La tollerante e laica Olanda apre anche alla pedofilia

Bandiera olandaCosì, mentre l’American Psychiatric Association toglie la pedofilia dall’elenco delle malattie (illness), in Olanda sarà possibile promuovere pubblicamente il sesso con i minori.

Lo ha deciso la Corte d’appello olandese che, secondo la nuova moda di trasformare qualsiasi desiderio in diritto, ha rifiutato di negare il “diritto” alla promozione della pedofilia da parte delle associazioni di pedofili. Una di queste è l’Associazione Martijn, che, curiosamente, nel 2009 ha accusato la Chiesa cattolica per essere troppo conservatrice, impedendo il progresso della depravazione sessuale anche in Italia.

L’Olanda, occorre ricordarlo, è un punto di riferimento del laicismo occidentale e anche dei militanti della lobby LGBT. Infatti, come si legge, è il Paese con la maggiore tolleranza verso gli omosessuali ed è stato il primo ad officiare matrimoni tra coppie dello stesso sesso. Addirittura il governo ha stanziato 2,5 milioni di euro di soldi pubblici per “indottrinare” chi la pensa diversamente alla cultura gay.

In ogni caso, l’Olanda non è nuova a queste aperture alla pedofilia: nel 2006 ha infatti accolto il primo partito dichiaratamente pedofilo, Nvd (“Amore del prossimo, libertà e diversità”), che tra i suoi obiettivi aveva la liberalizzazione della pornografia infantile e i rapporti sessuali fra adulti e bambini.

Sul Corriere della Sera è stato fatto notare che l’associazione pedofila che da oggi potrà promuovere le sue idee per le strade olandesi è nata nel 1982 ed è stata espulsa dall’Ilga, l’International Lesbian and Gay Association nel 1994. Il quotidiano non ha però ricordato che, sempre nel 1994, la principale associazione omosessuale al mondo ha dovuto liberarsi anche dell’associazione di omosessuali pedofili americani, la NAMBLA. Come mai quest’improvvisa opera di pulizia da associazioni così intime da lasciare a loro l’organizzazione dei Gay Pride? Perché proprio nel 1994 l’ILGA, a causa di questa vicinanza con le associazioni pedofile, ha perso lo status consultivo al Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC) come organizzazione non governativa. Ma nel 2004 ancora sembrano esserci dei legami… (qui abbiamo ricostruito la vicenda).

Augurandoci che anche le associazioni omosessuali olandesi (e non) facciano sentire la loro voce contro questa aberrante sentenza, invitiamo i giudici olandesi a disfarsi dell’“ideologia del diritto” comprendendo che il loro compito è salvaguardare i principi, non legittimare i desideri.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

90 commenti a La tollerante e laica Olanda apre anche alla pedofilia

« nascondi i commenti

  1. beppina ha detto

    Tutti in reverente attesa di cosa faranno/diranno le varie associazioni omo-bisex-lesbo-trans echipiunehapiunemetta olandesi. Qualcosa mi sollecita a pensare che la presa di posizione sarà di sostanziale approvazione o, al massimo, leggermente ambigua (condita dalla immancabile serie infinita di “se”, “ma”, “forse”, “però”, ecc…); di sicuro l’occasione sarà ghiotta per dirottata strali a gogò verso la Chiesa Cattolica, immancabilmente colpevole di cercare l’imbrigliamento delle “sane”, “libere” e “libertarie” visioni di sensualità ed istintualità.

    0
  2. Sophie ha detto

    Con tutto il rispetto per gli olandesi ovviamente, ma l’Olanda ormai fa ridere!

    0
    • Luigi ha detto in risposta a Sophie

      solo ridere ? Francamente fa ribrezzo!

      0
      • Sophie ha detto in risposta a Luigi

        …diventerà il Paese del turismo pedofilo secondo me….

        0
        • Bichara ha detto in risposta a Sophie

          Ciao Sophie
          SSi dopo il turismo dei coffee shop (canna & co.)è ora del turismo della vergogna
          Mi dispiace che il paese dei tulipani e dei mulini a vento legato nel mio immaginario ad atmosfere amene e genuine regredisca fino al punto da non saper distinguere la faraina dalla crusca
          Dicono che il cervello (vale anche x quello collettivo) sia come il paracadute: funziona solo quand’è aperto.Ma non tale da cadere per terra e sfracellarsi….è forse il caso olandese

          0
        • gladio ha detto in risposta a Sophie

          Dio solo sa quel che diventerà, al momento, con questa sentenza, l’ Olanda è entrata nel novero dei Paesi più barbari del mondo.

          0
    • Umpalumpa ha detto in risposta a Sophie

      Non fa ridere. Invece preoccupa seriamente.
      Del resto anche in Italia ci sono stati noti intellettualoidi che hanno filosofeggiato e scritto sulla legittimità della pedofilia.

      Cmq, cari miei, la rotta dell’occidente è inevitabilmente questa. Speriamo che i cittadini europei capiscano in tempo che il problema vero non è lo spread o il pil ma la deriva morale in cui ci siamo cacciati. Non che lo spread sia una fesseria, ma l’olanda è un paese virtuoso dal punto di vista finanziario eppure ha chiaramente problemi ben peggiori (vedi tutte le misure approvare al moto “ognuno è libero di fare ciò che vuole”, liberalizzazione droghe e prostituzione, eutanasia, aborto, “diritti” civili ecc).

      0
  3. Cino ha detto

    Tutto ciò è molto preoccupante… ma dubito (spero) che agli olandesi vada bene promuovere un diritto di questo genere.

    0
    • lorenzo ha detto in risposta a Cino

      E quando diventerà un normale variazione del comportamento sessuale, inizieranno le critiche nei confronti della Chiesa per le sue condanne nei confronti di chi pratica la pedofilia..

      0
  4. Azaria ha detto

    A quando i diritti per stupratori e serial killer?

    0
  5. Penultimo ha detto

    Schifosi maiali!Anzi no i maiali non fanno schifo,dato che nemmeno il porco in natura violenta i cuccioli.

    0
    • a-theòs=a-éthos ha detto in risposta a Penultimo

      Mi associo in pieno ai tuoi epiteti: attenzione perché verrà il momento in cui non potremo più restare a guardare!

