una banale pagina di collegamenti.»

            Lamentati con te stesso allora!

            «Ero sinceramente interessato alle opinioni di Odifreddi su questo sito e mi aspettavo di trovare qualche commento o risposta alle questioni che lo riguardano presentate su questo sito.»

            Direi allora che non ti ricordi neppure come hai nominato la pagina da te creata sul tuo sito, ossia: http://www.piergiorgioodifreddi.it/in-evidenza/dossier/lo-scherzo-dellUCCR… “Lo scherzo dell’UCCR”, in piena coerenza con la tua spocchia scientista.

            «Non pensavo di suscitare ironia con una domanda tanto semplice; evidentemente ho difficoltà a calibrare i toni se risulto così provocatorio. Purtroppo non riesco proprio ad usare le faccine (si, lo so che si chiamano emoticon), è più forte di me.»

            Ma gli pseudonimi (sì, lo so che si chiamano nickname, ma è più forte di me) scientisti non hai problemi ad usarli. Cosa avrebbero di più nobile di un’emoticon?!

    • ratioman ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

      Potrebbe indicarmi quali regole di Wikipedia Odifreddi ha disatteso?
      La ringrazio anticipatamente.

      • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a ratioman

        Benvenuto tra noi, Piergiorgio (voglio sperare sia tu in persona a porre una domanda tanto ingenua!).

        Presto fatto:

        Writing an autobiography on Wikipedia is strongly discouraged

        http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Autobiography
        http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Autobiografie

        È abbastanza intuitivo che il famoso “punto di vista neutrale” così fortemente ricercato da Wikipedia (a volte con scarsi risultati, ammettiamolo pure) è difficilmente ottenibile quando l’autore della voce è anche la persona che si vuole descrivere.

        • gladio ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

          Che Ratman sia davvero Odifreddi? Beh nel caso dovremmo sentirci tutti quanti onorati, non credi?

        • Riccardo ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

          Io avevo sospettato che fosse lui da questo intervento: http://www.uccronline.it/2015/02/04/povero-odifreddi-cacciato-dai-matematici-e-dai-letterati/#comment-155216

          ratioman alla riscossa!

        • ratioman ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

          Ringrazio per il riferimento, non lo avevo mai letto.
          Vorrei ribadire il concetto espresso in un mio commento precedente, cioè che mio malgrado risulto provocatorio quando non intendo esserlo (volevo sinceramente capire quale fosse la norma a cui si faceva riferimento).
          A questo punto vorrei sapere (e temo di risultare ancora una volta provocatorio mio malgrado) come avrei dovuto formulare la domanda senza sembrare provocatorio. Possibilmente senza l’utilizzo di emoticon che trovo veramente insopportabili.
          Per replicare nel merito pare sia fortemente sconsigliato e non assolutamente proibito; inoltre pare che le correzioni abbiano retto a revisioni successive. Ravviso più un puntiglioso egocentrismo che una prassi scorretta.

          • Riccardo ha detto in risposta a ratioman

            “Ubi Deus ibi pax” non ha definito provocatoria la tua domanda, ma ingenua, peccando in tal modo egli stesso di ingenuità, nel presumere che l’interlocutore fosse a conoscenza delle regole di wikipedia.
            Forse sarebbe bastato che premettessi alla tua domanda il tuo grado di conoscenza delle regole di wikipedia.

            • ratioman ha detto in risposta a Riccardo

              Penso che risulterebbe stilisticamente pesante premettere il proprio grado di conoscenza rispetto ad un argomento qualsiasi ogni volta che si pone una questione, senza contare la difficoltà nel quantificare il grado di conoscenza di qualcosa che non si conosce bene; da qui la necessità di porre la domanda.
              Personalmente quando qualcuno mi pone una domanda così chiara e circostanziata tendo a rispondere senza inutili commenti.

            • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a Riccardo

              @ Riccardo:

              vista la quantità di tempo che Piergiorgio dedica a Wikipedia supponevo si fosse preso perlomeno la briga di leggerne il regolamento…

              Ma comunque, a prescindere dal regolamento di Wikipedia, non mi risulta esistano enciclopedie che chiedano alle persone le cui vite si vogliano tratteggiare di produrre una loro breve autobiografia ad hoc.
              Insomma, non ci voleva Wikipedia per capire che una voce enciclopedica su Piergiorgio Odifreddi non dovesse essere scritta da Piergiorgio Odifreddi… 😉

              Comunque sì, ho peccato di ingenuità ragionando del nostro amico scientista.

          • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a ratioman

            ratioman:

            «Per replicare nel merito pare sia fortemente sconsigliato e non assolutamente proibito;»

            Anche perché, come saprai bene visto che ci passi buona parte del tuo tempo libero, è piuttosto improbabile che altri autori di voci di Wikipedia che siano anche le persone descritte in quelle date voci abbiano altrettanto cattivo gusto da iscriversi a Wikipedia col proprio nome, ben sapendo che non si tratta di autobiografie ma di un’enciclopedia.

            E nel più completo anonimato in che modo potrebbero capire, gli amministratori e i moderatori di Wikipedia, che quella pagina su X è stata modificata proprio da X?

            Da ciò lo “sconsigliare” anziché l’inutile “proibire”. Era così difficile immaginarlo (Piergiorgio?)?

            «inoltre pare che le correzioni abbiano retto a revisioni successive.»

            Tutte e oltre le 70 modifiche che hai apportato? Sicuro? Non mi va affatto di verificare, chiedo a te che lo sai benissimo…

            «Ravviso più un puntiglioso egocentrismo che una prassi scorretta.»

            No, è sia un puntiglioso egocentrismo che una prassi scorretta, e lo sai bene.

  4. giovanni ha detto

    Massì, ma che mi interessa, tanto è un premio letterario ancora acerbo… 😀

  5. Vahe Lazaryan ha detto

    Bella l’ultima frase: « … possiamo però concedergli uno spazio qui su UCCR … »! 🙂

    • Licurgo ha detto in risposta a Vahe Lazaryan

      Per me se gliela offrite la prende! Poi però basta che non gli fate lo scherzetto del Premio Campiello, sennò poi si ammala.

  6. Licurgo ha detto

    ” (…) non può certo essere presidente di nulla, a parte il club dei ruttatori dilettanti sloveni”

    Non sapevo che gli sloveni avessero una forte tradizione di ruttatori dilettanti! 🙂

  7. Alessandro M. ha detto

    Se posso spezzare una lancia in favore di Odifreddi – che per il resto mi sta abbastanza antipatico e che, meriti scientifici a parte – stimo pochissimo, mi sembra che qui abbia le sue ragioni. Odifreddi “negazionista” (se è vero) non ha più valore di Odifreddi scrittore di saggi sulla religione e soprattutto non ha attinenze particolari con il premio.
    E comunque non capisco il senso di questo articolo: non è che dobbiamo criticare Odifreddi per partito preso, qualunque cosa egli faccia.

    • Carlo Trevisan ha detto in risposta a Alessandro M.

      è una persona schifosa, nelle sue affermazioni contro tutto e tutti, in particolare verso disabili, persone povere, ebrei e quant’altro.
      è una persona costantemente contradditoria.
      dovrebbero ficcarlo al centro di una sputacchiera, e invece qui ne parlano fin troppo bene.
      sembra un simpatico buffone da come lo descrivono… fossi in lui ringrazierei questa pagina.

      • gladio ha detto in risposta a Carlo Trevisan

        Piano Trevisan con certi aggettivi…Se non altro il buon Piergiorgio combatte indossando una ” divisa” e sotto una ” bandiera” entrambe ben identificabili.

