Uno dei miracoli di Lourdes: tumore scomparso e articolazione ricostruita

radiografiaIl caso di Vittorio Micheli inizia il 4 giugno 1962 quando gli fu diagnosticato un sarcoma dell’anca (osteosarcoma del bacino), cioè un tumore primario dell’osso. Totalmente incurabile. L’evoluzione è rapida e in breve tempo diviene totale la distruzione della articolazione coxo-femorale, con sbriciolamento dell’osso, dei tendini e dei muscoli.

Mario Botta, cardiochirurgo dell’ospedale Niguarda di Milano, ha certificato: «La gamba del signor Micheli era attaccata al corpo solo attraverso la pelle», come mostrano le radiografie e altri esami radiologici, nonché l’esame istologico effettuato da tre Scuole di anatomopatologia. All’uomo non sono state somministrate medicine antitumorali e non è stato neanche sottoposto a radioterapia, in quanto gli specialisti avevano ritenuto che sarebbe stato del tutto inutile.

Così, nel 1963 convinto dalla madre, il giovane Micheli si reca a Lourdes, ingessato e sotto morfina. Non accade nulla di particolare, ma ritornato a casa si sente meglio, il dolore lentamente sparisce e ricomincia a “sentire” la gamba dilaniata dal tumore. I medici gli sospendono la morfina e tolgono l’ingessatura. Vengono immediatamente effettuati degli esami ma, forse a causa del legittimo scetticismo, sono interpretati e ritenuti del tutto identici ai precedenti. Soltanto dopo 6 mesi i medici si rendono conto che lo stato generale è eccellente, che i dolori sono cessati. Dagli esami successivi -come la radiografia del 2 aprile 1969- emerge chiaramente che l’osso, i muscoli e i tendini si sono inspiegabilmente formati ex novo, tanto che l’uomo ha ripreso a camminare e a condurre una vita normale. Nessuna ricaduta nei successivi 50 anni. Dal viaggio a Lourdes seguono 10 anni di attente e rigorose analisi delle cartelle mediche precedenti e successive e il Comitato Medico Internazionale di Lourdes nel 1973 ha definito la guarigione di Vittorio Micheli inspiegabile. Nel 1976 la Chiesa si è pronunciata a favore del miracolo.

Nessuno ha mai saputo dimostrare né la possibilità di una ricostruzione ossea, muscolare e tendinea a seguito di un tumore in così breve tempo e senza terapie particolari e, sopratutto, l’incredibile coincidenza che questa auto-guarigione si sia innescata esattamente dopo il viaggio a Lourdes. Le uniche obiezioni arrivano da Francesco D’Alpa, dell’UAAR, secondo cui ci sarebbe «un evidente sfasamento temporale fra il miglioramento soggettivo percepito dopo l’immersione nella piscina di Lourdes e la riparazione dell’articolazione coxo-femorale verificata radiologicamente sei mesi dopo. Secondo la Commissione Medica Internazionale, in questo caso il miracolo consisterebbe in una “guarigione in un tempo di molti mesi”, a meno che non si voglia considerare come miracolo “istantaneo” proprio l’inizio della guarigione». D’Alpa non ha alcuna obiezione al caso specifico, ma sembra piuttosto avanzare una critica tra una presunta contraddizione del modus operandi della Commissione Medica di Lourdes per la quale una “guarigione valida” dev’essere istantanea. Ma lui stesso offre già la risposta: il “miracolo” non diventa tale dal giorno in cui vengono effettuate le analisi mediche di verifica, ma dal momento (o dall’inizio) della guarigione inspiegabile. Le radiografie effettuate sei mesi dopo indicano infatti un processo di auto-ricostruzione dell’articolazione iniziato già da tempo prima, coincidente allo stato di benessere percepito da Vittorio Micheli appena rientrato da Lourdes.

Ricordiamo infine che il dossier medico-scientifico di Vittorio Micheli, così come di tutti coloro che hanno ricevuto un miracolo (per la Chiesa) e una guarigione scientificamente inspiegabile (per la scienza), può essere consultato liberamente (non c’è nulla di segreto!), ovviamente previa autorizzazione dei soggetti responsabili. Così come qualunque medico, dopo essersi dimostrato tale, può entrare nel Bureau Médical di Lourdes e visitare i pazienti che affermano di essere guariti.

 

Qui sotto la storia del miracolo da un servizio di TV2000.