      0
      • Daphnos ha detto in risposta a a-theòs=a-éthos

        Io mi preoccupo di più del momento in cui gli epiteti poco lusinghieri verranno rivolti a noi, perché ci ostiniamo, da bigotti retrogradi, a portare i nostri figli a giocare a pallone e a girare in bicicletta, a regalare loro bambole e soldatini, anziché intrattenere rapporti sessuali con loro… non sapete che recenti studi dimostrano che il sesso in tenera età migliora la crescita psicofisica del bambino (che fessi noi, non ci abbiamo mai pensato)?! E voi volete impedire a delle persone normalissime di avere rapporti con i minori quando la cosa gratifica entrambi, solo per le vostre concezioni premoderne su felicità e famiglia? Vergognatevi, siamo in un paese libero!

        0
  6. edoardo ha detto

    Sono rimasto disgustato leggendo parte dei link proposti sia nel testo che nei commenti.
    L’unica speranza di salvezza che resta è la Chiesa e pochissimo altro.
    Sono solamente fiducioso del fatto che quella parte di mondo che sguazza in questa schiavitù di immoralità è destinata a soccombere politicamente e finanziariamente, presumo anche militarmente, presto o tardi.
    Se non si riuscirà ad invertire questo trend, l’Occidente sarà cenere.

    0
    • gladio ha detto in risposta a edoardo

      Questa parte del mondo farà la fine dell’ Impero Romano :si sveglierà un bel mattino al suono dei corni dei barbari, e sarà un triste risveglio…

      0
  7. Andrea. ha detto

    Mi inquieta vedere come i disciplinatissimi Paesi del Nord abbiano questa serpe che gli striscia dentro… Ma forse la disciplina per paradosso la tengono anche “regolamentando” le bestialità di ogni genere; il fatto è però proprio questo: non puoi regolamentare sodomie e devianze di ogni genere pensando di prendere due piccioni con una fava (soddisfare i mali desideri di certuni tenendoli, od almeno credi, sotto controllo).

    A furia di normalizzarli alla fine vengono percepiti come tollerabili anche comportamenti del tutto fuori da ogni logica umana!

    0
    • manuzzo ha detto in risposta a Andrea.

      “Che male c’è? che c’è di male? brutti bigotti di…” [il solito assaltatore laicista fondamentalista]
      I frutti del divorzio li si sono visti ( e meno male che i conventi che hanno creato luoghi e associazioni di aiuto ai padri esclusi dalla famiglia ci sono, anche se oscurati dalla propaganda della semi-dittatura atea), ora vedremo i frutti del gay pride, delle adozioni gay ecc… Poi assaggeremo anche i disgustosi frutti della libera pedofilia. Ogni sorta di xversione ormai è un diritto (e come osare dire di no: l’unico senso della vita è godere, godere, sempre e solo godere…). Forse sarà il caso di firmare per la cremazione, altrimenti cominceranno a stuprare i nostri cadaveri sti xvertiti ossessionati.

      0
  8. StevenY2J ha detto

    Come sempre si fa una grande confusione e, come sempre, si associa stupidamente l’omosessualità con la pedofilia, ma questo è un altro discorso.

    La Corte olandese NON HA APERTO ALLA PEDOFILIA. Ha, semplicemente, stabilito che non costituisce reato sostenere la pedofilia, il che vale anche per l’Italia. La Corte ha, comunque, espresso la propria ripugnanza e ribrezzo per la pedofilia. Non c’è stata nessuna legittimazione.

    Il discorso è questo e vale anche per l’Italia:
    – è REATO (ed è punibile penalmente) il rapporto sessuale con minori di anni 14, la violenza sessuale con minori o maggiorenni, la detenzione, divulgazione o commercio di materiale pedopornografico, la sottrazione di minore consenziente, lo sfruttamento e il favoreggiamento della prostituzione minorile
    – NON E’ REATO (e, quindi, non può essere sanzionato) sostenere idee o progetti politici che, in qualche modo, spingano a depenalizzare il sesso con minori, ad abbassare l’età della minore età o, comunque, a legittimare la pedofilia. Anche a me queste idee fanno schifo ma non esistono fattispecie penali per incriminarle.
    Così, anche la fondazione del partito pedofilo, per quanto schifosa, è, purtroppo, legittima perché si tratta di espressione del pensiero che in Olanda, come in Italia, è attualmente garantita dalla legge.

    Ricordo, anche, che durante il caso Ruby, sono stati i parlamentari del PDL a proporre di abbassare il limite della minore età (in modo da estinguere il reato di cui è tuttora accusato Berlusconi, ossia la prostituzione minorile). Eppure, nessuno di loro è stato incriminato per questa (vergognosa) proposta, in quanto, di per sé, del tutto legittima, per quanto, almeno per me, non condivisibile

    0
    • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

      1) Quindi neghi che l’associazione di pedofilia sia nata tra le file di quella omosessuale?

      2) La Corte Europea ha accettato l’esistenza di una associazione di pedofili che promuovono la loro attività, cosa che in Italia non sarebbe mai stata approvata. In Olanda è stato anche al governo un partito di pedofili, cosa che in Italia non sarebbe mai avvenuta.

      Sicuro che pur di difendere la tua cara laica Olanda non stia anche tu legittimando che un pedofilo possa fare pubblicità della sua attività? Perché allora non legittimare la promozione dell’omicidio, dello stupro delle donne e dell’infanticidio?

      0
      • StevenY2J ha detto in risposta a Fabio Moraldi

        1) Non mi interessano le associazioni. Ho amici omosessuali e non sono pedofili. Punto.

        2) Fondare un’associazione o un partito NON E’ REATO, anche se si fa portavoce (in maniera schifosa, lo ripeto) di idee ed istanze pedofile. Non ti sto dicendo che sia bello o giusto fondare un partito che cerca di promuovere o legalizzare il sesso con dei bambini. Fa schifo anche a me. Solo non ci sono leggi per vietarlo, nemmeno in Italia. Trovami la legge, altrimenti.

        3) La pedofilia mi fa schifo e non la sto legittimando in nessun modo. Forse dovresti rileggere quello che ho scritto. Sto solo sostenendo che, in Italia come in Olanda, una persona può andare in giro dicendo “é giusto fare sesso con dei bambini” senza essere arrestato, perché NON E’ REATO.
        So che fa schifo e ribrezzo ma NON E’ REATO (ovviamente, la polizia presterà particolare sorveglianza al soggetto in questione).

