L’istantanea conversione dell’ateo Alphonse Marie Ratisbonne

“La storia della Chiesa è piena di conversioni, ma alcune sono più imprevedibili di altre”. Così inizia questo recente articolo preso dal sito spagnolo “Religion En Libertad”,  il quale descrive la conversione dell’avvocato Alphonse Marie Ratisbonne, molto simile a quella di sant’Agostino, del beato John Henry Newman e ancora di più a quella di Andrè Frossard. Ratisbonne, di famiglia ebrea, ateo, scettico, cinico e fortemente anticlericale, trascorse la vita nell’ozio e nei piaceri ma in pochissimi istanti e attraverso esperienze apparentemente casuali abbandonò tutta la sua vita passata per dedicarsi a ciò che per tutta la vita aveva odiato: Dio e la Chiesa.

Partiamo dall’inizio di questa imprevedibile storia: siamo nel 1839, Alphonse ha ormai 27 anni, è  laureato in giurisprudenza e già avviato alla carriera di banchiere e prima di sposarsi con sua cugina Flore, decide di fare un ultimo viaggio in alcune grandi città europee. In questi momenti gli torna alla mente suo fratello, Theodore. Non lo sente da molti anni, infatti Theodore si è fatto sacerdote cattolico! Che ironia! Alphonse non poteva sopportare la scelta del fratello, perciò aveva troncato i rapporti con lui. Ma a sua insaputa, il fratello prete lo affidava tutti i giorni alla Immacolata Concezione, affinché potesse cambiar vita (e pensare che il dogma dell’Immacolata verrà proclamato solo anni dopo!).  Alphonse nel suo lungo viaggio si ferma anche a Roma, dove constata le condizioni degli ebrei nel ghetto. Nella Città Eterna incontra un suo vecchio amico, il barone Theodore de Bussierè, convertitosi da poco al cattolicesimo. Costui farà da guida per la città ad Alphonse e agli altri ebrei in viaggio con lui, a una condizione, di portare al collo la medaglia miracolosa di Catherine Labourè, in futuro poi santa Catherine. Alphonse non ha alcun problema, la porta come fosse un ninnolo, col senno di poi capirà.

I giorni passano, e arriviamo al 20 Gennaio 1842. L’amico Theodore lo porta con sé per una commissione, il pagamento per il funerale di un uomo importante deceduto due giorni prima, che sicuro diventerà molto importante per Alphonse. Il calesse arriva alla chiesa di Sant’Andrea delle Fratte, vicino a piazza di Spagna. Il barone entra e Alphonse, per non rimanere al freddo decide di seguirlo a sua volta. Essendo buio, il nostro uomo non può vedere i capolavori del Bernini o del Borromini, ma viene attratto da una luce particolare proveniente da una cappella laterale. E in un singolo istante (come avvenne in modo speculare per lo scrittore Frossard) tutto cambiò: d’un tratto si trovò in ginocchio a contemplare la bellezza di una donna stupenda in piedi davanti a lui. La sua immagine era molto simile a quella della medaglia che aveva al collo. Lo stesso Alphonse racconta questa visione: “Ho alzato gli occhi verso la luce e vidi, in piedi presso l’altare, grande, maestosa, bella e graziosa la Beata Vergine Maria…”.

La Madonna non parla, ma Alphonse percepisce dal solo sguardo della Vergine un forza tremenda. “Improvvisamente ho capito l’orrore dello stato in cui mi trovavo, la deformità del peccato” scriverà successivamente. Capisce tutto da solo, senza che la Beata Vergine dica nulla, i suoi occhi bastano a fargli vedere l’abisso del male. Dopo solo undici giorni dall’evento miracoloso, Alphonse decise di farsi battezzare ed adottare come nome quello di Marie. Tutti i suoi amici, la sua famiglia e anche la sua futura moglie lo abbandonarono, ma questo non gli tolse in nulla la grazia trovata. Ciò che lo colpì maggiormente, subito dopo la celestiale visione, fu di scoprire che l’uomo per il quale De Bussierè era venuto in quella chiesa romana era il conte de la Ferronay, ministro del re di Francia morto due giorni prima dopo aver fatto richiesta al suo confessore di offrire la propria vita per la conversione di un peccatore, Alphonse stesso. Ratisbonne diventò sacerdote e dopo sei anni di studi entrò prima nell’Ordine dei Gesuiti ed in seguito andò nella Congregazione delle Religiose di Nostra Signora di Sion ad aiutare suo fratello Theodore.