 
La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

36 commenti a Uno dei miracoli di Lourdes: tumore scomparso e articolazione ricostruita

« nascondi i commenti

  1. Roberto Sastri ha detto

    Lourdes… come alimentare false speranze nei malati e farla franca!

    Premessa1: qual’è il senso “spirituale” dell’osso ricresciuto (evento attribuito a Lourdes)? Micheli sarebbe un messaggero divino?
    Il creatore delle Galassie comunica con l’umanità facendo ricrescere un osso a Vittorio Micheli di Trento?
    oppure che forse conviene spendere i soldi per andare a Lourdes? .. eppure dio è in ogni luogo e onnipotente, strano che a casa dei malati i miracoli non li fa ..

    Premessa2: le notizie scientifiche in rete su questo caso non esistono. Sono reperibili solo informazioni di stampo miracolistico/fideistico, non si trova nessuna critica o studio di natura medica o scientifica e nessun medico nè scienziato ha analizzato o studiato il caso Micheli al di fuori della cosidetta Commissione di Lorurdes,
    Pertanto non c’è nessuna fonte che possa fornire dettagli al di fuori della chiesa stessa.

    —- “Così come qualunque medico, dopo essersi dimostrato tale, può entrare nel Bureau Médical di Lourdes e visitare i pazienti che affermano di essere guariti”

    NO: i medici sono selezionati dal vescovo di Lourdes e da lui dipende la commissione stessa piu altri rappresentanti delle istituzioni del luogo stesso (tra cui un assessore e il “dottore di Lourdes”) e questo è già sufficiente per esprimere un giudizio negativo sulla trasparenza di questa commissione.

    —- “una presunta contraddizione del modus operandi della Commissione Medica di Lourdes per la quale una “guarigione valida” dev’essere istantanea.”

    NO: la contraddizione NON è affatto presunta, avete detto voi che “Vengono immediatamente effettuati degli esami” e che risultano “del tutto identici ai precedenti” quindi, OVVIAMENTE, non c’è NULLA di istantaneo e la contraddizione è evidente.

    Inoltre si legge che “I giudizi e i pareri del CMIL sono diventati più rigidi nel XXI° secolo in seguito ai tanti, progressi terapeutici efficaci, addirittura curativi” … ad ulteriore conferma di come quelle poche decine di miracoli riconosciuti in gran parte agli inizi del XX secolo e fine ‘800 non abbiano molto fondamento.

    Il caso Micheli ovviamente non ha lasciato NESSUNA impronta nel dibattito scientifico nè tantomeno nella medicina ufficiale ma nell’abuso della credulità popolare SI.

    la gente disperata e malata viene convinta dalla chiesa ad andare a Lourdes per “guarire”, ovviamente non guarisce e le motivazioni sono che non hanno pregato abbastanza (ovvero la colpa sarebbe perfino dei malati, eppure dicono le cronache che Micheli è “andato di controvoglia” al santuario) oppure che la loro malattia fa parte del misterioso disegno divino (e allora perche mai si cerca di farle guarire!??)

    Statisticamente la percentuale di guarigione a Lourdes (circa 0.00002%) è perfino inferiore della percentuale dei casi di remissione spontanea (0,001%).

    La maggior parte dei miracoli è avvenuta, GUARDA CASO, tra la fine del 1800 e la prima meta del XX secolo per divenire sempre piu rari fino ad oggi dove sono scomparsi del tutto…(sarà sicuramente colpa delle coppie gay)!

    L’unica città francese che supera Parigi per numero di HotelSSS è proprio Lourdes!

    Alimentare la superstizione e le false speranze in persone disperate è uno dei peggiori reati di natura penale e morale che si possano commettere, ma tanto a voi che ve frega…

    • lorenzo ha detto in risposta a Roberto Sastri

      Perché allora non sei coerente con quello che scrivi e non denunci il sig. Vittorio Micheli, il cardiochirurgo Mario Botta e tutti gli altri medici di Lourdes?

    • Sophie ha detto in risposta a Roberto Sastri

      Ma può essere che stai in acidosi h24?

    • gladio ha detto in risposta a Roberto Sastri

      Signor Sheva Centouno( Centouno è il cognome vero?) :

      La Chiesa non ha mai ” convinto ” nessuno a recarsi a Lourdes, men che meno malati e men che meno ancora illudendoli di guarire.

      La Chiesa non ha mai motivato la mancata guarigione colpevolizzando i malati (sic!) di non aver pregato abbastanza, questa è una sua infame illazione dovuta ad ignoranza o cattiveria ( o entrambe le cose ).