        0
        • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

          1) A me non interessano le tue amicizie, qui si parla di associazioni. Il Corriere ha ricordato che l’International Lesbian and Gay Association ha espulso l’associazione di pedofili nel 1994, indipendentemente dalle tue amicizie.

          2) In Italia NON SAREBBE MAI NATA un’associazione del genere, come non nascerebbe mai l’associazione per uccidere StevenY2J o Fabio Moraldi!! Si chiama APOLOGIA DI REATO.

          3) In Italia non succede, nessuna Corte d’Appello avrebbe mai deliberato in questo modo perché violerebbe l’APOLOGIA DI REATO.

          0
        • Pino ha detto in risposta a StevenY2J

          fondare una associazione non è reato, fondare una associazione a delinquere è reato. E una associazione che promuova la pedofilia è una associazione a delinquere perchè promuove un reato. Forse ti sfugge qualche piccolo particolare.

          0
    • Valentina ha detto in risposta a StevenY2J

      Ti ricordo che l’ONU nel 1994 ha espulso l’International Lesbian and Gay Association perché al suo interno aveva molte associazioni pedofile.
      Anche l’ONU ha associato l’omosessualità con la pedofilia?

      0
      • StevenY2J ha detto in risposta a Valentina

        Ti riporto la risposta 1 del mio intervento precedente:

        Non mi interessano le associazioni. Ho amici omosessuali e non sono pedofili. Punto

        0
        • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

          E allora? Perché vuoi collegare la pedofilia all’omosessualità a tutti i costi? L’articolo parla di associazioni pedofile e associazioni omosessuali, così come ne parla il Corriere.

          Ancora con questo gioco retorico? Ma non vi siete stancati di fare terrorismo psicologico?

          0
    • domenicotis ha detto in risposta a StevenY2J

      Un passo alla volta, prima viene il permesso di parlarne poi di farlo. Anche il negazionismo sulla Shoa è un’espressione del pensiero eppure tutti vogliono mandare in galera chi lo fa prorpio. In alcuni stati è un vero e proprio reato con tanto di condannati.

      0
      • StevenY2J ha detto in risposta a domenicotis

        Infatti, non é corretto mandare in galera i negazionisti, perché esprimono un loro pensiero (che io non condivido in una virgola).
        Ed infatti, in Italia, non esiste il reato di negazionismo.

        Se dovessimo mandare in galera la gente per quello che dice o che pensa, chi avrebbe il diritto o il potere di decidere che cosa é giusto pensare e che cosa non lo é?

        0
        • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

          In Italia infatti esiste l’apologia di reato, chi promuove la pedofilia viene incarcerato perché viol l’art 414, comma 3 del codice penale.

          0
          • StevenY2J ha detto in risposta a Fabio Moraldi

            Ti segnalo questo link al vostro stesso sito:
            http://www.uccronline.it/2010/05/29/ateismo-laicismo-e-pedofilia/

            Sapresti spiegarmi come mai, visto che mi citi l’art. 414 cp, Aldo Busi non è mai stato incarcerato? Per cortesia, senza tirare fuori complottismi vari.

            Grazie.

            0
            • domenicotis ha detto in risposta a StevenY2J

              E questo è un mistero tutto italiano.

              0
              • StevenY2J ha detto in risposta a domenicotis

                Non è un mistero tutto italiano, caro Domenicotis. Il punto è che NON ESISTE nel nostro Codice Penale un reato che consenta di incriminare una persona perché dice che “la pedofilia non è un crimine”.

                E’ ovvio che una simile affermazione non mi trova d’accordo perché, secondo me, la pedofilia è un crimine ed è anche gravissimo ma, in Italia, non esiste alcuna fattispecie di reato che consenta di punire un’opinione.

                In altre parole, le parole di Busi non sono certo condivisibili (almeno per me) ma non costituiscono reato, quindi nessuno lo può punire.

                Così come non si può punire chi ritiene gli omosessuali contro natura, i musulmani dei folli esaltati, i cattolici dei bigotti e i neri inferiori ai bianchi.
                Tutte affermazioni stupide e superficiali, dal mio punto di vista, ma si può dire che, in Italia, esiste anche il diritto di essere stupidi e superficiali.

                0
            • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

              Perché l’esistenza di Aldo Busi non è la propaganda della pedofilia, al contrario di un’associazione di pedofili. Le cose sono ben diverse….

              Ma perché citi l’omosessuale Aldo Busi? Vuoi forse paragonare i pedofili agli omosessuali?
              Questa volta il giochino te l’ho fatto io…cosa si prova?

              0
              • StevenY2J ha detto in risposta a Fabio Moraldi

                Non si prova niente perché io ho citato parole di Aldo Busi che non condivido in una sola lettera.

                Il fatto che Aldo Busi sia omosessuale non significa automaticamente che sia un santo, per me. Se fa o dice scemenze, ha fatto o detto scemenze. E’ un uomo anche lui, non una divinità intoccabile e, per usare un’espressione un po’ volgare ma popolare, “non caga margherite”.

                E nessuno nega che “alcuni omosessuali” sono pedofili (= pedofili omosessuali) mentre io contesto l’idea, che spesso qualcuno propugna (non questo sito direttamente) per cui gli omosessuali (“tutti”) sono anche pedofili (“tutti”).
                Così come esistono “alcuni preti” pedofili, sono sciocche quelle persone che, parlando a vanvera, generalizzano e ti dicono che “i sacerdoti sono tutti pedofili”. Credimi, ne ho conosciute.

                In ogni caso, non è l’esistenza di Aldo Busi a propagandare la pedofilia, ma le parole che lui ha utilizzato, citate nel link che ti ho segnalato.

                Le sue frasi aberranti mi sembrano inequivocabilmente a favore di un’eventuale depenalizzazione della pedofilia
                “ma da quando la pedofilia è un crimine? Io ho fatto di tutto! Se anche un adulto masturbasse un ragazzino, che male ci sarebbe?”
                Mi sembrano parole abbastanza inequivocabili, in cui si esprime la chiara idea che la pedofilia non dovrebbe essere punita.