        Pertanto certi epiteti li riterrei più adatti a certi personaggi che fanno la guerra, diciamo così, in
        “borghese “, quelli che , tanto per fare un esempio, portano avanti iniziative ( quelle si schifose) volte alla demolizione non solo della famiglia ma anche di quello che nella società c’ è ancora di sano, e tutto ciò lo fanno proclamandosi “cattolici” , cosa questa più schifosa ancora. (Solo per pura carità di Patria evito di dire che uno di questi è proprio il sindaco di Roma).

        Eppoi, siamo onesti, con Piergiorgio quattro sane risate ce le facciamo sempre mentre con certi individui la voglia di ridere svanisce all’ istante.

    • Panthom ha detto in risposta a Alessandro M.

      Parlare di “persona schifosa” mi sembra decisamente di cattivo gusto, il rispetto lo dobbiamo a tutti anche a chi ha costruito la sua carriera insultando chi ha fede.

      Rispondendo ad Alessandro, anche guardando l’immagine usata credo si faccia della pura satira su una persona vemmentemente anticlericale. La satira fa riflettere e in questo caso porta a dire: “Ah, ecco che basso profilo hanno gli anti-teisti”.

  8. andrea g ha detto

    Tremendo l’ego autonomo da DIO; sicuramente Odifreddi è
    contento anche di questo articolo: privi di DIO, siamo
    ridotti a questo: “parlate di me, anche male, ma di me”.
    La vicenda del triste matematico è davvero rivelatrice
    della solitudine intrinseca al pensiero ateistico.

    • free ha detto in risposta a andrea g

      A caso, della serie facciamo di tutta l’erba un fascio, Odifreddi si comporta in un certo modo = tutti gli atei sono così. Mi sembra giusto, mi fanno pena i ragionamenti del genere.

      • Annalisa ha detto in risposta a free

        Su questo ha perfettamente ragione. Il punto non è credente vs non credente, ma persona di idee aperte vs ottuso o, se preferisce, intelligenza vs povertà di spirito, anche con altre varianti…

      • FREEZER75 ha detto in risposta a free

        Forse ti faranno pena le persone che li fanno..

        Sicuramente non tutti gli atei si comportano in modo cosi eclatante ed anticlericale come Odifreddi, ma diversi oggettivamente hanno una comportamento simile

        • free ha detto in risposta a FREEZER75

          Non mi fanno pena le persone che li scrivono, ma esistono ragionamenti più o meno intelligenti. Io mi sono espresso su questo in particolare, ma parlo solo di ragionamento, non mi permetterei mai di giudicare qualcuno che non conosco. Comunque non ha senso dire “diversi oggettivamente”, giacché tutto si basa sulle esperienze personali che uno ha vissuto, o forse stai parlando di personalità “famose”?. Secondo me l’ateismo fine a se stesso non porterebbe mai ad azioni eclatanti e anticlericali.

          • FREEZER75 ha detto in risposta a free

            “Comunque non ha senso dire “diversi oggettivamente”, giacché tutto si basa sulle esperienze personali che uno ha vissuto, o forse stai parlando di personalità “famose””
            No mi riferisco a persone Atee che conosco personalmente

            “Secondo me l’ateismo fine a se stesso non porterebbe mai ad azioni eclatanti e anticlericali.”
            Dipende cosa intendi con ateismo fine a se stesso ma secondo me, la realtà dice spesso l’opposto

    • Panthom ha detto in risposta a andrea g

      Si anch’io credo che generalizzare in questo modo non serva assolutamente a nulla.

      • andrea g ha detto in risposta a Panthom

        Un ateo intelligente come Sartre definiva l’uomo
        “una passione inutile”.
        E’ ovvio che chi si ritiene certo che la propria
        vita concluda nel nulla sia esistenzialmente triste.