      La Chiesa ,nell’ ambito della indagini su casi di presunte guarigioni ha sempre rivestito, e giustamente, la parte dell'” Avvocato del diavolo”, esplorando ,cioè, ogni via ” razionale ” che potesse spiegare il presunto evento soprannaturale.

      Riguardo al Bureau Médical lei ha idee ancor più confuse e fondate su ottusi pregiudizi, non mi dilungo in approfondimenti, non ne vale la pena.

      Quanto alle persone ” disperate “…caro signor Centouno, ho avuto a che fare con diversi malati, anche gravi, recatisi a Lourdes e, mi creda, lo dico senza retorica, sono persone che affrontano una dura realtà con grande serenità;

      Il disperato, quello vero, è proprio lei, caro signor Centouno, sano di corpo ( glielo auguro di tutto il cuore ) ma marcio patocco di dentro.

      Dio non voglia ( e lo dico sinceramente )che lei dovesse un giorno essere caricato della stessa croce di cui sono caricati molti di questi malati, potrà sempre andare in pellegrinaggio al ” Leoncavallo ” o alla sede dell’Arci gay.

      Le rinnovo pertanto un consiglio che già le diedi tempo fa: si chini, se non davanti a Dio, almeno sui libri di scuola, si sali la zucca bonuomo , le farà bene.

      Le auguro un buon week end a lei e alla sua famiglia

    • Norberto ha detto in risposta a Roberto Sastri

      Quelle di Roberto mi sembrano obiezioni banali e per nulla inerenti, alcune sono vecchie e già più volte smentite. Interessante invece il miracolo documentato nell’articolo, non lo conoscevo e mi ha stupito molto!

    • Francesca ha detto in risposta a Roberto Sastri

      Anche se non serve a niente rispondo al Roberto.
      Le percentuali (di guarigioni/miracoli) riportate non corrispondono a realtà.
      I miracoli che avvengono a Lourdes sono solo in minima parte sottoposti a “certificazione”.
      Per due motivi:
      1) se non è un caso completamente documentabile in ogni passaggio ed evidentissimo nel suo svolgimento “sorprendente”, non viene nemmeno preso in considerazione dalla Chiesa
      2) molte volte le persone guarite miracolosamente non vogliono sottoporsi ad anni e anni di analisi ed “interrogatori” per far certificare il miracolo (che poi non si sa nemmeno se verrà riconosciuto dalla Chiesa oppure no). Chi lo fa, cioè quelli che si sottopongono a questa procedura stressante, generalmente lo fanno per la forte volontà di dare una testimonianza. Altri (la maggioranza) scelgono di rendere grazie con la propria vita in altra maniera, e anche testimoniando qualche volta il proprio miracolo (a chi vorrà credergli) .

      • Vincent Vega ha detto in risposta a Francesca

        Da “la storia infinita”

        Atreyu: Che cos’è questo NULLA?
        Gmork: È il vuoto che ci circonda. È la disperazione che distrugge il mondo, e io ho fatto in modo di aiutarlo.
        Atreyu: Ma perché!?
        Gmork: Perché è più facile dominare chi non crede in niente ed è questo il modo più sicuro di conquistare il potere.
        Atreyu: Chi sei veramente?
        Gmork: Io sono il servo del Potere che si nasconde dietro il Nulla. Ho l’incarico di uccidere il solo in grado di fermare il Nulla. L’ho perso nelle paludi della Tristezza. Il suo nome era Atreyu.
        Atreyu: Se tanto dobbiamo morire, preferisco morire lottando. Attaccami Gmork! IO SONO ATREYU!

      • Roberto Sastri ha detto in risposta a Francesca

        —- “La Chiesa non ha mai ” convinto ” nessuno a recarsi a Lourdes, men che meno malati e men che meno ancora illudendoli di guarire.”

        —- “La Chiesa non ha mai motivato la mancata guarigione colpevolizzando i malati (sic!) di non aver pregato abbastanza, questa è una sua infame illazione dovuta ad ignoranza o cattiveria ( o entrambe le cose ).”

        Ma è proprio quello che state facendo voi, proprio ora su questo sito..
        l’arto che ricresce e la “magia del miracolo”…

        Le prediche che passano nei media, su Radiomaria nei catechismi e nelle messe dice proprio che bisogna pregare “con forza” e a volte chi non riceve il miracolo è perchè non pregava bene o non aveva abbastanza fede.
        Altre volte sono piani misteriosi.