                Io ti ho chiesto come mai, secondo te, Aldo Busi non è stato incarcerato in base all’art. 414 c.p. che hai citato tu?
                Perché sostieni che le parole usate da un singolo (che, comunque, ha grande influenza mediatica) siano meno dannose o “diverse” dall’attività svolta, per esempio, da un’associazione pro-pedofilia? Mi pare che il messaggio (dannoso) sia lo stesso.

                0
        • domenicotis ha detto in risposta a StevenY2J

          “..Ed infatti, in Italia, non esiste il reato di negazionismo..”

          Ma in altri stati europei sì. In Germania ad esempio ma alcuni vorrebbero estenderla anche in altri paesi, Italia compresa.
          Attraverso le tanto decantate leggi antiomofobe (fortissimamente volute dalle associazioni LGBT) si vuole tacitare chi la pensa diversamente, tramutando in reato la diversità di pensiero. Facciamo due pesi, due misure come al solito? A piccoli passi, si arriva dappertutto.

          0
          • StevenY2J ha detto in risposta a domenicotis

            Su questo hai ragione, infatti io sono contrario sia alle leggi anti-negazionismo sia alle leggi anti-omofobia quando vanno ad impedire ad una persona di esprimere il suo pensiero.

            Il punto è che esistono (purtoppo) tante persone sciocche, superficiali o ignoranti, però anche queste persone si devono poter esprimere, senza paura di andare in galera.

            Le leggi che citi tu, però, in Italia attualmente non esistono e, se venissero approvate, sarebbero in contrasto con l’art. 21 Cost e, quindi, verrebbero annullate dalla Corte Costituzionale.

            Ti faccio anche notare che la legge contro l’omofobia esaminata più volte dal Parlamento italiano non prevedeva di punire chi la pensava in modo diverso sull’omosessualità ma prevedeva un’aggravante per i reati commessi con il motivo della discriminazione sessuale (quindi, un omicidio di una persona perché gay, un insulto ad una persona in quanto donna…).

            Si può, ovviamente, discutere se una simile aggravante sia opportuna o no ma, certamente, non si tratta di punire il pensiero ma di punire in modo più grave comportamenti che sono già costituenti reato.

            0
    • Xlove ha detto in risposta a StevenY2J

      Dobbiamo capire che non è diritto fare tutto quel che abbiamo in mente, io non ho il diritto di creare un’associazione di pedofili. A me della libertà d’espressione non me ne sbatte nulla, la libertà è una responsabilità!

      Rispetto alla tua uscita sull’equiparazione omosessualità e pedofilia è la solita retorica vittimista, che ormai fa scattare solo sorrisi compassionevoli.

      0
      • StevenY2J ha detto in risposta a Xlove

        Veramente, hai anche il diritto di creare un’associazione di pedofili, purché non sia finalizzata a commettere reati. Non lo dico io, lo dice la c
        Costituzione Italiana. In caso contrario, trovami la legge che ti vieta di farlo.

        Se vogliamo parlare dal punto di vista etico e morale, lo ripeto, la PEDOFILIA E QUALSiASI FORMA DI PROPAGANDA, ADESIONE O SPONSORIZZAZIONE MI FA SCHIFO.
        Se, però, vogliamo parlare in termini giuridici (quello che deve fare un giudice, come la Corte d’Appello Olandese), l’etica e la morale si mettono da parte, e si applica la LEGGE.

        Veramente, l’equiparazione l’ha fatta l’articolo, non io. O forse, vogliamo cadere nella solita, stupida retorica da bar e dire che “tutti i preti sono pedofili”?

        0
        • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

          Promuovere la pedofilia significa incorrere in apologia di reato, così come associazioni che promuovono l’omicidio o lo stupro.

          L’articolo non fa nessuna equiparazione, ma ricorda solo che le associazioni pedofile (come NAMBLA) nascono all’interno di quelle omosessuali. Ora anche dovete cancellare anche la storia, oltre alla natura?

          Il tuo è il classico terrorismo psicologico su chi osa affermare qualcosa di controverso per la cultura gay, ma ormai siete ridicoli!

          0
    • Matteo ha detto in risposta a StevenY2J

      Come si piazza in tutto questo la “Apologia di Reato”?

      0
      • StevenY2J ha detto in risposta a Matteo

        Caro Matteo, mi permetto di spiegarti la differenza, che non é semplicissima da afferrare. L’apologia di reato si configura quando qualcuno istiga un’altra persona o un gruppo di persone o tutto il popolo a commettere un reato.

        Quindi, se un’associazione di pedofili o il partito pedofilo va in televisione e dice “andate in giro per le strade e violentate i bambini” oppure “andate su questo sito internet e scaricate materiale pedopornografico” commette il reato di apologia di reato.

        Se, invece, i membri del partito pedofilo vanno in tv e dicono “i rapporti sessuali con adulti non fanno male ad un bambino” oppure fanno una proposta di legge per ridurre l’età dei rapporti sessuali da 14 a 12 anni (sottolineo che entrambe le idee mi fanno semplicemente vomitare) non commettono nessun reato, ma esprimono un'(aberrante) opinione.

        La differenza é sottile, ma esiste.

        0
        • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

          Non esiste alcuna differenza, tant’è che in Italia non esistono associazioni del genere.

          Dire “stuprate i bambini” e dire “i rapporti sessuali con i bambini non sono nocivi” è la stessa cosa. Così come dire “violentate le donne” e “picchiare le donne fa soltanto del bene” è la stessa identica cosa, è istigazione alla violenza perché si cercano di eliminare i deterrenti morali dei propri ascoltatori per commettere un reato.

          Un’associazione di pedofili in Italia è ILLEGALE, non in Olanda.

          0
          • Matyt ha detto in risposta a Fabio Moraldi

            Io starei molto attento a fare affermazioni del genere.

            Seguendo questa logica, allora, dire che “gli omosessuali sono contro natura” equivale ad affermare “Pestate a sangue i froci”.

            0
            • Fabio Moraldi ha detto in risposta a Matyt

              Obiezione inutile e scorretta, non c’è alcuna istigazione alla violenza nell’identificare un certo comportamento come contro natura. Avresti ragione se io creassi una associazione in cui promuovo la violenza contro gli omosessuali.