        • free ha detto in risposta a andrea g

          Un’altro ragionamento a caso, come il precedente ma sostituendo Sartre ad Odifreddi credendo così di avere un impatto maggiore, perché si sa, Sartre è condiviso da tutti gli atei! Sinceramente non vedo come un’affermazione del genere possa essere ovvia; semplice controesempio: io credo che la mia esistenza cosciente si concluda nel nulla (quella materiale durerà probabilmente un’eternità), nonostante ciò sono esistenzialmente felice :). E non mi venite a chiedere il motivo per cui commento sotto questo articolo perché mi ci ha mandato un amico su facebook.

          • FREEZER75 ha detto in risposta a free

            Un ragionamento “a caso” mi verrebbe da dire che ragionamento non è…

            Quello che dice andrea a mio avviso non è una ovvietà assoluta, ma una probabile connessione tra il condurre una vita senza “Dio” e una esistenza che spesso viene sentita come inutile e triste

            • free ha detto in risposta a FREEZER75

              Ma infatti con “a caso” mi riferivo al messaggio a cui ho risposto, che non è un ragionamento ma un’opinione, come può infatti essere ovvio?
              Comunque se tu ci vedi una probabile connessione, altri potrebbero non concordare. Se vuoi ti offro il mio punto di vista, mi fa sempre piacere discutere con chiunque pesi le proprie parole in maniera adeguata e si avvale della ragione, ma credo che la libertà di pensiero faccia piacere a tutta l’umanità, non solo a me :).

          • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a free

            @ free:

            «E non mi venite a chiedere il motivo per cui commento sotto questo articolo perché mi ci ha mandato un amico su facebook»

            Però dubito che il tuo amico ti abbia chiesto di commentare anche l’altro articolo sulla fede nell’Aldilà del Neanderthal. Quindi siamo tutti onorati della tua permanenza in questo blog! 😉

            • free ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

              In realtà sì ahahah, però è vero può sembrare strano. 😛

              • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a free

                free:

                In realtà sì ahahah, però è vero può sembrare strano. :p »

                Non stai facendo questo gran servigio al tuo amico, tratteggiandolo come ossessivo-compulsivo… Ma ridiamoci pure su! 😉

                • free ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

                  Ahahah è vero, in realtà pubblica sempre articoli dell’uccr, questi due sono gli unici in cui mi ha taggato, giacchè studio fisica e sono appassionato di biologia. Comunque giuro che mi si riempie il cuore di gioia a vedere che esistono tante persone a cui fa piacere accogliere qualcuno che ha un punto di vista differente. 🙂

        • ratioman ha detto in risposta a andrea g

          Non rilevo l’ovvietà del punto di vista espresso nella sua seconda affermazione e ritengo banale ridurre il pensiero di Sartre ad un’unica frase, che peraltro non inferisce in alcun modo la sua (di andrea g) conclusione, evidenziandosi una fallacia logica nella forma dell’affermazione del conseguente. Forse un’argomentazione meno ermetica potrebbe dare più forza al suo ragionamento.

          • andrea g ha detto in risposta a ratioman

            Dice sant’Agostino: “il nostro cuore è inquieto finchè non trova TE,
            Signore”.
            Ecco, nel non senso della vita -che è la vita ateistica- è inesorabile
            la tristezza esistenziale.
            Poi uno può dire: “finisco nel nulla, ma sono felice”.
            Per carità, ognuno può dire/scrivere quel che vuole, ci mancherebbe.
            Saluti.

            • andrea g ha detto in risposta a andrea g

              Per quanto riguarda Sartre, simpatico uomo-ragione,
              comprendo il tuo dnervosismo ad accettare la sua intelligente
              affermazione “l’uomo è una passione inutile”.
              Ricordarla non è ovviamente una banalizzazione del suo pensiero:
              semplicemente, è una affermazione valida, sincera e non smentibile.
              Togli DIO, l’Eternità, e ogni uomo è proprio questo, uomo-ragione.
              Una passione inutile.
              Cordialità.