        Caro gladio, non è davanti alle telecamere della domenica che il papa e la chiesa dicono tutto questo.. ma in privato,
        nelle parrocchie, nei confessionali, a porte chiuse sussurrato all’orecchio dei malati… e quando è in gioco la salute si è dispsosti a credere a TUTTO..

        Lourdes rappresenta uno dei piu grandi crimini della chiesa, con un terribile ritratto:

        quello delle immagini di centinaia e centinaia di storpi, paraplegici e handicapati bambini anziani ragazzi di ogni età raduanti e ammassati davanti alla grotta nelle foto e nelle riprese all’inizio del secolo scorso..
        le testimonianze sono agghiaccianti su quanta sofferenza fosse li raccolta,
        e suore e volontari distruibuivano perfino i boccali con l’acqua “miracolosa” di Lourdes a quegli sfortunati che avevano affrontato viaggi difficili, scomodi e costosi…

        TUTTI in attesa del MIRACOLO..
        che vergogna per l’uomo, che vergogna per l’umanità.

        —- “La Chiesa ,nell’ ambito della indagini su casi di presunte guarigioni ha sempre rivestito, e giustamente, la parte dell’” Avvocato del diavolo”, esplorando ,cioè, ogni via ” razionale ” che potesse spiegare il presunto evento soprannaturale.”

        Si, e come su Medjugorie, dichiarata falsa dallo stesso Bergoglio, tace, non denuncia, non si espone mai definitivamente.

        SanGennaro non è riconosciuto come miracolo, ma il papa stesso celebra il rito; la sindone non è un prodotto umano ma può essere un falso; Medjugorie non è fede ma è un santuario… sempre si e no…
        e sa perchè?
        Perche il cristianesimo è una religione di MASSA che vive sulla credulità popolare,
        la credulità di chi cerca e chiede illusioni, vessato dalle difficoltà della vita, ed è per questo che un Stato forte, una scuola pubblica solida e l’autodeterminazione sono il piu grande nemico delle false religioni.

        La chiesa ha bisogno di una società debole per continuare a vendere il paradiso.

        —- “Riguardo al Bureau Médical lei ha idee ancor più confuse e fondate su ottusi pregiudizi, non mi dilungo in approfondimenti, non ne vale la pena.”

        Come lei crede.

        —- “Il disperato, quello vero, è proprio lei, caro signor Centouno, sano di corpo ( glielo auguro di tutto il cuore ) ma marcio patocco di dentro.”

        Mi dispiace ma sappiamo benissimo chi tra noi dice la Verità.. Shiva101 non si nasconde mai, vive alla luce del Sole e
        il suo parlare è sempre “si si, no no”.
        Solo la Verità è degna di rispetto.

        —- “Dio non voglia ( e lo dico sinceramente )che lei dovesse un giorno essere caricato della stessa croce di cui sono caricati molti di questi malati, potrà sempre andare in pellegrinaggio al ” Leoncavallo ” o alla sede dell’Arci gay.”

        Be.. perchè non me lo augura?
        Non è forse per voi la sofferenza un grande dono del Signore?
        Perchè cercare la salute quando dio ha i suoi piani (ovviamente misteriosi)?

        Su Radiomaria una famiglia appartenente al movimento Neocatecumenale con bambino affetto da sindrome di Down
        ha detto che questa malattia è stata un dono perchè hanno potuto sperimentare un grande amore e in diretta hanno augurato a tutte le famiglie in attesa di un bambino che possano avere, riferendosi alla malattia, lo stesso “dono”, ovvero che nascano bambini malati.

        E se ipoteticamente la medicina avesse trovato una cura? Avrebbero rinunciato al “dono” della sindrome di Down?

        Queste sono le conseguenze di chi è plagiato da movimenti settari.

        —- “Le rinnovo pertanto un consiglio che già le diedi tempo fa: si chini, se non davanti a Dio, almeno sui libri di scuola, si sali la zucca bonuomo , le farà bene.”

        E’ dio, ovvero i suoi ministri, che deve inchinarsi davanti alle anime perdute, è dio che deve pagare il debito con gli innocenti, è dio che deve inchinarsi davanti a noi e non gli faremo nessuno sconto.
        Non odiamo, siamo giusti.

        Ricordiamo tutto e non dimentichiamo neanche la più piccola delle lacrime versate da ogni creatura nè i silenzi di chi non ha potuto urlare.
        Tutto verrà riscattato e nessun compromesso.

        Solo dal sangue degli uomini nasce la morale.