              Nella tua carissima Olanda me lo lascerebbero fare, nell’Italia vaticana è proibito 😉

              0
    • beppina ha detto in risposta a StevenY2J

      Come sempre si fa una grande confusione e, come sempre, si associa stupidamente l’omosessualità con la pedofilia, ma questo è un altro discorso.

      Non vedo dove sia questa “associazione”; vedo invece tanta coda di paglia nel lanciare ricorrenti accuse fuori luogo o a sproposito.

      Comunque stia tranquillo, “purtroppo” la statistica sfavorisce la quota parte di popolazione eterosessuale dedita alla pedofilia; e non é qualche cristiano “bigotto” o la solita associazione “fondamentalista” che tanto fanno paura al mondo gay a dichiarare ciò…

      http://www.uccronline.it/2013/04/02/bimbo-abusato-da-coppia-gay-ignorato-appositamente-per-anni/#comment-115010

      0
    • domenico ha detto in risposta a StevenY2J

      e come mai caro StevenY2J costituisce reato fare associazioni che sostengano e promuovano tesi razziste, antisemite, negazioniste, antiislamiche?
      Te lo vedi il tribunale olandese dire che una associazione antisemita anche se ha idee aberranti ha il diritto di pubblicizzarle e diffonderle?
      Perchè vedi mentre negli Stati Uniti in nome del primo emendamento tutti ma proprio tutti possono costituirsi in associazioni (dai nazisti ai pedoflifi) in Olanda l’associazione pedofila viene consentita, un’associazione antisemita o antiislamica viene chiusa in 24 ore…

      0
      • domenico ha detto in risposta a domenico

        e te lo vedi un tribunale olandese di fronte una persona iscritta ad una associazione antisemita resosi colpevole di reati di violenza razziale scrivere “questi reati non sono riferibili al lavoro della associazione”? perchè ovviamente non ti sarà sfuggito che in questa associazione pedofila ci sono persone già condannate per pedofilia e pedopornografia ma per il nostro tribunale sembra che i reati e l’associazione non siano collegati!

        0
        • StevenY2J ha detto in risposta a domenico

          Secondo te, partiti come la Lega o quello più recente di Magdi Allam non hanno posizioni anti-islamiche? Calderoli ha portato dei maiali a pascolare sui terreni di una moschea!!! Eppure, nessuno è finito in galera o è stato accusato di apologia?

          Anche CasaPound o Stormfront hanno idee quantomeno controverse su ebrei e stranieri, eppure, fintanto che non istigano a commettere reati, nessuno può arrestarli. Al massimo, le Forze dell’Ordine possono svolgere una particolare attività di sorveglianza, proprio per evitare che vengano commessi reati.

          Io sto soltanto spiegando che, in un Paese come il nostro o come l’Olanda, non è possibile agire in via preventiva con gli strumenti del diritto penale. Se tu vai al bar e dici che hai intenzione di uccidere StevenY2J non puoi essere arrestato. Occorre, almeno, un tentativo di omicidio.

          Io, ovviamente, come tutte le persone di buon senso, sono contrario a tesi razziste, antisemite, negazioniste o anti-islamiche così come a qualsiasi tipo di tesi o apertura “pro-pedofilia”.
          Tuttavia, non abbiamo strumenti, nell’attuale democrazia per vietare ad alcune “persone” di sostenere simili, assurde teorie.

          Se, invece, volete continuare a far finta che, in Italia, esistano strumenti giuridici di diritto penale per reprimere questo tipo di idee, andate avanti a farlo. Io non sono certo un luminare, ma ho un esperienza nel mondo del diritto che ormai supera il decennio.

          Se volete continuare a pensare che io stia, in qualche modo, difendendo queste associazioni schifose – mentre, in realtà, sto solo spiegando un po’ il sistema penale italiano che, peraltro, si conforma a quello europeo e continuo a condannare con ribrezzo qualsiasi tentativo di legittimare la pedofilia – andate avanti pure a farmi una crociata contro.

          0
          • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

            E’ un commento sciocco, mi stupisci. Paragoni la Lega al movimento di pedofili, evidentemente non sai più cosa dire.

            0
          • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

            La tua crociata contro la ragione è spiegabile soltanto con l’impresentabile pretesto di difendere uno Stato molto simpatico a laicisti e omosessualisti.

            0
          • domenico ha detto in risposta a StevenY2J

            ce la fai a spiegarmi come ‘promuovere la pedofilia’ senza incorrere in un reato?

            0
            • StevenY2J ha detto in risposta a domenico

              Esattamente come ha fatto il PDL quando, per difendere Silvio Berlusconi nel caso Ruby, ha proposto di ridurre la minore età in modo da depenalizzare sostanzialmente il reato di prostituzione minorile di cui è accusato l’ex Presidente del Consiglio.

              0
              • Fabio Moraldi ha detto in risposta a StevenY2J

                Il PDL non esiste per diffondere la pedofilia, cosa che invece fanno le associazioni di pedofili (nate in quelle omosessuali, come ha ricordato il Corriere).

                Lega e Pdl paragonati alle associazioni di pedofili, dunque per te sarebbero sostenitori della pedofilia anche tutti i milioni di cittadini che hanno votato questi partiti (non io, che mi sono astenuto). Questa è calunnia, in Italia rischi una denuncia, lo sai (in Olanda invece no)?

                0
              • Fede_81 ha detto in risposta a StevenY2J

                Mi sembrava che fossi una persona ragionevole, che ti è successo oggi Steven? Stai dando i numeri, questi non sono tuoi discorsi…

                0
                • StevenY2J ha detto in risposta a Fede_81

                  Caro Fede_81, mi spiegheresti in che cosa non sono ragionevole? Non mi pare proprio di aver mai difeso la pedofilia ne le associazioni pro-pedofilia. Lo scrivo ancora a grandi lettere, casomai fosse poco chiaro:
                  LA PEDOFILIA E LE ASSOCIAZIONI PRO-PEDOFILIA MI FANNO SCHIFO.

                  Va bene così?

                  Io ho solamente evidenziato che la sentenza della Corte d’Appello olandese è ineccepibile da un punto di vista strettamente giuridico e, soprattutto, non legittima la pedofilia. Moralmente, se ne può discutere all’infinito, ma un giudice non segue la morale o l’etica, segue LA LEGGE.

