Ricercatori inglesi: il matrimonio migliora la salute e allunga la vita

Pochi giorni fa davamo la notizia di uno studio dell’University della Virginia in cui si sottolineava l’impatto negativo vissuto dai figli di coppie conviventi rispetto a quelli di coppie sposate (cfr. Ultimissima 21/8/11).

In questi giorni un’altra ricerca rivela che anche per i genitori c’è un beneficio se scelgono di sposarsi piuttosto che convivere. Il matrimonio infatti mette di buon umore, migliora l’alimentazione e allunga la vita: è quanto sostiene un ampio studio apparso in un editoriale del “British Medical Journal” e condotto in sette paesi europei. Più dura la relazione e più si accumulano “vantaggi”, a patto che la coppia si ami e si sostenga a vicenda.

L’esperto dell’Università di Cardiff, John Gallacher, che ha preso in esame lo studio, sostiene che un marito e una moglie felici mangiano in modo più sano, hanno più amici e si prendono maggiore cura l’uno dell’altro: «Il matrimonio e altre forme di relazione possono essere posti su una scala di impegni, maggiore è l’impegno e maggiore è il beneficio», spiega lo studioso. Il matrimonio visto come un impegno quindi e per questo associato a una migliore salute mentale in confronto alla convivenza, la quale solitamente è meno stabile.

Il sito del TG1 informa anche che l’anno scorso una ricerca della “World Health Organisation” ha rivelato che le nozze possono ridurre il rischio di ansia e depressione ed è più facile per chi pronuncia il fatidico sì evitare di essere depressi in confronto ai single.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

42 commenti a Ricercatori inglesi: il matrimonio migliora la salute e allunga la vita