        —- “Le auguro un buon week end a lei e alla sua famiglia”

        Le auguro altrettanto, con affetto Shiva101!

        • lorenzo ha detto in risposta a Roberto Sastri

          “Lourdes rappresenta uno dei piu grandi crimini della chiesa”

          Se tu sei veramente convinto di quello che scrivi e non sporgi denunci all’autorità giudiziaria sei solo un fanfarone vigliacco.

        • gladio ha detto in risposta a Roberto Sastri

          “Le prediche che passano nei media, su Radiomaria nei catechismi e nelle messe dice proprio che bisogna pregare “con forza” e a volte chi non riceve il miracolo è perchè non pregava bene o non aveva abbastanza fede.
          Altre volte sono piani misteriosi.”

          E’ evidente che lei non ascolta Radiomaria, non frequenta le chiese e non segue le prediche, altrimenti non scriverebbe tali assurdità.

          Signor Centouno, mi scusi per la pedanteria ma ritengo doveroso offrirle ( ancora) un altro consiglio : faccia un’esperienza di volontariato come barelliere o come assistente ai sofferenti durante qualche pellegrinaggio a Lourdes.

          Allora e solo allora potrà esporre le sue opinioni con serenità e cognizione di causa anziché indulgere a sterili vaneggiamenti degni degli avvinazzati di qualche dopolavoro Arci.

    • andrea g ha detto in risposta a Roberto Sastri

      Di fronte all’odio irrazionale verso la fede, verso Dio, la domanda è sempre
      la stessa: cosa mai possa essere successo nella vita di una persona da determinare
      simile acidità nevrotica.

  2. Alberto ha detto

    I tumori in alcuni casi regrediscono e per questo non è necessario andare a Lourdes.

    • lorenzo ha detto in risposta a Alberto

      E dei bimbi che crescono e dei giorni che passano non mi dici nulla?

    • Francesca ha detto in risposta a Alberto

      Da un certo stadio in poi NON REGREDISCE un cavolo! (E ho scritto “cavolo” solo perché mi trovo in sito cattolico).
      Se una patologia regredisce e questo rientra nella normale (quanto minimale) possibilità di regressione di quella specifica patologia, quel caso NON rientrerebbe nei casi “non spiegabili scientificamente” (detti anche “miracoli”).

      • Roberto Sastri ha detto in risposta a Francesca

        —- “Le percentuali (di guarigioni/miracoli) riportate non corrispondono a realtà”
        —- “I miracoli che avvengono a Lourdes sono solo in minima parte sottoposti a “certificazione” ”

        E come fa a saperlo??

        —- “se non è un caso completamente documentabile in ogni passaggio ed evidentissimo nel suo svolgimento “sorprendente”, non viene nemmeno preso in considerazione dalla Chiesa”

        Il fatto che voglia ricorrere anche ai casi non documentabili per alzare la media (che ovviamente non possono cambiarla) è una bella dimostrazione di come si ha voglia di credere ad ogni costo.

        La stragrande maggioranza delle guarigioni sono avvenute tra fine ‘800 ed inizio ‘900 pertanto il significato di “sorprendente” è decisamente relativo..
        le guarigioni spontanee avvengono in natura pertanto sono sempre “sorprendenti”

        —- “molte volte le persone guarite miracolosamente non vogliono sottoporsi ad anni e anni di analisi ed “interrogatori” per far certificare il miracolo (che poi non si sa nemmeno se verrà riconosciuto dalla Chiesa oppure no).
        Chi lo fa, cioè quelli che si sottopongono a questa procedura stressante, generalmente lo fanno per la forte volontà […] anche testimoniando qualche volta il proprio miracolo (a chi vorrà credergli).”

        Pazienza, la media rimane sempre quella oppure la alziamo a caso?
        Vuole affidarsi anche ai casi “ipotetici” (oltre che non documentabili)?

        Mi sembra un po esagerato che la potenza del creatore (che nelle case guarisce “di meno”) debba ricorrere a questi sotterfugi per essere riconosciuta.. o forse siete voi che ve la immaginate?

        Non esistono procedure “stressanti” se non i normali controlli che un paziente dovrà seguire in ogni caso.

        • lorenzo ha detto in risposta a Roberto Sastri

          Dimostra che le palle non le sai solo raccontare e sporgi una bella denuncia alla Chiesa per abuso della credulità popolare.