                  Un’ultima nota per chiarire le cose a Fabio che, evidentemente, ha forti pregiudizi verso quello che scrivo:
                  – non ho MAI ricollegato né la Lega Nord né il PDL né tanto meno i loro elettori, che rispetto, alla pedofilia. Quest’assurdità te la sei sognata tu di sana pianta.

                  – ho citato la Lega Nord perché Domenico ha parlato di TESI ANTI-ISLAMICHE e la Lega Nord, come Io Amo L’Italia di Magdi Allam sono fortemente avversi all’Islam. Dove sei andato a pensare che io abbia associato la Lega Nord alla pedofilia lo sai veramente soltanto tu!!!

                  – ho citato una proposta fatta da alcuni esponenti del PDL per ridurre la minore età. Ti cito anche il link:
                  http://tg24.sky.it/tg24/politica/2011/01/22/ruby_berlusconi_bunga_bunga_abbassamento_maggiore_eta_pecorella_cicchitto.html
                  Ovviamente, non si tratta nemmeno in questo caso di legittimare la pedofilia che nessuno vuole, ovviamente neanche i parlamentari del PDL, questo è logico (quindi, ancora una volta, ti sei sognato o ti sei inventato di sana pianta che io abbia associato il PDL con la pedofilia), ma è ovvio che diminuendo la maggiore età tanti reati (come la prostituzione minorile, ovvero chi va con prostitute che hanno meno di 18 anni), non sarebbero più tali.

                  Se si porta il limite della minore età, per esempio, da 18 a 15 anni,
                  si potranno avere rapporti sessuali a pagamento con ragazzine di 15,16,17 anni cosa che, attualmente, è vietata (reato di prostituzione minorile).
                  Con la proposta che ti ho segnalato sopra, quindi, pur non propagandando la pedofilia (ovvio che nessuna persona sana di mente lo vuole), si sarebbe avuto, comunque, un risultato molto dannoso, dal mio punto di vista.

                  Spero di essere stato più chiaro, questa volta. Il mio è stato solo un esempio per far capire che questo genere di proposte, che io NON CONDIVIDO IN UNA VIRGOLA, sono discutibili, ma comunque legittime, sul piano strettamente giuridico.

                  0
                  • domenico ha detto in risposta a StevenY2J

                    vedo che ti continua a sfuggire la differenza tra pedofilia che è per definizione il sesso con i bambini prepuberi e l’abbassamento della maggiore età eventualmente a 17 anni che è qualcosa di diverso visto che già da tempo si pensa di dare il diritto di voto ai sedicenni.
                    E quindi ripeto la domanda: come si può pruomuovere la pedofilia ovvero il sesso con i bambini prepuberi senza violare la legge?

                    0
                    • StevenY2J ha detto in risposta a domenico

                      Facendo, ad esempio, una proposta di legge, come ti ho spiegato sopra. Immagina, ad esempio, un partito politico che proponga di abrogare l’art. 609 quater c.p. ovvero il reato di “atti sessuali con minorenne” (che sarebbe, poi, la norma penale che punisce la pedofilia praticata).

                      Una simile proposta di legge non sarebbe reato (la proposta di legge non è reato) e avrebbe come effetto, se accolta, quello di depenalizzare la pedofilia.

                      Inoltre, sempre in base all’art. 609 quater cp, oggi è possibile e lecito avere rapporti sessuali con minori che abbiano compiuti i 14 ANNI, che è già un’età molto bassa. Un partito politico potrebbe anche proporre di ridurre tale limite, per esempio a 12 ANNI.

                      La proposta che ti ho citato del PDL, ovviamente, non intendeva certo legittimare la pedofilia, questo lo so bene.
                      Tuttavia, anche ridurre la minore età, per esempio, a 16 anni avrebbe alcune conseguenze a livello penale non di poco conto:
                      – oggi, per esempio, è punito chi ha rapporti sessuali a pagamento con un minore di 18 ANNI (prostituzione minorile);
                      – riducendo il limite della minore età, per esempio a 16 ANNI, non sarebbe più reato avere rapporti sessuali a pagamento con ragazze e ragazzi di età compresa, appunto, fra 16 e 18 anni, cosa che, attualmente, è punibile.
                      – il risultato, come puoi comprendere anche tu, sarebbe una legittimazione non certo della pedofilia (che, come giustamente fai notare ha per vittime bambini prepuberi), ma della prostituzione di giovani che sono poco più che adolescenti (sedicenni e diciassettenni).
                      Si può discutere se questi cambiamenti siano corretti ed opportuni, personalmente non mi piace l’idea che qualcuno si prostituisca, quindi lascerei le cose come stanno.
                      Però, come vedi, qualsiasi proposta di legge nel panorama italiano che, sinceramente, è molto incasinato a livello normativo, produce conseguenze a piu’ livelli.

                      Le proposte che ti ho ipotizzato prima, come la depenalizzazione dell’art. 609 quater (e, quindi, l’eliminazione del reato di pedofilia), sono schifose ed aberranti. Non credo che qualche partito si azzarderebbe a farle, perché non le voterebbe nessuno e perderebbe tutto l’elettorato.

                      Quello che cerco di evidenziare è che il rischio c’è, perché, contrariamente a quanto qualcuno si ostina a sostenere qui, anche in Italia (come in Olanda) non esiste nessun divieto di formulare proposte o di sostenere idee (schifose) del tipo che ti ho suggerito sopra. In Italia, come in Olanda (e negli altri Paesi Europei) non si viene puniti per le idee ma solo per le loro attuazioni concrete. Quindi, purtroppo, fondare un partito che voglia ridurre a 12 anni, per esempio, l’età dei rapporti sessuali è, teoricamente, possibile.

                      Così come (l’ho segnalato in un altro post) anche su questo sito avete riportato commenti di intellettuali che, almeno apparentemente, appaiono finalizzati a ridurre il limite d’età per i rapporti sessuali, eppure nessuno di loro è stato incriminato, processato od arrestato.

                      Non voglio sembrare polemico né aggressivo. La mia intenzione era solo di far riflettere su questi aspetti che, ripeto ancora una volta, non piacciono neppure a me.

                      Un caro saluto e buona domenica.