              • ratioman ha detto in risposta a andrea g

                Le confesso che non mi sento particolarmente (d)nervoso. Direi piuttosto divertito nell’osservare che la risposta di andrea g sia indirizzata ad … andrea g.
                Sperando che mi voglia perdonare questa piccola cèlia, non posso fare a meno di notare che tutte le volte che ho ricordato alcuni passi di Paolo di Tarso riguardanti, per esempio, il ruolo della donna, mi è stato puntualizzato che non andavano estrapolati dal contesto per non travisare il senso generale di ben più ampia portata. Ammettendo quindi che io abbia sbagliato allora, lei sta sbagliando adesso. Un classico caso di trave-pagliuzza?

                • andrea g ha detto in risposta a ratioman

                  E quindi contestualizzando le parole di Sartre, cosa
                  salta fuori, uomo-ragione?

                  • andrea g ha detto in risposta a andrea g

                    X quanto riguarda il tuo divertimento sulla risposta
                    ‘a me stesso’.
                    Davvero non sei in grado di capire che se uno aggiunge
                    delle parole all’intervento precedente risulta così,
                    “in risposta” alle proprie parole precedenti?
                    Ma dai, uomo-ragione, un pò di riflessione, eh!
                    Comunque i tuoi interventi sono a loro modo simpaticissimi.

                    • ratioman ha detto in risposta a andrea g

                      Come può vedere da questo commento si possono inserire risposte in successione senza indirizzarle a se stessi. Non la facevo così permaloso.

                    • andrea g ha detto in risposta a andrea g

                      @Uomo-Ragione
                      “Come può vedere da questo commento si possono inserire risposte in successione
                      senza indirizzarle a se stessi”-
                      Vedo, vedo, caro Uomo-Ragione, ma dovresti insegnarmi anche come si fà,
                      mica sono un grande esperto di blog internet e cippa lippa, mi capisci?
                      Piuttosto, mi stupisce un pò la tua non risposta: tu obietti che le parole
                      di Sartre (l’uomo è una passione inutile) vanno contestualizzate,
                      dunque x deduzione attendevo che tu le contestualizzassi, x
                      ricavarne -suppongo- un altro significato.
                      Invece niente, e quindi ritengo che tu condivida in pieno le parole
                      del filosofo francese: siamo una passione inutile.
                      In ogni caso, che importa, guagliò-ragione?
                      Tanto stiamo x sparire tutti nel nulla, non sapremo nemmeno di
                      essere esistiti, n’est ce pas?
                      Di nuovo, cordialità, Uomo-Ragione, è un piacere interloquire with you.

                    • Dario* ha detto in risposta a andrea g

                      Non voglio intromettermi nel vostro discorso, spiego solo ad Andrea come concatenare i post allo stesso livello:
                      Supponendo di avere un post X1, rispondendo ad X1 ottieni un post “figlio” di X1 che chiameremo X2. Se rispondi di nuovo ad X1 ottieni un post X3 che viene visualizzato di sotto ad X2 ma sullo stesso livello di indentazione. Se invece rispondi a X2 ottieni un post X4 “figlio” di X2 e quindi con un grado di indentazione in più, però verticalmente finisce tra X2 ed X3

                    • andrea g ha detto in risposta a andrea g

                      x DARIO-
                      Ti ringrazio, ma sul momento mi pare un pò difficile.
                      Anyway, thanks a lot!

                  • ratioman ha detto in risposta a andrea g

                    Non sono certo io che ho utilizzato aforisticamente le parole di Sartre per esprimere un ragionamento. Semmai ho evidenziato perché un ragionamento in tal guisa fosse scorretto, ma non ho mai dato giudizi sull’opera di Sartre o sull’aforisma. Solo sul metodo.

  9. Carlo Trevisan ha detto

    il tipico buffone abituato ai riflettori, che impazzisce quando glieli tolgono.
    a differenza di un concorrente del grande fratello, lui ha studiato bene i libri di matematica…

  10. Annalisa ha detto

    Piergiorgio, ovvero la favola della volpe e l’uva. È perfino divertente.