        • andrea g ha detto in risposta a Roberto Sastri

          Dalla tua certezza se ne deduce -immagino- che tu sappia perfettamente spiegare che
          l’universo si è fatto da solo, giusto?

          • Vincent Vega ha detto in risposta a andrea g

            Quanti risponderà che l’universo esiste da sempre, e che il Big bang altro non era che l’inizio dopo la fine di un altro universo.
            Questa tesi ha un piccolissimo difetto per il materialista: non è smentibile ne’ verificabile, perciò e’ e rimane pura metafisica.

            Il materialista, in buona sostanza, crede nell’eternità della materia, ma dovrebbe spiegarmi in che modo ciò che muta possa esistere da sempre, visto che è una contraddizione logica insolubile.
            Infatti non riesco a capire, dal momento che ogni ente materiale deve necessariamente essere causato (ovvero passare dalla potenza all’atto dell’esistenza tramite un agente esterno), come l’universo materiale possa giustificare in se stessa la sua esistenza.
            Anche postulando l’eternità della materia sotto altre forme non si esce da questa contraddizione: ciò che è materiale deve per forza di cose dalla potenza all’atto, pertanto in nessun modo la materia può essere eterna, ne’ comsegue anche qualora il multiverso o il big crunche venissero corroborati sarebbe comunque necessaria una causa prima incausata immateriale, immutabile, non soggetto alla spazio e al tempo.

            Pertanto l’esistenza di Dio e’ una necessità logica, certo poi accettare che il Dio eterno e onnipotente si sia incarnato e’ un’altra questione. 🙂

          • Vincent Vega ha detto in risposta a andrea g

            Forse risponderà che l’universo esiste da sempre, e che il Big bang altro non era che l’inizio dopo la fine di un altro universo.
            Questa tesi ha un piccolissimo difetto per il materialista: non è smentibile ne’ verificabile, perciò e’ e rimane pura metafisica.

            Il materialista, in buona sostanza, crede nell’eternità della materia, ma dovrebbe spiegarmi in che modo ciò che muta possa esistere da sempre, visto che è una contraddizione logica insolubile.
            Infatti non riesco a capire, dal momento che ogni ente materiale deve necessariamente essere causato (ovvero passare dalla potenza all’atto dell’esistenza tramite un agente esterno), come l’universo materiale possa giustificare in se stesso la sua esistenza.
            Anche postulando l’eternità della materia sotto altre forme non si esce da questa contraddizione: ciò che è materiale deve per forza di cose passare dalla potenza all’atto, pertanto in nessun modo la materia può essere eterna, ne’ consegue che, anche qualora il multiverso o il big crunch venissero corroborati, sarebbe comunque necessaria una causa prima incausata immateriale, immutabile, non soggetta allo spazio e al tempo.

            Pertanto l’esistenza di Dio e’ una necessità logica, certo poi accettare che il Dio eterno e onnipotente si sia incarnato e’ un’altra questione. 🙂

            P.s : ho riscritto il post perché prima avevo scritto di fretta col cellulare e c’erano davvero troppi refusi. Chiedo anzi alla redazione di cancellarlo, per non lasciare il doppione. 🙂

            • andrea g ha detto in risposta a Vincent Vega

              Sì, è sempre interessante vedere un ateista che non è mai
              in grado si sviluppare un discorso razionale per sostenere la propria
              convinzione.

              Il pensiero ateistico si forma, d’altronde, su basi adolescenziali,
              ed esso si sforza naturalmente di nascondere questa verità, ma cade
              proprio nella spiegazione ‘razionale’ di come possa l’universo essere
              venuto all’esistenza …da solo!

        • Francesca ha detto in risposta a Roberto Sastri

          ” E come fa a saperlo??”

          Non mi sono mai interessata di miracoli. Eppure lo so.
          Questo dimostra quanto grande sia la sua ignoranza su qualsiasi argomento, religioso e pure laico.

          ” Mi sembra un po esagerato che la potenza del creatore debba ricorrere a questi sotterfugi per essere riconosciuta.. ”
          Bravo. Hai detto una cosa giusta.
          In effetti la Potenza del Creatore opera COME VUOLE. Anche con i miracoli. Oppure col silenzio.
          Oppure tramite l’azione di ignoranti che mettano meglio in luce la Sapienza e la potenza di Dio.

          “Non esistono procedure “stressanti” se non i normali controlli che un paziente dovrà seguire in ogni caso.”
          E allora sei proprio ignorante. Nel sensi che ignori (cit.). Anche solo presentarsi a chi di dovere e mettere tutto in piazza, dopo essere stati guariti da gravissima malattia (e si potrebbe tornare a casetta a brindare e mangiare), è stressante.