                      0
              • Kosmo ha detto in risposta a StevenY2J

                quindi il reato di “voto di scambio” non ha ragione di esistere ?

                0
    • domenico ha detto in risposta a StevenY2J

      Ovviamente il nostro StevenY2J non può smentire che fino al 1994 queste associazioni propedofilia facessero parte delle più vaste organizzazioni omosessuali… Perchè sono state cacciate è comprensibile, spiegare perchè ci sono rimaste fino al 1994 mi sa che è un pò più complicato per il nostro StevenY2J… Se vuole provare a spiegarcelo…

      0
  9. Pino ha detto

    con il Parlamento laicista che ci ritroviamo aspettiamoci anche noi qualche demenziale novità.

    0
    • Daniele ha detto in risposta a Pino

      Ma!, non so se il nostro Parlamento sia laicista:
      PdL, Lega, UdC e Montiani, che nel complesso fanno quasi la metà (almeno in termini di consenso popolare: certo le cose son diverse in termini di seggi per via del premio di maggioranza) sono vicini, almeno sulle questioni etiche e bio-etiche, alla visione cristiana della vita.
      Il PD contiene in sé tutto, quindi non escludo che su certe questioni i parlamentari PD votino in coscienza (cosa che si è già verificata in passato), cioè senza seguire una “pre-impostazione” dettata dalla Segreteria.
      SEL è il partito più laicista, ma vale un 3% di consenso: troppo poco per incidere.
      Il M5S è un’incognita. Io penso che al suo interno contenga varie “anime” che su alcune cose, come le questioni etiche, la vedono in maniera diversa e variegata, per cui, penso volutamente, il programma in 20 punti presentato in campagna elettorale non presenta bozze di legge, né in un senso né nell’altro, su argomenti quali aborto, eutanasia, matrimonio, ecc… Poi vedremo come si comporteranno…

      0
      • Pino ha detto in risposta a Daniele

        tu sei un ottimista, il parlamento attuale è fortemente laicista, PD e grillini sono a favore delle nozze gay, del testamento biologico e così via. Hanno un’ampia maggioranza in parlamento sia alla Camera che al Senato. Bersani ha apertamente dichiarato in campagna elettorale di essere favorevole a tali leggi. I grillini sono un movimento pericoloso, una sorta di setta esoterico-massonica guidata da un guru inquietante. Il fronte che si è sempre battuto contro una normativa laicista e non ha mai presentato leggi in tal senso si è fortemente indebolito anche grazie all’insipienza di eminenti ecclesiastici che hanno lavorato in tal senso.

        0
  10. Kosmo ha detto

    Compriamo tutti una felpa come quella del “criminale” ed indossiamola:
    http://boutique.lamanifpourtous.fr/index.php

    0
  11. Daniele ha detto

    Mentre l’Olanda compie questo ulteriore passo verso il baratro, Papa Francesco, in linea col lavoro svolto da Benedetto XVI, ha già iniziato ad affrontare la delicata questione degli episodi di pedofilia commessi da esponenti del clero cattolico.
    Perché, sia ben chiaro, per la Chiesa la pedofilia è sia un peccato sia un reato e il Papa intende vederci chiaro e applicare la disciplina nei confronti dei responsabili di tali azioni.
    Quindi non si accetta che i vari Pannella (che, tra l’altro, proprio ieri ha sbroccato e spaccato tutto quando un conduttore radiofonico gli ha fanno notare la pura e semplice verità, cioè che i Radicali alle ultime elezioni han preso un misero 0,3%), Bonino (spero non la eleggono Presidentessa della Repubblica: è una vergogna avere come Prima Cittadina una che si vanta per aver fatto gli aborti con una pompa di bicicletta!), Cappato, ecc…, che in definitiva la pensano come i loro parigrado olandesi, vengano a fare la morale alla Chiesa sulla questione della pedofilia, quando sono proprio loro i primi che ne vogliono la legalizzazione!

    0
  12. Enrico da Bergamo ha detto

    Ma in Olonda esiste già il matrimonio multiplo?Ad esempio io voglio sposarmi con una donna e due uomini è possibile ciò?

    0
  13. beppina ha detto

    L’anticorpo non è il fatto di avere in una società la possibilità di reagire contro questo tipo di mentalità. Il problema è perché esiste questa mentalità. Stiamo parlando di cose veramente fuori da ogni logica e normalità. Stiamo parlando di una “promozione culturale” che va a colpire bambini da 0 a 12 anni, perché il pedofilo vuole i bambini da 0 a 12 anni. Dovreste leggere i dialoghi nei forum pedofili… I pedofili devono capire che loro sono dei soggetti disturbati e si stanno disturbando sempre di più, pensando che la pedofilia è un benessere per i bambini.

    Bel pensiero di Don Di Noto. Trovo deprimente che qualcuno pure ci “giri attorno” disquisendo sulla rigorosità giuridica della sentenza.

    0
    • Daphnos ha detto in risposta a beppina

      Cara Beppina, credo che tu sia abbastanza sveglia da comprendere che sulla questione specifica, come su altre tematiche simili (l’adozione per single, gay, ecc. è solo una delle tante sfaccettature), il contrasto tra noi e gli altri, che in realtà coinvolge solo una piccola parte dell’opinione pubblica, anche se molto importante, riguarda soprattutto la FORMA e la MENTALITA’, più che il CONTENUTO.

      Per questo non devi stupirti se qualcuno rimane tranquillo dopo tale sentenza, pur mantenendo la propria contrarietà all’oggetto in questione. Il lavoro sulla forma (accuse di bigottismo, rigidità, arretraztezza, incomprensione, fino all’insanità mentale e al reato d’opinione) e sulla mentalità (diffusione silenziosa di determinate pratiche e ricerca dell’affiliazione a determinati orientamenti politici) hanno sempre dato buoni risultati nel prendere a cazzotti il più elementare buon senso.

      Per questo ti dico che è solo questione di tempo: che il contenuto sia aberrante è oggi evidente a tutti, ma vedrai tra 10-15 anni che, nell’ordine, la pubblicazione di un controverso best-seller rivoluzionario sul tema, la diffusione di commoventi storie di bambini felici e in salute avendo avuto rapporti con i genitori e i loro amici, le affermazioni di qualche professore universitario in cerca di fama, un paio di sentenze atroci della Corte di Cassazione, la scesa in campo di testate giornalistiche e bloggers famosi, e vedrai come i nostri oppositori, che oggi la pensano come noi sul tema, cambieranno rapidamente idea… non se ne accorgeranno nemmeno. Altro che “giri di parole”!