  11. papaemerito ha detto

    Vergognatevi tutti!!!!!!
    Voi sparate sulla croce rossa, vergogna,vergogna,vergogna!!! 🙂 🙂

  12. pickwick ha detto

    Comunque,per essere onesti, dobbiamo dire che Odifreddi e’ ritenuto un grandE matematico solo da chi non ha mai studiato matematica e non ne capisce nulla.E’ semplicemente un professore in pensione,come tanti altri.Non e’ certo uno come Hardy,Bombieri o Ennio de giorgi(che era credente tra l’altro)

    • Dario* ha detto in risposta a pickwick

      Hai assolutamente ragione, ricordo benissimo l’epoca in cui era all’apice della popolarità e lo invitavano a presenziare in uno sproposito di programmi televisivi in cui si salvava dal fare figuracce astronomiche solo perché gli mettevano di fronte persone che semplicemente non riuscivano a seguire il filo “logico” delle sue esternazioni. La sua abilità infatti è sempre stata quella di dire panzane ma nel dirle in modo talmente contorto che la gente si trovasse in difficoltà nel ribattergli. La stragrande maggioranza delle sue argomentazioni erano smontabili banalmente con una sola frase cadauna dato che la logica che ne stava alla base era quasi sempre fallata (gran bel biglietto da visita per chi si definisce logico matematico no?) =)

      • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a Dario*

        @ Dario*:

        Dimentichi la volta in cui misero a confronto Piergiorgio Odifreddi (ratioman) e Mons. Fisichella… Ne uscì davvero male il nostro prode neo-positivista Piergiorgio!

        • Dario* ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

          Io quell’episodio purtroppo me lo sono perso, d’altra parte non è che io guardassi la TV in sua funzione, mi è solo capitato di seguirlo un po’ mio malgrado nel periodo in cui, facendo zapping, si era sicuri di beccarlo da qualche parte =P

    • FREEZER75 ha detto in risposta a pickwick

      Per la cronaca,
      non solo Ennio De Giorgi ma anche Enrico Bombieri unico italiano al momento a vincere la medaglia Fields, è credente

      • ratioman ha detto in risposta a FREEZER75

        Malgrado la forma idiomatica iniziale, sembra palesarsi un tipico tentativo di Argumentum ab auctoritate e non un semplice quanto ingiustificato diritto di cronaca.

        • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a ratioman

          ratioman:

          «Malgrado la forma idiomatica iniziale, sembra palesarsi un tipico tentativo di Argumentum ab auctoritate e non un semplice quanto ingiustificato diritto di cronaca.»

          Hai però sempre modo di illustrarci gli attestati di stima ricevuti da tuoi colleghi matematici, visto che di medaglie Fields o di risoluzione di Problemi di Hilbert neppure l’ombra…

          • ratioman ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

            Non posso fare a meno di notare che un certo numero di utenti si rivolge al sottoscritto dando per vera l’ipotesi, indimostrata, che dietro il mio nickname si celi la persona di Piergiorgio Odifreddi. Pare che questa certezza sia iniziata quando ho chiesto quali regole di Wikipedia avrebbe violato il matematico in questione. Seguendo lo stesso ragionamento dovrei essere autorizzato a pensare che dietro una domanda riguardante Gesù ci sia…Gesù.
            Detto questo faccio notare che il valore di un matematico non si misura certo solo nel fatto che gli sia stata attribuita o meno la medaglia Fields o che abbia o meno classificato le forme quadratiche.

            • Ubi Deus ibi pax ha detto in risposta a ratioman

              ratioman:

              «Non posso fare a meno di notare che un certo numero di utenti si rivolge al sottoscritto dando per vera l’ipotesi, indimostrata, che dietro il mio nickname si celi la persona di Piergiorgio Odifreddi.»