          ” … la potenza del creatore (che nelle case guarisce “di meno”) ….”
          No. Guarisce uguale.
          E in ogni caso le guarigioni di Lourdes sono per la maggior parte spirituali. Spesso consistono in CONVERSIONI di non-credenti (o credenti “tiepidi”) che dopo essere stati lì, e dopo non aver visto NESSUN miracolo, tornano a casa pieni di Fede. FEDE IN CHE COSA?, se non hanno visto miracoli né guarigioni, ma solo tante malattie gravissime che tali sono rimaste???
          Mah….non saprei 🙂 So che continuano a convertirsi, sia a Lourdes che in tanti altri luoghi, che a casa propria.

          Faccia attenzione…che a frequentare UCCR poi magari si converte e si dovrà certificare il miracolo 😀

    • Federico ha detto in risposta a Alberto

      Ahauahau ormai nom argomenti nemmeno più, è come se ti fossi arreso… ma devi scrivere qualcosa per timbrare il cartellino. Ma ti pagano almeno? Comunque almeno una volta eri divertente, ora fai tenerezza : )

    • Max ha detto in risposta a Alberto

      Che i tumori in rari casi regrediscano e’ certamente vero, perché e’ osservato e classificato. Non occorre andare a Lourdes per vedere casi del genere.

      Ma, dal basso della mia ignoranza, mi pare che le remissioni di solito non avvengano negli gli stadi finali e non siano accompagnate da un ritorno rapido e totale delle ossa, articolazioni, legamenti, ecc.

  3. Licurgo ha detto

    Noto nel dibattito, da parte materialista, un certo livore.
    Eppure (mi tocca dirlo a me che non sono materialista!) per un materialista basterebbe dire che la Scienza non è ad oggi in grado di spiegare questo fenomeno giacchè non conosce tutte le leggi di natura.
    Più che lecito per chi crede, davanti all’incapacità della scienza di comprendere il fenomeno, considerarlo un miracolo vista anche la coincidenza degli eventi.
    Ora, però, bisogna capire se il miracolo sia, dal punto di vista teologico per i cristiani, una sospensione delle leggi di natura e un intervento diretto divino (che, in un mondo retto da cause seconde, crea qualche problema di logica); oppure se si intende la combinazione di leggi di natura a noi conosciute con altre a noi sconosciute, che Dio utilizza per dare un segno (non un’evidenza, altrimenti violerebbe la libertà, ma un segno).
    Non ho mai ben capito, e qua chiedo lumi, come il cattolicesimo considera il miracolo, non avendo mai molto approfondito nè la Dottrina nè le parti in cui il tomismo ragiona su ciò.

    • Vincent Vega ha detto in risposta a Licurgo

      Licurgo scrive

      “Ora, però, bisogna capire se il miracolo sia, dal punto di vista teologico per i cristiani, una sospensione delle leggi di natura e un intervento diretto divino (che, in un mondo retto da cause seconde, crea qualche problema di logica.”

      Non direi.

      Secondo Tommaso, Dio può operare senza problemi fuori dell’ordine stabilito, in quanto non soggetto all’ordine delle cause seconde, ma tale ordine è a lui soggetto, essendo derivato da lui non per necessità di natura, ma per libera volontà: Dio infatti avrebbe potuto benissimo stabilire anche un altro ordine del creato. Per conseguenza egli può operare, quando vuole, fuori di esso, o producendo gli effetti delle cause seconde senza di esse, o producendone altri che sorpassano le loro capacità.
      In altre parole Dio ha impresso un ordine stabile nelle creature, in modo però da riservarsi una motivata libertà di agire altrimenti.

      I miracoli, poi, presentano diverse gradazioni, dal momento che un fatto può superare le forze della natura in tre modi. Primo, nella sostanza stessa del fatto, che la natura non può assolutamente compiere: fare, per esempio che due corpi occupino uno stesso luogo nello stesso tempo, o che il sole torni indietro nella sua corsa, o che il corpo umano diventi glorioso (il corpo glorioso e’ quello ottenuto da Cristo con la Resurrezione e che otterranno tuti i salvati il giorno del giudizio).
      E tali fatti hanno il primo posto tra i miracoli.