      0
      • Nemo ha detto in risposta a Daphnos

        Daphnos, sono perfettamente d’accordo con te.
        Oggi si fingono indignati, domani non solo accetteranno la pedofilia ma se ne faranno paladini indefessi.
        È già successo con l’omosessualità (Comparate le posizioni sull’argomento che celebrità, politici ed intellettuali avevano negli anni 80 e le opinioni che invece manifestano oggi).
        Educare un ragazzo è sempre un “imposizione” del volere di un adulto nei confronti di un minore.
        Basterà “dimostrare” che fare sesso con un bambino, se eseguito nel “giusto modo”, non solo non è un trauma, ma aiuta lo sviluppo psicofisico del fanciullo.(Purtroppo, ci sono già psichiatri e psicologi convinti di questo).
        Negli anni 70 riviste come Play Boy, Penthouse et simili pubblicavano foto di ragazze undicenni nei paginoni centrali. L’industria cinematografica cercava di sdoganare pedofilia, incesto e zoofilia con il plauso degli intellettuali di sinistra di mezzo mondo. Basti ricordare il caso “Daniel Cohn-Bendit” o il film italiano pedopornografico la “Maladolescenza” di Pier Giuseppe Murgia (partigiano di sinistra e regista storico della trasmissione di rai3 “Chi la visto?” con i dialoghi Barbara Alberti (l’isterica intellettuale femminista ospite quasi fisso del programma di rai1 “Verdetto Finale”).
        Oggi non parlano di questo loro passato (La Alberti nel suo sito ufficiale non cita neppure, tra i suoi lavori cinematografici, questo film. Eppure, il suo nome capeggiava a lettere cubitali sulle locandine di “Maladolescenza”) perché i tempi non sono maturi. Ma fra qualche anno i falsi indignati cambieranno pelle di nuovo e ci riproporranno la stessa tiritera che oggi ci sciorinano nei confronti degli omosessuali.
        Cosa possiamo fare noi cattolici per contrastare il fenomeno?
        Sposare il concetto di “TOLLERANZA ZERO”
        E fare nostra questa frase di William Lloyd Garrison, attivista per l’abolizione della schiavitù negli Stati Uniti del XIX secolo:
        “Su questo argomento non desidero pensare, parlare e scrivere con moderazione… Faccio sul serio, non giuocherò sugli equivoci, non accetterò giustificazioni, non mi tirerò indietro neppure di un centimetro-e dovrò essere ascoltato”.
        Currenti Calamo

        0
  14. gladio ha detto

    Meglio sarebbe per i giudici olandesi legarsi la classica macina da mulino al collo e gettarsi nelle acque dello Zuidersee.

    0
  15. Vale ha detto

    Male, malissimo.. Di questo passo prima o poi vedremo la depenalizzazione della pedofilia, perche se ogni comportamento è lecito se basato sul consenso delle parti allora Perchè non posso avere rapporti con un bambino se siamo entrambi d’accordo?
    Che tristezza vedere un paese che in nome dell’ideologia rinuncia a difendere i bambini indifesi.

    0
  16. Alberto ha detto

    Scusate ho dato il link sbagliato, quello giusto è questo, in rif al mio post qui sopra. Qui non si tratta di fare confusione tra omosessualità e pedofilia, anzi bisogna riconoscere come le due cose siano molto legate. Questo articolo fa venire i brividi.
    http://www.lanuovabq.it/it/articoli-nella-chiesa–in-atto-un-golpe-omosessualista-5590.htm

    0
  17. nicola ha detto

    Ma basta. Ci sono miliardi di persone nel mondo, centinaia di culture, decina di religioni che la pensano diversamente dai modelli imposti in occidente da non più di due secoli. Modelli giuridici e ‘morali’ nati e cresciuti prevalentemente in USA nel secolo scorso. Basta. L’omosessualità è una depravazione innaturale sempre condannata dalla Chiesa Cattolica, dall’Ebraismo, dall’Islam, dal Buddismo,….e via continuando. Non mi risulta che ci siano state nei secoli posizioni analoghe rispetto a ciò che oggi viene fatta passare per pedofilia. Si arriva all’assurdo che Saan Giuseppe era un pedofilo, che re David era un pdofilo, che innumerevoli personaggi della storia erano pedofili, che gli zingari sono pedofili, che i mormoni sono pedofili,….

    0
    • Fabio Moraldi ha detto in risposta a nicola

      D’accordo con tutto, la Chiesa però definisce l’omosessualità un disordine morale non una depravazione e nonostante questo chiede di accogliere gli omosessuali con rispetto, così come tutti gli altri uomini, peccatori e non.

      0
  18. Simone Emili ha detto

    Assurdità chiama assurdità. Si comincia con l’assurdità di equiparare le relazioni omosessuali a quelle eterosessuali, e si finisce con l’assurdità di dire che non è necessario che un individuo sia fisicamente maturo per l’atto sessuale. Del resto, se è normale, per un uomo, avere un corpo fatto per unirsi alla donna e andare invece con altri uomini, al punto di pretendere addirittura il “matrimonio”, perchè dovrebbe essere anormale andare con dei bambini? Perchè i bambini sono plagiabili in quanto immaturi? Ma c’è bambino e bambino, alcuni a 12 anni sono già piuttosto maturi e assennati. Un pedofilo potrebbe pretendere di dimostrare che, nel suo caso specifico, la dodicenne con cui ha fatto sesso era del tutto consenziente…..

    0
    • domenico ha detto in risposta a Simone Emili

      tutti i pedofili dicono che i bambini che hanno abusato erano consenzienti o che addirittura erano i bambini a cercarli e a ‘sedurli’.
      E la cosa triste è che ci sono psicologi e psichiatri che hanno scritto la stessa cosa in autorevoli riviste…

      0
  19. Gab ha detto

    Cosa facciamo.. continuiamo a mettere polvere sotto al tappeto?

    0
« nascondi i commenti