Ammirazione dunque per un uomo come Alphonse Ratisbonne, che, come Sant’Agostino nella prima parte della sua vita, visse dissoluto ma che toccato il fondo trovò l’Unico che può far davvero riemergere dall’abisso. Sembra proprio paradossale: non i più puri Dio ha preferito, ma coloro che arrivano fino a detestarlo, vengono scelti come suoi araldi.

Luca Bernardi

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

12 commenti a L’istantanea conversione dell’ateo Alphonse Marie Ratisbonne

« nascondi i commenti

  1. Uomovivo ha detto

    È anche da queste storie che si capisce che la conversione non è il timbrare un bollino, è il capire che amando questo Dio che ci ha creati e che ci ama la nostra vita è incomparabilmente migliore rispetto a prima, perchè ci affidiamo a Colui che è il punto di origine e di arrivo di tutti i nostri desideri.
    “Il nostro cuore è inquieto finché non riposa in Te” [Sant’Agostino]

    0
  2. Felix ha detto

    Una storia veramente toccante : )

    0
  3. Alessandro M. ha detto

    Posso chiedere a una persona che stimo, come Luigi Pavone (Andrea che fine ha fatto??), come dal suo punto di vista -diverso dal mio- riesce a spiegare eventi come questo? Si tratta di pazzia? Sarei curioso di un parere se è interessato…

    0
  4. alessandro giuliani ha detto

    Il mistero ci viene sbattuto in faccia e non possiamo far altro che ammutolire (se non crediamo) o rendere grazia (se crediamo), ogni altra posizione sarebbe ben poco razionale, cercare spiegazioni a posteriori come l’eccitazione, il tremolare delle fiammelle, il conflitto con il fratello è veramente da mezze calze e ben poco scientifico direi…

    0
  5. Sophie ha detto

    Wow bella storia e bella notizia. 🙂 Dio guarda al cuore, evidentemente era anticlericale ma sotto sotto abbastanza intelligente da cambiare idea. E ovviamente il Signore ha mandato la Madonna Santissima come sua ancella per fare breccia nel cuore! 🙂

    0
  6. Paolo ha detto

    Segnalo una testimonianza sublime sul mistero del volto della “Madonna del Miracolo”:
    http://www.pliniocorreadeoliveira.it/il_fondatore_011.htm
    Buona lettura!

    0
  7. Sophie ha detto

    Grzie Paolo!
    Vedetevi questo link sull’avventura di una bambina (poi morta) con la Madonna! 🙂
    http://www.youtube.com/watch?v=rIlroU8gKwM

    0
    • Paolo ha detto in risposta a Sophie

      Grazie a te, Sophie, splendida testimonianza di gioia, fede purissima, piccolezza evangelica. Sono convinto che la salvezza dell’Italia verrà dal Sud – lo dice un ex “polentone”, ora a Roma; verrà da questa terra di calore umano, di tradizione, di fedeltà, malgrado tanti “impicci”. Sara è il paradigma vivente del cattolicesimo, dove la realtà più vera, indissolubilmente legata alla bontà, non è di quaggiù. I monaci dicono che sono i mondani a sognare, a non essere ancora svegli al Cristo. Ma Sara, i “piccoli”, è sempre stata sveglia, e adesso lo è alla grande…davanti a Maria santissima, Gesù, san Giuseppe… Soli Deo Gloria et Honor, alleluia!

      0
  8. Mr. Crowley ha detto

    Ogniuno di noi si e’ convertito.

    Il pomodoro invece nasce gia’ cristiano, molti lo amano ma alcuni lo odiano:

    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2012/06/21/Salafiti-egiziani-contro-pomodoro_7074613.html

    Chissa’ come si pronuncera’ l’UAAR su un argomento cosi’ importante!.

    0
« nascondi i commenti