      Secondo, un fatto può superare le forze della natura, non per la cosa prodotta, ma per il soggetto in cui viene prodotta: come, per esempio, e’ il caso della risurrezione dei morti, la guarigione dei ciechi, e simili. Infatti la natura può causare la vita, ma non in un cadavere; può dare la vista, ma non a un cieco. E questi fatti occupano il secondo posto tra i miracoli.

      Terzo, un fatto può superare le forze della natura soltantoper il modo e per il procedimento con cui è prodotto: quando, per esempio, uno guarisce istantaneamente dalla febbre per virtù divina, senza cure e fuori dal decorso normale della malattia in casi simili; oppure quando l’atmosfera, con tempo sereno, si addensi e precipiti in piogge all’istante, per sola virtù divina e senza intervento di cause naturali, come avvenne alle preghiere di Samuele e di Elia. Fatti di questo genere occupano l’ultimo posto tra i miracoli.

      Per concludere, sebbene la creazione e la giustificazione del peccatore siano opere compiute da Dio, tali opere non si chiamano miracoli. Esse infatti per natura non possono avere altre cause, quindi non avvengono mai fuori dell’ordine della natura, appunto perché non vi appartengono. Infatti, come scrivevo sopra ad Andrea, la creazione non può altro che, per motivi logici, essere opera di Dio, anche perché non c’è modo che la materia mutevole possa essere causa di se stessa, ovvero eterna. 🙂

      • Licurgo ha detto in risposta a Vincent Vega

        A me sembra esserci un problema: se si ragiona in questo modo, si torna alla materia inerte a cui vengono date le leggi, mentre la materia è materia con le sue leggi (un po’ come per il sinolo). Una materia con altre leggi di fatto non sarebbe la materia, almeno se ci si rapporta alla concezione più scientifica del concetto di materia di cui dobbiamo tenere conto.
        Certo, Dio è onnipotente, ma non è onnipotente nella contraddizione, e dire ‘un altro ordine del creato’ mi suona come dire ‘altre leggi alla materia’, che è un po’ come il cerchio quadrato.
        Preciso, non sto parlando per vis polemica, ma sto solo esprimendo dei dubbi tra amici, come sempre mi sono sentito qua.

        • mauro ha detto in risposta a Licurgo

          “Ora, però, bisogna capire se il miracolo sia, dal punto di vista teologico per i cristiani, una sospensione delle leggi di natura e un intervento diretto divino (che, in un mondo retto da cause seconde, crea qualche problema di logica.”

          Il problema di logica esiste soltanto se si ha una visione meccanicistica dell’universo. Il capitolo 7 del libro di Apologetica di Trianello “Incontro a Gesù” parlerà proprio di questo tema; e lo farà rispondendo al tuo legittimo dubbio Licurgo, attraverso un capitolo breve e intenso. Cito dalla bozza che mi è stata inviata: “La cultura occidentale, infatti, è così intrisa della visione meccanicista del mondo scaturita dalla lettura scientista della rivoluzione scientifica che persino coloro che credono nell’esistenza Dio stentano a pensare che Questi possa in qualche modo intervenire nella creazione per via diretta, mediante eventi che vadano al di là delle normali leggi della natura. Costoro tendono a considerare Dio più che altro come una sorta di onnipotente orologiaio che, una volta creato il mondo, avendolo dotato di leggi proprie, si limiti a lasciarlo andare, per così dire, per la sua strada.”

          L’analisi è ricca e completa, ti consiglio di dare un’occhiata a breve a questo indirizzo http://pellegrininellaverita.com/tag/incontro-a-gesu/
          Prima concluderemo il capitolo 6 dedicato agli apocrifi e poi, credo in un colpo solo, il settimo di cui ti sto parlando. Ciao ad entrambi! 🙂

        • mauro ha detto in risposta a Licurgo

          PS: ho la bozza dei capitoli del libro di Trianello in pubblicazione su Croce-via perché sono minstrel alias mauro. 😉

  4. Attilio ha detto

    I fatti sono fatti: o si hanno obiezioni valide e documentate o si sta zitti. Il “miracolo” dimostra l’importanza della fede che interpella, sprona ed incoraggia la ragione e la scienza!

  5. Francesca ha detto

    E poi ci sono i miracoli “ordinari”…..

    Sto vedendo in diretta tivù Papa Francesco che celebra la Messa a Bangui (rep. Centrafricana).
    In prima fila c’è un imam e un pastore evangelico.
    Musulmani e i protestanti ad una messa cattolica.
    A me sembra un miracolino 😀
    🙂 🙂 🙂 🙂

« nascondi i commenti