Gran Bretagna: più contraccezione significa più aborti

Nel 2009 il prestigioso “British Medical Journal” ha pubblicato uno studio in cui i ricercatori hanno verificato che le ragazze inglesi a cui era stato fornito un programma contenente informazioni sulla contraccezione mostravano un tasso di gravidanze tre volte e mezzo superiore rispetto alle coetanee che non avevano frequentato quelle lezioni.

In questi giorni sono stati pubblicati dati del Servizio sanitario nazionale relativi al 2010, dai quali si apprende che diminuiscono le interruzioni di gravidanza fra le minorenni ma aumentano in generale – il 5% in più rispetto all’anno precedente – le adolescenti che abortiscono più volteAssuntina Morresi, docente di Chimica fisica all’Università di Perugia e membro del Comitato nazionale di bioetica ha commentato così questi dati: «mostrano che la diffusione massiccia dei contraccettivi, anche con l’educazione sessuale nelle prime classi scolastiche, è una politica fallita: chi ripete l’aborto, specie se giovane, vi ricorre come a un contraccettivo, anche quando altri mezzi sono facilmente accessibili». In Italia, ad esempio, la diffusione della pillola anticoncezionale è fortunatamente fra le più basse in Europa (intorno al 16%), e gli aborti  -come ha confermato l’ultima Relazione del ministero della Salute- sono in costante diminuzione, e lo erano anche prima dell’avvento della “contraccezione di emergenza”.

Cosa produce questa differenza? «È la solidità della famiglia a fare la differenza, è questa nostra straordinaria risorsa, ancora vitale anche se indebolita, la più efficace prevenzione dell’aborto: se i legami familiari sono stabili, se c’è il calore degli affetti solidi dei genitori, di quelli su cui sai di poter sempre contare, un figlio inaspettato non diventa un ostacolo da eliminare», ha spiegato la Morresi. Effettivamente un recente studio pubblicato su The Journal of Law Economics and Organization ha dimostrato che il coinvolgimento dei genitori e l’obbligo del consenso di uno o di entrambi i genitori prima di avere un aborto, porta ad una riduzione dei comportamenti sessuali a rischio tra gli adolescenti.

Al contrario, mettere a disposizione dei giovani metodi per non avere figli, in una cultura pansessualista come la nostra, non fa altro che incoraggiarli ad avere un maggioro numero di rapporti, deresponsabilizzando l’atto sessuale. Il fenomeno vale non solo per l’aborto ma anche per la diffusione dell’AIDS, come ha spiegato in termini tecnici Edward C. Green, direttore dell’AIDS Prevention Research Project al centro Harvard per gli Studi su Popolazione Sviluppo: «C’è un’associazione costante, dimostrata dai nostrl migliori studi, inclusi i “Demographic Health Surveys”, finanziati dagli Stati Uniti, fra una maggior disponibilità e uso dei condoms e tassi di infezioni HIV più alti, non più bassi. Questo può essere dovuto in parte a un fenomeno conosciuto come “compensazione di rischio”, che significa che quando uno usa una ‘tecnologia’ a riduzione di rischio come i condoms, spesso perde il beneficio (riduzione di rischio) “compensando” o prendendo chances maggiori di quelle che uno prenderebbe senza la tecnologia di riduzione del rischio». Vale ovviamente per il condom quanto per la contraccezione.

Pochi mesi fa, anche la rivista medica Contraception si è espressa, pubblicando i risultati di uno dal quale si evince chiaramente che la diffusione della cosiddetta pillola del giorno (che secondo l’American Journal of Obstetrics and Gynaecology” aumenta il rischio di morte per coaguli di sangue del 500%) , dopo è stata acclamata dai pro-choice (o pro-death) come un metodo per ridurre gli aborti, ha semplicemente aumentato i casi di interruzione di gravidanza. Recentemente il dottor David Paton, chairman di Economia Industriale presso la Nottingham University Business School, ha proprio spiegato che«Si vuole sostenere che garantire agli adolescenti un accesso riservato ai servizi di pianificazione familiare e aborto avrebbe avuto un impatto positivo sulla gravidanza adolescenziale e i tassi di aborto. Tuttavia, invece, si può dimostrare che la conseguente riduzione della percezione del rischio porta a un incremento dei comportamenti a rischio, e combinati con il fallimento contraccettivo, non fanno altro che aumentare il tasso di gravidanze adolescenziali».

 

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

4 commenti a Gran Bretagna: più contraccezione significa più aborti

« nascondi i commenti

  1. Andrea ha detto

    Logica libertaria:
    – Per diminuire gli aborti legalizziamoli.
    – Per diminuire l’uso di contraccettivi facilitiamone la diffusione.
    – Per evitare che i giovani si droghino tolleriamo la “canna”.
    Se proprio volete legalizzare tutto ciò, almeno evitate di travestirlo per ciò che non è…

    0
    • Simone Emili ha detto in risposta a Andrea

      Condivido. E già che ci siamo, perchè non legalizzare anche l’omicidio e il furto? Hai visto mai che, lasciando libere le persone di sfogare i loro istinti omicidi e la loro avidità, non diminuiscano anche questi reati?? Ormai questi abortisti et similia non sanno proprio più cosa inventare…..

      0
    • Matteo ha detto in risposta a Andrea

      Diminuiamo gli omicidi…. che sia legale uccidere! Diminuiamo gli stupri, e via così 😀 è una logica che non fa una piega 😉

      0
  2. Vincenzo ha detto

    Un certo tipo di educazione sessuale basata in larga prevalenza sugli aspetti “tecnici” non può che essere destinata all’insuccesso, che ha come conseguenza anche l’alto numero di aborti.Da tenere presente inoltre che la maggior parte dei giovani, malgrado l’ampio risalto dato dai media alla sicurezza del preservativo, non è in grado di fare un uso attento e responsabile di tale strumento, anche perchè la naturale “irruenza” della gioventù mal sopporta la calma e la lucidità necessaria all’utilizzo efficace del profilattico.

    0
« nascondi i commenti