A Washington viene riconosciuta l’obiezione di coscienza dei farmacisti

Certamente si ricorderà la pesante sconfitta incassata dai nemici della libertà di coscienza, devoti di Stefano Rodotà, quando vollero portare la questione dell’obiezione di coscienza dei medici al Consiglio d’Europa nell’ottobre 2010. Si aspettavano una risoluzione che restringesse tale facoltà e invece essa ne uscì ancora più tutelata. Nel marzo scorso, per quanto riguarda l’Italia, il Comitato Nazionale di Bioetica si è pronunciato a favore dell’obiezione di coscienza anche dei farmacisti che non vogliono dare la pillola del giorno dopo.

Il 22 febbraio 2012 nello stato di Washington (USA) un giudice federale ha stabilito che non si possono obbligare i farmacisti e i negozi a dispensare la “pillola del giorno dopo” contro le loro obiezioni religiose. La decisione è sicuramente meritoria, ma non andrebbe lanciato il messaggio che l’opposizione all’aborto sia solo una “questione religiosa”, sappiamo infatti quanti non religiosi sono nostri compagni di strada nel difendere la vita.

Segnaliamo un’intervista al prof. Cesare Mirabelli, noto giurista italiano, già Presidente della Corte costituzionale, il quale ha spiegato quali sono le basi del diritto alla vita e all’obiezione di coscienza in Italia: la legge 194 «protegge in maniera ampia l’obiezione di coscienza. Non ci può essere un interpretazione restrittiva alla legge perché il diritto all’obiezione di coscienza tutela un diritto fondamentale della persona, perciò tutte le attività che sono collegate all’interruzione volontarie di gravidanza non possono essere richieste a chi ha professato l’obiezione di coscienza»

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

7 commenti a A Washington viene riconosciuta l’obiezione di coscienza dei farmacisti

« nascondi i commenti

  1. Fabrizio ha detto

    Molto bene! Cosa buona e giusta.

    0
  2. Samba ha detto

    Effettivamente c’è il rischio che certe battaglie per i diritti alla vita siano viste come esclusivamente religiose.

    0
    • Renato Valsecchi ha detto in risposta a Samba

      E’ un modo per identificare i “nemici”…cioè si attacca la Chiesa e quindi di conseguenza si attacca chi è contro l’aborto, l’eutanasia, le cellule embrionali ecc…è una strategia per semplificare l’attivismo “pro-death” come qualcuno dice.

      0
  3. Rebecca ha detto

    L’autodeterminazione varrebbe sempre tranne che per i medici obiettori. Non è una battuta ma l’opinione di Rodotà.

    0
  4. Gab ha detto

    Sono contento ma è una vittoria a metà. Sta accadendo ben di peggio. Obama sta imponendo anche alle strutture sanitarie cattoliche l’assicurazione che copre gli aborti…

    Non ci speravo ma finalmente c’è una seria sollevazione da parte dei Vescovi.

    0
    • Gab ha detto in risposta a Gab

      Sulla 194 c’è un appiattimento tale da parte dell’opinione cattolica su questa legge che tutti ormai la considerano cosa buona e giusta (vedi anche Avvenire), nonostante quello che rende legale.

      http://no194.org/

      0
    • Raffa ha detto in risposta a Gab

      Sembra che ci sia però una progressiva marcia indietro, anche perché c’è la sollevazione popolare e Obama rischia grosso a mettersi contro i cattolici (che lo hanno mandato al governo, ricordo)

      0
« nascondi i commenti