              Puoi sempre negarlo. Cosa che ti ostini a non fare: perché?
              Ad ogni modo il ripetere ostinatamente il nome di Piergiorgio Odifreddi ha anche un altro scopo, come già ti ho ricordato.

              «Detto questo faccio notare che il valore di un matematico non si misura certo solo nel fatto che gli sia stata attribuita o meno la medaglia Fields o che abbia o meno classificato le forme quadratiche.»

              No, certo che no! È per questo che ti ho già domandato di produrci gli attestati di stima dei tuoi colleghi per la tua produzione scientifica. Sui vari fattori di impatto, indici H et similia possiamo far da soli… Educici quindi cortesemente sugli attestati di stima ricevuti dai tuoi colleghi per quanto hai realizzato in qualità di logico matematico. O neppure questo fattore può darci indicazioni sul valore di un matematico?

            • FREEZER75 ha detto in risposta a ratioman

              Uhhh Ratioman, allora avevo visto giusto, si nota dal suo commento che Enrico Bombieri non le è diciamo “simpatico”

              “Detto questo faccio notare che il valore di un matematico non si misura certo solo nel fatto che gli sia stata attribuita o meno la medaglia Fields o che abbia o meno classificato le forme quadratiche.”

              Mi dica come si “misura” la preparazione ed il valore di un matematico?

        • FREEZER75 ha detto in risposta a ratioman

          Forse sarà OT, non fa piacere menzionare Enrico Bombieri? o forse non fa piacere ricordare che è credente…

          Va bene torniamo a parlare del “matematico” Odifreddi

    • FREEZER75 ha detto in risposta a pickwick

      Io penso che Odifreddi sia un abile oratore questo gli va riconosciuto ed un divulgatore della Scienza

      Però, a mio avviso, non credo possa definirsi Scienziato, quante pubblicazioni ha fatto? 0,……

      • Dario* ha detto in risposta a FREEZER75

        Divulgatore della Scienza? forse è un typo, non è che volevi scrivere Scemenza? Dai per piacere, per divulgare la Scienza la devi prima conoscere, ok che in Italia siamo abituati a chiamare “divulgatore scientifico” un povero giornalista come Piero Angela ma qui si esagera 😉

  13. pickwick ha detto

    Sempre a proposito di ennio de giorgi (che è stato uno dei matematici più importanti del ‘900 a livello internazionale), in un intervista dice:
    ” Per me l’idea della resurrezione, l’idea che la vita non finisce nel breve arco degli anni che abbiamo, l’idea che anche le persone carissime che sono morte vivono in qualche modo ancora, è uno degli elementi fondamentali della mia vita e anche della mia attività di ricerca. E’ uno dei motivi per cui posso continuare a studiare, immaginare cose nuove anche a una età in cui uno potrebbe dire sono verso la fine della carriera accademica, penso che è un tragitto in cui fino all’ultimo devo amare la sapienza in modo completo sperando che quest’amore continuerà anche se in altre forme dopo la morte.
    Posso dire che la mia vita perderebbe gran parte del suo significato se rinunciassi alla speranza di ritrovare in qualche modo le persone che mi sono state più care, se non credessi alle parole del Credo: aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. ”
    link: http://www.matematicamente.it/storia/1517-video-intervista-a-ennio-de-giorgi

  14. Cat zu Felics ha detto

    Massimo Gramellini che prova a «mantenere viva la fiammella dell’anti-teismo»?!

    Già questa affermazione fa passare la voglia di leggere l’articolo.

  15. Ubi Deus ibi pax ha detto

    @ Cat zu Felics:

    perché? È imprecisa? Inesatta? Errata? Prove in merito?

    • Cat zu Felics ha detto in risposta a Ubi Deus ibi pax

      beh, penso che dovrei rigirarti la domanda: tu e l’autore sostenete che Gramellini propugna l'”anti-teismo”: in genere è chi “accusa” che deve portare prove e motivazioni a danno dell’accusata, non credete?

« nascondi i commenti